“PREMIO GIOVANI PER LA SCIENZA E LA TECNOLOGIA”
L’IISS “PIETRO SETTE” DI SANTERAMO CONQUISTA IL PRIMO POSTO
Tenacia. Inven...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Premio giovani per la scienza e la tecnologia

184

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
184
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Premio giovani per la scienza e la tecnologia"

  1. 1. “PREMIO GIOVANI PER LA SCIENZA E LA TECNOLOGIA” L’IISS “PIETRO SETTE” DI SANTERAMO CONQUISTA IL PRIMO POSTO Tenacia. Inventiva. Abilità. Iniziativa. Voglia di mettersi in gioco. Sono queste le qualità che caratterizzano i ragazzi dell'IISS “Pietro Sette” di Santeramo in Colle i quali, nelle date del 31 Marzo e del 1 Aprile, hanno gareggiato con altri giovani talentuosi provenienti dall'IISS “Leonardo da Vinci” di Cassano, dal liceo classico “P. V. Marone”, dal liceo scientifico “R. Canudo” e dall'ITIS “Galileo Galilei” di Gioia del Colle. Il concorso “Premio giovani per la scienza e la tecnologia”, svoltosi presso l’Auditorium del Liceo Scientifico “R. Canudo” di Gioia del Colle, è stato promosso dal Rotary Club di Acquaviva delle Fonti e di Gioia del Colle, un'associazione mondiale di imprenditori e professionisti con obiettivi umanitari ed educativi, che incoraggiano il rispetto di principi etici nell’esercizio di ogni professione e che mettono a disposizione la loro competenza con azioni di servizio e di generosità attiva. Finalità del concorso era promuovere l’interesse verso le materie scientifiche e tecnologiche. Ai concorrenti è stata richiesta, infatti, l’applicazione delle loro attitudini attraverso prove di abilità e competenza. I giovani studenti: Josef D. Labarile, Marco Labarile, Valeria Porfido, Stefano Stano e Gianpaolo Girasole, sono stati sfidati rispettivamente in gare singole di strategia di gioco, informatica, stesura di un saggio di divulgazione scientifica, prove di logica e di matematica. In particolare, nelle gare di strategia e di informatica, i ragazzi hanno conquistato il punteggio più alto, vincendo uno “smartpad” ad personam. “Amo la scienza in tutte le sue sfumature”, - afferma un giovane della squadra vincente, - “Mi piace sperimentare e mettermi in gioco. Quest’avventura mi ha permesso non solo di crescere come studente e come persona, ma anche di creare un ottimo rapporto con compagni di altre classi”. La dimensione ludica nelle scuole è importante per la formazione dei giovani: imparare divertendosi, imparare a sostenersi, imparare a vincere o a perdere e a lavorare in un clima disteso e di sana competizione, aiuta a formare i cittadini onesti e preparati del futuro. Un ringraziamento speciale va alla preside prof.ssa M. Ragone, alla vicepreside prof.ssa M. Giove e alla prof.ssa P. Perniola, che hanno aderito a questa iniziativa, sostenendo i ragazzi con la loro professionalità, tenendo alto il nome dell’IISS di Santeramo. Valeria Porfido

×