• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
TERRA - quotidiano - 23/02/2011
 

TERRA - quotidiano - 23/02/2011

on

  • 562 views

 

Statistics

Views

Total Views
562
Views on SlideShare
562
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    TERRA - quotidiano - 23/02/2011 TERRA - quotidiano - 23/02/2011 Document Transcript

    • Dalle città Milano: Pisapia chiede l’election day Napoli: tornano le Mamme vulcaniche pagine 10 e 11 Anno VI - n. 45 - mercoledì 23 febbraio 2011 - E 1,00 Emergenza La denuncia dei cittadini: «Siamo costretti a vivere in casa, come bestie chiuse in gabbia. non ce la facciamo più» Palermo, incubo rifiuti in numerosi comuni della provincia i cumuli d’immondizia arrivano a lambire le case: tra lavoratori in sciopero e discariche esaurite è di nuovo caos. Situazione difficile a cinisi, capaci e Partinico. intanto la tassa aumenta del 30% Servizi a pagina 5 Libia In fondo In un delirante ma non era discorso alla tv di un caro amico? Luca Bonaccorsi Stato il Colonnello Davvero poco rassicurante il di- Gheddafi annuncia scorso di ieri del folle Rais libi- co. Certo nessuno si aspettava la sua resistenza aperture politiche e atteggia- menti diplomatici. Lo show te- «fino alla morte». levisivo era fatto essenzialmen- te a uso interno, per galvaniz- Ha le ore contate zare i suoi e incutere paura nei dimostranti. Il messaggio co- ma intanto la stima munque è arrivato: il signore dei Rayban, delle tende e delle delle vittime sale. sexy bodyguard non molla. La retorica del complotto ester- Da noi invece si no non ha risparmiato neanche l’Italia. Una cosa che Berlusco- litiga sull’emergenza ni, dopo i suoi numerosi inchi- ni e baciamano, dovrà spiegare al Paese. profughi La tensione quindi non cala. Il che vuol dire ancora vittime e Ultimo atto Servizi alle pagine 2 e 3 ancora sangue. Sulla gravità del conflitto a venire però i mercati, di solito un buon indicatore, ie- ri hanno accolto il discorso con insolita freddezza. Il petrolio è © MONTEFORTE/ANSA salito fino a 108 dollari in Euro- pa e fino a 94 negli Usa, ma poi si è assestato su livelli inferiori. Le borse hanno perso ma, an- che a Milano chiusa per un inve- rosimile guasto tecnico fino alle 15,30, poco più dell’1%. La reazione più consistente si è notata sulle materie prime ali- mentari, con cali superiori al 5% Dal Transatlantico Retroscena 2 Nordest 8-9 Recupero 12 Sped. in Abb. Post. D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 1 DCB - Roma per grano e frumento. Le proba- bilità che la crisi nordafricana getti il mondo in una vera e pro- Il governo La Polverini punta in alto: un suo mini partito e un La Lega vuole un Cie a Venezia: uno sgarbo per Contro l’usa e getta si diffonde il fai da te, con pria crisi petrolifera, rispeden- do tutti in recessione, sono an- cambia strategia posto ai piani alti del Pdl. Ma prima deve piegare allo la città che non ama il Carroccio e le sue politiche tanto di manifesto. E grazie alla rete è possibile donare cora modeste per gli investitori. A contenere la paura una serie e toni sulla Libia scopo il sindacato Ugl sui migranti. è polemica. nuova vita anche a un iPad di fattori. Il primo, quello fonda- mentale, è che le transizioni di Aldo Garzia potere, finora, sono state relati- vamente incruente e veloci (ve- Questa mattina alle 10:30, orario di Egitto e Tunisia). Il secondo è insolito dettato dall’emergenza che l’epidemia ancora non sem- internazionale, Franco Frattini si bra diffondersi alla penisola ara- © SCROBOgNA/LAPRESSE presenta nell’Aula di Montecito- bica dove c’è il grosso delle ri- rio per riferire sulla crisi libica e sorse petrolifere. Il terzo è che sulle specifiche iniziative italia- il contesto generale, fino alle ri- ne. Il ministro degli Esteri, dal volte arabe, era uno di modesta Cairo dove ieri era impegnato ma decisa uscita dalla recessio- in un incontro con i vertici del- ne. Il quarto è un elemento mi- la Lega Araba, ha cambiato tono rispetto a due giorni fa: «Siamo Ecopulci «E tu sei a favore o contro l’energia nucleare o non hai ancora una posizione?». In attesa di una risposta da parte del pub- nore, stagionale ma importan- te: l’inverno dell’emisfero nord10223 molto preoccupati per i rischi di blico televisivo, lo spot sul nucleare è stato dichiarato pub- è quasi finito e i consumi ener- una guerra civile e di un’immi- blicità ingannevole dallo Iap, l’Istituto dell’autodisciplina pubblicitaria. getici stanno per ridursi. E poi la grazione verso l’Unione europea Nucleare, A sollecitare la decisione del gran giurì erano state le numerose prote- recessione, se arrivasse davvero, 9 772036 443007 di dimensioni epocali». In Libia, ste di associazioni ambientaliste e cittadini che, dallo scorso dicembre, ridurrebbe anche la domanda per la verità, è già guerra civile e le forniture di gas verso l’Italia, il Giurì blocca hanno segnalato all’istituto lo spot «come esempio di raffinata mani- polazione». Per farci un’idea di come sarà la campagna di comunica- di petrolio moderandone l’effet- to scarsità. Insomma incertez- principale partner economico di Tripoli, si stanno avviando verso lo spot: zione governativa che ci accompagnerà fino ai referendum su acqua e nucleare, la decisione dello Iap, che è del 18 febbraio, è stata caratteriz- za e ancora incertezza. Una so- la cosa resta sicura: che altri ca- l’interruzione. Segue a pagina 2 «Ingannevole» zata da un assordante silenzio/assenso. Quello dei media. dranno sotto la violenza di que- sto strano amico di Silvio.
    • >>Primo Emerg2 mercoledì 23 febbraio 2011Emergenza Proseguono gli sbarchi di migranti a Lampedusa, ma cambiano le rotte.È lite sull’accoglienza a Mineo, Catania. Il governatore Lombardo accusa il governo di razzismoAncora tunisini in Sicilia«Mandateli al Nord»Susan DabbousP reoccupato per un flus- so migratorio di «di- mensioni assolutamen- te epocali» il ministrodegli Esteri Franco Frattini si èrecato ieri mattina nell’Egittoliberato per parlare della que-stione libica. Una scelta det-tata da una necessità pratica,perché nonostante il governodi transizione ret-to dall’esercito, con Il ministro degliil Cairo sono anco- Esteri Francora attivi gli accordi Frattini è volatobilaterali che pre-vedono i rimpatri in Egitto perimmediati per i cit- controllare iltadini egiziani che rispetto deglitravalicano i nostri accordi bilateraliconfini. Così è sta-to ad esempio per i 40 fuggia- e dalla lotta all’immigrazione, gli oneri degli sbarchi in ambito di malumore, più territoriale, è su Sicilia, Puglia e Calabria. Lom-schi arrivati il 16 febbraio scor- con la Lega Nord che punta il comunitario, non solo sul piano stato esternato ieri dal governa- bardo ha quindi fatto esplicito rife-so a Marina di Ragusa e imbar- dito contro l’Unione europea economico (sono stati stanziati tore della Regione Sicilia, Raffa- rimento al rischio «ghetto» nel ca-cati su un charter il giorno do- che non vuole prendersi una 100 milioni di euro per far fron- ele Lombardo: «Perché non ve li so in cui vengano trasferiti i tunisi-po. Il discorso-delirio di ieri del quota di migranti e la Regione te all’emergenza) ma manche prendete al Nord?». I ponti ae- ni nel Villaggio degli Aranci di Mi-colonnello Gheddafi ha reso an- Sicilia che accusa il governo di per il trasferimento fisico. Nel rei che nelle ultime settima- neo (Catania). È qui che i il gover-cora più concreti gli incubi del inerzia. Due i nodi fondamenta- caso dei tunisini, ad esempio, ne trasferiscono i migranti da no vorrebbe trasferire i richieden-governo. Un esecutivo tenu- li: il primo è un accordo, che al la loro meta è la Francia, non Lampedusa ai centri di identifi- ti asilo, fino a 7mila persone in 400to insieme solo dal federalismo momento non c’è, per ripartire certo l’Italia. Il secondo motivo cazione, infatti, fanno rotta solo appartamenti. Ma a dire il vero, inDal Transatlantico Il ministro Frattini si dice preoccupato per il rischio di «un’immigrazione Retroscenaverso l’Ue di dimensioni epocali». Ma per Berlusconi la priorità resta la riforma della giustizia La PolveriniSulla Libia il governo e l’assalto al sindacato Uglcambia toni e strategia Betta Salandra Berlusconi ostenta sicurezza sulla durata della legislatura, ma dietro le quinte più d’uno si prepara alla prossima torna-Garzia dalla prima li partner nazionali e internazio- lamento. Ma non va bene la con- i magistrati di Milano). Il vertice ta elettorale. Anche nelle schie- nali. Il premier è allarmato per fusione di compiti perché noi non con alcuni ministri per valutare re della destra gli spiriti ribollo- Siamo lontani dalle prime di- l’uso inaccettabile della violenza abbiamo condiviso quanto è sta- le iniziative da mettere in campo no, anche perchè l’uscita di Fi-chiarazioni di Silvio Berlusconi, sulla popolazione civile». Il rice- to fatto sin qui». I Verdi chiedono di fronte alla crisi in Libia che ha ni ha di fatto lasciato un vuo-quando c’erano le avvisaglie della vimento in pompa magna offer- al governo di «sospendere imme- immediate ripercussioni sull’eco- to di leadership tra gli ex An.rivolta e aveva detto di non aver to al colonnello libico appena lo diatamente il trattato con la Libia nomia italiana, si è tenuto solo in A giocarsi la partita a Roma citelefonato al colonnello Ghedda- scorso agosto, con tanto di sfilata fino a quando non verranno ces- serata. Mentre ci si attrezza, con sono il sindaco Alemanno e lafi per «non disturbare». Frase as- dei corpi speciali militari a Piaz- sati i bombardamenti sui manife- l’aiuto delle organizzazioni inter- presidente del Lazio, la Polve-sai infelice, corretta già domeni- za di Siena (Villa Borghese), poi stanti», ha spiegato il presidente nazionali e dell’Ue, ad affrontare rini. Quest’ultima, racconta-ca sera in tv da Ignazio La Russa, contraccambiato a Berlusconi a del Sole che ride Angelo Bonelli, anche un’eventuale ondata mi- no i suoi collaboratori, ha lettoministro della Difesa, a Che tem- Tripoli, è un ricordo che il gover- aggiungendo poi che «Berlusco- gratoria sulle coste italiane, Um- come un successo personale lapo che fa: «Non avrei usato la pa- no ha fretta di cancellare. Fratti- ni dovrebbe semplicemente ver- berto Bossi liquida la questio- vittoria alle regionali e sta lavo-rola “disturbare”. Lo dico franca- ni potrebbe proporre questa mat- gognarsi per aver appoggiato un ne con la consueta rozzezza pa- rando a un ingresso trionfalemente, avrei usato un altro ter- tina la formazione di una Unità dittatore sanguinario che viola si- dana: «Speriamo che non arrivi- ai piani alti del Pdl. Il taxi permine ma non ci si può impicca- di crisi formata da maggioranza stematicamente i diritti umani». no. Se arrivano, li manderemo in Palazzo Chigi si chiamereb-re alle parole». L’ulteriore corre- e opposizione per monitorare la Malgrado le notizie drammatiche Francia e Germania». Non è certo be “Città nuova”: il neo partiti-zione è arrivata martedì dopo le situazione. L’idea è di Pier Ferdi- che giungono dalla Libia, il Cava- un atto di cortesia alla vigilia del- no laziale, che dovrebbe certi-20, quando Palazzo Chigi diffon- nando Casini, leader dell’Udc, ed liere ieri mattina ha dato priori- la riunione dei ministri dell’Inter- ficare il peso elettorale della exdeva un comunicato che si alli- è stata commentata favorevol- tà alla riforma della giustizia in- no di Italia, Cipro, Francia, Gre- sindacalista. Potrebbe esordireneava alle posizioni dell’Unione mente da Roberto Maroni, mini- contrandosi a Palazzo Grazioli cia, Malta e Spagna che si terrà già alle amministrative di Lati-europea: «Il presidente del Con- stro dell’Interno. Pier Luigi Bersa- con il guardasigilli Angelino Alfa- oggi a Roma. L’obiettivo dell’in- na, pestando addirittura i pie-siglio segue con estrema preoc- ni, segretario del Pd, è diffidente: no (si sarebbe messa a punto an- contro è formalizzare una posi- di al rais locale, il senatore Faz-cupazione l’evolversi della situa- «Ciascuno faccia il suo mestiere. che la strategia difensiva sul Rub- zione internazionale comune per zone. Essenziale per il progettozione in Libia e si tiene in stret- Vanno bene il dialogo e la colla- ygate, a partire da come sollevare affrontare la probabile emergen- è il sostegno del suo sindaca-to contatto con tutti i principa- borazione, la sede giusta è il Par- il conflitto di attribuzione contro za migratoria e umanitaria.
    • piano>>genza mercoledì 23 febbraio 2011 3 Libia Oltre mille morti a Tripoli. Si combatte per le strade. A rischio le forniture di gas europee. Il Colonnello però non si arrende: «Manifestanti come ratti. Sarà un’altra Tienanmen» piena emergenza, non si cono- scono ancora i numeri di quan- ti vogliano veramente godere di una protezione umanitaria che Ancora bombe sulla folla Gheddafi: «Morirò qui» li legherebbe legalmente al no- stro Paese. In Sicilia nei centri d’accoglienza regna il caos. A Rosolini, in provincia di Siracu- sa, ne sono già fuggiti una cin- quantina. A Lampedusa, inve- ce, per far fronte all’emergenza sbarchi, si è già bloccata l’attivi- tà di identificazione dei migran- ti che continuano ad arrivare sfi- dando il mare forza 5. Uno sbar- co insolito all’alba di ieri fa inol- tre sospettare che stiano cam- biando le rotte dei tunisini. «So- no arrivati da Nord Est e non da Sud Ovest», racconta il co- mandante della guardia costie- ra Antonio Morana. I 47 migran- ti giunti sulla costa, intorno al- le sei del mattino, si sono avvici- nati il più possibile, ma non es- sendo stati intercettati dalle au- torità non hanno saputo attrac-© LANNINO/ANSA care e se la sono fatta a nuoto. Poi sono andati a piedi in paese e hanno bussato alla porta dei Carabinieri. «Possiamo suppor- re - continua Morana - che sia- no scesi da un peschereccio au- torizzato che li ha poi calati su Annalena Di Giovanni «V due piccole imbarcazioni». Per le indagini però c’è poco tem- ermi. Ratti. Giova- po, in serata la guardia costie- ni malati e droga- ra ha dovuto assistere ad altri ti venuti dall’este- due sbarchi. Di Frontex, l’Agen- ro. Mercenari. Ri- © AP/LAPRESSE zia europea per le frontiere, an- volte organizzate dall’estero. So- cora nessuna traccia. no un combattente beduino che morirà nel suo paese da mar- tire». Nel suo discorso televisi- bero un “genocidio”, invece, se- cui annunciava di essere anco- geria circolano annunci pubbli- vo di ieri Muammar Gheddafi condo le parole dei diplomati- ra a Tripoli e non in Venezuela– citari che promettono duemila to, l’Ugl. Ma dentro il sindaca- ha minimizzato le proteste dei ci libici e dell’Alto commissario lo faceva reggendo un ombrel- dollari al giorno per chiunque si to qualcuno non ci stà. La poli- suoi concittadini fino a definir- Onu per i Diritti Umani Navy Pil- lo dal sedile posteriore di un’uti- arruolasse contro i manifestanti ticizzazione dell’organizzazio- le una cospirazione. Per molti, litaria, da un luogo imprecisa- lay, contro il quale gli stessi uffi- libici. E ormai si parla di più di ne infatti gli restringe il cam- quello di ieri era il suo ultimo di- ciali del governo di sono ribella- to che aveva tutta l’aria di essere mille morti. È persino impossi- po di azione rendendo tutta la scorso, mentre ogni angolo della ti, dopo che già nei giorni scorsi una cantina dimessa. C’era vo- bile rimuovere i cadaveri river- politica delle rivendicazioni or- Libia era in fiamme, gli ospedali due delle principali tribù che ap- luta qualche ora per capire che si lungo le strade. Si muore per ganica e strumentale al proget- avevano perso il conto dei morti, poggiavano il colonnello si era- non era uno scherzo. Che non essere in strada, si muore per es- to politico. E siccome a Renata i mercenari a Tripoli e Bengha- no dissociate minacciando di c’era neanche da ridere, quan- sere usciti di casa, si muore per l’opposizione interna non pia- si sparavano ad altezza d’uomo, bloccare gli oleodotti verso l’Eu- do diceva «non credete alle ra- aver acceso la macchina, si muo- ce, le teste hanno cominciato internet andava e veniva, le tele- ropa, se necessario. dio, sono cani bugiardi». E che il re e basta. a rotolare. Fuori il responsabile visioni venivano oscurate e il ta- Colonnello del quale non si vo- umbro, fuori quello di Isernia, glio delle comunicazioni tentava Detto fatto, il petrolio per l’Ita- leva mettere in dubbio “la sovra- Il confine con l’Egitto è defini- fuori il responsabile dei tra- inutilmente di coprire la violen- lia si è fermato ieri, mentre uno nità”, per citare Frattini, è di fat- tivamente aperto e in gran par- sporti. Tutti i critici della linea ta risposta delle ultime forze fe- per uno gli amba- to tanto instabi- te controllato dagli oppositori che vuole l’Ugl piegata al pro- deli al colonnello contro i mani- sciatori libici rasse- In Nigeria, annunci le quanto perico- del regime, probabilmente con getto della Polverini ora tre- festanti libici, al loro nono gior- gnavano le dimis- pubblicitari loso, visto che da l’aiuto dei soldati dissociatisi da mano. Oggi si riunisce la Ugl di no di mobilitazione. Fra poesie, sioni. Dimissiona- promettono sotto quell’om- Gheddafi. Intanto l’Egitto sta ac- Roma che, secondo fonti inter- autocelebrazioni di se stesso co- rio anche il Mini- brello poteva co- cogliendo – non si capisce anco- ne alla Regione, in passato, in- me l’erede di Omar Mukhtar, e stro della Giustizia duemila dollari al munque dare or- ra se a titolo ufficiale o meno – sieme a Napoli per esempio, ha invettive contro chiunque osi libico, renitenti gli giorno per chi si dini ai suoi uomi- civili libici in fuga dai mercena- espresso qualche perplessità. dissentirgli, Gheddafi è apparso ufficiali dell’eser- arruolasse contro i ni, e mobilitare ri e dalla repressione, ma anche Troppo per l’inflessibile Rena- chiaramente come un uomo fi- cito, fuori dai ran- manifestanti libici quantità di mez- concittadini espatriati per lavo- ta. Che dietro la cortina di per- nito, dai nervi a pezzi, perso in ghi intere brigate zi militari di sicu- rare ai giacimenti libici. Il bagno fetta armonia gioca una parti- un fiume di parole lungo ore. dell’esercito, addirittura volati a ro ingenti – difficile infatti dubi- di sangue libico potrebbe esse- ta personalissima contro Ale- Malta quattro piloti in fuga do- tare che le partecipazioni libiche re l’ultimo atto del terzo dittato- manno. I ben informati rac- Ma comunque ancora in grado po essersi rifiutati di bombarda- nell’italiana Finmeccanica, lea- re arabo ormai agli sgoccioli. Ma contano che la sua “Roma Ca- di comandare stragi, ordinan- re la folla. Muammar Gheddafi è der nella produzione mondiale se Ben Ali e Mubarak avevano pitale” non è andata giù bene do di eliminare quei “ratti” a col- quasi solo, se si esclude la fami- di mezzi militari, non abbia por- tentato di mettere a ferro e fuo- in Regione. Il sindaco plana- pi di bombardamenti aerei per glia. Eppure sembra essere anco- tato ad ampliare gli arsenali del co il paese che li cacciava, pri- va sereno verso il vicepremie- il secondo giorno di fila. Secon- ra coperto dall’inazione, almeno colonnello. E oltre ai mezzi, gli ma di andarsene, grazie all’aiu- rato con Tremonti prima che do Seif al Islam, il figlio predilet- per il momento, della comunità uomini. to del regime che li sosteneva, il si abbattesse su di lui parento- to del colonnello, conosciuto in internazionale che continua a li- colonnello sembra pronto a farlo poli sfregiandone l’immagine. Italia per il suo impegno delle mitarsi a esprimere preoccupa- Non c’è voluto molto per rim- anche da solo, anche senza più Danno che stà cercando di re- Ong oltre che per le sue avven- zione o invitare a contenere la piazzare gli ufficiali in fuga: so- nessuno che lo sostenga. Anche cuperare. Nel frattempo Rena- ture calcistiche, si tratterebbe di violenza. Gheddafi si troverebbe no bastati i miliardi possedu- se questo dovesse voler dire li- ta marcia spedita e al sindaca- bombardamenti fuori dalle aree ancora in Libia. Aveva già fatto il ti dalla famiglia Gheddafi per vellare intere città. Il problema to, c’è da scommeterci, le teste abitate, volti a distruggere gli ar- giro degli schermi il giorno pri- sponsorizzare un flusso di mer- ormai sembra essere quando, e continueranno a rotolare. senali militari prima che cadano ma in un messaggio davvero in- cenari dall’Africa Subsahariana come, qualcuno fermerà Muam- in mano ai manifestanti. Sareb- decifrabile, di pochi secondi, in verso Tripoli e Benghasi. In Ni- mar Gheddafi.
    • 4 >>Salute>> Clima mercoledì 23 febbraio 2011Clima Uno studio americano pubblicato sulla rivista Pnas mette in correlazione i cambiamenticlimatici e l’aumento di allergie all’ambrosia, una pianta ormai molto diffusa anche nel Nord ItaliaPollini ed effetto serra un milione di italiani comincerà a soffrire non solo per il disagio stagionale delle allergie respira- torie ma anche per bruciore al- la lingua e gonfiore sulle labbra,Quel mix di veleni sia all’aria aperta che a tavola. Si tratta di coloro che soffrono del- la cosiddetta “doppia allergia” causata contemporaneamente da frutta e verdura e pollini. Un fenomeno in aumento soprat-Federico Tulli tutto nei Paesi più avanzati do-N ve più in generale dilagano le al- on tutti sorridono al lergie e che solo in Europa colpi- pensiero delle tempera- sce 8 milioni e mezzo di perso- ture più miti che la pri- ne. Anche in Italia, secondo re- mavera porta con sé. La centi dati pubblicati dalla Socie-fine delle gelate notturne e l’au- tà di Allergologia ed Immuno-mento delle ore di luce durante logia Clinica, le allergie sono inil giorno è anche il segnale che le aumento. In particolare, la pre-piante attendono per dar vita al valenza dell’asma si aggira tra ilprocesso di impollinazione, in- 3 e l’8% della popolazione adul-cubo di chi soffre d’allergia. Per ta, mentre dati epidemiologicicostoro, a peggiorare la situazio- sulla popolazione infantile indi-ne ci si mettono oggi i cambia- cano che un bambino su 10 sof-menti climatici determinati an- fre di asma.che dall’effetto serra. Lo afferma Il problema è dovuto a un mixuno studio condotto in colla- esplosivo di allergeni. Quelli de-borazione da alcune università gli alberi sono comuni ad al-statunitensi e pubblicato sulla tre specie vegetali. E l’organi-rivista Pnas, nel quale si eviden- smo all’arrivo dei pollini scate-zia una correlazione tra clima e na una reazione anche nei con-reazioni allergiche all’ambrosia, fronti di alcuni alimenti “simili”’.una pianta origina- Così ad esempio, essere allergiciria del Nord Ame- Gli esperti riuniti alle composite (artemisia e am-rica ma che è arri- a Venezia: «Già brosia) significa non riuscire avata anche in Italia da marzo circa tollerare mela, banana, melone,ed è molto diffusa anguria, mango, castagna, ara-nelle regioni setten- un milione di ci anni da otto do con cui si presentano le pri- Con l’arrivo dei primi pollini, un chide e nocciole, sedano, zuc-trionali. italiani comincerà stazioni meteo- me gelate autunnali». Quali sia- allarme di questo tipo si estende ca, cicoria, carota, peperone, fi-Le gelate sempre a soffrire per il rologiche spar- no le conseguenze è facilmen- inevitabilmente anche all’Ita- nocchio, prezzemolo. Purtrop-più tardive, si leg- disagio stagionale» se tra il Texas e il te immaginabile. Basti dire che lia. A preoccupare non è solo po, però, ricordano gli espertige su Pnas, aumen- Canada, gli stu- nei soli Stati Uniti le persone al- l’effetto serra tipico di un Pae- della Eaaci, la già lunga lista deitano il numero di giorni in cui i diosi hanno notato un aumen- lergiche sono il 10 per cento del- se industrializzato. Pochi gior- cibi che danno una reazione in-pollini di questa pianta sono li- to anche di 27 giorni del perio- la popolazione e le spese sanita- ni fa gli esperti della European crociata con i pollini si allungaberi nell’atmosfera. Esaminan- do di fioritura. «Questo - scrivo- rie toccano i 21 miliardi di dolla- accademy of allergy and clini- in continuazione. Brutte sorpre-do i dati sulla fioritura dell’am- no gli esperti, coordinati dal Di- ri l’anno. Spese che, insieme al- cal immunology (Eaaci) riuniti se possono arrivare anche da fi-brosia, che va da luglio a settem- partimento Usa dell’Agricoltura le temperature, «sono destinate a Venezia hanno calcolato che a nocchi, soia e vari tipi di frutta Emissionibre, raccolti negli ultimi quindi- - è dovuto soprattutto al ritar- ad aumentare». partire dal prossimo mese circa tropicale.Emissioni La Corte di giustizia europea ha stabilito che gli Stati membri possono adottaremisure per evitare il superamento dei livelli massimi di rumore misurati vicino agli aereoportiInquinamento acustico munque rispettata. In tal mo- do la sua «conseguenza giuridi- ca è una sanzione, e non un di- vieto». Le restrizioni operative previste dalla direttiva comuni-al via le sanzioni nazionali taria possono quindi coesiste- re con altre misure nazionali in materia ambientale. L’avvocato generale ha infatti considerato che «la direttiva comunitariaI non osta a che gli Stati mem- Paesi membri dell’Unio- zione e gli effetti delle cosiddet- aerea del gruppo Dhl che effet- seil d’Etat, a cui spetta il com- bri adottino disposizioni in ma- ne europea possono adot- te ‘’restrizioni operative’’ negli tua un servizio di trasporto di pito di risolvere la controversia, teria ambientale che incidono tare misure volte a sanzio- aeroporti dell’Unione prenden- merci presso l’aeroporto di Bru- ha deciso di proporre alla Cor- indirettamente sulle norme re- nare, nelle aree urbane si- do in considerazione il supera- xelles. La Eat, sanzionata per te di giustizia una domanda di lative all’aviazione civile armo-tuate in prossimità degli aero- mento di determinati livelli di l’emissione dai suoi aeromobili pronuncia pregiudiziale chie- nizzate da tale direttiva». Nel-porti, il superamento dei livel- rumore misurandolo alla fon- di rumori che eccedono i valori dendole di pronunciarsi sul- le sue conclusioni, Villalon hali massimi delle emissioni acu- te - vale a dire presso l’aeromo- stabiliti dalla normativa, ha im- la compatibilità della norma- ricordato che la Corte europeastiche misurate al suolo. Il di- bile stesso -, il nuovo provve- pugnato la sentenza, sostenen- tiva regionale con la direttiva dei diritti dell’uomo non solo haritto al domicilio e all’ambien- dimento prevede il rilevamen- do che la normativa regionale 30 del 2002. «La disciplina san- dichiarato in diverse occasionite vanno tutelati. Lo ha stabili- to al suolo. La sentenza nasce sulla quale si fondano le con- zionatoria belga - hanno rispo- che l’inquinamento acustico ri-to Pedro Cruz Villalon, avvoca- dal contenzioso fra l’aeropor- testazioni delle infrazioni che sto i magistrati -, intesa a repri- entra nell’ambito dell’ambiente,to generale della Corte dei giu- to di Bruxelles-National (che si gli sono state mosse è illegitti- mere il superamento di deter- ma ha anche riconosciuto chestizia europea. Una decisione trova nel territorio della regio- ma, perché utilizza come cri- minati livelli massimi di emis- le emissioni acustiche prodotteche rappresenta un passo avan- ne delle Fiandre, ma le cui rotte terio di misurazione del rumo- sioni acustiche misurati al suo- dagli aeroplani giustificano, eti nella battaglia contro l’inqui- sorvolano anche la regione di re i livelli di emissioni acustiche lo in aree situate in prossimi- talora impongono, l’adozione dinamento acustico: rispetto alla Bruxelles-Capitale a una quo- al suolo, e non alla fonte (come tà di un aeroporto, non rientra misure attive di tutela da partedirettiva comunitaria emana- ta molto bassa) e la European previsto dalla suddetta diretti- nell’ambito di applicazione del- degli Stati.ta nel 2002, che disciplina l’ado- Air Transport (Eat), compagnia va europea). È così che il Con- la direttiva 2002/30» ma va co- r.a.
    • >>Ambiente>> mercoledì 23 febbraio 2011 5Il caso Il caso Numerosi Comuni della provincia sono invasi dai sacchetti: Cinisi, Capaci e Partinico tra i più in difficoltà. Zero differenziata e Tarsu rincarata del 30%. E nessuna soluzione strutturale in vista Palermo, rifiuti ovunqueCiro RotaI l fallimento dell’Ato Paler- mo 1 ha messo in ginocchio l’economia di una delle più «Non usciamo più di casa» belle zone del Mediterraneo.ed ora è vera emergenza rifiuti.Ad Isola delle Femmine, Capa-ci, Carini, Villagrazia di Carini,Cinisi, Terrasini, Trappeto, Par-tinico, Montelepre, i cassonettiper la raccolta sono stracolmi di ratori passeggiano nel piazzalepattume, diventando così delle a non fare nulla in attesa che ar-vere e proprie discariche a cie- rivi il giorno di uno sbocco del-lo aperto. la crisi.La raccolta differenziata è com- Nel frattempo ci stiamo avvici-pletamente saltata: l’unico ma- nando al Carnevale, fondamen-teriale, forse, che viene riaccol- tale per la sopravvivenza per cit-to è il cartone, risulta degli im- tadine come Balestrate, Cinisiballaggi delle attività industriali e Terrasini, dove alcune attivitàe commerciali, ma il resto rima- alberghiere riaccendono i moto-ne a marcire per strada in ba- ri, mentre i turisti dovranno di-lia di orde di cani randagi, ratti stricarsi fra sacchetti d’immon-e chi ne ha più ne metta. Alme- dizia per seguire i carri allegori-no 10 tonnellate di immondi- ci, che invadono interi tratti del-zia sono lì che attendono d’esse- la carreggiata della S.S. 113, lare raccolte, in attesa dell’ennesi- strada statale che collega Mes-mo decreto in proroga. Ma non sina a Trapani, mentre i sinda-ci sono solo i “classici” sacchet- ci non hanno ancora preso unati pieni d’immondizia, ma sche- posizione concreta, dimenti-letri di elettrodomestici, carcas- cando di essere loro i tutori del-se o parti di autovetture, mate- la salute e dell’igiene pubblica.rassi in disuso, scarti di lavora- Le forze dell’ordine in questi ul-zione industriale e timi giorni hanno arrestato de-quant’altro. «Sono due anni cine di persone sorprese a scari-L’assurdo è che ad che vivo chiusa care materiali di risulta, oltre alinizio anno i citta- come un animale in normale servizio contro la ma-dini siciliani di que-ste zone si sono vi- gabbia, ora basta» verso le province ni, dove i sindacati di categoria batte da decenni una guerra cro istituito servizi ad hochan- no e microcriminalità, ed persiti recapitare a ca- è l’amaro sfogo di Messina o ad- hanno appena firmato per ulte- contro i mulini al vento, contro la vigilanza e la prevenzione in-sa le cartelle esatto- di una pensionata dirittura di Ragu- riori 12 mesi di cassa integrazio- l’inquinamento della Bertolino. cendi dei cumuli di immondi-riali della Tarsu au- di Cinisi sa: una distanza ne, mentre all’Italtel i lavorato- Questo è uno dei pochi comuni zia. Ma di certo non può basta-mentate del 30%. Il di oltre 250 chi- ri sono sempre in bilico, e si ve- siciliani che può vantarsi (si fa re. Servono soluzioni strutturali,rumore più assordante è, al mo- lometri. Il tutto, in un territorio de così minacciata l’unica risor- per dire), di avere una discarica, a cui nessuno sta mettendo ma-mento, il silenzio generale. Ma già messo a dura prova dal fal- sa che porta avanti l’economia quella di contrada Caronia, ma no. Intanto, tra pochi giorni ver-qualcuno che comincia a non limento della politica gestionale della zona: il turismo. tuttora inoperosa perché satu- rà firmata una nuova proroga esopportare più questa situazio- della Fiat, dove tutte le imprese Il paradosso più grave lo si vive ra o servita da mezzi inadeguati verrà costruita in pochi giornine c’è, e comincia a protestare. dell’indotto sono in estrema cri- a Partinico, centro di 32.000 abi- all’accoglienza dei rifiuti perché un’altra vasca di stoccaggio. Fi-Rosalia Vitale di Cinisi, esaspe- si: l’ultima è la Gasolone di Cari- tanti, dove la popolazione com- non differenziati, mentre i lavo- no alla prossima emergenza.rata da questa situazione, sbot-ta: «Sono due anni che vivo incasa, chiusa come un anima-le in gabbia, pensavo di goder- Puglia Crisi spazzatura per 21 Comuni del barese. La discarica di Conversano è statami in santa pace la pensione. Ho sequestrata il 17 febbraio: autorizzazione scaduta. Ora si cercano nuovi siti dove scaricareabbandonato la caotica città di Bari, incubo emergenzaPalermo per tornare nel mio pa-ese di origine, ho fatto tanti sa-crifici per acquistare una villet-ta in periferia, per vivere tran-quilla ed invece ogni giorno so-no qui a convivere con questocumulo di munnizza, che lambi- Alessandro De Pascale d’uso, al fine di tutelare l’igiene e stro, nel confermare che «evita- (Taranto), di proprietà, come gli Dsce la mia casa». la sanità pubblica, in attesa della re l’emergenza è d’obbligo - spie- altri in costruzione, della societàLa ciliegina sulla torta è lo sta- a giorni la Regione Pu- decisione del magistrato». Anche ga che - la strada è chiudere Mar- Eco Energia srl del gruppo Mar-to di agitazione dei lavorato- glia sta cercando una so- perché i comuni del sud est ba- tucci e avviare gli impianti Coge- cegaglia. Quindi anche volendori dell’Ato, per il mancato paga- luzione. Deve capire do- rese si trovano in un critico sta- am». Si tratta dei Cdr per produr- risolvere il problema barese pro-mento degli stipendi, in carico ve smaltire 500 tonnel- to di emergenza ambientale. La re il combustibile da rifiuto co- ducendo Cdr non si saprebbe do-fino a poco tempo fa all’agenzia late di rifiuti al giorno, prodotti convalida del gip potrebbe però struiti dalla Cogeam e affidati al- ve bruciare le eco balle prodot-interinale per il lavoro Tempo- dai 425mila abitanti di 21 comu- definitivamente bloccare i con- la Colari che ha vinto un ricorso te. Il rischio è vengano ammas-rany, che ora con molta proba- ni dell’Ambito territoriale ottima- ferimenti di spazzatura nell’in- al Consiglio di Stato. Sono pron- sate nelle cosiddette discarichebilità verranno assorbiti dai vari le Bari 5. Tra cui la città dei trul- vaso, paralizzando di fatto la rac- ti da mesi ma la gara per gestir- di soccorso, facendo la fine del-Comuni della fascia costiera del li, Alberobello. Nella tarda sera- colta della spazzatura. Inoltre da li tuttora è in corso e si conclu- la Campania. Oppure portarlegolfo di Castellammare, ed an- ta del 17 febbraio il Nucleo ope- almeno 20 giorni la Provincia di derà soltanto il 14 marzo. Il vero in Albania come aveva dichiara-dranno ad alimentare le catego- rativo ecologico dei carabinie- Bari sa che l’impianto è quasi sa- problema è che in Puglia la rac- to di voler fare la Colari al mo-rie di lavoratori RSU già precari ri ha sequestrato la discarica di turo e potrebbe accogliere rifiuti colta differenziata è ferma ad un mento della gara per i Cdr. Infattida decenni, bacino d’utenza per Conversano, comune capofila all’incirca fino al 20 marzo. Tro- misero 15 per cento e mancano i lavori per il termovalorizzatorei politici in tempo d’elezioni. In- dell’Ato Ba5, gestita dalla socie- vare una soluzione è quindi ne- gli impianti per chiudere il ciclo di Modugno, nei pressi dall’aero-tanto, lo stallo politico della Re- tà Lombardi Ecologia srl. La ca- cessario indipendentemente dal- integrato dei rifiuti. «I tre termo- porto di Bari, non sono termina-gione siciliana, la mancanza di va, che si trova in contrada Mar- la decisione dei giudici. «Voglia- valorizzatori che nasceranno sa- ti. Perché l’impianto è finito sot-impianti, la discarica di Bello- tucci, è stata sequestrata per- mo che per i prossimi venti gior- ranno inseriti nel nuovo Piano ri- to la lente d’ingrandimento del-lampo ormai satura, costringo- ché operava con l’autorizzazio- ni i rifiuti vengano conferiti fuo- fiuti della Regione e come previ- la magistratura che ritiene nonno quei pochi camion che rie- ne scaduta dall’11 febbraio scor- ri bacino», chiedono i comitati sto sono solo quelli di Manfredo- avanzate le tecnologie adottate escono a scaricare l’immondizia, so. Il provvedimento dell’Arma locali. Ma l’assessore all’Ambien- nia, Modugno e Massafra». L’uni- il cantiere venne sequestrato nelad effettuare viaggi allucinanti ha consentito per ora la «facoltà te della Puglia, Lorenzo Nica- co attivo è quello di Massafra settembre 2008.
    • 6 mercoledì 23 febbraio 2011 >>Attualità>> GiustiziaGiustizia L’inaugurazione dell’anno giudiziario si trasforma in una Caporetto per il governoBerlusconi. Il procuratore generale Restuccia silura anche il “processo breve” e il federalismo fiscaleLa Corte dei Conti dura: controlli». Non meglio è andata sul fron- te del federalismo fiscale, che, sempre secondo i giudici, po- trebbe aumentare l’inclinazio-«No ddl intercettazioni» ne alla corruzione: «Ci si inter- roga in termini dubitativi – av- verte il presidente - se, in tema di federalismo fiscale, il decen- tramento della spesa pubblica possa contribuire a ridurre laGiuliano Rosciarelli corruzione rendendo più diret-L ta la relazione tra decisioni pre- a Corte dei Conti boc- se e risultati conseguiti oppure cia il decreto sulle inter- se possa avere l’effetto contra- cettazioni perché non rio ed aumentare la corruzione combatte la corruzione, quando la vicinanza a interes-silura il “processo breve” perché si e lobbies locali favorisca unoaltera il principio della certezza scambio di favori illeciti in dan-del diritto, mette in guardia sul no della comunità amministra-federalismo fiscale perché per- ta». Secondo l’Alta Corte, inol-meabile a illeciti scambi. tre, appaiono ancora «insoddi-La consueta conferenza stam- sfacenti i risultati finora porta-pa della magistratura contabi- ti dal disegno di coinvolgimen-le, dopo la cerimonia di inau- to degli enti locali nella lottagurazione dell’Anno giudiziario, all’evasione e nella ripartizionesi è rivelata una vera e propria dei relativi proventi»Caporetto per il governo Berlu- Giudizi pesanti anche in meri-sconi. Un attacco su tutti i fron- to alle nostre politiche econo-ti quello messo in atto dai ma- miche, eccessivamente orienta-gistrati, da quello giudiziario a te su criteri di rigore orizzonta- © SCRoBoGNA/LAPReSSequello economico: dal decreto le spesso non corrispondenti al-sulle intercettazioni, al proces- le necessità dei territori: «è sta-so breve passando ta avanzata - ha affermato an-per il federalismo Frode e corruzione cora Giampaolino - la preoccu-fino agli interven- i mali dell’Italia pazione per l’effetto di un ulte-ti di spesa pubbli- secondo i giudici. L’inaugurazione dell’anno giudiziario, ieri, presso la Corte dei Conti riore rallentamento della cre-ca. Sia il procura- scita economica, verosimilmen-tore generale Ma- Queste politiche to, soprattutto in corcia i termini di prescrizio- telematica), la semplificazione te connesso alle misure di frenorio Ristuccia che nazionali non materia di aiuti e ne per i reati di corruzione), ap- e il controllo» della spesa e di aumento delleil presidente Luigi sono adeguate per contributi nazio- paiono totalmente inadeguati A pagarne il prezzo più alto, entrate tributarie». In tal senso,Giampaolino non fronteggiarli nali e dell’Unione ad una vera lotta contro la cor- sempre secondo i dati diffusi la Corte dei Conti ha richiama-hanno usato mez- europea». ruzione», che, secondo la Cor- dalla Corte dei Conti, è attuale to l’urgenza di un impegno raf-zi termini per esprimere le per- «Vere e proprio patologie - ha te dovrebbe invece fondarsi es- mente il settore sanitario, do- forzato in direzione della riqua-plessità dell’Alta Corte: «I ma- continuato Giampaolino - con- senzialmente su quattro pila- ve «si intrecciano con sorpren- lificazione della spesa pubblica,li che assillano l’Italia – ha ac- tro cui sia il ddl sulle intercet- stri: «l’etica, la trasparenza at- dente facilità veri e propri epi- «così da consentire di sostitui-cusato Ristuccia – sono la frode tazioni, uno dei più importan- traverso l’uso dell’Ict (la con- sodi di malaffare con aspetti di re gradualmente gli interventie la corruzione, cresciute solo ti strumenti investigavi, che la vergenza di telefonia, informa- cattive gestioni talvolta favori- indifferenziati di contenimentonell’ultimo anno del 30 per cen- legge Cirielli del 2005 (che ac- tica e sistemi informativi nella te dalle carenze del sistema dei con misure più selettive». DossierDossier Althesys presenta uno studio sui risultati ottenibili da una reale ottimizzazione dellagestione delle risorse idriche in ambito agricolo. Un beneficio totale di 17,3 miliardi in trent’anniMisure sostenibili contro no condotte in un’ottica di siste- ma che considera la collettività e l’ambiente, andando oltre il bi- lancio della singola azienda agri- cola». Parole chiave, per il nostrol’agricoltura che fa acqua Paese come per il resto del mon- do, sono dunque efficienza e in- novazione, tenendo a mente que- gli esempi virtuosi oggi esistenti che, come auspicato da Kofi An- nan, possono contribuire a unaDiego Carmignani tiva, ha presentato lo studio “Le il metodo più efficiente - e la mi- ottenuto grazie a supporti infor- “Rivoluzione blu” per l’agricoltu-L’ politiche di gestione dell’acqua in croaspersione rispetto all’asper- mativi forniti dai Consorzi di bo- ra divenuta ormai indispensabi- acqua, risorsa prima- agricoltura”, volto ad analizzare sione), modelli gestionali (servizi nifica avrebbe un valore pari a 3,2 le, giacché la quantità di acqua ria minacciata da priva- quali potrebbero essere i benefi- informativi di supporto agli agri- miliardi. Al di là degli interven- disponibile non cresce, a fronte tizzazioni, inquinamen- ci tratti dall’adozione di una reale coltori), nuove tecnologie (siste- ti sulla rete irrigua, si attendono di un aumento vertiginoso degli to e cattiva gestione, ha ottimizzazione delle risorse idri- mi di consegna automatizzati) e poi ulteriori vantaggi dalla nuove abitanti del pianeta e dei consu-una via pura attraverso cui scor- che. Su tutti i dati, emerge il va- reti di adduzione e distribuzio- tecnologie applicate in agricoltu- mi pro-capite. A ricordare questirere. Nella giornata di ieri, a Ro- lore economico complessivo per ne (sostituzione di canali a cielo ra con risparmi compresi tra i 539 dati di fatto è stato, nel corso delma, il convegno “Acqua, agricol- i soggetti coinvolti: un totale sti- aperto con condotte e riparazio- milioni e il miliardo di euro, men- convegno, il ministro delle Poli-tura e ambiente. Agricoltura, uti- mato tra i 9,7 e i 17,3 miliardi di ne di quelle esistenti). Dalle rile- tre dal cambiamento dei metodi tiche agricole Giancarlo Galan,lities e industria alleate per la so- euro nel giro di trent’anni. In pra- vazioni effettuate da Althesys, è irrigui ci si può attendere un be- sposando quelle misure che ga-stenibilità” ha messo in luce pra- tica, il deficit della bilancia com- emerso come la riparazione del- neficio tra i 2,8 e i 4,3 miliardi. Nu- rantirebbero buona produttivi-tiche e idee per migliorare lo stato merciale italiana accumulato nei le condotte porterebbe, ad esem- meri che, come ha spiegato Ales- tà anche in condizioni di siccità,dell’arte. Per l’occasione, la socie- primi nove mesi del 2010. La ri- pio, ad un beneficio tra 234 e 564 sandro Marangoni, amministra- consentendo un risparmio sull’ir-tà di ricerca e consuelenza Althe- cerca è stata sviluppata trami- milioni di euro, mentre dalla so- tore delegato e capo del team rigazione, estendendo le aree col-sys, in collaborazione con Fede- te l’analisi di casi di eccellenza in stituzione dei canali il potenzia- di ricerca, coniugano più pun- tivabili e creando una rete di sicu-rutility, Anbi, Coldiretti, istituzio- quattro aree: i metodi irrigui (l’ir- le derivato sarebbe tra i 4 e gli 8,1 ti di vista: «economico, ambien- rezza di fronte alle incognite deini e industrie aderenti all’inizia- rigazione a goccia - in alcuni casi miliardi e il solo risparmio idrico tale e sociale. Le valutazioni so- cambiamenti climatici.
    • >>Esteri>> mercoledì 23 febbraio 2011 7Ambiente Inaugurato a Nairobi un distributore della Nazioni unite che erogherà diesel a basso N. Zelandatenore di zolfo. L’Unep: «Il potenziale di questo progetto per la lotta all’inquinamento è enorme» Terremoto,in Kenya l’Onu testa 65 morti È di almeno 65 morti e de- cine di feriti e di disper-carburanti più puliti si il primo bilancio del de- vastante terremoto (ma- gnitudo 6,3 della sca- la richter) che ha colpi- to la città di Christchurch, nell’isola del sud dellaPaolo Tosatti Nuova zelanda. il sismaG ha raso al suolo molti edi- asolio a basso tenore di fici del centro e distrut- zolfo per ridurre l’inquina- to interi sobborghi. Diver- mento dell’aria nell’Afri- se persone, secondo i soc- ca Orientale. È questo il corritori, sarebbero rima-nuovo progetto dell’Unep, il pro- ste intrappolate sotto legramma delle Nazioni unite per macerie dei palazzi e neil’ambiente, lanciato a Nairobi, in mezzi di trasporto travol-Kenya, per contrastare i livelli ele- ti dagli edifici crollati. il la-vati di gas nocivi presenti nell’at- voro dei soccorsi è compli-mosfera e favorire al contempo lo cato dall’allagamento dellesviluppo di un sistema di traspor- strade dovuto alla rotturati a basso impatto nella regione. delle tubature sotterranee.Un programma di lungo perio-do che richiederà anni di impe-gno e notevoli investimenti per Thailandiapoter raggiungere i suoi obiettivi,ma che è stato avviato nel modopiù diretto e concreto possibile Liberate 7con l’inaugurazione della Unitednations petrol sta- Camicie rossetion, un distribu- Il progetto mira sono 7 i leader delle Cami-tore dell’Onu che a coinvolgere cie rosse, movimento an-commercializzerà tutta l’Africa tigovernativo fedele all’exun diesel meno in- premier Thaksin shinawa- Orientale. I suoi © Azim/Ap/LApressequinante (appunto tra, liberati ieri su cauzio-a ridotto tenore di benefici economici ne dopo nove mesi di re-zolfo) nella capita- riguarderebbero clusione per l’accusa dile kenyota. l’intero continente Un distributore di carburante a Nairobi, Kenya terrorismo. i giudici del-Nato dal lavoro la Corte criminale di Ban-della partnership for clean fuels a quelli adottati nei paesi più svi- namento dell’aria e dell’ambiente re fino a miliardo di dollari l’anno gkok hanno accolto la ri-and vehicles (pcfv), coordinato luppati (che ruotano intorno al- è enorme», ha dichiarato Achim in materia di spese per la sanità. chiesta di rilascio su cau-dall’Unep e sostenuto dai governi le 10ppm) ma comunque pari so- steiner, direttore dell’Unep. Una prova che l’investimento zione, ponendo come con-di Usa, Olanda, Canada e da altri lo al 5 per cento del livello prece- «Le nostre stime suggeriscono nell’ambiente è raramente un far- dizione il divieto di lasciarepartner, il progetto ha introdotto dente e il più basso di tutta l’Afri- che la riduzione del tenore di zol- dello ma piuttosto un modo intel- il paese e quello di incitareun carburante che presenta 500 ca Orientale. fo dei carburanti per i traspor- ligente e redditizio per assicurare alla violenza. La loro libe-ppm (parti per milione) di zol- «il potenziale di questo progetto ti nell’Africa sub-sahariana po- una crescita economica moderna razione è stata interpreta-fo: uno standard elevato rispetto in termini di riduzione dell’inqui- trebbe consentire di risparmia- e sostenibile». ta da molti osservatori co- Le proiezioni delle Nazioni unite me un gesto di apertura da indicano che la domanda mon- parte del governo di Abhi- diale di carburanti è destinata a sit Vejjajiva nei confronti raddoppiare entro il 2050. saran- dell’opposizione. no soprattutto i paesi in via di sviluppo a sostenere questa cre- scita, che si accompagnerà a un Grecia aumento esponenziale dell’in- quinamento atmosferico. pia- ga che già oggi, secondo l’Orga- Sciopero nizzazione mondiale della sa- nità, causa della morte prema- generale tura di 800mila persone l’anno. i collegamenti aerei na- il problema, però, potrebbe es- zionali e internaziona- sere facilmente ridimensionato li subiranno oggi can- «Un recente studio della Banca cellazioni e ritardi per mondiale dimostra che, se com- uno sciopero di quattro binata con l’utilizzo di veicoli più ore dei controllori di vo- puliti, l’adozione di carburanti a lo. si fermeranno invece basso tenore di zolfo si tradur- per l’intera giornata i tra- rebbe per l’Africa sub-sahariana ghetti per le isole. il nuo- in un risparmio annuo delle spe- vo sciopero generale con- se sanitarie di circa 6 miliardi di tro l’austerity indetto dai dollari, che potrebbero divenire sindacati prevede inoltre 43 entro il 2020», ha sottolinea- interruzioni dei collega- to steiner. menti ferroviari, un black Dopo il Kenya il progetto dell’Unep out informativo in segui- sarà esteso alla Tanzania. i suoi to all’adesione dei media effetti positivi, tuttavia, andranno alla protesta nazionale e ben oltre i confini di questi stati, la chiusura di uffici pub- coinvolgendo anche paesi impor- blici, scuole, licei, univer- tatori di diesel come Uganda, Bu- sità banche, ospedali, do- rundi, rwanda e repubblica De- gane, farmacie e negozi. mocratica del Congo.
    • 8 Terra Nord Est A cura di Riccardo Bottazzo, mercoledì 23 febbraio 2011 Giannandrea Mencini, Calogero Lo GiudiceIl caso Manifestazione contro l’idea di Maroni di costruire nella città che non ama il Carroccio il Centro d’identificazione ed espulsioneLa Lega, il Cie e lo sgarbo a VeneziaRiccardo Bottazzo ca che fa leva su paure ingiusti- stro che si riempie tutti i gior- a Mestre, giovedì 17, nell’am- ma anche studenti, attivisti deiG ficate e, dall’altro lato, la scelta ni la bocca con la parola fede- pio salone di Santa Maria delle centri sociali o di associazioni irava di qua e girava di strategica di colpire un Comu- ralismo, ha espresso un parere Grazie, per organizzarsi e sot- antirazziste, militanti del Pd e là. La prima ipotesi era ne, come quello di Venezia, che fortemente negativo votato a toscrivere l’appello contro il Cie del Pdl (questi ultimi col distin- nel veronese. Ma come si sforza di portare avanti poli- grande maggioranza anche dal che ha avuto come primo fir- guo che a volere il Cie a Vene- si fa? Con l’amico To- tiche di integrazione e di acco- Pdl. Solo i consiglieri della Le- matario l’assessore all’ambien- zia non sarebbe, secondo loro,si sindaco di Verona? Poi è toc- glienza». La dichiarazione di ga, a parte un astenuto, han- te Gianfranco Bettin. La pri- il Governo ma il centrosinistracato a Rovigo. Qui andava già Maroni ha suscitato una imme- no abbandonando l’aula pri- ma iniziativa si è svolta saba- bugiardo che governa la cit-meglio. Il sindaco appartiene al diata risposta tanto dalle istitu- ma della votazione adducendo to proprio a Campalto, il quar- tà), hanno dato via ad un lun-centro sinistra, la Provincia pu- zioni quanto dai movimenti. Il pretesti originali ma comunque tiere sulla sponda lagunare in go e pacifico corteo sostenen-re, ma già c’è la centrale a car- Consiglio comunale, scavalca- improrogabili. Sul fronte citta- cui Maroni vorrebbe realizzare do striscioni con scritto “Il fu-bone di Porto Tolle e si ventila to senza neppure una consul- dino, associazioni e movimen- la struttura. Millecinquecento turo è ambiente e accoglienza.l’ipotesi di costruirci il primo tazione preventiva da un mini- ti si sono riuniti in assemblea persone tra cui molti residenti No al Cie” e “No al Cie, né a Ve-impianto nucleare del nordest. nezia né altrove”.Forse Padova? Il sindaco Flavio I Centri identificazione edZanonato è del centro sinistra espulsione, si legge nell’appelloma la provincia è tutta della le- lanciato dai manifestanti, «so-ga. Meglio di no. Ma che ragio- no crudeli e inefficaci […]. Leniamo a fare? La soluzione era pesanti e illegittime sofferen-davanti agli occhi di tutti: Vene- ze generate da queste struttu-zia. Città dove il Carroccio non re si sono rivelate del tutto inu-ha mai attecchito e ci ha pure tili nella gestione del fenome-messo del suo a silurare il can- no migratorio nel nostro Pae-didato sindaco del Pdl, Renato se, con un numero irrisorio diBrunetta, alle ultime ammini- espulsioni realmente effettua-strative. Non si può quindi di- te, a fronte delle ingenti risor-re che l’annuncio del ministro se pubbliche investite in un ve-Roberto Maroni, dato la scorsa ro e proprio business della ne-settimana, di costruire il primo gazione dei diritti. La scelta delCentro di identificazione e di ministro Maroni appare, inol-espulsione del Veneto proprio tre, per il suo carattere di impo-a Venezia abbia stupito qual- sizione autoritaria come un at-cuno. Era solo una questione to carico di violenza antidemo-di come e di quando. «Che sia cratica nei confronti della no-uno sgarbo a Venezia non c’è stra Città e della sua tradizionedubbio alcuno – ha commen- cosmopolita, come un gesto ditato Beppe Caccia, consigliere arroganza centralistica nei con-della lista “In Comune con Bet- fronti della nostra comunità lo-tin” -. Da un lato c’è la voglia di cale, da sempre attivamente im-un governo in piena crisi di far- pegnata nell’accoglienza del mi-si auto propaganda rilancian- grante e nella costruzione soli-do, come al solito, una politi- dale di un futuro meticcio».Iniziative A Mestre un’assemblea partecipata ha dato il via alla campagna referendaria per il no all’atomo MobilitazioniNucleare, nasce il Comitato Cadore e il comprensorio«U na battaglia che li, si è svolta a Mestre, al cen- suma territorio, brucia le sue bligatorio la richiesta del pare- Alzano la voce i cittadini e le va vinta radican- tro pace di via Sernaglia, saba- risorse e la cui gestione e il cui re alle Regioni, sia pure consul- associazioni contro il proget- dola sul territorio. to pomeriggio. Agostinelli che controllo sono completamente tivo, ha aperto la porta ad al- to di comprensorio sciistico fra Qui non trovere- è stato uno dei promotori del slegati dalla comunità locale». tre forme di lotta, oltre che alla il Cadore e il Civetta. Come de-mo i nostri avversari a contro- referendum contro il ritorno Col nucleare, in altre parole, il consultazione referendaria. Il nunciato da Terra il Comunebattere. Loro hanno altri cana- del nucleare, ha invitato a pen- famoso «paroni a casa nostra» neonato comitato contro il nu- di San Vito di Cadore e la Pro-li di comunicazione. Parleran- sare e a comunicare il difficile va a farsi benedire. Lo sa bene cleare valuterà la possibilità di vincia di Belluno, competenteno agli industriali, ai gruppi di tema dell’energia – per sua na- anche il governatore del Vene- raccogliere le 5 mila firma pre- in materia, spingono per la re-potere. Parleranno dalle televi- tura meno immediato rispet- to, il leghista Luca Zaia, che da viste dallo statuto regionale alizzazione del comprensorio.sioni. Noi dobbiamo parlare al- to ad altri beni comuni come, ministro ha approvato la nor- per portare in Consiglio vene- In particolare, il progetto che lela gente che incontriamo per ad esempio, l’acqua – partendo mativa che bypassava i pareri to una proposta di legge di ini- amministrazioni locali auspica-strada. Dobbiamo far capire a dal fabbisogno energetico loca- delle regioni in teme di nucle- ziativa popolare che dichiari il no sia realizzato, collegherebbetutti che anche l’energia, come le in contrapposizione al mito are, ma da presidente della Re- Veneto una regione denuclea- Geralba in località Chiappuz-l’acqua, è vita, è un bene co- oramai sfatato ma tutt’ora do- gione si dichiara contrario al- rizzata. «Paroni a casa nostra» za (San Vito di Cadore) e Sel-mune da difendere e da gesti- minante della crescita illimita- la realizzazione di centrali nel ma sul serio, questa volta. va di Cadore. Contro il proget-re a partire dalle comunità lo- ta. «Non limitiamoci a dire so- nostro territorio. Ciò nono- r.b. to ora è stato creato un porta-cali». Con queste applauditis- lo no o a giocare sulla paura di stante, il Veneto che pure co- le www.pelmo-mondeval.it persime parole, Mario Agostinel- un incidenti che nessuno si au- pre il suo fabbisogno energe- mettere in condivisione tutte leli, ricercatore chimico e fisico gura. Siamo noi quelli che han- tico, rimane una delle regioni voci contrarie a questo perico-all’Enea, ha aperto l’incontro no le proposte più alte e più in- più accreditate per la costru- Mario Agostinelli: loso attacco all’ambiente mon-preparatorio alla costituzio- novative: facciamolo capire a zione di un impianto nucleare «Non limitiamoci a tano. I promotori scrivono nelne di un comitato veneto per tutti – ha spiegato-. Una cen- nella aree del rodigino o nella giocare sulla paura di un sito web che Pelmo-Monde-il referendum sull’energia nu- trale nucleare non è solo il pro- gronda lagunare veneziana. incidente. Una centrale val devono essere liberi da im-cleare. dotto di una tecnologia obso- La decisione della Corte Costi- pianti di risalita e che il sito «in-L’assemblea cui hanno parte- leta, costosa, inquinante, peri- tuzionale del 4 febbraio scor- è anche un ecomostro tende raccogliere le espressionicipato numerose associazioni, colosa e oramai superata, ma è so di cassare il provvedimen- che consuma territorio di dissenso verso il progetto dicomitati e movimenti regiona- anche una ecomostro che con- to governativo e di rendere ob- e brucia le risorse»
    • Terra Nord Est mercoledì 23 febbraio 2011 9 Il progetto “Regali senza frontiere” prevede una distribuzione di microcredito, in questo caso animali, fra le famiglie in difficoltà Capre da Belluno in Afghanistan Mattia Orlando razione di sostegno a distanza. la Dazzi - ma abbiamo promes- diamo spesso a non considerare per le necessità della popolazio- O L’edizione 2010 del progetto ha so che quest’anno avremmo ri- elementi caratterizzanti dei ter- ne, dal punto di vista alimentare, rmai dal 2009, l’associa- raggiunto tre villaggi, dove l’as- mediato...» Ecco infatti che “Re- ritori come la loro stessa confor- con il latte, ma anche energetico: zione gruppi “Insieme sociazione non si è accontenta- gali senza frontiere” di quest’an- mazione geo-fisica e dunque le perfino lo sterco viene utilizzato si può” (www.365giorni. ta di portare le capre, ma ha ol- no ha già raggiunto la quota di possibili problematiche ad es- come materiale da ardere. è im- org) è impegnata in un tretutto dato vita a due nuove 50 capre da destinare alle donne si dovute. La capra risulta infat- portante ricordare, fra l’altro, che progetto di sostegno alle donne iniziative riguardanti la canaliz- di Bamiyan (zona centrale e par- ti uno dei pochi animali in grado è possibile acquistare le capre afghane rimaste sole a mante- zazione dell’acqua e l’impianto ticolarmente martoriata dell’Af- di sopravvivere in terre aride ed per un costo di soli 50 euro a ca- nere il proprio nucleo familiare. di un’idropompa. «L’anno scor- ghanistan). impoverite come quelle afghane: po, cifra non proibitiva che per- Il progetto si chiama “Regali sen- so donare una capra a tutte le Ma perché proprio le capre? «Potrebbero campare d’immon- mette di accrescere il numero di za frontiere” e prevede una di- donne dei tre villaggi che aveva- Nell’epoca della globalizzazio- dizia - scherza la coordinatri- destinatari del progetto». Ascol- stribuzione di microcredito, nel- no i requisiti per ottenerla non ne, in cui l’altra faccia del piane- ce -. Sono inoltre animali estre- tando i racconti di Carla Daz- la fattispecie di capre, fra le fami- è stato possibile - continua Car- ta sembra dietro l’angolo, ten- mamente produttivi e funzionali zi inoltre, si coglie fra gli effet- glie afghane più in difficoltà. ti collaterali dell’iniziativa un ul- Questa nobile associazione con teriore valore aggiunto: nel mo- statuto di Onlus-Ong costituita mento in cui gli uomini della co- da circa 80 gruppi, si è radicata munità Bamiyana si sono offerti nella Provincia di Belluno negli di lavorare senza compenso per ultimi 27 anni ed è ormai attiva contribuire all’opera dell’associa- in oltre 30 paesi del sud del mon- zione. Riconoscendo tacitamen- do. Carla Dazzi, responsabile del te il diritto delle donne locali ad progetto “Regali senza frontie- ottenere la gestione di un sep- re” insieme a Daniele Giaffredo, pur piccolo capitale, essi hanno si reca annualmente e personal- dimostrato un’elasticità cultura- mente in Afghanistan per la con- le ed un’apertura al dialogo non segna delle capre e racconta con comuni. Capacità inimmagina- grande intensità l’esperienza del bili secondo le analisi occidenta- confronto diretto con questa re- li classiche, in un paese dove un altà da noi lontanissima. Le ami- uomo che asserisce la parità dei chevoli relazioni instaurate con sessi può essere incarcerato per imam locali, inizialmente scetti- blasfemia. ci. Il sostegno ricevuto e l’entu- Tornando infine a gettare uno siasmo espresso perfino da parte sguardo sul nostro Paese e sulla di chi non aveva ricevuto aiuti. fase di pochezza politico-cultu- La responsabile descrive inol- rale, ma soprattutto sociale inte- tre una sorta di evoluzione valo- sa anche come forte destabiliz- riale del progetto: quella che do- zazione della donna e della sua veva essere una distribuzione di dignità, che questo attraversa, microcredito si è trasformata, viene quasi da pensare che per- proprio sull’onda di questi stret- fino dalla presa di coscienza di ti rapporti di collaborazione con quegli uomini afghani, avremmo la popolazione locale, in un’ope- qualcosa da imparare. Venezia Calderoli “regala” il Canal Grande allo Stato. Ora si cerca di rimediare Appuntamentiimpianti sciistici Cadore-Civet- Strano federalismota. A tal fine diffonde le cono-scenze culturali e paesaggisti- Rogodeilibriche indispensabili per valutare al Morionil senso e le conseguenze di ta-le progetto sulle aree dolomiti- Brutta aria tra il sindaco leghi-che comprese fra il monte Pel- sta di Preganziol che fa spariremo, l’area di Mondeval e le zo- Giannandrea Mencini de che il decreto conferiva invece ma 17 della legge 246 del 2005. Il dalla biblioteca i libri di Savia- Sne circostanti e dà la possibi- ai cittadini veneziani e al suo Co- Comune di Venezia la pensa dif- no, colpevole di aver denuncia-lità di firmare la petizione con embra un paradosso, me mune. Così il Comune di Venezia ferentemente e pure alcuni depu- to le infiltrazione della camor-la quale cercare di fermare que- non è così. La via d’acqua rischia di non aver più potere de- tati veneziani del PD che in me- ra nel Carroccio, e gli appelli de-sto ipotizzato scempio». Anche più conosciuta al mondo, il cisionale sulla sua più conosciuta rito hanno presentato un emen- gli assessori Pdl, Speranzon peril Club alpino italiano ha preso Canal Grande, non è più del e importante arteria d’acqua. Un damento riparatore aggancian- la Provincia e Donazzan per laposizione contro il progetto. Il Comune di Venezia ma è ritorna- Canal Grande che va gestito sem- dolo al decreto Milleproroghe in Regione, che invitano a “sbiblio-Cai chiede che la popolazione ta proprietà dello Stato. Un fede- pre con grande attenzione non discussione in questi giorni. Pri- tecare” gli scrittori colpevoli dilocale non concordi con l’ipote- ralismo alla rovescia che ha co- solo in occasione di eventi storici mo firmatario il deputato An- non essere allineati al poteresi di creare un nuovo carosello me protagonista il Ministro per culturali legati alla città come la drea Martella che confida, con- politico. Ad un mese dalla cro-sciistico proprio in uno dei siti la semplificazione normativa del- regata storica ma pure quando si statato che il suo emendamen- ciata integralista vien da chie-Unesco, ma soprattutto in uno la Lega Roberto Calderoli. Con trasforma quotidianamente nel- to è stato considerato ammissi- dersi quali siano gli effetti suglidei siti più importanti dal pun- un semplice atto che risale al 15 la via principale d’acqua cittadi- bile dalla presidenza della came- scaffali delle biblioteche. Radioto di vista naturalistico e alpi- dicembre scorso, l’abolizione del na, oberata dal traffico dei natan- ra, in un iter favorevole con relati- Sherwood e Terra hanno pro-nistico dell’intera catena alpi- decreto regio 523 del 1904, il mi- ti di varie funzioni e stazze, e per- va approvazione affinché i vene- vati a rispondere con un’inda-na. Il Cai spera che questo stra- nistro ha di fatto restituito allo tanto costantemente sottoposta ziani non vengano “scippati” del gine sulle biblioteche del Vene-ordinario capitale naturale non Stato la gestione del Canal Gran- a un severo controllo municipa- loro famoso Canale. Sullo sfon- to. I risultati saranno pubblica-venga gettato al vento per il be- le. Sarà lo Stato il nuovo control- do rimane una vicenda irrazio- ti nel prossimo numero del sup-ne immediato di una genera- lore ? I veneziani non la pensano nale che potrebbe, se non subito plemento Nordest ma sarannozione, ma che venga preserva- Un emendamento Pd assolutamente così. Nemmeno il chiarita con atti giuridici preci- presentati venerdì 25, alle oreto e che possa essere utilizzato al Milleproroghe corre ministro Calderoli che cerca, sen- si, aprire contenziosi a non finire 18,30, alla Casa dei beni Comu-con coscienza e rispetto da tut- in soccorso al Comune za riuscirci, di calmare le acque lungo il Canal Grande in quanto ni Morion di Venezia. Parteci-te le future generazioni come che rischia di non poter sostenendo che il regio decreto ogni atto o regolamento promul- peranno Claudio Calia, fumet-sin qui è stato fatto da uomini 523 del 1904 ha natura giuridica gato potrebbe essere impugnato tista, Lello Voce, attore, Marcoresponsabili e accorti. più decidere sulla di Testo unico e quindi come tale da chicchessia vista l’incertezza Maschietto, redattore di Radio g.m. sua più conosciuta è espressamente escluso da abro- istituzionale su chi “comanda”le Sherwood e il giornalista di Ter- arteria d’acqua gazione ai sensi dell’art. 14 com- acque del “Canalazzo”. ra Nordest Riccardo Bottazzo.
    • 10 Terra Milano A cura di Emanuele Bompan mercoledì 23 febbraio 2011 Info: milanoterranews@gmail.comLa proposta Il candidato chiede al Pd di proporre una legge per accorpare amministrative e referendum Il casoPisapia per l’election day Pat, il Cda si dimette Lo scandalo “affittopoli” continua a mietere le sueFlora Cappelluti sostegno del Pd alla candidatura Maria Francesca Patria dell’am- anni successivi. Circa il 30-35% in vittime. Ieri mattina, in oc-U di Pisapia e sono state concorda- bulatorio di pneumologia e aller- più che al Centro-sud o comun- casione di una riunione stra- na proposta di legge par- te iniziative comuni che si svolge- gologia pediatrica - che ‘fotogra- que lontano dalle aree metropo- ordinaria dei vertici del Pio lamentare - possibilmen- ranno durante la campagna elet- fa il rapporto tra ambiente e sa- litane, e fino al doppio se come albergo Trivulzio, il Con- te bipartisan - per accor- torale sui temi della cultura, del- lute dei piccoli milanesi. Dalla ri- pietra di paragone si prende per siglio di amministrazione pare le elezioni ammini- la qualità della vita nelle periferie, cerca emerge che raffreddori, oti- esempio una città siciliana - con- della Baggina è decaduto.strative con i referendum citta- della sicurezza, del commercio e ti, tonsilliti, ma anche bronchiti e cludono i due medici». Un record Cinque consiglieri su sette,dini sull’ambiente. e’ questa la ri- della salute dei cittadini. Intan- polmoniti ricorrenti sono le ‘cro- assoluto che dipende in partico- tra cui il Presidente emiliochiesta avanzata da Giuliano Pi- to, a confermare il ‘respiro malato’ ci’ dei bimbi meneghini che, per- lare dai livelli di smog, se si con- Trabucchi, hanno presenta-sapia, candidato sindaco del cen- per i bimbi di Milano rispetto ai lopiù nel periodo invernale, si am- sidera che nei giorni di Pm10 al- to le loro dimissioni su pres-trosinistra alle elezioni Comunali coetanei del resto d’Italia, ha con- malano anche da una a tre volte le stelle gli accessi di casi gravi sante richiesta delle istitu-che si terranno nel prossimo me- tribuito una ricerca appena diffu- al mese. Piccoli milanesi ‘sempre al pronto soccorso aumentano zioni, perché coinvolti nelse di maggio a Milano. L’idea è sa - realizzata da susanna esposi- a letto’ quindi a causa del numero esponenzialmente fra gli adulti e vortice delle assegnazionistata lanciata dal candidato sin- to, direttore facente funzione del- di infezioni respiratorie totalizza- i bambini. e la combinazione in- di appartamenti di pregiodaco nell’incontro che si è tenuto la Clinica pediatria I dell’universi- te ogni anno. «In media sei o set- quinamento-allergie rischia se- nel centro di Milano a prez-con i deputati, i senatori e i con- tà degli studi-Fondazione Policli- te episodi nei primi tre anni di an- riamente di trasformarsi in una zi stracciati. Tra gli inquilinisiglieri regionali del Pd - invitati nico del capoluogo lombardo, e da ni di vita e quattro o cinque negli mix letale. delle abitazioni della Baggi-da Pisapia a farsene promotori in na affittate sottocosto illu-Parlamento - in cui sono stati pre- stri personaggi del mondosi in esame i problemi della città della politica, dello sport,da affrontare. «Il rapporto con i figli e amici di potenti. Co-parlamentari e i consiglieri regio- me riconosciuto dal sinda-nali - ha ricordato Pisapia a Ter- co Moratti, il Pio albergora - è essenziale per dare a Milano Trivulzio andrà ora verso ilnuove opportunità. I temi dell’ex- commissariamento. secon-po, del governo delle criticità su do la legge sulle aziende perscala metropolitana, del federa- i servizi alla persona, questilismo municipale e della salute enti rientrano nelle respon-dei cittadini, sono prioritari nella sabilità sanitarie di compe-mia agenda per la città. ricordo tenza della regione e saràa questo proposito, che anche il quindi formalmente Formi-sindaco uscente, Letizia Moratti, goni a decidere per la nomi-qualche settimana fa si era detta na del commissario.d’accordo con la richiesta un uni- a.p.co ‘referendum day’ e si era impe-gnata a farsi carico della propostacon la presidenza del Consiglio e Casanoi aspettiamo fiduciosi una ri-sposta e la dimostrazione che Scontri per © LaPresseesiste una precisa volontà politi-ca in questa direzione». Nel cor- lo sgomberoso dell’incontro è stato ribadito il Momenti di tensione e scontri si sono registrati ieriIntervista David Armanini, biologo ventinovenne, ha creato una società di successo tutta di trentenni mattina in via Tracia 3 a Mi- lano, zona san siro, quandoImpresa, largo ai giovani green alcuni ragazzi del centro so- ciale Cantiere hanno bloc- cato la via cercando di im- pedire lo sgombero di una famiglia composta da una donna e tre bambini cheAnna Pellizzone ropea per le imprese innovative, ne di pannelli fotovoltaici sui tet- Una volta superate le peripezie occupava un appartamen-C con cui abbiamo coperto i costi ti degli edifici, l’Italia è uno dei pri- burocratiche e gestionali della so- to aler. In pochi minuti da- reare una società attra- di start up. mi Paesi al mondo. Ma si potreb- cietà la cosa più difficile è stata vanti all’abitazione si sono verso cui realizzare i pro- be fare di più ad esempio attraver- trovare il nostro focus. Trovare la radunanti spontaneamente pri progetti e far fruttare le In che settore del mercato vi so l’obbligatorietà d’integrazio- fetta di mercato che più fosse vi- anche alcune decine di ade- proprie competenze è da siete inseriti? ne di sistemi di energia efficienti cina ai nostri interessi, alle nostre renti al Comitato inquilinisempre il sogno di molti. La sto- Ci occupiamo di energie rinnova- in caso di ristrutturazioni o nuo- competenze e al nostro modo di san siro. «Nei giorni di affit-ria di David armanini, biologo, bili, di consulenza idrica e di edu- ve costruzioni. Una norma che già lavorare. Il fatto che siamo molto topoli, non possiamo accet-29 anni, dimostra che nella gre- cazione ambientale. Per quanto esiste, ma che non sempre è stata giovani in alcuni casi ci ha aiutati tare l’ennesimo atto di inci-en economy lo spazio per porta- riguarda le energie rinnovabili l’at- implementata. perché abbiamo viste riconosciu- viltà. Basterebbe assegna-re avanti le proprie idee c’è. Basta tività principale è sviluppare op- te le nostre energie e la nostra pro- re tutte le case del Pat, del-rimboccarsi le maniche. e non portunità d’investimento nel set- Perché avete deciso di occupar- duttività, ma in altri casi, soprat- la Fondazione Policlinico edare troppo peso a chi, soprattut- tore fotovoltaico, ma ci stiamo in- vi anche di educazione? tutto in Italia, abbiamo riscontra- di Casa Letizia, per risolve-to in Italia, continua a non fidar- teressando anche alle biomasse e È stata una scelta più persona- to molta diffidenza per una socie- re gran parte dell’emergen-si dei giovani. al biogas. Nel settore idrico ci oc- le che di business. siamo convin- tà come la nostra, in cui quasi tut- za abitativa del capoluogo cupiamo soprattutto di valutazio- ti del fatto che, in particolare in ti abbiamo più o meno 30 anni. lombardo - hanno spiegatoCome è nata l’idea di crea- ne della qualità ecologica delle ac- Italia, sia importante trasmette- i ragazzi del Centro socialere una società che si occupa di que e di gestione della risorsa idri- re delle conoscenze tecniche al- Cosa consiglieresti a un giova- -». smisurato, secondo i ma-ambiente? ca per conto di Governo e altri en- le nuove generazioni, soprattutto ne che, come te, voglia svilup- nifestanti, l’intervento delleL’idea è nata da un gruppo di gio- ti a livello europeo. per quanto riguarda ambiente ed pare una propria attività nella forze dell’ordine che hannovani da sempre appassionati di energia, i temi che noi riteniamo green economy? dirottato il gruppo verso laambiente e con background di- Come esperto di fotovoltaico e critici per il futuro. Lo incoraggerei, perché questo vicina Piazza selinunte. Laversi, dall’ecologia alla finanza. come milanese, che cosa pensi mercato è sicuramente in espan- Questura ha minimizzatosulla base delle nostre compe- di potrebbe fare per incentiva- Quali sono stati gli ostacoli più sione, ma gli direi anche che è già facendo sapere che non citenze abbiamo costruito un pro- re l’installazione di pannelli in difficili da superare nella crea- molto competitivo e che quindi è sono stati contusi.getto e poi nel 2007 abbiamo vin- città come Milano? zione della società e nel porta- necessario avere delle competen- e.s.to un bando della Comunità eu- Per quanto riguarda l’integrazio- re avanti il vostro lavoro? ze tecniche molto forti.
    • Terra Napoli 11A cura di Francesco Emilio BorrelliInfo: Italia_notizie@yahoo.it mercoledì 23 febbraio 2011Rifiuti Ieri l’incontro tra il gruppo di donne campane e i sindaci di due paesi vesuviani. E ora fa paura l’allargamento di cava SariIl ritorno delle mamme vulcanicheFrancesco Servino to, complice l’arrivo di esponenti to del percolato e della captazio- dei mezzi e dei container. La pas- InchiestaS di altri comitati, si è un po’ surri- ne del biogas. Tema principale re- seggiata improvvisata per i sen- i è tenuto ieri mattina l’in- scaldato, ma sono state bravissi- sta comunque la cava sari: hanno tieri che si addentrano dietro ca- contro tra le Mamme Vul- caniche e i sindaci di Bo- me le mamme a riportare l’atten- zione sui temi principali di cui di- destato preoccupazione le voci di un allargamento della discarica - va Vitiello ha lasciato sbalordi- ti le mamme vulcaniche e il sin- Perquisita scoreale e Boscotrecase scutere. «entro un paio di giorni lo hanno denunciato i Verdi - e la daco di Boscoreale: quest’ultimo EnerambienteGennaro Langella e agnese Bor- vedrò di far ripristinare il presi- visione di un filmato che lo testi- è rimasto sorpreso dalla quan-relli. Tema dell’incontro, il do- dio» è stata la promessa del sin- monierebbe. tità di cave presenti attorno al- «Le perquisizioni presso lecumento sui rifiuti redatto dal- daco Langella che annuncia pure Tanto che al termine della tavola la sari: una in particolare, appa- sedi della società eneram-le stesse paladine dell’ambiente. di aver preso visione di un proget- rotonda, una rappresentanza di rentemente già utilizzata in pas- biente non ci meraviglianoassente, come al solito, proprio il to di riqualificazione di cava Vi- mamme vulcaniche, in compa- sato ma di cui pochi conoscono affatto. a settembre 2010sindaco del comune che ospita la tiello con percorsi naturalistici e gnia del sindaco Langella, ha ef- l’esistenza, situata al confine con infatti informammo le au-discarica, Domenico auricchio, a laghetti. il primo cittadino ha an- fettuato un sopralluogo per con- la Vitiello, desta particolare pre- torità competenti che ci ri-cui il documento pure era indiriz- che annunciato di voler proporre statare di persona l’ampliamen- occupazione perchè si teme pos- sultava che durante alcunezato (e che al telefono si è detto ai sindaci della zona rossa la co- to dello sversatorio. L’immondi- sa essere utilizzata in un’ottica di tornate elettorali (in parti-in altre faccende affaccendato). stituzione di una società pubbli- zia ora viene sversata in un’area allargamento della discarica at- colare le provinciali 2009)Le mamme continuano a chiede- ca che si occupi del trattamen- che prima era adibita a deposito tualmente in funzione. c’erano state anomale in-re la chiusura di cava sari e la bo- fornate di assunzioni nel-nifica dei territori inquinati, un la società, ci risultava cheincontro da tenersi a breve con c’era stata una prevalenzaun rappresentante della ecode- di assunti proprio in deter-co per giungere definitivamente minati territori dove c’era-alla soluzione del problema del- no specifici collegi elet-le esalazioni e ai miasmi (che non torali e dove questi espo-si sono mai attenuati e che anco- nenti politici avevano i lo-ra infestano le città di Boscorea- ro bacini di consenso. infi-le e Boscotrecase) oltre all’inse- ne ci risultava che molti di-diamento e al mantenimento di pendenti erano stati ancheun presidio pacifico sulla roton- tesserati al Pdl». Lo han-da di via Panoramica e all’adozio- no dichiarato il presidentene di misure di controllo più ef- nazionale dei Verdi angeloficaci per quanto riguarda la rac- Bonelli ed il commissariocolta differenziata e di adeguati regionale campano Fran-sistemi di sorveglianza per sco- cesco emilio Borrelli. «Vo-raggiare l’accumulo selvaggio di gliamo chiarezza sui rap-rifiuti in strada. «Non avete pro- porti di questa società, chetetto i cittadini, pur sapendo che ha messo in crisi la raccol-la sari non è bonificabile avete ta dei rifiuti a Napoli tra © GiorGio/LaPresseconsentito lo sversamento di al- settembre ed ottobre 2010,tri rifiuti»: questa la critica che si ed esponenti del Pdl», han-è levata da alcuni dei presenti in no concluso i Verdi.sala. L’incontro, a un certo pun-Analisi Il progetto di Dominique Perrault punta a raccordare i luoghi della mobilità su ferro della città. Ma senza riuscirciNon piace la nuova piazza GaribaldiLuca Modestino* vo non appare del tutto centra- la Circumvesuviana: si ripren- smi trasparenti, retta da soste- parsi della sicurezza per le stra-L’ to: la rete viaria è insufficiente- de, ampliandolo all’estremo, il gni metallici “ad albero”, simi- de, o di imporre le scelte sul traf- ambizioso progetto di mente limitata ad un asse prin- concetto del corso principale (o li a quelli in cemento dell’edifi- fico pubblico extraurbano, ma Dominique Perrault per cipale, che taglia la piazza nel “Main street”, se vi sentite este- cio della stazione. a questa “fo- l’impressione è che questo pro- piazza Garibaldi cerca senso della lunghezza, e ad un rofili), che fa di qualunque per- resta” hi-tech fa da contraltare getto, per essere realizzabile in di raccordare la stazio- percorso che ne ripercorre late- corso un’occasione per “stru- la fascia opposta, in cui sorgono maniera compiuta, dovrà esse-ne di Napoli Centrale, la stazio- ralmente il perimetro. se, da un scio” ed eventuale shopping. decine di alberi, che sovrastano re accompagnato da un ripen-ne per l’alta velocità, la Circum- lato, è apprezzabile la realizza- in superficie, la piazza viene una superficie articolata tra ai- samento radicale dell’attuale si-vesuviana e le due metropolita- zione di un nuovo parcheggio e profondamente modificata, con uole, panchine e percorsi pedo- stema dei trasporti extraurbanine, proponendone anche una delle stazioni della metropolita- le due aree principali, separa- nali, interrotta da due percorsi e, magari, da un massiccio im-nuova configurazione. na, collocati sotto la piazza, non te dall’asse viario centrale, che carrabili secondari, posti ai lati piego di forze dell’ordine.Nella relazione introduttiva al- è comprensibile che in superfi- assumono caratteristiche ben dell’accesso alle metropolitane. Diversamente, resterà quellola proposta progettuale - appro- cie gli autobus extraurbani con- precise: la copertura della gal- Chi frequenta quotidianamen- che sembra oggi, a valutarlo dal-vata nel 2004, con ultimazione tinuino a percorrerne il perime- leria commerciale, posta dal la- te questi spazi, può realistica- le immagini disponibili sul web:prevista per il 2013 - l’architetto tro - recuperando anche un’am- to di Via Marina, reinterpreta e mente presagire che queste una soluzione progettuale “ca-francese presentava un’idea che pia area di sosta, attualmen- prosegue quella di Napoli Cen- aree “protette” potranno con- lata dall’alto”, che non si integratendeva a «conservare e valo- te soppressa per i cantieri anti- trale, con una copertura a pri- tribuire al rifiorire delle attività nella storicità della piazza, marizzare l’identità connaturata al stanti la stazione - concorrendo del melieu napoletano: immagi- che avrebbe potuto essere rea-luogo, cercando (…) di risolver- non poco all’intasamento delle niamo questa cornice bucolica, lizzata tal quale in qualsiasi me-ne gli aspetti più problematici strade. Per essere animata di giorno dai venditori tropoli europea.legati alla congestione dei flussi Tra le funzioni collocate nell’ipo- realizzabile, di cellulari falsi e dal gioco del- Le trasformazioni fanno par-di traffico veicolare e alla estre- geo ci sarà anche un’imponente il piano dovrà essere le tre carte; di notte i senzatet- te dell’evoluzione di una città,ma frammentarietà dell’uso de- area commerciale, accessibile accompagnato da un to potranno sognare di dormire ma il cambiamento corrispon-gli spazi da parte dei pedoni». a da vari ingressi sulla superficie, in mezzo alla natura, se i rumori de sempre al miglioramento pergiudicare dalle immagini e dai che raccorderà di fatto il par- radicale ripensamento delle aggressioni e delle risse tra l’utenza dei servizi e della vivibi-video, diffusi dal progettista e cheggio e le stazioni della metro del sistema dei ubriachi lo consentiranno… lità degli spazi urbani?dal Comune di Napoli, l’obietti- con la stazione ferroviaria e con trasporti extraurbani Non spetta agli architetti occu- *Architetto
    • 12 mercoledì 23 febbraio 2011 >>Ambiente>> Riciclo Dal sito che offre i manuali nulla si distrugge il futuro da te per riparare i gioielli Apple, fino ai designer che giocano con i cartoni da imballaggio. è fai Il recupero è ormai una necessità per il Pianeta, con tanto di manifesto Pierpaolo De Lauro «R iparare fa bene alla Terra. Fa ta. Un modo semplice per uscire dalla logi- nella giornata del 21 febbraio nel mondo nuovo portatile, i due sperimentarono la risparmiare denaro; fa impa- ca dell’usa e getta che colpisce soprattutto sono stati venduti oltre 2,5 milioni di cel- riparazione manuale. Si accorsero che non rare l’ingegneria. il miglior il settore dell’hi-tech. in tanti, infatti, al pri- lulari, una cifra che rende bene la quanti- esistevano manuali ad hoc e dopo molti modo per capire come funzio- mo segno di stanchezza del cellulare (uno tà di telefonini che vengono dismessi ogni tentavi e notti insonni, misero tutto in re- na una cosa è smontarla! Se non lo aggiu- spegnimento improvviso o un tasto che giorno. in base ai dati dell’Unione euro- te condividendo l’esperienza con gli ami- sti non lo possiedi». Sono solo alcuni pas- non funziona più) sono pronti a gettare pea, inoltre, il vecchio continente produ- ci. Oggi iFixit è un punto di riferimento per saggi del “Self-repair manifesto”, la campa- tutto nel cestino e correre nel primo nego- ce circa 9,1 milioni di tonnellate di rifiuti gli appassionati di elettronica e fai da te. La gna lanciata dal sito iFixit per incentivare zio di elettronica per comprare un nuovo di apparecchiature elettriche ed elettroni- community produce ogni hanno centinaia e diffondere la pratica dell’autoriparazio- modello con sempre più funzioni che non che. Un trend in continua crescita con no- di manuali per poter riparare oggetti come ne. Bastano pochi minuti, una dose di pa- useremo mai. Per fare un esempio, in base tevoli rischi per la salute considerando che l’iPhone o l’iPad con la possibilità di segui- zienza e un po’ di pratica per donare nuo- ai dati di Worldometers, sito che raccoglie i componenti interni dei nostri computer re le istruzioni, consultare video e all’oc- va vita a tutti i nostri oggetti. Un tempo il statistiche e dati in tempo reale, solo possono contenere materiali cance- correnza comprare pezzi di ricambio. Ba- recupero era la prassi: non si but- rogeni come mercurio e policlorobi- sta armarsi di microcacciavite, una buona tava via nulla, tutto rientrava in un fenili. Se proprio non riusciamo a far connessione e il gioco è fatto. percorso virtuoso che donava nuo- ripartire il nostro Pc possiamo sem- Altro modo di recupero e quello di far ri- va vita agli oggetti. Poi il consumi- pre rivolgerci a iFixit.com, un sito vivere piccoli oggetti quotidiani: da un smo sfrenato ha schiacciato tutto. nato nel 2003 ad opera di due giova- sacchetto avanzato dalla spesa, alla car- Oggi, con l’aria di crisi che avvolge ni studenti del Politecnico della Ca- ta avanzata dai regali di natale oppure tra- il mondo, qualcosa sta cambiando lifornia alle prese con un iBook del- sformare i vasetti degli omogeneizzati in e, con un po’ d’attenzione, una vec- la Apple con problemi allo scher- bomboniere perfette. Basta fare un giro su chia rete in legno può trasformarsi mo. Senza ricorrere all’assistenza e “Un’idea nelle mani”, un blog che raccoglie in un supporto per una pianta ram- senza soldi per poter acquistare un con novizia di particolari tante informa- picante; gli avanzi della cena diven- zioni ed esempi per dare nuova vita a tut- tare un piatto da gourmet; il vecchio iFixit.com è il sito ti gli oggetti. computer ritrovare tante nuove vite realizzato da due studenti Al di là dell’elettronica, il recupero può di- e cartoni pressati trasformarsi in un del politecnico della ventare una forma d’arte, così come avvie- divano di alto design. La prassi vir- ne nel lavoro di Courtney Hunt e Alex Wi- tuosa di un tempo è diventata la mo- California e raccoglie tutto tko, due giovani designer canadesi che tra- da di oggi, un movimento ormai ne- il necessario per aggiustare sformano in arredamento i rifiuti abban- cessario, che a partire dagli Stati Uni- oggetti elettronici come donati nelle discariche. Dal loro girovagare ti si sta diffondendo in tutto il Piane- l’iPhone e l’iPad è nato un marchio, Organelle, che propo- ne lampade da soffitto realizzate con gruc- ce abbandonate, cerchi di biciclette e pez- zi metallici. Tutto, ovviamente, è in vendi- ta. Anche il cartone da imballaggio, quello che molto spesso viene utilizzato in quan- tità spropositate nel packaging degli og- getti commerciali, può trovare una nuova vita. Come accade con Kartonchair, la se- dia multiuso realizzata con un unico foglio (kartonchair.com) oppure con la moda lanciata dal gruppo Bug House che com- pone divani a partire dalle vecchie custo- die degli lp. Ma in quest’ultimo caso il con- siglio è custodirli gelosamente.© SingH/AP/LAPreSSe
    • >>Scienza>> mercoledì 23 febbraio 2011 13 Spazio Pronti al lancio l’equipaggio dello space shut- tle Discovery posa per le fo- © NASA/Kim SHiflett to di rito nel Kennedy Space Center in florida, dopo l’arri- vo sulla pista di un jet t-38.Animali Il pesce del fiume Hudson è l’unico a non risentire della forte tossicità delle acque. Ma il HeNry BowerSveleno, che resta nel suo tessuto muscolare, finisce nella catena alimentare attraverso i suoi predatoriil super merluzzo cheresiste all’inquinamento Antartide Il tesoro di ScottAlessio NanniniU i campioni di esempla- n gruppo di ricercato- ri marini raccolti sul fon- ri della New york Uni- do del mare durante i viag- versity School of medi- gi di robert Scott in Antar- cine, coordinati dal pro- tide, nei primi anni del No-fessor isaac wirgin, ha scoperto vecento, potrebbe rivelar-che l’intera popolazione di mer- si molto utili nel capire iluzzi del fiume Hudson, che at- cambiamenti climatici at-traversa per buona parte lo sta- tuali e futuri. Confrontan-to del New york passando poi do per esempio i ramoscelliper manhattan e il New Jersey, è conservati di briozoi (Nuttidiventata immune alle sostanze Cellarinella) con quelli mo-tossiche grazie alla mutazione di derni, gli scienziati hannoun singolo gene. scoperto una crescita as-Gli scienziati sono venuti a ca- sai rilevante, con un tassopo di questo mistero, pubblicato annuo maggiore di più delin questi giorni sulle pagine del- doppio della media. il feno-la rivista Science, grazie a ricer- meno è stato provocato, ache durate quattro anni, durante detta dei ricercatori, da unai quali hanno catturato merluzzi più forte presenza di ani- JoANie Côtéanalizzandone il patrimonio ge- dride carbonica nell’ocea-netico. i loro studi si sono con- Un esemplare di merluzzo tommy (Microgadus tomcod), tipico del fiume Hudson no. A bordo della nave ter-centrati in particolare sul gene ra Nova, il capitano ingleseAHr2, che codifica per una pro- ze inquinanti, bloccando così la li. la quasi totalità delle spe- ma questa è una buona notizia cercò di raggiungere il Poloteina coinvolta nella regolazio- tossicità dei composti. Una re- cie ittiche ha risentito dell’im- soltanto per i tommy. Sud prima di roald Amun-ne degli effetti dei policlorobife- azione sorprendente, finora os- patto della sostanza con l’am- Gli altri pesci, che già se la pas- dsen, che tuttavia lo pre-nili (un tipo di composti organi- servata solamente negli anima- biente fluviale, con l’unica ec- sano male, finiscono ancora cedette di pochi giorni. laci molto tossici, banditi nel lo- li invertebrati. cezione appunto del cosiddet- peggio quando se ne fanno pre- missione di Scott si conclu-ro uso commerciale e industria- il fenomeno però sarebbe singo- to merluzzo tommy (Microga- da perché, sebbene non risenta- se poi tragicamente al rien-le a partire dal 1979), scopren- lare soprattutto per la velocità dus tomcod). e ciò sebbene nel no dell’inquinamento delle ac- tro, quando naufragò insie-do una variante del gene diver- con il quale si sarebbe verifica- fegato di questi animali i ricer- que, i merluzzi ugualmente ac- me all’equipaggio perden-sa dalla copia normale. Questa to, vale a dire soli cinquant’an- catori abbiano riscontrato va- cumulano nei muscoli il compo- do la vita. ma il frutto del-manca infatti di sei coppie di ba- ni. Nel corso di questo lasso di lori di policlorobifenile fra i più sto tossico. Così, ingeriti da altri la sua spedizione è rimasto,si nucleotidiche, che rappresen- tempo si calcola che siano sta- alti mai registrati finora. e non animali, i policlorobifenili entra- diventando oggi un patri-tano i mattoni del Dna. la pro- ti versati nelle acque del fiume solo i merluzzi non ne risento- no nella rete alimentare passan- monio indispensabile perteina sintetizzata non interagi- non meno di seicentomila chi- no, ma continuano a vivere e a do da una specie all’altra, magari gli studiosi del clima.sce correttamente con le sostan- logrammi di policlorobifeni- riprodursi come se niente fosse. fino ad arrivarci nel piatto.
    • 14 mercoledì 23 febbraio 2011 >>Creatività>>Tempi ModerniPresentato pochesettimane fa alFilmFestival di Bari,l’ultimo lavoro dellaregista Iole Natoliè una storia delicataed emozionante nuato con dei corti.sull’essere artista Parliamo delle musiche così suggesti- ve e sensuali che il cantautore DavideAlessia Mazzenga Combusti ha composto per lei.«D Con Davide c’era l’idea di collaborare insie- a dove nasce l’ispirazione me fin dai tempi del film sugli adolescenti, artistica? Immagini, colo- poi dopo aver scritto questo corto e aver- ri, suoni, musica, e poche glielo fatto leggere lui ha scritto immedia- parole, per rappresenta- tamente la musica, che era pronta ancorare il percorso creativo di una giovane pit- prima d’iniziare a girare.trice». Così la regista romana Iole Nato- C’è anche una mia poesia, che io ho scrittoli, autrice di diversi corti e mediometraggi dopo aver ascoltato delle musiche di Davi-(tra cui l’interessantissimo A un Millime- de. Il lavoro, quindi, mi piace vederlo cometro dal cuore) parla dell’idea che ha ispira- un confronto tra più artisti, in cui tornanoto il suo nuovo lavoro, Incanto, presenta- molte delle mie passioni come la pittura, lato con successo poche settimane fa al Ba- musica e la poesia.ri International Film&Tv festival e in pro- Mentre la scelta degli attori com’è avve-grammazione al prossimo festival del ci- nuta?nema indipendente di Roma, il RIFF. Un Elena Radonicich è una giovane attrice di-cortometraggio con Elena Radonicich e plomata al Centro Sperimentale, che ha re-Aureliano Amadei, che trasmette il senso citato in diversi corti ed ha già vinto deiQuando il cinema premi. La scelta di Aureliano, invece, è di- pesa dal fatto che non volevo un uomo ba- nale, un modello, ma una persona carnale, forse un artista anche lui. Avevo già lavora-è un’opera d’arte to con Aureliano per 20 Sigarette e tra noi c’era stata una grande intesa. Aureliano è un artista a tutto tondo, una persona molto sensibile e coraggiosa Girare il corto è stata un’impresa com- plicata anche dal punto di vista economico? L’Armata Brancaleone produc-di una passione creativa capace di riempi- Certamente però la sfida era di rappresen- commedie e cinepanet- tion, infatti, è sia un mio per-re un’esistenza. tare un’immagine femminile libera, un’iden- toni con attori conosciu- sonale omaggio a VittorioCom’è nata l’idea di raccontare un mo- tità di donna un po’ diversa da quella che ti. Quindi c’è una sorta di Gassman, che mi consigliò dimento della vita di un’artista? vediamo rappresentata solitamente. censura preventiva per i fare la regista e che ho avutoLa storia è nata perché m’ispirava il lavo- Generalmente gli artisti sono degli uomi- lungometraggi mentre per modo di conoscere su un setro di un’amica pittrice, Daria Calvelli. So- ni, le donne sono poche e poco racconta- i corti c’è più libertà. Perso- di Scola, sia un ringraziamen-no una sua ammiratrice e volevo raccon- te. Dunque mi sembra anche politicamen- nalmente ho cercato di rea- to a tutti quelli che hanno col-tare in qualche modo i suoi quadri. Così ho te molto importante rappresentare donne lizzare un film che raccon- laborato e contribuito in mo-scritto una storia fatta di pochissime paro- che non siano sempre così banali oppure tasse gli adolescenti in mo- «Mi ha ispirato do molto generoso alla realiz-le, tante immagini, musica e colori. solo piene di rabbia e di recriminazioni. do un po’ più intelligente di una pittrice. Così zazione di questo lavoro. Com-La sfida era anche quella di raccontare Quanto è difficile fare la regista oggi in quello che si vede normal- preso un mio carissimo amico,una donna? Italia? mente ed ho trovato grossis- ho scritto una Gianni Castellani, senza l’aiutoSicuramente. Se poi un’artista donna sia di- Molto, a causa della realtà di crisi del cine- sime difficoltà, per cui l’ho storia fatta di del quale Incanto non si sareb-versa da un artista uomo questo non lo so. ma italiano si propongono quasi sempre messo da parte ed ho conti- musica e colore» be mai fatto.SchermagliePalma d’oro al Festival diCannes del 2009 il regista Haneke le colpe ai padriaustriaco realizza una ti, incestuosi, i bambini e gli adolescenti so- nell’arco di una generazione dilagherà in yer e Bergman, costruisce questo potente no i protagonisti silenziosi della storia: i lo- tutto il Paese. Il medico, il barone, il pasto- affresco sulla morte degli affetti, cui si sot-pellicola agghiacciante ro occhi terrorizzati, angosciati da ciò che re protestante, diventano tre modi di eser- traggono solo la bella moglie del barone, ilsulle origini del nazismo sentono o intuiscono, raccontano la paura citare il dominio e la violenza, (soprattutto maestro di scuola, voce narrante del film, delle punizioni corporali, ma ancora di più sulle donne, vittime e complici per cecità e assieme ad Eva, la giovanissima bambina-Francesca Pirani quella paralizzante della minaccia psichica incapacità di ribellione), fornendo un mo- ia di cui è innamorato: tutti gli altri, alline-I dei loro padri. I ragazzini, educati e obbe- dello da imitare e odiare ai bambini, che fi- ati in file ordinate nella chiesa del villaggio, n un piccolo villaggio protestante del dienti, nascondono una rabbia sorda che niscono con l’assorbire la distruzione insi- compongono nel totale fisso dell’immagi- nord della Germania alle soglie della cresce sino alla violenza, raccontata per el- ta nei rapporti interumani che li circonda- ne finale, un’immagine intransitiva, in cui Grande Guerra, scorre la vita di poche lissi, nei fuori campo, nello splendore abba- no, impazzendo silenziosamente. Ma i figli la macchina da presa immobile sulla so- famiglie: quella del pastore protestan- gliante di un bianco e nero senza chiaro- non sono che il sintomo della malattia dei glia del significato, lascia che il senso ge-te, del medico, del barone, dei contadini, la scuri, il cui nitore di contorni comunica il padri, dei loro ideali astratti e assoluti: i na- neri in noi l’immagine nascosta della cata-cui tranquillità viene scossa dall’attentato senso di un pensiero freddo e violento che stri bianchi che il pastore impone di lega- strofe in atto.al medico, che cade rovinosamente da ca- agisce dietro il comportamento dando ori- re al braccio dei propri figli, a simboleggia-vallo a causa di una fune tesa fra due alberi. gine alla disumanità. Attraverso la piccola re la necessità di raggiungere la purezza, si Il nastro bianco (Austria/Germania/Al primo incidente ne seguono altri: la de- comunità rurale di Eichwald, Haneke deli- trasformeranno nel giro di pochi anni nella Francia 2009) Drammatico, dura-vastazione di un campo di cavoli, l’aggres- nea alcune tendenze culturali e umane del- stella di David cucita sul petto degli ebrei, ta 144’, regia Michael Haneke, con Su-sione al figlio del barone, l’incendio di un la Germania negli anni che precedono la nelle teorizzazioni sulla razza. «Un sistema sanne Lothar, Ulrich Tukur, Burghartfienile, le sevizie ad un bambino ritardato, Prima Guerra Mondiale, individuando nel di educazione dal quale è emersa la gene- Klaussner.la morte di alcuni abitanti in circostanze in- microcosmo di questo villaggio, le cause razione nazista», afferma lo stesso Haneke,spiegabili. Accanto ai padri, violenti, astrat- di una follia sotterranea e compressa che che, nel solco stilistico e tematico di Dre- Su Sky Cinema Mania: mer.23 h.23.45
    • >>Commenti>> mercoledì 23 febbraio 2011 15 Verso il 17 marzo, firenze, le ragioni Ci sono carenze enormi da un punto di del comitato “no al vista progettuale già evidenziate nel- ma ancora senza gli italiani sottoattraversamento av” le osservazioni della VIA, ma la più vi- stosa e grave è la totale mancanza di Angelo Bruscino* Ieri una delegazione del Comitato con- VIA sulla stazione Foster. Non è vero tro il Sottoattraversamento AV di Fi- che si perderebbe tempo ad abbando- Ci stiamo avvicinando al 17 Marzo e, gnata, avvenga sul serio. Il Nord, in- renze è stato ascoltato dalle commissio- nare l’idea dei tunnel. Progetti alterna- quindi, ai festeggiamenti per i primi vece, preferisce farsi scudo dei suoi ni VI e VII della Regione Toscana (Am- tivi hanno tempi di realizzazione molti 150 anni della nostra Unità naziona- meriti, della sua capacità produtti- biente e Trasporti) riunite congiunta- inferiori, mentre un progetto con tante le. L’anniversario cade in un momen- va, del suo essere europeo geogra- mente. Tra i rappresentanti del Comi- criticità, come quello che si avvia, avrà to drammatico, di grandi rivoluzioni ficamente e culturalmente, dimen- tato erano presenti l’ingegner Massimo ritardi inevitabili. (speriamo democratiche) per il Me- ticando che proprio il tanto vitupe- Perini che ha illustrato le criticità prin- Il Comitato ha chiesto che i lavori del dio Oriente e il Nordafrica, di gran- rato Mezzogiorno, in primis con la cipali del progetto (impatto sulla fal- “Passante AV” si fermino e si augu- di cambiamenti economici: i Pae- sua forza lavoro a basso costo e con da, irresponsabile sottostima dei cedi- ra che le evidenze scientifiche ed eco- si emergenti, con la Cina in testa, si le tante risorse drenate, nel passato menti del terreno, anomalie nello smal- nomiche presentate ai consiglieri del- preparano ad afferrare la nuova le- ha consentito quella crescita che og- timento delle terre di scavo) tali da non le Commissioni VI e VII possano porta- adership commerciale (e inevitabil- gi viene sbandierata come vessillo di poter garantire nemmeno l’ultimazio- re ad un vero dibattito politico e final- mente a breve anche politica) del autonomia e di altra piccola Italia. Il ne dell’opera; il mancato controllo dei mente ad un serio confronto invocato mondo, dove l’Europa diventa sem- Centro resta lì a metà strada, tra pre- lavori fatti finora, in particolare sul- da anni dai cittadini. pre più nazionalista, dimenticando i giudizi e privilegi, delegando ad altri lo “scavalco” di Castello e a Campo di principi di unità e di spirito che ave- la voce e i compiti di chi dovrebbe Marte. L’ingegner Vincenzo Abruzzo ha Comitato contro il Sottoattraversamento vano spinto alla firma del Trattato di essere il collante tra le tante realtà illustrato l’inutilità di una nuova linea AV di Firenze Roma del 1957. Insomma, nell’anno del Paese. sotterranea, visto che l’alta velocità non in cui l’Italia dovrebbe riscoprire, an- Eppure l’Italia resiste, e nel mondo, trova alcun ostacolo a Firenze, la pos- che sotto il profilo culturale, il valo- nonostante tutto, funziona ancora sibilità di aggiungere due binari in su- re della sua unità, il mondo è sempre con il suo Made in Italy, con la sua perficie con disagi, rischi e costi che sa- agcom, ora prevedere più diviso e, naturalmente, il nostro arte, con la storia, con il gusto, con rebbero un decimo di quelli dei tunnel. risarcimenti dopo i disservizi Paese non fa eccezione. le canzoni, che ancora testimoniano Il professor Giorgio Pizziolo ha dimo- La spinta a sentirsi abitanti di una al nostro posto quanto questo Paese strato come la progettata stazione Fo- Siamo soddisfatti delle nuove regole, ri- sola città, di una sola regione, lo spi- esista, quanto la sua grandezza sia ster sarebbe un grave errore urbanisti- chieste da tempo, sugli indennizzi va- rito del localismo urlato ed impe- fatta dall’eccezionale capacità di noi co e illustrato il progetto alternativo di rate dall’Agcom, un intervento a favore rante, non è obiettivamente mai sta- Italiani di saper mettere insieme le potenziamento del nodo fiorentino e la dei consumatori. Apprezziamo il nuo- to tanto forte ed in questo contesto straordinarie diversità che ci carat- realizzazione di un unica struttura per vo corso dell’Authority, che sta inter- che le città italiane più importan- terizzano. Questa è la strana Italia di la mobilità chiamata “Firenze Novella” venendo con sempre maggiore con- ti sono diventate anche il simbolo oggi, fatta di perenni contraddizio- che nascerebbe dall’integrazione delle tinuità e concretezza in difesa dei di- di un’Italia più piccola, perché testi- ni, piena di urla, di scandali, di tan- strutture esistenti di Santa Maria No- ritti dei consumatori e degli utenti. In moni e nuove capitali di quel Paese te altre piccole “italiette” l’una con- vella e Statuto con il trasporto pubbli- quanto alle nuove regole auspichiamo a pezzi che alternativamente si vor- tro l’altra che danneggiano tutti e al- co urbano. che venga previsto, oltre all’indennizzo, rebbe senza il Sud o il Centro, spe- la fine non renderanno un buon ser- I rappresentanti del Comitato hanno anche il risarcimento del danno subito rando in questo modo di lasciare ad vizio a nessuno. E volendo lanciare ancora ricordato alcuni punti impor- dal consumatore a seguito del disservi- altri i problemi che in 60 anni non si un piccolo pensiero al nostro passa- tanti alla giunta regionale, in partico- zio dell’operatore. Inoltre, pur apprez- è saputo (o forse voluto) risolvere. to, a quelli che furono i padri spiri- lare: la procedura che ha autorizzato i zando l’introduzione dell’automatici- Oggi il Meridione preferisce guar- tuali e materiali del nostro Paese, co- lavori non è irreversibile (art. 21 quin- tà dell’indennizzo, vorremmo che fos- darsi indietro, alla ricerca di un re- me Mazzini, Cavour, Garibaldi, non quies legge 241/1990) come invece so- se possibile attivare un sistema di con- visionismo storico, che lo riqualifi- posso fare a meno di pensare che stengono il presidente e l’assessore al- ciliazione, con l’intervento delle Asso- chi nel presente come preda e co- loro fecero l’Italia, mentre noi pur- le infrastrutture. Il problema del paga- ciazioni dei consumatori, per risolvere me vittima, ma senza il coraggio di troppo ancora non siamo riusciti a mento delle penali non è reale: in Italia tutte quelle controversie che non han- guardare e puntare veramente avan- fare gli Italiani… il numero di lavori ricontrattati è vasto; no avuto una soluzione automatica, co- ti e di chiedere, una volta per tutte, si possono proporre alle ditte interessa- me presente in altri settori. che la ormai celebre Questione me- te la realizzazione di opere davvero uti- ridionale venga superata e che la *Presidente Confapi li garantendo al contempo un aumento Carlo Pileri modernizzazione, tante volte ago- Campania Giovani dei posti di lavoro necessari. presidente AdocOrgano ufficiale d’informazionedella Federazione dei VerdiReg. Trib. di Roma n. 34 del 7/2/2005Sped. in Abb. Post. D.L. 353/2003 (conv.in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 c. 1 DCB - RomaLa testata fruisce dei contributidi cui alla legge 7/10/ 1990 n. 250via del Porto Fluviale, 9/a - 00154 Romatel. 06.45.47.07.00 - fax 06.42.01.31.31info@terranews.it - www.terranews.itDirettore responsabile: Luca BonaccorsiCondirettore: Enrico FontanaDirettore editoriale: Giovanni NaniVicedirettori: Vincenzo MulèValerio Ceva GrimaldiRedazione: Rossella Anitori, Diego Carmignani,Susan Dabbous, Pierpaolo De Lauro,Alessandro De Pascale, Alessia Mazzenga,Alessio Nannini, Paolo Tosatti, Federico TulliGrafica: Andrea Canfora, Alessio Melandri,Gianluca Rivolta, Monica Di BrigidaIllustrazioni: Alessandro FerraroWeb content management: Francesca RicciComitato scientifico: Vanni Bianchi, ValerioCalzolaio, Marcello Cini, Franco Corleone,Derrick de Kerckhove, Anna Donati,Gianluca Felicetti, Vincenzo Ferrara, PaoloGalletti, Marco Gisotti, Carlo AlbertoGraziani, Umberto Guidoni, Giulio Marcon,Stefano Masini, Gianni Mattioli, GiorgioParisi, Francesca Sartogo, Eddy Salzano,Danilo Selvaggi, Massimo Serafini, AlexSorokin, Mario Tozziundicidue srlvia del Porto Fluviale, 9/a - RomaPresidente: Luca LaurentiAmm. delegato: Roberto PresciuttiConsiglieri: Luca Bonaccorsi, Roberto PresciuttiStampa: New Poligraf Rome srlStabilimento: via della Mola SaracenaFiano RomanoDistribuzione: S.E.R. srl - Tel. 081-5845742E-mail: sersrl@editoria.itConcessionaria di pubblicità:Poster pubblicità & P.r. srlSede legale, direzione generale:via Angelo Bargoni, 8 - 00153 - romaTel.06 68896911 - Fax 06 58179764E-mail: poster@poster-pr.ItChiuso in redazione alle ore 19.00
    • redazione@comunicareilsociale.net mercoledì 23 febbraio 2011 info@terranews.itIl caso Una ricerca delle Università di Firenze, delle Marche e del capoluogo abruzzese rivela che il 68% deicittadini è insoddisfatto dei nuovi alloggi. Il professor Alexander: «La Protezione civile ha creato solo disfasia» La polemicaL’Aquila, ricostruzione flop Gabrielli contro il Cav Diversi quotidiani in questi giorni hanno ripreso le dichia-Francesco Heigel trovo per la comunità sono inesi- razioni che il Capo del Dipar-«I stenti. E cresce anche la disoccu- timento di Protezione Civile lavori di ricostruzione pazione, toccando quota 6%. An- Franco Gabrielli ha rilascia- post terremoto proce- cora Alexander: «I progetti allog- to nel corso della convention dono più veloci in In- giativi C.a.s.e. e M.a.p. in quasi tut- sul volontariato a Lucca. Fra- donesia che a L’Aquila». ti i 5mila casi non contengono i si dure quelle dell’ex Prefetto,A rivelarlo è la ricerca Microdis- servizi di base». E sempre secon- cariche di risentimento ver-L’Aquila, realizzata dall’Università do i dati emersi dalla ricerca sulla so chi aveva affermato di so-di Firenze, l’Università Politecnica ricostruzione «non vi sono segni stenere a spada tratta tutto ildelle Marche e quella dell’Aquila. Il di una pianificazione della ripre- comparto: Silvio Berlusconi.progetto - coordinato dal Cespro sa. Quindi se un ritorno alla nor- In più di un’occasione il Presi-e finanziato dall’Unione europea malità significa il reinsediamen- dente del Consiglio aveva, di-tramite l’università belga di Lou- to dei tessuti urbani, non è affatto fatti, espresso il suo fermo im-vain – è stato realizzato alla fine chiaro quando questo accadrà». Il pegno in favore delle compa-del 2010 su un campione di 15mi- professore britannico ritiene che gini di protezione civile. Impe- © LATTANZIo/ANSAla terremotati e centinaia di com- «un elemento fondamentale è gni spazzati via da qualche ri-plessi edilizi. Curatore della ricer- stato la mancanza di separazione ga contenuta nell’ormai famo-ca è il professore britannico David delle attività di protezione civile so decreto milleproroghe, bu-Alexander, tra i massimi esperti da quelle di ripristino e ricostru- co nero dell’Italia del fare. Eeuropei di grandi disastri, che giu- zione, una situazione raramente se il volontariato era già sta-dica i lavori post sisma in Abruzzo meccanismo per assegnare gli al- ca emergono difatti decine di ca- riscontrata in altri Paesi del mon- to vessato da “Tremonti-ma-«più lenti» rispetto a quelli in cor- loggi – ha spiegato il professore in- si di depressione post traumatica do. Il coinvolgimento del Diparti- ni di forbice” alcuno si aspet-so a Sumatra, colpita da un violen- glese - non ha dato attenzione al- tra donne, anziani e disoccupati. mento della Protezione Civile nei tava che la scure si abbattes-to terremoto nel 2009. Nell’anali- la preservazione del tessuto socia- Il 68% della popolazione è insod- processi di ripristino, un ente sot- se anche sul fratello “ricco”:si della ricostruzione, Alexander le. Il risultato è stato un aumento disfatto della ricostruzione e vor- to l’ombra dello scandalo per pre- la Protezione civile per l’ap-critica la «poca attenzione delle del senso di isolamento e impo- rebbe abbandonare gli alloggi; il sunta corruzione, ha creato disfa- punto, perché maggiormen-istituzioni per l’aspetto sociale. Il tenza dei residenti». Dalla ricer- 71% afferma poi che i luoghi di ri- sia più che simbiosi». te dotata di mezzi e di perso- nale specializzato. E diciamo- lo, giustamente ricco perché non svolge funzione suppleti- “Pronto Intervento Si terrà a Catania da Venerdì 25 marzo e sino a domenica 27 il “Pronto Interven- il punto della situazione e dare avvio ad una serie di azioni sinergiche per lo svi- va nei servizi, come dovrebbe essere norma negli altri setto- Expo” a Catania to Expo”. Giunto alla sua terza edizione il luppo di piani di emergenza sempre più ri del volontariato, ma colon- salone specializzato per la Protezione Ci- tempestivi ed efficienti. Un appuntamen- na portante delle emergenze. vile e rivolto alla prevenzione ed alla ge- to che cade in concomitanza con un mo- E Gabrielli, mostrando di co- stione delle calamità nel Sud Italia rap- mento particolarmente complicato per il noscere a fondo il sistema ide- presenta uno dei momenti fondamentali comparto di protezione civile fortemen- ato dall’allora ministro Zam- di discussione confronto e verifica per chi te vessato dai tagli del governo. L’inizia- berletti, non a caso ha scelto si occupa di prevenzione nei grandi rischi tiva è patrocinata dal Comune, dalla Pro- la convention toscana per di- come enti pubblici, operatori sanitari e vincia di Catania, dalla Regione Sicilia e re la sua: Lucca che, per sto- non ultimi volontari delle diverse sigle dal Dipartimento Regionale di Protezio- ria geopolitica è patria di pro- nazionali. In programma numerosi dibat- ne Civile. tezione civile. Una location, titi, convegni e focus centrati sulle emer- Per maggiori informazioni: quella del salone del volonta- genze che negli ultimi mesi hanno colpi- www.prontointerventoexpo.it riato, che ha posto l’ex Prefet- to il territorio italiano. Un modo per fare Andrea Scetta to in una condizione di forza al punto da potere attaccare diretto e non mediato il gover-La denuncia In una lettera al premier la Consulta del volontariato lancia l’allarme: «Nel Milleproroghe no (che per effetto contrario ha spinto il “ministro Sacco-norme penalizzanti. A rischio il ruolo delle associazioni di volontariato». E così il Paese sarà meno sicuro ni – bianconiglio” a disertarla inviando una missiva di scu-Protezione civile al collasso se per impegni altri soprag- giunti, nel ragionevole timore, si suppone, di divenire bersa- glio dei 9mila volontari inter- venuti sul tema 5 x mille). Ma di Franco Gabrielli spiace nonSimone Andreotti* mento più visibile del percorso emendamenti ad un decreto on- capacità operative di tutte le aver visto pubblicate due fra-G di crescita del nostro sistema di nicomprensivo. Non quindi una componenti del sistema, prima si rilasciate proprio lo scorso entile Presidente del protezione civile ogni giorno im- seria e partecipata discussione fra tutte il volontariato. Preoccu- 21 febbraio, le più significative Consiglio Silvio Berlu- pegnato sul territorio nelle pic- sul se e come migliorare il siste- pati perché questo rischia di fat- ad uso e consumo di cittadini sconi, durante il sisma cole e grandi emergenze, nella ma di protezione civile, ma un to di distruggere un sistema di e politologi: «Il presidente del che ha colpito dramma- prevenzione come nell’informa- tecnicismo, certo formalmente protezione civile di altissimo li- Consiglio non conta più nul-ticamente l’Aquila nel 2009 an- zione alla popolazione. Parten- corretto, ma sicuramente con- vello, rendendo vani gli sforzi, le la», e riferendosi all’ on. Zam-cora una volta il volontariato ha do da questi presupposti espri- nesso ad un esercizio della po- passioni e le energie di tutti co- berletti, «oggi siamo qui consaputo dimostrare nella pratica miamo grande sgomento e pre- litica che non crediamo rappre- loro che hanno contribuito a co- il fondatore e con (riferendositempestività, efficienza, profes- occupazione per la proposta di senti al meglio l’Italia. struirlo, tra cui anche le associa- a se stesso, ndr) il liquidatoresionalità e sempre più alta spe- modifica alla legge 225 del 1992, Preoccupati perché l’emenda- zioni di volontariato di protezio- della Protezione civile». Frasicializzazione, garantendo i pri- tramite emendamento appro- mento presentato toglie di fatto ne civile e, soprattutto, renden- esternate in una pubblica in-mi interventi di soccorso e la ne- vato al Senato della Repubblica, la possibilità di utilizzare tem- do meno sicuri gli italiani. Ci au- tervista che rendono, insom-cessaria assistenza alla popola- nel Decreto Mille Pro- pestivamente quel- guriamo che si faccia un passo ma, il tratto di rottura di chizione colpita. Un’azione incisiva roghe. Sgomento nel Il rischio lo strumento inelu- indietro per garantire alla prote- servitore dello Stato si è ritro-realizzata da tutte le componen- vedere lo stravolgi- è che si renda dibile e strutturale zione civile italiana quegli stru- vato d’improvviso il benservi-ti di quel sistema nazionale di mento di quella legge più difficile per la gestione effi- menti fondamentali per conti- to del governo.protezione civile unico al mon- istitutiva fondamenta- cace dell’emergenza nuare ad operare al meglio.do di cui l’Italia può vantarsi, di le del sistema di pro- gestire di protezione civile, Luca Mattiuccicui il volontariato è parte inte- tezione civile attraver- l’immediatezza ovvero il potere di *Presidente della Consulta Nazio- Direttore responsabilegrante e integrata. Un’esperien- so la strada umilian- di un’eventuale ordinanza, e di con- nale del Volontariato di Protezio- Comunicare il Socialeza che rappresenta solo il mo- te e silenziosa degli emergenza seguenza, inficia le ne Civile