Your SlideShare is downloading. ×
  • Like
Gas fotovoltaico 2011  rev 01
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Now you can save presentations on your phone or tablet

Available for both IPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Gas fotovoltaico 2011 rev 01

  • 1,239 views
Published

Presentazione G.A.S. Fotovoltaico 03-03-11 …

Presentazione G.A.S. Fotovoltaico 03-03-11
Lesignano Dé Bagni

Published in Technology
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
No Downloads

Views

Total Views
1,239
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
30
Comments
1
Likes
1

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. G.A.S. Fotovoltaico 2011 "Il mondo che abbiamo creato oggi ha problemi che non possono essere risolti con lo stesso modo di pensare con cui li abbiamo creati" Albert EinsteinTramonto su Marte, dal Rover Opportunity Ing. Riccardo Guerra guerra_riccardo@yahoo.it +39 339 3669089
  • 2. QUANTA POTENZA ARRIVA DAL SOLE? ENERGIA SOLARE Oltre 170000 TW di luce solare raggiungono la terra; (1 TW ≡ 1 000 000 MW) Nel 2008 il consumo medio mondiale ha superato I 15TW Fonte: „Sistemi solari termici per la climatizzazione“ Maggioli EditoreFonte: http://www.eyesolarlux.com/Solar-simulation-energy.htm
  • 3. PERCHE IL FOTOVOLTAICO?● Guadagno (incentivo GSE + scambio sul posto);● Verso lAutonomia Energetica (fonte rinnovabile);● Efficenza energetica;
  • 4. POLITICA ENERGETICA EUROPEA (20 20 20 al 2020)Fonte Regione Emilia Romagna
  • 5. QUADRO NORMATIVO ITALIANONORME COMUNID.Lgs 29/12/2003 n. 387Attuazione della Direttiva 2001/77/CE sulla promozione delle fonti rinnovabili.Circolare Agenzia delle Entrate n. 46/EArticolo 7, comma 2, del D.Lgs. 29 dicembre 2003, n. 387Disciplina fiscale degli incentivi per gli impianti fotovoltaici.Decreto ministeriale 10 Settembre 2010“Linee guida per l’autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili”.Delibera n. 88/07 e s.m.i"Disposizioni in materia di misura dellenergia elettrica prodotta da impianti di generazione".
  • 6. QUADRO NORMATIVO REGIONE EMILIA ROMAGNALEGGE REGIONALE 23 dicembre 2004, n. 26DISCIPLINA DELLA PROGRAMMAZIONE ENERGETICA TERRITORIALE ED ALTRE DISPOSIZIONIIN MATERIA DI ENERGIA Piano Energetico Regionale 2011 - 2013
  • 7. EFFETTO FOTOVOLTAICO SILICIO È il secondo elemento per abbondanza nella crosta terrestre dopo lossigeno, componendone il 27,7% del pesoFonte: ENEA
  • 8. COME FUNZIONA UNA CELLA SOLARE? Alta energia Una cella solare converte “bene” luce di uno specifico colore. Energia perduta per effetti termici colore ottimale Silicio, GaAs Luce non convertita Bassa energiaFonte: M. Bosi Istituto IMEM-CNR (Parma)
  • 9. PANNELLI FOTOVOLTAICI – Si - Una cella quadrata di 156 mm di lato genera 3,5 Watt di potenza in condizioni standard, vale a dire a una temperatura di 25 ° e con una potenza di radiazio ne solare pari a 1.000 W/m². C Più celle assemblate e collegate tra loro in serie formano un’unica struttura, il pannello fotovoltaico. Un insieme di pannelli, collegati elettricamente in serie, costituiscono una stringa; più stringhe, collegate a loro volta, generalmente in parallelo,costituiscono un generatore fotovoltaico. Modulo FV in Silicio Amorfo eff. 9% Cella FV in Silicio Monocristallino eff. 13-17% Cella FV in Silicio Policristallino eff. 12-14%Fonte: Wikipedia
  • 10. PANNELLI FOTOVOLTAICI CIS e CIGS I vantaggi ottenibil dai moduli fotovoltaici a film sottile realizzati utilizzando le tecnologie CIS (diseleniuro di indio e rame) e CIGS (diseleniuro di indio,rame e gallio) sono: ● minor costo, dovuto allutilizzo di materiali meno costosi rispetto al silicio cristallino e ad un sistema di produzione più economico; ● miglior resa in caso di irraggiamento non ottimale o in presenza di ombreggiamenti parziali; ● efficienza elevata (10-12%) vicina a quella dei moduli in silicio policristallino (14-16%);Fonte: http://www.sunnyweb.it
  • 11. SEMICONDUTTORI III-V • Spirit - Esplorazione di Marte • 1.3 m2 celle solari tripla giunzione • 28% di efficienzaFonte: M. Bosi Istituto IMEM-CNR (Parma)
  • 12. CELLE PER LINFRAROSSOFonte: Idaho National Laboratory (INL)
  • 13. CONFRONTO TECNOLOGIE 40%Fonte: M. Bosi Istituto IMEM-CNR (Parma) – 2006 -
  • 14. UN DATO SORPRENDENTE!Fonte: Sardegna Ricerche, dati 2008
  • 15. CONDIZIONI ATMOSFERICHE In una giornata nuvolosa la radiazione è pressoché totalmente diffusa; in una giornata serena con clima Secco, viceversa, predomina la componente diretta, che può arrivare fino al 90% della radiazione totaleFonte: Internet
  • 16. ORIENTAMENTO IMPIANTOFonte:Phébus
  • 17. SCHEMA IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID CONNECTEDFonte:Brochure_Sorgenia_Solar_2008.pdf
  • 18. ENERGIA E POTENZAENERGIA:Capacità di un corpo di compiere un lavoro, si misura in Joule (SI), kWh;POTENZA:É la capacità di compiere un lavoro in un dato tempo, si misura in W (SI)Più è grande la potenza minore sarà il tempo per sviluppare la stessa energia.
  • 19. 3° CONTO ENERGIA
  • 20. TARIFFE INCENTIVANTI 3° CONTO ENERGIAGli impianti fotovoltaici entrati in esercizio a partire dal primo gennaio 2011, i cui soggettiResponsabili sono persone fisiche, persone giuridiche, soggetti pubblici o condomini di unitàimmobiliari ovvero di edifici, hanno diritto a una tariffa incentivante articolata secondo i valoriindicati in Tabella: Fonte: GSE „Il Terzo Conto Energia Guida alla richiesta degli incentivi per gli impianti fotovoltaici D.M. 6 Agosto 2010
  • 21. ESEMPI DI INSTALLAZIONE IDONEA ALLA CATEGORIA "SU EDIFICI"Fonte: GSE „Il Terzo Conto Energia Guida alla richiesta degli incentivi per gli impianti fotovoltaici D.M. 6 Agosto 2010
  • 22. ESEMPI DI INSTALLAZIONE NON IDONEA ALLA CATEGORIA "SU EDIFICI"Fonte: GSE „Il Terzo Conto Energia Guida alla richiesta degli incentivi per gli impianti fotovoltaici D.M. 6 Agosto 2010
  • 23. TARIFFE INCENTIVANTI 3° CONTO ENERGIA INNOVAZIONE ED INTEGRAZIONE ARCHITETTONICAIl Titolo III del Decreto stabilisce che gli impianti fotovoltaici che utilizzano moduli ecomponenti speciali sviluppati per integrarsi e sostituire elementi architettonici degli edificihanno diritto alle tariffe incentivanti riportate in Tabella:L’energia prodotta dagli impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative che entrano inesercizio nel 2012 e nel 2013 ha diritto alle tariffe indicate nella Tabella 2,decurtate del 2 % all’anno, con arrotondamento commerciale alla terza cifra decimale.Il MiSE e il MATTM stabiliranno con un successivo provvedimento, da emanare entro il31 dicembre 2012, le tariffe incentivanti per gli impianti che entreranno in esercizio negli annisuccessivi al 2013. Fonte: GSE „Il Terzo Conto Energia Guida alla richiesta degli incentivi per gli impianti fotovoltaici D.M. 6 Agosto 2010
  • 24. ESEMPI DI APPLICAZIONI INNOVATIVE ED INTEGRATE ARCHITETTONICAMENTEFonte: GSE Guida alle applicazioni innovative per lintegrazione architettonica del fotovoltaico, terzo conto energia“
  • 25. L’energia elettrica prodotta dagli impianti fotovoltaici a concentrazione, che entrano in esercizionel 2012 e 2013, ha diritto alle tariffe indicate nella Tabella 3 decurtate del 2% all’anno,con arrotondamento commerciale alla terza cifra decimale.Il MiSE e MATTM stabiliranno con un successivo provvedimento, da emanare entro il31 dicembre 2012, le tariffe incentivanti per gli impianti che entreranno in esercizio negli annisuccessivi al 2013. Fonte: GSE „Il Terzo Conto Energia Guida alla richiesta degli incentivi per gli impianti fotovoltaici D.M. 6 Agosto 2010
  • 26. ESEMPI DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI A CONCENTRAZIONEFonte: SHAP
  • 27. PREMI SULLA TARIFFA INCENTIVANTETutte le tariffe possono essere incrementate del:✔ 5%, qualora limpianto è ubicato in una zona industriale o commerciale cave o discariche esaurite o siti contaminati;✔ 5%, qualora il soggetto responsabile dellimpianto è un Comune con meno di 5000 abitanti e limpianto è situato su edificio ed in regime di scambio sul posto;✔ 10% qualora limpianto è installato in sostituzione di eternit o amianto;✔ 20% qualora limpianto è parte di un sistema con profilo di scambio prevedibile allo stato attuale tale maggiorazione non è applicabile;✔ Fino al 30% se parallelamente alla costruzione dellimpianto fotovoltaico vengono eseguiti lavori che migliorano le prestazioni energetiche delledificio.
  • 28. SCAMBIO SUL POSTOLo scambio sul posto (Del. AEEG n. 74/08) è un servizio che viene erogato dal GSEdal giorno 1° Gennaio 2009 su istanza degli intere ssati. Consente all’utente che abbia la titolaritào la disponibilità di un impianto, la compensazione tra il valore associabile all’energia elettricaprodotta e immessa in rete e il valore associabile all’energia elettrica prelevata e consumatain un periodo differente da quello in cui avviene la produzione.Sono interessati a proporre istanza al GSE coloro nella cui disponibilità o titolarità vi siauno o più impianti:● alimentati da fonti rinnovabili di potenza fino a 200 kW (se entrati in esercizio dopo il 31/12/2007);● di cogenerazione ad alto rendimento di potenza fino a 200 kW.Il GSE riconosce un contributo a favore dellutente dello scambio, che si configura come ristoro di unaparte degli oneri sostenuti per il prelievo di energia elettrica dalla rete. Ai fini del calcolo del contributoda determinarsi su base annua, vengono presi in considerazione:● La quantirà di energia elettrica „scambiata“ con la rete (lammontare minimo tra lenergia immessa e quella prelevata dalla rete nel periodo di riferimento);● Il controvalore dellenergia elettrica immessa in rete valorizzato a prezzi di mercato;● Lonere del prelievo sostenuto per lapprovvigionamento dellenergia prelevata dalla rete, suddiviso in onere energia e onere servizi.
  • 29. SCAMBIO SUL POSTOFonte: GSE FAQ
  • 30. OBIETTIVI G.A.S. FOTOVOLTAICO1. Raccogliere adesioni (Scheda Dati Preliminari);2. Selezionare i fornitori, (filiera corta);3. Selezionare differrenti tecnologie fotovoltaiche;4. Assegnare un punteggio tra i fornitori per le due opzioni: „Chiavi in Mano“ e Kit;5. Individuare isituti di credito per avere finanziamenti a tassi agevolati;6. Supporto agli aderenti al G.A.S. In tutte le fasi del progetto;
  • 31. GLI 8 PASSI PER UN IMPIANTO "CHIAVI IN MANO"1. Analisi Preliminare (Scheda);2. Sopralluogo;3. Progetto e preventivo definitivo;4. Autorizzazioni previste;5. Connessione rete elettrica;6. Installazione e collaudo dellimpianto;7. Richiesta degli incentivi al GSE;8. Finanziamento;
  • 32. ANALISI PRELIMINARE IMPIANTO DATI PRELIMINARIi. Esposizione (Sud +/- 30° );ii. Inclinazione (Tilt 30° alla latitudine 44° );iii. Presenza di elementi riflettenti;iv. Ombreggiamenti;v. Superficie disponibile (8 m²/kWp);vi. Consumi annuali (in media 50kWh/m2, famiglia 3000 kWh/anno);
  • 33. SIMULAZIONE PRODUCIBILITA IMPIANTO1. Sunsim 5.0.1;2. Simluare 9.1 (http://www.ingalessandrocaffarelli.it);3. Sole (http://www.ingalessandrocaffarelli.it);
  • 34. MAPPE SOLARIPhotovoltaic Geographical Information System (PVGIS)http://re.jrc.ec.europa.eu/esti/index_en.htm
  • 35. IMPIANTO DA 2,94 kW
  • 36. PERCHE IL FOTOVOLTAICO CHE ALIMENTA UNA POMPA DI CALORE INCREMENTA LA CLASSE ENERGETICA DELLEDIFICIO?
  • 37. INVERTERS PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI NORMA CEI 11-20 La norma stabilisce che ci deve essere separazione metallica (trasformatore) tra sezione in corrente Continua (anche interna allinverter) e sezione in corrente alternata. In caso contrario, se la potenza complessiva non supera i 20kW, tale separazione non è indispensabile, ma in questo caso è Necessario che vi sia un dispositivo di protezione in grado di intervenire se la componente continua immessa in rete supera lo 0,5% della corrente nominale dellinverter (intesa come valore efficace) INVERTERS TRANSFORMELESS I.MAGGIOR EFFICENZA (+2%); II.MINORI DISTURBIFonte: CEI
  • 38. EPBT Energy Pay Back Time È definito da EPBT = Eingresso / Egenerata; Eingresso è lenergia spesa durante il ciclo di vita del modulo (produzione, installazione, necessaria al funzionamento ed energia necessaria per lo smantellamento) Egenerata è la produzione annuale di energia elettrica generata dal modulo FV Per il silicio monocristallino questo parametro vale circa 2 anni Per il silicio policristallino è di circa 1,7 anni Per il film sottile è di circa 1,5 anni Calcolo basato su un insolazione di 4,7 ora al giorno per il sud EuropaFonte: (ArticlesBase SC #997593)
  • 39. EFFETTI SULLA SALUTEFonte: SMA http://download.sma.de/smaprosa/dateien/7418/EMV_SB-UIT093610.pdf
  • 40. RICICLO PANNELLIFonte: www.pvcycle.org info@pvcycle.org +32 (0)2 400 10 49