I caratteri economici del mercato delle energie rinnovabili - Grillo
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

I caratteri economici del mercato delle energie rinnovabili - Grillo

on

  • 765 views

Michele Grillo, Università Cattolica del Sacro Cuore - I caratteri economici del mercato delle energie rinnovabili. Intervento in occasione della III Conferenza di diritto dell'energia

Michele Grillo, Università Cattolica del Sacro Cuore - I caratteri economici del mercato delle energie rinnovabili. Intervento in occasione della III Conferenza di diritto dell'energia

Statistics

Views

Total Views
765
Views on SlideShare
765
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
3
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

I caratteri economici del mercato delle energie rinnovabili - Grillo I caratteri economici del mercato delle energie rinnovabili - Grillo Presentation Transcript

  • I caratteri economici del mercato delle energie rinnovabili Michele Grillo Università Cattolica del S. Cuore - Milano III Conferenza di diritto dell’energia Roma, 29/30 marzo 2012 1
  • SchemaLe energie rinnovabili: – Gli usi, i benefici, le fonti, le previsioni.La politica europea: – i meccanismi di incentivazione e le politiche infrastrutturali.I costi della generazione di elettricità da fonti rinnovabili.Gli incentivi: regimi amministrati e regimi di mercato.La situazione oggi in Italia. 2
  • Impieghi e benefici attesi delle energie rinnovabiliGli impieghi coinvolgono: – la generazione di energia elettrica; – il riscaldamento; – l’uso come combustibile nell’industria e nei trasporti.I benefici attesi attengono a tutti i pilastri della politica energetica dell’Unione Europea: – la sicurezza dell’approvvigionamento: la disponibilità locale delle fonti energetiche riduce la dipendenza da pochi Paesi in possesso delle riserve di combustibili fossili; – la tutela ambientale: in Europa, la disciplina è ampiamente inserita nel Pacchetto Clima. – la concorrenza: nuovi soggetti possono entrare nel mercato; però … • …. le attuali tecnologie non sono competitive. 3
  • Le fonti rinnovabiliLe fonti tradizionali. Note da tempo ma, in taluni casi, il loro impiego è stato interessato da importanti innovazioni tecnologiche: – idroelettrico; – biomasse e rifiuti; – geotermico.Le fonti “nuove”. Talune già diffuse; altre in fase di sviluppo: – eolico • on-shore; • offshore. – solare: • fotovoltaico; • a concentrazione. – moto ondoso e maree (in prospettiva).Diversità delle fonti e programmabilità.I problemi attuali riguardano prevalentemente le fonti nuove non programmabili che, pur partendo da quote marginali, sono in rapida espansione. 4
  • Previsioni sull’uso di fonti rinnovabili per la produzione di energia elettricaA livello mondiale, l’elevata crescita della domanda di energia lascia prevedereaumenti in livello assoluto, ma non significativi in termini percentuali.In Europa, la modesta crescita della domanda di energia e i forti investimentifanno prevedere un aumento significativo del peso delle rinnovabili, con una 5forte riduzione del contributo dell’idroelettrico.
  • La promozione delle fontirinnovabili nell’Unione EuropeaIl terzo obiettivo del “Pacchetto clima”: portare, nel 2020, i consumi di energia rinnovabile al 20% del totale dei consumi di energia.20% è un valore medio, che si distribuisce seguendo un processo di convergenza tra i diversi Paesi che presentano (2005) percentuali molto diverse: – più alta per la Francia (10%) e più bassa per UK (1,3%), con l’Italia e la Germania in posizione intermedia (poco più del 5%).La politica UE si confronta con due classi di problemi: – la necessità di incentivare la generazione di energia elettrica attraverso fonti rinnovabili; – la non programmabilità delle fonti “nuove”. 6
  • Esternalità e non programmabilitàPolitiche di incentivazione sono necessarie per la presenza di elevate esternalità con prevalente dimensione intertemporale: – oggi il confronto tra benefici e costi è sfavorevole alle fonti energetiche rinnovabili.Come incidere sulle scelte odierne degli operatori in modo da “internalizzare le esternalità”: – strumenti amministrativi o di mercato? – Su chi ricade l’onere?A sua volta, la non programmabilità accresce i costi oggi (e quindi il gap con i benefici attesi domani) perché pone problemi di: – adeguatezza (capacità di rispondere alla domanda nei momenti di picco); – sicurezza del sistema: l’energia può essere generata in momenti di bassa domanda e la variabilità - improvvisa e imprevedibile - costringe la rete ad assorbire energia in modo discontinuo. 7
  • Le infrastruttureLo sviluppo di parchi eolici (D, DK, E) ha comportato costi elevati per il sistema elettrico in generale: – per bilanciare l’energia in tempo reale; e – per investire in impianti tradizionali flessibili, che fungano da capacità di riserva.In Italia, una rete non sufficientemente capillare e con capacità non adeguata può costringere il gestore della rete a staccare la generazione di fonte eolica per motivi di sicurezza.Una politica coordinata è necessaria a diversi livelli: – affinché una distribuzione diffusa sul territorio e accompagnata da un elevato mix tecnologico (eolico in inverno; solare in estate) possa svolgere un ruolo di assicurazione; – per disegnare infrastrutture di rete adeguate ad assorbire l’energia non programmabile generata e a mettere in collegamento il più gran numero di impianti programmabili e non programmabili • tra queste, in particolare, le reti di nuova concezione (smart grid) caratterizzate da elevata flessibilità e in grado di consentire lo sfruttamento della generazione distribuita sul territorio e intermittente. 8
  • I costi della generazione di elettricità da fonti rinnovabili: confronti e previsioni 9
  • I costi: un commento Costo dell’investimento inizialeOggi: più costoso il solare (e l’eolico offshore). Seguono le tecnologie “tradizionali”. Più basso il costo dell’eolico onshore.Stime al 2050: stabile l’idroelettrico, riduzione più accentuata per le tecnologie innovative che per le tradizionali – e, per il fotovoltaico rispetto all’eolico. Costi operativiIl solare e l’eolico onshore presentano già oggi i costi più bassi (analoghi all’idroelettrico). Le stime al 2050 prevedono un’ulteriore diminuzione e un distanziamento. Un confronto grossolanoL’idroelettrico – programmabile e oggi a minor costo - come benchmark: – Oggi: il solare ha un costo da 2 a 3 volte superiore, mentre l’eolico mostra valori equivalenti; – Nel 2050: il costo si ridurrebbe alla metà per il solare e a due terzi per l’eolico.Occorre comunque tenere in conto che: – solare ed eolico sono fonti non programmabili; – gli impianti idroelettrici sono in ampia misura ammortizzati; – le tecnologie nuove richiedono costosi adeguamenti delle infrastrutture di rete. 10
  • Gli incentiviGli incentivi consentono di : – Annullare il differenziale iniziale di costo; – Valorizzare le esternalità positive delle fonti rinnovabili.Incentivi basati su regimi di mercato: – certificati verdi: obbligo di una quota minima di fonti rinnovabili cui far fronte tramite produzione diretta o acquisto di “permessi negoziabili”Incentivi basati su regimi amministrati: – CIP6: tariffe incentivanti per il ritiro di energia prodotta da “fonti rinnovabili e assimilate” da parte del Gestore del sistema elettrico; – Feed-in tariff: tariffa omnicomprensiva per impianti da fonti rinnovabili di potenza inferiore a 1 MW (200kW per l’eolico), ad esclusione del solare; – Feed-in premium: premio aggiuntivo al prezzo di mercato, per impianti fotovoltaici e solare termodinamico;Tutti gli incentivi lasciano agli operatori hanno un margine di scelta. I regimi di mercato presentano due caratteristiche: – inducendo ad allocare gli sforzi dove è minore il costo della modifica, minimizzano il costo sostenuto dal sistema nel suo complesso; – il produttore sopporta un rischio più elevato.Il “premio” aggiuntivo al prezzo di mercato combina elementi dei due regimi. 11
  • L’incentivazione delle fonti rinnovabili in Europa Principali risultati del Rapporto CEER (2009):(1) meccanismi di finanziamento: – fiscalità generale (SF, L, N) – certificati verdi (UK, I, PL, S). – tariffe incentivanti e premi garantiti che ricadono in bolletta (B, F, IRL, I, LT, L, N, P, E, A, CZ, D, H).(2) Quota di elettricità incentivata su elettricità prodotta: – 10%, in media (8,8% per l’Italia); – minima per N (1,2%) e F (2,8%); massima per E, P e DK (28,6%; 27,4%; 26%).(3) Valore degli incentivi sul valore di tutta l’elettricità consumata: – l’incentivazione media è pari a 7,2 euro/MWh; – il range varia a seconda delle diverse fonti, dei diversi schemi e dei diversi Paesi, da 1 euro/MWh a 22 euro/MWh; – in Italia pari a 7,89 euro/MWh. 12
  • Regimi di mercato e regimi amministrati (1)Un recente studio della Commissione documenta che, in generale, i regimi amministrati (tariffa e premio) hanno avuto più successo dei regimi di mercato (certificati verdi), in termini sia di efficacia (adeguamento al target del 2020) sia di efficienza (convergenza del sostegno al costo effettivo di generazione).In Italia e Regno Unito i certificati verdi hanno comportato elevati livelli di sostegno con risultati non particolarmente soddisfacenti in termini di crescita della generazione da fonti rinnovabili.Peraltro, nell’esperienza italiana, il regime di mercato dei certificati verdi non ha funzionato in modo da inviare segnali efficienti al mercato: – quando il prezzo ha subito una pressione verso l’alto per i ritardi nei nuovi investimenti, il Gestore del sistema è intervenuto in via amministrativa, incrementando l’offerta con propri certificati. Il prezzo di vendita del Gestore ha così funzionato da livello massimo di riferimento (“cap”); – l’elevato “cap” ha fatto cadere il valore dei certificati. Un nuovo prezzo amministrato è stato introdotto con una domanda “artificiale” del Gestore del sistema, il cui prezzo di acquisto ha funzionato da “floor”. 13
  • Regimi di mercato e regimi amministrati (2) Anche i regimi amministrati pongono problemi.In Italia, il CIP6 – oggi in progressivo esaurimento – ha operato come regime amministrato non diverso da una feed-in tariff. E’ stato però particolarmente gravato dalla sua estensione alle fonti cosiddette “assimilate”.Si ritiene che sia un vantaggio dei regimi amministrati l’essere meno rischiosi per gli investitori. Tuttavia, una volta fissati, restano stabili nel tempo ed eventuali revisioni si applicano solo ai nuovi investimenti. Questo può indurre sovra incentivazione o sottoincentivazione. – nel fotovoltaico, gli incentivi sono stati fissati a livello elevato per una lunga durata, con possibili effetti di sovraincentivazione.In ogni caso, soprattutto in un confronto tra Paesi, non basta limitarsi a un’analisi della portata incentivante intrinseca del sistema. Occorre anche considerare: – (i) la presenza di barriere amministrative, diverse tra i Paesi; – (ii) l’adeguamento delle reti per l’integrazione delle fonti rinnovabili; – (iii) le resistenze locali alla realizzazione dei nuovi investimenti. 14
  • 15
  • COSTO INCENTIVI E QUANTITAINCENTIVATA IN ITALIA (ultimi anni) 16
  • L’incentivazione del fotovoltaicoUna logica di infant industry ha guidato, nel decennio scorso, l’incentivazione del fotovoltaico: il differenziale di costo dell’investimento era decisamente più alto rispetto alle altre fonti e l’elevato feed-in premium lo rifletteva; tuttavia … – … le altre fonti non disponibili in modo pressoché “illimitato”; e … – … si prevedeva che, avviata la filiera, il costo sarebbe diminuito.Questo si è realizzato in parte (forte riduzione del costo dei pannelli) e il premium si è ridotto … – … con una progressiva caduta dell’incidenza media dell’incentivo … – … benché solo per i nuovi investimenti e restando comunque molto più elevato rispetto alle altre fonti.L’eccezionale crescita degli investimenti, dovuta: – alla piccola dimensione degli impianti; – al convincimento di una adeguatezza, nel lungo periodo, di ogni reale alternativa tra le fonti meno costose; – al convincimento di un “vantaggio comparato” dei Paesi del Sud rispetto alla Germania (che aveva fatto da apripista) ...… mantiene oggi l’onere complessivamente elevato. 17
  • La scommessa oggiGli incentivi in Italia non sono più elevati che in altri Paesi – più elevato è il prezzo dell’energia al quale si somma il “premium”.L’obiettivo 2020 è stato piuttosto approssimato in anticipo, con tecnologie meno efficienti e livello di costo non ottimale in una prospettiva dinamica.Ripensare il sistema di incentivazione, anche facendo leva su meccanismi più di mercato – come l’allocazione di incentivi tramite aste - affinché gli incentivi siano al contempo: – efficaci nelle scelte di investimento; e – rivedibili in modo da adeguare l’intensità dell’incentivazione all’evoluzione tecnologica 18 • con criteri in analogia alla revisione del price-cap?