Architettura ibrida: l'apporto di Lars Spuybroek
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Architettura ibrida: l'apporto di Lars Spuybroek

on

  • 1,048 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,048
Views on SlideShare
1,048
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
3
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Architettura ibrida: l'apporto di Lars Spuybroek Architettura ibrida: l'apporto di Lars Spuybroek Presentation Transcript

  • Architettura ibrida: l’apporto di Lars Spuybroek Giada Marcolin (mat. 271552)
  • Architettura ibrida: l’apporto di Lars Spuybroek
    • Cos’è l’ibridazione in architettura?
    • L’ibridazione in questo contesto è un processo che permette di realizzare opere architettoniche tramite l’insieme di nuove tecnologie, nuovi materiali e non solo che concorrono a creare un elemento finito nuovo; per niente simile all’insieme delle varie parti, con funzioni innovative e soprattutto proprie.
  • Architettura ibrida: l’apporto di Lars Spuybroek
    • Chi è Lars Spuybroek?
    • Architetto olandese fondatore dello Studio Nox
    • È impegnato in attività di ricerca nella relazione che intercorre tra architettura e tecnologie digitali
    • Si occupa di architettura NON STANDARD
    • Combina ricerca e tecnologia con metodi di progettazione
  • Architettura ibrida: l’apporto di Lars Spuybroek
    • Lars Spuybroek e l’architettura
    • L’architettura di Lars Spuybroek si approccia molto alle tecnologie digitali,
    • le quali vanno oltre le convenzioni permettendo di liberare qualsiasi tipo di
    • progetto architettonico da schemi prefissati.
    • Ecco che la sua architettura si colloca in uno spazio di transizione tra
    • biologico-reale e tecnologico-virtuale.
  • Architettura ibrida: l’apporto di Lars Spuybroek
    • Torre interattive a Doetinchem, Olanda
    • D-tower
    • È un’opera architettonica urbana che cambiando colore fa scoprire i sentimenti della città intera. Essa è un amalgama complesso di mezzi di comunicazione formato da tre parti inter-relazionate l’una all’altra: la costruzione (la Torre), un questionario ed un sito web.
  • Architettura ibrida: l’apporto di Lars Spuybroek
    • Rapporto tra tecnologia e architettura
  • Architettura ibrida: l’apporto di Lars Spuybroek
    • Machining Architecture
    • Fasi di questo processo di progettazione:
    • Selezione del sistema
    • Creazione di una configurazione
    • Mobilitazione degli elementi
    • Successivo consolidammento
    • Risultato: morfologia architettonica finale
    • Fasi lavorative:
    • Raccolta di informazioni
    • Ricerca
    • Analisi
    • Produzione effettiva
  • Architettura ibrida: l’apporto di Lars Spuybroek
    • Divulgazione delle informazioni
    • Per l’architetto olandese è molto importante
    • la diffusione e la condivisione delle informazioni
    • Ha partecipato al DEAF (Dutch Electronic Art Festival)
    • organizzato da V2_Organisation a Rotterdam
    • Qui ha presentato “Softsite” nel 1996
  • Architettura ibrida: l’apporto di Lars Spuybroek
    • Softsite
    • Installazione interattiva in cui Lars Spuybroek
    • rappresenta il traffico di rete partendo da un modello 3D della città di Rotterdam.
    • Da qui sovrappone Softscrapers (forme astratte),mostrando come la rete si intrecci con le vie della città.
  • Atchitettura ibrida: l’apporto di Lars Spuybroek
    • Cos’è il DEAF?
    • Dutch Electronic Art Festival: festival biennale internazionale e interdisciplinare che fa risaltare il crossover tra arte, tecnologia e società
  • Architettura ibrida: l’apporto di Lars Spuybroek
    • V2_Organisation
    • Piattaforma interattiva che mette a disposizione informazioni su attività e persone che hanno collaborato con essa e lo sviluppo dei loro progetti; mettendo inoltre a disposizione software, archivio e website.
  • Architettura ibride: l’apporto di Lars Spuybroek
    • Immagini di alcune opere dell’architetto
  • Architettura ibrida: l’apporto di Lars Spuybroek
    • Linkografia
    • www.v2_organisation.com
    • www.googleimmagini.it
    • Bibliografia
    • Ludovica Tramontin, (2006), Nox, EDILSTAMPA
    • Lars Spuybroek, (2004), NOX, Thames & Hudson