Carabinieri attivita operativa provincia di bari 2011
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

Carabinieri attivita operativa provincia di bari 2011

  • 711 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
711
On Slideshare
711
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Ministero per i Beni e le Attività Culturali Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale NUCLEO DI BARI ___________________ ATTIVITÀ OPERATIVA 20111. Attività di prevenzione e controllo2. Azione di contrasto: a. Bilancio 2011 – attività repressiva; b. Attività di recupero; c. I settori di intervento: Antiquariato; Falsi e diritti d‟autore; Importazione illecita dei Beni Culturali; Archeologia; E-commerce; Tutela del paesaggio; Attività correlate.
  • 2. L‟analisi operativa 2011 prende in esame i dati statistici del Nucleo CC TPC di Baripresenti al 31 dicembre 2011 nella Banca Dati del Comando CC TPC che, in virtù del D.M.Interno 28 aprile 2006, è chiamato a svolgere le funzioni di polo di gravitazione informativae di analisi per tutte le forze di polizia per quanto attiene i reati perpetrati in danno delpatrimonio culturale. Nell‟anno appena concluso si confermano, in linea di massima, gli andamenti giàrilevati nei decorsi anni quali:- la contrazione del numero dei furti di beni culturali in danno delle strutture museali;- il contenimento degli scavi clandestini accertati;- la persistenza del fenomeno della falsificazione;- la diffusione delle vendite/acquisiti on line di Beni Culturali. Il Nucleo CC TPC di Bari, nel corso del 2011, per portare a termine le varie attivitàdi prevenzione e repressione nei vari settori di competenza si è avvalso della fondamentalecollaborazione dell‟Arma territoriale, del 6° Elinucleo CC di Bari e del Nucleo CCSubacquei di Bari con i quali sono state pianificate e coordinate periodicamente attività dimonitoraggio in tutte le aree di interesse culturale, paesaggistico, ambientale edarcheologico, aree che per le loro caratteristiche necessitavano di essere monitorate“dall‟alto” o “via mare”. 1. ATTIVITÀ PREVENTIVA E DI CONTROLLO Il 2011 è stato caratterizzato dal grande impegno nell‟incrementare i servizi diprevenzione nei confronti degli obiettivi ritenuti più a rischio per quantità e qualità di beniculturali custoditi o esposti al pubblico quali biblioteche, musei e gallerie attraverso unaprogrammazione capillare e costante degli interventi.In particolare, durante il decorso anno sono stati effettuati: 114 (+23.7% rispetto al 2010) controlli a esercizi commerciali, mercati e fiere di oggetti antiquariali; 2
  • 3. 40 (+37.93%) verifiche alla sicurezza di Musei, Biblioteche ed Archivi, condotte in tutto il territorio di competenza (Puglia, Basilicata e Molise) congiuntamente alle rispettive Direzioni Regionali del MiBAC e alle competenti Soprintendenze, con la dichiarata finalità di individuare i punti di criticità dei sistemi difensivi ivi installati per resistere o respingere le aggressioni criminali di rapinatori, ladri o vandali; 97 (+51.56%) controlli nelle aree archeologiche ritenute potenzialmente più esposte alle aggressioni criminali, svolti congiuntamente al personale delle competenti Soprintendenze, del 6° Elinucleo Bari e del Nucleo CC Subacquei e Arma Territoriale. 46 (+21.05% rispetto al 2010) controlli ad aree tutelate da vincoli paesaggistici. - FENOMENO FURTI - Il significativo incremento dell‟attività di prevenzione ha prodotto da subito risultaticoncreti in quanto a fronte delle numerose strutture museali presenti in Puglia, Basilicata eMolise, solamente in 2 di esse sono stati denunciati furti di beni culturali. E tali furti sonopresumibilmente avvenuti in epoche remote e scoperti solo oggi a seguito dell‟opera disensibilizzazione effettuata dal Nucleo circa la necessità di concludere la catalogazione deibeni da parte degli enti proprietari. Tale accorgimento permette un rapido inserimento delbene interessato dal fenomeno delittuoso (furto, rapina) nella Banca Dati dei BeniIllecitamente Sottratti e questo ne facilita il rintraccio. L‟incremento numerico delle verifiche alle difese delle strutture museali è statoaccompagnato da un innalzamento del livello qualitativo dei controlli effettuati attraversoun ulteriore affinamento degli strumenti in uso al personale operante, dotato di unvademecum operativo dei controlli alle strutture museali in relazione al rischio criminale.Le risultanze dei controlli sono state comunicate di volta in volta al Mi.B.A.C. ed agli entiproprietari al fine di consentire di intervenire sulle criticità riscontrate.PUGLIA: 20 furti nel 2011, rispetto ai 30 del 2010, cosi suddivisi: Musei: 1 furto; Enti Pubblici e Privati: 4 furti; Chiese: 4 furti rispetto ai 13 del 2010.; Ai danni di privati: 11 furti, stabile rispetto al 2011Per un totale di 246 oggetti trafugati 3
  • 4. BASILICATA: 6 furti nel 2011 contro i 5 del 2010, cosi suddivisi: Musei: 0; Enti Pubblici e Privati: 0; Chiese: 5 furti, stabile rispetto all‟anno precedente; Ai danni di privati: 1.Per un totale di 58 oggetti trafugati.MOLISE: 2 furti nel 2011(dato stabile rispetto al 2010), cosi suddivisi: Musei: 0; Enti Pubblici e Privati: 2; Chiese: 0; Ai danni di privati: 0.Per un totale di 33 oggetti trafugati. I privati e i luoghi di culto si riconfermano pertanto gli obiettivi più sensibili allaspecifica aggressione criminale. Sul sito internet istituzionale, è possibile individuare una sezione nella quale sonoriportati consigli per non incorrere in spiacevoli situazioni in caso di acquisto di opered‟arte. In allegato: Consigli in caso di acquisto di beni di interesse culturale; Documento dell’opera d’arte – Object ID (permette di creare un archivio fotografico e descrittivo dei propri beni culturali, determinante in caso di furto, poiché ne consente l‟agevole informatizzazione nella Banca Dati, in modo da favorire la costante comparazione con quanto giornalmente sia oggetto di controllo. Un‟opera rubata, infatti, se fotografata ed adeguatamente descritta, può essere recuperata più facilmente). 4
  • 5. 2. AZIONE DI CONTRASTOa. BILANCIO 2011 - ATTIVITÀ REPRESSIVA 2010 2011 Variazione PERSONE DEFERITE ALL’A.G. IN STATO DI LIBERTÀ 61 96 + 57.37% RICETTAZIONE 36 58 + 61.11% TIPOLOGIA SCAVO CLANDESTINO 11 47 +327.27% REATI REATI IN DANNO DEL 5 21 + 320% PERSEGUITI PAESAGGIO ATRI REATI 46 111 + 141.3% PERQUISIZIONI EFFETTUATE 15 61 + 510% SANZIONI AMMINISTRATIVE ELEVATE 15 9 40%b. ATTIVITÀ DI RECUPERO 2011 BENI RECUPERATI Reperti archeologici (interi, frammenti e monete archeologiche) 3.433 Beni antiquariali, archivistici e librari (libri, materiale archivistico, oggetti 24 chiesastici, quadri e sculture) Falsi sequestrati 3 Stima economica in euro 500.000c. I SETTORI DI INTERVENTO - ANTIQUARIATO: Restituzione del dipinto di Costantin Meunier al Belgio 5
  • 6. Il 18 aprile 2011, presso la residenza dell‟Ambasciatore del Belgio in Italia, ilComandante dei Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, Generale diBrigata Pasquale Muggeo, nel corso di una cerimonia ufficiale, ha consegnato unbene d‟arte illecitamente sottratto a quello Stato e recuperato in Italia. Tra le attivitàdel Comando, infatti, vi è anche il ritorno ai paesi esteri di tutti i beni darte trafugati,nella convinzione che questi mantengano il loro specifico valore storico e culturalesolo se restano nel loro contesto dorigine. Si tratta di un dipinto olio su tela, aventedimensioni cm 50x67, del maestro Costantin Meunier (1883), raffigurante "battagliadi galli a Siviglia", parziale provento di un furto perpetrato nel 1994 in unabitazioneprivata di un avvocato di Bruxelles e recuperato nel 2007 anche grazie alle indaginicondotte Nucleo Carabinieri T.P.C. di Bari. Al termine di tutte le procedure per ilrimpatrio, nel 2011, il prezioso dipinto è stato rimesso nelle mani dell Ambasciatoredel Belgio per la successiva restituzione al legittimo proprietario. Tutta l‟attivitàinvestigativa è stata resa possibile grazie agli ottimi rapporti di cooperazioneinternazionale instaurati dal Comando CC Tutela Patrimonio Culturale.Restituzione di Pergamene all’Arcidiocesi di Trani Nel novembre 2011 sono state restituite all‟Arcidiocesi di Trani diversepergamene che erano state esportate illecitamente in America negli anni ‟60. Questoè un caso che vede un cospicuo patrimonio culturale trafugato dall‟Italia, esportatoillecitamente negli Stati Uniti, rientrare in Patria dopo decenni grazie ad una fortuitacombinazione di eventi e per l‟impegno profuso congiuntamente dal Ministero per iBeni e le Attività Culturali, in particolare la Soprintendenza Archivistica della Pugliae l‟Archivio di Stato di Bari, e dal Comando Carabinieri TPC. La vicenda nasce nel 2007, in una cittadina dell‟Illinois, allorquando la localepolizia è chiamata a sedare una lite tra due fratelli. Il motivo del contendere eral‟eredità lasciata dal padre, un italo –americano da anni trasferitosi in America perlavoro, e rinvenuta in una villetta chiusa da tanto tempo. Quando i poliziotti si reseroconto della natura del materiale conteso dichiararono la loro incompetenza adintervenire ed informarono immediatamente l‟F.B.I.. Si trattava infatti di un ingentequantitativo di pergamene, manoscritti, volumi antichi e reperti archeologici. 6
  • 7. I Federali intervenuti interessarono immediatamente i Carabinieri del TPC.Inizia così tutta una fase di accertamenti tesi a verificare la provenienza del preziosomateriale e alla ricostruzione delle motivazioni che lo avevano condotto in America.Interessando anche le varie Diocesi e gli organi periferici del Ministero, si riuscì agiungere alla certezza che il materiale fosse di provenienza Pugliese e in particolaredi Barletta e Trani. A quel punto alcuni militari del Nucleo CC TPC di Bari si recarono inAmerica e in più riprese riuscirono ad effettuare uno studio del materiale presente.Trovarono libri di pregio, manoscritti, reperti archeologici, reliquari, pergamene ecercarono di separare il materiale sottratto illecitamente dagli archivi diocesani daibeni della famiglia legalmente detenuti. In totale al termine furono recuperate circa 350 pergamene, 800 libri antichiriportanti timbri segnature riferimenti che avevano permesso di ricondurliinequivocabilmente a biblioteche ecclesiastiche pugliesi o comunque a bibliotecheprivate di esponenti del clero pugliesi. Per poter ricostruire la storia di questo tesoro eper capire come fosse uscito dal territorio italiano, fu molto utile lo studiodell‟epistolario, costituito da circa 400 lettere scambiate dal defunto italo- americanocon l‟anziano padre in Italia e che era colui che materialmente aveva fatto arrivare ilmateriale in America spedendolo al figlio con vari mezzi. Lo scambio di lettere hainizio nel 1964 e termina nel 1979. Vi sono informazioni su quali fossero stati glistratagemmi utilizzati per eludere i controlli in dogana. Al rientro in Italia, le pergamene sono state consegnate alla SoprintendenzaArchivistica per la Puglia e all‟Archivio di Stato.Recupero di beni librari ed archivistici. L‟opera di catalogazione in atto da alcuni anni a livello nazionale, soprattuttoquella voluta dall‟Ufficio Nazionale per I Beni Culturali della Chiesa, ha consentitoagli enti proprietari di “accorgersi” di alcuni ammanchi. In un caso particolare, unparroco, dopo aver effettuato un controllo e approntati un inventario dei beni dellasua parrocchia, accorgendosi di più ammanchi, decide di contattare il Nucleo CC 7
  • 8. TPC e di denunciare quanto riscontrato, consapevole dell‟importanza dell‟inserimento dei beni scomparsi in Banca Dati per avviare la ricerca degli stessi. Le indagini condotte nei mesi successivi consentivano di rintracciare parte del materiale sottratto a casa di una persona che anni prima ne era entrata in possesso. L‟operazione ha consentito di recuperare oltre un centinaio di libri e documenti antichi tra cui: antifonario del 1626; incisioni ritagliate da libri del 1700; spartiti musicali del 1830- 1845; volumi di diritto dei primi dell‟800; manoscritti del „700 e dell‟800; dizionari del 1700 e 1800; piantine antiche di monumenti e territorio della Provincia di Bari.- FALSI D’AUTORE: Continuano i controlli preventivi per individuare di opere false di arte contemporanea. I dati statistici del Comando Carabinieri T.P.C. e le acquisizioni informative fanno ritenere che la specifica attività criminosa sia in continua espansione in quanto molto remunerativa. Illecita importazione di Beni Culturali Nell‟ambito del protocollo d‟intesa nazionale di collaborazione con l‟Agenzia delle Dogane con servizi sinergici presso le aree aeroportuali e di frontiera, questo Nucleo ha collaborato con l‟Agenzia delle Dogane di Bari, Ufficio del Porto di Bari, e tale collaborazione ha permesso di effettuare, così come avviene anche a livello nazionale, alcuni controlli finalizzati al contrasto dell‟illecita introduzione ed esportazione nel territorio nazionale di beni culturali.- ARCHEOLOGIA: Nell‟anno appena trascorso, gli sforzi del Nucleo si sono concentrati sulla necessità di arginare il fenomeno degli scavi clandestini: sono stati, a tal proposito, 8
  • 9. organizzati appositi servizi tesi a controllare le aree archeologiche maggiormente colpite. E‟ stato accertato, negli anni, che lo scavo clandestino di reperti archeologici alimenta purtroppo un traffico illecito di importanti proporzioni in campo nazionale e transnazionale. Intorno a tale reato ruotano enormi interessi economici e commerciali. Le attività investigative condotte hanno consentito, comunque, di ottenere rilevanti successi operativi con il recupero di migliaia di reperti archeologici ed il deferimento all‟A.G. delle persone coinvolte a vario titolo nella commercializzazione dei beni. Sono stati recuperati, nel 2011, oltre 3433 beni archeologici suddivisi in monete, reperti in ceramica, oggetti in metallo (pendenti, anelli, medaglie), fibule in metallo, pesi da telaio, selci, fossili, spada antica in ferro, statuette in bronzo, metal detector, spilloni.- SETTORE E- COMMERCE: Vi è stato un continuo monitoraggio della rete internet, un controllo dei più importanti siti di e- commerce, l‟individuazione degli annunci sospetti e la collaborazione con gli uffici preposti per risalire all‟identità degli autori degli stessi per consentire di effettuare i controlli sul lecito possesso dei beni. Ciò a causa delle radicali modifiche negli ultimi anni delle forme di vendita di beni culturali, sviluppatesi a seguito del diffondersi dei moderni mezzi di commercio e comunicazione. I posti in vendita sono di carattere numismatico ma vi sono anche reperti archeologici, libri e documenti d‟archivio, oltre che i beni falsificati. Numismatica archeologica Particolarmente significativa è l‟incidenza della numismatica tra i reperti archeologici oggetto di sequestro, ciò a causa della notevole diffusione delle monete presenti sul mercato clandestino e spesso commercializzate da privati collezionisti attraverso internet su siti di annunci dedicati alla vendita online. La non conoscenza della legislazione vigente o la superficialità portano, però, al rischio di una denuncia penale per ricettazione. Da segnalare l‟istituzione da parte del Mi.B.A.C. di una Commissione dell‟Osservatorio per i Beni Numismatici di interesse archeologico, con lo scopo di favorire la tutela, fruizione e valorizzazione del patrimonio 9
  • 10. numismatico italiano. Si ricorda che qualsiasi cittadino nel momento in cui acquista un bene di natura archeologica da esercizi commerciali legalmente riconosciuti o quando la provenienza è ritenuta legittima ha comunque l‟obbligo di denunciarne il possesso alla competente Soprintendenza Archeologica, altrimenti la condotta viene sanzionata ai sensi degli artt. 712 (incauto acquisto) o 648 (ricettazione) c.p.- TUTELA DEL PAESAGGIO: Questo Nucleo in collaborazione con il 6° Elinucleo CC di Bari e con personale della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici, ha sorvolato tutta l‟area di competenza al fine di poter effettuare una mappatura delle installazione di impianti fotovoltaici ed eolici. Sono state inoltre costantemente monitorate le varie aree tutelate al fine di verificare l‟eventuale presenza di scavi clandestini e l‟individuazione di opere edilizie realizzate nelle aree tutelate senza le prescritte autorizzazioni da parte delle Soprintendenza per i Beni Archeologici e Architettonici e Paesaggistici.- ATTIVITÀ CORRELATE Sono state svolte inoltre varie attività non dirette specificatamente alla prevenzione o alla repressione dei fenomeni criminosi di settore, ma comunque ricomprese nel più ampio contesto di obiettivi istituzionali svolti. Le stesse sono finalizzate alla sensibilizzazione dell‟opinione pubblica sui molteplici temi della tutela: partecipazione a convegni, incontri con scolaresche, collaborazione con Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici. A titolo di esempio: collaborazione con un Istituto di Scuola Media Superiore con il quale sono state organizzate alcune attività, in collaborazione con il Nucleo CC Subacquei di Bari, per lo studio dei fondali delle acque antistanti Termoli e l‟individuazione dell‟antico porto romano di Buca. Nella circostanza è stato recuperato un ceppo d‟ancora di una nave romana che sarà restaurato a cura della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Molise ed esposto un Museo del Mare. 10