Loading…

Flash Player 9 (or above) is needed to view presentations.
We have detected that you do not have it on your computer. To install it, go here.

Like this presentation? Why not share!

Sistema solare

on

  • 3,451 views

il sistema solare

il sistema solare

Statistics

Views

Total Views
3,451
Views on SlideShare
3,433
Embed Views
18

Actions

Likes
2
Downloads
32
Comments
0

2 Embeds 18

http://insegnare-scienze.blogspot.com 13
http://insegnare-scienze.blogspot.it 5

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Sistema solare Sistema solare Presentation Transcript

  • SISTEMA SOLARE https://docs.google.com/present/edit?id=dg8dz74_25fhjx7k3z SISTEMA SOLAR
  • Intorno al Sole si muovono numerosi corpi celesti che gli orbitano intorno: i pianeti e i loro satelliti (o lune), gli asteroidi, le comete, i meteoriti, le polveri interplanetarie. Il sistema solare è il sistema planetario a cui appartiene la Terra. Al centro del sistema solare vi è il Sole, che è una stella di medie dimensioni e luminosità. 
  • IL SOLE
    • l Sole è una stella di media grandezza. Ha un diametro di circa 1.393.000 km e compie una rotazione completa sul proprio asse ogni 25 giorni circa. La sua distanza media dalla Terra è di 149,6 milioni di km. Il Sole è composto principalmente da idrogeno ed elio ed è diviso in vari involucri concentrici
  • IL SOLE
    • Il sistema solare si trova all'interno di una galassia (cioè un sistema costituito da miliardi di stelle) chiamata Via Lattea o, più semplicemente, Galassia scritta con la g maiuscola. Il Sole si trova a circa 28.000 anni luce dal centro della Galassia e quindi in posizione periferica rispetto al centro. 
  • VIA LATTEA
    • La Galassia ha un corpo principale piatto a forma di disco, e quindi quando la osserviamo, poichè  siamo posizionati all'interno di questa, la vediamo come una striscia di stelle: da ciò deriva il nome di Via Lattea.
  • DATI FISICI DEL SOLE Distanza media dalla terra 149.597.000 chilometri Diametro all’equatore 1.392.000 chilometri Massa (Terra = 1) 332.946 Volume (Terra = 1) 1.303.600 Gravità alla superficie (Terra = 1) 27,9 Temperatura alla superficie 6000° C Temperatura nel nucleo 15.000.000 ° C Tempo impiegato dalla luce solare a raggiungere la Terra 8,3 minuti Potenza irraggiata dal Sole 380.000.000.000.000.000.000 Watt
  • STRUTTURA DEL SOLE
    •  
  • STRUTTURA DEL SOLE
    • Nella sua parte centrale (dove la temperatura raggiunge valori pari a quindici milioni di gradi) avviene la produzione di quell’immensa quantità di energia che consente alla nostra stella di illuminare e scaldare il sistema solare da quattro miliardi e seicento milioni di anni: il meccanismo è quello della fusione nucleare, lo stesso che sta alla base del funzionamento di una bomba H.
    • In altre parole il Sole è un gigantesco reattore a fusione nucleare.
  • STRUTTURA DEL SOLE
    • Procedendo dal nucleo verso l’esterno incontriamo una zona in cui l’energia viene trasmessa per irraggiamento ( zona radiativa ) seguita da una in cui l’energia viene trasferita per convezione ( zona convettiva ); a questo punto troviamo la fotosfera che è la regione visibile del Sole, la zona in cui i gas cessano di essere trasparenti alla radiazione.
  • STRUTTURA DEL SOLE
    • Al di sopra della fotosfera trova posto la cromosfera , un sottile strato di gas dove hanno origine le protuberanze solari (gigantesche eruzioni di gas con dimensioni di decine di migliaia di chilometri), dopo di che si estende la corona , una regione caldissima che rappresenta la parte più esterna dell’atmosfera solare.
    • Dalla corona si sprigiona il cosiddetto vento solare , un flusso di particelle cariche che spazza tutto il sistema solare.
  • MACCHIE SOLARI
    • Le Macchie Solari sono regioni scure molto ampie di forma irregolare composte da una zona centrale più cupa (ombra) e da una periferica di luminosità intermedia (penombra) che si formano laddove un campo magnetico ostacola il passaggio del calore dal nucleo alla fotosfera. 
  • LE MACCHIE SOLARI
    • Le macchie non sono permanenti, persistono al massimo per qualche mese e seguono un andamento ciclico di circa 11 anni. Appaiono scure per contrasto col resto della fotosfera, molto luminosa, in quanto la loro temperatura è molto più fredda di quella circostante.
  • FACOLE
    • Sono fenomeni associati alle macchie in quanto compaiono laddove si formano queste ultime e ne seguono lo stesso andamento ciclico. Si tratta di zone più luminose rispetto al resto della fotosfera in quanto formate da gas di temperatura più elevata.
    Le macchie solari e le facole generano campi magnetici tanto potenti da perturbare la corona e il vento solare nonché la propagazione delle onde radio e il campo magnetico terrestre.
  • BRILLAMENTI
    • Brillamenti(o Flare): anche questi associati alle macchie. Si tratta di violente eruzioni di breve durata, che hanno luogo in zone poco estese della cromosfera e che diventano luminosissime.
  • PROTUBERANZE E FILAMENTI
    • Protuberanze e Filamenti : le protuberanze sono getti di materia coronale, di temperatura più bassa rispetto alle zone limitrofe, che raggiungono altezze e dimensioni enormi. Variano continuamente forma e persistono sulla superficie solare per qualche mese. Vengono chiamate anche filamenti perché hanno l’aspetto di lunghi fili scuri.
  • SPICOLE
    • Spicole : sono getti di idrogeno incandescenti di breve durata, di altezza inferiore alle protuberanze, che si formano sulla cromosfera dove il campo magnetico è più intenso e la temperatura più elevata.
  • VENTO SOLARE
    • Vento Solare : è un flusso molto rarefatto costituito da particelle solari cariche elettricamente, che a causa dell’altissima temperatura raggiungono una velocità tale da sfuggire alla gravitazione del Sole. Vicino alla Terra la velocità del vento solare è di circa 4000 km al secondo e la densità delle particelle è di circa 5 per cm^3. 
    La sua concentrazione varia tuttavia periodicamente a causa del potente campo magnetico solare. Nonostante sia così rarefatto, esso è comunque in grado di far piegare la coda delle comete in direzione opposta a quella del sole.
  • LA RADIAZIONE SOLARE
    • L’energia prodotta dalle reazioni nucleari interne si propaga attraverso il Sole stesso e lo spazio che lo circonda sia sotto forma di calore che sotto forma di suono ma, soprattutto, sotto forma di radiazioni elettromagnetiche. 
    • Le radiazioni elettromagnetiche si distinguono in fasce di lunghezza d’onda 
    • 1) raggi gamma e raggi X; 2) raggi ultravioletti; 3) luce visibile; 4) raggi infrarossi; 5) microonde; 6) onde radio. 
    • I raggi gamma sono i più ricchi di energia.
  • I PIANETI
    • Un pianeta è un corpo celeste quasi sferico che orbita intorno a una stella.
    • A differenza di una stella: 
    • a) non è brillante: lo possiamo vedere solamente perché riflette la luce della stella. Questo perché a causa della sua massa ridotta non produce reazioni nucleari; 
    • b) appare come un disco mentre la stella ci appare come un punto luminoso; 
    • c) si sposta sulla volta celeste mentre la stella è fissa
  • I PIANETI
    • I pianeti hanno dei moti che presentano le seguenti caratteristiche:
    • A) ruotano intorno ad un asse di rotazione più o meno inclinato;
    • B) ruotano intorno al Sole lungo un’orbita ellittica. 
    • C) il piano di rotazione intorno al Sole è più o meno inclinato rispetto all’eclittica.  
    Le orbite dei pianeti infatti non si trovano sullo stesso piano , anzi ogni pianeta ha un suo distinto piano orbitale. I vari piani orbitali sono comunque poco inclinati fra loro: entro i 5° ad eccezione di Mercurio e Plutone.
  • I PIANETI
    • Intorno al Sole orbitano otto pianeti principali: allontanandoci dal Sole incontriamo Mercurio, Venere, Terra, Marte, Giove, Saturno, Urano, Nettuno. I pianeti si suddividono in:
      • rocciosi (detti anche terrestri o solidi o interni): sono piccoli e costruiti prevalentemente da solidi come rocce(rocciosi), sabbie o polveri; non hanno anelli e hanno pochi satelliti. Sono i 4 pianeti più vicini al Sole: Mercurio, Venere Terra e Marte (interni) e hanno atmosfere poco estese con caratteristiche simili a quella della Terra (terrestri). I satelliti sono tutti rocciosi.
      • Gassosi (detti anche fluidi o gioviani o esterni): sono di grandi dimensioni e presentano un nucleo solido molto piccolo, circondato da atmosfere molto estese di idrogeno, elio, metano e ammoniaca, come Giove (gioviani). Si tratta dei 4 pianeti che si trovano oltre la cintura di asteroidi: Giove,Saturno, Urano e Nettuno (esterni). Hanno numerosi anelli e satelliti.
  • PIANETA NANO
    • Un  pianeta nano  è un  corpo celeste  di tipo planetario orbitante attorno ad una  stella  e caratterizzato da una massa sufficiente a conferirgli una forma sferoidale, ma che non è stato in grado di "ripulire" la propria fascia orbitale da altri oggetti di dimensioni confrontabili.
    • l termine  pianeta nano  è stato introdotto ufficialmente nella nomenclatura astronomica il  24 agosto   2006  da un'assemblea dell' Unione Astronomica Internazionale , fra molte discussioni e polemiche.
    • L' 11 giugno   2008 , il Comitato esecutivo dell'Unione Astronomica Internazionale riunitosi ad  Oslo , ha assegnato il nome  plutoidi  alla classe dei pianeti nani  trans-nettuniani  
    • L'UAI riconosce cinque pianeti nani:  Cerere ,  Plutone ,  Haumea ,  Makemake  ed  Eris   [
  • I PIANETI
  • MERCURIO
    • Mercurio : è il più piccolo dei pianeti dopo Plutone, e quello che orbita più vicino e più velocemente intorno al Sole. A causa della bassa gravità è privo di atmosfera: riesce a trattenere solo un velo di elio. La mancanza di atmosfera crea inoltre una fortissima escursione termica (500° circa fra notte e giorno). Data la sua vicinanza al Sole è molto difficile osservarlo: da terra è visibile solo all’alba e al tramonto, molto basso sull’orizzonte. Ha un movimento di rivoluzione molto rapido: 88 giorni per completare la rotazione intorno al Sole, mentre il movimento di rotazione è molto lento: il giorno siderale corrisponde a 58,65 giorni terrestri. Mercurio è stato bersagliato da meteoriti, pertanto la sua superficie è simile a quella lunare, coperta di crateri e con zone pianeggianti prodotte da colate laviche. Mercurio non ha satelliti.
  • VENERE
    • VENERE: è il secondo pianeta in ordine di distanza dal Sole e il più vicino alla Terra. Anche questo pianeta può essere osservato solo all’alba e al tramonto. Al tramonto è il primo astro a comparire nel cielo e per questo gli antichi lo chiamavano Vespero o stella della sera; all’alba, precede di poco il Sole e per questo gli antichi lo chiamavano Lucifero (dal latino: portatore di luce) o stella del mattino. Venere si presenta come il pianeta più luminoso: ciò è dovuto alla composizione della sua atmosfera, per il 98% è anidride carbonica che riflette molto bene la luce solare, tanto da impedire la vista del suolo (ciò che si riesce ad osservare col telescopio è solamente la sommità della sua atmosfera). 
  • VENERE
    • Pur essendo il pianeta più simile alla Terra per dimensioni e struttura, la sua temperatura elevatissima e la sua composizione atmosferica non permettono la vita. La pressione è di circa 90 atmosfere e la temperatura di 500°. L’alta percentuale di anidride carbonica determina inoltre un pesante effetto serra. Le nubi, situate a una quota di 50 km e composte prevalentemente da acido solforico, trasportate da venti di oltre 400 km/h, compiono il giro del pianeta in 4 giorni Il tempo impiegato dal pianeta per una completa rivoluzione intorno al Sole è di 224 giorni. A differenza degli altri pianeti (con la sola eccezione di Urano), Venere ruota intorno al proprio asse in senso retrogrado, per cui chi vivesse sul pianeta vedrebbe il sole sorgere da ovest e tramontare ad est. Questo pianeta non ha satelliti né campo magnetico. 
  • MARTE
    • Marte : è chiamato “pianeta rosso” per il suo colore, dovuto alla presenza di ferro rugginoso nelle rocce e nelle sabbie. La sua massa è 1/10 di quella della Terra; la temperatura oscilla da molte decine di gradi sottozero a pochi gradi sopra lo zero; l’atmosfera è molto rarefatta (circa un centesimo di quella terrestre) formata prevalentemente da anidride carbonica. La durata del giorno e il periodo di rotazione è simile a quella terrestre (circa 24 ore e mezzo). Poiché il piano equatoriale è fortemente inclinato rispetto a quello dell’orbita, si riscontrano notevoli differenze stagionali: le basse temperature raggiunte ai poli durante l’inverno fanno ghiacciare l’anidride carbonica che fonde durante l’estate (nonostante una temperatura media di -68°). 
  • MARTE
    • Le escursioni termiche provocano immense tempeste di sabbia che avvolgono interamente il pianeta. La superficie di Marte è desertica, ma la presenza di canyon e pianure di tipo alluvionale fanno pensare che un tempo non fosse così e che fosse presente un fluido di scorrimento, forse acqua di cui sono state trovate poche tracce ai poli sotto forma di permafrost. Il pianeta ha avuto anche una intensa attività vulcanica testimoniata dalla presenza di molti vulcani spenti di grandi dimensioni (il più grande è il Monte Olimpo).  Marte ha due satelliti: Phobos e Deimos con diametro rispettivamente di 22 e 14 km, di forma irregolare, con superficie disseminata di crateri. Si pensa siano meteoriti catturati dalla gravità marziana.
  • GIOVE
    • Giove : è il pianeta più grande del sistema solare. Ha un volume di oltre 1.300 volte quello della Terra: data la sua massa è in grado di produrre perturbazioni nelle orbite di satelliti e comete. E’ il capostipite dei pianeti gassosi. Ruotando sul proprio asse molto velocemente (compie un giro completo in appena 9 ore e 50 minuti) la forza centrifuga provoca un notevole schiacciamento ai poli e una diversa velocità di rotazione ad ogni latitudine. Infatti non ruota come un corpo solido ma più velocemente all’equatore che ai poli. L’atmosfera presenta nubi e macchie; è costituita principalmente come nel Sole da idrogeno (90%) ed elio (9%) ed in misura inferiore da metano, ammoniaca, composti del fluoro e idrosolfuro di ammonio, che danno al pianeta i caratteristici colori giallo, arancione ed ocra all’atmosfera. quota, nelle zone scure questi gas ormai cristallizzati cominciano a ridiscendere.
    L'ATMOSFERA appare suddivisa in bande parallele alternativamente di colore chiaro e scuro, a causa dei forti venti e dei movimenti convettivi, segno che il pianeta produce più calore di quanto ne riceve dal Sole. Nelle zone chiare i gas caldi salgono ad alta 
  • GIOVE
    • I forti venti producono anche dei vortici, fra cui la più evidente è la “grande macchia rossa”, una tempesta di immense proporzioni che sconvolge l’atmosfera del pianeta da almeno 3 secoli. L’alta velocità avrebbe prodotto anche un campo magnetico di grande intensità. Giove ha un anello spesso 4 km che orbita a circa 60.000 km dalle nubi, e possiede 17 satelliti. I più grandi, in ordine di distanza dal pianeta, sono: Io, Europa, Ganimede e Callisto detti anche satelliti medicei in omaggio alla casata fiorentina, in quanto scoperti da Galileo Galilei nel 1610. Questi sono di forma sferica e molto diversi fra di loro, mentre i satelliti più piccoli sono simili alle lune degli altri pianeti e di forma irregolare. Su Io è stata osservata un’intensa attività vulcanica. Europa è coperta di ghiaccio sotto al quale vi è un mare salato ancora liquido, ed ha un leggero strato atmosferico di ossigeno. Ganimede è il più grande satellite del sistema solare.
  • SATURNO
    • SATURNO: è il pianeta meno denso del sistema solare, con densità inferiore a quella dell’acqua: ciò determina lo schiacciamento del pianeta ai poli, pur non raggiungendo la velocità di rotazione di Giove. E’ simile a quest’ultimo in quanto dotato di un’atmosfera composta prevalentemente di idrogeno ed elio, suddivisa in bande chiare e scure parallele all’equatore; ha una rotazione differenziata in quanto la superficie non è solida; ha un intenso campo magnetico; ha formazioni atmosferiche simili alla grande macchia rossa di Giove. Saturno si presenta di colore bianco-ramato a causa delle differenze nella composizione chimica (composti di zolfo e fosforo) e nello spessore delle nubi .
  • SATURNO
    • Ciò che caratterizza Saturno è l’anello, formato da una successione di anelli concentrici con diametri diversi che orbitano intorno al pianeta ad altezze diverse. Sono costituiti da polveri, frammenti di ghiaccio d’acqua, rocce ghiacciate, con dimensioni comprese tra 1 cm e alcuni metri. Hanno un diametro di circa 250.000 km ed uno spessore che non supera il chilometro. Poiché sono disposti sul piano equatoriale di Saturno e l’asse di rotazione è inclinato rispetto al piano dell’orbita, visti da Terra cambiano aspetto a seconda della posizione dei rispettivi pianeti fino a “scomparire” alla vista ogni 14 anni, trovandosi di taglio rispetto all’osservatore. Vi sono varie teorie sulla origine dell’anello: la più verosimile è che si tratti di materiale primordiale che per la vicinanza al pianeta non è riuscito ad aggregarsi in un satellite. Saturno possiede 23 satelliti di cui il più grande è Titano, dotato di un’atmosfera simile a quella della Terra primitiva, il che ha indotto a ritenerlo uno dei corpi più adatti alla formazione della vita.
  • URANO
    • Urano: scoperto per caso nel 1781, ha un moto rotatorio retrogrado ed è l’unico pianeta ad avere l’asse di rotazione inclinato di 82° rispetto al piano dell’orbita: l’equatore è quasi perpendicolare alla direzione della rivoluzione, per cui il pianeta sembra quasi rotolare nel suo percorso. Si ipotizza che ciò sia stato causato dall’impatto con un corpo solido grande quanto la Terra che lo abbia ribaltato, spostandolo da una posizione originaria simile a quella degli altri pianeti. L’atmosfera è composta di idrogeno, elio e metano che le dà un colore aranciato-azzurro. Urano presenta 11 anelli concentrici di composizione simile a quelli di Giove e Saturno, ma di colore più scuro. Ha diversi satelliti, tutti più piccoli della nostra Luna: oltre ai 5 già conosciuti, la sonda Voyager 2 ne ha scoperti 10 e altri ne sono stati scoperti successivamente, portando il totale a un presumibile 20 o 21 satelliti
  • NETTUNO
    • Nettuno: il pianeta è di colore blu, con chiazze e striature di colore bianco, a causa della presenza di metano nella sua atmosfera, composta in prevalenza di idrogeno ed elio e caratterizzata da venti fortissimi. Nettuno possiede 4 anelli molto stretti, scuri e tenui, costituiti da particelle di ghiaccio d’acqua, che a differenza di quelli degli altri pianeti non hanno densità uniforme. Possiede inoltre 8 satelliti, molto più piccoli della Luna: fra questi il più interessante risulta essere Tritone, il solo satellite che ruota in senso retrogrado, che presenta sulla sua superficie alcuni geyser di azoto.
  • I CORPI MINORI: Gli asteroidi
    • Nella zona compresa tra le orbite di Marte e Giove in una fascia larga tra 100 e 300 milioni di km (detta fascia principale), orbitano miliardi di oggetti prevalentemente rocciosi di dimensioni ridotte, di forma irregolare ed il cui diametro varia da qualche centimetro ai quasi 1000 km del più grande, denominato Cerere . In media hanno comunque un diametro di circa 50 km. Essi orbitano intorno al sole con periodi compresi tra 3 e 6 anni. Vi sono peraltro asteroidi situati al di fuori della fascia principale, come ad esempio i cosiddetti Troiani: si tratta di due gruppi di asteroidi che percorrono la stessa orbita di Giove. Molti asteroidi che si trovano fuori della fascia principale hanno un’orbita allungata che si interseca con quella della Terra, di Venere e di Mercurio: vi è pertanto una possibilità, se pur remota, che un asteroide colpisca la Terra. Esistono varie teorie riguardo alla loro origine: potrebbero essere i resti di un pianeta roccioso frantumatosi o al contrario i resti di materia primordiale che non è riuscita a formare un pianeta per le interferenze gravitazionali di Giove e del Sole.
  • LE COMETE
    • Una cometa non e' altro che una "palla di neve sporca" in orbita attorno al Sole, cioe' un agglomerato irregolare di ghiaccio (di acqua e di vari gas), polvere, metalli e rocce, tenuti insieme dalla mutua attrazione gravitazionale. Questo insieme costituisce il cosiddetto "nucleo", che normalmente e' oscuro, salvo quando la cometa si avvicina al Sole e diventa attiva. Il nucleo puo' avere dimensioni comprese tra qualche centinaio di metri a decine di Km, e ruota su se stesso con periodo compreso tra poche ore e alcuni giorni.Il nucleo puo' avere dimensioni comprese tra qualche centinaio di metri a decine di Km, e ruota su se stesso con periodo compreso tra poche ore e alcuni giorni.
    • Esse provengono da una regione ai confini del Sistema Solare, l a "nube di Oort", avvicinandosi al Sole lungo orbite che possono essere chiuse (ellittiche) o aperte (paraboliche o iperboliche). Nel primo caso la cometa sara' periodica, nel secondo no: dopo essersi allontanata dal Sole, verra' espulsa dal Sistema Solare e tornera' per sempre nell'oscurita' dello spazio.
  • LE COMETE
    • Ad una distanza di circa 3 U.A. dal Sole, quando la radiazione solare diventa abbastanza intensa, parte del ghiaccio vaporizza ed il nucleo espelle gas e polvere in tutte le direzioni, formando un involucro gassoso piuttosto denso di forma tondeggiante, detto "chioma". Le sue dimensioni vanno da 3 a 10 volte quelle della Terra. Attorno ad essa si forma una grande nube di idrogeno neutro, molto rarefatto.  Dalla chioma si diparte la caratteristica "coda", cioe' una lunghissima striscia di gas, polvere e ioni, che si estende per decine di milioni d Km, in alcuni casi fino a 100 milioni di Km. Essa si forma per interazione della chioma con il  vento solare . La coda si presenta, durante l'orbita della cometa, con la coda rivolta sempre in direzione opposta al Sole, tant'e' vero che quando la cometa se ne allontana e' preceduta dalla sua coda. ADogni passaggio vicino al Sole, quindi, una cometa perde una frazione significativa del suo materiale, consumandosi progressivamente ad ogni successivo passaggio al  perielio  e abbandonando nello spazio detriti rocciosi e polveri. Dopo un certo numero di passaggi, la cometa e' destinata a disgregarsi, perche' l'attrazione reciproca dei suoi componenti non e' piu' sufficiente a tenerli uniti.
  •  
    •