COMUNE DI GIOIA DEL COLLE                                             PROVINCIA DI BARI                                   ...
Il Presidente pone in votazione per alzata di mano l’approvazione dell’ordine del giorno così come letto dalcons. Tuccillo...
•   che tale soluzione viene, dal comune di Gioia del Colle, ritenuta non idonea a risolvere nel migliore    dei modi la p...
•   Chiede alla Regione, ed in particolare al Presidente Vendola, all’Ass. LL.PP. Amati, all’Ass.    all’Ambiente Nicastro...
Letto, approvato e sottoscritto.IL PRESIDENTE                                                    IL SEGRETARIO GENERALEAvv...
REGIONE PUGLIA                     Area Politiche per lambiente, le reti e la qualità urbana                              ...
REGIONE PUGLIA                  Area Politiche per lambiente, le reti e la qualità urbana                                A...
REGIONE PUGLIA                  Area Politiche per lambiente, le reti e la qualità urbana                                A...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Delib.c.c.n.023 02052011 ordine del giorno

458

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
458
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Delib.c.c.n.023 02052011 ordine del giorno"

  1. 1. COMUNE DI GIOIA DEL COLLE PROVINCIA DI BARI CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE ORIGINALE OGGETTO Nr. Progr. 23 PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE APPROVATO DALLA REGIONE PUGLIA. REFLUI DEPURATI DEI COMUNI DI PUTIGNANO, GIOIA Data 02/05/2011 DEL COLLE, ACQUAVIVA DELLE FONTI, SAMMICHELE E CASAMASSIMA. APPROVAZIONE ORDINE DEL GIORNO. Adunanza STRAORDINARIA Seduta PUBBLICA di SECONDA convocazione in data 02/05/2011 alle ore 09:00. Lanno DUEMILAUNDICI il giorno DUE del mese di MAGGIO alle ore 09:00 convocata con le prescritte modalità, nella Sala Consiliare di Palazzo San Domenico si è riunito il Consiglio Comunale. Allappello risultano presenti: Cognome e Nome Pre. Cognome e Nome Pre. Cognome e Nome Pre. TISCI FILIPPO GIANFRANCO S FALCONE VITO N MASI GIUSEPPE LENIN S LONGO PIETRO S GALLO FILIPPO S DE LEONARDIS CLAUDIO S LONGO GIUSEPPE VITO S MASTROMARINO BELLISARIO S POVIA SERGIO S PARADISO VITO S MASTRANGELO GIOVANNI S DONVITO PIETRO S MASTROVITO MAURO S LAMANNA VINCENZO N MANCINO DONATO S TUCCILLO GIUSEPPE S DONGIOVANNI LEONARDO S VENTAGLINI FRANCESCO PAOLO N MILANO FEDERICO S LUDOVICO VITO S BRADASCIO TOMMASO S Totale Presenti: 18 Totali Assenti: 3Partecipa il SEGRETARIO COMUNALE, DOTT. GIUSEPPE DIOGUARDI, il quale provvede allaredazione del presente verbale.Presiede la seduta il PRESIDENTE del Consiglio, AVV. FILIPPO GIANFRANCO TISCI il quale,dichiarata la legalità della seduta, invita il Consiglio Comunale a deliberare in merito alloggetto
  2. 2. Il Presidente pone in votazione per alzata di mano l’approvazione dell’ordine del giorno così come letto dalcons. Tuccillo. Si ottiene il seguente risultato che viene proclamato dal Presidente:Presenti e votanti 17Assenti 4 (Falcone, Lamanna, Dongiovanni, Ventaglini)Favorevoli 17In dipendenza di quanto innanzi IL CONSIGLIO COMUNALEUDITA la proposta di Ordine del Giorno riguardante il Piano di tutela delle acque approvato dalla RegionePuglia inerente i reflui depurati dei Comuni di Putignano, Gioia del Colle, Acquaviva delle Fonti, Sammichelee Casamassima;ASCOLTATI gli interventi dei consiglieri riportati nel verbale di seduta;VISTO l’esito della votazione; DELIBERADI APPROVARE l’Ordine del Giorno di seguito riportato:“Premesso:• che il Piano di Tutela delle Acque approvato dalla Regione Puglia prevede che i reflui depurati dei comuni di Putignano, Gioia del Colle, Acquaviva delle Fonti, Sammichele e Casamassima debbano essere sversati nella Lama San Giorgio e/o nei suoi affluenti, in osservanza delle disposizioni del D. Lgs. 152/2006 e della normativa comunitaria;• Che con riferimento ai sistemi di smaltimento attuali (trincee drenanti) occorre evidenziare le seguenti problematiche: o Impossibilità di eseguire il lavaggio dei dreni; o Riduzione della capacità filtrante a causa della saturazione dei terreni; o Problemi derivanti dalla gestione dei disservizi e dei fuori esercizio degli impianti di depurazione• Che con riferimento ai sistemi di smaltimento previsti dal P.T.A. (recapito in lama) occorre evidenziare le seguenti problematiche: o Non omogenea posizione catastale delle lame e dei terreni contermini; o Necessità del preventivo ripristino della funzionalità idraulica degli alvei; o Necessità che siano previsti interventi di manutenzione ordinaria degli alvei; o Problemi derivanti dalla gestione dei disservizi e dei fuori esercizio degli impianti di depurazione; o Problemi igienico-sanitari connessi al deflusso superficiale dei reflui depurati e degli eventuali lagunaggi occasionali; o Impossibilità di riutilizzare le acque reflue a scopo irriguo; o Mancata conoscenza delle conseguenze connesse alla presenza di una portata continua lungo gli alvei.
  3. 3. • che tale soluzione viene, dal comune di Gioia del Colle, ritenuta non idonea a risolvere nel migliore dei modi la problematica dello sversamento dei reflui, atteso che: o l’intervento programmato si pone in contrasto con le attività di tutela e valorizzazione dei beni paesaggistici e naturalistici, di cui la Lama San Giorgio costituisce elemento fondante, avviate, dapprima dalla Regione Puglia (con la proposta di istituzione del Parco Naturale Regionale Lame San Giorgio e Giotta) e poi dai comuni interessati (vedi il PIST “Lame di Peucetia” che coinvolge i comuni di Gioia, Sammichele, Casamassima e Turi, o la proposta di SAC “Ecomuseo di Peucetia” formulata dagli stessi comuni unitamente al comune di Acquaviva); o nel corso dell’ultimo incontro presso l’Assessorato Regionale all’Assetto del Territorio sull’istituzione del Parco Naturale Regionale Lame San Giorgio e Giotta (06 dicembre 2010) il problema è stato evidenziato dall’Assessore Barbanente, e condiviso dai rappresentanti dei comuni partecipanti; o la programmazione sembra non tener conto della presenza lungo il corso della lama di numerosi inghiottitoi, che mettono direttamente in collegamento i reflui depurati con il sottosuolo, e quindi con ogni probabilità anche con le falde sotterranee, attesa la natura carsica del terreno, elemento questo che le direttive europee e la norma nazionale di recepimento vogliono evitare.• Che l’Amministrazione comunale è a conoscenza dell’esistenza di un progetto definitivo (inserito nel parco progetti del Piano Strategico Metropoli Terra di Bari) che prevede la realizzazione di un collettore intercomunale che raccolga i reflui depurati dei cinque comuni e li convogli nell’emissario del depuratore di Bari Ovest;• Che tale progetto era già stato ritenuto prioritario e meritevole di finanziamento nella precedente programmazione POR Puglia 2000-2006 nell’ambito dell’accordo di Programma Quadro “Risorse idriche” del marzo 2003, e poi successivamente stralciato nelle successive fasi di rimodulazione dell’accordo;• Che tale progetto può essere ritenuto utile alla soluzione definitiva del problema di cui trattasi;• Che lo stesso progetto può essere reinterpretato non già quale strumento per lo scarico dei reflui (il che richiederebbe una problematica modifica del Piano di Tutela delle Acque), ma quale mezzo per favorire il riutilizzo delle acque depurate affinate, prevedendo la realizzazione di un impianto consortile di affinamento e riutilizzo ai fini irrigui, così come ipotizzato nella scheda progetto presentata nel Piano Strategico MTB;• Che beneficiari di questo eventuale impianto di affinamento e riutilizzo dei reflui per usi irrigui possano essere anche i comuni costieri (Noicattaro, Mola di Bari, Bari) L’Amministrazione comunale, per le motivazioni illustrate in premessa• Manifesta la propria ferma contrarietà allo sversamento in lama dei reflui provenienti dagli impianti di depurazione;• Sostiene la realizzazione del progetto alternativo del collettore intercomunale;
  4. 4. • Chiede alla Regione, ed in particolare al Presidente Vendola, all’Ass. LL.PP. Amati, all’Ass. all’Ambiente Nicastro, all’Ass. all’Assetto del Territorio Barbanente, l’apertura di un tavolo di concertazione per valutare la possibilità di attuare il progetto alternativo del collettore intercomunale, insieme ai comuni interessati (Acquaviva delle Fonti, Casamassima; Sammichele di Bari, Putignano, Rutigliano, Noicattaro, Triggiano, Mola di Bari, Bari);• Allega al presente OdG , la cui scheda progetto de collettore intercomunale, inserita nel parco progetti MTB, ed il verbale dell’incontro del 06/12/2010, per farne parte integrante e sostanziale;• Impegna il Sindaco ad inoltrare immediatamente il presente OdG alle autorità regionali ed ai comuni interessati, nonché al Ministero dell’Ambiente, per le attività di competenza”.
  5. 5. Letto, approvato e sottoscritto.IL PRESIDENTE IL SEGRETARIO GENERALEAvv. Tisci Filippo Gianfranco Dott. Dioguardi Giuseppe CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE.Copia della presente deliberazione viene pubblicata allAlbo Pretorio dal 05/05/2011 al20/05/2011 ai sensi e per gli effetti dellArt. 124 del D.Lgs. 18.08.2000 n. 267 .Gioia del Colle, li 05/05/2011 IL SEGRETARIO GENERALE Dott. Dioguardi Giuseppe Il sottoscritto Segretario Generale, visti gli atti dufficio ATTESTA che la presente deliberazione: è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dellArt. 134, comma 4°, D.Lgs. Nr. 26 Diviene esecutiva il 15/05/2011, giorno successivo al decimo di pubblicazione, ai sensi dellArt. 134, 3° Comma, D.Lgs. Nr. 267/2000Gioia del Colle, li 05/05/2011 IL SEGRETARIO GENERALE Dott. Dioguardi Giuseppe
  6. 6. REGIONE PUGLIA Area Politiche per lambiente, le reti e la qualità urbana Assessorato alla Qualità del Territorio Servizio Ecologia - Ufficio Parchi e Tutela della Biodiversità “Istituzione Parco Naturale Regionale Lame San Giorgio e Giotta” VERBALE RIUNIONE DEL 6 DICEMBRE 2010 L’anno 2010, il giorno lunedì 06 dicembre 2010, alle ore 15.00, pressol’Assessorato alla Qualità del Territorio, sito a Modugno Z.I. (BA) in via delleMagnolie 6/8, si è svolta una riunione, giusta convocazione trasmessa con nota prot. n.2038 del 22.11.2010, con i rappresentanti della Provincia di Bari e dei Comuni di Bari,Casamassima, Gioia del Colle, Noicattaro, Sammichele di Bari e Triggiano, conl’obiettivo di riprendere l’iter istitutivo, dopo l’ultima conferenza di servizi del 20settembre 2007, dell’area protetta regionale “Lame San Giorgio e Giotta”. L’incontro è presieduto dall’Assessore alla Qualità del Territorio, Prof.ssaAngela Barbanente. In rappresentanza della Regione Puglia sono inoltre presenti l’Ing. AntonelloAntonicelli, dirigente del Servizio Ecologia, ed i funzionari dell’Ufficio Parchi e Tuteladella Biodiversità Dott. For. Pierfrancesco Semerari e Dott. For. Giovanni Zaccaria. L’Ing. Antonicelli introduce il tema dell’incontro dando lettura del verbale dellaconferenza di servizio, così come previsto dalla L.R. 19/97, tenutasi il 20 settembre2007. Dalla lettura del verbale emerge come i rappresentanti degli Enti partecipanti adetta Conferenza avessero già espresso una sostanziale adesione alla perimetrazionedell’istituenda Area Protetta. L’Assessore Barbanente richiama l’importanza del territorio ricompreso nelperimetro del Parco, così come proposto, considerata la funzione di connessioneecologica delle lame tra il sistema murgiano e la costa. Inoltre sottolinea che il territorioha notevoli potenzialità anche sotto l’aspetto della fruizione ricreativa proprio in virtùdella prossimità a un contesto fortemente antropizzato nel quale gli spazi liberi dielevato valore ecologico sono piuttosto rari. L’Assessore ricorda che tra i progetti che rischiano di alterare le caratteristichedell’area vi è quello presentato dall’AQP che prevede lo sversamento dei reflui deiComuni ricadenti nel bacino della Lama San Giorgio all’interno della medesima lama.Questo progetto, come autorevolmente rilevato in una nota a firma del segretariodell’AdB Puglia, modificando il regime delle portate, che sono normalmente legate alleprecipitazioni meteoriche, altererebbe lo stato dei luoghi e degli habitat presenti nellalama. L’Assessore, quindi cede la parola ai rappresentanti degli Enti convenuti al finedi conoscere le loro opinioni in merito all’istituzione del Parco. L’Assessore della Provincia di Bari si dichiara favorevole in linea di principiopur volendo attendere il parere dei Comuni interessati. Il rappresentante del Comune di Gioia del Colle, richiama il fatto che la propriaVerbale Riunione per l’istituzione del Parco Naturale Regionale “Lame San Giorgio e Giotta”6 dicembre 2010 Pagina 1 di 3
  7. 7. REGIONE PUGLIA Area Politiche per lambiente, le reti e la qualità urbana Assessorato alla Qualità del Territorio Servizio Ecologia - Ufficio Parchi e Tutela della BiodiversitàAmministrazione, nel mese di giugno scorso, ha avanzato la proposta di inserire unacava abbandonata nel perimetro del Parco, attesa la riconosciuta presenza di una coloniadi grillai al suo interno. Sottolinea, inoltre, che il Comune di Gioia del Colle, assieme adaltri Comuni sta redigendo un piano integrato delle lame. Riguardo al problema dellosversamento dei reflui nella lama, ritiene opportuno individuare una soluzionealternativa anche nell’ambito di un tavolo tecnico. Interviene la Prof.ssa Maugeri del Comune di Bari che, ricollegandosi a quantodichiarato dal rappresentante di Gioia del Colle, conferma il parere favorevoleall’istituzione del Parco. L’Assessore Barbanente, ritornando sulla questione dello sversamento dei reflui,richiama l’esigenza di dover considerare il relativo parere espresso dall’AdB. In merito alla cava abbandonata, l’Ing. Antonicelli chiede al rappresentante diGioia del Colle se siano state acquisite le autorizzazioni per adibire la cava a discarica.La risposta è che, al momento, vi sono pareri negativi e i lavori non sono iniziati. IlComune di Gioia dichiara che trasmetterà a breve la documentazione relativa a questoparticolare aspetto. Il rappresentante del Comune di Noicattaro esprime parere favorevoleall’istituzione del Parco, pur dichiarando la necessità di un approfondimento istruttoriosulla perimetrazione in considerazione della sua possibile interferenza con il tessutourbano. È nettamente sfavorevole allo sversamento dei reflui nella lama. Ricorda checon i fondi del Piano strategico sono stati fatti alcuni lavori per la messa in sicurezzadella lama dal punto di vista idraulico. Il rappresentante del Comune di Triggiano chiede di poter ricevere ladocumentazione relativa alla perimetrazione. Sottolinea che, poiché il territorio diTriggiano è quello più prossimo alla sezione di chiusura del bacino idrografico di LamaSan Giorgio, in occasione di piene eccezionali si verificano allagamenti che interessanola provinciale Triggiano – San Giorgio. A tale riguardo, rilevando che in alveo sonostati realizzati spesso interventi che occludono la sezione di deflusso, ritiene opportunoespropriare tali terreni. L’Assessore Barbanente, nel rilevare che questi problemi sono originati dallamancanza di controlli, precisa che si deve trovare un’alternativa all’esproprio. Il rappresentante del Comune di Sammichele di Bari evidenzia che l’alveo dellaLama San Giorgio, nel proprio territorio, spesso scompare e l’acqua spaglia nei campi. Pertanto, ritiene prioritario ripristinare la funzionalità idraulica della lama. Aggiunge, ancora, che pur essendo favorevole all’istituzione dell’Area protetta,ritiene che il Parco debba costituire una risorsa per il territorio e non un essere unulteriore aggravio di vincoli. Il rappresentante del Comune di Casamassima si dichiara favorevoleall’istituzione dell’Area protetta ma chiede che la popolazione locale sia coinvolta nelprocesso decisionale. L’Assessore Barbanente, prende atto del favore generale espresso sull’istituzioneVerbale Riunione per l’istituzione del Parco Naturale Regionale “Lame San Giorgio e Giotta”6 dicembre 2010 Pagina 2 di 3
  8. 8. REGIONE PUGLIA Area Politiche per lambiente, le reti e la qualità urbana Assessorato alla Qualità del Territorio Servizio Ecologia - Ufficio Parchi e Tutela della Biodiversitàdel Parco e comunica ai presenti che a breve sarà inviato il verbale dell’incontro odiernooltre ai file relativi alla perimetrazione su ortofoto e su CTR, entrambi disponibili sulsito www.sitpuglia.it. L’ing. Antonicelli conclude l’incontro comunicando che gli appuntamentisuccessivi si terranno nelle sedi dei singoli Comuni. L’incontro si conclude alle ore 17,00.Modugno, 06/12/2010 Per la Regione Puglia Il segretario verbalizzante Dott. For. Pierfrancesco SemerariVerbale Riunione per l’istituzione del Parco Naturale Regionale “Lame San Giorgio e Giotta”6 dicembre 2010 Pagina 3 di 3

×