Deloitte Italy Spa                                                                                        Via Tortona 25  ...
Ira Kalish, Director of Consumer Business per Deloitte Research, parte di Deloitte Servizi LP negli Stati Uniti,afferma - ...
Dario Righetti, Partner Deloitte e responsabile Consumer Business per l’Italia ha dichiarato: "Questi datidimostrano limpe...
La presenza degli italiani tra i TOP250“Tra gli italiani”, continua Righetti, “si riconfermano leader nazionali Coop, Cona...
successivamente all’acquisto offre il proprio feedback, contribuendo in questo modo al successo e/o insuccessodei prodotti...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

120116 it global powers 2012_dr3def

333

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
333
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

120116 it global powers 2012_dr3def

  1. 1. Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Comunicato StampaContacts Barbara Tagliaferri Max Mizzau Via Tortona, 25 Via della Camilluccia, 189/A 20142 Milano 00135 Roma +39 0283326141 + 39 06367491 btagliaferri@deloitte.it mmizzau@deloitte.it Global Powers of Retailers: i giganti della distribuzione moderna crescono in profitti (+3,8%) e vendite (+5,3%) nonostante il permanere della crisi economica internazionale 1- Riduzione (da 92 a 88) dei Retailer europei nella classifica top250 (uscita del Gruppo Pam e Finiper); 2- Redditività in aumento in ogni settore merceologico; stabile nel Retail italiano; 3- Redditività operativa e netta inferiore per i Retailer italiani a seguito di costi operativi superiori (energia e trasporti)Milano, 16 gennaio 2012 – Deloitte presenta oggi la quindicesima edizione dello studio “Global Powers ofRetailing”, in cui vengono analizzati i risultati di bilancio resi pubblici dai più grandi retailers del mondo.Secondo lo studio, realizzato da Deloitte Touche Tohmatsu Limited (DTTL) in collaborazione con STORES Media, i250 più grandi Retailer al mondo hanno fatto registrare per l’anno fiscale 2010 (che comprende il periodo dagiugno 2010 a giugno 2011) un incremento delle vendite del 5,3%. I dati sono nettamente migliorati rispettoall’anno fiscale 2009, in cui si era registrato un leggero aumento delle vendite (1,2%), soprattutto tenendo inconsiderazione la situazione che sta caratterizzando i mercati, la fine degli incentivi fiscali negli Stati Uniti, la crisinell’Eurozona e le rigide politiche monetarie nei paesi emergenti chiave.Secondo Deloitte, anche la profittabilità è migliorata, con un incremento degli utili netti del 3,8% del fatturato (nel2009 era pari al 3,1%). Quasi tutti i Retailer analizzati (183 su 195) hanno conseguito profitti nel corso del 2010 epiù di due terzi hanno visto un miglioramento dell’utile netto. Comunque, sebbene le performance delle aziendeanalizzate sono state positive, i Retailer dovranno fare i conti con il deterioramento dell’economia globale nel 2012.Principali dati dei Top 250 Retailers 2010 (US $)$ 3.94 milioni di miliardi Vendite al dettaglio aggregate$ 15.763 miliardi Fatturato medio Top250$ 3.292 miliardi Vendite minime per rientrare nella classifica Top2505,3% Crescita delle vendite al dettaglio FY10 vs FY095,7% Tasso di crescita composto delle vendite al dettaglio per il quinquennio 2005-20103,8% Crescita dell’utile netto FY10 vs FY095,8% Return on Asset (redditività del capitale investito)1,5 volte Composite asset turnover23,4% % vendite Top250 da operazioni estere
  2. 2. Ira Kalish, Director of Consumer Business per Deloitte Research, parte di Deloitte Servizi LP negli Stati Uniti,afferma - “l’economia globale sta subendo rallentamenti, nel 2012 infatti si avrà una crescita inferiore rispetto aquella registrata nel 2011 in molti dei più importanti mercati. La crisi dell’eurozona continua a far venir meno lafiducia sia degli investitori che dei consumatori, sebbene la crescita prevista per gli Stati Uniti ridurrà ladisoccupazione. Le economie dei Paesi BRIC sono in leggero calo a causa delle rigide politiche fiscali dei governie alla debole crescita globale e, sebbene si preveda una crescita forte del Giappone, ciò sarà semplicementeconseguenza della ripresa dopo le devastazioni subite dal paese da terremoto e tsunami.”“Ma non tutto il male viene per nuocere. La debole crescita dell’economia globale, infatti, ha anche lati positivi: lacontinua attenuazione dei prezzi delle merci, per esempio, comporta per i Retailer una riduzione dei costi; mentre,l’inflazione sui prezzi dei Retailer in alcuni mercati può portare al miglioramento dei margini di profitto, anche in uncontesto di bassa crescita.” - continua il Director of Consumer Business per Deloitte Research. “Ma il fattore piùpositivo in assoluto è il lungo termine. Anche se la situazione economica del mondo per il 2012 non è rosea, leprevisioni di lungo termine si confermano buone. Malgrado la struttura demografica, la Cina continuerà a cresceree anche i mercati emergenti di India, Brasile, Turchia, Indonesia e parte dell’area del Sud America e dell’AfricaSahariana continueranno ad offrire nuove opportunità di crescita per i più grandi Retailer del mondo.”Crescita dei profitti e delle vendite (%) – Confronto mondialeMolte opportunità sono già state colte da diverse aziende. I Retailer dell’America Latina, dell’Africa e dei Paesi delMedio Oriente hanno fatto segnare nell’anno fiscale 2010 la più alta crescita. Sette dei dieci più grandi RetailersLatino Americani hanno registrato una crescita a due cifre delle vendite, registrando un tasso di crescita annuo del18% nel 2010, mentre i Retailer Africani e del Medio Oriente hanno generato il più alto tasso di crescitarelativamente al periodo 2005-2010 (+15,4%).I tassi di crescita dei Retailer europei sono superiori a quelli dell’anno fiscale 2009, nonostante il numero di aziendenelle top 250 sia in diminuzione (da 92 a 88 Retailer nel 2010). Nel complesso, le vendite dei Retailer europei sonopari a circa un terzo delle vendite dei top250, pari a US$ 1.13.Per quanto riguarda i diversi settori in cui operano i Retailer analizzati, secondo lo studio Deloitte, la redditività èmigliorata in ogni settore merceologico, ma tra questi i Retailer della moda continuano a mostrare le performancemigliori, realizzando un margine di profitto pari a 7,7% in linea con la crescita complessiva delle vendite che haregistrato +7,4%, entrambi dati superiori alla media dei top250. Anche il settore dei Fast Moving Consumer Goods(beni di largo consumo) solitamente con redditività molto limitate, anche quest’anno ha registrato un miglioramentonelle vendite del 5,2% rispetto all’anno precedente. Crescita delle vendite e dei profitti per settore merceologico (%)
  3. 3. Dario Righetti, Partner Deloitte e responsabile Consumer Business per l’Italia ha dichiarato: "Questi datidimostrano limpegno dei Retailer di tutto il mondo nell’avviare un’intensa attività di ottimizzazione dei processiaziendali. Solo due anni fa avevamo rilevato la caduta dei profitti per i Retailer come conseguenza del taglio allespese da parte dei consumatori, oltre ai magazzini stracolmi che avevano portato a politiche di forti sconti a scapitoappunto dei profitti. I Retailer avevano reagito velocemente per individuare le aree prioritarie di intervento. D’altraparte, una volta completato il processo di miglioramento dell’efficienza, ove possibile, sarà difficile continuare adincrementare i profitti solo puntando ad un’ottimizzazione dei processi. Diventerà quindi fondamentale anche per iRetailers una ripresa dell’economia che riporti la crescita reale anche delle vendite.” prosegue Righetti, "Tuttavia,con l’inizio del 2012, i Retailer sono preoccupati per una domanda insufficiente nei paesi industrializzati e ilsurriscaldamento della stessa nei paesi emergenti (rischio di tassi di inflazione elevati). Essi devono ancheaffrontare le problematiche inerenti la volatilità dei tassi di cambio, una politica fiscale in fase di cambiamento e lasostenibilità della ripresa in alcuni mercati”.La composizione della “Top 10 Retailer” ha visto l’ingresso di Walgreen Co, salito dall’undicesima alla nonaposizione, e l’uscita di Target Co. Per quanto riguarda le performance, tutte le aziende della top10 registrano unincremento delle vendite rispetto all’anno fiscale precedente.Top 10 Retailers Posizione Posizione Edizione Edizione Vendite al 2011 2012 % crescita Paese di dettaglio CAGR Azienda (giugno (giugno vendite origine FY10* 2005-2010 (%) 2009 a 2010 a FY10vs FY09 (US$mil) giugno giugno 2010) 2011) Wal-Mart US 1 1 418,952 3.4 6.0 Carrefour France 2 2 121,519 4.8 3.9 Tesco UK 4 3 92,171 6.7 9.3 Metro Germany 3 4 88,931 2.8 3.8The Kroger Co. US 6 5 82,189 7.1 6.3 Schwarz Germany 5 6 79,119 9.4 9.8 Costco US 7 7 76,225 9.1 8.0 Home Depot US 9 8 67,997 2.8 -2,5 Walgreen Co. US 11 9 67,420 6.4 9.8 Aldi Germany 8 10 67,112 5.2 5.9*FY10 = periodo di riferimento giugno 2010 a giugno 2011
  4. 4. La presenza degli italiani tra i TOP250“Tra gli italiani”, continua Righetti, “si riconfermano leader nazionali Coop, Conad, Esselunga e il gruppo Luxottica,mentre gruppo Pam e Finiper escono dalla classifica dei top250. Azienda Posizione ed. 2010 (giugno Posizione ed. 2011 (giugno Posizione ed. 2012 (giugno 2008 a giugno 2009) 2009 a giugno 2010) 2010 a giugno 2011) Coop 46 47 52 Conad 69 67 74 Esselunga 114 115 125 Gruppo Luxottica 182 179 176Righetti commenta la situazione italiana - “Salvo Luxottica che ha migliorato la propria posizione grazie alla suadinamicità e presenza globale sui mercati, gli altri retailer italiani hanno perso posizioni. Infatti, la crescita delsettore Retail italiano nel triennio 2008-09-10 è stata di poco superiore al tasso di inflazione, ed è avvenuto solograzie all’aumento della rete vendita. Azienda Fatturato del Vendite al dettaglio Utile netto del CAGR Gruppo (US$ mil) Gruppo 2005-2010 (%) (US$ mil) (US$ mil) FY09 (ed. 2011) 16,495e 16.495e n/a 2,6% Coop FY10 (ed. 2012) 15,845e 15,845e n/a 2,4% Δ -3,94% -3,94% FY09 (ed. 2011) 12,969 12,969 n/a 5,6% Conad FY10 (ed. 2012) 12,170 12,170 n/a 5,8% Δ -6,16% -6,16% FY09 (ed. 2011) 7,746e 7,746e 262 7,5% Esselunga FY10 (ed. 2012) 7,741e 7,741e 283 7,6% Δ -0,06% -0,06% FY09 (ed. 2011) 7,105 4,332 456 6,9% Gruppo FY10 (ed. 2012) 7,699 4,729 541 1,5% Luxottica Δ +8,36% +8,39FY09 = giugno 2009 a giugno 2010FY10 = giugno 2010 a giugno 2011Continua il Partner di Deloitte – “Per quanto riguarda la redditività del settore, in Italia si può affermare che neltriennio 2008-10 è stata piuttosto stabile, grazie ai contributi promozionali e ai premi di fine anno, con unamarginalità commerciale in linea con i dati internazionali; viceversa, una redditività operativa inferiore di almenodue punti percentuali rispetto ai Retailer stranieri. Ciò è dovuto a maggiori costi operativi (principalmente energia etrasporti) i per i Retailer italiani. Le liberalizzazioni in corso non possono che portare benefici in tal senso.Le Private Label, anche se in modesto incremento, incidono sempre poco (16,5%) sul fatturato, rispetto ai Paesiesteri a testimonianza della fiducia che i consumatori ripongono nei prodotti di marca e “Made in Italy”.L’esperienza multicanale è ormai assodata nel comportamento d’acquisito del consumatoreSebbene le aperture di nuove catene commerciali sono aumentate anche quest’anno, un nuovo modo di dominareil mercato si sta diffondendo nel mondo dei Retailers con la presenza degli stessi su internet.Prosegue Righetti: “Molti Retailer si presentano al consumatore attraverso molteplici canali di comunicazione (es.store, cataloghi, internet, call centers, social network, tecnologie digitali e cellulari), ma pochi hanno capito come iconsumatori stiano utilizzando tali canali per lo shopping e, ancora di più, pochissimi Retailer stannoimplementando una efficacia strategia multicanale.”Continua l’esperto di Deloitte: “Il consumatore non è più solo attore passivo bensì attore protagonista: è esigentee spietato, si informa, guarda in internet, confronta e condivide le opinioni prima di prendere una decisione, e
  5. 5. successivamente all’acquisto offre il proprio feedback, contribuendo in questo modo al successo e/o insuccessodei prodotti in commercio. I Retailer, insieme ai produttori loro fornitori, che saranno capaci di implementare unastrategia multi-canale basata anche sulle nuove tecnologie e soprattutto focalizzata sul consumatore otterranno unvantaggio competitivo rispetto agli altri Retailer”.“Su tali basi ritengo che non sia più procrastinabile una maggiore collaborazione fra produttori e Retailer perstrategie e iniziative congiunte che puntino meno sulla guerra dei prezzi e promozioni e di più sulla ricerca delvalore per il consumatore sempre più “value oriented” che “low cost oriented”. Misurare e valorizzaremaggiormente il fatturato per mq rispetto al fatturato/kg o al fatturato/euro.“ conclude Dario Righetti.“Fra qualche anno, il consumatore farà uso anche della tecnologia mobile per ottenere informazioni in tempo realesulla gamma di prodotti disponibili presso il Retailer più vicino a lui o effettuare un ordine di un prodotto mentre èfisicamente all’interno dello store e riceverlo direttamente a casa. Pertanto, nell’immediato futuro i Retailer devonocontinuare sulla strada dell’innovazione di soluzioni multicanali.” Conclude Ira Kalish, Director of ConsumerBusiness per Deloitte Research.About DeloitteDeloitte refers to one or more of Deloitte Touche Tohmatsu Limited, a UK private company limited by guarantee, and its network of memberfirms, each of which is a legally separate and independent entity. Please see www.deloitte.com/about for a detailed description of thelegal structure of Deloitte Touche Tohmatsu Limited and its member firms. In France, Deloitte SA is the member firm of Deloitte ToucheTohmatsu Limited, and professional services are provided by its subsidiaries and affiliates.Deloitte provides audit, tax, consulting, and financial advisory services to public and private clients spanning multiple industries. With aglobally connected network of member firms in more than 140 countries, Deloitte brings world-class capabilities and deep local expertise tohelp clients succeed wherever they operate. Deloittes approximately 169,000 professionals are committed to becoming the standard ofexcellence.

×