Lo sviluppo delle fonti rinnovabili - G.Montanino (GSE) 26/03/13
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Lo sviluppo delle fonti rinnovabili - G.Montanino (GSE) 26/03/13

on

  • 847 views

 

Statistics

Views

Total Views
847
Views on SlideShare
847
Embed Views
0

Actions

Likes
1
Downloads
7
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Lo sviluppo delle fonti rinnovabili - G.Montanino (GSE) 26/03/13 Lo sviluppo delle fonti rinnovabili - G.Montanino (GSE) 26/03/13 Presentation Transcript

  • Lo sviluppo delle fonti rinnovabili Gerardo Montanino Direttore Divisione OperativaPresentazione Rapporto di Legambiente "Comuni Rinnovabili 2013" GSE – Roma, 26 marzo 2013
  • Il ruolo del GSE Le principali attività del GSE  • Promozione ed incentivazione delle fonti rinnovabili nel settore elettrico: Gestione del Conto Energia per gli impianti fotovoltaici, dei Certificati Verdi e della Tariffa Onnicomprensiva per le altre rinnovabili elettriche, gestione del CIP6 per l’incentivazione delle rinnovabili e delle fonti assimilate • Qualifica e verifica degli impianti alimentati da fonti rinnovabili e di quelli di cogenerazione ad alto rendimento (CAR) • Servizi Energetici: Scambio sul posto, Ritiro dedicato, previsione della produzione di energia elettrica rinnovabile e vendita dell’energia elettrica sul mercato • Partecipazione ad organizzazioni internazionali: IEA, OME, AIB, ecc. • Studi, statistiche, monitoraggio dello sviluppo delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica, informazione, supporto specialistico per la PA • Incentivazione rinnovabili nel settore termico e promozione dell’efficienza energetica (nuove attività in start up operativo). -2-
  • Non solo energia elettrica INDICE • Incentivazione delle rinnovabili elettriche • Conto Termico e Certificati Bianchi • Monitoraggio energie rinnovabili -3-
  • I nuovi DM 5 e 6 luglio 2012 Nuovi sistemi incentivanti per le FER elettriche Due nuovi Decreti con analoga impostazione DM 5 luglio 2012 DM 6 luglio 2012 OGGETTO 5° Conto Energia (Impianti FER non FTV) (Impianti FTV)Limite al costo degli incentivi 6,7 miliardi/anno  5,8 miliardi/annoAccesso medi e grandi impianti Con Registri Con Registri e AsteAccesso piccoli impianti  Diretto dopo entrata in esercizioIncentivi riconosciuti Alla produzione elettrica netta immessa  in rete Tipologia incentivi P ≤ 1 MW Tariffa onnicomprensiva  Tipologia incentivi P > 1 MW Incentivo = Tariffa base  ─ prezzo zonale orarioIncentivo sull’autoconsumo SI NODurata incentivi  20 anni Vita utile (15‐30 anni)Premi  Per determinate condizioni e/o tipologie di intervento Cumulabilità incentivi Sottoposta a determinate condizioni (DLgs 20/2011)Richiesta e rilascio incentivi Solo tramite portale GSE (completa dematerializzazione) -4-
  • Costi annui del Conto Energia Il contatore fotovoltaico al 25 marzo 2013 Compresi gli impianti iscritti a registro in posizione utile Primo Conto Energia: Secondo Conto Energia: Terzo Conto Energia: 95,2 M€ 3.270,6 M€ 649,2 M€ Quarto Conto Energia: Quinto Conto Energia: 2.433,5 M€ 148,8 M€ Totale Conto Energia 6.597 M€ -5-
  • Situazione del Conto Energia Impianti in esercizio per Regione e classe di potenza al 28 febbraio 2013 N° Impianti Potenza Installata (Tot. 493.041) (Tot. 16.498 MW) 0,1 - 1,0 0,1 - 1,0 1,1 - 3,0 1,1 - 3,0 3,1 - 6,0 3,1 - 5,0 6,1 - 8,0 5,1 - 8,0 8,1 - 10,0 8,1 - 10,0 10,1 - 15,0 10,1 - 15,0 -6-
  • Conto Energia Situazione aggiornata (1/2) Pubblicato il Bando per il 2° Registro (18 marzo 2013) Iscrizione al Registro possibile fino al 17 maggio 2013 Limite di costo annuo disponibile: 70,46 milioni di euro Impianti ammessi in graduatoria, al momento in cui sarà pubblicata, fino a concorrenza del costo cumulato annuo di 6,7 miliardi di euro Fino al raggiungimento di tale importo (e nei trenta giorni successivi) sarà possibile chiedere gli incentivi con l’accesso diretto (piccoli impianti e impianti su aree della PA, nel rispetto delle date indicate nella c.d. Legge di stabilità 2013) -7-
  • Conto Energia Situazione aggiornata (2/2) Gli impianti ubicati nei Comuni interessati dal terremoto del 20 e 29 maggio 2012, già autorizzati alla data del 30 settembre 2012, accedono alle tariffe del 1° semestre 2012 del 4° CE qualora entrino in esercizio entro il 31 dicembre 2013, anche in caso di raggiungimento dei 6,7 miliardi di euro di cui sopra. Nell’area "Documentazione DM 5 luglio 2012" sono disponibili i documenti, le FAQ e le News pubblicate dal GSE per fornire agli operatori le informazioni necessarie per accedere al 5° CE. -8-
  • Non solo energia elettrica Costi annui delle rinnovabili elettriche (Non FTV) Il contatore degli oneri delle fonti rinnovabili (Non FTV) al 31 gennaio 2013 Certificati Verdi: Tariffa Onnicomprensiva: CIP 6: 2.614,9 M€ 1.047,6 M€ 222,0 M€ Registri e Aste: 241,3 M€ Costo indicativo cumulato annuo 4.125,8 M€ Al 31 gennaio 2013 rientrano nel perimetro del contatore gli impianti incentivati con il CIP 6, con i CV, con la TO e ammessi ai registri e alle aste previsti dal DM 6/7/2012. Gli impianti ammessi mediante accesso diretto verranno considerati nell’aggiornamento del contatore di febbraio. Non risultano incentivati Impianti Solari Termodinamici. -9-
  • Impianti FER non fotovoltaici Situazione aggiornata Pubblicato nuovo Bando per l’iscrizione al Registro e per la partecipazione alle Procedure d’Asta (13 marzo 2013) Iscrizione al Registro e partecipazione alle procedure d’Asta possibili solo per via telematica, come per il conto energia, dal 12 aprile 2013 al 10 giugno 2013 Gli impianti autorizzati prima dell’11 luglio 2012 possono ancora optare per i vecchi incentivi (DM 18 dicembre 2008), se pure con alcune penalizzazioni, sempre che entrino in esercizio entro il 30 aprile 2013 (30 giugno 2013 per alcune tipologie di rifiuti). Nell’area "Documentazione DM 6 luglio 2012« sono disponibili i documenti, le FAQ e le News pubblicate dal GSE per fornire agli operatori le informazioni necessarie per accedere agli incentivi del DM 6 luglio 2012. - 10 -
  • Non solo energia elettrica INDICE • Incentivazione delle rinnovabili elettriche • Conto Termico e Certificati Bianchi • Monitoraggio energie rinnovabili - 11 -
  • I regimi di sostegno alle FER termiche e all’efficienza energetica Il Conto Termico È il meccanismo incentivante introdotto dal Decreto 28 dicembre 2012 “Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni”, in attuazione dell’articolo 28 del Decreto Legislativo n. 28 del 3 marzo 2011. Possono richiedere gli incentivi le Amministrazioni pubbliche ed i Soggetti privati (persone fisiche, condomini e soggetti titolari di reddito d’impresa o agrario), questi ultimi solo per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili, per interventi realizzati a partire dal 3 gennaio 2013 e con specifiche modalità di accesso. Il Decreto stanzia fondi per una spesa annua cumulata massima di 200 M€ per gli interventi delle Amministrazioni pubbliche e una spesa annua cumulata pari a 700 M€ per gli interventi realizzati da parte dei Soggetti privati. Il GSE ha pubblicato l’11 marzo 2013 le Regole applicative del "Conto Termico" avviando una consultazione pubblica rimasta aperta fino al 25 marzo 2013. Nei prossimi giorni sarà pubblicata la versione definitiva delle Regole. - 12 -
  • I regimi di sostegno alle FER termiche e all’efficienza energetica Il Conto TermicoNell’ambito del Conto Termico, il GSE:• è responsabile dell’attuazione e della gestione del sistema di incentivazione (con il supporto dell’ENEA per alcuni aspetti);• provvede all’assegnazione, all’erogazione, alla revoca degli incentivi (modalità e tempistiche saranno specificate nelle Regole applicative);• cura l’effettuazione dei controlli sugli interventi incentivati, al fine di accertarne la regolarità di realizzazione e gestione, tramite verifiche documentali e ispezioni, e segnala alle Autorità competenti gli esiti delle istruttorie per l’eventuale applicazione di sanzioni;• predispone, oltre alla documentazione necessaria per la gestione del meccanismo (scheda‐domanda, scheda‐contratto, Regole applicative, ecc.), reportistica per il monitoraggio del meccanismo. - 13 -
  • I regimi di sostegno alle FER termiche e all’efficienza energetica Il meccanismo dei "Certificati Bianchi" È il meccanismo incentivante per l’efficienza energetica, già operativo in base al DM 20 luglio 2004 e s.m.i., rinnovato dal DM 28 dicembre 2012 “Determinazione degli obiettivi quantitativi nazionali di risparmio energetico che devono essere perseguiti dalle imprese di distribuzione dell’energia elettrica e del gas per gli anni dal 2013 al 2016 e per il potenziamento dei certificati bianchi”, in attuazione dell’articolo 29 del Decreto Legislativo n. 28 del 3 marzo 2011. Il DM 28.12.2012 fissa, per gli anni dal 2013 al 2016, obiettivi quantitativi nazionali annui di risparmio energetico (espressi in Mtep) e obblighi quantitativi nazionali annui di incremento dell’efficienza energetica degli usi finali dell’energia (elettricità e gas) per i soggetti obbligati, espressi in milioni di CB. - 14 -
  • I regimi di sostegno alle FER termiche e all’efficienza energetica Il meccanismo dei "Certificati Bianchi" Nell’ambito del meccanismo dei Certificati Bianchi, il GSE: • a partire dal 3 febbraio 2013 è responsabile dell’attività di gestione, valutazione e certificazione dei risparmi correlati a progetti di efficienza energetica (ha concordato con l’AEEG, in coerenza con il decreto, le modalità di trasferimento delle attività operative, garantendo soluzioni ottimali per la gestione del transitorio); • sviluppa, avvalendosi di ENEA e RSE, attività di valutazione e certificazione della riduzione dei consumi di energia primaria; • dà comunicazione, tramite il proprio sito internet, dei progetti approvati e dei CB rilasciati; • predispone l’istruttoria per la verifica preliminare di conformità dei progetti a decreto e alle LG; • predispone l’istruttoria tecnico‐economica per i grandi progetti (RE > 35.000 tep annui); • a partire dal 2014, verifica il conseguimento dell’obbligo da parte dei soggetti obbligati; • monitora il meccanismo e predispone la reportistica di monitoraggio prevista. - 15 -
  • Non solo energia elettrica INDICE • Incentivazione delle rinnovabili elettriche • Conto Termico e Certificati Bianchi • Monitoraggio energie rinnovabili - 16 -
  • Monitoraggio energie rinnovabili  Il GSE fa parte del SISTAN e partecipa con TERNA alla redazione delle statistiche nazionali sul sistemaelettrico (impianti fotovoltaici; altri impianti con potenza < 200 kW). RAPPORTI STATISTICIMonitoraggio statistico dello sviluppo delle rinnovabili per la verifica degli obiettivi nazionali e regionali: PROGETTO SIMERI E BURDEN SHARING – nuove statistiche da inserire nel PSN. NORME Dlgs. 28/2011, art. 40: DM 14/01/12 di Attività di supporto del GSE a approvazione della DM 15/03/12 MSE nell’attività di metodologia di monitoraggio Burden sharing monitoraggio degli usi delle degli obiettivi nazionali FER - 17 -
  • Non solo energia elettrica Monitoraggio energie rinnovabili   Potenza e produzione elettrica da fonti rinnovabili in Italia: prima stima 2012 Edizione 28/02/2013 - 18 -
  • Monitoraggio energie rinnovabili   Quota  rinnovabili al 2011 (Direttiva 2009/28/CE) ktep TWh CONSUMO FINALE LORDO DI ENERGIA RINNOVABILE (a) 14.483 168,4 Produzione lorda di energia elettrica da fonti rinnovabili 7.013 81,6 Idraulica (normalizzata) 3.784 44,0 Eolica (normalizzata) 883 10,3 Solare  928 10,8 Geotermica  486 5,7 Biomasse solide 407 4,7 Biogas  293 3,4 Bioliquidi  232 2,7 Consumi finali di fonti rinnovabili nel settore termico 6.070 70,6 Consumi finali di energia geotermica 125 1,5 Consumi finali di energia solare termica 140 1,6 Consumi finali di biomasse solide 3.764 43,8 Consumi finali di biogas 3 0,0 Consumi finali di bioliquidi sostenibili 11 0,1 Energia rinnovabile da pompe di calore 1.337 15,5 Calore prodotto in impianti di trasformazione alimentati da fonti  690 8,0 rinnovabili e destinato alla vendita (calore derivato) Consumi finali di fonti rinnovabili nei trasporti 1.401 16,3 Biocarburanti nel settore dei trasporti 1.401 16,3 CONSUMO FINALE LORDO DI ENERGIA (b) 126.233 1.468 Quota % di energia rinnovabile sul consumo finale lordo 11,5% di energia (a/b) Fonte: MSE, GSE, TERNA - 19 -
  • Monitoraggio energie rinnovabili   Un confronto tra i numeri PAN e SEN* (dati in Mtep) Situazione Target Obiettivo 2011 PAN 2020 SEN 2020 162 Consumo di  158energia primaria  Consumo di  (Eurostat) energia  133 primaria Consumo  126,2 finale lordo 126Consumo finale  Consumo  lordo (MSE,  finale lordo Eurostat) 11,5% 17% 19‐20%Consumi di energie  Consumi di  Consumi di  rinnovabili (MSE,  energie  energie  Eurostat) rinnovabili rinnovabili 4,8% 11,0% 23,5% 10% 17,1% 26,4% 10% 20% 35‐38% Trasporti Calore Elettricità Trasporti Calore Elettricità Trasporti Calore Elettricità *  SEN approvata con DM 8/03/2013 - 20 -
  • Non solo energia elettrica Grazie per l’attenzione - 21 -