al Signor Sindaco
Sergio Povia
Comune di Gioia del Colle
“Non vedremo sbocciare dei santi finché non ci saremo costruiti d...
proposte da altri, votando per scegliere il meglio per tutti. Ma, soprattutto, conoscere ed
apprendere l’importanza del se...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Consiglio comunale dei ragazzi

362

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
362
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Consiglio comunale dei ragazzi

  1. 1. al Signor Sindaco Sergio Povia Comune di Gioia del Colle “Non vedremo sbocciare dei santi finché non ci saremo costruiti dei giovani che vibrino di dolore e di fede pensando all’ingiustizia sociale.” (Don Lorenzo Milani in “Esperienze pastorali”) Egregio Signor Sindaco, una delle prime sollecitazioni che il sottoscritto, nella sua qualità di Consigliere Comunale, Le pose pochi giorni dopo l’insediamento del Consiglio (giugno 2012), fu la riproposizione, dopo tanti anni, del Consiglio Comunale dei Ragazzi. Dopo la sua iniziale disponibilità, sperai che l’inizio dell’anno scolastico 2012 – 2013 fosse l’occasione migliore per avviare il cammino di consultazione delle Scuole, stesura di un Regolamento e partenza dell’esperienza del Consiglio dei Ragazzi. Credevo che l’aver affidato ad una Docente la delega assessorile all’Istruzione (delega non assegnata nella precedente Amministrazione), potesse rafforzare la mia speranza. E, invece, nulla è accaduto. Durante l’anno scolastico ho provato più volte, in Consiglio Comunale, a chiedere spiegazioni, chiarimenti, a Lei e all’Assessore, ma per risposta sempre parole vaghe, approssimative, senza mai entrare, come ama sempre rimproverare Lei agli altri, nel “merito” degli impedimenti. Siamo così giunti ad anno scolastico 2013 – 2014 inoltrato. E, come presagito, ancora nulla si muove. Ci avviamo verso la fine del primo quadrimestre scolastico e, devo dedurre, nemmeno quest’anno accadrà quanto avevo auspicato. Proverò, ora, a spiegarle quanto sia importante rispristinare il Consiglio Comunale dei Ragazzi e perché, il sottoscritto, pare in solitudine, continui a considerare questa una priorità. Certo, Lei risponderebbe, com’è solito fare, che è un’iniziativa che non produce posti di lavoro, che non genera ricchezza e sviluppo, che non fa circolare denaro e che, il sottoscritto, come sempre, non è in grado di fare proposte reali e concrete. E’ vero, lo ammetto. Il Consiglio Comunale dei Ragazzi non genera quanto Lei crede serva alla Sua Comunità. Ma c’è una ricchezza ed uno sviluppo che Lei solitamente non considera e annovera tra le priorità di un buon amministratore: la cultura della legalità e l’educazione civica. E, in particolare, il desiderio che tale cultura trovi terreno fertile nelle nuove generazioni. Non siamo forse spaventati, come cittadini, dal costante clima di sfiducia verso il senso delle Istituzioni? Non ci inquieta la progressiva decadenza morale della democrazia rappresentativa? Un popolo che non crede più in coloro che lo governano, è un popolo votato alla fine. E’ questa la ragione per cui un’esperienza come il Consiglio Comunale dei Ragazzi, spazio e luogo dove i nostri ragazzi, figli di questa nostra Comunità cittadina, elettori e amministratori del futuro prossimo, possano sperimentare e incarnare il valore e la nobiltà dell’impegno politico e sociale, come Cittadini e rappresentanti di altri Cittadini (i compagni che li hanno eletti). Ogni componente del Consiglio, infatti, sarà eletto dagli alunni della propria Scuola di appartenenza dove, con l’aiuto dei Docenti, tutti potranno diventare attori di un’esperienza democratica, candidandosi o sostenendo idee 1
  2. 2. proposte da altri, votando per scegliere il meglio per tutti. Ma, soprattutto, conoscere ed apprendere l’importanza del senso di appartenenza ad una Comunità, ad un territorio, ad uno Stato, al mondo intero, e sentirsi al contempo responsabili del comune futuro, del bene di tutti, della giustizia, del benessere degli altri, dell’ecosistema senza il quale non vi sarà domani. Sono anni che vivo in prima persona, nella mia Scuola, in un altro Comune, l’esperienza del Consiglio dei Ragazzi. E, devo dirle con tutta sincerità, ho imparato più da loro, su che cosa è la Politica, che da oltre un anno di esperienza istituzionale insieme a Lei ed ai miei colleghi Consiglieri. Ho appreso quanto sia per loro importante il voto insieme alla retta coscienza nello scegliere il candidato più responsabile e attento all’interesse di tutti. L’entusiasmo e la voglia di cambiare il mondo, l’attenzione ai deboli e all’ambiente, il senso delle regole e, anche, la sfiducia nel mondo degli adulti. Assistere ad un Consiglio Comunale dei Ragazzi, mi creda, sarebbe per noi Consiglieri e Amministratori, esemplare ed educativo. Rispetto agli indecorosi spettacoli di cui siamo noi attori e protagonisti, loro sarebbero testimoni di Bellezza, eleganza e rispetto, concretezza e freschezza di idee e progettualità, oltre a darci dimostrazione pratica di attaccamento alla legalità e al senso delle regole. Ecco, istituire il Consiglio Comunale dei Ragazzi potrà essere esperienza più utile a noi che a loro. Potremmo sperimentare, confrontandoci con i nostri ragazzi, quanto siamo lontani dalla volontà dei padri costituenti e quanto abbiamo smarrito in termini di senso civico e saggezza amministrativa. “I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge” recita l’Art. 54 della Costituzione Italiana. “Disciplina e onore” che, osservando lo spettacolo che la politica italiana continua ad offrire da oltre un trentennio, paiono parole lontane e arcane, pronunciate da mistici vegliardi in qualche altra parte dell’universo. Per questo, mi permetta, insisterò e continuerò a chiederLe di promuovere e dar vita, quanto prima, al Consiglio Comunale dei Ragazzi. Gli alunni delle nostre Scuole devono sentire, vivere e sperimentare l’impegno politico, affinché siano portatori sani di un senso delle istituzioni e del bene comune di cui c’è bisogno quanto l’aria che respiriamo. Conoscere i luoghi, la storia, i meccanismi della democrazia partecipata e rappresentativa. Credere che una classe dirigente diversa e Cittadini maturi e consapevoli, non siano un’utopia buona per miti impossibili, ma una possibilità concreta. Della loro formazione, del loro impegno, della loro coscienza critica, del loro essere ragazzi di oggi ed elettori di domani, cittadini liberi e consapevoli, abbiamo tutti bisogno, più dei posti di lavoro, del denaro che circola, dello sviluppo così come lo intende Lei. Perché loro, i ragazzi, la Scuola, la formazione civica, sono il miglior investimento per il presente e per il futuro, e che non potrà mai essere rimandato o sacrificato sull'altare delle priorità economiche. “I meccanismi della costituzione democratica sono costruiti per essere adoprati non dal gregge dei sudditi inerti, ma dal popolo dei cittadini responsabili: e trasformare i sudditi in cittadini è miracolo che solo la scuola può compiere.” (Piero Calamandrei, Contro il privilegio dell'istruzione, 1946) Gioia del Colle, Domenica 24 novembre 2013 Enzo Cuscito (Consigliere Comunale) 2

×