Acqua uu5 schema di collettamento dei reflui trattati ad acquaviva, casamassima, gioia del colle, sammichele, putignano

  • 713 views
Uploaded on

 

More in: Business
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
713
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
17
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. TITOLO DEL PROGETTO:PROGETTO 3.1_1:SCHEMA DI COLLETTAMENTO DEI REFLUI TRATTATI DEGLIIMPIANTI DEPURATIVI DI SAMMICHELE DI BARI, GIOIA DEL COLLE,ACQUAVIVA DELLE FONTI, CASAMASSIMA1. Titolo dell’interventoSCHEMA DI COLLETTAMENTO DEI REFLUI TRATTATI NEGLI IMPIANTI DEPURATIVI DISAMMICHELE DI BARI, GIOIA DEL COLLE, ACQUAVIVA DELLE FONTI, CASAMASSIMA (ePutignano)2. Soggetto proponenteUfficio Unico3. Dati identificativi del soggetto proponenteUfficio Unicoc/o Comune di BariC.so Vittorio Emanuele, 8470122 BARI4. Localizzazione dell’interventoL’intervento si estende in agro di Gioia del Colle, Acquaviva delle Fonti, Sammichele di Bari,Casamassima, Bitritto e Bari. e interessa anche il comune di Putignano non ricadente in MTB.Di seguito è riportata una schematizzazione dell’intervento. pag.1 di 11
  • 2. 5. Area di realizzazione dell’intervento Comune  Provincia  Interprovinciale6. Descrizione generale dell’intervento• Motivazioni alla base dell’interventoPur intendendo privilegiare forme di recupero e di riuso delle acque reflue depurate chedetermineranno, in alcuni periodi dell’anno, una forte riduzione delle portate convogliate neiricettori finali, non si può prescindere dalla realizzazione di recapiti che garantiscanol’allontanamento del refluo (quando non è necessario o non è possibile il suo riutilizzo) incondizioni tali da non pregiudicare la fruibilità dei luoghi in cui esso avviene.• Descrizione dettagliata dell’interventoL’intervento consiste nella realizzazione di un collettore intercomunale che raccolga i reflui depuratinegli impianti di depurazione di Putignano, Gioia del Colle, Acquaviva delle Fonti, Casamassima eSammichele di Bari, per convogliarli nella condotta sottomarina attraverso cui avviene attualmentel’allontanamento in mare dei soli reflui trattati nell’impianto di depurazione di Bari Ovest.L’opera consiste in un collettore principale che parte dall’impianto di depurazione di Putignano e siimmette nell’emissario dell’impianto di depurazione di Bari Ovest. Il collettore avrà una lunghezzacomplessiva di circa 59 km, e in esso confluiranno, progressivamente, i collettori provenientidall’impianto di depurazione di Gioia del Colle (progressiva pari a circa 15 km), dall’impianto didepurazione di Sammichele di Bari (progressiva pari a circa 25 km), dall’impianto di depurazione diAcquaviva delle Fonti (progressiva pari a circa 32.5 Km) e dall’impianto di depurazione diCasamassima (progressiva di circa 38 Km): In corrispondenza dell’intersezione tra il CanaleLamasinata e la S.S.16, il collettore proseguirà secondo un percorso che si accosta al tracciato delCanale per circa 6.400m per poi immettersi in strada (Lungomare IX maggio per 1600m) eraggiungere l’impianto di sollevamento “Balice di Spinta”, da cui parte la condotta sottomarina.Lo schema prevede la realizzazione di tronchi di tubazione in ghisa sferoidale la cui continuitàidraulica è interrotta dalla presenza di torrini di disconnessione.• Struttura del progetto (specificare se si tratta di un singolo intervento o di un pacchetto di interventi)Il progetto è funzionalmente connesso a due ulteriori interventi:  il ripristino funzionale della condotta sottomarina di Bari Ovest. (ulteriore intervento inserito nel programma “ACQUA”)  la realizzazione di un impianto di affinamento per il riuso a fini irrigui delle acque convogliate nel collettore intercomunale. L’idea progettuale, riportata nel programma “ACQUA”, sarà dettagliata in un momento successivo.• In caso di pacchetti di interventi fornire una descrizione della comune strategia territoriale sotto il profilo funzionale, economico e finanziarioLa strategia alla base del presente intervento progettuale muove dalla necessità di garantire unoscarico certo ai reflui depurati negli impianti di depurazione degli abitati di Putignano, Gioia del pag.2 di 11
  • 3. Colle, Sammichele di Bari, Acquaviva delle Fonti, Casamassima. Questi impianti di depurazionesono infatti caratterizzati dal non avere nelle immediate vicinanze alcun corso d’acqua naturalesignificativo entro cui sversare i reflui depurati. Attualmente lo scarico dell’impianto di Gioia delColle (e quello di Putignano) avviene su campi di spandimento, la cui efficienza è compromessadal lungo esercizio e da una qualità del refluo non sempre ottimale, lo scarico di Sammichele equello di Acquaviva sono in lama mentre l’impianto di depurazione di Casamassima non è ancorastato avviato all’ esercizio. La scelta del collettamento, rispetto a quella dello sversamento in lama,è dettata da considerazioni di carattere economico (legate ai costi di risagomatura degli alvei e dimanutenzione degli stessi) e alla volontà di ridurre gli effetti dell’impatto antropico sulle lame, invirtù della volontà di valorizzare tali emergenze naturalistiche.La condotta sottomarina di Bari Ovest versa in pessime condizioni statiche, come evidenziato daun recente studio meteomarino, elaborato dal Politecnico di Bari. Per questo motivo si prevede ilrifacimento dell’intera condotta, che sarà realizzata tenendo conto dell’incremento di portata inessa convogliata. Va anche sottolineato che tutti gli impianti di depurazione interessati dal progettosono stati adeguati o saranno adeguati, attraverso lavori già appaltati o in corso di appalto, ai limitidi Tab.4 dell’All.5 del D.Lvo 152/99 che garantisce un livello qualitativo molto prossimo a quellonecessario per il riuso in agricoltura. La realizzazione di un impianto di affinamento e di una reteirrigua, a monte dell’immissione nell’emissario di Bari Ovest, consentirà anche di riutilizzare l’acquadi scarico, nella zona costiera dove l’esigenza di fonti alternative di approvvigionamento idrico èpiù elevata.7. .Indicazione degli obiettivi strategici, dei risultati e degli effetti attesiObiettivi strategici:L’intervento si inserisce in una strategia complessiva di riqualificazione ambientale dell’interaMetropoli Terra di Bari, da conseguire anche riducendo gli impatti antropici su aree a fortepotenziale naturalistico e paesaggistico: è il caso delle “lame” che rappresentano un elementoidentitario su cui MTB intende puntare ai fini di una promozione territoriale per lo svilupposocioecomico dei territori.Risultati attesi:  Realizzazione di un collettore per l’allontanamento in mare dei reflui depurati negli impianti di Sammichele di Bari, Acquaviva delle Fonti, Gioia del Colle, Casamassima (e Putignano)Effetti attesi  Minori oneri di gestione del recapito finale, la cui titolarità non è sempre chiara.  Maggiore sicurezza in termini igienico-sanitari (senza il collettore eventuali disservizi del processo depurativo determinerebbero un impatto localizzato sul suolo)  Incremento della fruibilità e dell’attrattività delle “lame”8. Congruenza con la programmazione delle OOPP in vigoreL’intervento, ritenuto di primaria importanza per la corretta funzionalità dell’impianto e per garantireuna flessibilità gestionale del processo sarà inserito nelle prossime programmazioni di AQP.Va all’uopo evidenziato che l’intervento era stato già ritenuto strategico nell’ambito dellaprogrammazione 2000-2006 della Regione Puglia. Nello specifico l’opera rientrava tra gli interventi pag.3 di 11
  • 4. strategici previsti nell’Accordo di Programma Quadro Risorse Idriche stipulato nel marzo 2003 ecostituiva parte integrante del POT 2003-2005 di AQP.9. Ruolo e coerenza del progetto rispetto al Piano Strategico di Area VastaL’intervento in oggetto si inserisce in una strategia complessiva di riqualificazione ambientale diMTB e muove dalla consapevolezza dello stretto legame esistente tra la cura dell’ambiente nellesue molteplici componenti e la fruibilità residenziale e turistica del territorio.Il fatto che “AMBIENTE e TERRITORIO” sia considerato uno dei cinque pilastri su cui si regge ilPiano Strategico di MTB (gli altri quattro sono: TRASPORTI, CULTURA, ECONOMIA, SOCIALE) èun segnale forte del ruolo centrale rivestito dalle tematiche ambientali nell’intrapreso processo dipianificazione. A tali tematiche rimanda la stessa “visione di MTB al 2035”, in cui assumono granderilievo i concetti di “sostenibilità ambientale” e di “integrazione tra città, paesaggio rurale ecostiero”.Il processo di miglioramento della qualità ambientale di MTB deve necessariamente passareattraverso la definizione di nuovi modelli di gestione delle risorse naturali presenti e/o in uso nelterritorio, nel tentativo di limitare/abbandonare pratiche di utilizzo non più sostenibili a favore ditecniche maggiormente ecocompatibili (ad es. maggiore ricorso a fonti di energia rinnovabile,riciclaggio, riuso delle acque reflue depurate), per tutelare l’ambiente dalle esternalità negativeconnesse all’uso improprio delle risorse (inquinamento dell’aria, dei suoli, delle acque superficiali,sottorranee e costiere).L’intervento in oggetto, nello specifico, costituisce parte integrante del piano complessivodettagliato nel programma “una strategia per l’acqua di MTB”, programma in cui, a partiredall’analisi dello stato di fatto della gestione delle risorse idriche in MTB (e più in generale in tuttala Regione), sono individuati gli obiettivi che MTB intende perseguire per divenire nel medioperiodo “un modello nazionale di gestione virtuosa della risorsa idrica”.Muovendosi in coerenza con quanto previsto dagli strumenti di pianificazione regionale(Documento Strategico Regionale, Piano Regionale di Tutela delle acque dall’inquinamento, Pianod’Ambito,…), sono state individuate, per quelle situazioni che possono essere affrontate in ambitometropolitano e il cui impatto a scala locale è rilevante, soluzioni progettuali in grado di soddisfareesigenze del territorio, in tema di tutela dei corpi idrici dall’inquinamento, riduzione del consumo diacqua pregiata per scopi diversi dal potabile, eliminazione dei fattori che costituiscono un ostacoloalla fruibilità e all’attrattività delle aree caratterizzate da un elevato potenziale naturalistico e/opaesaggistico.In particolare, le modalità individuate per rendere più fruibili e più attrattive le aree costiere e learee caratterizzate da un elevato potenziale naturalistico e/o paesaggistico, mirano a ridurrel’impatto antropico sulle zone da valorizzare. Oltre agli evidenti vincoli di carattere igienico-sanitariobasta pensare ad esempio all’impatto generato da uno scarico di reflui depurati in lama o allaperdita di attrattività di un tratto costiero in cui è presente uno scarico diretto sulla battigia. 10. Fattibilità tecnico amministrativa• Indicazione delle scelte tecniche di baseLa portata di progetto (portata di punta) convogliata nell’ultimo tratto del collettore è pari Q=401 l/s.e corrisponde alla somma delle portate raccolte lungo il percorso (129 l/s da Putignano, 104 l/s daGioia del Colle, 20 l/s da Sammichele di Bari, 92 l/s da Acquaviva delle Fonti e 56l/s daCasamassima). pag.4 di 11
  • 5. La configurazione idraulica dello schema vede la presenza di tratti con funzionamento in pressionee di tratti con funzionamento a pelo libero: il passaggio tra queste due modalità è realizzato conopere di disconnessione idraulica. I tratti del collettore che presentano andamenti discendenti eprogressivamente ascendenti hanno funzionamento in pressione, mentre nei tratti ove si ha laconfluenza di due tratti in pressione è stata prevista la realizzazione di torrini o di pozzetti didisconnessione.La progettazione è avvenuta nel rispetto della normativa vigente e in particolare delle “Normetecniche relative alle tubazioni” riportate nel D.M. del 12 dicembre 1985, pubblicato sulla GazzettaUfficiale n. 61 del 14/03/86.Per quanto attiene gli attraversamenti delle grosse arterie viarie, Autostrade, Strade Statali, StradeProvinciali e Ferrovie, saranno realizzati con la tecnica costruttiva dello spingitubo, ottemperando atutte le prescrizioni e alle verifiche previste nelle “Norme tecniche per gli attraversamenti e per iparallelismi di condotte e canali convoglianti liquidi e gas con ferrovie ed altre linee di trasporto”riportate nel D.M. 23 febbraio 1971.Per il fiancheggiamento di strade provinciali saranno adottate le prescrizioni previste dallaProvincia di Bari – Direzione Compartimento Infrastrutture.Per quanto attiene gli attraversamenti di condotte idriche e la giacitura reciproca tra condotta idricae condotta fognaria si è fatto riferimento a quanto previsto dalla Circolare del Ministero LL.PP: n.11633/74, dall’art. 4 del Regolamento Regionale n°3 del 1989 “Norme tecniche per l’installazione el’esercizio degli impianti di fognatura e depurazione” e dall’art.56 delle “Norme Tecniche EAAP”invigore dal 1° gennaio 1990.I tratti con funzionamento a pelo libero sono stati progettati nel rispetto della buona norma tecnicaindicata dalla Circolare del Ministero dei LL.PP. n° 11633 del 07/01/1974, recante “istruzioni per laprogettazione delle fognature e degli impianti di trattamento delle acque di rifiuto”. Pertanto, pur sein questo caso non si è in presenza di liquami bruti cui dette norme si riferiscono, i tratti a pelolibero sono stati dimensionati per garantire valori di velocità relativa alle portate medie non inferioria 0,5 m/s, per valori di pendenze minime consentite non inferiori allo 0,5%, e velocità massime nonsuperiori a 2,5 m/s.La scelta del materiale con cui realizzare la condotta è stata oggetto di numerose riflessioni eripensamenti. Una attenta analisi tecnica ha portato ad escludere le tubazioni plastiche di qualsiasitipo in considerazione della loro delicatezza nella posa in opera per diametri di medie dimensioni.Una errata posa in opera, anche accidentale, porterebbe alla loro ovalizzazione o, in situazioniestreme, alla rottura. Peraltro il loro costo, per i diametri in questione, non risulta particolarmenteconcorrenziale.Le tubazioni cementizie, in questa gamma di diametri, richiedono anch’esse condizioni di posaaccurate, soprattutto per quanto attiene il letto di posa. Il loro difetto principale, inoltre, è lamodestia della lunghezza dei tubi che comporta un numero maggiore di giunti e quindi aumenta ilnumero dei potenziali punti di perdita. Per lo stesso motivo anche i tempi di realizzazione sonomaggiori.In considerazione del fatto che l’opera in progetto potrà essere difficilmente manutenuta, in quantotale operazione comporterà la deviazione provvisoria degli scarichi di ben 5 impianti didepurazione, la scelta è ricaduta sulle tubazioni metalliche che assicurano caratteristiche diresistenza alle azioni esterne ben superiori a quelle di qualunque altro tipo di tubazioni anche incaso di accidentale errata posa delle condotte. pag.5 di 11
  • 6. • Illustrazione delle condizioni istituzionali, amministrative, tecniche.Il progetto sarà gestito da AQP S.p.A. che provvederà ad attivare tutte le procedure necessarieall’esecuzione dell’intervento, promuovendo, ove necessario l’indizione di apposite conferenze diservizi ai sensi della L. 241/90 per l’acquisizione di tutti gli atti di assenso, nulla osta eautorizzazione necessari per la corretta esecuzione delle opere.I tratti di collettore in progetto saranno realizzati e posati su strade comunali, su Strade Provincialie in alcuni tratti in sede propria. Per questa ragione, l’intervento determina la necessità dell’avviodelle procedure espropriative con la conseguente necessità di riapposizione dei vincoli preordinatiall’esproprio e dichiarazione di pubblica utilità dell’opera, da effettuarsi contestualmenteall’approvazione delle progettazioni definitive da parte dei competenti organi comunali.Inoltre, presso la Provincia di Bari è stata già inoltrata la domanda di nulla-osta di massima per ilfiancheggiamento delle strade provinciali di competenza, previo esame delle prescrizioni richiesteda detta Amministrazione per la posa sulle proprie strade.Occorrerà in ogni caso verificare, in fase di progettazione definitiva, eventuali interferenze con altreinfrastrutture viarie, ferroviarie o tecnologiche onde acquisire i relativi nulla-osta degli enti gestori.• Planimetria e cartografia dell’area interessataCfr. punto 4 “localizzazione dell’intervento”• Elenchi catastali delle aree e degli immobiliPer quanto concerne la disponibilità delle aree, dalla documentazione già disponibile in atti si stimaun importo complessivo di € 1.400.000 quali somme necessarie per completare la proceduraespropriativa. Tale somma, compresa tra le somme a disposizione dell’Amministrazione, dovràessere oggetto di verifica ai fini di una sua più puntuale identificazione in relazione alla precisaindividuazione delle aree da espropriare. La stima sopra riportata ancorché sommaria è statadesunta dal piano particellare di esproprio, già disponibile in quanto parte integrante del progettodefinitivo, attualmente in fase di aggiornamento per tenere conto delle variazioni al tracciatosuccessivamente intervenute.• Stima parametrica del costo di costruzione e di realizzazioneIl costo complessivo dell’opera, così come da stima sommaria che segue, resa alla luce deiparametri tecnico economici attualmente correnti, ammonta a € 17.700.000,00, valutatoipotizzando un’incidenza unitaria pari a 300 €/m e una lunghezza complessiva del collettore pari a59Km. 11. Stato della progettazione tecnica Studio di Fattibilità Progetto preliminare Progetto definitivo (in fase di modifica per tenere conto della realizzazione di un ulteriore tratto di connessione con l’emissario dell’impianto di Bari Ovest) Progetto esecutivo 12. Compatibilità urbanistica, ambientale e paesaggistica• Indicazione della compatibilità urbanistica dell’intervento pag.6 di 11
  • 7. Trattandosi di infrastrutture a rete, assimilabili a tutti gli effetti ad opere di urbanizzazione primaria,queste risultano, nelle linee generali, compatibili con qualsiasi destinazione urbanistica. In ognicaso, eventuali puntuali difformità e/o contrasti con la norma urbanistica generale sono stati giàaffrontati e risolti nella fase istruttoria propedeutica all’approvazione del progetto definitivo da partedel Consiglio Comunale.• Indicazione della compatibilità ambientale dell’interventoL’intervento, prevedendo la realizzazione di condotte interrate, al di sotto del manto stradaleesistente ovvero al di sotto del piano campagna con successivo ripristino dello status quo ante,non induce variazioni significative per l’ambiente circostante, viceversa la realizzazione dell’operadeterminerà il miglioramento delle condizioni ambientali generali in quanto il principale effettoatteso consiste nell’abbandono di pratiche e sistemi obsoleti di scarico dei reflui prodotti dalleabitazioni attualmente non servite dalla rete di fognatura nera.• Descrizione degli eventuali impatti paesaggistici dovuti all’intervento e misure compensative da prevedersi.Le soluzioni tecniche adottate nella progettazione già disponibile per le opere di cui trattasidovranno essere integrate con tutti gli accorgimenti tecnici utili a minimizzare gli impatti sulpaesaggio. Detti accorgimenti saranno peraltro oggetto di istruttoria da parte dei competenti ufficitecnici comunali e regionali, al fine di garantire il corretto insediamento dell’infrastruttura nelterritorio e il conseguente rilascio delle autorizzazioni e dei nulla osta previsti per legge(D.Lgs.42/04 e DGR 1748 del 15/12/2000). 13. Quadro economico dell’intervento e sostenibilità finanziaria• Indicazione dei costi di realizzazione A1 Totale lavori esclusi gli oneri per la sicurezza € 17.080.500,00 A2 Oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso € 619.500,00 A Totale lavori a base d’ appalto € 17.700.000,00 Lavori in economia, previsti in progetto ed esclusi dall’ B1 € 540.000,00 appalto B2 Rilievi, accertamenti, indagini € 180.000,00 B3 Allacciamenti a pubblici servizi € 5.000,00 B4 Imprevisti ed arrotondamenti € 917.000,00 B5 Spese per espropri € 1.400.000,00 B6 Spese tecniche relative ai servizi attinenti l’ ingegneria € 1.770.000,00 B7 Spese necessarie per attività preliminare € - Spese per conferenze di servizi, acquisizione pareri, B8 € 5.000,00 ecc. Spese per accertamenti di laboratorio e verifiche tecniche previste dal capitolato speciale d’ appalto, B9 € 180.000,00 collaudo tecnico amministrativo, collaudo statico ed altri eventuali collaudi specialistici B10 Spese per attività di consulenza e supporto € 5.000,00 B11 Spese per pubblicità, ecc. € 5.000,00 Oneri derivati dalla applicazione di leggi (DLgs B12 € 177.000,00 163/2006, ecc.) B13 IVA sui lavori € 1.824.000,00 pag.7 di 11
  • 8. B14 IVA sulle spese generali € 392.000,00 Totale somme a disposizione dell’ B € 7.400.000,00 Amministrazione Totale generale € 25.100.000,00• Descrizione e quantificazione dei costi per la manutenzione straordinaria relativi all’intervento propostoI costi di manutenzione straordinaria sono nulli per i primi 5 anni e successivamente possonoessere calcolati in un importo pari al 3% del valore dell’opera.• Stima dei costi di gestione e/o di erogazione del servizio La gestione dell’opera in oggetto e la sua manutenzione ordinaria rientra tra gli oneri di AQP, in forza della “Convenzione per la Gestione del Servizio Idrico Integrato in Puglia, stipulata nel settembre 2002 tra il Commissario Delegato per l’Emergenza Ambientale in Puglia e la stessa AQP. La tariffa corrisposta dall’utenza (Tariffa del S.I.I.) costituisce il corrispettivo del servizio e la sua articolazione è determinata in base al Metodo Normalizzato emanato con D.M. LL.PP. del 01708/1996, ai sensi dll’art.13 comma 3 della L.36/94• Breve indicazione della struttura istituzionale, organizzazione, competenze ed esperienze del soggetto che assumerà la gestione dell’operaL’opera continuerà ad essere gestita da AQP S.p.A.., in qualità di Soggetto Gestore del ServizioIdrico Integrato, secondo quanto previsto nella Convenzione di Gestione e nell’allegato DisciplinareTecnico, sino alla data di scadenza di detta Convenzione (31/12/2018).• Piano Finanziario Descrizione 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 Redazione PPrichiesta pareri e autorizzazioniApprovazione PP redazione PDrichiesta pareri e autorizzazioniapprovazione PD redazione PErichiesta pareri e autorizzazioniapprovazione PE espropri appalto esecuzione opere collaudogara per affidame gestione opere entrata in esercizio 2.600.000 5.000.000 5.000.000 5.000.000 5.000.000 2.500.000 pag.8 di 11
  • 9. 14. Procedure amministrative e cronoprogramma• Indicazione dei meccanismi, delle procedure e dell’organizzazione del sistema di attuazione del progetto, con indicazione degli adempimenti tecnici, amministrativi e procedurali (Autorizzazioni, pareri, nulla osta preliminari ai quali è subordinato l’avvio dell’iniziativa e dei tempi previsti per il loro rilascio);Il progetto sarà gestito da AQP S.p.A.. Negli affidamenti degli incarichi e nella gestione delle gared’appalto sarà rispettato il D.Lgs. 163/2006 (codice degli appalti pubblici), i RegolamentiComunitari ed altri regolamenti e leggi vigenti in materia di appalti.• Definizione del calendario e delle modalità che si intendono seguire per attivare l’insieme dei contenuti in cui il progetto si articola.L’intervento ha una durata di 5 anni e 3 mesi a partire dal 2009 (1 anno lavorativo: 260 gg) Descrizione gg 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015Redazione PPrichiesta pareri eautorizzazioniApprovazione PPredazione PD 30richiesta pareri e 60autorizzazioniapprovazione PD 60redazione PE 30richiesta pareri e 60autorizzazioniapprovazione PE 60espropri 90appalto 90esecuzione opere 720collaudo 180gara per affidam e -gestione opereentrata in esercizio - 1380 15. Procedure di consultazione partenariale Forme di consultazione interistituzionale e del partenariato economico-sociale pubblico, privato eventualmente attivate (allegare breve relazione descrittiva con eventuali protocolli di intesa sottoscritti)L’ideazione del programma è stata condivisa con il partenariato socio-economico nell’ambito delleattività di partecipazione svolte nel piano strategico (cui si rimanda).Non sono previste altre forme di consultazione parternariale. 16. Raccordo e coerenza con strumenti urbanistici e di programmazionePer ogni punto allegare breve relazione: • Raccordo e coerenza con Piano Territoriale Coordinamento Provinciale ( PTCP)La finalità del PTCP, strumento peraltro non ancora adottato, consiste nel promuovere processi ditrasformazione territoriale coerenti con la programmazione regionale, compatibili con i caratteri pag.9 di 11
  • 10. paesistico-ambientali del territorio provinciale, e soprattutto sostenibili dal punto di vista ambientale. Proprio nell’ottica della sostenibilità, l’intervento in oggetto appare completamente in linea con il PTCP. • Raccordo e coerenza con Piano Assetto Idrogeologico (PAI) Non si rileva alcuna interferenza con il Piano di Assetto Idrogeologico a stralcio del Piano di Bacino. • Raccordo e coerenza con Documento Regionale Assetto Generale (DRAG)Per quanto riguarda la pianificazione delle infrastrutture di approvvigionamento idrico, dismaltimento e di depurazione dei reflui, il DRAG, rimanda al Progetto di Piano di Tutela delle Acquedella Regione Puglia (PTA), adottato con D.G.R. 883, del 19 giugno 2007. Non si rileva alcunaincoerenza tra il Piano di Tutela delle Acque, che ai sensi del D.Lgs. 152/2006 dovrà esseredefinitivamente approvato entro il 31 dicembre 2008, e l’intervento in oggetto. Al contrario nel Pianodi Tutela, tra le misure da adottare sono indicate le azioni mirate alla salvaguardia quali-quantitativadei corpi idrici. • Raccordo e coerenza con Piano Regionale Trasporti (PRT) Non si rileva alcuna interferenza con il Piano Regionale dei Trasporti. • Raccordo e coerenza con Proiezioni Territoriali del DSR: Si evidenzia la compatibilità dell’intervento in oggetto con il DSR , in particolare riguardo alla strategia ivi delineata in relazione a: - “scarichi e depurazione delle acque reflue”; - “risparmio e recupero delle risorse idriche”. ed ai seguenti obiettivi specifici:  “completare il processo di costruzione di efficienti sistemi di gestione della risorsa al fine di tendere all’autosufficienza ed a rafforzare iniziative e sperimentazioni di risparmio idrico”;  “prevenire, ridurre l’inquinamento e attuare il risanamento dei corpi idrici inquinanti”;  “garantire la tutela quali-quantitativa dei corpi idrici, e perseguire usi sostenibili e durevoli delle risorse idriche integrando gli obiettivi di qualità nelle politiche settoriali, quali quella agricola, industriale e turistica” • Raccordo e coerenza con Programma Operativo Puglia FESR (2007/2013) Si evidenzia la compatibilità dell’intervento in oggetto con il FESR: ASSE II, “Uso sostenibile e efficiente delle risorse ambientali ed energetiche per lo sviluppo” Obiettivo specifico 1 Garantire le condizioni di sostenibilità ambientale dello sviluppo e livelli adeguati di servizi ambientali per la popolazione e le imprese Obiettivo operativo 1.a.: promuovere usi sostenibili e durevoli delle risorse idriche attraverso la tutela quali-quantitativa, il risanamento dei corpi idrici e il completamento del processo di costruzione di efficienti sistemi di gestione della risorsa Linea d’intervento 2.1. “Interventi per la tutela, l’uso sostenibile ed il risparmio delle risorse idriche”. • Raccordo e coerenza con Programma Operativo Puglia FSE 2007/2013 Non pertinente • Raccordo e coerenza con Programma Operativo Puglia FEASR 2007/2013 Non pertinente pag.10 di 11
  • 11. • Raccordo e coerenza con altri Piani Regionali di settore e/o intersettoriali Non si rileva alcuna interferenza né con il Piano Regionale di Tutela delle Acque, né con il Piano d’Ambito. Va tuttavia osservato che questo ultimo strumento è attualmente in fase di rimodulazione • Raccordo e coerenza con altri documenti di programmazione territoriali/ locali ( ad esempio PUG)Cfr. paragrafo 12. • Raccordo e coerenza con i Piani PaesaggisticiCfr. paragrafo 12. • Raccordo e coerenza con i Piani di BacinoNon pertinente pag.11 di 11