• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Farsi in quattro n 2  gennaio 2010
 

Farsi in quattro n 2 gennaio 2010

on

  • 302 views

 

Statistics

Views

Total Views
302
Views on SlideShare
302
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Farsi in quattro n 2  gennaio 2010 Farsi in quattro n 2 gennaio 2010 Document Transcript

    • PER F in arsi ZONA QUATTROCRISI ECONOMICA E SOLIDARIETÀN EL DISCORSO di Sant’Ambro- gio – pronunciato davanti a tutte 4 farsin4@gmail.com gennaio 2010 N. 2le autorità cittadine — l’arcivescovoDionigi Tettamanzi ha sferzato le isti-tuzioni parlando delle occasioni man-cate, dello smarrimento di quel “soli-darismo ambrosiano” caratteristico dellacittà. E, davanti a quel sindaco che permagnificare i risultati e gli obiettivi fu-turi della sua giunta ha fatto stamparee spedire a casa dei milanesi 750.000copie di un opuscolo costato quasi300.000 euro, si interroga: «Non abbia-mo la sensazione che si punti alla co-struzione di campagne di immagine, na-scondendo la consistenza reale deiproblemi? Chi è chiamato a operare pergli altri deve mettere al centro delle pro-prie attenzioni i problemi delle persone Operai in sciopero all’INNSE di via Rubattino.e risolverli».L’Arcivescovo chiede più solidarietà,difende i poveri, torna a parlare di crisi Ed è di questo che vogliamo parlare, per se esistono opportunità di lavoro suleconomica, del lavoro che manca o che far conoscere realtà concrete che da anni territorio, nei servizi alle persone, traè precario per i giovani. Il cardinale sot- operano sul territorio della Zona 4, come le officine artigiane o le piccole impre-tolinea che c’è una Milano generosa e il Centro di Ascolto della Caritas. Che se, tra chi cerca personale, o badanti,solidale col prossimo. Ringrazia la Chie- la crisi ha colpito, e ancora colpisce, o collaboratrici familiari, e non sa chesa, il volontariato, quelli che chiama sono stati tra i primi ad accorgersi: al rivolgendosi a questo servizio può tro-«angeli della quotidianità». Ci pare che loro sportello nel 2009 si sono rivolte vare una risposta alle sue necessità fa-quasi li contrapponga alle mancanze de- 140 persone in più rispetto al 2008! cendo incontrare offerta e domanda digli amministratori: «Senza di loro la città Raccogliamo quindi il loro invito e lo lavoro.sarebbe sicuramente più difficile». rivolgiamo ai nostri lettori per vedere © Claudio De Biaggi “…non dare per carità ciò che è dovuto per giustizia” IL CENTRO DI ASCOLTO CARITASI CENTRI DI ASCOLTO sono realtà promosse dalle Parrocchie della Dio-cesi di Milano dove le persone in diffi- blemi. Valutata la situazione gli operatori cercano di definire con la persona ascol- tata un progetto di aiuto specifico, so- progetto, quando necessario e compati- bilmente con le risorse messe a dispo- sizione dalla comunità, vengono offerticoltà possono incontrare dei volontari stenibile e rispettoso delle potenzialità anche degli aiuti concreti per tempi li-preparati per ascoltarle e accompagnarle e della dignità di ciascuno evitando ogninella ricerca di soluzioni ai propri pro- assistenzialismo. Nell’ambito di questo (continua alla pagina seguente) NOTIZIE A CURA DEL PARTITO DEMOCRATICO DELLA ZONA 4 1
    • CENTRO DI ASCOLTO CARITAS di Ascolto non si esaurisce nella rela- presso la Parrocchia B.V. Addolorata zione con le persone incontrate. Implica di Viale Ungheria (lunedì pomeriggiomitati. In ogni caso viene garantita un’interazione con il territorio finaliz- dalle ore 15,00 alle 17,00).un’azione di orientamento e accompa- zata a individuare le possibili risposte Le povertà riscontrate sono prevalente-gnamento ai servizi e alle risorse del ter- ai bisogni delle persone incontrate. Sol- mente quelle personali, famigliari, cul-ritorio. lecita una comunicazione con la comu- turali ed economiche conseguenti oraLa nascita dei primi Centri di Ascolto nità tesa a renderla più consapevole e soprattutto alla perdita del lavoro da par-nella Diocesi di Milano risale alla secon- corresponsabile nei confronti delle per- te di uno o più membri della famiglia:da metà degli anni settanta. Il Convegno sone in povertà che vengono accolte. per esse si cercano soluzioni in riunioni“Farsi prossimo” nel 1985 e il Sinodo, L’efficacia di un Centro di Ascolto non di équipe settimanali, dopo aver ascoltatodieci anni dopo, hanno contribuito a con- si misura nel numero delle situazioni la persona e fatto con lei una prima va-solidare e accreditare, non solo in ambito “risolte” ma nell’apporto fornito alla lutazione, senza creare eccessive aspet-ecclesiale, l’esperienza dei Centri di costruzione di una comunità capace di tative, lavorando “in rete” con i Serviziascolto favorendone la crescita numerica condividere i bisogni per restituire di- pubblici, il volontariato e i privati sen-e qualitativa. Oggi sul territorio della gnità alle persone indipendentemente sibili.Diocesi operano 290 Centri di ascolto dalla loro provenienza o dallo stato in Le persone che prestano gratuitamentecollegati alla Caritas Ambrosiana. cui si trovano. la loro opera nei Centri di Ascolto Ca-I Centri di ascolto sono ambiti attraverso Nel territorio della vecchia Zona 13 è ritas sono volontari, motivati ed unitii quali la comunità vive concretamente presente un Centro di Ascolto con due dallo “stile Caritas” della quale condi-la dimensione dell’attenzione solidale sportelli: presso la Parrocchia S. Gal- vidono l’obiettivo “…non dare per ca-nei confronti di chi si trova in una si- dino in Via Salomone (aperto il lunedì rità ciò che è dovuto per giustizia”.tuazione difficile. L’attività di un Centro mattina dalle ore 10,00 alle 12,00), e © Luciana Dolci ziative semplici, come l’introduzione dei LA SCUOLA DI VIA RAVENNA, menu etnici e la celebrazione delle feste un test per il futuro tradizionali, il progetto apriva la mente alla complessità della vita cittadina e delle sue varie culture, in un clima di reciprocoD OPO I TAGLI ai fondi e alle risorse, ci mancava anche il tetto di 30 percento di alunni stranieri per classe, e le nienza da un ambiente di analfabeti, in precarie condizioni abitative ed econo- miche. Questo problema riguarda, per rispetto. I bambini stranieri si sentivano accolti e riconosciuti dalla collettività, i bambini italiani arricchivano le loro co-nostre scuole di periferia rischiavano di esempio, i Rom e i bambini italiani di re- noscenze e apprendevano le regole fon-chiudere. Per fortuna Gelmini ci ha ri- cente immigrazione dal sud, un flusso damentali della civile convivenza. Qual-pensato e il tetto colpirà solo i bambini che è ricominciato al Corvetto negli ultimi cuno si ricorderà la festa del capodannonon nati in Italia. Nella scuola di via Ra- anni. La zona, una volta operaia, ora è cinese 2003, con il grande drago in piazzavenna, al limite sud della città dove il un conglomerato mal definibile, di case Duomo, partita dall’iniziativa di questeCorvetto guarda verso Chiaravalle, sei su popolari abbandonate all’incuria e alla scuole; in quell’occasione i bambini fu-dieci alunni sono figli di immigrati, contro diffusa illegalità. Ma le istituzioni rico- rono i protagonisti di un evento culturaleuna media milanese di due su dieci. L’an- noscono ora solo l’handicap psicofisico, importante, in cui cibo, tradizioni e ritino scorso al primo anno si erano iscritti il cui sostegno è comunque ridotto ai mi- erano la rappresentazione molto concreta41 stranieri e 2 italiani. Ma va detto che nimi termini. e viva del contesto articolato in cui vivia-questi bambini sono in gran parte nati in Si tratta di ben altro che tirare a campare; mo. Ma il Comune tagliò i finanziamentiItalia – ed è assurdo che dobbiamo ancora qui è in gioco la nostra idea di democrazia. e lasciò soli bambini e docenti.chiamarli immigrati. Di più, gli studenti Proprio qui, nelle scuole di via Ravenna Dopo la chiusura della vicina scuola dipiù bravi e motivati sono spesso di fami- e via Martinengo, è nato il progetto in- via Quaranta – araba e non coranica, ci-glia cinese o egiziana, o comunque pro- terculturale, ci racconta il prof. Ambrosi,venienti da famiglie che credono nel va- che ne è stato promotore. A partire da ini- (continua alla pagina seguente)lore culturale e sociale della scuola. Sonovalori sempre meno sentiti dai genitoriitaliani, che vedono i figli grandi disoc-cupati anche col diploma. Per loro la scuo-la è un parcheggio, per gli immigrati unascommessa su un futuro migliore.Per l’integrazione e l’uguaglianza deibambini il governo Prodi aveva istituitola figura del facilitatore linguistico, oraquasi estinta dopo i colpi inferti alla scuolapubblica dalla ministra Moratti e le maz-zate finali della Gelmini. Di queste figureci sarebbe ancora estremo bisogno, percolmare il vuoto dovuto a condizioni so-ciali critiche: una difficoltà di partenzache riguarda bambini italiani e stranieriin percentuali analoghe. La più grave ipo-teca sul successo scolastico è la prove- La scuola di via Ravenna dove è nato il progetto interculturale 2
    • LA SCUOLA DI VIA RAVENNA, UN TEST... nalmente a scuola il rappresentante di luppo culturale di una zona difficile co- un consolato che si è offerto di finan- me il Corvetto. Vorremmo che le istitu-tando Chiara Saraceno – la scuola di via ziarlo. Un segnale anche questo di ap- zioni preposte fossero altrettanto sensi-Ravenna aperse un corso facoltativo di prezzamento per l’intelligente e corag- bili a questo importantissimo bacino diarabo, due ore settimanali per 20-30 gioso lavoro degli insegnanti di via prova del nostro futuro di milanesi e ita-bambini. Quando lo si è dovuto chiudere Ravenna, rivolto alla comprensione re- liani.per il taglio dei fondi, è arrivato perso- ciproca, alla crescita civile e allo svi- © Anna Kemeny che noi del Partito Democratico vorrem- Il bus della vergogna... mo dare a questi nostri ospiti cercati e graditi non solo la nostra ospitalità ma ... premiato con l’«Ambrogino d’oro» anche il diritto ad un permesso di sog- giorno provvisorio di un anno per la ri-P ER COMBATTERE il fenomeno del- l’immigrazione clandestina, è statotrovato un sistema molto semplice. Gli Il nostro buon Amir, per fortuna sua, era approdato in America lasciando in Af- ghanistan suo fratello Hassan maestro cerca o l’offerta di un lavoro. Poi il diritto al voto ovvio per chi è soggetto fiscale e quindi cittadino a tutti gli effetti.stranieri senza documenti vengono fatti nel cacciare gli aquiloni. A Milano avreb- “Dice che era un bell’uomo e veniva dalsalire su un autobus dell’ATM (in gergo be superato il dazio e sarebbe stato preda mare, parlava un’altra lingua, però sapevadenominato Stranamore dal format TV) dei Puma. Ma è civiltà questa ? E pensare amare.” © Giorgio Malinvernicon grate sui vetri e porte blindate, e por-tati in Questura da parte di un Nucleo Tu-tela del Trasporto Pubblico (NTTP) isti-tuito all’interno della Polizia Municipalee composto da 29 figure (dette Puma).Detto così sembra la sceneggiatura scrittadi Aldo, Giovanni e Giacomo, ma è la let-terale formazione di un’idea tanto fortequanto stupida. A questa struttura NTTPl’attuale governo cittadino ha assegnatola medaglia d’oro indicata come “Am-brogino d’oro”, massima benemerenzacivica della città di Milano. Compagni discelta sono tra gli altri : Marina Berlusconi,e l’islamico moderato Asfa Mohmoudsponsorizzato dal Pdl. Non si è voluto ri-cordare la grande Alda Merini o gli operaidell’INSE, né Teresa Strada, ma tant’è.L’ombra di LUI (novello Don Giovanni)alla Moratti deve sempre essere presentecome perenne “convitato di pietra”. L’autobus che non avremmo mai voluto vedere per le vie di Milano con i Puma al lavoro. Il gazebo: Democratici fra la gente poste a contatto diretto con i cittadini; e questo dovrà essere la nostra direttrice nel divenire per essere sempre più radi-S ABATO 9 GENNAIO, ore 9,30 il cielo è grigio l’aria umida ma perfortuna non piove, almeno per ora, l’ap- parcheggio pubblico di via Salomone chiuso dal 31 agosto 2009 e poi per chie- dere l’apertura di un nuovo collegamento cati e presenti nel territorio. Questo è il momento, infatti, di uscire dal palazzo, scendere in strada e dialo-puntamento è in viale Ungheria davanti ATM tra Rogoredo-Santa Giulia e via gare, facendo cioè l’opposto di quelloal supermercato Standa. Bonfadini-Ungheria con l’attivazione che sta facendo l’attuale amministrazio-Per ora siamo solo in due: io e Marco di una nuova linea di bus (88). ne comunale la quale, con il Sindaco inPazzini. Più tardi ci raggiungeranno altri Il fine è quello di unire sempre più questi testa, governa e cerca di risolvere i pro-volenterosi; tra gli altri a dare maggior due grandi quartieri. blemi della città riunendosi non in con-spessore ci saranno Emma Colombo La signora: “Ah… allora ci sto! Bravi siglio comunale, luogo preposto alla di-consigliere PD in zona 4 e Marco Cor- dove devo firmare?” Comincia così la scussione e risoluzione dei problemi,mio consigliere comunale PD. nostra mattinata che ci porterà a racco- ma bensì nei salotti bene disquisendoMentre montiamo il gazebo una signora gliere più di un centinaio di firme in po- qui, tra un salatino e un aperitivo, di po-si avvicina e domanda: “Chi siete? Cosa che ore. litica e sulle cose da fare elaborando,fate?” Rispondiamo: “Siamo del Partito Ma la cosa più importante è stata stare probabilmente solo con la pancia, poli-Democratico signora, siamo qui per rac- tra la gente, dialogare con i passanti; tiche non proprio di alto livello, vedi adcogliere firme a sostegno di una inizia- beccarsi anche qualche improperio ma esempio il nuovo arruffato PGT del ter-tiva già partita mesi or sono in viale Un- va bene così; il Partito Democratico que- ritorio in discussione in questo momentogheria, ad opera di alcuni residenti sto deve fare: stare tra la gente per la per restare all’attualità.volenterosi riunitosi per ora sotto il nome gente, essere forza propositiva e alter- Concludo auspicando di essere qui a rac-provvisorio di “Amici del quartiere Bon- nativa per risolvere i piccoli/grandi pro- contare un’altra bella giornata.fadini/Ungheria”, per la riapertura del blemi del quartiere, portare le nostre pro- © Enrico Mattioli 3
    • Una storica ARCI, tutta rinnovataA DESSO che il Circolo Corvetto del Partito Democratico ha finalmenteuna sede, resa piacevolmente vivibile allegri festeggiamenti mangerecci e per riunioni volanti. A metà novembre si so- no inaugurati, a lavori ormai finiti, i del corso di italiano per stranieri. Però la nota prevalente è quella di un luogo di aggregazione allegro, cultural-dall’attività generosa di alcuni soci, il grandi spazi luminosi, gli arredi, i pavi- mente significativo, finalmente fuoripensiero torna grato a chi ci ha salvato menti e i servizi nuovi di zecca. dalle grinfie dello stile-TV. Aleggia ildalla depressione di sentirci “senza fissa Questo è un luogo di accoglienza, dove ricordo delle canzoni di Ivan Della Mea,dimora”: i locali dell’ARCI Corvetto. gli immigrati possono trovare il sostegno che per anni è stato direttore burbero eAnche se impegnanti nella ristruttura- tecnico-giuridico per affrontare l’arcigna geniale di questo circolo. Ci si può ce-zione – a singhiozzo, in attesa dei finan- città e le sue regole. Mi ricordo con ri- nare ascoltando jazz, fare dello sport,ziamenti – i locali dell’ARCI ci sono spetto e simpatia di aver visto una sera giocare a carte, seguire corsi di musicastati più volte confortevole rifugio per su un muro i manifesti a grandi caratteri e di ballo. Da gennaio partirà un corso di fotografia analogica e digitale. Il giardino e il pergolato promettono in estate piacevoli serate all’aperto, nel profumo di fragole e nespole. Abbiamo visto anche violette spontanee quando, in primavera, ci hanno ospitati per uno dei vari giri di “primarie” celebrati in questo luogo. Basta superare una facciata d’ingresso severa, conforme al vecchio uso di fab- brica, per trovarsi in un ambiente sereno, dove i soci possono prenotare una cena per un gran numero di amici, o fare due chiacchiere bevendo un caffé. http://www.arcicorvetto.com/Benvenuti al Corvetto Via Oglio 21 - 20139, Milano (MI), te- lefono 02/5694840Ecco come si presenta il salone dell’ARCI Corvetto dopo i lavori di restauro. © Anna KemenyP iazza Corvetto è il primo impatto con la città per chi arrivi da sud. Se Le rose e le spine del Corvettonon la sorvola rombando in curva sul-l’orrendo cavalcavia, potrebbe poi inol- piani, dove il grande mercato del martedì La sistemazione finale della piazza Fer-trarsi in via Polesine. Qui, da qualche si trova ora soffocato in spazi ridotti. rara e dei sensi unici è oggetto di con-mese, il paesaggio urbano si è dato un È più che verosimile il rischio di paurosi getture preoccupate. Il Consiglio di zona,bel maquillage: la scuola è tinteggiata ingorghi mattutini da piazza Corvetto che avrebbe diritto di dire la sua, non èdi un giallo vivace, le vecchie case po- verso ovest. Se poi, come me, girate in mai stato interpellato, e a tuttora mi ri-polari scrostate e fatiscenti sul lato si- bici, occhio a come percorrete via Mom- sulta che nessun consigliere abbia rice-nistro sono state rimesse a nuovo, con piani, ora ridotta a senso unico; c’è così vuto la mappa della futura viabilità. Go-una decorazione blu che corre sotto la poco spazio che rischiate di farvi stirare diamoci le rose...linea del tetto. La strada esibisce aiuole gli abiti da un suv. © Anna Kemenycon alberelli e cespugli fitti di roselline,di un colore delicato e prezioso, ancorafiorite ora che siamo in dicembre.L’effetto, devo dirlo, è visivamente gra-devole, simile a quello di una cittadinadi provincia a misura umana, ma la realtàè ben diversa. I parcheggi a spina di pescehanno di fatto ristretto di molto la stradaed eliminato duecento posti macchina.Qui c’è un’alta densità abitativa, di tipopopolare, e ben pochi troverebbero i soldiper eventuali box sotterranei.La questione è tanto più drammatica per-ché è stata risistemata in modo analogo(ma senza rose) anche la zona contiguaa piazza Ferrara. La riduzione dello spa-zio percorribile sta per essere completataanche in via Panigarola e in via Mom- Godiamoci almeno le rose girando alla ricerca di un posto macchina. 4
    • Il Consiglio di Zona 4 approva il Piano di Governo del Territorio (P.G.T.) IL PD VOTA CONTRONella seduta del 26 novembre 2009 il mediante nuove infrastrutture viarie e mente a 1,15 mq/mq costruendo con cri-Consiglio di Zona 4 ha espresso un di trasporto pubblico di difficile realiz- teri di edilizia bioclimatica e risparmioparere favorevole sul Piano di Gover- zazione (se non impossibile), costosis- energetico.no del Territorio (P.G.T.), preparato sime come il tunnel Fiera–Linate: ope- Il principio dell’indifferenza funzio-dall’Assessorato allo Sviluppo del Ter- ra da ritenere inutile, che si chiede di nale, che consente di localizzare desti-ritorio, con il voto contrario di tutti i cassare, perché non adatta a risolvere i nazioni d’uso e attività liberamente, de-consiglieri dell’opposizione di centro- problemi di carico viabilistico, per i quali termina il rischio di uno svilupposinistra. occorre puntare sul trasporto pubblico urbano casuale, del tutto svincolatoIl nuovo P.G.T. consta di tre documenti e non certo su una strada interrata a pe- dalla programmazione raccordata dei(il Documento di Piano, il Piano dei Ser- daggio. servizi e delle attrezzature urbane. In so-vizi e il Piano delle Regole) e sostituirà Il P.G.T. ipotizza una città meno ra- stanza, si opta per “prendere solo atto”il Piano Regolatore Generale del 1980. diocentrica, ma le decisioni attuali delle destinazioni volute da parte di chiDopo il parere espresso dalle 9 zone, è vanno in tutt’altra direzione, come, interviene.approdato in Consiglio Comunale, dove ad esempio, nella zona 4, il Centro Con- Il principio della perequazione urba-la discussione è iniziata il 15 dicembre gressi non si costruirà più a Rogoredo nistica (non consentita dalla legge urba-e proseguirà in gennaio 2010, anche se – Montecity, ma in centro, nell’area ex- nistica regionale per le aree agricole) sem-i termini per la sua approvazione defi- Fiera, il progetto definitivo della MM4 bra poco credibile nella sua attuazione.nitiva sono stati già prorogati dalla Re- non prevede più l’interscambio con la Inoltre non si specificano i meccanismigione Lombardia dal 31 marzo al 31 di- MM3 (alla Crocetta). di funzionamento: borsa dei diritti, regole,cembre 2010. L’obiettivo dell’aumento dei residenti eventuale Authority. Può bastare un sem-Le ragioni del voto contrario dei con- nel 2030 (338.000 nel Piano dei Servizi plice Registro delle Cessioni dei dirittisiglieri del PD, insieme a tutta l’oppo- e 287.000 nel Documento di Piano) edificatori e custodito da chi?sizione, sono molteplici: sembra eccessivo, rispetto alla previ- Il P.G.T. rivendica per il Comune ilLa documentazione è pesante, di fati- sione di crescita zero dell’Ufficio Sta- ruolo di regia, di governo del territo-cosa consultazione, sia per aspetti ec- tistica del Comune, e molto discutibile rio: ma con quale forza contrattuale?cessivamente tecnici, sia per la presen- nelle modalità di come raggiungerlo: Quella conosciuta nella passata gestionetazione formale. In compenso la quali tipologie di case saranno costruite delle DIA (Dichiarazione Inizio Attività)presentazione sintetica è puro mar- per i nuovi residenti? e superDIA, dei P.R.U. (Piani di Recu-keting di propaganda politica di una Densificazione e limitato uso del ter- pero Urbano) e dei P.I.I. (Piani Integraticittà avveniristica nel 2030: consumo di ritorio sono un fondamento del P.G.T.: d’Intervento)? (vedi, in zona 4, P.I.I.Ro-suolo (dal 73% al 65%), verde (da 13,5 costruire su aree dismesse (brownfields goredo-Santa Giulia, P.I.I. Porta Vittoria,a 30 mq/abitante), infrastrutture (da 74.6 – suolo bruno) può essere un criterio P.R.U. area ex-TIBB, ecc). Ad esempio,a 192 km, da 88 a 226 stazioni) e servizi condivisibile, ma Porto di Mare e Ca- nell’area del P.I.I. di Porta Vittoria, at-(accessibili in 10 minuti invece di 26). scina Monluè sono aree in larga parte tualmente non è prevedibile nessuna dataIl periodo di 30 giorni assegnato ai inedificate e con scarsi carichi urbani- per l’avvio della costruzione della Bi-Consigli di Zona per esprimere il pro- stici, quindi potenziali aree verdi (cioè blioteca Europea ma neppure la data perprio parere su un documento così im- greenfields – suolo verde piuttosto che il completamento della viabilità localeportante e complesso è assolutamente bruno). stravolta da molti mesi, a causa della si-insufficiente e irragionevole. Il P.G.T. sembra completare il disegno tuazione di stallo dovuta ai problemiIl P.G.T. avrebbe dovuto tenere conto di cementificazione della città iniziato giudiziari dell’operatore privato e del-sia del raccordo con i Comuni del- nel 1999 con il nuovo regolamento edi- l’impossibilità/incapacità del Comunel’area metropolitana, sia dell’artico- lizio, proseguito dalla Regione nello di intervenire direttamente.lazione in Zone del territorio comuna- stesso anno con il recupero dei sottotetti I 15 grandi progetti d’interesse pub-le. e con la legge 9/99 sui Programmi In- blico sono un fiore all’occhiello: siLa mancanza di un più ampio diffuso tegrati di Intervento, confermato dalla tratta di realtà oppure di fiction? Iconfronto in sede di predisposizione legge urbanistica regionale 12 del 2005 raggi (ex piste) ciclabili già conosciutidello stesso P.G.T., attraverso lo stru- promossa dalle stesse forze politiche, come raggi verdi, la circle line (cioè unamento dell’udienza pubblica anche a li- proseguito con il piano casa di Formi- linea metropolitana circolare come quel-vello zonale, si riflette, ad esempio, nel- goni. la di Londra), per citarne solo due, sonola profonda lacunosità delle schede progetti credibili?NIL (Nuclei d’Identità Locale), che ana- La densificazione “selettiva”, enunciata Sulla base delle osservazioni sopra svol-lizzano porzioni territoriali omogenee come principio nel P.G.T., non trova te, anche se alcune sono state recepitein termini di servizi presenti e di criticità, però attuazione pratica nel Piano delle come elementi critici nel documento fi-proponendo poi interventi mirati – 11 Regole. È possibile, infatti, operare do- nale approvato, il PD e l’opposizione inper la zona 4. vunque a partire dall’indice base costrut- zona 4 hanno espresso un parere nega-Il Documento di Piano appare un in- tivo di 0.50 mq/mq, incrementabile tivo al P.G.T., chiedendo di procedere asieme astratto di scenari di trasfor- eventualmente ad 1 mq/mq tramite l’ac- una sua nuova redazione secondo le in-mazioni urbane come, ad esempio, la quisizione di diritti volumetrici perequati dicazioni sopra fornite.sostituzione dell’antico sistema radio- o attraverso la realizzazione di social © Aldo Dell’Orocentrico della città con uno reticolare, housing (edilizia sociale) ed ulterior- consigliere PD zona 4 5
    • definire gli interventi previsti e la divi- PISCINA SAMUELE sione dei costi a carico dei vari enti. Nellultima settimana di dicembre la A QUANDO L’APERTURA? giunta del Comune di Milano ha deli- berato i costi e la convenzione. Pertanto a breve dovrebbero iniziare iL A PISCINA Samuele di via Mece- nate è chiusa da diversi mesi perproblemi alla copertura e per altri inter- Tutte le attività sono state interrotte in at- tesa della stipula della convenzione tra il Comune di Milano e la Federazione Ita- lavori. Restiamo in attesa di poter tornare ad utilizzare un impianto sportivo molto frequentato nel quartiere e da abitanti diventi alla sua struttura. liana Nuoto, che gestisce limpianto, per altre zone. © Paolo Cova Il Comune cancella il futuro CHIUSURA DEI CIVICI LICEI SERALI“H O LE LACRIME agli occhi – commenta Letizia Gioffrè, cen-tralinista in un call center e iscritta fino La protervia dell’assessore Moioli, e un’assurda interpretazione di un articolo della Legge finanziaria 2008, applicando che, in quanto gestite dagli enti locali, possono godere di un’autonoma defini- zione dei criteri di composizione delleall’anno scorso al liceo socio-psicope- in maniera restrittiva i criteri di compo- classi.dagogico –. Ho dormito per terra e pro- sizione del numero di studenti per classe, Oggi, circa 200 studenti si trovano nelletestato tutti questi mesi perché sognavo ha sostanzialmente decretato la chiusura condizioni di non sapere cosa succederàl’università, nient’altro. Lavoro da quan- del Gandhi e delle classi che, per molti di loro, dopo che il Consiglio di Stato,do avevo 14 anni e volevo studiare per studenti lavoratori, erano l’unica spe- in un ennesimo batti e ribatti legale hapoter anche solo pensare a un futuro mi- ranza di un’istruzione e un titolo di studio sospeso l’ordinanza con la quale il TARgliore. Evidentemente non è possibile”. che permettesse loro l’accesso all’Uni- imponeva la riapertura dei Civici LiceiQueste poche parole, tratte da un’inter- versità e una speranza di miglioramento Serali, accogliendo l’ennesimo ricorsovista a Repubblica del 5 gennaio scorso, delle proprie opportunità professio- del Comune.meglio di qualsiasi analisi, sintetizzano nali. A questo punto rimangono poche spe-quanto sta succedendo sulla vicenda dei Tutto questo, nonostante un’ordinanzaCivici Licei Serali di Milano e agli stu- del TAR che ribadisce che questa nor-denti del Gandhi. mativa non si applica alle scuole paritarie (continua alla pagina seguente)Un momento della manifestazioine degli studenti del Gandhi, per il diritto allo studio. 6
    • CHIUSURA DEI CIVICI LICEI SERALI gnati in una guerra senza quartiere contro menti e l’autonomia scolastica. una realtà che storicamente faceva parte I cittadini, le loro aspirazioni e le lororanze per un’apertura anche perché della tradizione scolastica del Comune esigenze sono l’ultimo dei problemi eun’eventuale sentenza definitiva, anche di Milano. dei riferimenti di questa giunta. L’inter-favorevole, arriverebbe troppo tardi per Le parole di Giorgio Bonera della CGIL, vista all’inizio di questo pezzo è esem-garantire il numero minimo di giorni di presidente del Consiglio d’Istituto del plare e significativa. In nome dell’effi-lezione per rendere valido l’anno sco- Gandhi, potrebbero riempire pagine di cienza e della privatizzazione silastico. una cronaca a cavallo tra il legal thriller cancellano le legittime aspirazioni diIn questo momento la protesta continua e il racconto dell’assurdo. crescita personale e professionale e so-anche se il numero di studenti coinvolti Alcune considerazioni più generali mi prattutto il diritto a un’istruzione e allasi è ridotto per il logoramento imposto sembrano però importanti: cultura.dal tempo e per gli interventi sopra le Lo smantellamento e la demonizzazione Su questo terreno come Partito Demo-righe della polizia negli sgomberi della di tutto quanto è pubblico sembra ormai cratico dovremo sempre più essere inscuola occupata. una priorità del Comune di Milano. In prima fila (così come siamo stati in que-Un gruppo di insegnati si è reso dispo- questa vicenda sembra emergere proprio sto caso) perché in questa città si ritorninibile a garantire volontariamente la con- la volontà univoca e pervicace di muo- a fare una politica che metta i cittadini,tinuità didattica per gli studenti dispo- versi in questa direzione. Il tentativo di le persone, le loro esigenze al centro delnibili presso alcuni dei Circoli del Partito affossamento delle Civiche Serali si af- dibattito politico e delle attività di go-Democratico: Carminelli, XV Martiri, fianca ai tentativi di diminuire il numero verno della Città.Pergolesi; si tratta di un impegno di 4 di classi e di studenti di un’esperienza Lavorare e battersi per una città più giu-ore per 6 giorni alla settimana che ga- storica e di prestigio dell’istruzione mi- sta e più umana non è retorica, ma il mo-rantisce una continuità didattica in pre- lanese, come quella del Liceo linguistico do di contrapporre un modello di Cittàvisione della riapertura delle scuole o Manzoni (ci ritorneremo). e di Società a quello oggi imperante.per la preparazione degli esami da pri- L’idea di federalismo di questa destra è L’iniziativa di accoglienza dei corsi neivatista per l’ammissione all’anno suc- paradossale. Per poter dare via a questa nostri Circoli in questo senso è un segnocessivo. operazione si è deciso di sacrificare l’au- forte di apertura al sociale, di ruolo sulSarebbe interessante narrare l’intera cro- tonomia amministrativa e decisionale territorio e di condivisione di esperienzenistoria di questa vicenda che ha visto del Comune in nome di un appiattimento che rendano la politica nella città più vi-un Comune come quello di Milano, con sulle leggi nazionali e su una finanziaria cina alle persone.l’assessore Moioli in prima fila, impe- che attaccava pesantemente gli investi- © Roberto Fuso Nerini Grazie al lavoro dei nostri consiglieri del PD: Cormio e Comotti e a tanti volonterosi La linea «88», da marzo collegherà i nostri quartieriA SEGUITO delle iniziative già in- traprese e dalle raccolte firme giàeffettuate dai volenterosi di Via Mece- A fronte di questo incontro abbiamo ot- tenuto tempi certi per l’attivazione della nuova linea «88», linea che, come già Emma Colombo ha fatto presente la ne- cessità di installare una pensilina alla fermata della «45» in via Zama angolonate/Viale Ungheria e Rogoredo, coa- annunciato, dovrà collegare i nostri quar- via Norico.diuvati nella loro iniziativa dal circolo tieri con la stazione MM3 e FS di Ro- Segnalo l’ottima impressione ricevutaPD Mecenate Lomellina Ponte Lambro, goredo. Il servizio avrà inizio, salvo con- e la disponibilità del dott. Catania e delper migliorare la viabilità nei nostri quar- troindicazioni dell’ultima ora, ai primi suo staff nel dialogare con noi per risol-tieri lo scorso 18 gennaio alle ore 17,30 di marzo. vere i problemi connessi alla viabilitàalcuni di noi (Marino Cominelli di via La linea partirà come detto da Rogoredo dei mezzi pubblici.Mecenate, Pezzali di via Marco Bruto, e prevede due capolinea: uno in via dei Questo piccolo successo ci porta ad unalo scrivente Enrico Mattioli per Viale Liri e uno in via dell’Aviazione (servizio riflessione: se il Partito DemocraticoUngheria, e alcuni amici di Rogoredo) questo che dovrebbe sostituire l’attuale nella sua azione diretta sul territoriocapitanati dai consiglieri comunale Mar- giro della «66»); le corse avranno una riuscirà ad appoggiare e sostenere le-co Cormio, Natale Comotti e dal consi- frequenza di 10 minuti. gittime richieste di cittadini, come ingliere di zona 4 Emma Colombo, hanno La dirigenza dell’ATM, sollecitata da questo caso, sarà in grado di ottenereincontrato il presidente dell’ATM dott. Marco Cormio, si è poi resa disponibile ottimi risultati, dimostrando di essereCatania e alcuni dirigenti in qualità di a monitorare gli orari della linea tran- una valida alternativa al governo citta-responsabili alla programmazione del viaria «27» col fine di quantificare e poi dino attuale.servizio. cercare di risolvere i ritardi abituali. © Enrico Mattioli Hanno collaborato a questo numero: Claudio DE BIAGGI (responsabile e coordinatore redazionale); Carlotta BASSANO; Paolo COVA; Luciana DOLCI; Aldo DELL’ORO; Roberto FUSO NERINI; Anna KEMENY; Massimo LIGUORI; Giorgio MALINVERNI; Enrico MATTIOLI; Claudia PELLEGRIN; Marino COMINELLI. 7
    • POLIAMBULATORIO A ROGOREDO La reale soluzione è ancora da trovareA NNO NUOVO, quartiere nuovo: migliore o peggiore? Purtropposembra che ci toccherà rispondere peg- uno dei quali specifico per Rogoredo. Le possibili sedi al momento individuate sono in via Decemviri, via Muratori, sono bloccati a seguito delle note vi- cende legate al blocco di tutte le attività per l’area di “Santa Giulia”, ma la do-giore, poiché il poliambulatorio di via viale Ortles, viale Corsica, tutte palaz- manda che ci si pone è: non è meglioMonte Palombino è a rischio chiusura. zine di proprietà privata che quindi pre- per il Comune investire nella ristruttu-Effettivamente questo poliambulatorio vedono l’acquisto o l’affitto dei locali. razione di un edificio di sua proprietàpresenta una serie di problematiche: Delle quattro sedi la meno ovvia per Ro- e adatto allo scopo, con la prospettivanon ha il servizio ticket, e questo signi- goredo, a livello geografico e di colle- di ottenere da Zunino il rimborso futurofica che chi usufruisce di una presta- gamenti, sarebbe via Decemviri; invece, delle spese effettuate, piuttosto che in-zione a Rogoredo è costretto a pagare in base a ciò che è ad oggi noto, sembra vestire a fondo perduto in proprietà al-in via Fantoli, pertanto in molti prefe- essere la più probabile come sede pen- trui? I tempi previsti per l’attivazioneriscono fare direttamente le visite dove sata dal Comune per Rogoredo; scelta del nuovo poliambulatorio, qualunquepagano; in secondo luogo i locali a di- che sembra quantomeno illogica. sia la sede scelta, sono comunque lun-sposizione sono piccoli, circa 170 mq, Esiste un accordo tra il Comune di Mi- ghi. Chiediamo quindi che l’Ammini-nei quali si possono offrire pochi ser- lano e la società Risanamento di Zunino strazione Comunale si impegni perchèvizi. Risultato: ultimamente sono stati (costruttore di “Santa Giulia”) per la ri- il poliambulatorio vigente funzioni aleliminati sia ginecologia che fisiotera- strutturazione della palazzina ex chimici meglio, con tutti i servizi possibili perpia. (1500 mq di superficie utilizzabile) co- lo spazio esistente e con il pagamentoIl Comune ha in progetto la creazione me onere di costruzione, per adibirla a del ticket in loco.di due nuovi poliambulatori in Zona 4, poliambulatorio per Rogoredo; i lavori © Claudia Pellegrin sta arrivando il tesseramento 2010 fai anche tu la tua parte per costruire l’alternativa iscriviti al PARTITO DEMOCRATICO nei circoli del tuo quartiere Circolo ROMANA-CALVAIRATE Circolo CORVETTO via Tommei 3/4 - tel. 327/3399963 via Mompiani 10 pd.romanacalvairate@gmail.com pdcorvetto@alice.it http://pdromanacalvairate.blogspot.com/ http://www.pdcorvetto.it Circolo CARMINELLI Circolo ROGOREDO via Archimede 13 - tel. 339/7493923 via Monte Palombino 2 pdcarminelli@gmail.com tel. 339/1770533 http://pdcarminelli.blogspot.com/ pdrogoredo@tiscalinet Circolo MECENATE - LOMELLINA - PONTE LAMBRO via Mecenate 25 - tel. 333/9057484 pd.circolomecenate@gmail.com 8