Oralità e scrittura

  • 3,887 views
Uploaded on

lezione al corso di Epistemologia dell'Informatica, Università dell'Insubria, 6 dicembre 2008

lezione al corso di Epistemologia dell'Informatica, Università dell'Insubria, 6 dicembre 2008

More in: Technology , Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
3,887
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
98
Comments
0
Likes
8

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Dall’oralit` alla scrittura a La scrittura come spazio cognitivo (cc) Federico Gobbo federico.gobbo@uninsubria.it Universit` dell’Insubria a
  • 2. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione La Biblioteca di Babele I suoi scaffali registrano tutte le possibili combinazioni dei venticinque simboli ortografici (numero, anche se vastissimo, non infinito) cio` tutto ci` ch’` dato e o e esprimere, in tutte le lingue. Tutto: la storia minuziosa dell’avvenire, le autobiografie degli arcangeli, il catalogo fedele della Biblioteca, migliaia e migliaia di cataloghi falsi, la dimostrazione della falsit` di questi cataloghi, a l’evangelo gnostico di Basilide, il commento di questo evangelo, il commento del commento di questo evangelo, il resoconto veridico della tua morte. Jorge Luis Borges (1974:63–64) E naturalmente anche il testo di questa lezione.
  • 3. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Percezioni di cambiamento Cosa ` cambiato nella scrittura digitale? e Chi ha vissuto il computational turn, il salto computazionale, lo sente. Parole che perdono di senso:
  • 4. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Percezioni di cambiamento Cosa ` cambiato nella scrittura digitale? e Chi ha vissuto il computational turn, il salto computazionale, lo sente. Parole che perdono di senso: indice,
  • 5. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Percezioni di cambiamento Cosa ` cambiato nella scrittura digitale? e Chi ha vissuto il computational turn, il salto computazionale, lo sente. Parole che perdono di senso: indice, capitolo,
  • 6. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Percezioni di cambiamento Cosa ` cambiato nella scrittura digitale? e Chi ha vissuto il computational turn, il salto computazionale, lo sente. Parole che perdono di senso: indice, capitolo, paragrafo...
  • 7. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Percezioni di cambiamento Cosa ` cambiato nella scrittura digitale? e Chi ha vissuto il computational turn, il salto computazionale, lo sente. Parole che perdono di senso: indice, capitolo, paragrafo...
  • 8. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Percezioni di cambiamento Cosa ` cambiato nella scrittura digitale? e Chi ha vissuto il computational turn, il salto computazionale, lo sente. Parole che perdono di senso: indice, capitolo, paragrafo... Con cosa sostituirle?
  • 9. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Percezioni di cambiamento Cosa ` cambiato nella scrittura digitale? e Chi ha vissuto il computational turn, il salto computazionale, lo sente. Parole che perdono di senso: indice, capitolo, paragrafo... Con cosa sostituirle? word processing, videotel, email, chat, forum, wiki, blog...
  • 10. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Percezioni di cambiamento Cosa ` cambiato nella scrittura digitale? e Chi ha vissuto il computational turn, il salto computazionale, lo sente. Parole che perdono di senso: indice, capitolo, paragrafo... Con cosa sostituirle? word processing, videotel, email, chat, forum, wiki, blog... Mettiamo un po’ d’ordine.
  • 11. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Percezioni di cambiamento Mediamorfosi e rimediazione La distinzione tra “vecchie” (analogiche) e “nuove” (digitali) tecnologie tende a sparire: i media vengono pi´ e pi´ domesticati, u u i.e. addomesticati e domestici insieme, e si adattano continuamente per inserirsi nel nostro quotidiano, in un processo continuo di mediamorfosi (Fidler 1997). Diventa perci` impossibile fissare la natura dei (nuovi?) media in o un nuovo paradigma di analisi, che rimangono molteplici e cangianti (Bolter e Grusin 2002:12).
  • 12. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Percezioni di cambiamento La rimediazione polarizza le opposte identit` a La convergenza ` una strada a doppio senso. Pi´ le e u distinzioni tecnologiche tra diversi media tendono a cadere, pi´ le loro distinzioni concettuali diventano pi´ u u importanti che mai. Scott McCloud (2000: 205)
  • 13. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Percezioni di cambiamento La linea delle ri-mediazioni Secondo de Keckerhove, bisogna uscire dal sistema dei media per poter vedere in prospettiva la forma vera dei media precedenti: La forma vera della radio ` stata rivelata dalla tiv´. e u La forma della tiv´ ` divenuta manifesta soltanto dopo ue l’invenzione del computer. La forma del computer ` gi` ea possibile comprenderla meglio perch´ siamo entrati nel e mondo delle Reti. La forma delle Reti, invece, non ` e ancora visibile, perch´ non c’` nessun medium pi´ e e u avanzato delle Reti. Derrick de Keckerhove (1998 in Bolter-Grusin, 2002:12)
  • 14. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Che cos’` la scrittura? e L’artificialit` della scrittura a Dire che la scrittura ` artificiale non significa e condannarla, tutto il contrario: come e pi´ di ogni altra u creazione artificiale, essa ha valore inestimabile, poich´ ` ee essenziale allo sviluppo pi´ pieno dei potenziali umani u interiori... Le tecnologie non sono semplici aiuti esterni, ma sono anche trasfromazioni interne alla coscienza. Walter Ong (1982:124)
  • 15. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Che cos’` la scrittura? e La centralit` della scrittura a L’unica vera rivoluzione, sicuramente la pi´ importante, ` il u e passaggio dall’oralit` alla scrittura. a C’` qualcosa che distingue la scrittura da altri sistemi e semiotici, proprio come c’` qualcosa di specifico nella e lingua umana parlata rispetto ad altre forme di ` comunicazione... E significativo che la scrittura, nel senso comune del termine, sia comparsa per la prima volta in Mesopotamia durante l’Et` del bronzo, che vide a contemporaneamente lo sviluppo dell’aratro e della ruota. Jack Goody (2002:2)
  • 16. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Che cos’` la scrittura? e La scrittura modifica la memoria collettiva In Farenheit 451 Ray Bradbury riprende il problema della conservazione del sapere nell’oralit` in chiave fantascientifica. a
  • 17. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Che cos’` la scrittura? e I pionieri delle tecnologie dell’ecologia cognitiva La maggior parte dei programmi contemporanei gioca un ruolo di tecnologia intellettuale: riorganizza, poco o tanto, la visione del mondo dei suoi utenti e modifica i loro riflessi mentali [...] Si dovrebbero considerare i grandi autori della “rivoluzione informatica” come degli uomini politici di un tipo un po’ particolare. Il loro segno distintivo ` di lavorare sulla scala molecolare delle e interfacce, dove si organizzano i passaggi tra i campi, dove i micro-flussi sono deviati, accelerati, trasformati, le rappresentazioni tradotte, dove si annodano gli elementi costitutivi degli uomini e delle cose. Pierre L´vy (2000:59) e
  • 18. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione La domanda La domanda In che modo l’uso delle nuove tecnologie di scrittura ha cambiato e cambia la rappresentazione della conoscenza e lo spazio del pensiero?
  • 19. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione La domanda La domanda In che modo l’uso delle nuove tecnologie di scrittura ha cambiato e cambia la rappresentazione della conoscenza e lo spazio del pensiero? Linee di risposta: cosa ` successo nel passaggio dall’oralit` alla scrittura e a 1 cosa ` successo nel passaggio dalla scrittura alla stampa e 2
  • 20. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Dall’oralit` alla scrittura a Il paradigma chirografico non conosce autore umano Dai papiri egizi ai codici medioevali, l’opera non si firma. Non esiste l’autore nel senso moderno. Lo scrivano ` schiavo o monaco: l’Autore ` Dio, lo scrivano copia e e e cos´ tramanda. ı Il testo si manda a memoria, la lettura ` ad alta voce. e
  • 21. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Dall’oralit` alla scrittura a Il potere appartiene all’oralit` a Il Potere ` nell’oralit`, in chi detta la Legge, non in chi lo e a (tra)scrive. Il grado di coerenza (semantica) e coesione (sintattica) del testo ` e basso perch´ poco importante. L’importanza del testo sta nella sua e esecuzione, nella sua performativit`. a
  • 22. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Dall’oralit` alla scrittura a La scrittura come tecnologia L’uomo orale ha la stessa abilit` di pensiero di a chiunque altro, ma non la stessa capacit`; la mia a capacit` di pensare in termini matematici, per esempio, ` a e legata alla mia educazione, al fatto che ho appreso le tabelline: queste operazioni posso anche eseguirle mentalmente (“oralmente”, per cos´ dire), ma utilizzando ı un supporto scrittorio sono in grado di moltiplicare e dividere cifre complesse. Jack Goody (2002:3) L’alfabeto e i sistemi di numerazione, la lettera e il numero, sono una cosa sola nello spazio chirografico.
  • 23. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Dall’oralit` alla scrittura a La scrittura come linguaggio visibile del pensiero Ovvero non c’` pensiero formale senza scrittura e Parlare rende udibili i nostri pensieri. Pertanto, in un certo senso ` la lingua a creare i pensieri. La scrittura e rende la lingua e i pensieri visibili e questo di permette di riflettere sui pensieri in maniera differente [...] All’uomo arcaico mancano quel tipo di logica associata alla figura di Aristotele e quel genere di riflessioni tipiche della filosofia greca e delle altre filosofie scritte. Tali limitazioni sono legate alla mancanza di linguaggio visibile, cio` della e scrittura, che incoraggia non solo la riflessione semplice, ma anche quella di tipo formale. Jack Goody (2002:9)
  • 24. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Dall’oralit` alla scrittura a Il tempo rappresentato come spazio L’uomo “letterizzato” si distingue dall’uomo pre-alfabetizzato proprio per la capacit` di rappresentare il tempo come uno spazio, a non necessariamente lineare, ma non inevitabilmente circolare, ciclico-stagionale.
  • 25. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Dall’oralit` alla scrittura a I Greci inventano l’alfabeto fonetico Qualsiasi persona capace di leggere e scrivere grazie a un alfabeto fonetico a livello psichico risente continuamente degli effetti retroattivi delle sue invenzioni [mentali]. La scrittura s’insedia letteralmente nel cervello, dove organizza le proprie abitudini mentali... L’alfabeto ci ha dotati di un’idea strutturale, oltre che dello spazio, anche del tempo. Derrick de Kerckhove (2002:268)
  • 26. Alcuino da York (dietro) presenta l’allievo Rabano Mauro al vescovo Otgaro
  • 27. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Dall’oralit` alla scrittura a Lo spazio chirografico La standardizzazione dello spazio chirografico fu un processo lungo e difficile. Dapprima si fece uso di rotoli di papiro o pergamena, o tavolette d’argilla. La forma standard dello spazio chirografico la dobbiamo a Carlo Magno e alla riforma della calligrafia imposta autoritariamente da Alcuino (L´vy, 2000; Goody in Bocchi-Ceruti, 2002): e l’organizzazione del libro in codici (pagine piegate e legate assieme); l’impiego della carta; l’esistenza di un alfabeto e di una calligrafia comuni (la minuscola carolingia) almeno nella civilt` europea. a
  • 28. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Dall’oralit` alla scrittura a Tecnologi vs. umanisti: una distinzione medioevale Alcuino venne incaricato da Carlo Magno di diffondere la cultura in tutto il Sacro Romano Impero. Fond` la Scuola Palatina, un ordinamento comune alle sedi o episcopali e ai monasteri di tutta Europa, dove le arti vennero divise in Trivio (grammatica, logica e retorica) e Quadrivio (aritmetica, geometria, musica e astronomia).
  • 29. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Dall’oralit` alla scrittura a Tecnologi vs. umanisti: una distinzione medioevale Le arti del Quadrivio hanno il loro fondamento nella matematica, le ` arti del Trivio nella linguistica. E qui che nasce la distinzione tra tecnologi, le cui discipline hanno un fondamento quantitativo, e umanisti, dove il fondamento ` alfabetico. e
  • 30. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Dalla scrittura alla stampa
  • 31. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Dalla scrittura alla stampa Il potere da Dio all’Uomo La stampa a caratteri mobili rende il testo importante di per s´, e e quindi prende importanza l’autore. Senza Gutenberg, Lutero non avrebbe potuto diffondere le sue idee. Il potere ` l’autor-it`, ` nell’autor-e, autor-evole e autor-itario. e ae
  • 32. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Dalla scrittura alla stampa Il testo reso riproducibile La scrittura per sua natura si concentra sulla conservazione statica e immutabile delle informazioni. La stampa aggiunge a questo la moltiplicazione di copie identiche, il che permette a lettori separati nel tempo e nello spazio di condividere il riferimento alle stesse informazioni (Eisenstein 1980).
  • 33. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Dalla scrittura alla stampa Lo spazio tipografico La standardizzazione dello spazio tipografico fu un cammino difficile, ma meno lungo di quello intrapreso per lo spazio chirografico. Fu Aldo Manuzio, stampatore veneziano, a definirlo: introdusse l’in octavo, la piegatura del foglio in otto anzich´ e in due (in folio); invent` il carattere corsivo (italic), che permette la presenza o di una maggior quantit` di caratteri sulla pagina stampata a rispetto al tondo, mantenendo la leggibilit`;a elimin` glosse e note tipiche dei codici medievali. o
  • 34. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Dalla scrittura alla stampa L’ex libris di Aldo Manuzio, “affrettati piano”
  • 35. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Dalla scrittura alla stampa L’umanesimo ` figlio della stampa e Manuzio produsse libri maneggevoli e di argomento originale, affrancando il libro stampato dal modello del codice medievale seguito da Gutenberg. Era nato il libro moderno. Il sapere umanistico come noi lo conosciamo ` un “effetto culturale e della stampa” (McLuhan), e ha comportato il sorgere del sapere umanistico e dell’attivit` critica, possibile perch´ la (relativa) a e facilit` di riproduzione affranca lo studioso dalla necessit` di copia. a a
  • 36. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Dalla scrittura alla stampa Nasce la gabbia tipografica Nasce la gabbia tipografica. Vengono dati i numeri alle pagine. Datosi la sua prigione, il testo ricerca l’autosufficienza: nasce il metatesto, la riflessione del testo su se stesso. Coerenza e coesione diventano fondamentali. I rimandi esterni al testo hanno i loro spazi ristretti e riservati: note, indici, bibliografia. Il libro assume il significato tout court di testo, e lo sacralizza.
  • 37. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Dalla scrittura alla stampa Michel Foucault e la funzione autoriale La funzione-autore ` legata al sistema giuridico e e istituzionale che racchiude, determina, articola l’universo dei discorsi; essa non si esercita uniformemente e nella stessa maniera su tutti i discorsi, in tutte le epoche e in tutte le forme di civilizzazione; non ` definita e dall’attribuzione spontanea di un discorso al suo produttore, ma da una serie di operazioni specifiche e complesse. Michel Foucault (1969)
  • 38. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Dalla scrittura alla stampa Il modello di lettura lineare standard Fu Erasmo da Rotterdam il primo a numerare le pagine in analogia ai versetti della Bibbia. Questo consolid` il percorso di lettura o lineare avanti-indietro, sinistra-destra, alto-basso che ` rimasto e principe fino alla rivoluzione informatica. Naturalmente, non ` vero che lo spazio tipografico ` puramente e e lineare: le pagine sono piegate e divise in unit` standard (non sono a rotoli) e l’invenzione dell’indice coeva a quella del numero di pagina danno la possibilit` di letture non lineari. a
  • 39. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Le molteplici scritture digitali
  • 40. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Il paradigma videografico La standardizzazione dello spazio videografico ` figlia delle idee di e V. Bush, D. Engelbart, Th. H. Nelson, dello Xerox Parc e di Apple. Con la rimediazione digitale (Bolter) il testo perde gran parte del suo potere, vive nel dubbio, s’immerge in altri media – soprattutto immagini e suoni – diventa iper- e hype, vale a dire obsolescente. La rivoluzione digitale recupera quell’isomorfismo tra lettera e numero che era presente agli albori della scrittura ma che si era dimenticato col tempo. Perso il ruolo centrale della sequenzialit`, i a rimandi diventano centrali e si disseminano nel testo, divenuto multimediale. Vediamo perch´. e
  • 41. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione I principi elementari dell’interazione conviviale Il filosofo Pierre L´vy (2000:41) articola cos´ lo standard e ı videografico: rappresentazione figurata L’uso di icone per rappresentare strutture di informazione e comandi, al posto di rappresentazioni linguistiche. l’uso del mouse o di altro dispositivo analogo, che permetta il paradigma “punta e clicca”. men´ contestuali che mostrano l’area semantica delle possibilit` di u a scelta a disposizione dell’utente in un dato momento. la miniaturizzazione l’hardware diventa sempre pi´ maneggevole e u personalizzabile da parte dell’utente.
  • 42. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Il problema della localizzazione Ritorno alla chirografia? Molti studiosi concordano che la videografia recupera delle caratteristiche proprie della scrittura chirografica. Testo deriva originariamente dalla parola latina textum da cui ‘tessere’ e ‘tessuto’... La connettivit`a dell’elemento elettronico ` interattiva, ovvero i testi e possono esesre portati all’istante entro lo stesso ambiente psichico (Heim in Landow 1993:29).
  • 43. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Il problema della localizzazione Ritorno all’oralit`... a Secondo Ong (1982:119-120), sono sorprendenti le somiglianze con l’oralit` primaria pre-alfabetizzata: a per la mistica partecipatoria, per il senso di comunit`, a per la concentrazione sul momento presente... L’autore potrebbe essere sfidato se fosse possibile raggiungerlo, ma di fatto egli non pu` essere raggiunto in nessun o libro... Questo ` uno dei motivi per cui l’espressione ‘il e libro dice’ ha assunto popolarmente lo stesso significato di ‘` vero’. E questo ` anche uno dei motivi per cui i libri e e sono stati bruciati pi´ volte nel corso della storia. u
  • 44. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Il problema della localizzazione ...ma anche analogie con la tipografia divario temporale tra tecnologia e consolidamento solo nel Settecento la stampa diede un nuovo ordine all’ambiente sociale e ristruttur` la letteratura o radicalmente (Kernan in Landow 1993:39). il rapporto tra tecnologia e letteratura ` complesso la scrittura era e nata per supportare gli interessi elitari delle caste sacerdotali, ma ` sfuggita al loro controllo (Bolter in e Landow 1993:39). le tecnologie di scrittura sono ‘politiche’ le pratiche di lettura e di scrittura, e in particolare il loro accesso, hanno pesanti influenze politiche (Jameson in Landow 1993:40).
  • 45. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Il problema della localizzazione Il testo reso copiabile ma inaccessibile Se la tipografia aveva reso il testo riproducibile, la videografia lo rende copiabile. Il prezzo da pagare ` l’inaccessibilit` del testo sia e a all’autore che al lettore. La materia del testo si trova semplicemente al di fuori della dimensione umana. La tecnologia elettronica distacca o astrae l’autore e il lettore dal testo. Se guardate un disco magnetico o ottico alla luce del sole non vedrete affatto del testo [...] Ci sono cos´ tanti livelli ı di rimando che il lettore o l’autore ha seri problemi ad individuare il testo: ` sullo schermo, nella memoria a e transistor, oppure sul disco? James Bolter (1990:42–43)
  • 46. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Il problema della localizzazione I costi della videografia: volatilit` e mancanza di memoria a storica Cosa comporta la facilit` di copia? a Il testo elettronico ` il primo testo in cui gli elementi e di significato, di struttura e di visualizzazione sono fondamentalmente instabili. A differenza della stampa, o del codice medievale, il computer non richiede che alcun aspetto della scrittura sia determinato in anticipo per l’intera vita di un testo... L’inclinazione naturale della scrittura informatica ` il cambiamento. e James Bolter (1993)
  • 47. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Il problema della localizzazione La macchina del tempo ` la soluzione? e Nell’ottobre del 2001, i bot avevano raccolto oltre cinque anni di copie. Con un piccolo annuncio diffuso da Berkeley, California, l’archivio costituito da tali copie, l’Internet Archive, venne aperto al mondo. Usando una tecnologia chiamata The Way Back Machine, si poteva inserire l’indirizzo di una pagina Web, e visualizzarne le copie fino al 1996, con tutte le relative modifiche. Lawrence Lessig (2005:103)
  • 48. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Il problema della localizzazione Nasce la nostalgia del web di una volta! http://ridatecivirgilio.myblog.it
  • 49. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Il testo messo in crisi Decostruzione o ricostruzione del testo? Lo spazio videografico recupera la nozione di testo dell’antichit`. a Fu Quintiliano infatti a coniare la parola textum, intendendo il testo non come sequenzialit` bens´ come come tessuto, ordito, a ı trama, l’insieme dei fili del telaio. Ma se la non-sequenzialit` non ` esclusa dal testo chirografico e a e tipografico, quali sono allora gli elementi di novit` della scrittura a digitale?
  • 50. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Il testo messo in crisi Il lettore come attore del testo Parimenti all’indebolimento della forza dell’autorialit` si assiste a a un recupero del ruolo del lettore, a partire dagli anni 1970: Il testo ` un tessuto, un textum di citazioni e e riferimenti tratti da innumerevoli centri di cultura, ma c’` e luogo in cui tale molteplicit` converge e questo luogo ` il a e lettore, non – come si ` sempre detto – l’autore. e Barthes (1977:27)
  • 51. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Il testo messo in crisi Dall’ipertesto all’ipermedia La stimolazione sensoriale porta alla dipendenza dal contesto Secondo Ong (1982), la peculiarit` dell’oralit` secondaria nell’era a a della rivoluzione informatica ` la perdita della centralit` della vista, e a e del recupero degli altri organi di percezione, l’udito ma soprattutto la componente propriocettiva cinestesica, che porta a privilegiare gli ambienti immersivi. Nel nostro in-essere l’oralit` secondaria comporta la perdita del a senso del luogo (Meyrowitz) e porta a una continua relocalizzazione del soggetto, che diventa soggetto-in-situazione.
  • 52. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Il testo messo in crisi La multimedialit` de-sacralizza il testo a Nello spazio videografico il testo inteso come testo alfabetico viene sovente e facilmente immerso in elementi grafici e visivi (fissi e in movimento) i quali, nel processo di rilocalizzazione, lo disciolgono facendogli perdere centralit`. a Questo processo continuo porta alla de-sacralizzazione del testo in quanto autosufficiente e autorevole. La mistica del libro-feticcio viene polverizzata. Nasce la mistica degli ipermedia.
  • 53. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Il testo messo in crisi La convergenza tra testo e discorso Qual ` la conseguenza di questa de-sacralizzione del testo? e Probabilmente, la progressiva convergenza tra testo e discorso. Lo spazio videografico recupera caratteristiche proprie dello spazio chirografico o addirittura dell’oralit` primaria, prealfabetica. a Testi come le chat, gli sms, email informali, introducono elementi di tipo visivo (e.g., gli emoticon, le faccine) per rendere la vivezza del parlato.
  • 54. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Riepilogo: le tre grafie a confronto I tre paradigmi dello spazio letterario letteratura chirografica tipografica videografica iniziatore Omero Gutenberg Engelbart intellettuale lettore autore regista testualit` a ipo- meta- iper- copia unica multipla molteplice retorica gesto e memoria stile e pubblico percorso e partecipazione Gobbo (1998:144)
  • 55. Chirografia Tipografia Videografia Conclusione Riepilogo: le tre grafie a confronto Fine prima parte Attribuzione-Non Commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.5/it/ Sito di questo materiale: http://www.slideshare.net/goberiko/oralit-e-scrittura Domande?