• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Il pesce non sa dell'esistenza dell'acqua
 

Il pesce non sa dell'esistenza dell'acqua

on

  • 1,532 views

La teoria in pratica: esempi di pratiche fondate su teorie. Presentazione al congresso SIe-L 2013

La teoria in pratica: esempi di pratiche fondate su teorie. Presentazione al congresso SIe-L 2013

Statistics

Views

Total Views
1,532
Views on SlideShare
985
Embed Views
547

Actions

Likes
9
Downloads
12
Comments
2

6 Embeds 547

http://www.scoop.it 369
http://kidblog.org 174
http://www.linkedin.com 1
http://didatticamediale.webnode.it 1
https://www.google.it 1
http://www.freesafeip.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel

12 of 2 previous next

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
  • SalPir ..... non è facile riflettere .. e così perdiamo tante occasioni per imparare. Una qualche forma di riflessione su narrazioni la abbiamo portata avanti nel progetto www,storiedididattica.it/blog. Narrazioni taggate in vario modo e commenti riflessivi .... Non è molto, ma è già qualcosa. Forse la ragazza Chance voleva dire che si fa prima a dire una teoria che a renderla operativa?
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
  • ma perchè tanto pensiero, non il tuo ma quello che tu spesso rappresenti, non circola, o, se circola, subito svanisce? so solo che la forma degli aggiornamenti pencola ancora nel frontalismo, nel trasferimento, non conosco pratiche riflessive, ossia un laboratorio organizzato dentro una cornice di back-talk, di storie di secondo livello, di restituzioni, insomma: di riflessività. la mante che pensa mentre agisce e manipola oggetti che a loro volta la rimodulano, la mente, di cui le nostre pratiche informali digitali trasudano, non solo nella scuola, ma nche tra chi dovrebbe/potrebbe formare la scuola, latita. baci a gianni nato marco
    PS: una mia alunna chance, quando si discuteva, in un corso per parrucchiere, se la teoria fosse o meno importante, rispose, sicura e lapidaria: certo che sì, CON LA TEORIA SI FA PRIMA. t'e gapì?
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Il pesce non sa dell'esistenza dell'acqua Il pesce non sa dell'esistenza dell'acqua Presentation Transcript

    • Il pesce non sa dell’esistenza dell’acqua
    • La teoria in pratica: esempi di pratiche fondate su teorie GIANNI MARCONATO @ SIE-L 2013 ROMA 12 – 13 DICEMBRE 2013
    • Menù di oggi
    • Il mio intervento in un minuto Domande per niente retoriche Teoria e pratica Elementi concettuali Esempi Conclusione ?
    • Basterebbe un minuto ….. Le tecnologie digitali sostengono in modo quasi naturale processi di  apprendimento ricchi L'apprendimento è un processo complesso, troppo spesso semplificato,  trascurato, poco conosciuto, superficialmente trattato anche da chi lo  utilizza come "materia prima" e dovrebbe caratterizzarsi come un  professionista dello stesso Una maggior consapevolezza dei processi di apprendimento aiuterebbe  a migliorare l'efficacia delle didattiche L’uso delle tecnologie nella didattica risulta essere poco compreso e,  conseguentemente, poco utile, sottoutilizzando in questo modo le  opportunità di cui sono portatrici Solide teorie dell'apprendimento potrebbero sostenere pratiche  didattiche efficaci ed un uso intenzionale e ricco delle tecnologie
    • Qualche premessa 1. La scuola non deve cambiare per la  presenza del digitale 2. Ma, anche, la il digitale è un elemento  della nostra cultura (v. antropologia  culturale) e starne fuori vuol dire stare  fuori dal nostro tempo, vivere la scuola  come parte separata della società
    • Questioni fondanti e questioni contingenti
    • Questioni fondanti 1. La disponibilità di strumenti digitali nella quotidianità della  gente e nelle aule cambia qualcosa nella formulazione dei  fondamenti classici della pedagogia e della didattica? C'è  qualcosa che salta, che non vale più, o che vale meno? Vanno  ri‐declinati? Vanno sostituiti? 2. Le caratteristiche peculiari delle tecnologie digitali offrono  nuove opportunità per fare una didattica più ricca, più  efficace? 3. Le scoperte di questi ultimi decenni sull'apprendimento e sulla  cognizione trovano negli ambienti digitali degli «alleati» alla  loro utilizzazione nelle pratiche didattiche? 4. La presenza del digitale obbliga necessariamente a  cambiare/innovare la didattica?
    • Questioni contingenti 1. Quali innovazioni didattiche sono  possibili/sostenibili nel contesto attuale? 2. Quali direzioni strategiche dovrebbero assumere  le policy educative e scolastiche? 3. Se il cambiamento è necessario/auspicabile,  come sfidare le teorie implicite che governano le  pratiche didattiche di tanti insegnanti? Come  attivare e sostenere il conceptual change?
    • Una contraddizione? Niente è più pratico di una buona  teoria (K. Lewin) L’insegnamento non è una scienza  teorica (D.Laurillard)
    • La sintesi L’insegnamento è un’attività che si sviluppa sulla  base di principi e scoperte personali L’insegnamento è una “principled reflective  practice”, una pratica basata su solide  concettualizzazioni e sulla riflessione sulla pratica  stessa Diana Laurillard
    • Le teorie
    • … alcuni dei riferimenti concettuali utili (e utilizzati) 1. Case‐based Learning  2. Flessibilità cognitiva  3. Case‐based reasoning 4. Apprendimento dall'esperienza  5. Problem solving
    • Case-based Learning Uso di casi, cioè situazioni reali in cui i  "contenuti", le "teorie«, le «procedure»  che sono oggetto dei curricoli prendono  forma, sono utilizzati
    • Cognitive Flexibility Theory Teoria che descrive come la nostra  mente funziona quando ci troviamo a  risolvere problemi complessi
    • Case-based reasoning Teoria della memoria che spiega come  noi organizziamo le nostre esperienze e  gli apprendimenti associati e come li  utilizziamo quanto dobbiamo risolvere  altri problemi
    • Problem solving Processi mentali e strategie operative  che intervengono quando dobbiamo  risolvere differenti tipi di problemi
    • Le pratiche
    • Due modelli 1.Ask System 2.Ipertesti per la flessibilità  cognitiva
    • Utilizzi didattici 1. Gli insegnanti costruiscono gli  ambienti e gli studenti li utilizzano  attraverso attività di apprendimento 2. Gli studenti costruiscono gli ambienti  come attività di apprendimento
    • Ask System  Metafora della conversazione di un novizio  con un esperto  Casi come esperienze precedenti  Si apprende risolvendo transfer cases basandosi su esperienze vicarie
    • As System per addetti al ricevimento d’albergo Scuola  Professionale  Alberghiera   Merano
    • Ask System per la formazione di insegnanti neo immessi in ruolo IPRASE Trento ‐ Rovereto
    • Ipertesti per la flessibilità cognitiva  Metafora del Criss‐cross Landscape  Casi come prospettive alternative  Si apprende costruendo una propria  comprensione di un problema esplorando  casi reali 
    • CFH I 1000 volti dell’immigr azione IPRASE Trento ‐ Rovereto
    • CFH Gutenberg & Internet Scuole  professionali  Bolzano
    • Conclusioni ? 1. Phoenix Effect? 2. ……. 3. …….