• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Chi è l'asso? La grammatica è un gioco
 

Chi è l'asso? La grammatica è un gioco

on

  • 3,824 views

 

Statistics

Views

Total Views
3,824
Views on SlideShare
3,823
Embed Views
1

Actions

Likes
2
Downloads
16
Comments
1

1 Embed 1

http://elearning.tadelformacion.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel

11 of 1 previous next

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
  • Chi è l'asso? è il primo gioco didattico pensato specificatamente per l'apprendimento della grammatica italiana nella scuola secondaria. Un’appassionante gara tra squadre, il modo perfetto per trasformare un traguardo impegnativo in un gioco divertente.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Chi è l'asso? La grammatica è un gioco Chi è l'asso? La grammatica è un gioco Presentation Transcript

    • Per chi ha voglia di imparare la grammatica italiana e per chi la vuole insegnare in maniera alternativa: “Chi è l’Asso? La grammatica è un gioco”. Un’appassionante gara tra squadre,il modo perfetto per trasformare un traguardo impegnativo in un gioco divertente. Sfida fra gruppi, giornata della creatività e tanto altro per imparare giocando. Con Chi è l’Asso? puoi diventare Asso degli Articoli, Asso dei Pronomi, Asso dell’Analisi Logica, ecc. Vince il gioco chi diventa Asso della Grammatica. 730 quiz di grammatica italiana e relative soluzioni sulla morfologia, sulla sintassi e su molti altri elementi della nostra lingua. Da 4 a 28 giocatori dai 10 anni in su.
    • GIOCO DA TAVOLA PER L’APPRENDIMENTO DELLA GRAMMATICA ITALIANA per la scuola secondaria di primo grado eper il biennio della scuola secondaria di secondo gradoARGOMENTI: • morfologia • sintassi • analisi logica • figure retoriche • giochi linguistici • funzioni comunicative • tanto altro …
    • IN CHE CONTESTO USARLO? • Curriculare •Extracurriculare •Recupero • PotenziamentoQUANDO USARLO?
    • PERCHÉ LA GRAMMATICA? LE RAGIONI ESTERNE1. Lo chiede l’INValSI: i risultati dell’esame sulle competenze grammaticali alla fine della secondaria di primo grado, confermano lo stato di sofferenza acuta della scuola italiana in questo settore.2. Lo chiedono l’accademia della Crusca e quella dei Lincei, che hanno sottoscritto un documento comune dal titolo “Lingua italiana, scuola, sviluppo” nel quale lanciano un appello affinché nellinsegnamento e nell’apprendimento della nostra lingua si realizzi una svolta radicale rispetto al progressivo impoverimento che li caratterizza.3. Lo chiede l’Università italiana: troppi errori di grammatica e di ortografia tra le matricole. Ecco perché gli atenei stanno istituendo corsi zero di alfabetizzazione linguistica.
    • PERCHÉ INSEGNARE LA GRAMMATICA ATTRAVERSO UN GIOCO? Le ragioni della DIDATTICA LUDICA1. Il gioco crea motivazione e senza motivazione non può esserci apprendimento.2. L’ambiente di apprendimento diventa motivante.3. Il lavoro individuale diventa lavoro di team.4. La necessità di produrre strategie di gioco vincenti attiva processi di problem solving.5. Nel gioco prevale la moratoria della frustrazione.6. Il gioco apre i suoi canali ad ogni tipo di diversità e di intelligenza.7. Si abbassano i filtri affettivi, cioè le barriere che l’alunno erge davanti alla lezione tradizionale o all’interrogazione.
    • PERCHÉ INSEGNARE LA GRAMMATICA ATTRAVERSO UN GIOCO? Le ragioni della DIDATTICA LUDICA 1- Il gioco crea motivazione e senza motivazione non può esserci apprendimento. Solo la motivazione crea acquisizione di lungo periodo. Viceversa, senza motivazione, al massimo il sapere viene trattenuto solo a breve termine. Ad esempio l’alunno che apprende il concetto di “ossimoro” nel contesto di un gioco non lo dimentica più. Si tratta di MOTIVAZIONE BASATA SUL PIACERE,non sul BISOGNO (come ad esempio nel caso dello straniero che deve imparare la nostra lingua per potere trovare un lavoro)o sul DOVERE (come nel caso dello studente che deve studiare perché obbligato da qualcuno)
    • PERCHÉ INSEGNARE LA GRAMMATICA ATTRAVERSO UN GIOCO? Le ragioni della DIDATTICA LUDICA 2- L’ambiente di apprendimento diventa motivante. Il setting, cioè la stessa disposizione dei banchi –un cerchio di alunni che si dispongono attorno al gioco da tavolo-crea le condizioni per un apprendimento attivo, vivace e coinvolgente. 3- Il lavoro individuale diventa lavoro di team. E’ la squadra a lavorare, a vincere o a perdere, non il singolo. La competizione (tra squadre) viene sperimentata nella sua versione di competizione cooperativa (cioè basata sulla collaborazione dentro la squadra). L’APPRENDIMENTO COOPERATIVO è sempre di per sé motivante.
    • PERCHÉ INSEGNARE LA GRAMMATICA ATTRAVERSO UN GIOCO? Le ragioni della DIDATTICA LUDICA 4- La necessità di produrre strategie di gioco vincenti attiva processi di problem solving. Gli alunni sono chiamati a risolvere problemi e ad aggirare ostacoli pervincere, ricercando le strategie migliori, ad esempio scegliendo il quiz mini omaxi sulla base della preparazione in quella categoria o sapendo adoperare al momento e nel modo giusto il vocabolario e le schede di ausilio. 5- Nel gioco prevale la moratoria della frustrazione. Nel gioco la frustrazione è bandita. La sconfitta non deprime l’alunno, che sa che in un gioco si può anche perdere e comunque si può vincere la volta successiva. Viceversa un’interrogazione andata male fa venir meno la fiducia in se stessi e causa frustrazione.
    • PERCHÉ INSEGNARE LA GRAMMATICA ATTRAVERSO UN GIOCO? Le ragioni della DIDATTICA LUDICA6- Il gioco apre i suoi canali ad ogni tipo di diversità e di intelligenza. Nel gioco tutti gli alunni vengono valorizzati, ognuno con le sue abilità(cognitive, emotive, strategiche, relazionali, di leadership, ecc); anche le diversità culturali scompaiono; infine l’integrazione degli alunni con difficoltà linguistiche o di apprendimento viene facilitata. 7- Si abbassano i filtri affettivi, cioè le barriere che l’alunno erge davanti alla lezione tradizionale o all’interrogazione. Gli stati d’ansia che si provano durante le interrogazioni e i pregiudizi verso la scuola fanno sì che gli alunni odino lo studio e alzino contro di esso delle barriere che creano poi difficoltà di apprendimento. Nel gioco tutto ciò si rovescia: l’amore per il gioco crea avvicinamento psicologico alla materia.
    • Dall’analisi della prassi scolastica e dei test Invalsi un gioco che non si sostituisce ai libri di testo. SCOPO DEL GIOCO:DIVENTARE ASSO DELLA GRAMMATICA Asso degli Articoli Asso dei Nomi Asso degli Aggettivi Asso dei Pronomi Asso dei Verbi Asso degli Avverbi Asso delle Preposizioni Asso delle Congiunzioni & Interiezioni Asso del Soggetto Asso del Predicato Asso del Complemento Asso dell’Analisi Logica Asso dell’Analisi Grammaticale
    • Il tabellone
    • Le carte Ogni carta contiene due domande di diverso livello di difficoltà: MINI o MAXI. Prima di pescare la carta, scegliete il livello della domanda a cui rispondere in base a quanto vi sentite preparati sulla categoria; dopodiché controllate sulla carta il numero di clessidre (1 o 2). Quando sulla carta compaiono due clessidre, girate la clessidra due volte.
    • Le carte speciali: SFIDA Scegliete un gruppo da sfidare e il livello della domanda, MINI o MAXI. Ogni squadra, la sfidante e la sfidata, prende una carta dal mazzo Sfida. Entrambe le squadre leggono ognuna la propria consegna ad alta voce; solo dopo si gira la clessidra.
    • Le carte speciali:GIORNATA DELLA CREATIVITA’ I quiz sono di natura più varia e creativa. Qui non ci sono domande MAXI e MINI. Spesso le risposte richiedono la valutazione e il giudizio delle squadre avversarie che danno l’ok o il ko. Nel libretto “Le soluzioni dei quiz” sono descritti i CRITERI DI VALUTAZIONE che variano in ogni quiz.
    • Le soluzioni dei quiz
    • PER NCO SIL’ELE ALI L’AN ICA LOG
    • PER NCO IL’ELE ALIS L’AN TICALE MMA GRA
    • Casella “Chi è l’asso?”
    • PER LLA ETABE TAR A NNO E SI È DOV TI SIN RIVA AR
    • PICCOLE STRATEGIE• Ricordarsi che è un gioco, non un’interrogazione.• Il gioco deve essere continuo, non interrotto da frequenti spiegazioni, per evitare che il ritmo del gioco si rallenti.• Affidarsi al libretto “Le soluzioni dei quiz”.• Formare gruppi omogenei tra loro ed eterogenei all’interno.• Mantenere i gruppi fissi nel tempo.
    • QUALI SVILUPPI? OLIMPIADI NAZIONALI “L’ASSO DELLA GRAMMATICA” CATEGORIE •JUNIOR - scuola secondaria di primo grado•SENIOR - scuola secondaria di secondo grado
    • OLIMPIADI NAZIONALI “L’ASSO DELLA GRAMMATICA” Patrocinata dall’Università di Catania, sponsorizzata dalla Provinciaregionale etnea e dalla Regione siciliana Assessorato all’Istruzione, con i complimenti del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. 75 squadre con 375 alunni di 15 diverse regioni e di oltre 40 province.La fase nazionale ha visto la partecipazione di 37 squadre, per un totale di 185 alunni, provenienti da 13 regioni italiane: Veneto, Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Marche, Lazio, Abruzzo, Basilicata, Campania, Puglia, Calabria, Sardegna, Sicilia. La composizione complessiva delle squadre è stata per due terzi femminile: 124 ragazze (67%) contro 61 ragazzi (33%).
    • Dott.ssa Carla Virzì347/6082429carla.virzi@formacsnc.itDott.ssa Grazia R.Corsaro347/2848348grazia.corsaro@formacsnc.it