Your SlideShare is downloading. ×
0
4 GGD Roma #6 - Gastrolinguistica
4 GGD Roma #6 - Gastrolinguistica
4 GGD Roma #6 - Gastrolinguistica
4 GGD Roma #6 - Gastrolinguistica
4 GGD Roma #6 - Gastrolinguistica
4 GGD Roma #6 - Gastrolinguistica
4 GGD Roma #6 - Gastrolinguistica
4 GGD Roma #6 - Gastrolinguistica
4 GGD Roma #6 - Gastrolinguistica
4 GGD Roma #6 - Gastrolinguistica
4 GGD Roma #6 - Gastrolinguistica
4 GGD Roma #6 - Gastrolinguistica
4 GGD Roma #6 - Gastrolinguistica
4 GGD Roma #6 - Gastrolinguistica
4 GGD Roma #6 - Gastrolinguistica
4 GGD Roma #6 - Gastrolinguistica
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

4 GGD Roma #6 - Gastrolinguistica

386

Published on

Published in: Business
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
386
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Traduzione enogastronomica http://gastrolinguistica.com
  • 2. enogastronomia cultura alimentare antropologia dell’alimentazione Tutti paroloni per cercare di definire una cosa: le 6 W dell’esperienza alimentare. Perché il rapporto che intercorre tra alimentazione, socializzazione e comunicazione è assodato. Cosa si mangiaCome Perché Quando Dove Con chi E tra enogastronomia e interculturalità anche.
  • 3. linguistica enogastronomia
  • 4. Il “modus cibandi” di una società, di una cultura ha un suo preciso linguaggio con tanto di grammatica, lessico, semantica. Mi interessa la cultura dell’alimentazione soprattutto dal punto di vista del mediatore linguistico e culturale. Perché, a ben pensare, nei nostri viaggi e scambi interculturali (anche semplicemente nella nostra città), non è forse la gastronomia di un popolo a colpirci più di altri fattori?
  • 5. Studio della produzione scritta italiana letteraria e tecnico-scientifica di testi di vitivinicoltura e cultura enogastronomica linea di ricerca
  • 6. L’importanza del made in Italy enogastronomico, sia a livello culturale che commerciale, è assodata. Sotto il segno della globalizzazione, nuovi Paesi, con altissimi livelli di produzione, anche di qualità, guadagnano sempre più fette di mercato. Le sfide cui va incontro il settore sono il mantenimento della qualità che l'ha reso un marchio di per sé a tutti gli effetti e l’internazionalizzazione dei suoi prodotti, pregni soprattutto di cultura.
  • 7. Il settore enogastronomico italiano scommette sull’export, ma non deve trascurare come detti prodotti vengono comunicati e, soprattutto, come viene comunicata quella cultura enogastronomica alla quale appartengono. La rapida crescita del settore, insieme alla scarsa conoscenza della scienza traduttologica e delle sue tecniche, rischiano di creare un terreno fertile a testi e traduzioni di scarsa qualità e impatto. Non è da sottovalutare neppure la scarsa preparazione in materia enogastronomica della maggior parte dei traduttori che attualmente si occupano di questo settore, poiché non viene insegnata all’università e solo negli ultimi anni sono stati avviati alcuni (pochi) corsi specifici.
  • 8. Il linguaggio dell’enogastronomia è un linguaggio settoriale particolare poiché, contrariamente a quanto è accaduto ad altri linguaggi specialistici recenti (ad esempio, economico, finanziario, informatico) si tratta di un linguaggio antico -- quasi quanto la civiltà stessa cui appartiene--, il che rende necessario un approccio non solo sincronico, ma anche diacronico. Quello enogastronomico è un linguaggio ibrido perché è settoriale in certi sottogruppi (ampelografia, vitivinicoltura, ampelotecnia, chimica, etc), con un approccio scientifico, ma non sempre univoco. Ed è anche linguaggio letterario (evocativo, poetico, metaforico) quando diventa nota di degustazione, etichetta, comunicato stampa, testo pubblicitario.
  • 9. Per quanto riguarda il destinatario, i testi sul vino spaziano dal documento tecnico per gli addetti ai lavori (enologi, ingegneri agronomi, biologi, sommelier) fino al testo pubblicitario o alla nota di degustazione, testi altamente evocativi e metaforici rivolti al pubblico generale o di nicchia, ma che non deve necessariamente avere le conoscenze tecnico- scientifiche che stanno alla base della produzione del vino.
  • 10. Stato dell’arte Lo studio del rapporto IT/ES in generale è ancora indietro rispetto ad altre combinazioni linguistiche (IT/EN, FR, DE). Nello specifico (settore enogastronomico), alcune ricerche sono state avviate negli ultimi anni per studiare la relazione che intercorre tra le principali lingue europee e l'italiano e quelle stesse lingue e lo spagnolo, ma lo studio comparativo IT/ES nel settore enogastronomico e vitivinicolo è quasi inesistente.
  • 11. Il traduttore non deve solo tradurre, ma il suo compito è spesso anche quello di localizzare. Adattamento Appropriazione dell’altrui. È un atteggiamento centrifugo, che proietta al di fuori di sé le proprie categorie. Assimilazione Inserimento dell’altrui nel proprio. È un atteggiamento centripeto, che riconosce le diversità altrui e le raffronta sullo stesso piano con gli elementi propri. Due sono le possibilità:
  • 12. Prevale soprattutto il primo atteggiamento, l’assimilazione, il che favorisce la presa di coscienza delle differenze culturali, della propria identità e il loro raffronto. Spesso (ma non sempre) i termini vengono importati (assimilati) e inseriti nelle strutture grammaticali preesistenti. Che cosa accade nella traduzione enogastronomica? Questo perché le pietanze, così come determinati ingredienti e procedimenti, sono frutto della tradizione di un popolo, e spesso non trovano un traducente perfetto nella lingua d’arrivo.
  • 13. supporto tecnologico
  • 14. Gli strumenti a disposizione del traduttore sono, oggigiorno, tanti: Computer assisted translation CAT tools Memorie di traduzione (TM) Corpora linguistici Basi terminologiche specializzate, online e offline
  • 15. L’automatizzazione della traduzione, in particolare in alcune combinazioni linguistiche e in determinati settori di specializzazione, si trova in uno stato di sviluppo tale da consentire la resa in modo veloce ed efficiente di grandi e medi volumi di documentazione. È perciò possibile e redditizio tradurre in un ambiente automatizzato di traduzione. Ciò non è però applicabile alla traduzione nell’enogastronomia, dove la ricerca in campo linguistico è, come abbiamo visto, ancora a uno stato iniziale, se messa a confronto con altri settori (ad.es. giuridico, economico, medico, audiovisivo). Insomma, la strada da fare è, ancora, tanta.
  • 16. Grazie dell’attenzione http://gastrolinguistica.com

×