OpenGeoData Italia 2014 - Emanuele Geri "Secondo modulo del corso: esperienza Open Data Comune di Firenze"
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

OpenGeoData Italia 2014 - Emanuele Geri "Secondo modulo del corso: esperienza Open Data Comune di Firenze"

on

  • 428 views

 

Statistics

Views

Total Views
428
Views on SlideShare
299
Embed Views
129

Actions

Likes
0
Downloads
7
Comments
0

2 Embeds 129

http://www.opengeodata.it 114
http://www.slideee.com 15

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    OpenGeoData Italia 2014 - Emanuele Geri "Secondo modulo del corso: esperienza Open Data Comune di Firenze" OpenGeoData Italia 2014 - Emanuele Geri "Secondo modulo del corso: esperienza Open Data Comune di Firenze" Presentation Transcript

    • Firenze, gli open data, LO sviluppo e l’ esercizio del portale di OpenGeoData Emanuele Geri Comune di Firenze
    • La cultura del dato, il SIT, BDPI Idea di riorganizzazione e BONIFICA dei dati (RIAPPROPRIARSI DEI DATI) Censimento 2005 delle banche dati comunali (oltre 200 basi dati) Bando di gara europea: lavori avviati Ottobre 2005
    • -> Banche dati trattate 105, sincronizzate 55 (anagrafe, tributi, servizi scolastici, patrimonio immobiliare, catasto, toponomastica, pratiche edilizie, suap, agenzia entrate, tia) -> Bonifica -> Business Intelligence e DSS -> Lotta Evasione Fiscale e controlli incrociati -> Catalogazione e esposizione per modello OPEN DATA
    • Dal 1988 SIT Una lunga evoluzione che ha portato a utilizzare il GIS per progetti importanti, quali: -> Strumenti urbanistici (PRG, PS, RU) -> Mobilità (ciclabilità, semaforica, versi di percorrenza) -> Ufficio ecografico (toponomastica, numerazione civica, catasto, aci) -> Verde pubblico -> Protezione civile -> Sicurezza stradale -> Attività economiche
    • DAI DATI GEOGRAFICI AI SERVIZI GEOGRAFICI Evoluzione del sit: dai dati ai servizi (file system con copia dei dati in locale, dati su database spaziali, servizi) Stessa evoluzione per le applicazioni… STANDARD OGC: introdotto con arc gis server 2006 -> Poi map server 2009 -> Poi GEOSERVER 2011
    • BDPI+SIT=RISORSA DATI Il progetto del Geoportale nasce in prima ipotesi come sistema di disseminazione dei dati geografici all’interno dell’ente L’iniziativa open data del comune di firenze ha proliferato nell’humus di questi progetti
    • OPEN DATA: Correva l’anno 2012… -> Un dataset al giorno -> Coinvolgimento della community -> Open bilancio -> Sperimentazioni Linked Open Data -> Rapporti con altri Enti (BCNF, AdB Arno, Publiacqua) -> Open Data per Tutti
    • E siamo ad oggi... Nel 2013 oltre 100 dataset aperti OPEN ELEZIONI Open data del consiglio comunale Mondiali di ciclismo su open data AUTOMATISMI per aggiornare dati e metadati OPEN DATA SI CONSOLIDA come CANALE DI COMUNICAZIONE DELL’ENTE
    • COSA C’E DIETRO ?
    • STACK TECNOLOGICO (VMWARE 5, LINUX CENT-OS…) OPENCMS Apache tomcat PENTAHO KETTLE GEOSERVER GEONETWORK MAP STORE ARC GIS SERVER OPEN LAYER ORACLE POSTGIS
    • http://opendata.comune.fi.it
    • GEOPORTALE http://datigis.comune.fi.it/MapStore (descrizioni dei dataset geografici attraverso il catalogo dei metadati)
    • GEOPORTALE: http://datigis.comune.fi.it/MapStore (mappa interattiva, navigabile e possibile richiesta info sui singoli elementi componenti il dataset geografico)
    • GEOPORTALE: L’Infrastruttura
    • GEOSERVER GeoServer: server software OPEN SOURCE scritto in Java Implementa servizi OGC tra cui Web Map Service, Web Feature Service, WFS-transazionale, Tecnologia Java J2EE, lavora con MIDDLEWARE Tomcat, WebLogic, WebSphere, JBoss Molteplici formati di output (GML, shapefile, KML, GeoJSON, PNG, JPEG, TIFF, SVG, PDF, GeoRSS) API REST per il controllo programmatico GeoServer INTERAGISCE una varietà di software client e server, tra cui: -> Client: OpenLayers , uDig , gvSIG QGIS , WorldWind, ArcGIS , Google Earth , Virtual Earth -> Database : ArcSDE , Oracle Locator / spaziale , SQL Server 2008 , DB2, POSTGIS
    • GEONETWORK Software open source parte di Open SourcEGeospatial Foundation software stack (OSGeo ) http://www.osgeo.org -> registry (servizi di catalogazione e ricerca secondo specifiche OGC CSW, ISO 19115 ISO 19119 e ISO 19139 ) -> repository -> portale di ricerca -> CSW
    • GEOWEBCACHE Componente per servizi di tile caching: -> intercettare le richieste -> caching (in pratica alleviare il carico sopportato dal server WMS) -> VARIE INTERFACCE: es. WMTS, TMS, kml
    • DISSEMINAZIONE DI SERVIZI GEOGRAFICI Geonetwork: catalogo delle fonti informative -> METADATAZIONE Geonetwork +map store (+ GEOWEBCACHE) -> performance, tuning ________ = geoportale GEONETWORK dispensa informazioni tramite SERVIZI CSW http://datigis.comune.fi.it/geonetwork/srv/en/csw -> FEDERAZIONE – HARVESTING (ANCHE CKAN) -> PLUGIN (es. QGIS Desktop, ArcMap, …)
    • GeoPortale, Search & Visualize Search then Visualize! GeoNetwork • • • • Ricerca! Catalogo con funzionalità di ricerca tramite portale Servizio OGC CSW Download diretto dataset MapStore • • Visualizzazione! Visualizzazione di dataset comunali su cartografia di uso comune: • Google Visualize and Search! • OpenStreetMap • Bing • Link a servizi OGC WMS e WFS Esterni • Link a servizi OGC CSW Esterni
    • GeoPortale, dietro le quinte.. Vector Data, Maps GeoServer Cluster • • • • Prende geotiff, oracle spatial, postgis, shapefile e restituisce mappe e dati vettoriali Data in  Information Out OGC WMS Service OGC WFS Service GeoWebCache • • • • Tile oriented caching front-end Prende richieste WMS e produce tiles (High Performance) OGC WMTS, WMS-C e TMS services Tremendo speed-up delle richieste di mappe!
    • WMS Per Web Map Service (WMS) protocollo OGC che produce dinamicamente mappe di dati spazialmente riferiti a partire da informazioni geografiche. Questo standard internazionale definisce una "mappa" come rappresentazione di informazioni geografiche restituendo un'immagine digitale idonea ad essere visualizzata su browser web. Generalmente le mappe prodotte da un servizio WMS sono rese in un formato immagine quale PNG, GIF o JPEG; contrariamente a un Web Feature Service (WFS), che restituisce dati vettoriali, o a un Web Coverage Service (WCS), che restituisce dati raster. Lo standard definisce tre operazioni: restituisce metadati a livello di servizio; restituisce una mappa dai parametri geografici e dimensionali definiti; restituisce informazioni sugli oggetti della cartografia visualizzata (GET FEATURE INFO). Le operazioni del Web Map Service vengono invocate usando un client che supporti il protocollo HTTP, in forma di Uniform Resource Locators (URL).
    • WFS Le specifiche WFS definiscono le interfacce per descrivere le operazioni di manipolazioni di dati per oggetti geografici WFS transazionale (WFS-T) permette anche la creazione, la cancellazione e la modifica/aggiornamento degli oggetti. descrive operazioni di ricerca e di trasformazione del dato. La richiesta viene generata dal client e inviata al server WFS via HTTP. Il server esegue la richiesta. Le specifiche WFS usano HTTP come una piattaforma computazionale molto diffusa, ma questo non è un requisito obbligatorio
    • INSPIRE è una Direttiva (2007/2/CE) del Parlamento europeo e del Consiglio, che ha l’obiettivo di realizzare un’infrastruttura europea di dati spaziali; INSPIRE è l’acronimo di Infrastructure for Spatial Information in Europe. La direttiva stabilisce le norme generali per istituire l'infrastruttura per l'informazione territoriale nella Comunità europea, denominata INSPIRE (Infrastructure for Spatial Information in Europe).
    • NELLA PRATICA: Identificazione: Fornisce il titolo e una breve descrizione della risorsa. Classificazione dei dati: Specifica la categoria tematica in cui la risorsa è collocata. Parola chiave: È specificata almeno una parola chiave del tesauro generale multilingue dell’ambiente (General Environmental Multi-lingual Thesaurus GEMET) Localizzazione geografica: deve essere espressa da un riquadro di delimitazione geografica, che fornisce longitudine ovest ed est e latitudine sud e nord. Riferimento temporale: Fornisce delle informazioni sulla dimensione temporale dei dati. Vincoli relativi all’accesso e all’uso; Un vincolo relativo all’accesso o all’uso è costituito da uno degli elementi o da entrambi: - Un insieme di condizioni applicabili all’accesso e all’uso. - Un insieme di limitazioni all’accesso pubblico. OrganizzazIoni responsabili: Deve essere specificato il responsabile della risorsa e il suo ruolo. Devono essere fornite l’organizzazione responsabile per la creazione e la manutenzione dei metadati e la data di creazione e aggiornamento.
    • METADATI
    • METADATI
    • INSPIRE E RNDT WMS/WFS: GeoServer compliant CON INSPIRE GeoNetwork compliant CON INSPIRE & RNDT DA GIUGNO 2013 (EVENTO INSPIRE A Firenze): INSPIRE compliance 100% -> OK PER RNDT
    • I DATI -> Dati statici (biblioteche, musei, ecc.) -> Dati variabili (semafori, stalli di sosta, rastrelliere bici) -> Dati dinamici (eventi nei luoghi) -> Dati in tempo reale (posti nei parcheggi, sensori, varchi pedonali nei mondiali di ciclismo)
    • I DATI STATICO vs. DINAMICO ha una forte implicazione sulla gestione del dataset (aggiornamento, redattore, performance, api o dataset)
    • QUALITA': DATA FIREWALL ? LAVORIAMO ALLA SORGENTE (BONIFICA)
    • IL DATO GEOGRAFICO A SISTEMA : IL DATO geografico DAL CONSUETO ITER DI GESTIONE DELL’ufficio (ORDINARIA AMMINISTRAZIONE) DIVENTA servizio utilizzabile da tutti... -> I dati ESPOSTI COME OPEN DATA SONO WM(T)S, kmz, shapefile (livello di refresh della cache personalizzabile per ogni fonte dati) -> Grande ottimizzazione del sistema
    • COME SI PRESENTA UN DATASET
    • Utilità dei dataset: a chi INTERESSANO ? VS UN PERCORSO SU PISTA CICLABILE ANALLERGICO VADO AL FONTANELLO E MENTRE FACCIO LA FILA RICARICO L’AUTO ELETTRICA UTILIZZO OPEN DATA PER LA CAMPAGNA ELETTORALE POSTI LIBERI NEI Parcheggi AGENZIA IMMOBILIARE 2.0 … serendipity (fare scoperte piacevoli per puro caso)
    • Open Data COME servizio pubblico: COSA INTERESSA Alla GENTE ? TRASPARENZA? “Consumo” di suolo ? Opere d'arte ? A volte non è facile prevederlo… Proviamo a chiederlo ?
    • … CROWD…
    • Dataset di successo
    • Luoghi freschi a Firenze
    • OPEN ELEZIONI
    • CIVICI SU OPENSTREETMAP
    • I MONDIALI DI CICLISMO Sviluppo applicazione web basata su servizi Chiunque avrebbe potuto svilupparla grazie all’apertura del canale open data mondiali di ciclismo  Molti accessi al portale dei mondiali di ciclismo (oltre 120.000), molti accessi a dati e servizi
    • “ambienti” del parco: vivere il parco / ambiente vivere il parco / cultura vivere il parco / sport vivere il parco / sistemi a rete • Mi manda qualcosa il tipo che lavora dal tani open geo-data sets: • Alberi • Aree verdi (sub-aree verdi, aree cani, aree • • • • • • • • • giochi) Aree pedonali Aree sportive Aree stradali Percorsi ciclabili Stazioni ferroviarie Tram fermate Tram tracciato WiFi DTM
    • ENVIROFI APP on Florence Open Data Future Internet requirements from the Environmental Usage Area perspective and provides technical specifications and prototypes of interoperable geospatial Environmental Enablers.
    • Perché gli Open Data sono un servizio pubblico Posso usarli per decidere dove aprire un negozio, o dove comprare casa Domande sulla città arrivano sul “canale” open data Analisi ambientali, flussi turistici in città Permettono di esplorare e di usare meglio la città
    • FIRENZE WI-FI
    • CERCO CASA A FIRENZE
    • EVOLUZIONE DI SCENARI: CERCO UNA CASA in una zona silenziosa della città
    • GEOMARKETING DEL CITTADINO: APRO UN NEGOZIO A FIRENZE
    • VOGLIO QUESTO DATO OPEN E IN TEMPO REALE (O QUASI…)
    • QUALCOSA DI NUOVO… Firenze digitale: La metafora delle digital location (nel semantic web)
    • Repository nel semantic web per canali digitali Co ten lle u ti ga is Co menti Open tituz nt enu qual Data iona li ti u ific ser at -ge i al ner l’es t at ed? erno Co n
    • Work in Progress: contenuti digitali turistici come Linked/GEOLINKED Open Data Canali digitali cittadini Digital Signage Editing metadati Aggregazione contenuti de-strutturati su Digital Locations App WiFi captive portals Web Redazione contenuti digitali Open/Linked Data/ GeoLinked
    • App based on Digital Locations contents
    • ostacoli
    • Un sito di API governative chiuso… Blocca utilizzatori, e imprese che ci facevano business, potenzialmente in tutto il mondo! Durante lo shutdown (Ottobre 2013), molti consumatori di dati della PA sono vissuti grazie a “datastore di replica”: altro nuovo lavoro!?
    • Le mode nella PA... Google Trends in Italia da Gen 2004 a Gen 2014
    • Un dato dinamico potrebbe non essere aggiornato…
    • DIETRO LE QUINTE AUTOMATIZZARE... Si sfrutta il dato a sistema per aggiornare un dataset -> si pubblica un dato “fresco” -> si “motiva” il backoffice a tenerlo aggiornato -> si diminuisce il lavoro del redattore e l’intervento umano
    • AGGIORNARE I DATI pubblicati
    • Integrazione geonetwork - opencms -> Recupero dei metadati (INSPIRE) -> Anteprima su mappa “AL VOLO” -> Meno lavoro per il redattore
    • GOAL Assicurare una partecipazione realmente efficace perché fondata su un patrimonio di conoscenze comune, senza “asimmetrie informative”
    • G8 OPEN DATA CHARTER: piano d’azione -> Seguire linee guida nazionali e internazionali
    • Rendere gli Open Data «”strutturali” Uscire dalla logica del trend del momento (oblio dopo qualche anno dal picco di notorietà) Molti enti ne chiedono il riuso: non sono un prodotto ma un processo Devono diventare un processo di innovazione strutturato nella PA e fra le PA, così come i servizi su web e su mobile
    • Grazie a tutti dell’attenzione… Emanuele Geri Direzione Sistemi Informativi Comune di Firenze emanuele.geri@comune.fi.it Creative Commons This work (photos excluded) is licensed with Creative Commons - Attribution – Share Alike - 3.0 Italia Credits sulle foto utilizzate nelle slides L’autore del presente documento non intende richiedere alcun diritto sulle foto utilizzate nelle precedenti slides. E’ possibile recuperare il link al sito da cui si è scaricata l’immagine disponibile pubblicamente attraverso la funzione di reverse search di Google Immagini.