UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI            CATANIA          FACOLTA’ DI   SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di laurea in Scienze P...
IndicePremessa………………………………………………………… p. 3Gruppo De Pasquale……………………………………………... p. 4Infor Group Spa………………………………...……………….....
PremessaNel corso di laurea in Scienze Pedagogiche e Progettazione educativadella Facoltà di Scienze della Formazione, è p...
GRUPPO DE PASQUALEIl Gruppo De Pasquale è una realtà leader nell’ambito della consulenza edei servizi alle imprese. Attrav...
Grazie a una esperienza acquisita con la progettazione ed erogazione dimolteplici tipologie di servizi e la conoscenza app...
La Sanmarco Consulting è specializzata nello sviluppo e gestione diprogetti   di   consulenza      Amministrativa/Finanzia...
INFOR GROUP SPASOMMINISTRAZIONEPer quanto concerne la Somministrazione Infor Group Spa eroga servizialle aziende e ai cand...
FORMAZIONEPer quanto concerne la Formazione Infor Group eroga servizi di:• FORMAZIONE CONTINUA. Infor Group progetta inter...
Inoltre, grazie all’accreditamento ai maggiori fondi interprofessionali,Infor Group supporta le aziende che hanno aderito ...
• Gestione delle relazioni con I PARTNER per la presentazione     congiunta di iniziative progettuali (ATI, partnership st...
• Analisi clima aziendale e profili• Valutazione posizioni• Fondi FORMA.TEMP: Dal 2003 al 2008, Infor Group ha realizzato ...
• PROGETTO PARI-PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA,      RIAVVIARSI AL LAVORO, 140 h intervento formativo e      orientamento ...
• Consolidamento dei rapporti di fiducia con i dipendenti e i  collaboratori, come strumento di fidelizzazione e motivazio...
ESPERIENZE DI STAGEDopo aver approfondito gli obiettivi, la mission, la struttura dell’azienda,aver chiarito i servizi che...
Il lavoro di front office, dopo un adeguato affiancamento, consisteva nelrispondere alle chiamate che pervenivano in sede,...
I corsi che ho progettato sono in:“Saperi, tecniche e metodi per l’apprendimento attivo” (ALLEGATO A);“L’educazione alla c...
ALLEGATO ACORSO DI FORMAZIONE DOCENTI IN SAPERI, TECNICHE E METODIPER L’APPRENDIMENTO ATTIVOQuanto più entriamo a far part...
La durata del corso è di 400 ore suddivise nei seguenti Moduli didattici:Teorie costruttiviste dell’apprendimento(30 ore)C...
Autoefficacia personale e collettiva in ambito educativo(15 ore)Contenuto:Il senso di efficacia percepita in Bandura:Perch...
La gestione partecipativa e la risoluzione dei conflitti(10 ore)Contenuto:Metodologie di mediazione efficaceLa NVC. Comuni...
Le mappe concettuali nella didattica(15 ore)Contenuto:Minsky M.., Novak J.D., Schank R. Gli autori delle mappe concettuali...
Peer education e Peer tutoring(20 ore)Contenuto:Differenza tra peer education e peer tutoringIl tutorLa comunicazione tra ...
Tecniche e metodi di autovalutazione(20 ore)Contenuto:Scale di valutazione, check list e questionariStudent Progress Cards...
Frame e Script(10 ore)Contenuto:I Frame. Cosa sono e come si costruiscono (funzione; relazione; caratteristiche;attributi)...
ALLEGATO BCORSO DI FORMAZIONE DOCENTI SU “L’EDUCAZIONE ALLACITTADINANZA GLOBALE”Oggi la sfida della formazione e dell’inse...
Il corso di formazione ha una durata di 350 ore ed è suddiviso in 2 sessioni modulari:giuridico-civica ed educativo-social...
Migrazioni e fenomeni identitari nell’era della globalizzazione(15 ore)Contenuto:Storia delle migrazioni umane nel mondoLe...
L’organizzazione costituzionale dello Stato(10 ore)Contenuto:La costituzione italiana: seconda parte (titolo I, titolo II,...
Sessione educativo-sociale (200 ore)I diritti umani(25 ore)Contenuto:Dichiarazioni e carte internazionali dei dirittiObiet...
La scuola(15 ore)Contenuto:La scuola nel tempo: cambiamenti in attoLa scuola e l’extrascuola: ripensare la scuola nell’aut...
Educazione allo sviluppo sostenibile(20 ore)Contenuto:Le caratteristiche principali dell’ESS (orientamento al futuro; sens...
ALLEGATO CCORSO DI FORMAZIONE                     DOCENTI        SUI     DISTURBI        SPECIFICIDELL’APPRENDIMENTOQuesto...
Il corso di formazione ha una durata di 450 ore ed è suddiviso in 2 sessioni modulari:“informativo-teorica” e “metodologic...
DisprassiaDisturbo dellelaborazione auditivaDisturbo dellapprendimento non verbaleOlofrasia o lentissimo apprendimento del...
Riconoscere la presenza di un disturbo di letto-scrittura(30 ore)Contenuto:Orientamento dei grafemi nello spazio (“p-b”; “...
Dislessia(20 ore)Contenuto:La dislessia evolutiva (come e quando si manifesta)La dislessia acquisita (come e quando si man...
Discalculia(15 ore)Contenuto:Le difficoltà aritmetiche (comprensione di termini o dei segni matematici;riconoscimento dei ...
Tecniche e metodi didattici(60 ore)Contenuto:Misure compensative (uso di software specifici per disabilità specifiche)Misu...
Comprensione (capacità di cogliere il significato - rappresentazione mentale delcontenuto)Meccanismo di anticipazione cogn...
La diagnosi (criterio di discrepanza e criterio di esclusione)I test più comunemente usati nella pratica clinica. Cosa val...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Relazione infor group spa

603 views
436 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
603
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Relazione infor group spa

  1. 1. UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA’ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di laurea in Scienze Pedagogiche e Progettazione educativa Cingari Giorgio Matricola M32/000034 Anno Accademico: 2010/2011 Relazione del tirocinio svolto presso:- INFOR GROUP SPA AGENZIA POLIFUNZIONALE DEL LAVORO 1
  2. 2. IndicePremessa………………………………………………………… p. 3Gruppo De Pasquale……………………………………………... p. 4Infor Group Spa………………………………...………………... p. 7Esperienze di stage……………………………………………… p. 14Conclusioni……………………………………………………… p. 16 2
  3. 3. PremessaNel corso di laurea in Scienze Pedagogiche e Progettazione educativadella Facoltà di Scienze della Formazione, è previsto lo svolgimento deltirocinio obbligatorio presso una struttura, che ci permette di mettere inpratica le conoscenze teoriche acquisite durante gli studi.Per quanto riguarda me, ho avuto modo di svolgere 100 ore presso l’InforGroup, in via Tripolitania n° 6 a Catania, preparato e seguito dalla Dott.ssaRosalba Cucciuffo.Mi appresto di seguito a raccontare la mia breve, se pur significativa,esperienza. 3
  4. 4. GRUPPO DE PASQUALEIl Gruppo De Pasquale è una realtà leader nell’ambito della consulenza edei servizi alle imprese. Attraverso un network di società specializzate, ilgruppo è punto di riferimento nei settori della gestione dei processi inoutsourcing, della gestione delle risorse umane, delle politiche diresponsabilità sociale e dei progetti ict ad alto contenuto di innovazione.Del Gruppo De Pasquale fanno parte Progetto Lavoro, SanmarcoConsulting e Infor Group Spa.La Progetto Lavoro The outsourcing company è la più importante societàitaliana nella progettazione e realizzazione di servizi in outsourcing perl’impresa. Realtà “storica” del settore, Progetto Lavoro è protagonistaassoluta nella creazione della cultura dell’outsourcing in Italia e, da oltre20 anni, è punto di riferimento per la definizione dei nuovi modelli dimercato. Una capacità di innovazione che ha accompagnato l’evoluzionedell’outsourcing verso un approccio sempre più “consulenziale” e uncostante ampliamento dei processi gestiti, a partire da una consolidataesperienza in tutti i settori di business e in ogni tipologia di servizio. 4
  5. 5. Grazie a una esperienza acquisita con la progettazione ed erogazione dimolteplici tipologie di servizi e la conoscenza approfondita di tutti i piùimportanti settori di business, Progetto Lavoro è il partner ideale per lerealtà private e pubbliche che hanno l’esigenza di ridefinire erazionalizzare i propri processi organizzativi.Si occupa nello specifico di: • Contabilità clienti • Contabilità fornitori • Gestione del credito (factoring) • Gestione del credito (al consumo) • Gestione del credito (leasing) • Gestione del credito (fondi investimento) • Amministrazione e gestione del personale • Gestione presenze • Elaborazione payroll • Gestione Note Spese • Servizio di contact center (da telefono, e.mail, fax, posta, web) • Servizio di telemarketing • Real Estate Management • Procurement 5
  6. 6. La Sanmarco Consulting è specializzata nello sviluppo e gestione diprogetti di consulenza Amministrativa/Finanziaria, di OperationExcellence e ICT Strategy. Nello specifico si occupa di: • Soluzioni in mobilità • Mappatura diagnostica della flessibilità lavorativaLa Infor Group Spa è una agenzia polifunzionale del lavoro e si occupa disomministrazione, appalto di servizi, formazione aziendale einteraziendale, progettazione sociale, servizi al lavoro e formazionegratuita per disoccupati, per chi non ha mai lavorato, chi è in mobilità, chiè in cassa integrazione. Inoltre è un ente di formazione accreditato ericonosciuto dalle Regioni Lombardia, Lazio e Sicilia. 6
  7. 7. INFOR GROUP SPASOMMINISTRAZIONEPer quanto concerne la Somministrazione Infor Group Spa eroga servizialle aziende e ai candidati. Alle aziende mediante il seguente modellooperativo: • Analisi del ruolo, della posizione, del processo di lavoro di cui il candidato è responsabile • Analisi del contesto, dei valori e della cultura aziendale • Definizione del piano di recruiting personalizzato • Identificazione delle candidature idonee • Verifica dei percorsi esperienzali, delle motivazioni e dell’idoneità al contesto di riferimento • Tutoring durante le prime fasi di inserimento in azienda • Consulenza in fase di scelta e assunzione • Tramite il fondo Forma-Temp eroga servizi di formazione di base, professionale, on the job, continua.Infor Group Spa eroga servizi ai candidati attraverso il colloquio diorientamento, il bilancio delle competenze, e il supporto nella redazionedel curriculum.Inoltre attraverso il Job-Center fa incontrare l’offerta e la domanda dilavoro. 7
  8. 8. FORMAZIONEPer quanto concerne la Formazione Infor Group eroga servizi di:• FORMAZIONE CONTINUA. Infor Group progetta interventi di formazione sui reali fabbisogni aziendali individuando le metodologie adeguate all’intervento. Le tematiche su cui ha sviluppato maggior esperienza sono quelle relative alle competenze gestionali per people manager (dai capi squadra ai manager aziendali), sullo sviluppo delle competenze delle aree commerciali e di marketing, su tematiche di change management. Parallelamente eroga formazione su tematiche di base, dalla lingua inglese al pacchetto office.• APPRENDISTATO. Infor Group fornisce consulenza sulla gestione della formazione formale su tutto il territorio nazionale, creando ove necessario, i link con le strutture regionali accreditate o erogando la formazione in prima persona nelle regioni in cui è in possesso dell’accreditamento.• FORMAZIONE FINANZIATA Infor Group partecipa ad avvisi e bandi regionali, provinciali, comunali, e dei fondi interprofessionali per lavoratori dipendenti, in mobilità e in cassa integrazione. 8
  9. 9. Inoltre, grazie all’accreditamento ai maggiori fondi interprofessionali,Infor Group supporta le aziende che hanno aderito ad un fondo e sonointenzionate a utilizzare i finanziamenti dando luogo ad un processo divarie fasi: • Analisi fabbisogni e progettazione • Definizione del piano formativo • Sottoscrizione dell’accordo sindacale • Inserimento del progetto completo nella piattaforma per l’approvazione • Organizzazione ed erogazione dei corsi • Monitoraggio e rendicontazione.Per quanto riguarda i Fondi Strutturali LArea assistenza e consulenza diInfor Group prevede: • Attività informativa e di approfondimento – seminari, guide on line, newsletter specificamente dedicate al tema • Incontri di approfondimento diretto con le imprese sui Fondi strutturali: vengono organizzati seminari sul tema Fondi Strutturali e guide informative on line, che vengono trasmesse tramite newsletter a tutti i clienti registrati al sito internet www.inforgroup.eu • Comprendere le esigenze delle amministrazioni e predisporre idee e progetti innovativi con il supporto di esperti • Monitoraggio dei bandi per le imprese/CLIENTI 9
  10. 10. • Gestione delle relazioni con I PARTNER per la presentazione congiunta di iniziative progettuali (ATI, partnership strategiche locali, nazionali ed internazionali)Una volta individuato il bando specifico per limpresa nellambito deiFondi strutturali, Infor Group fornisce assistenza e consulenza: • Per verificare l ammissibilità ai bandi dei progetti delle imprese attraverso incontri diretti di approfondimento • Nella preparazione della domanda di contributo e redazione della proposta formativa • Durante la fase istruttoria nel rapporto con lente locale preposto, prima e dopo lapprovazione (istruttoria, approvazione, erogazione del contributo, rendicontazione amministrativa)Infor Group, quale Ente di Formazione accreditato alle RegioniLombardia, Lazio e Sicilia, e all’ECM organizza vari corsi di formazionenelle sedi di Milano, Roma, Catania.Nello specifico, per quanto concerne la sede di Catania, Infor Group haerogato i seguenti servizi: • Formazione di base, professionale, continua, FAD • Progettazione formativa e socio-sanitaria • Consulenza iniziative di responsabilità sociale d’ompresa 10
  11. 11. • Analisi clima aziendale e profili• Valutazione posizioni• Fondi FORMA.TEMP: Dal 2003 al 2008, Infor Group ha realizzato a Catania circa 200 corsi di formazione per un totale di 15.000 ore di formazione rivolta ad adulti e giovani inoccupati/disoccupati, donne, immigrati e diversamente abili, nei settori della formazione di base e professionale.• FSE PO-SICILIA 2000-2007: Progettazione in partnership con la Cooperativa sociale Luigi Sturzo “Parità sociale e di genere”, formazione per donne over 35 e formazione per dipendenti della PP.AA del Comune di Catania; Progettazione Social Marketing, formazione per giovani/e disoccupate• CATALOGO OFFERTA FORMATIVA REGIONE SICILIA A formazione professionale: Progettazione e realizzazione corso di formazione professionale per la qualifica di “Esperto dell’innovazione tecnologica nei processi formativi” (ID600 Sez. A), della durata di 900 ore; 11
  12. 12. • PROGETTO PARI-PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA, RIAVVIARSI AL LAVORO, 140 h intervento formativo e orientamento e bilancio delle competenze per soggetti svantaggiati e in mobilità. • MINISTERO GIOVENTU’: Progettazione “Experience Plus” e realizzazione, come partner esterno, di laboratori formativi sulle competenze trasversali e socio-relazionali • MINISTERO PUBBLICA ISTRUZIONE MIUR: Progettazione alta formazione progetto “Woman for foreign trade, Internazionalizzazione dell’economia siciliana” in partenariato con la Cooperativa Sociale Luigi Sturzo, formazione stagiste in tema di internazionalizzazione. • POR ISTRUZIONE: IN ATI con Istituto “E. Medi” Randazzo – POR Misura 7 – Azione 2 del Progetto “Sviluppo trasversale nel contesto lavorativo”. Orientamento e Bilancio delle Competenze.CSRPer quanto concerne la CSR, Infor Group, alle varie realtà pubbliche e alleaziende offre servizi di: 12
  13. 13. • Consolidamento dei rapporti di fiducia con i dipendenti e i collaboratori, come strumento di fidelizzazione e motivazione (comunicazione interna, servizi, sicurezza sul lavoro)• Politiche di Customer Care e di relazione con clienti e gli utenti• Progetti sociali e culturali in ambito locale, nazionale e internazionale• Iniziative di salvaguardia ambientale e sostenibilità• Piani di comunicazione interna ed esterna sulle attività di Responsabilità Sociale e reportistica (Codice Etico, Bilancio Sociale, Bilancio di Sostenibilità, ecc.)• Analisi della “cultura” aziendale sui temi della Responsabilità Sociale• Progettazione di interventi di Responsabilità Sociale• Ricerca di partnership qualificate• Realizzazione di campagne di comunicazione e redazione della reportistica 13
  14. 14. ESPERIENZE DI STAGEDopo aver approfondito gli obiettivi, la mission, la struttura dell’azienda,aver chiarito i servizi che offre ed eroga, e a chi sono mirati, adesso possoapprestarmi a raccontare l’esperienza vissuta in tale struttura dal 15Gennaio 2010 al 15 Febbraio 2010.Sono stato seguito dalla Dott.ssa R.Cucciuffo, che mi ha spiegato passodopo passo tutto ciò che concerne il lavoro svolto presso l’ufficio, e dicome dovevo operare in modo autonomo, esatto e consapevole.Al mio arrivo sono stato sottoposto ad un colloquio conoscitivo e hoconsegnato il curriculum vitae alla mia tutor. Questo perché le politichedell’azienda favoriscono il confronto e il potenziamento reale delle risorseumane. Per far ciò bisogna, prima di tutto, conoscere le esperienze e lecompetenze del candidato per proporre un percorso mirato e costruitoattorno al soggetto stesso.Infatti a me è stato proposto, a seguito di un colloquio conl’Amministratore Delegato dell’azienda un percorso di front office econtestualmente di progettazione di corsi di formazione per docenti. 14
  15. 15. Il lavoro di front office, dopo un adeguato affiancamento, consisteva nelrispondere alle chiamate che pervenivano in sede, smistarle nei vari ufficicompetenti, ricevere e accogliere l’utenza.Il lavoro di progettazione dei corsi consisteva nello studio e nellarealizzazione su carta di tre corsi di formazione per docenti.Questo lavoro si è articolato in diverse fasi: - Studio corsi di formazione conclusi - Studio progetti in corso di attuazione - Studio normativa accreditamento Miur - Analisi dei contesti di attuazione dei corsi - Individuazione dei punti di forza e debolezza dei corsi proposti - Individuazione della mission dei corsi - Sviluppo ed elaborazione della “presentazione dei corsi” e degli obiettivi generali - Sviluppo ed elaborazione dei moduli didattici - Individuazione dei contenuti di ogni modulo didattico - Individuazione degli obiettivi specifici assegnati ad ogni modulo - Individuazione e assegnazione delle ore necessarie ad ogni modulo 15
  16. 16. I corsi che ho progettato sono in:“Saperi, tecniche e metodi per l’apprendimento attivo” (ALLEGATO A);“L’educazione alla cittadinanza globale” (ALLEGATO B);“I disturbi specifici dell’apprendimento” (ALLEGATO C).Inoltre ho effettuato uno screening dei curricula e un aggiornamento dellabanca dati cartacea. Questo lavoro consisteva nella catalogazione deicurricula per esperienze, competenze e titoli di studio. CONCLUSIONIIl 15 Febbraio 2011 è terminata questa nuova ed interessante esperienza,che sicuramente ha arricchito le mie conoscenze.Inoltre la professionalità e l’esperienza di tutte le risorse che mi hannoseguito ha fatto sì che il mio interesse fosse vivo e attento per tutto ilpercorso del tirocinio.Per concludere, voglio ringraziare vivamente tutto il gruppo deicollaboratori che mi ha affiancato, con la speranza di poterli rincontrarepresto. 16
  17. 17. ALLEGATO ACORSO DI FORMAZIONE DOCENTI IN SAPERI, TECNICHE E METODIPER L’APPRENDIMENTO ATTIVOQuanto più entriamo a far parte dell’era della conoscenza, tanto più cambia il nostromodo d’intendere l’apprendimento, i suoi contesti, le sue forme e le sue finalità.La sfida oggi più feconda nei paesi sviluppati consiste non soltanto nel renderesempre più efficace lapprendimento, riducendo i tempi e ottimizzando i programmi,ma anche nel formare persone che siano capaci di organizzare il proprioapprendimento in modo autonomo, capaci di interagire con la conoscenza elinformazione con successo e con senso critico.Per chi opera nell’ambito della formazione e dell’educazione si tratta di assumere unatteggiamento di costante attenzione metacognitiva che permetta di valorizzare ladidattica quotidiana, da un lato rendendo visibili e consapevoli i momenti chepossono assumere valenze metacognitive e dall’altro, progettando situazioni e attivitàche possano facilitare ed enfatizzare l’osservazione e la riflessione sui processimentali utilizzati.In questa nuova tensione educativa tra l’insegnante e l’allievo, il centro di interessediventa la persona e la metodologia utilizzata, che si centra sulle strutture e sulledinamiche attraverso le quali le persone possono autogestire il loro processo disviluppo. In questo, occorre spostare l’attenzione dai contenuti dell’apprendimentoalle modalità attraverso le quali questo avviene, prestando e facendo prestareattenzione alle azioni mentali esperite, facendole riconoscere e rappresentare.Sia la scienza cognitiva che la ricerca empirica condotta in aula hanno dimostratoripetutamente che, condotte correttamente, queste tecniche motivano gli studenti adimparare, aumentano la quantità e la qualità dell’apprendimento con un maggiorcoinvolgimento nei programmi accademici e migliorano gli atteggiamenti verso laloro formazione.Significa quindi, concedersi lo spazio temporale e mentale per ragionare sul come enon solo sul cosa, sul processo e non solo sul prodotto.La finalità del corso è di fornire a coloro che operano in contesti di educazione eformazione i saperi, le tecniche e i metodi che facilitano la metacognizionerealizzando un apprendimento attivo e partecipato.
  18. 18. La durata del corso è di 400 ore suddivise nei seguenti Moduli didattici:Teorie costruttiviste dell’apprendimento(30 ore)Contenuto:Il pragmatismo di J. DeweyLa zona di sviluppo prossimale di L. VigotskijLa costruzione del reale nel bambino di J. PiagetLa psicologia dei costrutti personali di G. KellyObiettivi del modulo:Conoscere le teorie costruttiviste tramite lo studio degli autori principali, e comequeste cambiarono fondamentalmente l’epistemologia moderna.Il ruolo degli insegnanti nell’insegnamento-apprendimento attivo(20 ore)Contenuto:L’apprendimento come fenomeno sociale (la teoria sociocognitiva)L’insegnante nella storia della pedagogia e l’insegnante nella società dellaconoscenzaObiettivi del modulo:Riflettere sul proprio stile relazionale nel rapporto insegnante-alunnoMigliorare lo scambio comunicativoIl gruppo-classe come comunità di costruzione della conoscenza(15 ore)Contenuto:Come promuovere lidentità degli studentiCome favorire lo sviluppo di un sentimento di fiduciaCome promuovere le relazioni interpersonaliObiettivi del modulo:Comprendere le fasi naturali della formazione di un clima adatto alla comunità dellaconoscenza
  19. 19. Autoefficacia personale e collettiva in ambito educativo(15 ore)Contenuto:Il senso di efficacia percepita in Bandura:Perché valutare lautoefficacia;Fonti esperienziali dellautoefficacia;Sviluppo e misura delle convinzioni di autoefficacia;Obiettivi del modulo:Conoscere come la percezione, le credenze, le esperienze influenzino la prestazionedi singoli o gruppi e come si valuta l’autoefficaciaL’orientamento alla relazione e l’interdipendenza partecipata(10 ore)Contenuto:I diversi tipi di orientamento: al compito; alla relazione; al potereObiettivi del modulo:Il riconoscimento dei diversi orientamenti, il loro effetto sulle dinamiche del gruppo eil potenziamento dell’orientamento alla relazioneLa motivazione ad apprendere e lo stimolo emozionale(20 ore)Contenuto:La teoria freudiana delle pulsioniLa piramide dei Bisogni di Maslow A.Le motivazioni cognitive e secondarie di McClelland D.Obiettivi del modulo:Conoscere le diverse teorie motivazionali e i diversi fattori della motivazione: ilcontesto, l’insegnante, l’allievoLa metamemoria(20 ore)Contenuto:I diversi processi di memoriaStrutture cerebrali coinvolte nella memoriaMetodi di studioLe strategie di memoriaObiettivi del modulo:Conoscere le modalità, la struttura, e i diversi modi di memorizzare, al fine di averedegli strumenti utili a compensarne la potenziale debolezza.
  20. 20. La gestione partecipativa e la risoluzione dei conflitti(10 ore)Contenuto:Metodologie di mediazione efficaceLa NVC. Comunicazione non violentaObiettivi del modulo:Saper attuare la conduzione, la gestione, la risoluzione dei conflitti del gruppo dilavoro partecipato mediando una leadership distribuita.Variabili psicologiche sottese ai processi di apprendimento(20 ore)Contenuto:Le tre dimensioni di Weiner:Locus of control (variabili esterne vs interne)Stabilità (variabili stabili vs instabili)Controllabilità (variabili controllabili vs incontrollabili)Obiettivi del modulo:Comprendere come il soggetto può riconoscere le proprie attribuzioni, cioè leinterpretazioni che ogni individuo si dà relativamente alle cause degli eventi che loriguardanoIl Cooperative learning e il Brainstorming(30 ore)Contenuto:Johnson & Johnson e le prime esperienze di Cooperative LearningLewin K. La teoria del campo e la teoria dei climi di apprendimentoBion. La relazione tra affettivo e cognitivo, tra emozioni e apprendimentoMugny e il concetto di intelligenza al pluraleM. Deutsch e il concetto di interdipendenzaLe varie fasi del Brainstorming e le sue regole (presentazione dell’obiettivo;creazione delle idee individuali; raccolta e registrazione delle idee; l’organizzazionedelle idee; la valutazione delle idee)Obiettivi del modulo:Facilitare ed organizzare le attività scolastiche, strutturando “ambienti diapprendimento” in cui gli studenti, possano trasformare ogni attività in un processo di“problem solving di gruppo”
  21. 21. Le mappe concettuali nella didattica(15 ore)Contenuto:Minsky M.., Novak J.D., Schank R. Gli autori delle mappe concettualiLe mappe come motivazione intrinseca ad imparareLe idee chiaveMappe per diversi scopi (esplorare le preconoscenze; scrivere un testo; comprendere;spiegare; riorganizzare/sintetizzare).Obiettivi del modulo:Conoscere i principali studi sulle mappe concettuali e applicarli in maniera ottimalesecondo i diversi scopiTecniche di ascolto attivo(25 ore)Contenuto:Rogers C. e la relazione d’aiutoLe regole fondamentali dell’ascolto empaticoTecnica della riformulazione (semplice; parafrasi; riepilogo; eco; delucidazione;rispecchiamento empatico; uso del silenzio)Risposte ostacolo al dialogo (valutazione; interpretazione; sostegno; soluzione;investigazione)Obiettivi del modulo:Comprendere a fondo l’importanza del clima e della relazione d’aiutonell’insegnamento-apprendimentoConoscere e saper applicare le tecniche di ascolto attivoTecniche di Problem solving(20 ore)Contenuto:Gordon. W.J.J. La sinettica e le diverse fasi (Definizione del problema - AnalisiGlobale; Fase creativa; Selezione delle idee; Fase di definizione; Perfezionamentodelle idee; Soluzioni possibili)I 6 cappelli per pensare di E. De Bono (bianco, nero, rosso, giallo, verde, blu)Zwicky F. L’analisi morfologicaLe strategie euristicheL’analogiaLa visualizzazioneLa combinazioneObiettivi del modulo:Conoscere e saper utilizzare le tecniche e le strategie di Problem Solving di successo.
  22. 22. Peer education e Peer tutoring(20 ore)Contenuto:Differenza tra peer education e peer tutoringIl tutorLa comunicazione tra pariObiettivi del modulo:Saper formare gruppi di peer education all’interno della classe. Saper individuare itempi giusti per proporre la peer education e la durata stessa del metodo.Simulazioni e Role-playing(25 ore)Contenuto:Linterazionismo simbolico di Mead G.H.Il funzionalismo di Parsons T.Il disincanto di Goffman E.Il gioco simbolico di Piaget J.Teoria del ruoloObiettivi del modulo:Saper pensare, organizzare e gestire role playng di successoI questionari sociometrici(25 ore)Contenuto:I diversi questionari sociometriciI legami sociali (le relazioni sociali; le linee di comunicazione; i canali di influenza)La somministrazione del questionarioInterpretazione dei datiStrategie di recuperoCoefficienti sociometrici dei singoliCoefficienti sociometrici di gruppoObiettivi del modulo:Conoscere, saper somministrare e valutare i diversi questionari sociometrici (per lacui somministrazione non è necessario il titolo abilitante di psicologo)
  23. 23. Tecniche e metodi di autovalutazione(20 ore)Contenuto:Scale di valutazione, check list e questionariStudent Progress CardsDiaries Learner e Riviste DialogVideoObiettivi del modulo:Acquisire le conoscenze di base sulle tecniche e i metodi di autovalutazione piùflessibili ed utilizzatiLe tecniche individuali di studio(30 ore)Contenuto:Lidea e la sua strutturaCome si associano le ideeLa lettura accelerataTecniche per ricordareI ripassiLe parole chiaveGli appunti ad elenco, a tabella, a blocchi, a diagramma.Obiettivi del modulo:Acquisire conoscenze avanzate sulle varie tecniche di studio e su come generalmentesi studia.Modelli teorici e strategie per l’attenzione(20 ore)Contenuto:I modelli teorici dell’attenzione (Attenzione selettiva; Filtro di Broadbent; Teoria delfiltro attenuato della Treisman; Deutsch e Deutsch; La teoria di Norman; Selezioneprecoce e selezione tardiva; Attenzione divisa; Attenzione sostenuta)Lo sviluppo dell’attenzione secondo Mackworth A.K. e Piaget J.Le diverse strategie operative per l’insegnante (comprendere l’incoerenza; gli spazifisici, gli spazi temporali; utilizzo di segnali univoci; i rumori di fondo; la risoluzionedei compiti senza premi o punizioni; uso pianificatori quotidiani, come diari oagende;Obiettivi del modulo:Conoscere i diversi modelli teorici dell’attenzione. Capire come si sviluppaautonomamente l’attenzione e saper applicare le diverse strategie per facilitarel’attenzione dei soggetti con particolari difficoltà.
  24. 24. Frame e Script(10 ore)Contenuto:I Frame. Cosa sono e come si costruiscono (funzione; relazione; caratteristiche;attributi)Gli script. Le azioni principali e secondarie nei copioniObiettivi del modulo:Acquisire le conoscenze di base per utilizzare i Frame e gli Script nel gruppo-classe.
  25. 25. ALLEGATO BCORSO DI FORMAZIONE DOCENTI SU “L’EDUCAZIONE ALLACITTADINANZA GLOBALE”Oggi la sfida della formazione e dell’insegnamento avviene all’interno di contesticomplessi per ricchezza culturale, percorsi scolastici pregressi, progettualità in essere,dinamiche relazionali che si innescano fra i soggetti in formazione. Le domande delpresente rinnovano la centralità dei temi tradizionalmente legati all’educazione civicaconfermando la necessità di aggiornare gli strumenti e le conoscenze ad unaeducazione alla cittadinanza autenticamente partecipata. Infatti, le disciplinedell’educazione civica e della storia, pur conservando una funzione basilare neiprocessi di formazione e di orientamento, appaiono stantie e ferme alla meraconoscenza dei rapporti tra i cittadini e lo stato e tra gli organismi territoriali e lostato. Nel mondo globalizzato non sono sufficienti e devono aprirsi a metodologie e asaperi interdisciplinari in grado di interpretare la complessità attuale. Si va quindidallo sviluppo di una cittadinanza attiva all’apprendimento dei valori democratici,dall’educazione alla legalità all’educazione ai diritti umani in prospettiva globale,all’aumento della partecipazione locale dei cittadini - con un’attenzione particolarealle sfide globali - alla vita politica, sociale, culturale.La cittadinanza globale ha diversi aspetti: etico, sociale, politico, giuridico.L’educazione alla cittadinanza globale è rivolta alla formazione integrale dellapersona. Essa investe diverse dimensioni: cognitiva, affettiva, progettuale,esperienziale; implica appartenenza a vari livelli (locale, nazionale, europea, globale);presuppone diritti e doveri; è radicata in contesti specifici e concreti; richiede unatraduzione didattica; comporta l’incontro e il confronto con l’altro. Dunque,educazione alla cittadinanza globale come educazione ad essere cittadini criticamentecapaci di autonomia, partecipazione, condivisione.Il Corso, che si rivolge a quanti operano nella scuola, propone dei saperiscientificamente aggiornati per le competenze e le abilità giuridiche e storiche,avvalendosi di una forte tensione interdisciplinare orientata a indagare e comprenderei seguenti fenomeni emergenti: la creazione di sfere pubbliche locali, anche inrelazione alla nuova autonomia scolastica; le dimensioni globali e i contesti migratorialla base della nuova “geografia umana” delle popolazioni studentesche. Inoltre, ilpercorso formativo proposto, fornisce competenze necessarie a progettareun’educazione etico-sociale in grado di formare gli individui all’intera gamma delledimensioni del sociale: da quelle che richiedono un’elevata capacità di autonomia - diresistenza al gruppo, di affermazione delle proprie valorialità e conoscenze - a quelleche chiedono la partecipazione consapevole all’esperienza sociale (attraverso sia laconoscenza e la pratica critica delle regole della coesistenza pacifica, sia l’assunzionedi atteggiamenti e comportamenti di curiosità e di solidarietà nei confrontidell’”altro”), a quelle che postulano la necessità della condivisione - culturale edesistenziale, di saperi, di valori, di progetti - con altri singoli e gruppi.
  26. 26. Il corso di formazione ha una durata di 350 ore ed è suddiviso in 2 sessioni modulari:giuridico-civica ed educativo-socialeSessione giuridico-civica (150 ore)Lineamenti di storia contemporanea - Stato e società nell’Italia delNovecento(10 ore)Contenuto:La Grande guerra e le sue ereditàDemocrazie, comunismi, fascismiLa seconda guerra mondiale e la guerra freddaL’Italia dal fascismo alla democraziaLa questione palestineseLa globalizzazioneObiettivi del modulo:Conoscere la storia del novecento per comprendere meglio gli avvenimenti dei nostri giorniDiventare cittadini e cittadine: percorsi storici nazionali(15 ore)Contenuto:Acquisto e perdita della cittadinanza italianaLe tappe storiche della legislazione sulla cittadinanza italianaLe sentenze della Corte Costituzionale e le leggi promulgate di conseguenzaLattuale legislazione sulla cittadinanza italianaTrasmissione della cittadinanza italiana jure sanguinis per via maternaObiettivi del modulo:Acquisire elementi di base sui percorsi storico-giuridici che hanno portato alla cittadinanza, come laconosciamo oggiIl contesto di relazioni internazionali e la nascita della democraziarepubblicana(10 ore)Contenuto:Il referendum del 1946 (storia tra risultati, critiche e conseguenze)Le principali organizzazioni internazionali (organizzazioni intergovernative e organizzazioni nongovernative)Obiettivi del modulo:Conoscere la storia della democrazia repubblicana italiana e distinguere tra le varie organizzazioniinternazionali
  27. 27. Migrazioni e fenomeni identitari nell’era della globalizzazione(15 ore)Contenuto:Storia delle migrazioni umane nel mondoLe migrazioni umane oggi. Le cause economiche e socialiObiettivi del modulo:Conoscere la storia delle migrazioni umane per comprendere le cause di questi processi e la propriaidentità umanaDemocrazia e processi di informatizzazione nella prospettiva locale eglobale(15 ore)Contenuto:Storia dell’informatizzazione e sviluppi attualiL’informatizzazione globale come nuova democrazia localeObiettivi del modulo:Comprendere come la rivoluzione informatica sta portando ad una rivoluzione democraticanell’informazione locale-globaleLa Costituzione repubblicana ed il sistema delle fonti del diritto(20 ore)Contenuto:La Costituzione italiana e le costituzioni europee. Principali differenze e punti di contattoLe fonti del diritto italiano.Obiettivi del modulo:Capire come è composta la Carta Costituzionale (le varie parti), la sua rigidità. Comprendere i varilivelli delle fonti e la loro differente “forza di legge”I diritti e i doveri costituzionali(20 ore)Contenuto:La Costituzione italiana: principi fondamentali; prima parte (titolo I, titolo II, titolo III, titolo IV)Obiettivi del modulo:Conoscere e saper trasmettere i principi fondamentali nonché i diritti e i doveri della CartaCostituzionale italianaSaper riconoscere, nelle relative circostanze, i diritti costituzionalmente garantiti
  28. 28. L’organizzazione costituzionale dello Stato(10 ore)Contenuto:La costituzione italiana: seconda parte (titolo I, titolo II, titolo III, titolo IV, titolo V, titolo VI);disposizioni finali e transitorie, noteObiettivi del modulo:Conoscere l’organizzazione dello Stato e saper riconoscere i vari pesi e contrappesi nella divisionedei poteri costituzionalmente garantitiLe autonomie territoriali: l’ordinamento regionale dopo la riforma delTitolo V, Parte II, della Costituzione(10 ore)Contenuto:Le Regioni, le Provincie, i Comuni. Le differenti materie di competenza e i conflitti di attribuzionenel tempo, dopo la riforma del titolo VObiettivi del modulo:Conoscere punti di forza e limiti delle competenze territorialiI principi costituzionali sulle pubbliche amministrazioni: l’organizzazionee l’attività amministrative(10 ore)Contenuto:Articolo 97 e 118 della Costituzione (i diversi principi). Ulteriori principi costituzionali ricavabili.Legge 241 del 1990.Obiettivi del modulo:Conoscere i principi costituzionalmente garantiti in materia di pubblica amministrazioneI rapporti dell’ordinamento italiano con gli altri ordinamenti: le istituzionicomunitarie e sopranazionali; Stato, Chiesa Cattolica ed altre confessionireligiose(15 ore)Contenuto:L’adattamento del diritto interno al diritto internazionale (la ratifica)L’accordo tra la Repubblica Italiana e la Santa Sede del 18 febbraio 1984Le intese con le confessioni religioseObiettivi del modulo:Conoscere e capire come l’ordinamento italiano recepisce l’ordinamento internazionale, ledichiarazioni e le carte dei diritti.Conoscere e capire i rapporti tra lo Stato laico italiano e le diverse confessioni religiose
  29. 29. Sessione educativo-sociale (200 ore)I diritti umani(25 ore)Contenuto:Dichiarazioni e carte internazionali dei dirittiObiettivi del modulo:Saper riconoscere, a livello locale e globale, i contesti in cui i diritti umani sono negatiLa convivenza: stereotipi e pregiudizi(25 ore)Contenuto:I diversi tipi di stereotipi (di genere, di gruppo, culturali, razziali)I pregiudizi. Come si formano e come si combattonoLa teoria del conflitto socialeObiettivi del modulo:Comprendere i diversi tipi di stereotipi e pregiudizi. Comprendere come si formano e come sicombattono attraverso la conoscenza. Conoscere la teoria del conflitto sociale di SimmelLa società globale(15 ore)Contenuto:Globalità e globalizzazioneLa circolazione delle informazioni (etica, ecologia, cultura)Obiettivi del modulo:Comprendere i contesti in cui viviamo oggi attraverso lo studio dei processi di globalizzazioneComprendere le ricadute locali prodotte dalla circolazione globale delle informazioniLa città e il territorio(15 ore)Contenuto:Il comune e i vari assessoratiGli spazi verdi e gli spazi grigi: riqualificazioni possibiliI progetti con le scuole: buone pratiche sul territorioObiettivi del modulo:Conoscere le varie competenze del comune in materia di leggi, provvedimenti, disponibilità localifisici e terzo settore. Conoscere la disponibilità delle risorse sul territorio e saper attivare progetticon le scuole.
  30. 30. La scuola(15 ore)Contenuto:La scuola nel tempo: cambiamenti in attoLa scuola e l’extrascuola: ripensare la scuola nell’autonomiaObiettivi del modulo:Conoscere la storia della scuola italiana e lo stato attuale. Ripensare la scuola locale con principiglobaliLo sfruttamento e il lavoro minorile(20 ore)Contenuto:Storia dell’infanzia e marginalità minorile in EuropaStato attuale nel mondo: causalità, domande, e risposte educativeObiettivi del modulo:Comprendere la complessità del fenomeno dell’infanzia negata ieri ed oggiLa convivenza e l’intercultura(35 ore)Contenuto:Multicultura e intercultura. Differenze e punti di contattoIntercultura e immigrazioneFilosofia e interculturalitàIntercultura e internetReligione e interculturalitàObiettivi del modulo:Comprendere la complessità del rapporto tra le diverse culture e tra le diverse identitàLo sfruttamento dell’uomo sull’uomo(15 ore)Contenuto:Storia della politica coloniale europea nel ‘900Economia globale ed economia locale: strategie d’importazione ed esportazione per frenare losviluppo dei paesi emergentiObiettivi del modulo:Comprendere le diverse forme dello sfruttamento dell’uomo nella storia e capire quale formaassume oggi nel contesto globale
  31. 31. Educazione allo sviluppo sostenibile(20 ore)Contenuto:Le caratteristiche principali dell’ESS (orientamento al futuro; sensibilità al contesto; orientamentoalla comunità; life long learning; equità sociale, economica, ambientale)Obiettivi del modulo:Conoscere e saper realizzare progetti di educazione pratica allo sviluppo sostenibileEssere ospiti: la cultura dellaccoglienza(15 ore)Contenuto:La legislazione italiana, tedesca e americana in materia di immigrazioneL’associazionismo e le buone praticheIl dovere della scuola oggiObiettivi del modulo:Capire come, nei vari paesi, si tratta il tema dell’immigrazioneEssere in grado di formulare ipotesi operative in materia di educazione all’accoglienza nelle scuole
  32. 32. ALLEGATO CCORSO DI FORMAZIONE DOCENTI SUI DISTURBI SPECIFICIDELL’APPRENDIMENTOQuesto corso di formazione docenti nasce per dare una risposta alle differentiproblematiche che i disturbi specifici dellapprendimento (D.S.A.) comportano sia peri bambini che ne sono affetti, sia per il contesto nel quale essi sono inseriti.Si tratta di disturbi di alcune abilità specifiche che non permettono una completaautosufficienza nellapprendimento, poiché le difficoltà si sviluppano sulle attivitàche servono per la trasmissione della cultura (la lettura, la scrittura e/o il far di conto).Nel merito l’apprendimento, posto nei normali tempi e con le consuete metodologiedinsegnamento non risulta efficace o è poco efficace. Per la complessità inerente idisturbi è facile confonderli con pigrizia e svogliatezza dei soggetti; ciò porta isoggetti stessi al drop-out scolastico.In Italia si calcola che le persone affette dalla sola dislessia siano 1.500.000.In questa realtà complessa la figura dell’insegnante è particolarmente rilevante poichéè la prima persona che riconosce lalunno con difficoltà nel percorso scolastico.Quando un insegnante si trovasse a dover insegnare ad uno o più alunni con D.S.A.dovrebbe creare uno spazio favorevole all’apprendimento e un percorso didatticopersonalizzato con metodologie didattiche adeguate e flessibili per i bisogni deisoggetti. L’insegnante dovrebbe utilizzare sia strumenti compensativi, come lacollaborazione con gli specialisti e la famiglia - concordare insieme i compiti a casa,le modalità di aiuto, gli strumenti compensativi, le dispense, le interrogazioni, lariduzione dei compiti - sia misure dispensative, e organizzare lattività didatticasecondo metodologie e strategie che non ostacolino il processo di apprendimento.Il corso di formazione è rivolto a coloro che operano in contesti di insegnamento-apprendimento, ed esso ha la finalità di fornire agli operatori le conoscenze, lemetodologie, gli strumenti, le competenze organizzative necessarie per facilitarel’apprendimento ai soggetti con D.S.A.. Inoltre, come ricaduta potenziale ha lafinalità di mettere in luce le condizioni favorevoli di un insegnamento-apprendimentoindividualizzato e contestualizzato ad ogni soggetto.
  33. 33. Il corso di formazione ha una durata di 450 ore ed è suddiviso in 2 sessioni modulari:“informativo-teorica” e “metodologico-didattica (piano educativo individualizzato)”Sessione informativo-teorica (200 ore)Teorie costruttiviste dell’apprendimento(10 ore)Contenuto:Il pragmatismo di J. DeweyLa zona di sviluppo prossimale di L. VigotskijLa costruzione del reale nel bambino di J. PiagetLa psicologia dei costrutti personali di G. KellyObiettivi del modulo:Conoscere le teorie costruttiviste tramite lo studio degli autori principali, e comequeste cambiarono fondamentalmente l’epistemologia moderna.Caratteristiche generali dei D.S.A.(30 ore)Contenuto:Capacità intellettiveFamiliaritàPrevalenza di genereAssociazione tra i diversi D.S.A.I profili di sviluppoAssociazione con disturbi psicopatologiciObiettivi del modulo:Conoscere le diverse caratteristiche dei disturbi dal punto di vista clinicoI disturbi specifici dell’apprendimento. Lineamenti generali(30 ore)Contenuto:Dislessia (F81.0/315.02)DisgrafiaDisortografiaDisturbo specifico della compitazione (F81.1/315.2)DiscalculiaDisturbo specifico del linguaggio (F80.0-F80.2/315.3)
  34. 34. DisprassiaDisturbo dellelaborazione auditivaDisturbo dellapprendimento non verbaleOlofrasia o lentissimo apprendimento del linguaggioObiettivi del modulo:Acquisire conoscenze e lineamenti generali sui diversi disturbi dell’apprendimentodefiniti nella Classificazione Internazionale ICD-10 e compresi nel capitolo 315 delDSM-IV americanoModelli teorici e strategie per l’attenzione(15 ore)Contenuto:I modelli teorici dell’attenzione (Attenzione selettiva; Filtro di Broadbent; Teoria delfiltro attenuato della Treisman; Deutsch e Deutsch; La teoria di Norman; Selezioneprecoce e selezione tardiva; Attenzione divisa; Attenzione sostenuta)Lo sviluppo dell’attenzione secondo Mackworth A.K. e Piaget J.Le diverse strategie operative per l’insegnante (comprendere l’incoerenza; gli spazifisici, gli spazi temporali; utilizzo di segnali univoci; i rumori di fondo; la risoluzionedei compiti senza premi o punizioni; uso pianificatori quotidiani, come diari oagende;Obiettivi del modulo:Conoscere i diversi modelli teorici dell’attenzione. Capire come si sviluppaautonomamente l’attenzione e saper applicare le diverse strategie per facilitarel’attenzione dei soggetti con particolari difficoltà.I quattro ambiti specifici dei pre-requisiti in età prescolare(10 ore)Contenuto:Linguaggio e abilità fonologiche e metafonologicheCoordinazioneTempi di reazioneMemoriaObiettivi del modulo:Riconoscere nei soggetti in formazione i pre-requisiti di uno sviluppo ottimale dellapersona
  35. 35. Riconoscere la presenza di un disturbo di letto-scrittura(30 ore)Contenuto:Orientamento dei grafemi nello spazio (“p-b”; “d-q”; “u-n”;”a-e”; “b-d”)Fonemi con somiglianze percettivo-uditiveLe coppie di fonemi simili (“f-v”; “t-d”; “p-b”; “c-g”; “l-r”; “m-n”;”s-z”)I grafemi diversi (“m-n”; “c-e”; “f-t”)La codifica sequenziale (seguire con lo sguardo la direzione sinistra-destra e alto-basso)Omissione di grafemi e sillabeOmissione di parole e salti da un rigo all’altroInversione di sillabeAggiunte e ripetizioni di sillabe o grafemi della parolaDifficoltà di riconoscimento dei gruppi consonantici complessi (gn, gh, gl, sc)Difficoltà nella lettura di parole a bassa frequenza d’usoPrevalenza della componente intuitivaObiettivi del modulo:Conoscere e saper riconoscere in un soggetto gli errori che caratterizzanogeneralmente un disturbo di letto-scritturaProcesso di elaborazione delle informazioni(15 ore)Contenuto:Elementi che denotano una buona elaborazione delle informazioni:Saper riconoscere le informazioni rilevanti di un testo;Focalizzazione (saperle collegare in modo coerente);Inferenziazione (meccanismo di previsione attraverso il quale si immagina ciò che èscritto prima di decifrare il testo);Si basa su indici linguistici (struttura ortografica, titolo, grammatica) edextralinguisitici (immagini, conoscenze preesistenti, informazioni del contesto);Saperle confrontare con il proprio bagaglio di conoscenze.Obiettivi del modulo:Acquisire conoscenze su come generalmente avviene un efficace processo dielaborazione delle informazioni
  36. 36. Dislessia(20 ore)Contenuto:La dislessia evolutiva (come e quando si manifesta)La dislessia acquisita (come e quando si manifesta)Le cause della dislessia (deficit fonologico; deficit nei processi di automatizzazione;deficit nell’elaborazione visivo–percettiva; disfunzionamento memoria a brevetermine; deficit del controllo motorioObiettivi del modulo:Acquisire conoscenze approfondite sull’origine, le cause e la manifestazione delladislessiaDisgrafia(15 ore)Contenuto:Quando è consigliabile fare una diagnosiQuando si manifestaLe caratteristiche generali (posizione e prensione; orientamento nello spazio;pressione sul foglio grafico; direzione del gesto grafico; produzioni e riproduzionigrafiche; esecuzione di copie; dimensioni dei grafemi; unione dei grafemi; ritmografico)Obiettivi del modulo:Acquisire conoscenze approfondite sull’origine, le cause e la manifestazione delladisgrafiaDisortografia(10 ore)Contenuto: Le difficoltà generali (confusione tra fonemi somiglianti; confusione tra grafemisimili; dimenticanza di parti di parole; inversioni di fonemi)Obiettivi del modulo:Acquisire conoscenze approfondite sull’origine, le cause e la manifestazione delladisortografia
  37. 37. Discalculia(15 ore)Contenuto:Le difficoltà aritmetiche (comprensione di termini o dei segni matematici;riconoscimento dei simboli numerici; allineare correttamente i numeri; inseriredecimali o simboli durante i calcoli; l’organizzazione spaziale dei calcoli aritmetici;apprendere in modo soddisfacente le tabelle)Le capacità “linguistiche” (comprendere o nominare i termini, le operazioni, o iconcetti matematici, e decodificare problemi scritti in simboli matematici)Le capacità “percettive” (riconoscere o leggere simboli numerici o segni aritmetici eraggruppare oggetti in gruppi),Le capacità “attentive” (copiare correttamente numeri o figure, ricordarsi diaggiungere il riporto e rispettare i segni operazionali)Le capacità “matematiche” (seguire sequenze di passaggi matematici, contare oggetti,e imparare tabelline)”Gli errori più frequenti nella discalculia (gli errori sintattici dei numeri; ilriconoscimento del valore dello zero nella transcodifica; gli errori nell’unire glielementi miscellanei con i numeri primitivi; gli errori di calcolo)Obiettivi del modulo:Acquisire conoscenze approfondite sull’origine, le cause e la manifestazione delladiscalculiaSessione metodologico-didattica (piano educativoindividualizzato) - 250 oreLe tecniche individuali di studio(30 ore)Contenuto:Lidea e la sua strutturaCome si associano le ideeLa lettura accelerataTecniche per ricordareI ripassiLe parole chiaveGli appunti ad elenco, a tabella, a blocchi, a diagramma.Obiettivi del modulo:Acquisire conoscenze avanzate sulle varie tecniche di studio e su come generalmentesi studia.
  38. 38. Tecniche e metodi didattici(60 ore)Contenuto:Misure compensative (uso di software specifici per disabilità specifiche)Misure dispensative (Modificazioni nell’espletamento dell’attività didattica)Mediatori didattici: tabelle, schemi, mappeI componenti di basso livello e di alto livello nella scrittura (Basso livello: Aspettiesecutivi, ortografici, morfosintattici; Alto livello: aspetti di pianificazione eideazione testuale, il tempo di esecuzione)Uso della scrittura associativa (scrittura non pianificata)La scrittura collaborativa (lista associativa; scrittura di una idea; individuazioneparola chiave; dalla parola chiave generazione altra idea; grappolo associativo;riordinamento/scelta idee attraverso liste predisposte; riordinamento lista predisposta)Pre-scrittura (precede la pianificazione; fase preparatoria; fase del pensare insieme)Esercizi di riscrittura – uso degli argomenti linguistici (la trasformazione di un testo)La didattica metacognitiva (monitoraggio cognitivo; autovalutazione; autocontrollo)La valutazione (valutare i progressi dalla situazione iniziale; come separare ciò che èlegato alla disabilità da ciò che è frutto di studio e impegno)La didattica metacognitiva a livello di Istituto (lo studente; l’insegnante; il ruolo delpreside; il ruolo dei genitori; formazione e aggiornamento degli insegnanti)Obiettivi del modulo:Acquisire metodi e tecniche didattiche ai fini di un’apprendimento efficace neisoggetti con D.S.A.Le variabili per l’interpretazione del testo(30 ore)Contenuto:Le conoscenze precedenti (lessicale, inerenti l’argomento, generali riguardanti laconoscenza del mondo)Le aspettative del lettore rispetto all’argomentoL’atteggiamento attivo/passivo (variazione ritmo lettura secondo gli scopi,focalizzazione parti, operare inferenze)Funzionamento della MBTDispositivi extratestuali (titolo, sommari, caratteri tipografici per la segnalazione difrasi/parole)La struttura retorica del testo (che può favorire le previsioni a livello semantico)La decodifica (riconoscere e denominare correttamente le parole che compongono untesto)Bottom-up (automatizzazione del processo);
  39. 39. Comprensione (capacità di cogliere il significato - rappresentazione mentale delcontenuto)Meccanismo di anticipazione cognitivoObiettivi del modulo:Acquisire conoscenze approfondite su come avviene il processo di lettura e su qualielementi è basata l’elaborazione del testo scrittoLettura decifratoria compromessa. Cosa fare?(20 ore)Contenuto:La lettura a voce altaLettori esterni (compagno/tutor) o software didatticoCome ridurre i testiPredisporre scalette degli argomenti (favorendo la registrazione delle lezioni)Come sollecitare le conoscenze precedentiCome far esercitare la focalizzazione, l’inferenziazione, l’interpretazioneObiettivi del modulo:Acquisire competenze didattiche di base per mettere in condizione il soggetto conD.S.A. di leggere e comprendere un testoUso delle TIC (Information and Comunication Technology)(30 ore)Contenuto:Programmi di training delle abilità di base (Metodo Tachistoscopico – su basineuropsicologiche)Programmi di lavoro specifico per l’analisi visiva e la lettura guidata (softwareLETRAS CAI-CAL)Multimedialità (comunicare attraverso l’uso di più codici comunicativi)Programmi di facilitazione alla scrittura (predizione delle parole)Programmi elaborazione testo con correzione ortografica (Word)Programmi elaborazione testo con sintesi vocale (C.A.R.L.O.)Obiettivi del modulo:Acquisire conoscenze sui diversi software che facilitano l’apprendimento nei soggetticon D.S.A.Lo screening(25 ore)Contenuto:Le prove di sceening precoce per i D.S.A.
  40. 40. La diagnosi (criterio di discrepanza e criterio di esclusione)I test più comunemente usati nella pratica clinica. Cosa valutano (attenzione,memoria, efficienza intellettiva, lettura nelle componenti di correttezza e rapidità diun brano, correttezza e rapidità nella lettura di liste di parole e non parole, scritturanella componente di dettato ortografico, calcolo nella componente del calcolo scrittoe del calcolo a mente, lettura di numeri e scrittura di numeri)Obiettivi del modulo:Acquisire conoscenze e competenze sulle pratiche di screening. Saper effettuare unoscreening dei soggetti in formazioneLe buone pratiche(30 ore)Contenuto:Progetto "Un credito di fiducia al bambino che apprende" (screening, formazionedocenti, coinvolgimento A.S.L., scuola, famiglia, istituzioni)Progetto A.P.RI.CO. (Attivazione di Interventi di Prevenzione, Rieducazione eCompensazione – uso delle ICT)Progetto T-islessia (utilizzo di un programma televisivo creato ad hoc per attività dipotenziamento)Obiettivi del modulo:Conoscere le buone pratiche sul territorio e saperle riprodurre nel contesto formativoin cui si operaLe tecniche di potenziamento di letto-scrittura più utilizzate(25 ore)Contenuto:Trattamento Percettivo-motorio (Benetti, 2002)Trattamento Davis-Piccoli (Godi, 2002)Trattamento linguistico genericoTrattamento Balance-Model (Lo Russo)Trattamento lessicale con parole isolate (Judica, De Luca, Spinelli; Zoccolotti, 2002)Trattamento per l’automatizzazione del riconoscimento sublessicale e lessicaleObiettivi del modulo:Acquisire conoscenze di base sulle tecniche di potenziamento più utilizzate in ambitodi letto-scrittura

×