Social network tra retorica e consapevolezza e tra teorie e pratiche<br />10 ^ Giornata Nazionale AIF della formazione<br ...
La principale questione che mi pongo<br />….. Dopo più di 15 anni di “rete”<br />
Nei nostri discorsi sul social network quanto è consapevolezza e quanto è  retorica?<br />Non possiamo fare oggi gli stess...
1993<br />
Consapevolezza è…<br />Andare oltre il discorso generico ed elegiaco<br />Capire i problemi<br />Non avere il rapporto dis...
Teorie<br />Quelle buone e quelle sgangherate<br />
Il social networkig altro non è che la “pistola fumante” del valore della ricerca sulla cognizione e sull’apprendimento di...
Ricerche che provano che<br />La conoscenza si costruisce in una dimensione sociale<br />La conoscenza è distribuita nel c...
Illich – Learning Web -1973<br />Un buon sistema educativo dovrebbe avere 3 obiettivi: <br />Fornire accesso a risorse a c...
Alcuni dotti riferimenti<br />Costruttivismo nella prospettiva sociale<br />Apprendimento nella prospettiva socio-antropol...
Cosa si può apprendere meglio nel social networking?<br />Un framework per analizzare le pratiche<br />
Verso un‘architettura della cognizione<br />D. Jonessen, Reconciling a Human Cognitive Architecture, (2009), in Constructi...
Il “cosa” dell’apprendimento<br />Conoscenza ontologica<br />Conoscenza epistemologica<br />Conoscenza fenomenologica<br />
La conoscenza ontologica (o di dominio) <br />descrive, comunica, esprime ciò che esiste. L’ontologia è il ramo della filo...
La conoscenza epistemologica (o di compito/task) <br />Descrive la conoscenza  correlata all’esecuzione di un compito, com...
Conoscenza fenomenologica <br />è la conoscenza di cui siamo introspettivamente consapevoli <br />quella che percepiamo at...
Conoscenza tacita (implicita)<br />la maggior parte di conoscenza fenomenologica è tacita, <br />non è direttamente access...
Conoscenza socio-culturale <br />la visione che si ha del mondo, i sistemi di valori, gli atteggiamenti, la conoscenza soc...
Conoscenza esperienziale<br />è la conoscenza che scaturisce da episodi di vita cui siamo stati coinvolti; <br />è il tipo...
Dalle teorie alle pratiche<br />Il social networking è la dimensione “naturale” dell’apprendimento umano<br />Fare social ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Social network tra retorica e consapevolezza e tra teorie e pratiche prima opzione

1,122 views
1,084 views

Published on

Intervento a Giornata AIF della formazione - Bologna 10 giugno 2011 (slide non utilizzate)

0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,122
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
17
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Social network tra retorica e consapevolezza e tra teorie e pratiche prima opzione

  1. 1. Social network tra retorica e consapevolezza e tra teorie e pratiche<br />10 ^ Giornata Nazionale AIF della formazione<br />Bologna 10 giugno 2011<br />Gianni Marconato<br />
  2. 2. La principale questione che mi pongo<br />….. Dopo più di 15 anni di “rete”<br />
  3. 3. Nei nostri discorsi sul social network quanto è consapevolezza e quanto è retorica?<br />Non possiamo fare oggi gli stessi discorsi di 15 anni fa <br />
  4. 4. 1993<br />
  5. 5. Consapevolezza è…<br />Andare oltre il discorso generico ed elegiaco<br />Capire i problemi<br />Non avere il rapporto distaccato (e saccente) dello “studioso scientifico” <br />Vivere attivamente<br />Costruire e sostenere pratiche <br />
  6. 6. Teorie<br />Quelle buone e quelle sgangherate<br />
  7. 7. Il social networkig altro non è che la “pistola fumante” del valore della ricerca sulla cognizione e sull’apprendimento di questi ultimi decenni <br />
  8. 8. Ricerche che provano che<br />La conoscenza si costruisce in una dimensione sociale<br />La conoscenza è distribuita nel contesto<br />La conoscenza è situata nelle pratiche<br />
  9. 9. Illich – Learning Web -1973<br />Un buon sistema educativo dovrebbe avere 3 obiettivi: <br />Fornire accesso a risorse a chiunque lo voglia ed in qualunque momento della vita <br />Fare in modo che chiunque voglia condividere il suo sapere possa trovare con chi farlo;<br />E creare opportunità per quelli che vogliono esporre le proprie idee pubblicamente<br />DeschoolingSocietyIvan Illich, (1973)<br />
  10. 10. Alcuni dotti riferimenti<br />Costruttivismo nella prospettiva sociale<br />Apprendimento nella prospettiva socio-antropologica<br />Apprendimento situato<br />Comunità di pratiche<br />Conoscenza distribuita <br />Apprendimento naturale<br />Connettivismo(?)<br />
  11. 11. Cosa si può apprendere meglio nel social networking?<br />Un framework per analizzare le pratiche<br />
  12. 12. Verso un‘architettura della cognizione<br />D. Jonessen, Reconciling a Human Cognitive Architecture, (2009), in ConstructivistInstruction. Succes or Failure? S. Tobias, T. M. Duffy (eds)<br />
  13. 13. Il “cosa” dell’apprendimento<br />Conoscenza ontologica<br />Conoscenza epistemologica<br />Conoscenza fenomenologica<br />
  14. 14. La conoscenza ontologica (o di dominio) <br />descrive, comunica, esprime ciò che esiste. L’ontologia è il ramo della filosofia che studia la natura della realtà, che descrive la tipologia e la struttura degli oggetti, le loro proprietà e le relazioni<br />Ci sono almeno tre tipi di conoscenza ontologica (sono normalmente oggetto dell’apprendimento in contesti scolastici formali)<br />Dichiarativa<br />Strutturale<br />Concettuale<br />
  15. 15. La conoscenza epistemologica (o di compito/task) <br />Descrive la conoscenza correlata all’esecuzione di un compito, come la conoscenza dichiarativa viene usata. <br />La conoscenza correlata con l’esecuzione di un compito è la comprensione di ciò che viene richiesto sul piano cognitivo per l’esecuzione di quel compito, ovvero la “conoscenza in uso” (de Jonget al.). <br />dall’azione e dall’applicazione della conoscenza dichiarativa si generano:<br />Conoscenza procedurale<br />Conoscenza situazionale<br />Conoscenze strategiche<br />
  16. 16. Conoscenza fenomenologica <br />è la conoscenza di cui siamo introspettivamente consapevoli <br />quella che percepiamo attraverso l’esperienza<br />quella che ci è d’aiuto nel renderci conto che le nostre percezioni sono spesso incongruenti con la realtà <br />è la percezione delle nostre esperienze<br />Tipi<br />Conoscenza tacita<br />Conoscenza socio-culturale <br />Conoscenza esperienziale<br />
  17. 17. Conoscenza tacita (implicita)<br />la maggior parte di conoscenza fenomenologica è tacita, <br />non è direttamente accessibile alla coscienza<br />è ciò che conosciamo ma non possiamo verbalizzare, non può essere conosciuta ma inferita<br />
  18. 18. Conoscenza socio-culturale <br />la visione che si ha del mondo, i sistemi di valori, gli atteggiamenti, la conoscenza socialmente condivisa all’interno di una cultura. <br />Se affrontata in modo diretto può diventare esplicita ma il più delle volte influenza la percezione personale e la comprensione di differenti esperienze in modo indiretto in modo meno consapevole. <br />E’ un tipo di conoscenza non individuale e ci apre la questione della distribuzione della conoscenza tra più persone. <br />La conoscenza presente nella mente di una singola persone è spesso contrapposta alla conoscenza presente nel mondo (Jonassen, 1999)<br />
  19. 19. Conoscenza esperienziale<br />è la conoscenza che scaturisce da episodi di vita cui siamo stati coinvolti; <br />è il tipo di conoscenza che ci aiuta a risolvere problemi, pianificare attività, progettare cose, diagnosticare situazioni, spiegare fenomeni, prevedere effetti (Kolodner, 1992). Di fronte ad una nuova situazione noi richiamiamo alla nostra memoria una simile vissuta in precedenza. Il caso precedente ci aiuta a risolvere quello attuale. <br />E una forma di memoria dinamica che cambia col tempo con l’integrazione di nuove esperienze in quelle passate (Schank 1982). <br />L’intelligenza umana altro non è che la libreria interna di storie indicizzate (Schank, 1999) <br />
  20. 20. Dalle teorie alle pratiche<br />Il social networking è la dimensione “naturale” dell’apprendimento umano<br />Fare social networking dovrebbe essere un “impulso” altrettanto naturale<br />Ma così non è <br />Non basta che un processo, un fenomeno sia (teoricamente) possibile perché si traduca in pratiche<br />Non lo è in modo spontaneo-naturale ma necessita di sostegno<br />La questione è il tipo di sostegno da offrire<br />

×