Project enel ed-f_jv_nucleare

  • 105 views
Uploaded on

L’accordo Enel-EDF per il nucleare in Italia

L’accordo Enel-EDF per il nucleare in Italia

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
105
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Executive MBA IIIL’accordo Enel-EDF per il nucleare in Italia S. Costantini, R. Dionisi, R. Giubila, E. Stefanelli
  • 2. AGENDA Scenario di riferimento Enel EdF Accordo strategico di cooperazione JV – criticità di un accordo internazionale
  • 3. Scenario di riferimentoIL SISTEMA ENERGETICO IN ITALIA Domanda in crescita Costo dell’energia più alto in Europa Sbilanciamento del mix delle fonti Dipendenza da paesi geo-politicamente critici Vincolo protocollo di Kyoto (riduzione CO2)
  • 4. Scenario di riferimentoMix delle fonti di combustibile
  • 5. Scenario di riferimento Nucleare e rinnovabili consentono di ridurre l’incidenza del costo del combustibile e della CO2 sul costo complessivo.
  • 6. Scenario di riferimento Lo sbilanciamento del mix delle fonti causa: • Maggiore costo del Kwh Italia = 0,17€/Kwh vs EU = 0,14€/Kwh • Dipendenza dagli approvvigionamenti
  • 7. Scenario di riferimento Variazione del costo complessivo con 100% aumento del prezzo combustibile 84% Coal Il Nucleare è sostanzialmente 36%Gas (CCGT) indipendente dal prezzo del combustibile 3% Nucleare 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90%
  • 8. Scenario di riferimentoTrend emissioni di CO2 e accordi di Kyoto: come coniugarli?
  • 9. Scenario di riferimentoLa ricerca degli equilibri strategici tra Utilities ed il nucleare
  • 10. Scenario di riferimentoConclusioniIl nucleare come strategia per: Ridurre i costi di produzione Garantire indipendenza dagli approvvigionamenti Minimizzare l’incidenza delle oscillazioni dei prezzi delle fonti Ridurre le emissioni di CO2Nota: equilibri strategici tra le utilities
  • 11. Agenda Scenario di riferimento Enel EdF Accordo strategico di cooperazione JV – sfide di “governance”
  • 12. EnelKey figures:Maggiore produttore in ItaliaSeconda utility europeaQuarto operatore nucleare in EUPotenza installata: 94 GWEconomics:Fatturato: 61 Mld. € (31/12/2008)Ebitda: 14,3 Mld € (31/12/2008)Net debt / Ebitda: 3,5 (31/12/2008)Divend / share: 0,49 € (31/12/2008)Piano degli investimenti: 32,6 Mld (2009-2013)
  • 13. EnelStrategia Mantenere la leadership sul mercato domestico Consolidamento e integrazione internazionale Diversificazione delle fonti (25-25-50: nucl., rinnov. e fossili):  Riduzione dei costi complessivi di produzione  Indipendenza degli approvvigionamenti Riduzione delle emissioni di CO2 Stabilità finanziaria (riduzione dell’indebitamento)
  • 14. Agenda Scenario di riferimento Enel EdF Accordo strategico di cooperazione JV – sfide di “governance”
  • 15. EdFKey figures:Maggiore produttore in EuropaMaggiore operatore nucleare al mondo (58 reattori)Potenza installata: 127,1 GWEconomics:Fatturato: 64,3 Mld. € (31/12/2008)Ebitda: 15,4 Mld € (31/12/2008 – non include contributo TarTAM)Net debt / Ebitda: 2,4 (1° semestre 2009)Divend / Share : 1,28 € (31/12/2008)Piano degli investimenti: 35 Mld € entro 2010
  • 16. EdFStrategia Espansione internazionale e rafforzamento in Europa  Avere un ruolo primario nel ritorno al nucleare dell’Italia  Rafforzare la presenza nel mercato italiano (EDISON) Consolidamento della leadership tecnologica nel nucleare  Tecnologia EPR Incremento produzione da energie rinnovabili Aumento dellefficienza energetica
  • 17. Agenda Scenario di riferimento Enel EdF Accordo strategico di cooperazione JV – sfide di “governance”
  • 18. Accordo strategico di cooperazione Inserire filmato Berlusconi e Sarkozy
  • 19. Accordo strategico di cooperazione
  • 20. Accordo strategico di cooperazione Memorandum of Understanding: 24 Feb. ‘09 Obiettivo generale:  progettare, costruire ed esercire in Italia 4 unità EPR  creazione di una joint-venture paritetica per realizzare i progetti.  costituire società EPP dedicate a partire dalla “cantierabilità” delle opere
  • 21. Accordo strategico di cooperazionePerché una Joint Venture paritetica? La JV consente di:  Minimizzare i costi di transazione di competenze (intangibles)  Riprodurre ambiente organizzativo originario, es. routines  Accrescere le competenze specifiche esercitandole in un ambiente di condivisione La JV paritetica:  Consente l’equilibrio di asset complementari ed inscindibili  Permette di equilibrare gli interessi di parte
  • 22. Accordo strategico di cooperazione SNI Sviluppo Nucleare Italia
  • 23. Accordo strategico di cooperazione“Sviluppo Nucleare Italia” SNI: il mandato e criticità Autorizzazioni, permessi, licenze per la “cantierabilità” Business plans dei progetti Piano della committenza e promozione partenariati industriali per la realizzazione della filiera nucleare italiana
  • 24. Agenda Scenario di riferimento Enel EdF Accordo strategico di cooperazione JV – sfide di “governance”
  • 25. JV - sfide di “governance”Criticità JV paritetica Stallo decisionale Influenza della politica ed autonomia dalle “parent companies” Integrazione strutture organizzative e culturale
  • 26. JV - sfide di “governance”Criticità: stallo decisionale1. Clausola antistallo  Definizione della condizione di stallo  Procedura di superamento (eventuale ricorso all’arbitrato)1. Voto dirimente:  Attribuzione al presidente del CdA della decisione finale risolutiva Nota: non applicabile in SNI / non coerente con la proprietaria3. Deterrente: passaggio al livello superiore per risoluzione conflitti4. Attribuzione delle responsabilità per aree di competenza (modello WBS)
  • 27. JV - sfide di “governance” Stallo decisionale: 3. Deterrente: passaggio al livello superiore
  • 28. JV - sfide di “governance”4. Responsabilità per aree di competenza(modello WBS - leadership definita ex ante):  Garantire coerenza tra aree di responsabilità e competenze organizzative  Rafforzare l’autonomia dalle parent companies  Favorire l’integrazione culturale  Ridurre la permeabilità all’ingerenza politica
  • 29. JV - sfide di “governance”La struttura organizzativa:riprodurre “routines” organizzative favorendo l’integrazione Struttura organizzativa snella, di coordinamento (modello project company) Know-how partendo dal contesto organizzativo originario Definizione delle funzioni in coerenza con la WBS Integrazione, e trasferimento delle conoscenze, utilizzando gruppi di lavoro intercompany
  • 30. JV - sfide di “governance”Struttura organizzativa CEO Staff Project Permitting & Safety & management Procurement Engineering Norms quality Operating procedure Integration dept Enel EdF Enel EdF EdF Enel EdF Enel
  • 31. JV - sfide di “governance”SNI e l’influenza della politica: Il quadro regolatorio Lobby Interessi complementari per rafforzamentodell’internazionalizzazione
  • 32. Conclusioni Nucleare non come opzione ma come necessità La scelta del partner EdF come risposta:  Alla necessità di acquisizione di competenze tecnologiche  Ed in coerenza con il quadro politico strategico nazionale dei due paesi (approccio win-win) JV paritetica: una soluzione adeguata
  • 33. GRAZIE PERL’ATTENZIONE