DAL BIG BANG ALLA VITA

3,248 views

Published on

La storia dell'Universo raccontata dal Prof. Guido Cossard

Si è laureato in fisica a Torino.
E’ presidente dell’Associazione ricerche e studi di archeoastronomia e membro del Comitato Scientifico dell’Osservatorio di Saint-Barthélemy.

Ha pubblicato numerosi libri scientifici e di recente ha parlato dell’interpretazione astronomica delle spirali, nella puntata di
Voyager del 21 gennaio scorso.

In considerazione del contributo dato nel campo dell’archeoastronomia, nel 2005 la International Astronomical

Union (IAU) gli ha dedicato il pianetino (4993) 1983 GR, che da allora si chiama Cossard

Published in: Education, Technology
1 Comment
2 Likes
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total views
3,248
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
336
Actions
Shares
0
Downloads
56
Comments
1
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

DAL BIG BANG ALLA VITA

  1. 1. Le risposte della scienza alle domande dell’Astronomia DAL BIG BANG ALLA VITA Guido Cossard 17 ottobre 2009 - Via Bellardi 116 a Torino
  2. 2. La storia dell’universo La storia dell’universo si può riassumere in poche fasi: Era degli adroni 10 -43 sec 10 -4 sec Era dei leptoni 10 -4 sec 20 sec Era della radiazione 20 sec 106 anni Era della materia 106 anni attuale
  3. 3. L’era della materia Formazione delle protogalassie Formazione delle stelle di popolazione II Formazione delle stelle di popolazione I Formazione dei pianeti Formazione della vita Formazione della vita intelligente Presa di coscienza dell’universo
  4. 4. All’inizio l’Universo era completamente buio perché non esisteva ancora la luce. Anche utilizzando i più potenti telescopi del mondo possiamo vedere sempre più lontano e, quindi, più indietro nel tempo, ma non potremo mai vedere il Big Bang
  5. 5. Non potremo neppure udirne l’eco, perché non esisteva ancora il suono. Eppure questo Universo sordo e oscuro d’improvviso esplose!
  6. 6. Non fu un’esplosione come quelle che siamo abituati a considerare sulla Terra, con un centro di espansione da cui si espande del materiale
  7. 7. Ma fu un’esplosione simultanea di tutto il cosmo. Tutto il tessuto dell’universo prese a espandersi Ed ogni punto dell’universo era ed è ancora il centro di questa esplosione
  8. 8. Intanto la singolarità iniziale, che aveva densità e temperatura elevatissime, si andava raffreddando e la sua densità scendeva
  9. 9. D’improvviso l’universo si accese: era nata LA LUCE
  10. 10. Questa viene chiamata era leptonica Ed è fondamentale perché inizia la dissociazione tra luce e materia
  11. 11. Poi iniziarono a formarsi le protogalassie e da queste... le galassie Le Galassie possono essere di molti tipi...
  12. 12. La galassia di Andromeda, M 31
  13. 13. Formazione delle stelle Nelle galassie si formano le prime grandi stelle Esse hanno come materiale disponibile solo l’idrogeno e l’elio, Perché, per adesso, nell’universo non esiste nessun altro elemento
  14. 14. Formazione delle stelle Le stelle si formano da nebulose, immensi ammassi di gas
  15. 15. trifide
  16. 16. cassiopea
  17. 17. Formazione delle stelle Esse sono dunque delle immense sfere di gas, al loro interno iniziano le prime reazioni nucleari che portano alla formazione degli altri elementi Dall’idrogeno sintetizzano altro elio, dall’elio producono boro, dal boro carbonio e così via
  18. 18. Formazione delle stelle In questo modo le stelle sintetizzano altri elementi fino al ferro Poi il loro nucleo non riesce a riscaldarsi ulteriormente E le reazioni si fermano
  19. 19. Fine delle stelle Alla fine della loro evoluzione le stelle esplodono Talvolta sono solo gli strati esterni ad esplodere, formando così una nova
  20. 20. Planetaria occhi di gatto
  21. 21. Formazione delle stelle gli elementi più pesanti del ferro si formano nelle esplosioni di supernovae e tutti i nuovi elementi sintetizzati si espandono nello spazio
  22. 22. Vela
  23. 23. Super Lupo
  24. 24. Formazione delle stelle Le stelle di popolazione I nascono sulle ceneri delle stelle più antiche Quindi non sono più formate solo da idrogeno e elio Ma contengono, anche se in piccole percentuali, tutti gli altri elementi
  25. 25. Formazione delle stelle Queste percentuali sono piccole per delle stelle, ma sono più che sufficienti per formare pianeti che orbitano intorno alle stelle generatrici
  26. 26. I pianeti e i satelliti Non tutti i mondi sono adatti ad ospitare la vita
  27. 27. Le costanti di natura Interazione forte Interazione debole Interazione elettromagnetica Interazione gravitazionale
  28. 28. Costante dell’interazione forte Se fosse stata dello 0,2% più grande tutto l’idrogeno si sarebbe trasformato in elio negli istanti iniziali e l’universo sarebbe una distesa sconfinata di elio Se fosse stata dello 0,2% più piccola l’idrogeno non si sarebbe trasformato in elio negli istanti iniziali e l’universo sarebbe una distesa sconfinata di idrogeno
  29. 29. Rapporto masse neutrone/elettrone Il rapporto tra la massa del neutrone e quella dell’elettrone è esattamente 1837. Se il rapporto tra le masse fosse diverso si formerebbero ugualmente gli atomi e le molecole, ma non sarebbero stabili la molecole complesse come gli acidi nucleici che sono alla base della vita.
  30. 30. Costante di gravità Se il valore della costante di gravità fosse stato un po’ più piccolo, l’universo avrebbe avuto una espansione velocissima, che non avrebbe portato all’universo che conosciamo Se il valore della costante di gravità fosse stato un po’ più grande, l’espansione dell’universo sarebbe durata poco tempo e poi l’universo avrebbe iniziato a contrarsi, senza dare il tempo alla vita intelligente di formarsi
  31. 31. La probabilità che tutte queste costanti assumano esclusivamente per caso dei valori così opportuni sono bassissime, molto vicine allo zero
  32. 32. Il Principio antropico
  33. 33. Formulazione debole: l’uomo è privilegiato nell’universo in quanto osservatore
  34. 34. Formulazione forte: l’universo è strutturato per accogliere, almeno in un suo punto ed almeno in un momento della sua storia, la vita intelligente
  35. 35. Quindi l’uomo prende conoscenza dell’universo Ma l’uomo non è esterno all’universo Dunque non è l’uomo a prendere conoscenza dell’universo, Ma è l’universo che, attraverso l’uomo, prende conoscenza di sé
  36. 36. L’esistenza di vita intelligente è dunque la condizione per l’autoconoscenza dell’universo
  37. 37. Allora se l’universo giunge alla conoscenza di sé dopo una fase così lunga di esistenza, non poteva avere conoscenza di sé nella fase di formazione Non avendo conoscenza di sé non poteva programmarsi
  38. 38. Dunque, se programmazione esiste, è stata una programmazione esterna all’universo
  39. 39. Ognuno può definire come crede il Grande Programmatore E’ un modo di arrivare a Dio?
  40. 40. Guido Cossard Si è laureato in fisica a Torino. E’ presidente dell’Associazione ricerche e studi di archeoastronomia e membro del Comitato Scientifico dell’Osservatorio di Saint-Barthélemy. Ha pubblicato numerosi libri scientifici e di recente ha parlato dell’interpretazione astronomica delle spirali, nella puntata di Voyager del 21 gennaio scorso. In considerazione del contributo dato nel campo dell’archeoastronomia, nel 2005 la International Astronomical Union (IAU) gli ha dedicato il pianetino (4993) 1983 GR, che da allora si chiama Cossard

×