Sinkronie > formAzione (approfondimenti)

202 views

Published on

Supportiamo imprenditori e manager nella valorizzazione e trasformazione delle risorse disponibili in concrete opportunità di business mediante attività di formAzione e Affiancamento operativo finalizzate all’aumento dell’efficienza e al raggiungimento di obiettivi condivisi.

Acceleriamo le fasi di cambiamento strategico e organizzativo, di revisione dei modelli di business e di avvio di nuove iniziative semplificando l’introduzione di innovazione nei sistemi e nei processi.

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
202
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Sinkronie > formAzione (approfondimenti)

  1. 1. Sinkronie > Giovanni DeCarli P.IVA 12737541008 Tel. 339 5653680 giovanni.decarli@sinkronie.it p. 1/4 sinkronie 2 - formazione v1.docx CHE COSA SIGNIFICA FORMAZIONE CON LA A MAIUSCOLA? Creare per ogni elemento dell’organizzazione e per l’organizzazione nel suo complesso la consapevolezza delle potenzialità proprie e delle risorse disponibili. Fare uscire allo scoperto i talenti che spesso si nascondono all’interno delle organizzazioni e valorizzarne capacità, competenze e professionalità. Aiutare i singoli e l’organizzazione nel suo complesso a crescere e a pensare in maniera strategica per il raggiungimento degli obiettivi. I percorsi di formAzione vengono realizzati ad hoc, progettati in funzione di obiettivi specifici e basati sul confronto, la condivisione e l’apprendimento attivo. Sono contestualizzati sulla realtà dell’organizzazione per un immediato utilizzo dei concetti, dei modelli e degli strumenti discussi nelle attività quotidiane. Vengono creati utilizzando moduli base della durata di 2 ore, mezza giornata o una giornata intera, in funzione del grado di approfondimento desiderato. Ai moduli base possono essere affiancati contenuti e interventi specifici studiati per il raggiungimento di particolari obiettivi di business, l’adozione di nuovi processi e strumenti aziendali, la costruzione e il consolidamento di Team e gruppi di lavoro. I moduli base CALCIO D’INIZIO, LE REGOLE DEL GIOCO Prima di cominciare qualsiasi impresa è fondamentale stabilire la meta e le regole del gioco e porsi qualche domanda. E’ più importante l’impegno o il risultato? Di chi è la responsabilità? Quanti tipi di fallimento esistono? Quanti e quali sono i risultati che voglio ottenere? In funzione dei risultati attesi al termine del percorso di formAzione, vengono discusse le aspettative dei singoli partecipanti e del gruppo nel suo complesso. Si inizia a compilare il “dossier” che accompagna i partecipanti per tutto il percorso, strumento di lavoro e filo conduttore che guiderà da un modulo all’altro e resterà, alla fine, come diario di bordo. GLI OBIETTIVI: CARATTERISTICHE, USO E MANUTENZIONE E’ possibile intraprendere un viaggio senza una meta? Dove arrivo se non mi sono dato un obiettivo? Per definire i propri obiettivi, discutere quelli che ci vengono assegnati o comprendere quelli che ci troviamo difronte è necessario sapere che cos’è un obiettivo, quanto è importante, che caratteristiche deve avere, come si si affronta, come si scompone e ricompone per renderlo raggiungibile. Una volta inquadrati il proprio, saper comprendere e fare leva sugli obiettivi degli altri può aiutarci a raggiungere il nostro. Ragionare per obiettivi aiuta a ottenere risultati migliori, più rapidamente e a costi inferiori. Giovanni DeCarli +39 339 5653680 giovanni.decarli@sinkronie.it Skype giovanni.decarli http://it.linkedin.com/in/gdecarli/
  2. 2. Sinkronie > Giovanni DeCarli P.IVA 12737541008 Tel. 339 5653680 giovanni.decarli@sinkronie.it p. 2/4 sinkronie 2 - formazione v1.docx CREARE VALORE, ESSERE UNICI Perché devono scegliere proprio me, il mio prodotto o servizio, la mia azienda? Cos’è che mi rende unico? Clienti, partner, soci, datori di lavoro, ma anche amici, nemici e parenti, devono percepire con chiarezza qual è il valore che stiamo proponendo con noi stessi, con i nostri prodotti o servizi, con la nostra azienda. E affinché ciò avvenga questo deve essere chiaro innanzitutto a noi. Come si costruisce una proposta di valore chiara ed efficace? Come la si trasforma in messaggi chiave, comunicazione, comportamenti, processi aziendali? LA PIANIFICAZIONE E L’USO EFFICACE DEL TEMPO Per andare dal punto A al punto B ci sono, teoricamente, infiniti percorsi. Sono tutti validi allo stesso modo? Qual è quello giusto per me, in questo momento? Cosa fare per raggiungere la meta: saper leggere gli obiettivi, scomporli e ricomporli per definire il piano d’azione, distinguere la strategia dalla tattica e saperle utilizzare entrambe al meglio, pianificare le proprie attività in funzione dei risultati che si vogliono ottenere, avere a disposizione gli strumenti migliori e saperli usare, scegliersi i compagni di viaggio più adatti, usare consapevolmente il nostro tempo e quello degli altri. NON HO MAI INSEGNATO NULLA AI MIEI STUDENTI; HO SOLO CERCATO DI METTERLI NELLE CONDIZIONI MIGLIORI PER IMPARARE Albert Einstein, 1879-1955 Fisico teorico LE RISORSE CHIAVE A MIA DISPOSIZIONE Troppo spesso ci troviamo ad affrontare la nostra quotidianità con strumenti inefficaci e informazioni incomplete. Ma siamo veramente convinti di utilizzare al meglio e consapevolmente le risorse a nostra disposizione? Aspettare che davanti a noi si materializzi la bacchetta magica in grado di soddisfare ogni nostra esigenza conduce inesorabilmente al fallimento. Una volta inquadrata la meta, vanno mappate le risorse necessarie per raggiungere il risultato e acquisite le informazioni per utilizzarle al meglio. Sistemi CRM, documentali, knowledge management, ERP, Help desk, workflow, ma anche Qualità, procedure … è nostra responsabilità identificare le risorse chiave e fare in modo che generino il massimo valore. I CLIENTI AL CENTRO: CREARE ESPERIENZE UNICHE E’ vero che i clienti hanno sempre ragione? Domanda retorica, inutile e fuorviante. Ciò che invece è necessario chiedersi è: sto creando un’esperienza unica al mio cliente? Come sta percependo l’interazione con la mia organizzazione, i miei prodotti e i miei servizi? Questa è la Customer experience, ciò che può aiutarci a vendere di più (aumentare i volumi) e a vendere meglio (aumentare i margini). Lo strumento principale per la definizione e la gestione di una Customer experience efficace è l’analisi del “viaggio del cliente” fra i vari punti di contatto con l’azienda: le attività di marketing e vendita, i sistemi, l’organizzazione e i processi aziendali, i partners, i prodotti e i servizi, l’assistenza. QUELLO CHE TUTTE LE ORGANIZZAZIONI CERCANO È L’UOMO GIÀ FORMATO E COMPETENTE, UNA PERSONA CHE SIA GIÀ STATA BEN FORMATA DA ALTRI. MA È SOLO QUANDO REALIZZEREMO CHE È UN NOSTRO DOVERE, OLTRE CHE UN’OPPORTUNITÀ, COLLABORARE PER FORMARE CHI LAVORA CON NOI E RENDERLO SEMPRE PIÙ COMPETENTE INVECE DI CERCARLO GIÀ FORMATO CHE AVREMO IMBOCCATO LA STRADA DELLA VERA EFFICIENZA. Frederick Taylor, 1856-1915 Ingegnere meccanico
  3. 3. Sinkronie > Giovanni DeCarli P.IVA 12737541008 Tel. 339 5653680 giovanni.decarli@sinkronie.it p. 3/4 sinkronie 2 - formazione v1.docx LA DEFINIZIONE E L’ANALISI DEI MODELLI DI BUSINESS Un Modello di business descrive la logica in base alla quale un’organizzazione crea, distribuisce e cattura valore (Osterwalder e Pigneur - Modelli di Business. Ed. FAG). Vale per ogni organizzazione? Assolutamente sì, non esiste attività piccola o grande che non abbia un proprio modello di business, tradizionale o innovativo, frutto dell’istinto dell’imprenditore o disegnato della professionalità di manager o consulenti. E può tranquillamente essere applicato anche ad ognuno di noi: abbiamo tutti un personale Modello di business. Il Business Model Canvas, lo strumento ideato da Osterwalder con la logica del visual thinking, aiuta a definire un modello di business che funzioni per la propria organizzazione, a comprendere quello degli altri, a lanciare nuove iniziative, ad attivare processi di trasformazione e innovazione, a condividere in maniera semplice concetti complessi. I SOCIAL NETWORK, STRUMENTO PREZIOSO PER CHI VENDE Linkedin, Slideshare, Twitter, Youtube, Facebook, i Blog … sono gli strumenti principe per le attività di web marketing, il pane quotidiano dei social media manager. I venditori più brillanti ne hanno capito il valore, anche se spesso li utilizzano come un tempo si usava la Guida Monaci per trovare qualche nome e, nella migliore delle ipotesi, ottenere un riferimento mail o un contatto virtuale che raramente porta a qualcosa. Sui Social network si può trovare molto di più: informazioni e dati per arrivare preparati ad un incontro, ottimi ganci per stabilire una relazione positiva, ma anche segnali di interesse d’acquisto. Andando oltre, è possibile utilizzare i Social network per costruire e manutenere relazioni che prima o poi portano opportunità di business. Costruendosi una solida e positiva reputazione digitale è addirittura possibile che siano i clienti a venirci a cercare. CHIUNQUE SMETTA DI IMPARARE È UN VECCHIO, CHE ABBIA 20 ANNI O 80. CHI CONTINUA AD IMPARARE, GIORNO DOPO GIORNO, RESTA GIOVANE. Henry Ford, 1863-1947 Imprenditore FARE RETE PER AVERE UNA MARCIA IN PIÙ: LEADERSHIP E COLLABORAZIONE L’unione fa la forza è il vecchio detto che oggi più che mai conferma la sua validità: il fare rete aumenta le probabilità di successo, semplifica il raggiungimento della meta, amplifica il nostro valore, ci dà accesso a più opportunità e maggiori informazioni. Oggi esistono parecchi strumenti di collaborazione e condivisione di informazioni, documenti, piani di lavoro, alcuni aziendali e altri disponibili gratuitamente in rete. Si parla di Enterprise 2.0, Social Collaboration, Social CRM, piattaforme tecnologiche che, se utilizzate correttamente e con la giusta consapevolezza del valore che possono creare, aiutano ad ottimizzare i processi, valorizzare le risorse disponibili e ridurre i costi. Fare rete conviene alle aziende e a chi ci lavora ed è fondamentale farlo in maniera intelligente, con disciplina ed educazione. VENDERE COSA, A CHI E COME: LE STRATEGIE DI CANALE IN UN MONDO CHE CAMBIA Come raggiungere i miei clienti e come comunicare con loro? Questa è la domanda da porsi con regolarità, senza dare per scontato che ciò che si è sempre fatto continua ad andare bene. Le strategie di canale sono quelle che ci consentono di raggiungere i nostri clienti in maniera efficace ed efficiente, veicolando nel modo più corretto i messaggi chiave, il valore dei nostri prodotti e l’assistenza. Raggiungere i clienti o farsi raggiungere dai clienti? Si perché una strategia di canale efficace rende facile farsi trovare e semplice sia l’acquisto sia il ri-acquisto. Oggi di prodotti che promettono di fare la stessa cosa allo spesso prezzo o a prezzi anche più bassi ce ne sono tanti. La differenza la fanno i canali di promozione, vendita e supporto, la facilità con la quale i clienti scoprono un prodotto, lo possono acquistare e ricevono il supporto di cui hanno bisogno.
  4. 4. Sinkronie > Giovanni DeCarli P.IVA 12737541008 Tel. 339 5653680 giovanni.decarli@sinkronie.it p. 4/4 sinkronie 2 - formazione v1.docx LA MISSIONE Supportare imprenditori e manager nella valorizzazione e trasformazione delle risorse disponibili in concrete opportunità di business mediante attività di formAzione e Affiancamento operativo finalizzate all’aumento dell’efficienza e al raggiungimento di obiettivi condivisi. Accelerare le fasi di cambiamento strategico e organizzativo, di revisione dei modelli di business e di avvio di nuove iniziative semplificando l’introduzione di innovazione nei sistemi e nei processi. Giovanni DeCarli http://it.linkedin.com/in/gdecarli/ https://www.facebook.com/giovanni.decarli Twitter @oracomeora

×