Your SlideShare is downloading. ×
0
I colori del mare 2003
I colori del mare 2003
I colori del mare 2003
I colori del mare 2003
I colori del mare 2003
I colori del mare 2003
I colori del mare 2003
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

I colori del mare 2003

227

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
227
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. I COLORI DEL MARE Classe 1A Scuola Primaria• Rappresentare CORRISPONDENZE• Dal concetto di RELAZIONE a quello diPRODOTTO COMBINATORIO Bologna Docente : Rosaria Rodia 17 maggio 2012
  • 2. PROBLEMAMartina ha comprato due acquari, vuole mettervi un miscuglio dipesciolini rossi e gialli.Nel primo acquario mette 3 pesciolini gialli per ogni coppia dipesci rossi.Nel secondo acquario mette 7 pesciolini gialli per ogni terna dipesci rossi.
  • 3. Martina mette lo stesso numero dipesci in ogni acquario, quale sarà dei due acquari quello con più colore giallo?
  • 4. Primo acquarioPesci Rossi 2 4 6 8 10 Pesciolini 3 6 9 12 15 gialli Secondo acquarioPesci Rossi 3 6 9 12 15 Pesciolini 7 14 21 28 35 gialliLe tabelle si possono confrontare a parità di pesci rossio gialli.
  • 5. • Occorre capire che l’acquario nel quale si vede più giallo è quello che ha più pesciolini gialli a parità di pesci rossi.• Ciò che conta è cioè il rapporto fra i due colori, ma non occorre il concetto di rapporto per risolvere il problema.
  • 6. CONCLUSIONI• Il ruolo dell’insegnante è determinante non tanto per il controllo che l’attività richiede, ma per l’invito costante a riconoscere e verbalizzare la situazione esercizio- gioco.• Il ruolo è propositivo quando gli esercizi diventano ripetitivi introducendo diverse cadenza e nuove variabili.
  • 7. Nell’ottica dei PROBLEMI “BUONI”, la proposta è stata: • svolta autonomamente; • con curiosità e spirito di ricerca;• davanti ad un quesito i bambini si sono messi alla prova con fiducia;• i bambini hanno saputo agire trattandosi di situazioni concrete.

×