Your SlideShare is downloading. ×
TERRA - quotidiano - 03/03/2011
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

TERRA - quotidiano - 03/03/2011

339
views

Published on


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
339
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Dalle città Milano: Formigoni sostiene la dark- economy. Napoli: veleni a cielo aperto pagine 10 e 11 Anno VI - n. 52 - giovedì 3 marzo 2011 - E 1,00 Rinnovabili Oltre 65 deputati, in gran parte della maggioranza, e 14mila cittadini chiedono all’esecutivo di ritirare il decreto Solare, si apre uno spiraglio Il testo arriverà oggi in Consiglio dei ministri. è scontro tra i tecnici dello Sviluppo e dell’Ambiente per limare i tetti di produzione. Forza del Sud di Micciché minaccia la spaccatura nella maggioranza. I Verdi: «Violata la direttiva Ue» De Pascale a pagina 2 Maltempo In fondo ClIMA e negAzIOnI Luca Bonaccorsi Kerry Emanuel, climatologo dell’Mit, verso la fine del forum ha chiesto, rivolgendosi ai giorna- listi: «Perchè la stampa continua a rappresentare il tema dei cam- biamenti climatici causati dall’uo- mo come una controversia, o un dibattito, quando invece c’è largo consenso sull’argomento tra deci- ne di organizzazioni scientifiche in tutto il mondo?». «Perchè non avete convinto il pubblico» ha ri- sposto Elizabeth shogren della national Public Radio. Emanuel ha avuto bisogno di pochi secondi per rispondere alla shogren:«no, VOI non lo avete convinto». Il set di questo gustoso e simbo- Governo ladro lico scambio di qualche giorno fa era la conferenza dell’Associazione per l’Avanzamento della scienza che si tiene ogni anno a Washing- ton d.c. La domanda effettivamen- te è di quelle da impazzire. Per un climatologo oggi vedere o leggere © ETXEZARRETA/AnsA qualcuno che dubita dell’impat- to che gli esseri umani hanno sul clima ha lo stesso urticante effet- to di udire qualcuno che discetta dell’orbita solare intorno alla Ter- Ancora maltempo e altre vittime. solo ieri, tre morti e un disperso. Dopo sicilia e Calabria, ra: è sbagliato! emergenza nelle Marche. L’accusa dei geologi: «Manca la prevenzione» Servizi a pagina 3 spiegazioni? La prima è la scar- sa dimestichezza dei cittadini con i temi scientifici. Il (basso) livel- L’appello Nomine 2 Rifiuti 4 Veleni 5 Sped. in Abb. Post. D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 1 DCB - Roma lo medio di preparazione condi- zionerebbe la capacità della gen- te di “capire” l’allarme. La seconda Il 12 marzo tutti nel giro di poltrone del governo entra anche Galan. Il Parlamento boccia la Regione Lazio sulla Dopo Quirra, anche Capo Teulada. nuovi è “la negazione” ( forse gli psichia- tri parlerebbero di “annullamen- in piazza per Che propone il suo uomo più chiacchierato a capo del spazzatura. svelato il patto tra La Russa e Alemanno testimoni confermerebbero l’inquinamento dei poligoni to”), ovvero quella tendenza degli esseri umani a cancellare (men- la Costituzione Corpo forestale dello stato sulla discarica di Allumiere di tiro in sardegna talmente si intende) pensieri spa- ventosi. Il terzo è quello dell’infor- Stefano Corradino mazione: la sua scarsa qualità, la direttore Articolo 21 condizionabilità di questa da par- te degli interessi economici dietro I Padri costituenti che il 1 gen- il climanegazionismo, l’ignoranza naio 1948 davano alla luce la dei giornalisti ecc. Così negli Usa. Carta si auguravano che negli In Italia invece siamo alla cancel- anni a venire quei principi di li- lazione totale. Chi ricorda l’ultimo bertà scritti col sangue e col su- intervento di santoro o di Floris o dore sarebbero stati difesi con della Bianca Berlinguer sul tema? le unghie e con i denti. E che i Il circuito informativo nostrano diritti sanciti dalla Carta sareb- è strettamente riservato ai soliti bero stati ampliati. Ma a 63 an- ni di distanza piuttosto che fare Immigrazione «s ulle nostre coste potrebbe esserci un impatto senza pre- cedenti», ha pronosticato il ministro dell’Interno Roberto noti, il minutaggio ripartito scru- polosamente secondo il Cencel-10303 passi in avanti si è tornati fune- Dina Galano Maroni alla notizia della ripresa degli sbarchi dei profughi li delle correnti Pd e dei potenzia- stamente indietro. Altro che al dal nord Africa. Cinque imbarcazioni sono state rintracciate in ma- li alleati (notata l’onnipresenza di ‘48, forse addirittura a un seco- re e quasi 500 persone condotte al porto di Lampedusa tra la notte e Casini ultimamente?). E, purtrop- Nuovi sbarchi 9 772036 443007 lo prima quando lo statuto Al- la giornata di ieri. Gli arrivi sono ripresi, dunque, dopo una settima- po, tra i soliti noti di ambientalisti bertino nel segnare il tramonto na di stop dovuto alle cattive condizioni del mare. Con la situazione non ce n’è. Ma le cose cambieran- dello “stato assoluto” sanciva la nascita di un sistema di gover- a Lampedusa «drammatica» che si aggrava al confine, ieri il governo italiano ha deliberato un intervento umanitario in Tunisia che partirà «entro 48 no: tra 20 o 30 anni le nostre peri- ferie somiglieranno molto a quel- no costituzionale moderno e la netta distinzione dei ruoli. Aiuti italiani ore». L’Alto commissariato Onu per i rifugiati ha descritto la folla che «per chilometri e chilometri» si accalca alla frontiera con la Tunisia. le di Città del Messico o Calcutta, invase da ecoprofughi. Allora il cli- segue a pagina 15 in Tunisia Il tappo è di nuovo saltato. segue a pagina 2 ma arriverà nel primetime.
  • 2. 2 giovedì 3 marzo 2011 >>Primo EnergiaEnergia Il decreto sulle rinnovabili arriva oggi in Consiglio dei ministri. In tre giorni 14milacittadini e 65 parlamentari hanno firmato un appello per chiedere all’esecutivo di non approvarloSolare, governo in crisi il presidente del partito Verde eu- ropeo Monica Frassoni e il rela- tore della direttiva all’Europarla- mento Claude Turmes. «Il targetPronta la retromarcia già molto ridotto di 8.000 MW di fotovoltaico - aggiungono - verrà certamente raggiunto dall’Italia entro l’anno ed è inferiore di 6,5 volte rispetto a quello della Ger- mania». L’appello “Sos rinnovabi-Alessandro De Pascale li” è stato lanciato da Asso Ener-S gie Future (Aef), un’associazione tamattina si saprà quale fu- che lotta per la creazione di una turo energetico, vuole dare forte industria italiana delle rin- all’Italia il governo Berlu- novabili. «Il successo della mo- sconi. Perché alle 8:30 ini- bilitazione dell’opinione pubbli-zierà a Palazzo Chigi il Consiglio ca è il più tangibile segnale chedei ministri che dovrà discute- la stragrande maggioranza deglire dell’attuazione di una serie di italiani sa che le rinnovabili sonodirettive europee in scadenza. una delle leve più importanti perTra queste anche la 28 del 2009 il futuro economico, ambienta-sulla «promozione le e occupazionale del nostro Pa-dell’uso dell’ener- I Verdi: «Violata ese», commenta il segretario digia da fonti rinno- la direttiva Ue, Aef Gaetano Buglisi. Del resto levabili», per la quale perché di fatto energie pulite sono uno dei pochilo Sviluppo econo- settori non colpiti dalla crisi mamico ha preparato diventa impossibile in crescita sia occupazionale cheun decreto legge, in realizzare gli di fatturato e tecnologicamen-parte contestato an- obiettivi fissati te in evoluzione. Soltanto in Ita-che dallo stesso mi- dall’Europa» lia danno lavoro a 20mila perso-nistro dell’Ambien- ne, altre 100mila nell’indotto, conte, che va approvato entro saba- lamentari, soprattutto della mag- municipale se il decreto non ver- che il blocco degli incentivi per i quasi 200mila famiglie autosuffi-to. Anche ieri i tecnici dei due gioranza, hanno scritto al gover- rà ritirato. Si oppongono al tetto nuovi impianti su terreni agrico- cienti energeticamente. Del restoministeri, in un incontro al ca- no per chiedergli di non approva- massimo di 8.000 MW al 2020 per li superiori ad 1 MW di potenza. «secondo le stime di Nomismalor bianco, tentavano di limare le re il decreto. Alcuni, come i depu- gli incentivi al fotovoltaico, una Secondo i Verdi, i primi a chiede- Energia, il fatturato delle “nuoveparti più impopolari della bozza. tati di Forza del Sud, che fa capo norma retroattiva che la Com- re il ritiro del testo, questo decre- rinnovabili” (idroelettrico e ge-I primi a protestare erano stati gli al sottosegretario alla Presiden- missione europea scoraggia per- to «viola la direttiva Ue, perché otermia esclusi), nel 2010 ha su-imprenditori del settore, le asso- za del Consiglio con delega al Ci- ché rischia di perturbare il mer- rende di fatto impossibile realiz- perato i 13 miliardi di euro. Eranociazioni di categoria e gli ambien- pe Gianfranco Miccichè, ieri han- cato, congelare gli investimen- zare gli obiettivi fissati dall’Eu- 8,6 miliardi nel 2009, poco più di 5talisti. Ma negli ultimi tre gior- no addirittura minacciato di non ti e bloccare l’appoggio del siste- ropa in materia di produzione di nel 2008», conferma il presidenteni ben 14mila cittadini e 65 par- votare la fiducia sul Federalismo ma finanziario. Contrastato an- energie rinnovabili», denunciano dei Verdi, Angelo Bonelli.Politica Prima di lasciare il Ministero dell’agricoltura, l’ex presidente della Regione Veneto Immigrazionestudia l’ultimo blitz e propone Giuseppe Ambrosio a capo del Corpo Forestale dello Stato RiprendonoGalan se ne va e premia sbarchi e antiche paurel’uomo più chiacchierato Galano dalla prima Se sarà necessario, ha avver- tito ieri Maroni di fronte alle Commissioni riunite Affari co- stituzioniali ed Esteri, «per af-Vincenzo Mulè lo staff dell’ex presidente della cenda risale al 2003, alla nascita Nel testo inviato al ministero del- frontare l’emergenza ci com-H Regione Veneto. Uno, in partico- e alla gestione di Enoteca Italia, le politiche agricole e che cita un porteremo come la Germania a scelto una lettera, pub- lare, fa discutere. Sembrerebbe, un carrozzone capace di ingoiare articolo del 2009 del quotidiano dopo la caduta del Muro di Ber- blicata sul giornale di fa- infatti, trovare sempre più credi- milioni di euro in un paio d’anni. Italia Oggi, Ferrante chiede, tra lino». Poco male, perché secon- miglia, per annunciare to la voce che vorrebbe Giuseppe Ambrosio venne sentito nel 2005 l’altro, «se il tutto fosse conferma- do le stime del governo potreb- quello che in molti già Ambrosio, attuale capo gabinetto come persona informata dei fat- to, quali provvedimenti e di qua- bero arrivare, contemporane-sapevano. Forse già da oggi, più all’agricoltura, promosso a capo ti dall’allora procuratore capo di le tipo, siano stati adottati per as- amente, 200mila persone. Nu-probabile dalla prossima setti- del Corpo forestale dello Stato. Asti Sebastiano Corbello. I capi sicurare, da parte di una così alta meri consistenti anche per ilmana, Sandro Bondi non sarà più Carica attualmente ricoperta da d’imputazione, del pm della pro- carica dello Stato, il rispetto degli tempo che sarà impiegato peril (contestatissimo) ministro del- Cesare Patrone. A farsi portavoce cura di Roma Stefano Fava, so- obblighi di diligenza, lealtà e im- i rimpatri volontari. Dato chela cultura. Al momento sembra dei malumori di questa, eventua- no tutti relativi alla gestione dei parzialità stabiliti dalla Costitu- l’accordo bilaterale con la Tu-questa l’unica notizia certa nella le, nomina è Francesco Ferrante. finanziamenti, di cui Ambrosio zione e dal Codice di comporta- nisia prevede il rientro di solopartita che riguarda il rimpasto, il Il senatore del Pd è l’autore di una aveva piena disponibilità. In quel mento dei dipendenti delle pub- quattro connazionali al giorno,movimento di poltrone e nomine interrogazione al ministro delle periodo, infatti, il dirigente era bliche amministrazioni». Maroni ha spiegato che «conche coinvolgerebbe anche il mi- politiche agricole, nella quale si capo dipartimento delle politi- Paola Balducci, avvocati di Am- questo ritmo ci vorrebbero trenistero delle politiche comunita- ricorda come su Ambrosio pen- che di sviluppo del Mipaaf e, per- brosio, bolla la vicenda come anni per rimpatriarli tutti». Darie e quello dell’agricoltura. Do- dano ancora cinque capi d’accu- tanto, pubblico ufficiale addetto «una montatura per screditare qui l’idea di una rinegoziazioneve, la partita è doppia. Da un lato, sa: tre per concorso per truffa ag- alla gestione di quei fondi. «Se un Ambrosio, dal punto di vista per- dei vecchi accordi. Ma si ten-Giancarlo Galan, attuale titolare gravata per il conseguimento di semplice ragazzo volesse arruo- sonale e professionale. Vogliono ta di partire anche dall’Egittodel dicastero di via XX Settembre, erogazioni pubbliche, uno per larsi – denuncia Ferrante – aven- fargli la guerra». Rimane comun- rivoluzionario, come ha ripor-è il candidato numero uno ad an- falsità materiale commesso da do anche uno solo dei capi d’im- que aperta la questione circa l’op- tato l’agenzia masrawy che ieridare ad occupare la poltrona di pubblico ufficiale in atti pubblici putazione che pendono su Giu- portunità di affidare una carica di ha riferito di un gruppo di uo-Andrea Ronchi. Dall’altro, ci so- e l’ultima, pesantissima, per truf- seppe Ambrosio, sicuramente la polizia giudiziaria a un uomo sul mini arrestati sulla spiaggia po-no tutta una serie di movimenti fa aggravata finalizzata al conse- sua candidatura non sarebbe ne- cui operato ancora gravano so- co prima di salpare. Quaranta-“minori” che riguardano proprio guimento di fondi pubblici. La vi- anche presa in considerazione». spetti così pesanti.
  • 3. piano>> giovedì 3 marzo 2011 3 Maltempo Maltempo Mezza Italia ripiomba nell’incubo. Nelle Marche due morti e un disperso. Danni incalcolabili a case, terreni e strade. E le aree industrializzate sono le zone le più a rischio Acqua, vento e frane Diego Carmignani M assiccia ondata di maltempo, e in Italia Il Belpaese affondato torna l’incubo frane. Solo un miracolo non ha fatto vittime nella provincia di Messina, in particolare nelle fra- zioni di Mili San Pietro e Cama- ro Superiore. Passato l’incubo del temporale, la situazione resta cri- le nevicate è destinato a salire da capitolo è quello delle coltivazio- tica e il primo cittadino Giuseppe 500 a 1.000 metri di quota, con ni e degli allevamenti: le decine di Buzzanca ha annunciato la richie- uno scioglimento che provoche- migliaia di ettari di terreno agri- sta di stato di calamità naturale. rà nuova pressione a valle. An- colo sott’acqua e gli allagamenti Nel salernitano ha rotto gli argini che nella zona di Ascoli Piceno si delle campagne hanno provocato il fiume Tanàgro, obbligando una è creato un clima di panico, ricor- perdite a ortaggi, verdure, vivai e ventina di famiglie a lasciare ca- dando l’alluvione del 1992. Come ucciso molti animali. Particolar- sa, mentre nel tarantino sono nu- spiega Paolo Canducci, assessore mente gravi i danni per le pian- merose le case allagate a Ginosa, all’Ambiente del comune di San te da frutto, come gli agrumeti. Il con alcuni residenti che si sono Benedetto del Tronto, «l’eccezio- valore delle perdite potrebbe rag- rifugiati sui tetti in attesa dei soc- nalità del fenomeno atmosferico giungere i cento milioni di euro corsi. La tragedia sfiorata nel Me- si è fatta sentire nelle aree più in- complessivi, secondo quanto sti- © LAPRESSE ridione si è invece concretizzata dustrializzate, lì dove gli stabili- mato da Coldiretti in un primo, nelle Marche e nel teramano, zo- menti sono stati costruiti a ridos- provvisorio bilancio. ne colpite duramente da piogge e so dei fiumi, modificando il loro neve. Si cerca una ragazza travol- corso originale e non permetten- ta dalla piena dell’Ete. Annegato dogli di espandersi normalmen- l’uomo che era con lei. Una 85en- te nei casi di piena. È quello che ne è affogata in un torrente. Nel- sta accadendo nelle zone pro- le prossime ore potrebbero esse- duttive di San Benedetto, Ascoli re le famiglie evacuate. La Prote- e Grottammare. Altra situazione zione civile ha diffuso uno stato che stiamo monitorando attenta- di allarme esteso fino a domani, mente al momento è quella delle sottolineando la criticità idrogeo- mareggiate che si stanno abbat- logica e idraulica di tutte le pro- tendo sulla costa». Nuova emer- vince interessate. Qui, le precipi- genza a Trieste e in tutto il litora- tazioni, lo scioglimento della ne- le del Friuli Venezia Giulia, dove ve e la saturazione dei suoli ai li- la bora ha sfiorato i 180 chilome- velli idrometrici attuali compor- tri all’ora e provocato centinaia di tano condizioni di elevata critici- feriti e danni agli edifici. Traffico tà, considerando che il limite del- in tilt in Emilia Romagna. Altro La frana di Atrani del 2010 e quella recente di Messina mila ghiné il prezzo del viag- Focus Eventi alluvionali che travolgono alvei cementificati. Dalla Calabria alla Campania, gio. La situazione a Lampedu- zero prevenzione. E con i fondi drasticamente ridotti sarà sempre più difficile evitare tragedie sa, intanto, è tornata a preoc- Messina come Atrani cupare gli operatori, nonostan- te il Centro sia stato deconge- stionato in questi giorni, con il ponte aereo che ha trasferi- to 500 persone dall’isola verso i Quei disastri prevedibili Cie e i Cara d’Italia. Il sistema di accoglienza rischia di non reg- gere il colpo: le rivolte nei Cen- tri, la fuga di molti non identifi- cati, l’eccessiva burocrazia che ha portato quasi la totalità de- gli irregolari ad essere iscritti Franco Ortolani* Molti dissesti preesistenti sono lo accaduto ad Atrani il 9 settem- vo. Il grave evento avrebbe potuto nel registro degli indagati della e Peppe Caridi** stati riattivati e molti altri si sono bre 2010. La situazione ambienta- avere conseguenze catastrofiche L Procura di Agrigento per il «re- innescati senza evolvere in frane le dei due abitati è del tutto simi- se si fosse verificato in un’ora di ato di immigrazione clande- a Calabria e il messinese lente o rapide. Le zone di fondo le. La strada principale che da val- punta del traffico automobilistico stina». Per l’Associazione giu- negli ultimi due anni sono valle sono state invase da acque le conduce alla parte alta dell’abi- e pedonale, ad esempio all’entrata risti per l’immigrazione (Asgi) state interessate da note- e detriti, come di solito avviene tato è stata realizzata coprendo o all’uscita delle scuole. Situazio- «si tratta di un paradosso, uti- voli precipitazioni piovose nelle zone urbanizzate senza ade- l’originario alveo torrentizio che ni simili si rinvengono in miglia di le solo a produrre carta». Gian- che hanno innescato dissesti su- guate sistemazioni idrauliche e è stato trasformato in alveo-stra- abitati ubicati alla base dei rilievi franco Schiavone dell’Asgi spie- perficiali e profondi ed eventi al- valide difese idrogeologiche. Inu- da. La portata d’acqua è stata tale e centinaia di migliaia di cittadini ga così il meccanismo tortuoso luvionali diffusi che hanno provo- tile prevenire i danni e le vittime: da non poter essere smaltita dal- sono potenzialmente esposti a se- che obbliga ad aprire un proce- cato anche vittime oltre ad ingen- meglio che si verifichino i disastri la fognatura per cui, forse anche rio pericolo. Inutile dire che anco- dimento e a sospenderlo subi- ti danni alle infrastrutture e al pa- in modo che a cose fatte si deve a causa di una parziale ostruzio- ra non vi sono sistemi di allerta- to dopo, quando viene avviata trimonio edilizio pubblico e priva- intervenire in situazioni emergen- ne dell’imbocco dell’alveo coper- mento efficaci e piani di protezio- la pratica d’asilo. «È un proble- to. L’evento del 1 marzo scorso ha ziali che richiedono l’uso di poteri to, una notevole quantità di ac- ne civile locali e di bacino in grado ma attuativo», chiarisce Schia- interessato un’area compresa tra speciali e il conseguente disinvol- qua e detriti con alberi si è river- di garantire l’incolumità dei citta- vone, «anche se alcune Procu- il Messinese e la Calabria centrale to ricorso a deroghe nell’eseguire sata lungo la strada che si chia- dini. La riduzione dei fondi pub- re sostengono che per le per- che tra gennaio e febbraio 2011 è interventi senza il rispetto delle ma Via Vallone. Come ad Atrani, blici in questo comparto è mol- sone che fanno domanda d’asi- stata interessata da copiose piog- leggi ordinarie. Le foto illustrano la notevole portata incanalatasi to preoccupante ed è una via per lo non si configura l’iniziale re- ge; la superficie del suolo predi- tipici dissesti causati dalle piog- lungo la strada ha trascinato alcu- raggiungere uno sciagurato obiet- ato, proprio perché non c’è vio- sposta a “reagire” per cause geolo- ge cadute il 1 marzo scorso tra il ne decine di auto fino ad accata- tivo: protezione ambientale pre- lazione norma sull’ingresso». giche morfologiche ha alimentato Messinese e la Calabria centrale. starle in una strettoia. Per fortuna ventiva zero. Interpretazioni a parte, “l’eso- numerose colate di fango rapide Nell’abitato di Mili San Pietro (a il progressivo aumento della por- do” finirà per ingolfare anche i tipo quelle che hanno devastato sud di Messina) le intense piogge tata del flusso che scorreva lungo *Ordinario di Geologia, tribunali penali. il messinese l’1 ottobre 2009 e Ca- hanno provocato un grave evento la strada ha allarmato i cittadini Università di Napoli Federico II samicciola il 10 novembre 2009. alluvionale del tutto simile a quel- che sono riusciti a mettersi in sal- **Meteoweb
  • 4. 4 giovedì 3 marzo 2011 >>Primo Il documentoIl documento La Commissione Ecomafie ha approvato ieri la relazione sulla gestione regionaledell’immondizia. Raccolta differenziata mai partita, intrecci tra politica e affari: «È ancora emergenza»Rifiuti, il Parlamento te un’audizione in Commissione Ecomafie a chi gli chiedeva con- to di questo rapporto privile- giato degli enti pubblici con un unico privato. Secondo il primoboccia la Regione Lazio cittadino della Capitale, «Cerro- ni ha comunque garantito fino- ra la presenza di un’imprendito- ria sana, conosciuta e testata. L’uscita di scena di questo im- prenditore apre scenari che pos-Giorgio Mottola la difficoltà di riportare a gestio- sono essere pericolosi».I ne ordinaria la raccolta, il tratta- Non pericoloso, ma di pessima n Lazio l’emergenza rifiu- mento e lo smaltimento dei ri- qualità è invece il cdr, il combu- ti non è mai finita. E se nel fiuti prodotti», è la constatazio- stibile da rifiuti, prodotto negli 2008, a distanza di nove anni ne della relazione parlamentare. impianti laziali. I termovaloriz- dal suo inizio, la crisi è stata Con la fine della gestione com- zatori di Colleferro (al centro didichiarata risolta, si deve «più a missariale la situazione non è una importante inchiesta dellamotivazioni politiche che al su- migliorata di molto. Tre le gros- magistratura) e Frosinone sonoperamento delle criticità nella se falle individuate dalla Com- costretti perciò a importare im-gestione del ciclo». Le 81 pagi- missione ecomfie: «scarso svi- mondizia dalle altre regioni. Lane della relazione sul ciclo dei ri- luppo della raccolta differenzia- colpa è della carenza di stabili-fiuti in Lazio, approvata ieri dal- ta, lavorazione di bassa qualità menti di trattamento meccani-la Commissione ecomafie, boc- dei rifiuti, commistione co biologico e della scarsa effi-ciano senza riserve la gestione tra parte politica e parte Gli cienza degli impianti di compo-della Regione e degli enti loca- gestionale». A queste si inceneritori staggio. Secondo la Commissio-li. La raccolta differenziata non aggiunge la presenza in- laziali ne ecomafie, gli inceneritori la- © PERCOSSI/ANSAè mai davvero partita: la media vasiva della criminalità ziali sono molto più grandi deldelle cinque province è ferma al organizzata, capace, so- costretti necessario e se la raccolta dif-15 per cento, in teoria dovrebbe prattutto in provincia di a importare ferenziata partisse sul serio, ilraggiungere il 60. I termovaloriz- Latina, di monopolizza- rifiuti dal problema aumenterebbe di di-zatori sono «sovradimensiona- re il settore dei traspor- resto d’Italia mensione. Per questo motivo, siti», per funzionare sono costret- ti e di far entrare illegal- legge nella relazione, il termova-ti a importare rifiuti da fuori re- mente in discarica rifiuti peri- prattutto Manlio Cerroni, il re ditore romano finiscono 44 mi- lorizzatore, che dovrebbe esse-gione. E come in Campania, an- colosi. della spazzatura romana, che lioni di euro ogni anno. Sol- re costruito ad Albano, non so-che nel Lazio tutto il ciclo si reg- Della crescita a passo di lumaca gestisce l’invaso di Malagrotta, di molto facili visto che Cerro- lo potrebbe avere conseguen-ge ancora sulle discariche. dei tassi di raccolta differenzia- la più grande discarica di Ita- ni opera in regime di monopo- ze nocive sulla salute (nel testo«La più che decennale dura- ta (Roma, Viterbo e Latina so- lia e d’Europa. Ogni tonnella- lio, come sottolinea in più pun- viene dato ampio spazio al pa-ta dell’emergenza rifiuti ha di- no tra il 16 e il 15 per cento, Ri- ta conferita nella sua discarica ti la relazione. «Non ci sono al- rere contrario dell’Asl), ma pro-mostrato purtroppo sia il falli- eti e Frosinone al 6) se ne è av- costa 72 euro. Per cui, a conti ternative», rispose il sindaco di pabilmente sarebbe addiritturamento dei poteri d’urgenza, sia vantaggiato in questi anni so- fatti, nelle tasche dell’impren- Roma Gianni Alemanno duran- «inutile».Il caso Il nuovo invaso della Capitale sorgerà ad Allumiere. È stato deciso il 13 dicembre. DallaProvincia De Paolis (Sel) aveva lanciato l’allarme già tre mesi fa ma la Polverini aveva negato tutto Il casoDiscariche, quel patto azione di cdr (combustibile da ri- fiuti) e un inceneritore. Il sindaco di Allumiere annuncia battaglia e insieme all’amministrazione di Ci- vitavecchia e di Ladispoli ribadi-tra La Russa e Alemanno sce l’assoluta contrarietà al pro- getto. I Verdi stanno inoltrando un esposto a Bruxelles per ferma- re l’apertura del sito in un’area na- turale protetta. Alemanno si na- sconde dietro un dito e prova aRossella Anitori si: il sindaco della Capitale ha in- te della provincia Zingaretti han- l’allarme affermando che quella giustificarsi dicendo che Allumie-I viato comunicazione formale alla no pranzato insieme a Trastevere di Allumiere fosse più di una me- re è solo una delle tante ipotesi in l patto tra il sindaco Aleman- Regione Lazio sull’assenza di luo- (20 gennaio 2011) per trovare una ra ipotesi, l’assessore regionale al- campo. Zingaretti alza le mani e no e il ministro della Dife- ghi idonei per una nuova disca- soluzione al problema dei rifiuti. le Attività produttive e alle Poli- nega un coinvolgimento al riguar- sa La Russa per la creazio- rica nel comune di Roma (29 di- Nonostante si sia sviluppato un tiche dei rifiuti, Pietro Di Paolo, do: «Malgrado le diverse occasio- ne di un polo integrato per cembre 2010) chiedendo alla pre- dibattito fuori e dentro lo spazio lo tacciò di cialtroneria e respin- ni avute per confrontarci sul temalo smaltimento dei rifiuti nel po- sidente Polverini di individuare istituzionale sul post-Malagrotta, se ogni accusa al riguardo. Ma le dei rifiuti, non ero mai stato infor-ligono militare di Allumiere ormai altrove un sito alternativo a Ma- e ognuna di queste date sia suc- carte parlano chiaro e le “illazio- mato di un atto così importante enon è più un segreto. Ma lo è ri- lagrotta; i sindaci della Provincia cessiva alla firma del protocollo ni” di De Paolis risultano oggi ve- impegnativo». La Polverini invecemasto per molto. Il protocollo di hanno rivolto un appello al presi- d’intesa tra il Comune di Roma e il rificate. Nel Comune di Allumie- lo sapeva, ma se lo era tenuto perintesa con cui il ministero ha mes- dente del Consiglio e al Capo del- ministero della difesa, del proget- re, in una zona sottoposta a vin- sé. «Non si realizzerà alcuna cittàso a disposizione del Campidoglio lo Stato (30 dicembre 2010) scon- to “Allumiere” nessuno è mai sta- coli ambientali, potrebbe sorgere dei rifiuti ad Allumiere» ha ribadi-145 ettari di terreno nel compren- giurando l’apertura di una nuo- to informato. Anzi. Quando Gino a breve la città dei rifiuti: oltre alla to ieri, ma visto i precedenti, nonsorio de “La Farnesiana” è stato si- va discarica nel territorio provin- de Paolis, capogruppo di Sinistra discarica il protocollo siglato tra sono le dichiarazioni a fare la dif-glato il 13 dicembre 2010. Da quel ciale; la governatrice Polverini, il e libertà alla Provincia di Roma, Alemanno e La Russa prevede in- ferenza. Alla faccia di un dibattitogiorno sono passati quasi tre me- sindaco Alemanno e il presiden- alla fine dello scorso anno lanciò fatti anche un impianto per la cre- pubblico e partecipato. Microcredito Sembra un vero e proprio regolamento di conti quello consumato ie- ri dal governo del Bangladesh contro Muhammad Yunus, premio No- Crac Cirio Il governo bel per la pace e pioniere della microfinanza. Con un blitz della Banca centrale, infatti, Yunus è stato estromesso dalla Grameen Bank, da lui L’accusa: © BRAMBATTI/ANSA del Bangladesh fondata nel 1976. Il Nobel è accusato di evasione fiscale ma il tentativo è di prendere il controllo della Grameen Bank, che gestisce micropre- otto anni caccia Yunus stiti per 955 milioni di dollari concessi a otto milioni di poveri. per Geronzi
  • 5. piano>> giovedì 3 marzo 2011 5 Veleni Veleni Non solo Quirra. In Sardegna nuove testimonianze su militari deceduti per tumore che avevano prestato servizio a Capo Frasca. Dati epidemiologici inquietanti nell’area di Capo Teulada Poligoni di tiro e uranio Gianluca Martelliano* «M io figlio veniva mandato al poli- gono senza ma- Troppe morti sospette schera, senza tu- ta, senza guanti, senza elmetto, senza niente. Raccoglieva a ma- ni nude quello che i mortai lascia- vano a terra. Gli altri, gli america- ni, avevano tutto l’occorrente». A parlare è Bastiano Faedda, padre mani nude è confermata da Fal- bianco del 2002, documento re- di Gianni, giovane militare di le- co Accame, ex ammiraglio e presi- peribile, in maniera un po’ acro- va che nel 1997 presta servizio in dente dell’Associazione che tutela batica, sul sito difesa.it. Nel foglio una base della Sardegna. Il ragaz- le famiglie dei militari deceduti in excel in cui compare Teulada so- zo entra nel poligono sano e ne tempo di pace. «I militari italiani no barrate le caselle “armi porta- esce malato. Nel 2002 muore, uc- dovevano bonificare il terreno, to- tili”, “artiglierie e carri”, “mortai” e ciso da un tumore al cervello. La gliendo di mezzo pezzi di artiglie- “missili”. La base può essere utiliz- notizia è che non siamo a Quirra, ria e bossoli. Lo hanno sempre fat- zata da eserciti e aziende per 250 sede dell’ormai noto poligono mi- to. Tutto il personale in Sardegna giorni l’anno. Quirra, la base di cui litare che ospita, senza distinzio- ha operato senza la minima misu- ora tutti parlano, è in una cartel- ni, sperimentazioni belliche e un ra di precauzione», spiega Acca- la a parte. Risulta l’unico “poligo- tasso di linfomi decisamente so- me. Ma non c’è solo Capo Frasca. no militare interforze”. Eppure pra la norma. I campi per le eser- Nella lista nera dei po- quel che succede nelle altre basi citazioni sono tanti e anche in al- «Mio figlio ligoni sardi l’ex ammi- non sembra poi così diverso. «Qui tre zone si registra un alto tasso di lavorava senza raglio inserisce anche si addestrano italiani e stranieri», malattie. La base del soldato Fa- protezioni», Capo Teulada. «Quel racconta Stefano Gengu del comi- edda è a 150 chilometri di distan- poligono – chiarisce tato cittadino di Teulada. Anche za da Quirra, bagnata da un altro denuncia il Accame – è molto pe- qui ci sono tumori. «Non c’è nes- padre di Gianni ricoloso perché ci fan- © ANSA mare ma toccata dagli stessi pro- suno studio ufficiale recente – fa blemi. Siamo a Capo Frasca, sul- Faedda, morto no i tiri navali. Tenga sapere Gengu – meno uno: quello la costa occidentale dell’isola. La Il poligono militare di Capo Teulada in Sardegna nel 2002 conto che un proietti- commissionato dalla Regione Sar- sindrome di Quirra è arrivata an- le navale è alto un me- degna nel 2006. Il periodo di riferi- che qui, confermando il binomio corda il padre. I medici non colle- viene congedato nel febbraio del tro, mentre un proiettile anticar- mento è 1997-2001. In quelle car- “esercitazioni-tumori”. Faedda fa- gano subito i primi sintomi all’at- 1998. Nel maggio dell’anno succes- ro è grosso come un pollice. I con- te c’è scritto che i tumori polmo- ceva il lavoro sporco. E lo faceva tività nel poligono. «In quel perio- sivo ha un attacco epilettico. I me- ti sono facili da fare». A Teulada, nari superano del 93 per cento la senza guanti. I primi sintomi della do non ci si pensava – continua a dici scoprono che ha un astrocito- il promontorio più a sud dell’iso- media dell’isola, che per i linfomi malattia sono arrivati poco dopo raccontare il padre – se ne è ini- ma fibrillare. Significa, anche nel la, c’è uno dei 151 poligoni italia- non Hodgkin sale al 135 per cen- la fine del servizio di leva. «Aveva ziato a parlare solo dopo la mor- suo caso, tumore al cervello. Muo- ni a cielo aperto. Lo si trova nel- to». Numeri che inquietano. Co- la febbre altissima, gli faceva male te di Maurizio Serra, un commili- re nel 2004, a 25 anni. La storia dei la speciale lista del ministero del- me il silenzio su vicende. ovunque, soprattutto la testa», ri- tone di mio figlio». Il soldato Serra soldati che raccolgono rottami a la Difesa. È tutto scritto nel Libro *Ecoradio Biotech Biotech La presenza dell’agente patogeno sarebbe dovuta all’uso dell’erbicida glifosato su soia e mais modificati. Il patologo Don Huber, autore della ricerca, ipotizza effetti nocivi anche sugli animali Il virus sconosciuto Federico Tulli U n virus fino a oggi sco- nosciuto è stato identi- ficato nei mangimi per che si annida negli ogm animali a base di soia e mais geneticamente modificati. L’allarme è stato lanciato da Don Huber, patologo vegetale della Purdue University (Indiana, Sta- ti Uniti) e coordinatore del Siste- ma nazionale per la cura delle farina di soia e mais Roundup vo organismo potrebbe avere sia aumento della popolazione dei caso si accerti che o il gene RR patologie vegetali (Npdrs) al Di- Ready, modificati geneticamen- sulle piante che sulla salute degli patogeni e della loro virulenza, oppure il Roundup stesso siano partimento Usa per l’agricoltura te per la resistenza all’erbicida animali e degli esseri umani, ma la modifica della microflora del un promotore o un cofattore di (Usda). a base di glifosato. Il virus è sta- anche per scongiurare un col- suolo con diminuzione della bio- questo patogeno. Secondo Huber la presenza to intercettato anche nello sto- lasso dell’agricoltura Usa e delle disponibilità dei nutrienti, con La soia transgenica Roundup dell’agente patogeno potrebbe maco e nelle placenta di maia- esportazioni di mais e soia. Il ri- conseguenti effetti sulla dieta Ready è commercializzata da essere connessa all’uso dell’er- li e bovini nutriti con tali man- cercatore ritiene infatti che sia- animale e umana. Nella sua let- Monsanto in Europa da quasi 15 bicida glifosato applicato sulle gimi, e potrebbe aver provocato no evidenti le prove riguardo lo tera all’Usda, Huber raccoman- anni. Approvata nel 1996 per il piante di soia e mais genetica- infertilità (in oltre il 20 per cen- sviluppo dell’agente infettivo sia da pertanto di indagare in mo- consumo alimentare e mangimi- mente modificate. to dei capi monitorati) e aborti una conseguenza dell’abuso del do approfondito sulle cause che stico dall’Unione europea, è sta- Dai test di laboratorio sarebbe spontanei (oltre il 45 per cento). glifosato sulle colture transgeni- hanno portato allo sviluppo del ta adottata come standard pro- infatti emersa la presenza, in al- Secondo fonti d’agenzia Don Hu- che, quali soia, mais, colza, coto- particolare agente infettivo, e di duttivo oltre che negli Usa anche te concentrazioni, di un organi- ber ha sollecitato il Dipartimen- ne ed erba medica. ritardare la deregolamentazio- in Argentina e Brasile. smo micro-fungale, dalla forma to all’agricoltura ad intervenire Diversi studi hanno documen- ne dell’erba medica erbicida-re- Il Vecchio continente importa di un virus e capace di auto-re- con la massima urgenza per evi- tato, in tali piante, una riduzio- sistente, in quanto tale approva- ogni anno da questi Paesi decine plicarsi, nei mangimi a base di tare gli effetti negativi che il nuo- ne della crescita e del vigore, un zione sarebbe una calamità nel di milioni di tonnellate. Condannare Sergio Cragnotti a 15 anni di reclusione e Cesare Geronzi (nella foto) a 8 anni: è questa la richiesta fatta ieri dalla pubblica accu- Farmaci Nuova puntata dell’annosa storia del farmaco per l’infertilità Meropur. Il suo principio attivo è estratto da urine umane ma non riporta nel foglio sa al processo per il crac da 1,1 miliardi di euro della Cirio. In totale il pm ha chiesto la condanna di 31 imputati, per un totale di 221 anni di Infertilità, chiesta illustrativo l’avvertenza prevista per gli altri farmaci urinari. Per questo motivo i senatori radicali Donatella Poretti e Marco Perduca, e Filomena carcere, con l’interdizione perpetua dai pubblici uffici, l’inabilitazione all’esercizio di una impresa commerciale e l’incapacità ad esercitare la sospensione Gallo, presidente di Amica cicogna, hanno chiesto al ministro della Sa- lute Ferruccio Fazio e all’Agezia italiana del farmaco di sospendere il Me- uffici direttivi presso qualsiasi impresa per la durata di dieci anni. del Meropur ropur dal commercio fino a quando il bugiardino non sarà aggiornato.
  • 6. 6 giovedì 3 marzo 2011 >>Reportage>>Taiwan Taiwan Le antichissime tradizioni di una tribù dell’entroterra rischiano di sparire a causa della progressiva avanzata della società moderna. Ecco come si sta tentando di salvarleConsumismo e cemento, cosìscompaiono gli ultimi bununBruno Picozzi da TaiwanN on sono ancora le 7 del mattino quando uno straordinario coro poli- fonico riempie l’aria fred-da di febbraio, una voce di ange-li che si fa strada tra le palme dibetel insieme alla bruma che sa-le abbondante dal fondo dellavalle. Dura mezzora e poi si che-ta, lasciando spazio di nuovo aglistrani rumori della foresta e allerare automobili di passaggio. Ac-cade qui, sulle montagne intor-no a Suili, nell’entroterra taiwa-nese, tra conche e precipizi rigo-gliosi di vita che si elevano fin ol-tre i mille metri. Qui vivono i bu-nun, una delle 14 tribù che abi-tavano l’isola bella, la Formosa,ben prima che i navigatori por-toghesi vi mettessero piede nelsedicesimo secolo. I bunun so-no stati i primi aborigeni taiwa-nesi a uscire dall’anonimato gra-zie al Pasibutbut, “Ioti aiuto, tu mi aiu- La lingua madreti”, canto sacro fon- è classificatadamentale nel com-plesso rituale che «in pericolo». La strada verso il villaggio di Tamazuan. Un antico calendario lunareintroduce la semina Un anziano: «Neldel miglio. Lo canta- villaggio ero amico but, “Io ti aiuto, me nero”, lo Zhuoshui. Un tem- fango, detriti e massi in quanti- Sai si interessa poco di politi-no gli uomini in cer- di tutti, in città tu mi aiuti”, è più po, isolati su questi pendii sco- tà. Dieci anni fa il fiume inondò ca, non sa nemmeno che la cul-chio mentre intrec- una filosofia di vi- scesi, i bunun si autodefinivano la valle e si portò via tutto, com- tura della sua gente ha già unciano le mani gli uni non ci si saluta ta che un sempli- “la gente”, come se non esistes- preso il padre di Sai con tutta la suo posto tra le preoccupazio-con gli altri dietro la nemmeno col ce canto. sero altri esseri umani al mondo. sua casa. Lui allora era ancora ni dell’Unesco e che la sua lin-schiena al fine di vicino di casa» Ora si mescolano alla civiltà glo- arruolato nell’esercito col grado gua madre è classificata sull’At-propiziare un anno Risalendo il vil- balizzata senza possibilità di ri- di maggiore e viveva altrove. An- lante internazionale delle lin-di abbondanza. C’è chi lo chia- laggio di Tamazuan è impos- torno. In passato le settimane e ni dopo, finito il periodo di servi- gue in pericolo. Armato dellama “voce dal paradiso”. Lo sco- sibile non notare innumerevo- i mesi ruotavano intorno ai ritmi zio, tornò alla sua comunità na- sua gentilezza infinita, residuoprì nel 1952 un musicologo giap- li simboli di un’identità ben ra- del miglio, tradizionale alimento tia, circa 1200 aborigeni arrocca- di quell’ingenuità che i coloniz-ponese, Kurosawa Takatomo. Ne dicata nella coscienza colletti- di base per tutta la comunità. La ti ben all’interno nella contea di zatori attribuirono alla natu-inviò una registrazione all’Une- va. Statue, altorilievi, dipinti mu- semina avveniva in contempora- Nantou. «Quando vivevo in città ra dei nativi, combatte nel suosco dove, ad ascoltarlo, rimase- rali, mosaici sono dappertutto a nea con la fioritura dei pruni, le potevo fare tante cose - raccon- piccolo per mantenere le tradi-ro a bocca aperta. La complessa rappresentare le battute di cac- fasi lunari definivano la cura dei ta -. Ma la vita lì è diversa e non zioni del suo popolo, prima chepolifonia a otto voci risultò esse- cia, gli antichi rituali, le azioni campi e il raccolto. Ma il compli- ci si saluta nemmeno col vicino scompaiano definitivamente.re unica al mondo, un vero patri- e gli strumenti del quotidiano. cato calendario lunare costitui- di casa. Al villaggio invece cono- Il governo lo aiuta, moderata-monio dell’umanità che cambiò O anche solo i complessi moti- to da una sequenza di segni cu- sco tutti e sono amico di tutti». mente. Ha scritto un proget-radicalmente le teorie sulla for- vi decorativi che da sempre or- neiformi e pittogrammi, che ge- Spinto dall’amore per le sue radi- to per tramandare l’arte dellamazione musicale e trasformò il nano i costumi tradizionali, tes- stiva i momenti della vita conta- ci, Sai fondò l’Associazione per la tessitura a partire dalle cono-Pasibutbut in una vera e propria suti con pazienza su piccoli te- dina, oggi è solo un oggetto orna- rinascita del villaggio aborigeno scenze dell’unica donna, oggistar planetaria. lai artigianali il cui uso va scom- mentale incomprensibile ai più. di Tamazuan. Il sito web dell’as- ultracinquantenne, ancora ca- parendo. Così come scompaio- Alla magia dei cori polifonici si sociazione si apre con le paro- pace di usare con perizia l’an-In realtà tutti i canti tradizio- no le danze ancestrali, il cibo, sostituisce inesorabilmente l’or- le mi cu mi cang, una formula di tico telaio. La provincia gli hanali dei bunun sono una fanta- la lingua. Il villaggio moderno è rore assordante del karaoke. E al ringraziamento e benvenuto in concesso un finanziamento perstica lezione di armonia vocale, fatto di cemento e asfalto come vino di miglio, bevanda tipica dal lingua bunun rivolta a tutti colo- un anno grazie al quale quat-disciplina alla quale i bambini qualsiasi cittadina taiwanese. Le caratteristico colore biancastro, i ro che vogliono fare la conoscen- tro ragazze lavorano stipendia-vengono educati naturalmente automobili di marca giappone- giovani preferiscono la birra Asa- za con questa cultura in dispari- te nel sito dell’associazione cre-fin dai primi anni di età. Essi im- se affrontano pazientemente le hi d’importazione giapponese. zione. Masticando una noce di ando fasce e tessuti. Con un al-parano a esprimersi in coro, a se- tremende salite e tutti vestono betel dal vago sapore di menta, tro progetto ha ottenuto l’aiutoguire con spontaneità le proprie all’occidentale, in maniera disor- Sai Taisnunan, simpatico pen- in una mescola di inglese e man- di sei uomini per ripulire unoemozioni e a inserirle con peri- dinata e senza un gusto partico- sionato membro della tribù, darino, Sai racconta le piccole degli antichi villaggi sulla mon-zia nella magia creata dal grup- lare. L’intero universo bunun va racconta che fino a trent’anni fa storie che hanno accompagnato tagna. Insieme hanno lavoratopo. Una metafora di questa so- scomparendo lentamente, come a collegare i villaggi sparsi c’era per secoli il suo popolo. Mostra il per un intero anno, rimuoven-cietà clanica basata più sul con- inghiottito dal tempo. uno sterrato sul quale si pote- luogo dove le donne andavano a do il fango dalla strada che salesenso e sull’armonia tra i mem- va solo camminare. Oggi c’è una seppellire il filo di ramia per due verso la cima e strappando al-bri che sull’autorità di un capo. Intorno al villaggio il territo- strada asfaltata che costeggia la giorni, affinché diventasse nero. la foresta muri e sentieri. Ora ilNessuno comanda davvero tra rio è quasi vergine, la vegeta- montagna. Ma avventurarsi sui Lo stretto sentiero, ora quasi del villaggio è visitabile ma il pro-i bunun e ogni villaggio è quasi zione tropicale cresce ancora ri- costoni è ancora pericoloso per tutto scomparso, che i suoi ante- getto è finito e la natura rico-come un grosso condominio do- gogliosa, interrotta solo da qual- via delle frane ricorrenti e, quan- nati percorrevano a piedi maci- mincia ad avanzare, lentamen-ve, inspiegabilmente, tutti van- che corso d’acqua che si getta do durante l’estate la pioggia ca- nando chilometri su e giù per la te ma inesorabilmente.no d’accordo con tutti. Pasibut- a valle verso l’impetuoso “fiu- de violenta, dalle cime scendono montagna. (continua)
  • 7. >>Esteri>> giovedì 3 marzo 2011 7Rivolte Rivolte Gheddafi non molla. Bombarda la raffineria di Brega ma i suoi miliziani vengono respinti dalla “Coalizione 17 febbraio”. Solo Tripoli e 12 mila soldati restano ancora fedeli al rais«Non posso dimettermi: nongoverno la Libia, sono la Libia»Annalena Di Giovanni«L a democrazia è una beffa. Come altro si può definire un si- stema per cui qual-cuno eletto dal 40% dei cittadinigoverna a nome di tutti?». era il2007 e Muammar Gheddafi di-scuteva di sistemi politici col so-ciologo anthony Giddens. ieri ilColonnello, comparso per l’enne-sima volta in televisione da tripo-li per festeggiare il 34esimo com-pleanno dello “stato delle Masse”,la Jamahiriyya, ha affinato l’anali-si: non può dimettersi perché nonè il presidente della Libia – lui «è»la Libia. e ha ribadito ancora unavolta che le notiziein arrivo dalla Li- Cresce l’emergenzabia sarebbero gon- profughi: in decinefiate, soprattutto di migliaia, senza © Curtis/ap/Lapressesulla questione deib o m b a rd a m e n - acqua ne cibo,ti aerei, che sareb- restano ammassatibero strategici per ai confini conla distruzione degli Egitto e Tunisia Muammar Gheddafi in un discorso pubblicoarsenali dell’eserci-to prima che cadano nelle mani so, abdel Fattah Younes). «in missione d’inchiesta Onu in Libia cora impegnato nel suo discorso, gia la popolazione respingeva cir-della “coalizione del 17 febbraio”, america, in Francia e ovunque, per verificare direttamente la si- le forze aeree governative hanno ca 300 soldati pro-Gheddafi ri-(così ormai si autodefiniscono gli se la gente attacca un deposito tuazione e le accuse di violazio- cominciato a sorvolare la raffine- conquistando la città. Ghedda-oppositori di Gheddafi, tempora- militare e ruba le armi, il gover- ni dei diritti umani contro il go- ria del porto di Brega. al Jazeera fi può contare ancora su almenoneamente rappresentanti dall’ex- no reagisce sparando», ha insisti- verno. Ma intanto ieri pomerig- ha riportato di almeno una bom- 12mila uomini fra le forze arma-braccio destro di Muammar stes- to Gheddafi invitando una com- gio mentre il Colonnello era an- ba scaricata, mentre sulla spiag- te, più i presunti mercenari, ma la gran parte degli arsenali sono ormai in mano ai ribelli, comeStati Uniti Termina l’Energy Innovation Summit, organizzato dall’Agenzia federale di ricerca il resto del paese, a parte tripo- li. ancora una volta, la situazionesulle energie alternative. I progetti presentati corrono sulla sottile linea tra fantascienza e realtà sembra confusa, ma decisamen- te stabile e a favore della coalizio-Le nuove rinnovabili usa ne del 17 Febbraio, estremamen- te ben organizzata tramite comi- tati di difesa regolati da ufficia- li dell’esercito passati dalla par-il futuro costruito da arpa-e te della rivolta, e ormai in attesa di esaurire le capacità difensive dell’anziano leader. un solo allar- me: le decine di migliaia di lavo- ratori stranieri che si ammassa-Camilla Minarelli pre di più i confini tra fantascien- lioni di veicoli elettrici o sfrutta- alla creazione di un combustibile no sui confini egiziano e tunisinoe Emanuele Bompan za e realtà, con decine di idee ap- re l’energia eolica che si trova ad ottenuto dalle alghe, con rilevan- cercando la fuga. per loro la situa-da Washington parentemente folli come pale eo- altitudini elevate. Nel discorso di te riduzione di gas serra, in speri- zione sembra disperata, con scar-S liche volanti, batteri Ogm per pro- apertura, il segretario per l’ener- mentazione da parte della Mari- si viveri e situazioni di sovraffol- i è chiuso ieri l’energy inno- durre biofuel, piattaforme sola- gia steven Chu, ha spiegato che na, che non definirei “un gruppo lamento e mancanza di interven- vation summit, organizzato ri rotanti sempre orientate verso l’obiettivo di arpa-e è rendere il di strambi ambientalisti”». unico to da parte della comunità inter- da arpa-e, l’agenzia federale il sole e progetti di congelamento costo delle rinnovabili inferiore ri- ospite controcorrente, la senatri- nazionale, che invece sembra di- di ricerca sulle energie alter- della CO2. «Questa innovazione è spetto ai combustibili fossili: «Cre- ce repubblicana Lisa Murkowsky scutere sempre più attivamentenative. Ospiti del meeting i prin- reale, avviene oggi - precisa arun diamo sia più competitiva di quel- che ritiene ancora fondamentali l’intervento contro Gheddafi, dacipali operatori statunitensi, riu- Majumdar, direttore di arpa-e - e la derivata dal petrolio. La doman- le fonti fossili, visti i tempi neces- ieri passibile di processo per vio-niti per creare la prossima rivolu- molti di questi progetti saranno da è se questo avverrà tra 10 o 50 sari per immettere sul mercato le lazione dei diritti umani da partezione industriale delle tecnologie fondamentali nel mercato ener- anni». il governatore repubblica- nuove tecnologie. La Murkowsky della Corte penale internaziona-energetiche pulite. arpa-e è sta- getico del futuro». alcuni sono de- no della California arnold sch- ha poi contestato i finanziamen- le dell’aja. Non è la sola decisio-ta istituita nel 2010, dal segreta- stinati a fallire ma molti altri po- warzenegger ha parlato dei bene- ti del presidente Obama: «eolico, ne presa ieri contro il Colonnello.rio del Dipartimento dell’energia trebbero diventare i nuovi pilastri fici della rivoluzione verde, spie- solare, geotermico e biomasse ri- ieri, nonostante i ripetuti appel-steven Chu, per promuovere e fi- energetici. «La tecnologia energe- gando che nel suo stato il settore cevono aumenti significativi nel li da parte del Governo alterna-nanziare attività di ricerca e svi- tica pulita è la lampadina del XXi° delle rinnovabili è cresciuto più di bilancio, mentre nulla è andato a tivo autocostituitosi a Benghasiluppo di tecnologie energetiche secolo», sintetizza il senatore del ogni altro creando migliaia di po- fonti come idroelettrico, nucleare di non volere interventi stranieri,avanzate. progetti che altrimenti Colorado Mark udall. arpa-e è sti di lavoro: «in questa lotta de- e gas naturale». il Congresso po- il senato ha votato a Washintonnon potrebbero essere perseguiti quindi l’incubatrice d’innovazio- mocratici e repubblicani sono trebbe infatti rispedire al mitten- per la no-fly zone sulla Libia chein quanto caratterizzati da un ele- ni che potrebbero rendere conve- uniti». perché per il governatore te la proposta Obama di stanzia- ipedisca ulteriori raid da parte divato rischio di fallimento. L’edizio- niente installare pannelli solari su l’ideologia centra poco. «una so- re 550 milioni di dollari per il pro- quello che resta della flotta aereane 2011 sembra avvicinare sem- ogni casa, mettere su strada mi- cietà, la solazyme, sta lavorando gramma arpa-e 2012. di Gheddafi.
  • 8. 8 Terra Emilia Romagna A cura di Arianna Bianchi e Paolo Galletti giovedì 3 marzo 2011 www. verdiemiliaromagna.orgL’iniziativa A Casalecchio vengono ripristinate le turbine nel Reno. I benefici ambientali si legano alla riscoperta della storia localeL’idroelettrico due volte sostenibileAlessandro Conte ambientale. è stato presentato la caso immessa nella rete locale di- gia rinnovabile sul nostro territo- duzione di energia idroelettricaL scorsa settimana il progetto per minuendo l’importazione di ener- rio – sostiene Beatrice Grasselli, e, nello stesso tempo, di appro- a Chiusa di Casalecchio e il ripristino delle turbine idroe- gia dall’esterno. Infine, l’impianto assessore all’ambiente del Comu- fondire il legame con la cultura il canale di Reno, che fin lettriche nel salto del canale in ridurrebbe le emissioni di gas ser- ne di Casalecchio di Reno -. Que- e la storia locale. Una volta rien- dai primi secoli dell’an- località Canonica a Casalecchio ra con un risparmio in CO2 sti- sto ci consentirà, nell’ambito del- trato in funzione, l’impianto po- no 1000 regolano il siste- di Reno. Si tratta di un impianto mato in 1800 tonnellate l’anno di la nostra pianificazione energeti- trà essere visitato dal pubblicoma delle acque bolognesi, rap- di 330 Kw di potenza che consen- equivalente petrolio. Questi dati ca, di raggiungere più facilmente attraverso tour guidati, in questopresentano un sistema idrau- te di sfruttare l’energia prodotta raddoppierebbero in caso di re- gli obiettivi di riduzione di emis- modo il canale del Reno vissutolico di grande valore culturale, da una cascata d’acqua che fino alizzazione del secondo impian- sione di anidride carbonica fissa- dal dopoguerra in poi come unche ha contribuito alla nascita di al 1930 ha fatto funzionare l’anti- to. «Per l’Amministrazione co- ti dalla Comunità europea per il retro della città potrà riassumerequel sistema protoindustriale le- co canapificio della Canonica. «Il munale questo intervento rap- 2020. Inoltre, i cittadini avranno la centralità che merita, in virtùgato alla produzione della seta, il progetto prevede che il Canale di presenta un contributo impor- la possibilità di conoscere in pri- della sua rilevanza storica, cultu-quale ha fortemente caratteriz- Reno torni a svolgere in territo- tante per la produzione di ener- ma persona le modalità di pro- rale e architettonica».zato nel corso della storia il ter- rio casalecchiese la funzione diritorio. Proprio nelle scorse set- produzione di forza motrice pertimane, grazie al Consorzio della la quale è stato realizzato nelChiusa e del Canale di Reno, ge- XIII secolo attraverso lo sfrutta-store dei manufatti, e del Comu- mento del salto idraulico presen-ne di Casalecchio che si sono fat- te – spiega Fabio Marchi, segre-ti promotori dell’iniziativa, l’ope- tario del Consorzio della Chiu-ra idraulica è stata riconosciuta sa di Casalecchio e del Canale didall’Unesco come “Monumento Reno - . Viene inoltre valutata laper la Pace” in virtù del ruolo po- possibilità, qualora si verificasse-sitivo svolto durante i secoli nel- ro le condizioni, di realizzare unla gestione delle acque nel bolo- secondo impianto utilizzando lagnese. I segni di questo passa- portata di acqua che, a valle delto importante sono ben visibi- salto della Canonica, potrà essereli e sono stati oggetto in questi immessa nel canale Scaricatore eanni anche di alcuni interven- restituita al fiume Reno». I lavo-ti di restauro: dal recupero del- ri, che potrebbero iniziare già dalla Casa del Ghiaccio lungo il ca- prossimo ottobre su progetto dinale del Reno, dove fino all’ini- Giancarlo Picotti e Matteo Badializio del Novecento risiedevano gli della Sime Energia, secondo i datioperai che avevano il compito di di producibilità energetica stima-rompere manualmente i ghiac- ti, consentiranno di coprire l’80%ci in caso di gelate, al consolida- del fabbisogno di energia elettricamento della struttura della Chiu- degli edifici pubblici dell’Ammini-sa, gravemente danneggiata do- strazione comunale (municipio,po le recenti piene del fiume Re- scuole, ecc.), generando un sur-no. Adesso, invece, è in program- plus di oltre il 50% in caso di rea-ma un intervento che riveste un lizzazione del secondo impianto.duplice valore, sia storico che L’energia in più verrebbe in ogniFerrara I Verdi: «L’assessore Bellini si deve dimettere. Vuole le discariche e dimentica la differenziata» Ravenna«Rifiuti, la Provincia sbaglia» Ancora i lupi nel mirino Paolo GallettiSergio Golinelli cia, i Comuni e le aziende han- logna), a fronte del 55% previsto re a questo territorio un sistema Un giovane lupo di due anni ucci-e Lina Pavanelli* no omesso da due anni di mette- dal Piano e dalla normativa. Pun- di gestione dei rifiuti moderno, fi- so con una fucilata al torace pochiL’ re in atto. Il centro del recupero e tare sull’ampliamento delle disca- nalizzato unicamente, come do- giorni fa sulle colline intorno a Bri- Assessore provincia- del riuso, previsto nell’ex macel- riche rappresenta in questo qua- vrebbe essere, alla difesa dell’am- sighella, in provincia di Ravenna. le all’ambiente di Ferrara lo comunale, già finanziato dalla dro la decisione di rinunciare al- biente e della salute delle perso- Una lupa trovata morta a gennaio Giorgio Bellini giustifica Regione nel giugno 2009 con ol- la riduzione dei rifiuti alla fonte e ne. La paralisi politico – operativa nella stessa località. Due cuccio- la necessità di ampliare le tre 1.200.000 euro, è ancora in alto al recupero di materia, per asse- che sembra caratterizzare l’azio- li rinvenuti morti a Fontana Mo-discariche presenti in provincia mare, se ha mai lasciato il porto di condare le esigenze di Area e delle ne dell’assessore Bellini sta con- neta, sempre nel ravennate. Uncon l’aumento della produzione partenza. Il sistema di comunica- altre aziende di fare bilancio con ducendo a risultati in netto con- quinto lupo ucciso tra Brisighelladei rifiuti urbani e con altre «cri- zione, educazione ed informazio- lo smaltimento. è una scelta con- trasto con il programma della co- e Faenza. Per il giovane esemplareticità» del Piano provinciale. Sul- ne, fondamentale per promuove- traddittoria rispetto a quella di ri- alizione che ha eletto la Presiden- preso a fucilate è evidente l’azionela base di dati che, per altro, co- re comportamenti virtuosi, è sta- durre progressivamente l’impat- te Zappaterra. Per queste ragioni di bracconaggio. Per gli altri casinosce solo lui (l’Osservatorio Ri- to smantellato: lo sportello Eco- to ambientale della gestione dei riteniamo che l’Assessore provin- si fanno ipotesi di avvelenamen-fiuti non ha nemmeno pubblica- iodea è stato chiuso e le azioni di rifiuti attraverso la chiusura del- ciale Giorgio Bellini debba dare al to o di non ben chiare cause natu-to quelli relativi ai primi due qua- Agenda 21 Locale quasi azzera- le discariche (incompatibili con più presto le dimissioni. rali. Purtroppo la gioia del ritornodrimestri del 2010) afferma che te. Le stazioni ecologiche previste la natura del nostro territorio, per *Verdi per la Costituente di una specie protetta come i lupi“senza ampliamenti il 2012 diven- sono lungi dall’essere realizzate e quasi il 50% sotto il livello del ma- ecologista di Ferrara sull’Appennino romagnolo (le pri-terà un anno critico per i rifiuti i sistemi di raccolta non sono sta- re e con la falda a pochi centime- me foto furono di Zavalloni a me-anche nel nostro territorio”. Nel- ti potenziati, a partire dal porta a tri dal piano di campagna) e la ri- tà degli anni ottanta nelle forestele sue ultime dichiarazioni l’anda- porta, se non in minima parte. L’ duzione progressiva dell’utiliz- «Puntare casentinesi e pubblicate sulla rivi-mento della produzione dei rifiuti Autorità regionale per la vigilan- zo dell’inceneritore, decisa dalla sull’ampliamento sta ecologista La Malalingua) vie-e la raccolta differenziata sono as- za dei servizi idrici e di gestione passata amministrazione e con- degli invasi significa ne guastata da queste azioni cri-sunti come dati oggettivi, non co- dei rifiuti urbani stima per il 2010 fermata dal Tar. La resa della Pro- rinunciare di fatto minali. I lupi sono naturali preda-me obiettivi da perseguire, men- nella provincia di Ferrara una rac- vincia rispetto alle spinte parti- tori che tengono sotto controllotre vengono dimenticate le azio- colta differenziata ferma al 45,9% colaristiche comporta un ritorno alla riduzione anche le popolazioni dei caprioli eni specifiche, indicate puntual- (penultimo dato in Emilia Roma- al passato inaccettabile, che va- dei rifiuti alla fonte dei cinghiali, molto diffuse. In par-mente nel Piano, che la Provin- gna, migliore solo di quello di Bo- nifica gli sforzi compiuti per da- e al recupero di materia» ticolare i cinghiali dell’est Europa,
  • 9. Terra Emilia Romagna giovedì 3 marzo 2011 9 Migranti La conoscenza della lingua è necessaria per il permesso di soggiorno. Un’iniziativa della Provincia per la sua diffusione A Rimini l’italiano si mette in Rete Mario Galasso* fatti, il ministero dell’Interno su- della lingua italiana, sottoscrit- tà periferiche e montane quali, fica dei soggetti che programma- L bordina il rilascio del “Permesso to da Prefettura, enti locali, cen- ad esempio, Perticara, San Leo, no, sostengono ed erogano cor- a lingua italiana rappre- di soggiorno Ce per soggiornan- tri per l’educazione territoria- Monte Gridolfo e Saludecio. si di lingua italiana e educazione senta uno strumento fon- ti di lungo periodo” (l’ex carta di le adulti e soggetti del Terzo set- Il Protocollo condurrà a un siste- civica ai cittadini stranieri, par- damentale per la buona soggiorno) all’attestazione della tore, Rimini avvia una sperimen- ma di corsi per il riconoscimen- tendo da una piattaforma con- riuscita di ogni proget- conoscenza della lingua italia- tazione innovativa che mette to di un titolo che attesti il rag- divisa di moduli didattici, mate- to migratorio nel nostro Paese e na corrispondente al livello A2 in rete e qualifica le significati- giungimento di un livello di co- riali, test di ingresso. Potenzie- un fattore di partecipazione at- del quadro comune di riferimen- ve esperienze già attive. Oltre al- noscenza della lingua italiana rà inoltre la rete istituzionale per tiva alla cittadinanza. Dal 9 di- to europeo approvato dal Consi- la qualificazione dell’attuale of- non inferiore al livello A2, suffi- favorire una gestione organizza- cembre scorso, inoltre, la cono- glio d’Europa. ferta di corsi, il progetto provin- ciente per presentare la doman- ta dell’impatto sul territorio di scenza dell’italiano è diventata Unico territorio in Italia ad aver ciale “L’Italiano si mette in rete” da di rilascio del permesso Ce nuovi adempimenti normativi, un requisito previsto dalla leg- stretto un Protocollo d’intesa permette un importante poten- per soggiornanti di lungo perio- attenta ai diritti e ai bisogni dei ge. Con il decreto 4/6/2010, in- sulla qualificazione e diffusione ziamento dei percorsi nelle real- do. Il Protocollo prevede la quali- cittadini. Naturalmente la parte- cipazione ai corsi e all’esame per ottenere l’attestazione ufficiale di conoscenza della lingua italia- na - livello A2 - sono totalmente gratuiti. Questo protocollo rap- presenta il coronamento di una partnership che finora ha sem- pre avuto risultati efficaci e che potrà rivelarsi particolarmen- te preziosa anche in applicazio- ne della nuova normativa che ri- schia di escludere e non include- re. La normativa, infatti, attraver- so un sistema di punti misurerà la possibilità di un migrante di esercitare i propri diritti. Solo un processo di conoscenza recipro- ca e non unilaterale, che aiuta a sconfiggere i sentimenti di diffi- denza ed i pregiudizi, eliminerà i fantasmi agitati anche nelle linee guida previste dal Piano per l’in- tegrazione nella Sicurezza stilato dal Governo, cioè che le diverse tradizioni e culture di provenien- za entrino in collisione con il no- stro assetto valoriale. *assessore verde alla Provincia di Riminipiù massicci e prolifici di quelli Economia Nascerà un Centro di ricerca per l’ambiente e unirà istituzioni e aziende a vocazione greenautoctoni, importati dai cacciato- Imola punta sull’innovazioneri, hanno invaso molte zone cre-ando grossi problemi alle attivitàagricole. La presenza di predato-ri che contribuiscano a ristabilireun certo equilibrio tra le specie èsicuramente una buona notizia.Se poi ci fossero danni ad anima- Marino Cavallo no accorti che alcuni degli ambi- ni laureati o dottorati, in un con- simi mesi, 25 giovani ricercato- Ali domestici scatterebbero i risar- ti più promettenti per l’innovazio- testo nazionale che invece pena- ri potranno cominciare a studia-cimenti. Ma evidentemente non Imola sorgerà uno dei ne riguardano proprio l’ambiente, lizza e riduce gli spazi per la ricer- re e a sperimentare nuovi prodot-tutti apprezzano e bipedi decere- centri di ricerca per l’am- l’energia, le tecnologie per la di- ca e l’alta formazione. I centri di ri- ti e servizi dedicati all’ambiente.brati con fucile o boccone avve- biente frutto della colla- minuzione degli impatti ambien- cerca sull’ambiente probabilmen- All’inizio il Centro avrà sede in lo-lenato entrano vilmente in azio- borazione tra Universi- tali, la riprogettazione dei proces- te contribuiranno a ridisegnare il cali del centro storico. Poi si spo-ne. Il bracconaggio a Ravenna ha tà di Bologna, Regione Emilia Ro- si produttivi secondo criteri di so- tessuto della nostra economia re- steranno nel suggestivo spaziopurtroppo precedenti criminali, magna, Fondazione Cassa di Ri- stenibilità. Così una fetta impor- gionale: bioedilizia, tecnologie per dell’Osservanza, un tempo areacome l’uccisione di una guardia sparmio di Imola e Comune. Que- tante di risorse è stata destinata il risparmio e l’efficienza energe- manicomiale. Ora ci sono i padi-forestale anni fa ed è un fenome- sto centro fa parte di un proget- a sviluppare centri di eccellenza tica, riutilizzo dei materiali, fonti glioni in sfacelo e uno splendidono non represso con la dovuta de- to più ampio partito qualche an- sulle tecnologie verdi. La rete re- energetiche alternative, su ciascu- parco con alberi secolari. Gli exterminazione. Anche se il mondo no fa, denominato Rete dei tecno- gionale dell’alta tecnologia preve- no di questi temi ci sono progetti manicomi conservano un’aria ve-venatorio oggi è in forte calo per poli regionali, che mira a promuo- de sei diverse aree: agroalimenta- e iniziative rivolte al mondo del- ramente suggestiva, basta ricor-numero di cacciatori e per con- vere ricerca e innovazione nel si- re, costruzioni, energia e ambien- le imprese. Idee destinate a cam- dare Trieste, per tutti. Ci ricorda-senso sociale, rimane una lobby stema produttivo dell’Emilia Ro- te, Ict e design, meccanica e mate- biare il nostro sistema produttivo no la follia e l’ambigua linea di de-ambita alla quale oggi strizza l’oc- magna. Progressivamente le isti- riali, scienze della vita. Sono atti- e a diventare concrete possibilità marcazione con la ragione. Credochio anche il leghismo locale. Pa- tuzioni e gli enti di ricerca si so- vi 34 laboratori, 7 centri per l’inno- di migliorare le produzioni e i pro- sia emblematico che domani cidroni a casa propria anche di spa- vazione e sono impegnati 1.600 ri- cessi delle tante piccole e medie troveranno posto intelligenze cherare a specie protette? Una bro- cercatori, di cui 560 nuovi studio- imprese che stanno considerando lavorano sull’equilibrio e sull’am-daglia di malinteso autonomi- si dedicati espressamente a questi l’ambiente come area di possibile biente. E sarà bene prestare lasmo da bar può legittimare anche La Rete regionale dell’alta progetti. Parliamo di 240 milioni business. Questo modello può es- massima attenzione alla reale vo-azioni inqualificabili come spara- tecnologia prevede sei di investimenti di risorse europee, sere una via italiana all’innova- lontà di preservare questo impor-re a un lupo? Finché i delinquenti aree: agroalimentare, regionali, delle università e degli zione, basata su strutture di ricer- tante luogo della memoria. E nonnon saranno individuati non po- enti locali. Sono già 369 i contratti ca strettamente collegate al terri- cadere nella tentazione di utiliz-tremo capire se queste azioni si costruzioni, energia, di ricerca attivati, che rappresen- torio, in grado di mettere in rete zare questi spazi per altri e pocoammantano di nuove giustifica- design, meccanica tano opportunità concrete di fare risorse, professionalità e proget- credibili programmi di “valorizza-zioni fasulle. e scienze della vita innovazione e ricerca per giova- tualità. Intanto a Imola, nei pros- zione” delle aree.
  • 10. 10 Terra Milano A cura di Anna Pellizzone giovedì 3 marzo 2011 Info: milanoterranews@gmail.comRinnovabili Il governatore tace sulle misure contro le energie pulite che hanno prodotto migliaia di lavori in LombardiaFormigoni? è per la dark economyAnna Pellizzone dichiarato a Terra il consiglie- confermano anche gli ultimi da- andato di pari passo con un im- territorio. sembra che si stia cer-e Erica Sirgiovanni re regionale - si sono dimostra- ti diffusi dal Gse (Gestore servi- pegno nei confronti del nuclea- cando di ostacolare le grandi po-«I te tali non solo dal punto di vista zi Energetici). Con circa 400 mi- re. La cosa peggiore è che non si tenzialità che ha dimostrato il l tema della green eco- energetico, ma anche da quello lioni di euro di fatturato nel solo è neanche pensato di aprire un mondo della green economy, ca- nomy è un punto di for- economico, nel senso che hanno settore fotovoltaico, la regione si confronto con il mondo delle as- sualmente quando si ricomincia za nel nostro program- rinnovato numerose figure pro- aggiudica in Italia il primo posto sociazioni e con i gruppi che da a parlare di nucleare. È possibi- ma» aveva assicurato il fessionali e hanno creato nuo- in quanto a numero di impianti sempre si sono interessati a que- le che dietro il tentativo di inde-Presidente della Regione Lom- vi posti di lavoro. In Lombardia installati, oltre24 mila. ste tematiche». bolimento delle rinnovabili ci siabardia Roberto Formigoni non questo fenomeno è stato clamo- Ma secondo gli esperti la Lom- Della stessa idea anche ser- la “longa manus” delle lobby nu-meno di un mese fa, in occasio- roso ed è proprio per questo che bardia potrebbe fare di più. Le gio Zabot, ingegnere lombar- cleariste».ne di un convegno con un titolo da parte di Formigoni avremmo prospettive di crescita ci sono, do specializzato in Ergotecni- Ma non esiste solo il settore fo-che a posteriori potrebbe sem- voluto una presa di posizione resta però da capire in che li- ca ed Energetica: «La Lombar- tovoltaico, infatti nella regionebrare profetico: ‘’Politiche e azio- forte sul decreto. Ma non è arri- nea andrà il decreto rinnovabi- dia è una delle regioni nelle qua- che ospiterà l’ esposizione uni-ni per dare energia al Paese”, or- vato nulla». li. secondo Civati, in questa vi- li le rinnovabili si sono sviluppa- versale del 2015, anche il Biogasganizzato a Milano da assolom- Che l’economia lombarda abbia cenda «la cosa più drammatica te maggiormente, il tutto in ma- da qualche anno fa la sua par-barda e Camera di commercio. di che essere riconoscente al set- e più vistosa è che il disimpegno niera assolutamente compatibi- te. «È anche questo un elemen-Ma in quelle che in tutto il paese tore delle energie rinnovabili, lo nei confronti delle rinnovabili è le con le possibilità offerte dal to di grande sviluppo economicosembrano essere le ore decisive che non dobbiamo sottovalutareper il futuro delle energie rinno- - continua Zabot - la nostra re-vabili, dal Pirellone non sono ar- gione è leader nazionale in que-rivati segnali chiari e prese di po- sto settore». Un’altra dimensio-sizione riguardo alla discussione ne del mondo delle energie rin-del testo provvisorio del decre- novabili, forse meno nota, cheto legislativo presentato dal Mi- comunque fornisce dati impor-nistro Paolo Romani. Il testo po- tanti e cifre in costante cresci-trebbe avere effetti devastanti ta. Il Biogas è una fonte alterna-sull’intero mercato delle rinno- tiva di energia elettrica prodottavabili, ma dalla regione nessun soprattutto nelle aziende agrico-messaggio a sostegno di un set- le poiché ottenuta dalla fermen-tore strategico che, in Lombar- tazione delle biomasse, ovverodia, ha visto nascere e consoli- dei rifiuti vegetali e da liquamidarsi importanti iniziative im- di origine animale, derivanti da-prenditoriali, che hanno crea- gli allevamenti zootecnici. «Leto migliaia di posti di lavoro, in tecnologie per produrre biogasuna fase decisamente critica per sono sicure e consolidate, fun-l’economia tradizionale. zionano bene- conclude ZabotIn regione, la mancanza di una - l’unico problema di questi im-presa di posizione in merito al pianti è che puzzano un po’, madecreto sulle rinnovabili da par- penso che tutti possano fare unte del Governatore è stata de- piccolo sforzo e sopportare. La © ansanunciata anche da Giuseppe Ci- potenzialità insita è decisamen-vati del Pd: «Le rinnovabili - ha te enorme».Ricorrenze Per farsi perdonare le celebrazioni dell’Unità d’Italia Formigoni s’inventa il 29 maggio leghistaQuella festa “riparatoria” Legge elettorale Scontro Formigoni-PdStefano Bettera punto nel medioevo. Formigo- l’ultima trovata. L’importan- partire da Ecopass, di cui salvi- Il Governatore ha illustratoC ni, la cui ambizione non smette te è non scontentare il poten- ni è sempre stato acerrimo ne- ieri la sua riforma della leg- iascuno si diverte come di proiettarne fantasie sul pia- te alleato padano che, dietro a mico. Ma intanto in via Pado- ge elettorale regionale da re- può, chi immaginandosi no politico nazionale, non può questa immagine popolar pae- va, teatro degli scontri tra al- alizzare in questa legislatu- fantomatiche celebrazio- smentire il Presidente napoli- sana nasconde una scaltrezza cuni immigrati esattamente un ra: «La mia posizione è per ni di alberto da Giussa- tano e così ha alzato, con fie- nella gestione della politica e anno fa, la situazione è esatta- il mantenimento del premiono, rivisitando la storia lombar- rezza celeste lo sguardo al cielo degli affari degna della miglio- mente la stessa e se non fosse di maggioranza, che serveda come fosse il signore degli al grido di “no pasaran”. L’Uni- re prima repubblica. se Formi- per il costante lavoro delle as- per la governabilità. Per vo-anelli, chi agitando lo spaurac- tà d’Italia non si discute. salvo goni se la cava con una celebra- sociazioni e dei comitati di zo- glio l’individuazione dei 16chio degli sbarchi di milioni di poi, a distanza di pochi giorni, zione, conto ben più salato toc- na, la miccia si sarebbe acce- componenti non attraversonord africani che piantano ten- dare il via libera a questa paro- ca pagare alla signora Morat- sa chissà quante volte. Ma l’im- un listino ma con il voto dide sulle rive del Ticino dichia- dia istituzionale. ti. L’appoggio del Carroccio alla portante, ovviamente, è dare al preferenza, quindi attraver-rando una nuova costituenda Tu dai una festa a me, e io do sua ricandidatura ha avuto fino popolo padano ciò che si aspet- so il recupero dei primi 16repubblica islamica. Purtrop- una festa a te. Con buona pa- ad ora un prezzo salatissimo. ta. Panem circensem, lo chia- non eletti». In tutt’altra di-po, in tutto questo, sembra che ce della storia e della coeren- Chiusura verso ogni politica mavano i romani. Peccato che rezione la proposta del Pd:le istituzioni lombarde cedano za. Peccato, appunto, che la da- pro immigrati, scontro frontale qui il circo sia solo quello del abolizione del listino bloc-ad ogni tremore della Lega pur ta scelta dai lumbard per cele- con la curia e la Casa della Ca- Comune e della Regione. cato, elezione di tutti i con-di ingraziarsene i voti e trasfor- brare il mitico condottiero le- rità sul tema dei Rom, polemi- siglieri attraverso le prefe-mino la nostra regione in un bi- gnanese non abbia alcun fon- ca e conseguente appoggio alle renze, limite di due manda-vacco per camicie verdi. anche damento. Ma, si sa, la fantasia è sparate del segretario milane- ti per il presidente della Re-il parlamento regionale in sal- ben più divertente e funzionale se padano contro l’Unione Eu- Peccato che la data gione, premio di governa-sa padana è riuscito a dare il della realtà, soprattutto quando ropea, rea di totale inefficienza scelta dai lumbard bilità al 55%, introduzionepeggio di sé accettando l’istitu- serve a creare consenso. verso l’invasione dei mori nor- per celebrare il mitico della doppia preferenza uo-zione di una festa dedicata al- E allora dagli con il sole del- dafricani. E poi, via di seguito, mo-donna e la garanzia dila battaglia di Legnano da ce- le alpi e affini, un armamen- con la sconfessione di tutte le condottiero della elezione di almeno un con-lebrarsi il prossimo 29 maggio. tario di imprecisioni, per esse- altre promesse fatte nella pre- battaglia di Legnano non sigliere per ogni provincia.Un baratto, come si usava, ap- re gentili, di cui questa festa è cedente campagna elettorale a abbia alcun fondamento
  • 11. Terra Napoli 11A cura di Francesco Emilio BorrelliInfo: Italia_notizie@yahoo.it giovedì 3 marzo 2011Denuncia Un’antica Vasca nel tempo si è trasformata in discarica di ogni tipo di veleni. E oggi è destinata ad accoglierne altriBomba ecologica a San GiuseppeFrancesco Servino bientali più gravi dell’area vesu- rica (a cava Sari?). La buona noti- per sempre!» ha sbottato Jucci. I VerdiV viana. Ebbene, qualche giorno fa zia, che ha reso inizialmente en- «Vi rendete conto di cosa signifi- asca al Pianillo, San Giu- il Generale Jucci, alto commissa- tusiasti i cittadini sangiuseppe- ca far viaggiare 18000 tonnellate seppe Vesuviano: una ve- ra e propria bomba eco- rio per la bonifica del fiume Sar- no, ha annunciato ai rappresen- si cela in realtà una magagna: fi- no a luglio la struttura verrà uti- di melma tossica sui camion tra Scafati e San Giuseppe Vesuvia- Stop ai falsi logica, un invaso nel qua- tanti di alcune associazioni am- lizzata per la bonifica del canale no?», rispondono gli ambienta- sacchettile nel corso degli ultimi decenni bientaliste di San Giuseppe Vesu- Bottaro – Fienga del fiume Sar- listi. I lavori per la bonifica par-è stato sversato di tutto. Un’ope- viano che a luglio partiranno i la- no, sarà quindi destinata ad ac- tiranno a Luglio perché nel frat- «Sosteniamo da anni lara che risalirebbe al 1600 facente vori per la bonifica della Vasca. Il cogliere i fanghi tossici prove- tempo c’è da completare la rete battaglia per l’uso dei sac-parte del sistema dei Regi Lagni costo dell’opera è di 18 milioni di nienti da Scafati (Salerno): a que- fognaria che porta le acque nere chetti biodegradabili so-destinata ad accogliere le acque euro e gli oltre 200mila metri cubi sta decisione i cittadini si oppon- al depuratore di Angri. Di fatto i prattutto a Napoli e pro-chiare per l’irrigazione ma che di di sedimenti verranno stoccati in gono, anche perché nel territorio sangiuseppesi si sono trovati di vincia - dichiarano il com-fatto, col passare del tempo, si è un’area al confine col comune di vesuviano ci sono altri tre lagni fronte a un ricatto bello buono: missario regionale Verditrasformata in una fogna a cielo Poggiomarino (via Martiri di Nas- da bonificare (tra Terzigno e Ot- rassegnarsi ad accogliere prima i Francesco Emilio Borrelliaperto e discarica di rifiuti tossi- sirya), dove verranno avviati al- taviano) che, in teoria, avrebbero fanghi tossici del Sarno e poi, se ed il presidente provincialeci e pericolosi di provenienza il- la depurazione e al riciclo, men- la precedenza: «Se la soluzione tutto andrà per il verso giusto, i Carlo Ceparano - e da tem-legale: negli anni ’80 la camor- tre la parte inerte finirà in disca- non vi sta bene tenetevi la vasca sedimenti della Vasca. po segnaliamo la vergognara di Cutolo vi ci andava a getta- dei falsi sacchetti ecologi-re i cadaveri dei morti ammazza- ci. Dalle nostre stime peròti, ma a rendere putrido l’odore il 70% abbondante dei ne-che si avverte anche a chilometri gozi si è adeguato alla nor-di distanza sono ben altre sostan- mativa mentre resta unze, cancerogene, a giudicare dal- 30% che tentano di rispar-lo spaventoso aumento dei morti miare continuando ad uti-per tumore nelle zone circostan- lizzare la plastica illegal-ti (manca come al solito un re- mente».gistro tumorale, ma la conferma «Per chi ha sospetti o veri-arriva dai medici curanti di San fica comportamenti illeci-Giuseppe Vesuviano, spaventati ti preghiamo - continuanodai dati drammatici provenien- Borrelli e Ceparano - di in-ti dal comune vesuviano). Tal- viarci segnalazioni a info@mente inquinato questo “lagno” verdicampania.it e prov-(le cui “acque”, per modo di dire, vederemo noi ad informa-vengono ancora utilizzate per ir- re direttamente le autori-rigare le coltivazioni, in partico- tà competenti. Vorremmolare i noccioleti) che sul suo con- rendere noto infine un da-to sono sorte leggende di ogni ti- to positivo circa il 10% deipo: qualcuno dice che una vol- clienti dei negozi napole-ta al suo interno venne scaricato tani si presenta alla cassaun elefante morente provenien- con un sacchetto persona-te da un circo. In ogni caso siamo le e riutilizzabile».di fronte a uno degli scempi am-Provincia di Napoli Il Consiglio approva un nuovo Piano: i permessi scenderanno da 3.001 a 1.639 ComuneI cacciatori sono la metà Scioglimento in arrivo «Abbiamo le 31 firme per lo scioglimento del Consi-Pierluigi Schiano Moriello ta dunque di un aggiornamen- riale di Coordinamento Provin- riduzione dei permessi di caccia. glio comunale». Carlo La-R to agognato e necessario che ha ciale, oltre alle direttive europee Delle due l’una: o si va a caccia o mura, capogruppo del Pdl isale alla mattinata di ie- messo d’accordo, nell’Aula di Pa- che controllano il ruolo e l’opera si costruisce». Esprimono soddi- in Consiglio, annuncia che ri la definitiva approva- lazzo Matteotti, tutte le parti in dei cacciatori. Il dipartimento di sfazione anche i Verdi: «Un atto hanno firmato per le di- zione del nuovo piano campo: un’approvazione all’una- Scienze Zootecniche e Ispezio- dovuto - spiega il commissario missioni 31 consiglieri su faunistico venatorio da nimità, che lascia intendere un ne degli alimenti della Federico regionale Francesco Emilio Bor- 60, portando così a com-parte del Consiglio Provinciale momento politico di proficua II, che ha curato la redazione del relli - che porta da 3.001 a 1.639 i pimento l’iniziativa an-di Napoli. Il via libera alla nuo- cooperazione. «Abbiamo soste- documento, assicura innovazio- permessi per i cacciatori, anche nunciata dall’opposizioneva regolamentazione arriva do- nuto il nuovo piano - spiega il ni specifiche a tutela della bio- perché sono passate da 70mila a per far sciogliere in antici-po un iter in cui gli esperti scien- consigliere del Pd Livio Falcone diversità e integrazioni normati- 45mila le aree agro-forestali del po, di poche settimane ri-tifici ne hanno attentamente va- - perché è ragionevole e tecni- ve importanti, che saranno por- nostro territorio a causa dell’ur- spetto alla scadenza natu-gliato la sostenibilità, e dopo un camente sostenibile. Quando la tate a piena effettività con la re- banizzazione selvaggia che pro- rale, l’assemblea munici-esaustivo dialogo tra i rappre- maggioranza presenta atti cor- alizzazione di un Osservatorio segue anche a causa dei continui pale provocando la cadutasentanti delle associazioni agri- retti noi li votiamo sempre. Ab- Faunistico Provinciale. «è sta- abusi». Il nuovo documento sarà dell’amministrazione Ier-cole, ambientaliste e venatorie, biamo anche costretto il Consi- to un lavoro ampio ed articola- ora presentato alla Regione per volino.che ha permesso di sintetizzare gliere Comunale Granato del Pdl to - spiega uno dei membri del- l’approvazione di un piano fauni- Le firme per le dimissionicon successo prospettive e pro- di Somma Vesuviana a dimetter- la commissione tecnico scienti- stico venatorio regionale. della maggioranza dei con-poste diverse. L’istituzione di un si prima di insediarsi come di- fica, il Prof. Luigi Esposito - para- siglieri saranno depositatenuovo piano si faceva attendere fensore civico. Erano tre mesi dossalmente la diminuzione dei tra poco alla segreteria ge-da quasi 13 anni: la legge 157 del che doveva farlo». Le nuove leg- cacciatori è stata dovuta anche e nerale del Comune.’92 stabilisce che debbano essere gi dimezzano di fatto l’attività dei soprattutto alla costante cemen- I Verdi: «Le aree agro- Questa iniziativa rende su-le Regioni a stanziare le normati- cacciatori sul territorio provin- tificazione. Per fare un esempio, forestali del nostro perflua la mozione di sfi-ve coerenti con le caratteristiche ciale, un compromesso dovuto ad Ischia o sui Monti Lattari, che territorio a causa ducia presentata ieri dalterritoriali e naturalistiche del- alla proporzionale diminuzione sono zone con forti tradizioni centrodestra, che sarebbele varie province, aggiornando delle aree non urbanizzate negli di caccia, i continui abusi e l’au- dell’urbanizzazione stata discussa nei prossi-gli standard per le pratiche ve- ultimi anni; le nuove norme so- mento vertiginoso di costruzio- selvaggia sono passate mi giorni.natorie ogni cinque anni. Si trat- no in linea con il Piano Territo- ni hanno prodotto una drastica da 70mila a 45mila»
  • 12. 12 giovedì 3 marzo 2011 Difensore civico IL PC E LA SOFFEREnzA Stefano Anastasia Tra buone prassi e quotidiane emergenze si consumano i so- liti discorsi sul carcere. Il so-Intervista Il giornalista Rosario Simone, esperto di Paesi arabi: «Rete e tv hanno un ruolo fondamentale» vraffollamento, i suicidi, le vio-Libia, rivoluzione e internet lenze, la malasanità, e poi un call center, un laboratorio, la scuola, il lavoro all’esterno. ne- ro e bianco si alternano e con- vivono. E non si capisce per- ché quel nero continua a fareSusanna Marietti te del territorio è desertico ed è da sfondo e quel bianco debba controllato da gruppi etnici lo- restare puntiforme: se a tuttiS ulla rivoluzione in corso in Libia contro il regime di Gheddafi, inizia finalmen-te a muoversi la comunità inter-nazionale. La situazione è tutta- cali. nell’esercito stesso, dopo i primi dieci anni di presenza di Gheddafi, hanno iniziato ad es- sere rappresentati tutti i più im- portanti gruppi tribali. Una del- piace Bollate e non Poggiorea- le, se nessuno vuole che i dete- nuti si ammalino e si ammaz- zino in carcere, se tutti pensa- no che queste condizioni di de-via ancora incerta. Per capire in le tribù dell’est del paese ha fat- tenzione rischiano di esserequale quadro si muovono le for- to sapere che potrebbe bloccare inumani e degradanti, perchéze in campo, abbiamo intervi- le esportazioni di greggio, che il bianco e il nero continuanostato Rosario Simone, giornali- partono proprio dalla zona con- a convivere così ambiguamen-sta, esperto di Medio Oriente e trollata da questo clan. te? Forse perché rappresenta-Paesi arabi. no degli estremi, così netti co- Che ruolo hanno giocato le me così irreali? Forse. Forse per © MERLInI/LAPRESSECome si è evoluta la Libia ne- nuove tecnologie e la circo- capire il carcere è meglio guar-gli ultimi anni? lazione globalizzata dell’in- dare la sua quotidianità, la or-Ho frequentato la Libia moltis- formazione in questa cate- dinaria sofferenza che esso im-simo dalla fine degli anni 80 fi- na di rivoluzioni avvenuta nel pone ai suoi ospiti, una soffe-no al 1994. Da allora il paese e la mondo arabo e partita dalla renza fatta di banali prevarica-sua immagine nel mondo han- da un punto di vista economico. «Il regime del colonnello Tunisia? zioni e di minime, progressiveno vissuto numerosi cambia- Si pensi che il reddito pro capi- Gheddafi sta facendo Mi sono trovato il mese scorso in degradazioni. Qualche tempomenti. I più importanti sono la te annuo del cittadino libico è di quell’area, anche se lontano dal- fa a Francesco viene in men-riabilitazione della Libia dalla 12.000 dollari all’anno, una cifra del suo meglio per le zone calde. Ho visto che tutti te di comprarsi un compu-condizione di cosiddetto “Sta- non alta per noi, ma comunque riuscire a controllare stavano seguendo i fatti egizia- ter. è un ergastolano, il tempoto canaglia”, dovuta alle decisio- una delle più alte di tutta l’area. il flusso delle immagini ni con estrema attenzione e ap- non gli manca, vuole investireni di Gheddafi di risarcire le fa- E poi non dimenticherei il nuo- dai luoghi dello scontro» prensione. Credo che le tv arabe, su di sé e un pc può fare al ca-miglie delle vittime di Lockerbie vo ruolo della Libia nel control- più che internet in modo diret- so suo. Ma quando l’aveva vistoe, a partire dal 2003, di smantel- lo dei flussi migratori. presentato dall’equilibrio del- to, abbiano avuto un ruolo fon- usare da certi suoi compagni dilare il programma di armamen- le forze in campo, che si sta de- damentale nella crisi egiziana e, detenzione, non immaginavato nucleare ed i missili balistici, Si parla di Libia, ma il popolo lineando proprio in queste ore, secondo il mio parere, il regime costasse tanto: quasi 1.700 eu-alle quali ha fatto seguito la ri- libico è di fatto una realtà ine- e soprattutto da come si schie- libico questo lo ha capito, facen- ro gli chiedono, sottoponendo-presa dei rapporti con la Gran sistente. Puoi farci un quadro reranno nel conflitto le forze ar- do del suo meglio per controlla- gli un preventivo senza alcunaBretagna e con gli Stati Uniti. più chiaro della situazione? mate. Un altro aspetto impor- re quello che ha potuto, a parti- offerta concorrente. Prende-Ci sono poi da ricordare alcu- non essendo la Libia, con i suoi tante sarà costituito dall’asset- re dal flusso delle immagini dai re o lasciare. E Francesco pren-ne grandi liberalizzazioni inter- sei milioni e mezzo di abitanti, to tribale. In queste ore bisogna luoghi dello scontro, e poi pro- de, senza sapere che gli sareb-ne, che hanno trasformato la Li- un paese caratterizzato da gran- prestare la massima attenzio- ponendo a sua volta delle im- be costato altri 3.600 euro di ri-bia in un paese in parte sociali- di masse, come invece è l’Egit- ne alle prese di posizione del- magini più tranquillizzanti at- parazioni, prima di collassaresta ed in parte liberale, almeno to, l’ago della bilancia sarà rap- le tribù, anche perché gran par- traverso la tv di Stato. dopo due anni. Avendoci spe- so ormai 5.300 euro, France- sco vorrebbe mandarlo in ripa-Green economy Si discute di uso sostenibile degli strumenti informatici in un convegno oggi alla Provincia di Roma razione all’esterno, ma il nuo- vo direttore dubita che quel ti-Trashware e responsabilità d’impresa po di computer possa resta- re in carcere, nella disponibili- tà di un detenuto. Passa quin- di un anno e mezzo (e un recla- mo al magistrato di sorveglian-Bartolo Scifo mucchiare in magazzino i vecchi cessaria nell’utilizzo ordinario di re e la responsabilità sociale d’im- za) prima che il pc vada in ri- pc, opzione non più praticabile. un pc. Questo continuo ricambio presa. Il trashware è la pratica di parazione. Riparato è riparato,S i terrà oggi a Palazzo Valen- tini a Roma, la conferen- za “Trashware e Responsa-bilità Sociale d’Impresa” organiz-zata da Binario Etico (www.bina- Le imprese e la pubblica ammini- strazione si trovano oggi a gestire un elevatissimo quantitativo di pc dismessi, non perché non più fun- zionanti, ma perché ritenuti non prematuro e frenetico porta con sé un serio problema ambientale. Ogni anno - secondo i dati forni- ti da Binario Etico - in Italia ven- gono prodotte circa 850.000 ton- recuperare computer dismessi per dargli nuova vita e un impiego di utilità sociale. Le imprese pos- sono cedere i loro computer di- smessi, che vengono poi riquali- ma qualche dubbio sopravvi- ve sulla sua legittimità e Fran- cesco vien informato che il pc è in magazzino e non gli vie- ne dato. Comincia così il primorioetico.org), cooperativa che dal adeguati a far funzionare softwa- nellate di rifiuti di apparecchiatu- ficati con software libero e utiliz- sciopero della fame, interrotto2006 promuove l’uso consapevole re sempre più avidi di risorse. La re elettriche ed elettroniche (Ra- zati per scopi sociali, ad esempio da una promessa. Poi il secon-delle tecnologie informatiche e la vita media di un computer, prima ee), dei quali solo una piccola par- donandoli alle scuole, a coopera- do, il terzo e il quarto, ancoradiffusione del software libero. Al- di diventare realmente obsoleto, è te viene smaltita adeguatamen- tive sociali o ad enti di formazio- fermati da analoghe promesse.la conferenza parteciperanno rap- di circa 10 anni, ma le aziende rin- te. Come dimostrano molti stu- ne per l’alfabetizzazione informa- Ci riprova ora. Ma perché Fran-presentanti delle istituzioni, del novano il proprio parco macchi- di, i rifiuti elettronici contengo- tica. Operando in questo modo, è cesco non può avere il suo pc,mondo accademico, delle impre- ne mediamente ogni 4 anni. Mac- no sostanze altamente tossiche, possibile ottimizzare le risorse, ri- pagato come un cacciatorpedi-se e della società civile per affron- chine ancora perfettamente fun- causa di inquinamento del suo- durre gli sprechi e contenere l’in- niere? Qualcuno gli ha raccon-tare i diversi aspetti legati alle ri- zionanti vengono messe da par- lo, dell’aria e dell’acqua. Un corret- quinamento. Le aziende possono tato di un ignoto regolamento.cadute sociali ed ambientali del- te a causa di strategie di produ- to smaltimento di Raee presuppo- così continuare a sostituire i lo- Ma se anche non esistesse que-la gestione dell’Ict nelle imprese. zione e vendita non del tutto leci- ne un iter complesso e molto one- ro computer ogni volta che lo ri- sta occhiuta normativa, la veri-Le imprese private, così come la te. Computer sempre più potenti roso. Smaltimento che, ad un cer- tengono opportuno, seguendo pe- tà è che l’essenza del carcere èpubblica amministrazione, si tro- fanno sviluppare software sempre to punto, è comunque inevitabi- rò una condotta etica. I vecchi pc proprio in questo potere di di-vano sempre più spesso a dover più dispendiosi, che a loro volta le, ma può essere ritardato di mol- verranno utilizzati per anni e con sposizione, incomprensibile egestire lo smaltimento di migliaia necessiteranno di computer sem- to se si pone fine al circolo vizioso un impiego socialmente utile, an- (quasi) assoluto. Tra il biancodi computer dismessi. In passato pre più potenti. Potenza che so- della rapida obsolescenza. E’ qui ziché essere avviati ad un costoso e il nero, c’è questo grigio dellala soluzione più praticata era am- lo raramente è effettivamente ne- che entrano in gioco il trashwa- smaltimento prematuro. sofferenza quotidiana.
  • 13. >>Ecostyle>> giovedì 3 marzo 2011 13Arte Ad Ascoli Piceno un vecchio forte rinascimentale torna alla città Bolognae diventa uno spazio espositivo raggiungibile comodamente in biciclettaL’astrattismo BilBolBul, tra fumetto e letteratura Giunge alla quinta edizione retrospettiva, inoltre, fa lu- Bilbolbul, il tradizionale ap- ce sul lavoro di Josè Munozsu due ruote puntamento bolognese col grande disegnatore arginto fumetto d’autore internazio- cresciuto nella scuola di So- nale. Come ogni anno l’in- lano Lopez, il disegnatore de tera città, fino al 6 marzo, si L’Eternauta. Nel suo tratto si trasforma nello spazio idea- fondono Borges, Cortazar, le del fumetto tra strisce, di- e i romanzi hard-boiled ba- pinti, convegni, performan- se del suo Alack Sinner. L’al- ce e dibattiti che hanno co- tro grande omaggio è quello me sfondo luoghi diversi, dai che il Festival dedica a Vanna musei alle gallerie d’arte, dal- Vinci. Con Sulla soglia si trac- le librerie fino alle bibliote- cia un percorso nel lavoro di che. Centro nevralgico del una delle più significative vo- Festival è la Piazza Coperta ci del fumetto italiano, autri- di Salaborsa, dov’è possibi- ce di romanzi illustrati come le incontrare gli artisti ospi- Aida al confine. Spazio anche ti intenti a disegnare e a fare ai bambini presso la Cinete- dediche per l’attento pubbli- ca che si trasforma in un la- co della manifestazione. Te- boratorio permanente per ma di questa edizione è l’or- ospitare mostre, proiezioni mai stretto rapporto che si e incontri con gli autori, nei intesse tra l’arte del fumetto giorni del festival ma anche e la letteratura. Una grande nel mese successivo.Pierpaolo De Lauro zione della città e raggiunge- L’esposizione, si apre idealmen-U re il Forte Malatesta. Proprio te con una cartolina postale di- n gioiello dell’Italia questa struttura è uno dei gio- segnata da Giacomo Balla re- centrale, capolavori ielli dell’architettura fortifica- cante un testo indirizzato a d’arte e un antico for- ta rinascimentale. Chiuso dal Fortunato Depero, il padre del te che ritrova una nuo- 1978 e ridotto in stato d’abban- design italiano e autore di mol-va vita. Sono questi gli elemen- dono, torna, dopo dieci anni di ti degli oggetti che hanno ca-ti fondamentali che caratte- restauro, a diventare un centro ratterizzato l’Italia (in primis larizzano Aspetti di arte astratta nevralgico della città. La fortez- forma della bottiglietta del Cro-nella raccolta Fiocchi: da Balla za a forma di stella irregolare, la dino). Si prosegue poi con una Sol Lewitt, la mostra ospita- cui attuale struttura di mastio interessante confronto fra unata nel Forte Malatesta di Asco- dodecagonale porta la firma di Amalassunta di Osvaldo Licinili Piceno è stata prolungata fi- Antonio da Sangallo il Giovane, e un disegno visionario di Mi-no al prossimo 30 maggio. Se riapre definitivamente ospitan- rò. Per quanto riguarda l’astrat-a tutto questo si aggiunge an- do come primo evento proprio tismo italiano si parte dagli an-che un inedito percorso in bi- la mostra sull’Astrattismo. ni Cinquanta con opere di Fon-ci che dalla centrale piazza del Nelle antiche stanze è raccol- tana, Burri, Veronesi, Crippa,Popolo conduce i visitatori fi- to un consistente nucleo di Capogrossi, Scanavino per ar-no al Forte, l’occasione diventa 230 opere, un corpus formida- rivare a Vedova, Accardi, Peril-da non perdere. Infatti, inclu- bile per la conoscenza delle di- li e Parmeggiani. E non mancaso nel biglietto della mostra c’è namiche dell’arte contempora- lo spazio dedicato a interessan-la possibilità di prendere a no- nea in Italia, riunite in oltre cin- ti esempi legati al contesto in-leggio una bici da piazza Arri- quant’anni da Serafino Fiocchi, ternazionale con opere di Mas-go e da qui partire all’esplora- collezionista ascolano. son, Beuys e Sol Lewitt. Soundtrack di Diego Carmignani Mobilità Il pulmino dal cuore verde Il Grinta, selvaggi sentieri musicali Ricordate il vecchio pulmino ce l’alimentazione è in grado della Volkswagen? Quello che di garantire un’autonomia di ha caratterizzato la stagione 300 km, un record nel setto- di Woodstock e la scena freak re elettrico, sempre che i da- I anni Settanta? ti siano rispettati nella prova Sulla base di quello storico su strada. l senso de Il Grinta, remake del- da allucinazioni alla Big Lebowski e pri- modello la casa produttrice Oltre al motore, Bulli mostra la pellicola del 1969 con cui i fra- vo di pezzi rock-pop a caratterizzare le tedesca ha presentato al Sa- anche un’altra particolarità: è telli Coen sono saltati in grop- sequenze. Così, Burwell ha mani libere lone di Ginevra il suo Bulli. A la prima vettura ad essere do- Carter Burwell pa al genere western, è forse da per valorizzare l’impatto di ogni scena, differenza del suo antenato, tata di un iPad di serie. Il ta- per la colonna rintracciare nella colonna sono- saldando le immagini (epiche, roman- però, il veicolo in questione blet della Apple, posizionato sonora ra originale composta da Carter Bur- tiche, comiche) con 20 brevi composi- col passare degli anni assume nella plancia, funge da centra- dell’ultimo well, musicista newyorchese che deve zioni, includenti estratti di gospel e ca- un cuore tutto verde. Al suo lina di comando per tutta l’au- film dei una bella fetta di fama ai due di Min- paci di incorniciare, via via, le emozio- interno, infatti, tutto funziona tovettura. Attraverso lo scher- neapolis: indimenticabili in particola- ni suscitate, in primis, nella protago- grazie a un motore elettrico in mo touch si può attivare il cli- fratelli Coen, re le soundtrack per Barton Fink e Far- nista Mattie alla disperata ricerca del grado di erogare 85 kw di po- matizzatore, tenere sotto con- crea la giusta go, stra-premiati anche per i loro tra- padre: si va da brani che usano pochi tenza e alimentato trollo il sistema di navi- struttura per gici voli musicali, contrappunti inediti strumenti a composizioni orchestrali da una batte- gazione e regolare il valorizzare tra grottesco e dramma, propri del ci- sempre più complesse, man mano che ria agli io- volume. Una vol- ogni scena, nema dei Coen. Anche la scelta di regi- la giovane eroina si allontana da casa ni di litio da ta a destina- saldando le stro per Il Grinta (Warner music) va di e si avvicina all’assassino ricercato. Un 40 kWh. Se- zione si stac- pari passo col taglio cinematografico, viaggio in territori, geografici ed emo- condo la ca- ca e si ripone immagini qui quanto mai “trasgressivo” rispet- zionali, sconosciuti che non avrebbe sa produttri- nella borsa. con 20 brevi to alla media “coeniana”. Nel senso che demeritato la presenza nella cinquina composizioni l’impianto del film è classico, lontano candidata all’Oscar
  • 14. 14 giovedì 3 marzo 2011 >>Cultura>> Mobilitazione Ieri a Roma 162 strutture tra associazioni, cooperative e fondazioni che da tempo lavorano con impegno sul territorio hanno reclamato i fondi per le attività svolte e una politica trasparente per il futuro Cultura, un bene comune co su tutti i fronti ci sembra ab- bastanza peculiare e indicativo il fatto di togliere soldi per desti- narli alla moda, quello che ci pre- occupa di più è il discorso lega- to alla qualità di ciò che faccia- mo». Questo perché le «attività con i centri diurni, con le scuole e le asl in aree come quella della provincia di frosinone, di Rieti o della zona della Sabina - continua elisa Maurizi di Officina cultura- le della Bassa Sabina - zone che già soffrono di una depressione culturale e dove mancano cen- tri d’aggregazione hanno bisogno di una programmazione di am- pio respiro temporale. Una conti- nuità che era la forza dei proget- ti biennali. Ora, invece siamo fer- mi da gennaio e la Regione sem- bra voler favorire grandi eventi che non hanno niente a che vede- re con una politica quotidiana e capillare sul territorio, che cerca di dare delle risposte alle piccole realtà. per questo chiediamo una© RaffaeLe petRaLLa politica culturale trasparente da parte dell’amministrazione con la Un momento del presidio davanti alla Regione Lazio quale poterci confrontare». esi- genza a cui l’assessore regionale Alessia Mazzenga la Regione. Centosessantadue nonostante le rassicurazioni da ta con un taglio sull’erogazione alla Cultura ieri sembra aver co- foto di Raffaele Petralla strutture tra associazioni, coope- parte dell’assessore alla Cultura, dei fondi per le attività culturali minciato ad interessarsi riceven- S rative, fondazioni e comuni che arte e Sport fabiana Santini so- che da sei milioni e mezzo previ- do una delegazione delle varie as- i è svolto ieri mattina a Ro- nel 2010 hanno realizzato festi- no ancora da erogare parte dei sti sono diventati 5 milioni per il sociazioni a termine della confe- ma davanti alla sede del- val artistici, spettacoli dal vivo, saldi delle attività già svolte, cioè 2011. «Sembra che questo milio- renza stampa. La Santini ha pre- la Regione Lazio il presidio creato officine culturali e soste- quelle del 2009, parte degli antici- ne e mezzo sia stato distratto per so l’impegno di saldare entro la fi- conferenza stampa, “Cultu- nuto progetti di promozione cul- pi per le attività del 2010 e non c’è l’evento “Donna sotto le stelle” - ne di marzo i pagamenti non an- ra Bene Comune”, di tutte quel- turale e di spettacolo, da mesi so- stata ancora nessuna indicazione spiega Ilaria Di Stefano del coor- cora erogati, di verificare la situa- le realtà collegate allo spettaco- no ferme in attesa di indicazioni riguardo le attività del 2011, che dinamento regionale dedicato al- zione relativa al bando per attivi- lo dal vivo vincitrici dei bandi le- da parte della Regione sul desti- sarebbero dovute iniziare a gen- la danza (Core) -. a parte la que- tà culturali svolte nei Municipi di gati alla legge regionale n.32, che no delle attività e dei progetti dif- naio. a peggiorare la situazione a stione che in un contesto nazio- Roma e di avviare la ristruttura- finanzia le attività culturali del- fusi sul territorio. Questo perché dicembre la Regione è intervenu- nale in cui la cultura è sotto attac- zione dei teatri.
  • 15. >>Commenti>> giovedì 3 marzo 2011 15 Rivolta in Nord Africa, è giunta l’ora Il 12 marzo tutti in piazza di riformare la legge sulla cittadinanza per difendere la Costituzione Vittorino Ferla Corradino dalla prima La rivoluzione in corso nel zione, non è più solo “affare di Viceversa, la gestione in chia- Al potere legislativo il com- prie sfumature cromatiche nord dell’Africa apre scenari stato”. Si fonda sul riconosci- ve securitaria dell’immigra- pito di fare le leggi, a quello ma con il Tricolore e la Co- imprevedibili. Un’emergenza mento della persona umana zione, lo strazio burocratico esecutivo di farle rispettare e stituzione. umanitaria potrebbe tocca- al di là dei propri legami con cui viene sottoposto chi chie- al potere giudiziario l’attua- E per una volta vorremmo re presto il nostro paese, con una comunità specifica. Na- de o rinnova il permesso di zione della giustizia. Tre po- vedere rovesciata la pirami- l’arrivo di tanti profughi. Il go- sce dall’esercizio concreto e soggiorno, lo stato di limbo al teri che nello “Stato assolu- de. Ci piacerebbe che i ri- verno italiano appare impre- attivo dei diritti, al di là della quale vengono condannati gli to” sono monopolizzati da flettori fossero puntati non parato. Diffonde la paura per loro titolarità formale. Si àn- immigrati di seconda gene- un’unica persona. sui big della politica ma sul- creare allarme e sfuggire alle cora al regime internazionale razione (italiani a tutti gli ef- Come scriveva in quegli an- le facce delle donne e degli proprie responsabilità. Quan- dei diritti umani. fetti) sono forme di violenza ni il buon vecchio Marx la uomini “normali” quelli che to durerà? La Costituzione italiana è gratuita, una negazione bella storia si ripete, la prima vol- tutti i giorni, siano essi stu- Il dibattito sull’immigrazione all’avanguardia in questo: re- e buona dell’umanità e dei di- ta come tragedia, la secon- denti o pensionati, lavora- dei prossimi mesi potrà an- cepisce la Dichiarazione uni- ritti di queste persone. da volta in farsa. L’accentra- tori, precari, o disoccupati, cora esaurirsi – come accade versale dei diritti dell’uomo, e, C’è tanto da fare, dunque. Ma mento dei poteri sembra or- subiscono sulla propria pel- da anni – nell’alternativa tra con questa, le tutele di dirit- il primo passo, ormai, è la ri- mai l’unica strategia di un le i segni di una Costituzione ordine pubblico e assistenza ti che vengono ben prima di forma della legge sulla citta- presidente del Consiglio dei sempre più sbeffeggiata e ol- più o meno benevola dei nuo- quelle legate alla cittadinan- dinanza: bisogna renderla più ministri autoproclamato- traggiata. vi arrivati? C’è il rischio che za nazionale. Basti pensare al accessibile ai tanti che ormai si “sultano” e tutto proteso A Roma, in corteo da piaz- non si parli più di un tema diritto alla salute di cui i citta- risiedono da anni qui e sono a piegare le regole e le leggi za della Repubblica a piaz- emergente, da tempo omes- dini immigrati godono: il no- ormai italiani anche loro. Il a suo favore, esautorando il za del Popolo. Con la Costi- so, ormai improrogabile: la stro Servizio sanitario nazio- secondo passo è rappresen- Parlamento a colpi di decre- tuzione in mano. Per riaffer- condizione dei numerosi im- nale deve tutelarli, anche se tato da serie politiche di in- ti legge, denigrando, ormai mare che quei 139 articoli migrati che in Italia già risie- non sono italiani (lo spiegano tegrazione che rimuovano gli quotidianamente, la magi- non sono merce di scambio. dono e lavorano da anni. Pos- le sentenze della Corte costi- ostacoli allo sviluppo umano stratura e facendo così carta Che tutti i cittadini han- siamo continuare a far finta tuzionale). Insomma, i diritti di tutti i cittadini, senza di- straccia della Costituzione. no diritto ad avere un lavo- che non si tratti di cittadini della personalità, basati sulla stinzioni di sorta, nemmeno Proprio per questa ragione ro. Che la scuola è pubblica. come noi? cittadinanza costituzionale e di etnia (è il compito della Re- abbiamo deciso di scendere Che la magistratura è auto- La legge italiana fonda l’at- universale, sono estesi a tut- pubblica, previsto dall’artico- in piazza il 12 marzo prossi- noma. Che l’informazione è tribuzione della cittadinan- ti. E tra i diritti di libertà per lo 3 della Costituzione). mo in una grande mobilita- libera. E ancora: che la Re- za nazionale su una sorta di eccellenza, garantiti a tutti Infine, sulla base del principio zione a Roma (e non solo) pubblica italiana promuo- “familismo giuridico”: si è cit- dai trattati costituzionali eu- di sussidiarietà scritto nell’ar- per dire che la Costituzione ve lo sviluppo della cultura tadini per eredità di sangue o ropei, stanno proprio il “dirit- ticolo 118, servono misure è sana e robusta ma deve es- e della ricerca e tutela il pa- per via di matrimonio. è pos- to di residenza” ed il “diritto di per accogliere e favorire ‘tut- sere difesa dalle troppe ten- esaggio e il patrimonio sto- sibile che sia ancora così? La circolazione”. ti’ quei cittadini, spesso im- tazioni di stravolgimento, vi- rico artistico. Che la legge è cittadinanza non dovrebbe In molti casi, poi, la cittadi- migrati, che svolgono attività lipendio, cancellazione. uguale per tutti. E non dise- acquisirsi per la libera e auto- nanza diventa “attiva”. Per il di interesse generale. Anche Ieri durante la nostra con- guale per pochi come reci- noma scelta di chi decide di principio di sussidiarietà co- così si costruirà un’Italia più ferenza stampa alla Came- ta la Costituzione e qualsia- vivere nel nostro paese e qui stituzionale, tutti i cittadini, unita, accogliente, europea. ra abbiamo cercato di spie- si manuale di diritto. si impegna con il proprio la- singoli o associati, compresi Varrebbe la pena che il go- gare lo spirito con cui tan- Testi che il presidente del voro, le proprie attività eco- i cittadini immigrati, possono verno lo ricordasse in que- te associazioni e movimenti, Consiglio Silvio Berlusconi nomiche, le proprie iniziative esercitare i propri diritti, as- sto speciale 2011 in cui si ce- del più diverso orientamen- dovrebbe conoscere bene dal civiche, nella costruzione di sumersi responsabilità nella lebrano l’Anno europeo della to, hanno sentito il bisogno momento che, oltre ad aver una casa comune aperta, ac- vita pubblica, dare il proprio cittadinanza attiva e i 150 an- di rinunciare ad un pezzo di giurato sulla Costituzione si cogliente e solidale? contributo per lo sviluppo so- ni dell’Unità d’Italia. sé per dare un segno di uni- è laureato in Giurisprudenza, La cittadinanza, fatta di dirit- ciale e civile del luogo in cui tà. E scendere in piazza non esattamente 50 anni fa e con il ti, appartenenza e partecipa- risiedono. v.ferla@cittadinanzattiva.it con i propri vessilli e le pro- massimo dei voti… prevenzione, una novazione sono stati accorpa- sa da Doctornews33 il 20 febbra- le proprie proposte tra cui l’in-Organo ufficiale d’informazionedella Federazione dei Verdi replica dal ministero ti nel nuovo “Dipartimento del- io scorso. Non può che fare piace- troduzione della ricevuta obbli-Reg. Trib. di Roma n. 34 del 7/2/2005 la sanità pubblica e dell’innova- re se la notizia era inesatta, come gatoria automatica, della com-Sped. in Abb. Post. D.L. 353/2003 (conv.in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 c. 1 DCB - Roma Cara Terra, apprezziamo l’atten- zione”, al cui interno continuerà ha precisato il Capo di Gabinet- missione disciplinare paritetica,La testata fruisce dei contributidi cui alla legge 7/10/ 1990 n. 250 zione con cui il giornale segue i regolarmente a operare la Dire- to del Ministero. Resta tuttavia il licenza con foto esposta in vet-via del Porto Fluviale, 9/a - 00154 Romatel. 06.45.47.07.00 - fax 06.42.01.31.31 temi della sanità e dell’ambiente. zione generale della prevenzio- fatto che l’accorpamento del Di- tura, tariffari in doppia linguainfo@terranews.it - www.terranews.it Proprio per questo spiace che ne. Il nuovo assetto è stato pen- partimento Prevenzione con il Di- stampati dal Comune e espostiDirettore responsabile: Luca BonaccorsiCondirettore: Enrico Fontana nell’articolo pubblicato il primo sato, tra l’altro, con l’obiettivo di partimento Innovazione nel nuo- sul taxi, in ogni parcheggio taxiDirettore editoriale: Giovanni NaniVicedirettori: Vincenzo Mulè marzo a pag. 5 dal titolo “Pre- potenziare la prevenzione, inte- vo Dipartimento Sanità Pubbli- e disponibili online, il completa-Valerio Ceva GrimaldiRedazione: Rossella Anitori, Diego Carmignani, venzione sanitaria, il governo az- grando sempre più strettamen- ca e Innovazione, in cui continue- mento delle corsie preferenzia-Susan Dabbous, Pierpaolo De Lauro,Alessandro De Pascale, Alessia Mazzenga, zera tutto”, a firma Antonio Fag- te la tutela della salute, la sicu- rà a operare la Direzione Gene- li, il numero unico di chiama-Alessio Nannini, Paolo Tosatti, Federico Tulli gioli, sia contenuta un’inesattez- rezza del lavoro, la tutela am- rale Prevenzione, fa temere il ri- ta taxi. L’Adoc si siederà al tavo-Grafica: Andrea Canfora, Alessio Melandri,Gianluca Rivolta, Monica Di Brigida za che riguarda il punto centra- bientale e delle condizioni di vi- schio di mettere in subordine ad lo con la volontà di individuareIllustrazioni: Alessandro Ferraro le del ragionamento dell’autore. ta e di benessere delle persone, altre strategie per la salute quel- soluzioni che migliorino l’effica-Web content management: Francesca RicciComitato scientifico: Vanni Bianchi, Valerio Nell’articolo si legge infatti che con la promozione della ricerca la della prevenzione che dovreb- cia del servizio taxi, che sia piùCalzolaio, Marcello Cini, Franco Corleone,Derrick de Kerckhove, Anna Donati, il Consiglio dei ministri, nell’ap- scientifica e tecnologica in ma- be essere prioritaria. Si prende at- veloce e con costi contenuti, so-Gianluca Felicetti, Vincenzo Ferrara, PaoloGalletti, Marco Gisotti, Carlo Alberto provare la riorganizzazione del teria sanitaria, come attestato to che non vengono smentiti i gra- stenibili da qualsiasi utente. Ap-Graziani, Umberto Guidoni, Giulio Marcon,Stefano Masini, Gianni Mattioli, Giorgio Ministero della Salute, avrebbe anche dal fatto che il capo di ta- vi limiti posti dal Piano Nazionale prezziamo l’apertura del Fron-Parisi, Francesca Sartogo, Eddy Salzano,Danilo Selvaggi, Massimo Serafini, Alex ridotto “le Direzioni generali da le nuovo Dipartimento sia indi- Prevenzione ai controlli sulle atti- te dei Volenterosi, in particolareSorokin, Mario Tozziundicidue srl 4 a 3: quella soppressa è la Dire- viduato, nelle relazioni europee vità economiche da svolgere solo sulla polizza assicurativa unica,via del Porto Fluviale, 9/a - Roma zione ‘Prevenzione e Comuni- e internazionali, quale Chief Me- quando siano in esercizio. del numero di chiamata unico ePresidente: Luca LaurentiAmm. delegato: Roberto Presciutti cazione’”. In realtà, nella riorga- dical Officer del nostro Paese. a.f. sulla vettura unica soprattuttoConsiglieri: Luca Bonaccorsi, Roberto PresciuttiStampa: New Poligraf Rome srl nizzazione del Dicastero, dispo- quest’ultima soluzione caratte-Stabilimento: via della Mola Saracena sta in attuazione di un obbligo Mario Alberto Di Nezza caos taxi a roma, ecco rizzerebbe la città di Roma, di-Fiano RomanoDistribuzione: S.E.R. srl - Tel. 081-5845742E-mail: sersrl@editoria.it di legge, non è stata affatto sop- Capo di Gabinetto del Ministero le proposte dell’adoc ventandone potenzialmente unConcessionaria di pubblicità: pressa la Direzione generale del- della Salute suo simbolo, con l’augurio chePoster pubblicità & P.r. srlSede legale, direzione generale: la prevenzione, ma più sempli- L’Adoc parteciperà al prossimo possa segnare un nuovo iniziovia Angelo Bargoni, 8 - 00153 - romaTel.06 68896911 - Fax 06 58179764 cemente il Dipartimento della La notizia della soppressione del- tavolo di confronto tra Comune, della storia dei taxi a Roma.E-mail: poster@poster-pr.It prevenzione e della comunica- la Direzione Generale Prevenzio- tassisti e consumatori fissatoChiuso in redazione alle ore 19.00 zione e il Dipartimento dell’in- ne e Comunicazione è stata diffu- per lunedì 7 marzo, ribadendo Carlo Pileri, presidente Adoc
  • 16. 16 giovedì 3 marzo 2011 >>Scienza>> Spazio Leonardo a bordo Di forma cilindrica, largo quat- tro metri e lungo poco più, il modulo leonardo è stato ag- ganciato alla stazione spaziale internazionale e sarà utilizza- to dagli astronauti come labo- ratorio e come riserva per gli esperimenti. Una stanza in più e tutta tricolore, essendo stata © ansa/nasa fabbricata interamente dalla asI, l’agenzia spaziale italiana. Animali Alcune specie come il tigre e il pesce martello sanno costruirsi itinerari per spostarsi e cercare cibo basandosi su esperienza e campo magnetico. Lo studio sul Journal of Animal Ecology orientamento e mappe Dinosauri Nuovi fossili in Texas mentali degli squali Alessio Nannini G sembra che abbia almeno 89 milioni di anni il fossi- razie alla tecnologia satel- le di rettile volante sco- litare pochi giorni fa, e per perto in Texas, che potreb- la prima volta, i ricercato- be rappresentare il più an- ri dell’Università di Mia- tico pteranodonte finora mi erano riusciti a seguire il per- noto. visse all’incirca nella corso migratorio di un esemplare stessa epoca dei dinosauri di squalo, nella fattispecie un pe- e aveva un’ampia apertura sce martello (Sphyrna mokarran), alare e un corpo molto esi- dalle coste della Florida a quelle le. alcune caratteristiche del new Jersey, itinerario compiu- identificano il reperto co- to passando per il centro dell’oce- me appartenente alla fa- ano atlantico. l’animale aveva miglia degli pteranodonti- impiegato sessantadue giorni per di: ha cioè una cresta del- coprire circa milleduecento chi- topettorale prominente e lometri, dunque un breve lasso l’incurvatura caratteristica di tempo per una grande distan- © Calvo/ap/lapresse dei membri di quella fami- za, evidenziando agli scienziati le glia. sulla morte del rettile zone a lui importanti per l’alimen- il fossile non fornisce indi- tazione, l’accoppiamento e la na- cazioni certe, ma gli scien- scita dei piccoli. restava tuttavia Uno squalo bianco fotografato nell’isola di Guadalupe, al largo delle coste della California ziati ipotizzano che l’ani- da capire come questi animali ri- male sia morto in volo, for- uscissero a muoversi con preci- do alcuni parametri ambientali. in alternativa alle correnti oceani- gli esemplari adulti da quelli più se a causa di un combat- sione nello spazio marino senza Già un precedente studio aveva che, agli odori e alla temperatu- giovani, e fra diverse specie. In ba- timento, e poi sia caduto perdersi. dimostrato la capacità di alcuni ra dell’acqua. «la questione ine- se al modo in cui vivono, esse ma- in acqua. Il ritrovamento ora a chiarire questo aspetto è in- esemplari delle Hawaii nel ritro- rente alla capacità di orientar- turano una capacità diversa di re- è importante perché con- tervenuto uno studio pubblicato vare banchi di cibo anche a cin- si in mare aperto è ancora aper- alizzare le mappe dei luoghi. per sente di restringere l’incer- ieri sul Journal of Animal Ecology, quanta chilometri di distanza. In ta - ha spiegato Yannis papasta- esempio lo squalo pinna nera del tezza sull’epoca in cui av- dal titolo quanto mai indicativo: questo progetto i biologi hanno matiou, primo autore dell’articolo reef (Carcharhinus melanopterus), venne la transizione dal- Come fanno gli squali a capire do- usato tecniche basate sulla sta- -. Il fatto che molti di questi viag- sebbene sia diffuso in tutto l’ocea- la specie dotata di denti a ve stanno andando? secondo i ri- tistica per mostrare che gli spo- gi si svolgano di notte rende con- no pacifico, immagazzina dati re- quella senza, visto che so- cercatori del Florida Museum of stamenti non erano dovuti al ca- creta la possibilità che siano pro- lativi a un raggio limitato a partire lo pochi milioni di anni se- natural History in Gainesville, al- so ma coincidenti con una pre- prio i campi magnetici a indiriz- dalla barriera corallina. al contra- parano questo campione cune specie fra cui lo squalo tigre ciso intento. Ma in che modo gli zare gli squali sulla rotta giusta». rio lo squalo tigre (Galeocerdo cu- da un suo simile, l’aeto- hanno la capacità di memorizza- squali sanno dove stanno andan- Questa capacità si affina con il vier) riesce a coprire anche tremi- dactylus. re le mappe dei luoghi chiave per do? probabilmente grazie al rile- tempo e l’esperienza, così da dif- la chilometri, tanti quanti è solito la loro sopravvivenza utilizzan- vamento del campo magnetico, o ferenziare il comportamento de- percorrerne in vita.