Condizionamento

2,233
-1

Published on

Presentazione per il corso di Psicologia Cognitiva di Base.

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
2,233
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Condizionamento

  1. 1. Il Condizionamento <ul><li>Classico (pavloviano/rispondente) </li></ul><ul><li>Operante (Skinner) </li></ul><ul><li>Mindfucking (Re) </li></ul>A cura di Elisa Stefanati e Gregorio Marchi
  2. 2. Concetti di base <ul><li>Automatismo: comportamento non volontario appreso. </li></ul><ul><li>Riflesso: Comportamento innato non volontario. </li></ul><ul><li>Associazione: collegamento tra input e output cognitivo </li></ul>
  3. 3. Condizionamento classico (o pavloviano) CIBO (Si) STIMOLO SONORO (Sc) + CIBO (Si) STIMOLO SONORO (Sc) SALIVAZIONE (Rc) SALIVAZIONE (Ri) SALIVAZIONE (Ri)
  4. 4. Fattori <ul><li>1) Tempo </li></ul><ul><li> - c. ritardato: prima della fine di Sc viene presentato Si. </li></ul><ul><li> - c. di traccia: si presenta Sc, pausa, si presenta Si. </li></ul><ul><li> - c. simultaneo: si presentano contemporaneamente Sc ed Si. </li></ul><ul><li> - c. retrogrado: si presenta Si prima di Sc </li></ul><ul><li>2) Ripetizione Sc + Si: per consolidare l’associazione si presenta un tot di volte Sc + Si. (Pavlov lo ripeteva 10-20 volte) </li></ul>
  5. 5. Aspetti <ul><li>Estinzione: perdita dell’associazione indotta. </li></ul><ul><li>Recupero spontaneo: recupero mnestico dell’associazione indotta. </li></ul><ul><li>Inibizione: perdita temporanea dell’associazione. </li></ul><ul><li>Discriminazione: reazione alle differenze dello stimolo. </li></ul><ul><li>Generalizzazione: reazione alle similarità degli stimoli. </li></ul>
  6. 6. Un’immagine vale più di mille parole
  7. 7. Condizionamento operante <ul><li>Rinforzo: premio per successo nel compito. </li></ul><ul><li>Punizione: sanzione per insuccesso nel compito. </li></ul>La differenza tra condizionamento classico ed operante sta nel tipo di stimolo e di risposta che vengono condizionate. Il c. classico lavora su di una associazione S -> R naturale dell’ organismo. Invece il c. operante si basa sul rinforzo o sulla punizione dall’ambiente.
  8. 8. Il Condizionamento umano <ul><li>In realtà il condizionamento in senso lato avviene tutti i giorni a tutte le ore in tutte le situazioni… </li></ul><ul><li>In altre parole siamo sempre sottoposti al cosiddetto </li></ul><ul><li>MindFucking </li></ul>
  9. 9. Alcune basi metodologiche <ul><li>Sottomissione volontaria </li></ul><ul><li>Paradigma del vampiro </li></ul><ul><li>Menticidio </li></ul>
  10. 10. Sottomissione volontaria <ul><li>Definita da Robert Vincent Joule, docente di Psicologia Sociale c/o Università di Aix-en-Provence </li></ul><ul><li>Strategie </li></ul><ul><ul><li>Piede nella porta : coinvolgere il soggeto con una proposta di partecipazione (strumentale) ed in seguito presentare la reale richiesta, più impegnativa. </li></ul></ul><ul><ul><li>Porta in faccia : chiedere al soggetto qualcosa di esagerato ed irragionevole, per poi ridurre la richiesta alla reale intenzione del condizionatore, difficilmente dirà di no. </li></ul></ul><ul><ul><li>Adescamento : fornire al soggetto informazioni incomplete ed allettanti, in seguito parzialmente smentite. Il soggetto difficilmente si tirerà indietro. </li></ul></ul>
  11. 11. Paradigma del Vampiro <ul><li>Nella letteratura horror classica, il diventare vampiro era un atto in buona parte conseziente. </li></ul><ul><li>Dopo che il Mastro vampiro morde la vittima, quest’ultima sceglie di divenire a sua volta vampiro succhiando il sangue del Mastro. </li></ul>
  12. 12. Paradigma del Vampiro <ul><li>Prima però che il vampiro aggredisca, vige la “legge dell’invito”, può agire solo se espressamente invitato dalla vittima. </li></ul><ul><li>Parafrasando, affinché un programma di condizionamento giunga a compimento, deve esserci una, seppur inconscia, adesione della vittima. </li></ul>
  13. 13. Interrogatori di polizia <ul><li>Il mindfucking è spesso utilizzato dalle polizie per ottenere confessioni ed elementi utili per le indagini </li></ul><ul><li>Alcune strategie </li></ul><ul><ul><li>Cappello bianco cappello nero : la classica scena cinematografica del poliziotto buono (che ispira fiducia) e del poliziotto cattivo. </li></ul></ul><ul><ul><li>Uno contro l’altro : far credere agli imputati che i soci li abbiano traditi. </li></ul></ul><ul><ul><li>Sulla scena : portare il sospettato sulla scena del delitto e farne rivivere i momenti, lo scompenso emotivo può indurre ad una confessione. </li></ul></ul><ul><ul><li>Giustificare il crimine : far finta di comprendere l’imputato per indurlo a patteggiare confessando. </li></ul></ul><ul><ul><li>Scenografia: l’importanza dell’ambiente e del momento dell’interrogatorio è cruciale. </li></ul></ul>
  14. 14. Polizie e servizi segreti <ul><li>I metodi di CIA, KGB e Gestapo sono molto simili, e ricorrono agli stessi metodi di mindfucking </li></ul>
  15. 15. GeStaPo (Geheime Staats Polizei) <ul><li>Il compito della Gestapo era quello di investigare e combattere &quot;tutte le tendenze pericolose per lo Stato&quot;. Aveva autorità di investigare sui casi di tradimento, spionaggio e sabotaggio, oltre ai casi di attacchi criminali al partito nazista e allo stato. </li></ul><ul><li>Il metodo investigativo preferito era il prelievo forzato e la conseguente tortura, per ottenere nuovi nomi ed indiziati per ottenere nuove vittime alla tortura metodica. </li></ul>
  16. 16. Merloo <ul><li>Joost A. M. Merloo era uno psichiatra appartenente alla resistenza partigiana francese. </li></ul><ul><li>Accadde che venne catturato e sperimentò sulla propria pelle la ferocia degli aguzzini. </li></ul><ul><ul><li>L’interrogatorio inizia piacevolmente, disponendo benevolmente la vittima. </li></ul></ul><ul><ul><li>Successivamente, l’atteggiamento dell’inquisitore cambia radicalmente, minacciando l’imputato di ritorsioni verso la famiglia se quest’ultimo non avesse parlato. </li></ul></ul><ul><ul><li>Merloo aveva già escogitato un metodo per salvarsi: parlare troppo. </li></ul></ul><ul><ul><li>Utilizzando l’ information flood l’inquisito fornisce tantissime informazioni utili ed inutili in modo che l’aguzzino non abbia più pretesti per continuare la totura. </li></ul></ul>
  17. 17. Rieducazione politica <ul><li>Negli stati totalitari, la rieducazione politica è la colonna portante della stabilità del potere statale. </li></ul><ul><ul><li>Per le masse ciò avviene con la propaganda </li></ul></ul><ul><ul><li>I possibili dissidenti venivano sottoposti a programmi di rieducazione politica. </li></ul></ul><ul><li>I dissidenti sono visti come portatori di un germe contro l’integrità dello stato, quindi vanno sanati. </li></ul>
  18. 18. Corea: un esempio. <ul><li>I soldati americani catturati venivano sistematicamente sottoposti al lavaggio del cervello. </li></ul><ul><li>Venivano isolati in condizioni pessime per poi essere spinti a confessare crimini inventati attraverso brutali torture. </li></ul><ul><li>Le vittime si convincevano in buona fede di essere colpevoli degli atti imputati loro. </li></ul>
  19. 19. Nel nome della fede <ul><li>Culti e sette adescano e plasmano i propri adepti. </li></ul><ul><li>Le più famose, sono Scientology e (per motivi di cronaca nera) la Famiglia del reverendo Charlie Manson. </li></ul><ul><li>Molto spesso le persone che entrano in queste sette sono persone psicologicamente deboli. </li></ul>
  20. 20. Principi di Singer <ul><li>Reciprocità: offerta di attenzione ed affetto, spingendo il partecipante a ricambiare. </li></ul><ul><li>Scarsità: dare l’impressione di unicità ed irripetibilità dell’occasione. </li></ul><ul><li>Autorità: legittimare la leadership come sceltà da entità superiori. </li></ul><ul><li>Impegno regolare: vincolare il soggetto con patti e dichiarazioni di sostegno. </li></ul><ul><li>Consenso: offrire modelli da imitare e sanzionare il dissenso. </li></ul><ul><li>Gradimento: creare vincolio affettivi fra i membri così vincolandoli. </li></ul>
  21. 21. Il caso Vanna Marchi <ul><li>Come ha fatto Vanna Marchi ad ottenere 60 miliardi di lire semplicemente vendendo numeri del lotto? </li></ul><ul><li>Convinceva i clienti che le mancate vincite fossero da addebitare al malocchio. </li></ul><ul><li>Bastava pagare dai 4 milioni di lire in su per un rito purificatore. </li></ul><ul><li>Non funzionava? Semplice il malocchio è potente e ci vuole un rito appropriato. (e che costava di più). </li></ul><ul><li>Chiaro sfruttamento della debolezza psicologica altrui con un processo di mindfucking. </li></ul>
  22. 22. Terrorismo <ul><li>Ciò che avviene nella mente di un nuovo terrorista è un rimpiazzo del modo di vedere il mondo. </li></ul><ul><li>Tutto è in funzione con la dottrina. </li></ul><ul><li>Tutti sono potenziali nemici, accecati dalla menzogna. </li></ul><ul><li>Il suo fine è di far vedere la luce all’intera società. </li></ul>
  23. 23. In summa <ul><li>I fini e le modalità del condizionamento nell’essere umano possono essere le più disparate. </li></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>Comunque </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><li>L’esito è il rimpiazzo del modo di vedere il mondo con un altro sistema di valori. </li></ul>
  24. 24. Che differenza c’è?
  25. 25. Conclusioni <ul><li>Abbiamo visto il condizionamento in molte delle sue sfaccettature. </li></ul><ul><li>Siamo partiti dagli studi di Pavlov per passare da Skinner e per finire a quello che facciamo ai nostri simili. </li></ul><ul><li>Di per sé, il MindFucking non è né buono né cattivo: chi osserva giudichi secondo i propri criteri etico-morali. </li></ul><ul><li>E se fossero frutto anch’essi di condizionamento? </li></ul>

×