Your SlideShare is downloading. ×
SmarTown01 04
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

SmarTown01 04

144
views

Published on

Ultimo appuntamento per SmarTown01, Escursioni nel futuro presente accompagnati da Giordano Cuoghi, Parco Rio Gamberi, Castelnuovo Rangone Modena …

Ultimo appuntamento per SmarTown01, Escursioni nel futuro presente accompagnati da Giordano Cuoghi, Parco Rio Gamberi, Castelnuovo Rangone Modena
Ospiti della serata Fabrizio Loschi + Marcello Targi

Published in: Design

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
144
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Escursioni nel futuro presente accompagnati da Giordano Cuoghigiovedì 28 giugno 2012
  • 2. giovedì 28 giugno 2012 ? "Il futuro mi interessa. È lì che passeró il resto della mia vita" (Groucho Marx) 01
  • 3. L’iniziativa fa parte del progetto con cui GEORGIA e LUCIO hanno vinto il bando indetto dal Comune di Castelnuovo Rangone per la gestione del KIOSKO per i prossimi 6+6 anni 02giovedì 28 giugno 2012
  • 4. Il progetto prevede l’installazione di pannelli fotovoltaici sul tetto del Kiosko, la realizzazione di un InfoPoint dedicato al Patto dei Sindaci ed una serie di incontri sui temi della Green Economy, dei Cambiamenti Climatici, dell’Agenda Digitale e delle Smart Cities, tutti argomenti con i quali avremo a che fare nei prossimi anni... Per cui abbiamo pensato di metterci avanti! 03giovedì 28 giugno 2012
  • 5. Istruzioni per l’uso Questi incontri vogliono essere una palestra per i futuri/attuali SMART PEOPLE che non si limitano ad ascoltare ma vogliono PARTECIPARE. Sulle vostre sedie trovate dei segnalibri con un QRcode che vi dà la possibilità di collegarvi direttamente ad un indirizzo TWITTER (#smartown01) Se ci mandate le vostre domande noi vi rispondiamo subito 04giovedì 28 giugno 2012
  • 6. 05giovedì 28 giugno 2012
  • 7. Castelnuovo Rangone (Mo) 27 giugno 2012 Kiosko Parco Rio Gamberi THINK SMART! PARTECIPANO FABRIZIO LOSCHI (Artista e ideatore della campagna IO NON TREMO) MARCELLO TARGI (Esaltatore naturale di gusto) 06giovedì 28 giugno 2012
  • 8. 07giovedì 28 giugno 2012
  • 9. Meglio prima di... Possiamo far sì che l’intelligenza non sia solo una questione di estetica ma che sia una questione fondante? (A. Bergonzoni) 08giovedì 28 giugno 2012
  • 10. Meglio prima di... E U R O PA 2 0 2 0 Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive 09giovedì 28 giugno 2012
  • 11. Meglio prima di... Crescita intelligente significa migliorare le prestazioni dellUE nei seguenti campi: 1) istruzione (incoraggiare le persone ad apprendere, studiare ed aggiornare le loro competenze) 2) ricerca/innovazione (creazione di nuovi prodotti/servizi in grado di stimolare la crescita e loccupazione per affrontare le sfide della società) 3) società digitale (uso delle tecnologie dellinformazione e della comunicazione) in 60.000 alle selezioni di x-factor! 10giovedì 28 giugno 2012
  • 12. Meglio prima di... Gli obiettivi dellUE per la crescita intelligente comprendono: 1) livelli di investimento (pubblico più privato) pari al 3% del PIL dellUE, nonché condizioni migliori per la R&S e linnovazione 2) tasso di occupazione per donne e uomini di età compresa tra 20 e 64 anni al 75% entro il 2020, da conseguire offrendo maggiori opportunità lavorative, in particolare a donne, giovani, lavoratori più anziani e meno qualificati e immigrati regolari 3) migliori risultati scolastici, in particolare: – riducendo gli abbandoni scolastici al di sotto del 10% – garantendo che almeno il 40% dei 30-34enni abbia unistruzione universitaria (o equivalente) attuale tasso occupazione Italia = 57,0% disoccupazione giovanile (15-24 anni) = 31,1% 11giovedì 28 giugno 2012
  • 13. Meglio prima di... Come lUE intende promuovere la crescita intelligente Mediante tre iniziative prioritarie: 1) 1. Agenda digitale europea Creare un mercato unico del digitale basato su Internet ad alta e altissima velocità e su applicazioni interoperabili: 1) entro il 2013: accesso alla banda larga per tutti 2) entro il 2020: accesso per tutti a velocità di Internet nettamente superiori (30 Mbp o più) 3) entro il 2020: almeno il 50% delle famiglie europee con connessioni Internet di oltre 100 Mbp. 2) 2. Unione dell’innovazione 1) riorientare la politica in materia di R&S e innovazione alle principali sfide della nostra società  come i cambiamenti climatici, lenergia e luso efficiente delle risorse, la salute e levoluzione demografica 2) rafforzare tutti gli anelli della catena dellinnovazione, dalla ricerca più teorica alla commercializzazione 3) 3. Youth on the move 1) aiutare gli studenti e apprendisti a studiare allestero 2) attrezzare i giovani a competere sul mercato del lavoro 3) migliorare le prestazioni e lattrattiva internazionale delle università europee 4) migliorare i livelli di istruzione e formazione (eccellenza accademica, pari opportunità) L’Italia occupa il fondo della classifica relativa alla velocità di connessione media, posizionandosi al 34esimo posto tra le nazioni europee con 12 una velocità media di 4,2 Mbps. La velocità di picco, invece, è di 16,6 Mbps, la metà di quella rilevata in Romania.giovedì 28 giugno 2012
  • 14. Meglio prima di... Perché lEuropa ha bisogno di una crescita intelligente La minore crescita dellUE rispetto ai suoi principali concorrenti è dovuta per lo più allo scarto di produttività causato in parte da: 1 minori investimenti in R&S e innovazione 2 insufficiente uso delle tecnologie dellinformazione/comunicazione 3 difficile accesso allinnovazione in alcune parti della società , Ad esempio: 1 Le imprese europee rappresentano attualmente soltanto un quarto del mercato mondiale delle tecnologie dellinformazione/comunicazione, del valore di 2 000 miliardi di euro. 2 Il ritardo con cui si diffonde Internet ad alta velocità si ripercuote negativamente sulla capacità dellEuropa di innovare, diffondere conoscenza e distribuire beni e servizi, oltre ad accrescere lisolamento delle aree rurali. Istruzione/formazione 1 Circa il 25% degli scolari europei leggono con difficoltà 2 Troppi giovani lasciano la scuola senza qualifiche I giovani italiani che hanno abbandonato gli studi senza conseguire un titolo successivo è pari al 18,8% 13giovedì 28 giugno 2012
  • 15. Meglio prima di... Perché lEuropa ha bisogno di una crescita intelligente 1 I numeri riguardanti la scuola secondaria sono migliori, ma le qualifiche spesso non corrispondono alle esigenze del mercato del lavoro 2 Meno di un terzo degli europei di età compresa tra i 25 e i 34 anni hanno conseguito un diploma universitario (contro il 40% degli Stati Uniti e oltre il 50% del Giappone) 3 Nelle classifiche le università europee non raggiungono i primi posti e soltanto 2 si collocano tra le 20 migliori università del mondo (vedere lindice di Shangai (ARWU) ) Invecchiamento della popolazione 1 Poiché gli europei vivono più a lungo e hanno meno bambini, un numero sempre minore di lavoratori è tenuto a mantenere un numero crescente di pensionati, oltre a dover finanziare il sistema previdenziale. 2 Attualmente il numero di ultrasessantenni aumenta a una velocità doppia rispetto a prima del 2007 (circa due milioni in più ogni anno contro un milione in precedenza). 3 Uneconomia della conoscenza più sviluppata e con maggiori opportunità può aiutare le persone a lavorare più a lungo e a ridurre la pressione sui sistemi previdenziali. Il 19,8% degli italiani compresi tra i 30 e i 34 anni è in possesso di un titolo di studio universitario 14giovedì 28 giugno 2012
  • 16. Meglio prima di... La crisi in Italia si fa sentire in tutti i campi, ma non spaventa la cultura. Nel 2011nel nostro Paese la spesa delle famiglie in questo settore ha raggiunto 70,9 miliardi di euro, con un incremento del 2,6% rispetto al 2010. Lo rivelano i dati contenuti nel Rapporto annuale Federculture 2012 ‘Cultura e sviluppo. La scelta per salvare l’Italia’, che sottolineano come musei e teatri vincano la sfida con vestiario, calzature e generi alimentari, per i quali la spesa è cresciuta nell’ultimo anno dell’1,3% per le prime due voci e 1,2% per la terza. Rispetto ai dati europei, i giovani non inseriti in un percorso scolastico/formativo e neppure impegnati in un’attività lavorativa sono più di due milioni, il 22,1 per cento tra i 15-29enni (2010), valore tra i più elevati a livello europeo. Il 6,2 per cento degli adulti è impegnato in attività formative (2010), ancora ben al di sotto del livello obiettivo stabilito nella strategia di Lisbona (12,5 per cento). 15giovedì 28 giugno 2012
  • 17. Meglio prima di... 16giovedì 28 giugno 2012
  • 18. Meglio prima di... 17giovedì 28 giugno 2012
  • 19. Meglio prima di... 18giovedì 28 giugno 2012
  • 20. Meglio prima di... 19giovedì 28 giugno 2012
  • 21. Meglio prima di... 20giovedì 28 giugno 2012
  • 22. Meglio prima di... 21giovedì 28 giugno 2012
  • 23. Meglio prima di... 22giovedì 28 giugno 2012
  • 24. Meglio prima di... 23giovedì 28 giugno 2012
  • 25. Meglio prima di... IO NON TREMO 24giovedì 28 giugno 2012
  • 26. giovedì 28 giugno 2012 ? Ci vediamo l’anno prossimo? 25
  • 27. GRAZIE PER L’ATTENZIONEgiovedì 28 giugno 2012