Preistoria

821 views

Published on

Arte preistorica

Published in: Education, Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
821
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
122
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Preistoria

  1. 1. La preistoria. 6500000 – 120000 a.C. Paleolitico inferiore: uso del fuoco in Europa; primi oggetti in pietra, lavorata per percussione (choppers). 120000 – 35000 a.C. Paleolitico medio: Uomo di Neanderthal – Homo Sapiens. •35000 – 10000 a.C. Paleolitico superiore: testimonianze in Europa (Area Mediterranea e Franco - Cantabrica) Nord Africa e Siberia. Pietra scheggiata in entrambe le facce (amigdala). 10000 – 6000 a.C. Mesolitico: Una mutazione climatica (Fine Glaciazione di Wurm, 9600 a.C. ca.) determina l’estinzione di molte specie animali e la riduzione della popolazione umana. Nascono piccoli insediamenti stabili; l’uomo si dedica all’agricoltura e all’allevamento. Produzione di coltelli, punte di lance, asce. 6000 – 4000 a.C. Neolitico: Sedentarizzazione dell’uomo. Avvio delle culture fluviali nelle valli Mesopotamica, del Nilo, dell’Indo, dell’Hoang-ho. Pietra lavorata e levigata (industria microlitica). Avvio della produzione di vasi in ceramica. 4000 – 3000 a.C. Eneolitico (Età della pietra nuova) o Calcolitico (Età del rame): inizio della lavorazione del rame; numerose testimonianze di cultura materiale (armi, utensili, ecc.). 3000 – 1000 a.C. Età del Bronzo: sviluppo della metallurgia; civiltà in Egitto, Mesopotamia, Egeo; Terramare in Italia Sett. 1
  2. 2. Paleolitico. I stile o arcaico (30000-23000 a.C.): semplificazione formale (linea oggetto), figure schematiche, contorni continui. II stile (23000-17000 a.C.): animali raffigurati in gruppi creano cicli parietali, figure dal contorno nitido e flessuoso, mancanza di alcuni particolari (es.: zampe). III stile (17000-15000 a.C.): figure con maggiore definizione del tratto e macchie di colore stese in modo da far cogliere la forma e il movimento dell’animale, dal corpo massiccio e zampe piccole; parti anatomiche in scorcio (es.: corna). IV stile (15000-8500 a.C.): tinte ocra e brune, contorni grigi, utilizzo dello scorcio per dare tridimensionalità e movimento all’animale. L’uomo cigno, 15000 a.C. ca., pittura rupestre del Pozzo, Grotta di Lascaux, Francia. Cunicolo con graffiti e pitture rupestri, 20000 – 15000 a.C., Grotta di Lascaux, Francia. Venere di Willendorf, 23000 – 19000 a.C., h 11 cm, roccia calcarea, Vienna, Mus St. Nat. 2
  3. 3. 3
  4. 4. La precessione degli equinozi è un movimento apparente dei punti equinoziali (punti in cui si trova il sole quando incrocia l’equatore celeste) risultante da un movimento della Terra che fa cambiare in modo lento e continuo l'orientamento del suo asse di rotazione rispetto alla sfera ideale delle stelle fisse (Zodiaco = raggruppamento delle stelle in 12 costellazioni distanti tra loro 30 gradi) a causa della combinazione di due fattori: la forma non perfettamente sferica della Terra (che è uno sferoide oblato, sporgente all'equatore) e le forze gravitazionali della Luna e del Sole che, agendo sulla sporgenza equatoriale, cercano di allineare l'asse della Terra con la perpendicolare al piano dell'eclittica. I punti equinoziali compiono un giro zodiacale (tornano al punto di partenza) in 26000 anni ca., cioè percorrono/stazionano su ogni costellazione in 2150 anni ca. Poiché la precessione avviene in senso inverso, partendo dai Pesci, il ns pt equinoziale, oggi alla fine dei Pesci, era in Ariete dal 150 al 2399 a.C., Toro nel dal 2300 al 4450 a.C., Gemelli dal 4450 al 6600 a.C., Cancro 6600 all’8750 a.C., Leone dal 8750 al 10900 a.C. L'eclittica è il percorso apparente che il Sole compie in un anno rispetto allo sfondo della sfera celeste. Più esattamente, è l'intersezione della sfera celeste con il piano geometrico su cui giace l'orbita terrestre (piano eclittico, o piano dell'eclittica). È un cerchio massimo della sfera celeste. Il periodo durante il quale il pt equinoziale si trova in una costellazione zodiacale corrisponde ad un era religiosa e il simbolo di tale era è collegato alla costellazione. gli astronomi babilonesi ed egizi distinguevano l'anno tropico, stimato in 365 giorni, 5 ore, 49 minuti e 30 secondi, dall'anno siderale, stimato in 365 giorni, 6 ore e 11 minuti e quindi dovevano essere a conoscenza della precessione. Archeoastronomia: scienza che studia i reperti archeologici che registrano l’attività di osservazione dei corpi celesti e della loro 4 disposizione reciproca con la Terra.
  5. 5. Civiltà megalitiche. Le prime forme di architettura risalgono al neolitico (6000-4000 a.C.) e all’eneolitico o calcolitico (età del rame) (fine 4000 - in. 3000 a.C.). Megalito (dal greco megas, grande, e lithos, pietra): grande pietra, o gruppo di pietre, usata per costruire una struttura o un monumento senza l'uso di leganti come calce o cemento. Il termine è usato per descrivere strutture erette da popoli in molte parti del mondo, in periodi differenti. Menhir (dal bretone men, pietra, e hir, lunga): pietra conficcata nel terreno. Dolmen (dal bretone dol/tol, tavola, e men, pietra): diffuso prevalentemente nelle regioni vicino al mare, costituito da due o più piedritti verticali che sorreggono uno o più lastroni orizzontali (piatta banda o architrave); la costruzione era in origine ricoperta, protetta e sostenuta da un tumulo. Nella forma più semplice, il dolmen è costituito da un trilite (due pietre infisse nel terreno e unite tra loro da una lastra orizzontale che le sovrasta). Cromlech (dal gallese crom, curvata, e llech, pietra piatta): pietre di grandezza variabile, conficcate nel terreno disposte secondo un allineamento di forma circolare. È stato ipotizzato che alcuni megaliti avessero la funzione di misura o di indicazione di importanti eventi astronomici, come i solstizi o gli equinozi (Archeoastronomia). Delle incisioni su queste pietre sono state talvolta interpretate come rappresentazioni di specifiche stelle e indicassero quindi l'orientamento astronomico della struttura. 5
  6. 6. Civiltà megalitiche. Dolmen, fine 2500 à -2000 a.C., La Roche-auxFées, Bretagne, Francia. Dolmen, fine 6000- ½ 3000 a.C., Mores, Sassari. Tomba dei Giganti, XVIII sec. a.C. ca., Sa Ena 'e Thomes, Dorgali. Dolmen, fine 6000- ½ 3000 a.C., Barrocal, Evora, Portogallo. 6
  7. 7. Civiltà megalitiche. Allineamenti megalitici, 5000-3000 a.C. ca., Carnac, Bretagna. Dolmen, 3000 a.C. ca., Bisceglie (BA). Hal Saflieni, Ipogeo,in. 3800 - 2500 a.C., complesso megalitico di Ggantija, Malta. 7
  8. 8. Complesso megalitico di Stonehenge, 3100 – 1500 a.C. Salisbury, Wiltshire, Inghilterra. 8
  9. 9. Newgrange. Complesso megalitico di Brú na Bóinne, 3200 – 1500 a.C. ca., valle del fiume Boyne, Dublino, Irlanda. Knowt. 9 Dowth.
  10. 10. Newgrange Ierofania (dal greco hieros = sacro e phoinein = mostrare): al sorgere del sole nel solstizio d’inverno la luce filtra attraverso una “finestra” posta sopra l’ingresso e giunge a illuminare completamente il fondo della camera alla fine del tunnel. 10
  11. 11. Distribuzione geografica delle tholoi. •Russia, Ucraina e Asia centrale: cultura kurgan. •Scandinavia: tholoi sono state utilizzate fino all'XI secolo. •Turchia: vi sono stati rinvenuti tumuli fra i più grandi al mondo (Bin Tepeler e altri tumuli della Lidia, Frigia e Commagene). •Grecia: celebri le tholoi di Micenee di Pylos. Famoso è il tumulo di Vergina, tomba di Filippo, padre di Alessandro Magno. •Italia: le più famose sono le tombe a tumulo etrusche, spesso utilizzate per secoli dalla stessa famiglia patrizia, ma si trovano anche in altre aree. •Isole Britanniche: tumuli preistorici si trovano in molti luoghi. Famosi sono i tumuli di Tara e di Newgrange. •Repubblica Ceca. •Ungheria. •Belgio: presso la città galloromana di Tongeren, se ne trovano più di 180. Tholos di Kivik, XI sec. a.C., Svezia 11 Tholos di Atreo, XIII sec. a.C., Micene.
  12. 12. Distribuzione geografica delle tholoi. Caciara abruzzese, Montagna dei Fiori, Teramo. Trulli, Alberobello, Bari. La volta circolare con pietre a secco delle tholoi è realizzata con il sistema dell'arco a mensola, ottenuto con l'aggiunta di successivi strati di pietra ammorsati nelle pareti in modo che l'arco avanzi progressivamente verso il centro, fino a quando le due porzioni si incontrano al centro. Palazzo Reale, porta principale, VI mill. a.C. – XIV sec. a.C. Ugarit, (od. Ras Shamra), Siria. Ricostruzione della tomba di Casale Marittimo, VII sec. a.C., Cecina. 12

×