Your SlideShare is downloading. ×
Lama san giorgio
Lama san giorgio
Lama san giorgio
Lama san giorgio
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Lama san giorgio

115

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
115
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Pagina 1/4 Lama San Giorgio è un lungo solco erosivo (circa 40 Km), formato, dallo scorrimento delle acque meteoriche su di un substrato prevalentemente costituito da calcari me- sozoici, individuabili nelle unità litostratigrafiche del Calcare di Altamura e del Calcare di Bari ed approfonditosi a seguito del sollevamento tettonico subito dall’area murgi- ana in epoca Pleistocenica. Le lame possono considerarsi come formazioni geomorfologiche tipiche della Puglia centrale che svolgono una funzione primaria nella regolazione dell’idrologia di super- ficie. Generalmente esse consentono il deflusso delle acque meteoriche, attraverso tipici sistemi di valli chiuse propri di quei territori carsici comuni in gran parte della Puglia, verso punti naturali di assorbimento inghiottitoi, vore, ecc. che alimentano diretta- mente le falde sotterranee ma, come nel caso di Lama San Giorgio, possono anche orientare il deflusso delle acque direttamente verso il mare. Le lame costituiscono un elemento caratterizzante del paesaggio pugliese e la loro valenza si estrinseca non solo attraverso la funzione idraulica espletata ma, molto spesso, anche attraverso l’importanza naturalistica e storica che possono rivestire. Lama San Giorgio origina alle falde della collina di Monte Sannace in territorio di Gioia del Colle e prosegue con un percorso sinuoso verso nord attraverso i territori dei Comuni di Sammichele, Casamassima, Rutigliano, Noicattaro, Triggiano per termi- nare in territorio di Bari in corrispondenza del porticciolo del piccolo centro abitato di San Giorgio. Nel suo lungo percorso la Lama, fatta eccezione per l’area di origine, in agro di Gioia del Colle, territorialmente caratterizzata da zone boschive alternate a coltivi in un contesto ambientale e paesaggistico di alta qualità, si snoda in un territorio del tut- to coltivato e prevalentemente investito da colture specializzate spesso a carattere monocolturale-intensivo di bassa se non nulla qualità agroambientale. In tale circostanza il suo solco erosivo, che seppure a volte si assottiglia fino a divenire una debole traccia ma che per lunghi tratti si allarga ad ospitare ampie aree con as- setto vegetazionale che dal bosco sconfina nella macchia e nella gariga, rappresenta ecologicamente già oggi, con la sua biodiversità, un fondamentale ed insostituibile fattore di riequilibrio agro-ambientale; suscettibile di divenire, fatti salvi gli opportuni interventi naturalistici di restauro e miglioramento delle aree degradate, un vero e proprio “corridoio ecologico” capace di collegare la sponda adriatica con gli splen- didi paesaggi della Murgia sud-orientale, ricchi di boschi e insediamenti agricoli es- tensivi. Le formazioni vegetazionali presenti, a partire dal piano più elevato (400 m.) in corri- spondenza del Monte Sannace, sono costituite da boschi a prevalente composizione mista di fragno e roverella (Quercus trojana – Quercus pubescens) in associazione a fillirea (Phyllirea largifolia), alaterno (Rhamnus alaternus), fusaggine (Euonymus eu- ropaeus), biancospino (Crataegus monogyna), ciliegio canino (Prunus mahaleb) ecc.; mentre nei piani più bassi subentra la lecceta a cui fanno seguito nelle aree di mag- giore degrado formazioni a macchia e gariga. INTRODUZIONE ASPETTI NATURALISTICI LaLamaSanGiorgioGioiadelColle
  • 2. Pagina 2/4 Notevole è nel complesso, oltre alle citate, il numero di specie autoctone sia arboree che arbustive ed erbacce mentre, tra queste ultime, le numerose orchidacee (sedici le specie segnalate) accrescono significativamente la valenza del sito. Riguardo alla fauna le specie stanziali possono sostanzialmente riportarsi a quelle normalmente presenti in ambiente rurale; tra tutte è comunque da segnalare la pre- senza del colubro leopardino (Elaphe situla) raro endemismo dell’Italia meridionale, considerato il più bel serpente europeo. In quanto alle specie avicole migratrici un recente monitoraggio, condotto da un ap- passionato fotografo naturalista, ha rivelato, ai piedi del Monte Sannace in prossimità della Lama, nelle vasche di spandimento a servizio dell’impianto di depurazione AQP dei reflui di Gioia del Colle, una insospettata presenza di avifauna legata all’ambiente acquatico, notevole sia per numero che per importanza delle specie rappresentate. Questa circostanza, mai fino ad ora considerata, invita ad una profonda riflessione riguardo ad un impianto che, finora valutato solo per i suoi aspetti negativi, potrebbe viceversa, se opportunamente organizzato, svolgere un importante ruolo di valoriz- zazione ambientale dell’intera area. Come dimostrato per altre formazioni geomorfologicamente simili, è possibile che la Lama, già a partire dall’epoca preistorica, abbia costituito una sorta di corridoio o via preferenziale di collegamento dalla costa all’entroterra e viceversa. Lo testimonierebbero, lungo tutta l’asta fluviale, le tracce di numerosi insediamenti che vanno dall’eneolitico all’alto medioevo. Tra i più significativi vanno ricordati: in località Pentimone in agro di Sammichele di Bari un insediamento di età eneolitica e del bronzo; in agro di Turi in località Lama Rossa un altro insediamento di età eneolitica; nel territorio di Rutigliano nelle località Purgatorio, Britti, Casiglia e Tomegna testimonianze che vanno dall’VIII sec. a. C. fino all’epoca altomedievale e, non ultimi, nell’agro di Gioia del Colle in località Monte Sannace gli importantissimi resti di una intera città peuceta (VIII-II sec. a.C.) oggi com- presi all’interno dell’omonimo Parco archeologico. Tra le testimonianze di epoca medievale a Gioia del Colle in località Monte Sannace la chiesa dell’Annunziata (XI sec.), a Sammichele in località Il Canale i ruderi della chie- setta di Sant’Angelo (XIII sec. ) con annesse strutture, forse una “mansio” e nell’agro rutiglianese in località “il Lamone” proprio affacciata sulla Lama la chiesa dell’Annun- ziata la cui origine è fatta risalire al XIV secolo. Ancora oggi attraverso una serie di vie secondarie che, fatte salve le modificazioni avvenute nel corso dei secoli, ricalcano ampiamente l’antico tracciato, è possibile per- correre il medesimo itinerario della via che anticamente dal centro peuceta di Monte Sannace raggiungeva l’abitato di Azetium, attuale Rutigliano, e di qui il mare. TESTIMONIANZE STORICHE LaLamaSanGiorgioGioiadelColle
  • 3. Pagina 3/4 In considerazione di quanto innanzi accennato, già dal 1997, il Consiglio Regionale della Puglia, riconosciuta la rilevante valenza ambientale del sito, ha avviato l’iter di costituzione di un Parco Naturale Regionale denominato “Lama San Giorgio, Giotta” comprendente sia Lama San Giorgio sia una analoga formazione geomorfologica, Lama Giotta, posta ad oriente della prima e sfociante in mare in corrispondenza del centro abitato di Torre a Mare. Al fine dell’istituzione del Parco, la Regione aveva provveduto, in base a studi prelim- inari sulla tipologia ambientale e d’intesa con le Istituzioni interessate, ad effettuare una delimitazione di massima dell’area da destinare a Parco, complessivamente este- sa circa Ha 4.000 e compresa nei territori di Gioia del Colle, Sammichele, Casamassi- ma, Rutigliano, Noicattaro, Triggiano e Bari. Questa delimitazione, preliminarmente condivisa anche dal Comune di Gioia del Col- le, comprendeva per lo stesso Comune il “Parco archeologico di Monte Sannace” e le superfici boschive di Bosco Romanazzi (in parte Oasi naturalistica del W.W.F.) e Bosco Serra Capece, da sempre riconosciute di grande importanza storica e naturalistica. In tempi relativamente recenti (2013) ed a seguito dell’aggiornamento del Documen- to d’indirizzo per l’istituzione del Parco (settembre 2007), il Comune di Gioia del Colle veniva chiamato dalla Regione a confermare la perimetrazione dell’area di propria pertinenza. In tale occasione l’Amministrazione comunale con deliberazioni consiliari del 25/06/20113 e del 20/03/2014 riduceva drasticamente l’area perimetrata escluden- do di fatto sia il “Parco archeologico di Monte Sannace” sia le superfici boschive di Bosco Romanazzi e Bosco Serra Capece, dimostrando in modo palese, oltre che una anacronistica e deleteria insofferenza al tema ambientale, una forte volontà ostativa non solo nei confronti del Parco ma anche e soprattutto nei confronti dei vantaggi e possibilità di sviluppo che l’istituzione dell’area protetta avrebbe apportato agli oper- atori agricoli direttamente coinvolti e, indirettamente, all’intero territorio. Vantaggi e possibilità già chiaramente evidenziati al punto 10) “EFFETTI DERIVANTI DALL’ISTITUZIONE DELL’AREA PROTETTA”, del “Documento d’indirizzo per l’istituzi- one del Parco regionale Lama San Giorgio, Giotta” redatto dal Consiglio Regionale pugliese: Il PARCO NATURALE REGIONALE “LAMA SAN GIORGIO GIOTTA” LaLamaSanGiorgioGioiadelColle Priorità nell’accesso ai finanziamenti comunitari, nazionali e regionali; Valorizzazione delle attività e produzioni tipiche e tradizionali; Riconversione, in un’ottica sostenibile dall’ambiente naturale, dell’agricoltura presente;
  • 4. Pagina 4/4 Per concludere ed alla luce di quanto già detto, appare del tutto evidente come il ter- ritorio di sud-est del Comune di Gioia del Colle con le sue peculiarità paesaggistiche (boschi e coltivi di alta qualità ambientale) ed in particolare l’intera area del Monte Sannace con il Parco archeologico, la Chiesa dell’Annunziata, l’Oasi del W.W.F. e non ultima “l’area umida” prodotta dalle vasche AQP, debba essere considerato, rispetto alle Lame San Giorgio, Giotta ed al costituendo Parco Naturale Regionale, un unicum indissolubile capace di sviluppare sinergie e potenzialità del tutto nuove e preziose per l’economia e lo sviluppo delle aree coinvolte. Walter Ivone LaLamaSanGiorgioGioiadelColle Sviluppo di attività connesse al turismo di natura; Recupero dei beni di valore storico-architettonico; Organizzazione della fruizione dei beni, attivazione dei collegamenti in rete; Migliore salvaguardia del territorio sotto il profilo idrogeologico; Premialità per la riduzione della quota di partecipazione a carico delle amministrazioni comunali nell’accesso ai finanziamenti dei programmi di sviluppo.

×