Your SlideShare is downloading. ×
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Orientamento cartografia recchi_13nov2011
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Orientamento cartografia recchi_13nov2011

2,811

Published on

Presentazione realizzata in occasione del corso per l'accesso al titolo di AE (Accompagnatore di Escursionismo) di 1° livello e specializzazione AE-C (AE specializzato in Cicloescursionismo) - …

Presentazione realizzata in occasione del corso per l'accesso al titolo di AE (Accompagnatore di Escursionismo) di 1° livello e specializzazione AE-C (AE specializzato in Cicloescursionismo) - Montemonaco, rifugio Altino - 12-13 novembre 2011. Autore, Dino Recchi - AE CAI Ascoli Piceno.

Published in: Travel
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
2,811
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
87
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Orientamento e Cartografia Accesso al titolo di AE 1° livello e specializzazione AE-C (AE specializzato in Cicloescursionismo) Montemonaco (Rifugio Altino), 12-13 novembre 2011 15/11/11 Dino Recchi - AE
  • 2. Programma
    • Orientamento
    • Cartografia
    • Uso della carta
    • Uso della bussola
    • Uso del GPS
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 3. Orientamento
    • Sapersi orientare vuol dire...
    • muoversi con sicurezza su un terreno poco noto o del tutto nuovo;
    • conoscere in ogni istante la propria posizione;
    • essere in grado di individuare il percorso migliore per raggiungere una meta prestabilita.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 4. Orientamento
    • L’orientamento serve per:
    • studiare l’itinerario di una escursione (prima);
    • seguire l’itinerario prescelto (durante);
    • fronteggiare situazioni impreviste.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 5. Orientamento
    • Per raggiungere questi obiettivi è necessario:
    • saper leggere una carta topografica;
    • conoscere l’uso della bussola;
    • conoscere alcune tecniche di base;
    • acquisire esperienza sul campo.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 6. Orientamento
    • La posizione di un oggetto nello spazio è sempre relativa ad un punto di riferimento : sta sopra o sotto, oppure a destra o a sinistra di qualcosa.
    • Il Nord, il Sud, l’Est e l’Ovest sono detti punti cardinali perché fanno da cardine all’orientamento.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 7. La Rosa dei Venti
    • Raffigura i punti cardinali . Prende il nome dai venti dominanti che provengono avendo come base il centro del Mar Ionio.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 8. La Rosa dei Venti Dino Recchi - AE 15/11/11 E’ rappresentata con un cerchio graduato da 0 a 360 gradi, diviso in quadranti di 90° (gradi).
  • 9. La Rosa dei Venti
    • NORD  0° -  Tramontana / Fohen
      • Di forte intensità e spesso a raffiche, in genere molto freddo o addirittura gelido. Anticipa di solito tempo asciutto e cielo terso.
    • NORD-EST  45° -  Grecale o Greco
      • Soffia dall'area dei Balcani nordorientali, anche se il nome indica una provenienza più a Sud, "dalla Grecia", dovuta alla collocazione della "Rosa dei venti". Come la Tramontana, spira a raffiche. E' un vento freddo e porta tempo asciutto.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 10. La Rosa dei Venti
    • EST  90° - Levante
      • Il nome indica la direzione "da dove leva il sole". E' piuttosto debole e di solito è semplicemente un anticipo dello Scirocco e quindi un annuncio di tempo in peggioramento.
    • SUD-EST  135°- Scirocco
      • Il nome indica la provenienza dalla Siria. E' un vento caldo che crea mare mosso e che diventa molto umido nelle regioni settentrionali per effetto del passaggio sul Mediterraneo. Indica l'arrivo di perturbazioni.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 11. La Rosa dei Venti
    • SUD  180° -  Mezzogiorno / Austro / Ostro
      • E' debolissimo e poco avvertito sulle regioni italiane tranne in parte dell'Adriatico.
    • SUD-OVEST 225° - Libeccio
      • Il nome indica la provenienza dalla Libia. Nasce in modo rapido, raggiunge una forza anche notevole. Cala di colpo e di solito rimane una situazione di tempo buono.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 12. La Rosa dei Venti
    • OVEST 270° - Ponente
      • Indica la direzione dove cala il sole. E' più frequente in estate e di solito spira nelle ore pomeridiane. Indica comunque tempo buono.
    • NORD-OVEST  315° - Maestrale
      • Il nome indica Roma, "magistra" per gli antichi. E' un vento freddo, più forte e costante della Tramontana, che spazza le nuvole delle perturbazioni e porta bel tempo, cieli puliti e clima asciutto.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 13. Definizione di azimut
    • Quando decidiamo di partire verso una direzione misuriamo l’angolo che questa forma con la linea nord-sud, immaginando che noi siamo al centro della Rosa dei Venti .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 14. Definizione di azimut
    • Può essere misurato sulla carta con un rapportatore (goniometro) e sul terreno con la bussola.
    • Come si decide la direzione da seguire?
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 15. Come si decide la direzione da seguire?
    • In due modi:
    • Sulla carta topografica;
    • Dal vivo.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 16. Come si decide la direzione da seguire?
    • Carta topografica
    • Individuando il punto da cui partiamo e il punto dove vogliamo arrivare , unendoli con un segmento tracciato a matita e misurando con un rapportatore l’ angolo che questo segmento forma con la linea nord-sud, del reticolato tracciato sulla carta.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 17. Come si decide la direzione da seguire?
    • Dal vivo
    • Individuando direttamente nel paesaggio l’ obiettivo che ci interessa raggiungere: una cima, un rifugio, una fonte, un paese, ecc., e rilevando l’azimut con la bussola .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 18. Orientamento con bussola e carta
    • Azimut 0° vuol dire che l'oggetto si trova esattamente a Nord rispetto a te;
    • Azimut 90° che si trova ad Est;
    • Azimut 180° che si trova a Sud e così via...
    • Animazione (coordinate, sistemi, l’azimut)
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 19. Orientamento con bussola e carta
    • Chiarito quindi che uno dei due lati di un azimut è sempre la direzione Nord, vediamo come usare la bussola per determinare il valore di un azimut .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 20. Orientamento con bussola e carta Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 21. La bussola
    • Il nome deriva dal latino buxix (greco puxis ) che significa bosso, una scatola di legno duro dove veniva sistemato l’ago magnetico.
    • Fu inventata dai Cinesi nel 2600 a.C. molto tempo prima che Flavio Gioia la introducesse in Europa.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 22. La bussola
    • Funziona sfruttando l’attrazione che esercita il campo magnetico terrestre su un ago magnetizzato che si dispone, se libero di oscillare, secondo la direttrice Nord-Sud.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 23. La bussola
    • Ci sono due tipi fondamentali di bussole terrestri quelle trasparenti , tipo Silva (o Suunto), che si possono usare come rapportatore.
    • Quelle tipo a prisma , più precise, che hanno un prisma per la lettura dei gradi.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 24. Bussola trasparente
    • Ha l’ago magnetico oscillante su un perno inserito all’interno di un involucro tondo, capsula , libera di ruotare su se stessa.
    • La Rosa dei Venti con la graduazione da 0° a 360° è impressa su di essa a forma di corona.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 25. Bussola trasparente
    • Sul fondo della capsula, sono marcati alcuni segmenti paralleli fra loro, che servono per posizionare la bussola in coincidenza con le linee verticali del reticolato segnato sulla carta topografica.
    • Può essere usata come un goniometro-rapportatore .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 26. Bussola trasparente
    • Una freccia posta al centro e sulla parte anteriore della bussola rappresenta la linea di direzione o di fede , traguardo potenziale del nostro azimut.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 27. Bussola trasparente
    • Per avere la Rosa dei Venti nella giusta posizione, puntiamo la bussola verso l’obiettivo, ruotiamo la capsula fino a far coincidere la tacca indicante 0°/360° sotto l’ago che indica il Nord (la parte colorata e fosforescente) e leggiamo i gradi indicati dalla freccia direzionale.
    • Animazione (strumenti, bussola da orienteering)
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 28. Bussola a prisma
    • Invece dell’ago ha un disco magnetizzato oscillante con impressa la Rosa dei Venti, graduata in modo da permettere la lettura dei gradi attraverso il prisma.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 29. Attenzione agli acquisti
    • La bussola trasparente è meno precisa ma più rapida per il suo utilizzo come goniometro-rapportatore sulla carta.
    • La bussola a prisma è più precisa per il traguardo, ma per calcolare la direzione sulla carta in maniera esatta dobbiamo sfruttare il rapportatore.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 30. Attenzione agli acquisti
    • Una buona e rapida bussola dovrebbe avere la capsula trasparente con sopra incisi i segmenti paralleli, il mirino con il traguardo, la graduazione almeno ogni due gradi, una lente di ingrandimento, uno specchio o una lente per la lettura dei gradi durante il puntamento.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 31. Uso della bussola
    • Deve sempre essere utilizzata orizzontalmente .
    • La bussola individua il campo magnetico terrestre. Tenerla a distanza da qualsiasi fonte di perturbazioni elettromagnetiche (alta tensione, emissioni di onde (telefono portatile, radio, televisione), oggetti contenenti metalli ferrosi).
    • La bussola rileva il nord magnetico che non si trova esattamente nello stesso luogo del nord Geografico. Lo spostamento (la declinazione ) dipende dalla posizione dell’utente sul globo.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 32. Uso della bussola
    • Una bussola è uno strumento di precisione. Non farla cadere.
    • Il funzionamento della bussola dipende dalla temperatura. L’olio che rallenta l’ago si solidifica o si liquefa in funzione del freddo dell’ambiente. Per conservare tutte le caratteristiche, tenere la bussola a temperatura ambiente (sotto agli abiti ad esempio).
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 33. Uso della bussola
    • La bussola necessita di alcuni secondi per stabilizzarsi . Tenere conto della misurazione solo dopo la stabilizzazione completa dell’ago.
    • Una bussola non serve a nulla senza una cartina . Preferire una cartina in una scala disponibile sulla bussola. Per un utilizzo ottimale, munirsi anche di una matita di legno e di una gomma.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 34. Uso della bussola
    • Quando usiamo la bussola noi ci dobbiamo considerare posti al centro di essa, sul perno dell’ago .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 35. Orientamento con bussola e carta
    • All’inizio di una escursione, dobbiamo innanzitutto individuare sulla carta dove ci troviamo , cioè il nostro punto di stazione .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 36. Orientamento con bussola e carta
    • Quindi, per raffrontare il paesaggio che abbiamo intorno con la sua rappresentazione sulla cartina, dobbiamo far coincidere i vari punti di riferimento : montagne, rifugi, paesi, ecc., con i simboli corrispondenti .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 37. Orientamento della carta topografica
    • I riferimenti ci saranno utili durante l’escursione; non dobbiamo mai perderli di vista , se non dopo averli sostituiti con altri migliori.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 38. Orientamento con bussola e carta
    • Procediamo in questo modo
    • Sistemiamo la carta aperta su un piano orizzontale;
    • Ruotiamo la capsula della bussola in modo che il Nord (0°/360°) coincida con la freccia direzionale.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 39. Orientamento della carta topografica
    • Poniamo il bordo della bussola sulla cornice verticale della cartina che indica la linea Sud-Nord, facendolo coincidere con la linea Nord-Sud della bussola;
    • Ruotiamo la carta con sopra la bussola finchè l’ago magnetico si posiziona sul Nord.
    • Animazione (tecniche di base, orientamento della carta)
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 40. Calcolo dell’Azimut
    • Uniamo con un righello il punto di partenza con quello di arrivo;
    • Accostiamo il bordo della bussola a quello del righello puntando la freccia direzionale verso il punto di arrivo;
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 41. Calcolo dell’Azimut
    • Facciamo scorrere la bussola lungo il righello fino ad incrociare le linee verticali del reticolo;
    • Ruotiamo la capsula finché le righe parallele impresse sul suo fondo coincidono con le linee verticali del reticolo.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 42. Dalla carta alla bussola
    • Trovato l’azimut sulla cartina, senza far ruotare l’involucro , disponiamo la bussola davanti a noi, con la freccia direzionale che punta all’esterno.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 43. Dalla carta alla bussola
    • Giriamo su noi stessi, spostando anche i piedi, finché l’ago magnetico ( la parte colorata ) non si posiziona sul Nord goniometrico del quadrante;
    • La posizione da seguire è davanti a noi, indicata dalla freccia.
    • Animazione (tecniche di base, il metodo Silva)
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 44. Puntamento con la bussola
    • Traguardando direttamente il punto di arrivo
    • Miriamo sull’obiettivo tenendo la bussola orizzontale sotto il nostro viso e puntandogli contro la freccia direzionale.
    • Senza muoverci, e senza muovere la bussola , giriamo la capsula graduata facendo coincidere il Nord goniometrico con l’ago magnetico.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 45. Marcia all’azimut
    • Con la bussola così puntata individuiamo un obiettivo intermedio , sulla stessa direzione, ben evidente, che dovrà restare ben visibile anche quando avanzeremo.
    • Una volta arrivati al punto intermedio ne individueremo un altro e così via fino a destinazione.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 46. Marcia all’azimut Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 47. Marcia all’azimut … se non ci sono riferimenti (bosco, nebbia, ecc.)
    • Useremo un compagno come obiettivo intermedio, facendolo spostare, il più lontano possibile, mentre traguardiamo con la bussola, finché si troverà sulla nostra direttrice.
    • Gli indicheremo come spostarsi, agitando il braccio corrispondente. Quando lo avremo raggiunto procederemo con lo stesso metodo fino alla meta.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 48. Marcia all’azimut … se incontriamo un ostacolo
    • Deviamo con un angolo di 90°, trovando un nuovo azimut, ad esempio verso Est (a destra)
    • Contiamo i passi che servono per superare l’ostacolo;
    • Ritorniamo sulla direzione originale;
    • Quando abbiamo sorpassato l’ostacolo deviamo di 90° dalla parte opposta (Ovest);
    • Procediamo per lo stesso numero di passi che abbiamo contato prima e riprendiamo la nostra via originale.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 49. Marcia all’azimut Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 50. La “rotta” opposta per tornare indietro
    • L’azimut opposto per tornare indietro una volta raggiunta la meta si chiama reciproco .
    • Si ottiene aggiungendo o togliendo 180° all’azimut di andata, ricordando che dopo 360° si ricomincia da 1°.
    • Animazione (Coordinate, sistemi)
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 51. Fare il punto: triangolazione
    • Se abbiamo perso il sentiero, possiamo sfruttare i punti di riferimento .
    • Ne scegliamo due che rispetto a noi formino un angolo di circa 90°, che possiamo misurare allargando le braccia.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 52. Fare il punto: triangolazione Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 53. Fare il punto: triangolazione
    • Ci troviamo in un punto di stazione sconosciuto A, abbiamo intorno due riferimenti: B, un campanile e C, la cima di un monte.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 54. Fare il punto: triangolazione
    • Puntiamo la bussola sul campanile e troviamo l’azimut di 80°. Traguardiamo il monte e annotiamo l’azimut corrispondente, 350°.
    • Prendiamo la carta. Poiché non sappiamo dov’è il nostro punto di stazione A, non possiamo tracciare una riga tra A e B e tra A e C; dobbiamo procedere all’inverso .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 55. Fare il punto: triangolazione
    • Posizioniamo un righello sul punto B;
    • Facciamo combaciare la bussola con il righello in modo che la freccia direzionale indichi il punto B;
    • Ruotiamo bussola e righello insieme facendo perno sul punto B finché le linee parallele impresse sulla bussola, che indicano il Nord-Sud goniometrico, coincidono con il Nord-Sud del reticolato.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 56. Fare il punto: triangolazione
    • Tracciamo una riga dal punto B lungo il righello.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 57. Fare il punto: triangolazione
    • Stessa operazione dal punto C per trovare il nostro punto di stazione.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 58. Riconoscimento di elementi del paesaggio
    • Animazione (tecniche di base)
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 59. Declinazione magnetica
    • Fino ad ora non abbiamo tenuto conto della declinazione magnetica .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 60. Declinazione magnetica
    • La Terra, come gli altri corpi celesti, è un enorme magnete .
    • I poli di entrata e di uscita del flusso magnetico non coincidono con l’asse di rotazione terrestre.
    • L’ago della bussola non si dispone quasi mai esattamente lungo il meridiano del luogo, ma forma con questo un angolo detto di declinazione magnetica (orientale o occidentale).
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 61. Declinazione magnetica Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 62. Declinazione magnetica
    • Le linee Nord-Sud descritte dal flusso magnetico, o meridiani magnetici, non hanno un percorso rettilineo ma sono deviate da campi magnetici locali che variano da zona a zona.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 63. Declinazione magnetica Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 64. Declinazione magnetica
    • Per questo motivo l’Istituto Geografico Militare (IGM) su ogni carta topografica riporta uno schema che serve per la determinazione dell’angolo di declinazione magnetica dell’anno in corso e della zona specifica.
    • Questo angolo è indicato con la lettera greca delta.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 65. Declinazione magnetica Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 66. Declinazione magnetica
    • In Italia la declinazione magnetica assume valori piuttosto bassi e, per piccole distanze (1 o 2 km), l'errore che si commette trascurandola è generalmente accettabile (qualche decina di metri).
    • Per distanze maggiori, o per effettuare una misurazione molto precisa, si deve tenere conto della declinazione magnetica.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 67. Designazione di un punto con le coordinate polari
    • L’azimut ci dà la direzione, non la distanza ; questa la dobbiamo calcolare a parte.
    • Possiamo comunicare la posizione di un obiettivo fornendo l’azimut e la distanza di questo da un altro punto di riferimento noto.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 68. Planimetria
    • La riproduzione simmetrica su un piano dei particolari di un territorio si chiama planimetria .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 69. Scale numeriche e scale grafiche
    • Le carte topografiche, oltre ad essere isogone , a rispettare cioè la disposizione angolare dei particolari del territorio, devono essere equidistanti ;
    • Si devono ridurre proporzionalmente le distanze, cosicché 1 cm sulla carta corrisponda sempre alla stessa lunghezza, più grande, sul territorio.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 70. Scale numeriche e scale grafiche
    • Tale rapporto si chiama scala .
    • Si indica in forma numerica o grafica .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 71. Scale numeriche e scale grafiche
    • La scala numerica è espressa dal rapporto che c’è tra 1 cm sulla carta e la realtà.
    • Su una scala 1/25.000, 1 cm della carta equivale a 25.000 cm del territorio.
    • Per avere il rapporto in metri basta coprire con un dito gli ultimi due zeri; 1 cm sulla scala corrisponde a 250 m .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 72. Scale numeriche e scale grafiche
    • Più è grande il denominatore della scala, più questa è piccola e meno particolari saranno evidenziati sulla carta, perché è più grande la superficie del territorio da rappresentare.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 73. Scale numeriche e scale grafiche
    • Le carte con scala superiore a 1/200.000 sono chiamate carte geografiche ;
    • Quelle da 1/200.000 a 1/20.000 sono chiamate carte topografiche ;
    • Quelle con una scala inferiore a 1/20.000, sono chiamate mappe .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 74. Scale numeriche e scale grafiche
    • Le scale grafiche sono rappresentate da un segmento diviso in tre parti, due delle quali evidenziano i km corrispondenti e l’altra, a sinistra di queste, è divisa in ettometri (100 metri).
    • Animazione (Planimetria, scala)
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 75. Il curvimetro
    • Strumento per avere una rapida lettura delle distanze.
    Dino Recchi - AE 15/11/11 Animazione (Planimetria, scala)
  • 76. I simboli cartografici
    • Una carta geografica, oltre ad essere ridotta e approssimata , è anche simbolica , perché i vari elementi fisici ed antropici presenti sulla Terra, come rilievi, mari, fiumi, città, colture, ecc., vengono rappresentati con segni convenzionali o con colori il cui significato è spiegato da una legenda apposta ai margini della carta.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 77. Segni convenzionali
    • Sotto ogni cartina dell’IGM sono riportati i segni convenzionali; rappresentazioni grafiche, non in scala , di case, ponti, fontanili, terreni, ecc.
    • Vediamo quali sono i simboli principali.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 78. Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 79. Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 80. Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 81. Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 82. I simboli cartografici
    • Tra i simboli più comuni meritano particolare attenzione quelli relativi alla rappresentazione del rilievo .
    • Nelle carte moderne si ricorre al tratto forte , al tratteggio , allo sfumo , alle tinte altimetriche e alle curve di livello .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 83. I simboli cartografici
    • Il tratto forte consiste in linee molto marcate , che con il loro aspetto sinuoso simulano l’andamento delle catene montuose principali, diventando più spesse là dove i rilievi assumono maggiore estensione. Di solito sulla carta vengono anche segnate le quote più significative .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 84. I simboli cartografici Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 85. I simboli cartografici
    • Il tratteggio consiste nel disporre affiancati dei trattini a forma di triangolo isoscele allungato , orientati nel senso della massima pendenza, diventando quindi più grossi e più fitti là dove il pendio è più ripido.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 86. I simboli cartografici Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 87. I simboli cartografici
    • Lo sfumo consiste nel mettere in risalto le parti prominenti di un rilievo con un’ombreggiatura di uno stesso colore più o meno estesa, a seconda della pendenza.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 88. I simboli cartografici Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 89. I simboli cartografici
    • Le tinte altimetriche consistono in colori che variano con l'aumentare dell'altezza, e si usano di solito negli atlanti scolastici. In genere si usa il verde per le pianure al di sotto dei 200 metri, il marrone chiaro per le zone comprese tra 200 e 500 metri, il marrone più scuro per le zone che vanno da 500 a 1.500 metri ed il rosso cupo per le zone più elevate.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 90. I simboli cartografici Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 91. I simboli cartografici Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 92. I simboli cartografici
    • Per chi vuole imparare ad orientarsi leggendo una carta topografica è indispensabile avere la padronanza delle curve di livello .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 93. I simboli cartografici
    • Le curve di livello , dette anche isoipse , dal greco isos =“uguale” e iupsos = “altezza”, sono linee che uniscono tutti i punti aventi la stessa altezza sul livello del mare .
    • Costituiscono il sistema più perfetto per rappresentare i rilievi e vengono usate nelle carte a grande scala, come quelle topografiche.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 94. I simboli cartografici Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 95. I simboli cartografici
    • E' come prendere il profilo di una montagna sezionata in vari piani distanti tutti 25 m ; mettendo insieme tutti questi profili otteniamo le curve di livello della cartina come nell'immagine sotto. 
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 96. I simboli cartografici Dino Recchi - AE 15/11/11 Animazione: altimetria, curve di livello
  • 97. I simboli cartografici
    • La differenza di quota fra una curva di livello e un'altra in genere è di 25 m nelle carte topografiche dell'IGM con scala 1:25.000.
    • La differenza di quota fra due curve di livello successive viene chiamata anche " Equidistanza ", la sua misura è indicata sulle note della carta. 
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 98. I simboli cartografici
    • Le curve di livello prendono il nome in base al tipo di segno grafico; quelle più scure e grosse si chiamano  Direttrici  e distano fra loro 100 m sulla verticale.
    • Tra di loro generalmente se ne trovano altre tre più chiare e sottili dette  Intermedie  ogni 25 m .
    • In zone particolarmente ripide e rocciose possono essere usate le  Ausiliarie  che invece sono chiare e tratteggiate .
    • La distanza planimetrica tra due curve è detta " Intervallo ".  
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 99. I simboli cartografici Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 100. I simboli cartografici
    • Alcune caratteristiche delle curve di livello:
    • Pendio a debole pendenza : curve di livello distanti.
    • Pendio ripido : curve ravvicinate.
    • Rilievo : curve chiuse, l'una dentro l'altra.
    • Passo o sella : due insiemi di curve, racchiuse da una terza curva che si restringe fra di essi.
    • Promontorio, costone : le curve rivolgono la convessità verso le quote minori.
    • Avvallamento : le curve rivolgono la convessità verso le quote maggiori.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 101. I simboli cartografici Dino Recchi - AE 15/11/11 Animazione: altimetria, lettura
  • 102. I simboli cartografici
    • Impariamo a mettere insieme le cose  
    • Abbiamo già detto che la simbologia rappresenta “l'alfabeto” della carta. Il riconoscimento dei singoli elementi topografici (le “lettere dell’alfabeto” come un sentiero, un albero isolato, una roccia) ci forniscono preziose informazioni .
    • Se però riusciamo a cogliere anche i rapporti fra i diversi elementi, facendone una lettura integrata , saremo in grado di ricavare dalla mappa una notevole mole di informazioni ed avremo una visione così completa del terreno rappresentato, tale da permetterci di muoverci su di esso con la stessa sicurezza di chi lo conosce per averlo frequentato da anni.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 103. I simboli cartografici Dino Recchi - AE 15/11/11 Imparare a leggere le curve di livello ci aiuta a capire come è fatto il terreno, è più importante del saper usare la bussola.
  • 104. I simboli cartografici
    • Ecco qualche esempio significativo:
    • Esame di un sentiero in rapporto alle curve di livello:
      • il sentiero corre parallelo alle curve : il tratto è pianeggiante ;
      • il sentiero taglia , attraversandole, le curve : il tratto è in salita (o discesa, dipende dai punti di vista...). Tanto più tende a tagliarle perpendicolarmente, tanto più il tratto è ripido.
    • Esame di una curva di livello in rapporto alle altre:
      • Una curva forma un'ansa in avanti , con la convessità verso le quote inferiori : piccolo promontorio , naso sul pendio ;
      • l'ansa ha la convessità verso le quote superiori : piccolo avvallamento , rientranza sul pendio .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 105. I simboli cartografici Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 106. Le catene montuose
    • Un esercizio utile al riconoscimento dei rilievi montuosi è quello di evidenziare le dorsali e le cime, unendole tra loro seguendo le creste e di far risaltare sulla carta le prominenze più evidenti.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 107. Le catene montuose Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 108. Il senso di orientamento
    • Un buon orientista non è un tipo che non si perde mai, ma uno che sa ritrovare il sentiero .
    • Molti si preoccupano di individuare il percorso nel paesaggio che hanno di fronte, rimanendo disorientati quando sono costretti a tornare indietro: il paesaggio è completamente diverso .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 109. Il senso di orientamento
    • Voltiamoci ogni volta che il sentiero scompare, in un bosco o dopo una curva.
    • Annotiamo ogni particolare importante che ci potrebbe aiutare sulla via del ritorno (taccuino).
    • Poniamoci delle domande , anche quando consultiamo la carta…
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 110. Il senso di orientamento
    • Il lato monte devo averlo a destra o a sinistra?
    • Il sentiero sale o scende?
    • Quel colle lo dovrò oltrepassare sulla sinistra o sulla destra?
    • La corrente del ruscello dovrebbe scorrere verso la mia sinistra o la mia destra?
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 111. Il senso di orientamento
    • Oltre ai riferimenti che non dobbiamo mai perdere di vista, sin dalla partenza, altrettanto importanti sono i riferimenti che stiamo lasciando alle nostre spalle .
    • Possiamo sapere se siamo spostati a est o ad ovest rispetto alla nostra meta, o se siamo troppo alti o troppo bassi.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 112. Il senso di orientamento con nebbia
    • La nebbia falsa i rumori per cui è prudente rimanere a portata di vista con i nostri compagni.
    • Camminando in gruppo, stiamo sempre uniti e fermiamoci tutti ad attendere chi si ferma.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 113. Il senso di orientamento con nebbia
    • Su un sentiero non segnato o in zone scoscese ci dobbiamo riparare e attendere che la visuale migliori .
    • Su un sentiero segnato tutti dovremo fare attenzione ai segnali. E’ facile distrarsi proprio perché siamo su una via sicura.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 114. Il senso di orientamento con nebbia
    • Metodo della “ fisarmonica ”.
    • Uno o due del gruppo andranno avanti a cercare il segnale successivo, mentre gli altri attenderanno all’ultimo segnavia, per poi raggiungere gli “esploratori” non appena questi ne avranno trovato un altro.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 115. Il senso di orientamento con nebbia
    • Se ci avventuriamo su un sentiero non segnato, soprattutto se minaccia cattivo tempo, lasciamo segnali ben visibili ad ogni punto dubbio: bivio, dosso, ecc.
    • Se ci siamo allontanati fuori sentiero, conviene prendere nota dell’azimut per tornare alla base .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 116. Il senso di orientamento con nebbia
    • Lo strumento più utile in caso di nebbia è senz’altro l’ altimetro .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 117. L’altimetro e il “punto” altimetrico
    • E’ praticamente un barometro .
    • Tarato in modo che la diminuzione di pressione atmosferica, fa spostare l’indicatore sulla relativa quota altimetrica.
    • Più saliamo e più diminuisce la pressione.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 118. L’altimetro e il “punto” altimetrico
    • E’ sensibile agli sbalzi di pressione. Quando il tempo peggiora può esserci un abbassamento di pressione che falsa l’indicazione dell’altimetro.
    • Ogni volta che raggiungiamo un punto quotato sulla carta tariamolo .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 119. L’altimetro e il “punto” altimetrico
    • E’ uno strumento indispensabile per l’orientamento quando c’è poca visibilità.
    • La bussola ci dà la direzione , l’altimetro l’ altezza .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 120. L’altimetro e il “punto” altimetrico
    • E’ possibile “ fare il punto ” in diversi modi
    • Se riconosciamo sulla carta il sentiero che stiamo percorrendo, sapendo la quota in cui ci troviamo, possiamo individuare il nostro punto di stazione .
    • Con un azimut verso un punto di riferimento noto, tracciando il reciproco sulla carta, questo intersecherà l’isoipsa corrispondente alla quota indicata dall’altimetro .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 121. Il senso di orientamento di notte
    • Il buio rende tutto più magico ma anche più complicato.
    • Ci possiamo perdere più facilmente ; non vediamo distintamente i punti di riferimento nel paesaggio; non sono ben riconoscibili buche e burroni.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 122. Il senso di orientamento di notte
    • Usiamo la bussola e l’altimetro, ma soprattutto la deduzione logica leggendo la cartina .
    • In caso di difficoltà è meglio cercarsi un riparo e attendere l’alba prima di riprendere il cammino.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 123. Orientamento con le stelle
    • Senza bussola, per capire dov’è il Nord, possiamo sfruttare le stelle.
    • Nel nostro emisfero: la Stella Polare e Orione .
    • Nell’emisfero Sud: la Croce del Sud .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 124. Orientamento con le stelle Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 125. Orientamento con le stelle
    • Pur essendo abbastanza precise nell’indicarci il Nord o il Sud, non ci sarà possibile trovare con precisione gli altri punti cardinali.
    • Seguiremo una direzione approssimativa, utile se la nostra meta non è un punto preciso.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 126. Stella Polare
    • E’ una stella luminosa ed è l’ultima delle stelle che formano il timone della costellazione del Piccolo Carro o Orsa Minore , nel suo insieme poco luminosa.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 127. Orione
    • E’ una costellazione che in Italia è visibile chiaramente d’inverno .
    • Sembra un guerriero medievale con tanto di spada e scudo.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 128. Orientamento senza carta e senza bussola
    • Se ci avventuriamo in una zona sconosciuta, annotiamo ogni particolare utile per tornare al punto di partenza.
    • In questi casi dobbiamo ripercorrere la via dell’andata, mai fare una traversata .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 129. Orientamento senza carta e senza bussola
    • Lasciamo delle tracce : piramidi o frecce di sassi, rami in evidenza, ogni 30-40 m, soprattutto in cima ai dossi o in coincidenza delle curve .
    • Posizioniamoli in modo che siano visibili anche procedendo dalla direzione opposta (voltiamoci).
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 130. Orientamento senza carta e senza bussola
    • Evitiamo di andare fuori sentiero , se non per emergenza.
    • Se ci allontaniamo (20-30 minuti) dal nostro campo, possiamo sfruttare il Sole di giorno e la Luna di notte come riferimenti: se avanzo con il Sole davanti, torno con il Sole alle spalle.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 131. Il vento
    • Quando c’è un vento dominante , osservando la direzione delle nubi, con un filo d’erba o lasciando cadere dalla mano un po’ di sabbia, sapremo da che parte spira.
    • Ogni zona è soggetta a determinati venti dominanti.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 132. Altri segni
    • In zone aperte anche il muschio degli alberi o delle rocce isolate indica dove batte di meno il Sole.
    • Nel nostro emisfero, (settentrionale), è la parte a Nord, mentre sul lato Sud le rocce sono più asciutte e pulite.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 133. Altri segni
    • Sulle creste o sui valichi il Nord è dalla parte dove la neve si scioglie più lentamente.
    • L’ edera cresce nella zona più umida, quindi a Nord, così le muffe e le macchie di umidità presenti sui ruderi.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 134. Altri segni
    • Il tronco degli alberi tagliati presenta degli anelli concentrici più distanziati dal lato a Sud.
    • Le foglie degli alberi sono più folte verso Sud.
    • Nell’emisfero meridionale: il Nord al posto del Sud.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 135. Se ci smarriamo
    • Prima di proseguire raggiungiamo una posizione dominante e aperta dove poter osservare il paesaggio.
    • Aiutiamoci con un binocolo .
    • Se non è possibile fare il punto, lasciamo qualcuno del gruppo al nostro punto di stazione e facciamo esplorare il terreno ai più esperti.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 136. Se ci smarriamo
    • Se il gruppo è numeroso gli esploratori procederanno a raggiera avendo cura di lasciare tracce per tornare alla base.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 137. Se ci smarriamo Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 138. Se ci smarriamo
    • Se uno solo potrà spostarsi descriverà un cerchio intorno alla base senza perdere i contatti con il gruppo o almeno lasciando dietro di sé numerose ed evidenti tracce.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 139. Se ci smarriamo Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 140. Se ci smarriamo
    • Se ciò che cerchiamo sta da un lato preciso, davanti, dietro, di fianco a noi, possiamo far disporre il gruppo su una riga a distanza 15-20 m l’uno dall’altro lasciando almeno uno alla base.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 141. Se ci smarriamo
    • Il gruppo avanzerà tenendosi in contatto a vista uno con l’altro e rimanendo collegati alla base attraverso le tracce che uno di essi avrà cura di sistemare.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 142. Se ci smarriamo Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 143. Se ci smarriamo
    • Se, su un sentiero sconosciuto, davanti a un bivio ci nasce un dubbio, conviene far fermare il gruppo e mandare avanti sui due sentieri, per 300-400 m, due esploratori tra i più esperti.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 144. Se ci smarriamo
    • Se il gruppo è costretto a proseguire fuori sentiero è bene che qualcuno faccia da esploratore per evitare che tutti si sfianchino a risalire dopo passaggi sbagliati.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 145. Se ci smarriamo
    • Un buon orientista, oltre ad essere un tipo previdente , è anche un buon osservatore .
    Dino Recchi - AE 15/11/11 Affinando bene i sensi, ogni particolare sarà utile per ritrovare la strada di casa.
  • 146. Se ci smarriamo
    • I tralicci dell’alta tensione finiscono sempre in un centro abitato;
    • Gli acquedotti;
    • Il corso di un ruscello conduce a valle;
    • Piste battute da animali;
    • Odori e rumori.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 147. Stima delle distanze
    • Occorre abituarsi al “ colpo d’occhio ” servendosi della cartina.
    • Difficile, solo la pratica ci sarà maestra.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 148. Stima delle distanze
    • Le distanze ci sembreranno più grandi :
      • su terreno accidentato;
      • con molto caldo;
      • con foschia;
      • al tramonto;
      • se ci sono molte ombre.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 149. Stima delle distanze
    • Le distanze ci sembreranno più piccole :
      • su terreno piatto;
      • se l’aria è limpida;
      • se c’è molto contrasto tra l’obiettivo e lo sfondo;
      • se è in basso rispetto a noi.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 150. Stima delle distanze
    • A 1-1,5 Km di distanza si distinguono le sagome delle finestre; si vedono le auto in movimento; le persone si evidenziano appena.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 151. Stima delle distanze
    • A 3,5-4 Km le finestre sono come puntini ma i contorni delle case sono ben stagliati.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 152. Stima delle distanze
    • A 5-6 Km si distinguono solo i profili e gli alberi isolati.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 153. Metodo del pugno
    • Il pugno di un uomo, a braccio teso, dista dagli occhi circa 7 volte la sua ampiezza.
    • Per misurare la distanza tra noi e un monte, calcoliamo quanti pugni servono per collegare il nostro obiettivo con un altro riferimento noto.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 154. Metodo del pugno
    • Calcolando sulla carta la distanza tra i due, ricaveremo quanti Km ci separano da uno di essi.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 155. Metodo del pugno
    • Se la distanza tra A e B è di 2 Km e misuriamo 3 pugni:
    • 7 : 3 = X : 2 Km
    • X = 7 x 2 / 3 = 4,6 Km
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 156. Rumori
    • Tra il momento in cui si produce un suono e il momento che lo percepiamo passa del tempo, che dipende dalla distanza che ci separa dal luogo dove si svolge l’azione.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 157. Rumori
    • Il suono si propaga ad una velocità di 330 m al secondo .
    • Basta contare i secondi che passano e moltiplicare per 330 per sapere la distanza.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 158. Le carte: introduzione
    • La Terra (paragonabile grosso modo a una sfera) è difficilmente rappresentabile su carta. Questa premessa è indispensabile per capire come le carte geografiche, per quanto curate, costituiscano una rappresentazione ridotta , approssimata e simbolica della superficie terrestre. Ogni sfera può essere tagliata a spicchi (come un’arancia) o a fette (come l’ananas).
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 159. Le carte: introduzione
    • Nel caso della sfera ‘Terra’ riconosciamo un asse di rotazione e due poli alle sue estremità. Tagliandola esattamente a metà nel punto della sua circonferenza massima, abbiamo l’ Equatore .
    • Può essere definito come l’unione di tutti i punti equidistanti dai due poli .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 160. Le carte: introduzione
    • Il globo, detto anche mappamondo, è una riproduzione in scala, sufficientemente fedele, del pianeta Terra. Nonostante la Terra abbia una forma ellissoidale, il globo ha una forma sferica.
    • Il globo rappresenta una riproduzione in piccolo della Terra, perciò, date le dimensioni in scala, su di esso possono essere riportate solo le fattezze generali della superficie del pianeta , indicate con una grafica convenzionale.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 161. Le carte geografiche
    • Le carte geografiche rappresentano in una superficie piana tutto il globo o una parte di esso, per mezzo di linee, tratti, ombre, colori e segni convenzionali. Si tratta, perciò, di rappresentazioni totalmente simboliche .
    • Parte principale di una carta geografica è la rete dei gradi , formata dai paralleli e dai meridiani , tra i quali è compresa una data regione.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 162. La scala
    • Dall’evidente difficoltà di trasformare la superficie sferica della Terra in una superficie piana, alterando il meno possibile le distanze e l’ampiezza degli angoli, deriva la molteplicità delle soluzioni adottate da vari cartografi nel corso della storia.
    • Elemento comune a tutte le riproduzioni cartografiche è la scala numerica di riduzione , ovvero il rapporto tra la lunghezza effettiva del terreno e quella riportata sulla carta.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 163. La scala
    • Essa si scrive solitamente come frazione con nominatore 1 e denominatore pari al numero di volte per cui la grandezza misurata è stata ridotta.
    • Così, 1:10.000 indica che 1 centimetro sulla carta equivale a 10.000 centimetri (100 metri);
    • 1:25.000 indica che 1 centimetro sulla carta equivale a 25.000 centimetri (250 metri).
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 164. La scala Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 165. Serie 25 - Carte IGM 1:25.000
    • La  Serie 25  si compone di 2298 carte topografiche alla scala 1:25.000 (1 cm = 250 m), comunemente dette "sezioni".
    • Non sono tutte disponibili perchè molte sono ancora in fase di pubblicazione. Le edizioni e gli  aggiornamenti  per le carte di questa serie variano dagli anni 1990 circa fino a oggi.
    • Le carte topografiche della Serie 25 (le "sezioni") sono sostanzialmente la versione aggiornata delle vecchie carte topografiche in bianco e nero della Serie 25/V, quest' ultime soprannominate come le "tavolette".
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 166. Serie 25 - Carte IGM 1:25.000
    • Le "sezioni" hanno dimensioni di 10' in longitudine e 6' in latitudine; le carte sono inoltre elaborate con rilievo aerofotogrammetrico numerico e analogico e successivamente disegnate con metodologie automatiche o manuali, sono inquadrate nella rappresentazione conforme " Universale Trasversa di Mercatore " ( UTM ); il sistema di riferimento geodetico è basato sull'ellisoide internazionale con orientamento medio europeo ( ED 1950 ).
    • La cartografia di questa serie ha l'orografia a curve di livello con equidistanza di 25 metri; riporta i confini di stato, i limiti amministrativi regionali, provinciali e comunali; ed è stampata a  4 colori .
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 167. Serie 25 - Carte IGM 1:25.000
    • A tutt' oggi sono state pubblicate solo le carte che coprono buona parte del Centro Italia, tutta la Sardegna e Italia del Sud. Molte carte del Nord Italia invece sono ancora in fase di pubblicazione.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 168. Serie 25 - Carte IGM 1:25.000 Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 169. Serie 25 - Carte IGM 1:25.000 Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 170. Serie 25 - Carte IGM 1:25.000
    • Acquista on line:
    • http://ssappsrv01.sesasistemi.it/igm_eshop/store/comersus_index.asp
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 171. Le coordinate geografiche: latitudine e longitudine
    • Come abbiamo già visto, la designazione di un punto può essere fatta tramite le coordinate polari : azimut e distanza da un altro riferimento noto.
    • Ora vediamo come si designa la sua posizione assoluta per comunicare la nostra posizione.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 172. Le coordinate geografiche: latitudine e longitudine
    • Facciamo ricorso alle coordinate geografiche .
    • La longitudine rappresenta le ascisse (linea orizzontale);
    • La latitudine le ordinate (linea verticale).
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 173. Le coordinate geografiche: latitudine e longitudine
    • L’ equatore è la circonferenza massima della Terra perpendicolare all’asse di rotazione, equidistante dai poli , che divide in due emisferi la superficie del globo.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 174. Le coordinate geografiche: latitudine e longitudine
    • I meridiani sono i circoli che uniscono i due poli intersecando perpendicolarmente l’equatore (Greenwich è quello fondamentale).
    • I paralleli sono i cerchi, paralleli all’equatore che avvolgono la sfera terrestre (equatore è quello fondamentale).
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 175. Le coordinate geografiche: latitudine e longitudine Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 176. Le coordinate geografiche: latitudine e longitudine
    • Ogni punto sulla Terra è un punto d’incrocio di un meridiano e di un parallelo e si può localizzare determinando la distanza angolare che lo separa dall’equatore e dal meridiano di Greenwich.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 177. Le coordinate geografiche: latitudine e longitudine
    • I lati degli angoli che servono a misurare queste distanze hanno il vertice sull’asse terrestre.
    • L’equatore ha valore 0°.
    • Il meridiano di Greenwich ha anche lui valore 0°.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 178. Le coordinate geografiche: latitudine e longitudine
    • La latitudine può essere Nord o Sud , a seconda che siamo sopra o sotto l'equatore e può avere un valore massimo di 90° quando siamo ai poli.
    • La longitudine può essere Est o Ovest a seconda della rispettiva posizione rispetto al meridiano di Greenwich e può avere un valore massimo di 180°.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 179. Reticolato geografico Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 180. Le coordinate geografiche: latitudine e longitudine
    • La longitudine sulle carte IGM è misurata a partire dal meridiano di Monte Mario , quindi non coincide con quella calcolata da Greenwich.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 181. Le coordinate geografiche: latitudine e longitudine
    • Misura degli angoli
    • Ci sono vari sistemi di misura, noi prenderemo in esame il sistema sessagesimale che è il più utilizzato.
    • In questo sistema 1°, si legge un grado, è formato da 60’, si legge sessanta minuti, e a sua volta ogni minuto si divide in 60”, sessanta secondi.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 182. Le coordinate geografiche: latitudine e longitudine
    • Vediamo un esempio di come viene rappresentato il sistema di riferimento sulla carta.
    • Nei quattro vertici della carta sono indicate le rispettive coordinate geografiche. La cornice a tratti bianchi e scuri serve ad indicare i minuti primi e servono a tracciare il reticolato geografico.
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 183. Le coordinate geografiche: latitudine e longitudine
    • reticolato geografico
    • reticolato chilometrico
    • valori del reticolo chilometrico
    • latitudine del vertice SO
    • longitudine del vertice SO
    • reticolato italiano
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 184. Le coordinate geografiche: latitudine e longitudine Dino Recchi - AE 11/15/11
  • 185. Le coordinate geografiche: latitudine e longitudine
    • Il punto A che cade nell'intersezione di un meridiano e di un parallelo avrà coordinate:
    • latitudine 41°55'00" + 1' = 41°56'00" aggiungiamo cioè al valore del vertice un tratto nero sulla cornice che equivale ad 1‘
    • longitudine 0°37'30" + 30" = 0°38'00" come vediamo il tratto sulla cornice non è completo, infatti abbiamo un valore di 30" cioè a metà tratto, quindi alla fine del tratto avremo un secondo completo
    Dino Recchi - AE 15/11/11
  • 186. Le coordinate geografiche: latitudine e longitudine
    • Per una definizione precisa delle coordinate diremo che il punto A ha coordinate:
    • Lat. 41°56'00" Nord
    • Long. 0°38'00" Est
    Dino Recchi - AE 11/15/11
  • 187. Il coordinatometro Dino Recchi - AE 11/15/11 Animazione: strumenti, strumenti da carteggio
  • 188. Il coordinatometro
    • Si realizza su un foglio di acetato trasparente in modo da poterlo utilizzare direttamente sulla carta, basta fare in modo che sia in scala.
    • Molto utile, perché in esso vi sono tutti gli strumenti che servono per fare topografia. Non è più necessario portare dietro righelli, goniometri ed altro.
    Dino Recchi - AE 11/15/11
  • 189. Il coordinatometro
    • Per trovare le coordinate basta posizionare il quadrato centrale con il lato inferiore sulla linea del reticolo chilometrico subito sotto il punto, quindi fatelo scorrere sulla linea fino a quando il lato destro del quadrato si posiziona sopra il punto.
    Dino Recchi - AE 11/15/11
  • 190. Il coordinatometro
    • Così si vede il punto in cui il reticolo incrocia il lato inferiore del quadrato, questo sarà il valore della longitudine , mentre il valore che leggete sul lato destra sarà la latitudine . Ogni divisione piccola corrisponde a 20 m , quelle numerate a 100 m .
    Dino Recchi - AE 11/15/11
  • 191. Il coordinatometro
    • Ad esempio nella foto qui accanto il punto A sarà:
    • Long. 07 chilometri scritta in rosa prima del punto +30 letto sulla freccia
    • Lat. 22 chilometri scritta in rosa sulla linea di base del quadrato al di sotto del punto +40 letto in corrispondenza del punto sulla scala.
    • Le coordinate saranno perciò: 0730 2240
    Dino Recchi - AE 11/15/11
  • 192. Le coordinate geografiche: latitudine e longitudine
    • Sappiamo che il tratto da 74 corrisponde ad 1' ovvero a 60", quindi avremo la seguente proporzione:
    • 74 : 60 = 40 : x da cui x = (60x40):74 = 32"
    • I valori dopo la virgola non vanno considerati. Vanno approssimati in eccesso se il valore dopo la virgola è 5 o maggiore, o in difetto se è minore. Es. 32,5=33 32,49=32   Perciò la latitudine di B sarà data dalla somma della misura del vertice più le tacche complete sulla cornice più il tratto dall'ultima tacca al punto, ovvero:
    • 41°55'00" + 1' + 32" = 41°56'32" Nord
    Dino Recchi - AE 11/15/11
  • 193. Le coordinate geografiche: latitudine e longitudine
    • Per la longitudine facciamo lo stesso ragionamento: Il tratto completo è di 55 mm, mentre il nostro punto dista 12 mm dalla linea più a sinistra (si usa sempre la più vicina a sinistra rispetto al punto), avremo perciò:
    • 55 : 60 = 12 : x da cui x = (60x12):55= 13"
    • 0°38'13" Est
    Dino Recchi - AE 11/15/11
  • 194. Le coordinate geografiche: latitudine e longitudine
    • Se invece abbiamo delle coordinate e dobbiamo trovare il punto sulla carta useremo lo stesso procedimento. Ad esempio nel nostro caso date le coordinate 41°56'32" Nord e 0°38'13" Est
    • 74 : 60 = x : 32 da cui x =(74x32):60= 40mm
    • 55 : 60 = x : 13 da cui x =(55x13):60= 12mm
    Dino Recchi - AE 11/15/11
  • 195. Orientamento con il GPS
    • GPS è la sigla che sta per Global Position System , cioè sistema di posizionamento globale. Il funzionamento è estremamente complesso, ma all’atto pratico si traduce in maniera molto semplice.
    • Si tratta di un ricevitore satellitare che, in base ai dati forniti da un certo numero di satelliti, calcola le coordinate con un’approssimazione che va dai 20 ai 50 metri .
    Dino Recchi - AE 11/15/11
  • 196. Orientamento con il GPS
    • Il numero minimo di satelliti è di 4 , tre per la triangolazione ed uno per la quota ( più sono, più preciso sarà il rilevamento).
    • Nato per uso militare con una rete di 16 satelliti, è ormai diventato un oggetto di comune utilizzo con una configurazione ormai definitiva: 24 sono i satelliti utilizzati (21 in uso e 3 di riserva).
    Dino Recchi - AE 11/15/11
  • 197. GPS: caratteristiche
    • Per la scelta si deve tener conto di diversi fattori: peso batteria, consumo, modalità di funzionamento, dati di posizione in coordinate Utm, robustezza e facilità d’uso.
    • Altrettanto importante è il consumo delle batterie . Generalmente durano dalle 15 alle 24 ore, per una escursione giornaliera sono più che sufficienti, diventano invece scarse per le lunghe traversate.
    Dino Recchi - AE 11/15/11
  • 198. GPS: caratteristiche
    • Un moderno GPS è in grado di utilizzare tre tipi di dati:
    • Tracce
    • Waypoint
    • Rotte
    • … oltre ai dati cartografici inseriti nella memoria o in una scheda esterna
    Dino Recchi - AE 11/15/11
  • 199. GPS: caratteristiche
    • La traccia
    • E’ la registrazione “fedele” del percorso che si sta seguendo: viene creata dallo strumento mano a mano che si cammina.
    Dino Recchi - AE 11/15/11
  • 200. GPS: caratteristiche
    • E’ possibile definire se registrare più fedelmente (maggior numero di punti) o fare un registrazione meno dettagliata ma più “leggera” (utile in caso di lunghi trekking).
    Dino Recchi - AE 11/15/11
  • 201. GPS: caratteristiche
    • I waypoint
    • Sono singoli punti che vengono marcati per indicare posizioni importanti.
    • Un consiglio: marcare tutto quello che può tornare utile in seguito (parcheggio, bivio, rifugio, fonte, ecc.)
    Dino Recchi - AE 11/15/11
  • 202. GPS: caratteristiche
    • La rotta
    • Linea “spezzata” che congiunge più waypoint in sequenza , realizzando un percorso .
    Dino Recchi - AE 11/15/11
  • 203. GPS: caratteristiche
    • La rotta
    • Con la funzione “ GoTo ” (vai a), è possibile impostare una navigazione in linea retta verso un waypoint.
    Dino Recchi - AE 11/15/11
  • 204. GPS: come si usa
    • Preparare lo strumento, eliminando dalla memoria tutto quello che non è utile e/o funzionale al percorso da seguire.
    • Impostare la frequenza di registrazione dei punti della traccia.
    • Aspettare qualche momento per fargli fare il “fix” e marcare il punto di partenza .
    Dino Recchi - AE 11/15/11
  • 205. GPS: la cartografia
    • Nel GPS è possibile archiviare tutte le informazioni cartografiche necessarie in un database, i cui elementi vengono poi resi visibili a seconda della scala.
    • Un vantaggio enorme rispetto alla cartografia cartacea.
    Dino Recchi - AE 11/15/11
  • 206. GPS: come sceglierlo
    • Modelli “touch screen” sono più facili da usare.
    • Se ci si muove spesso in folti boschi, antenna a elevata sensibilità.
    • Se si prevede di caricare molta cartografia, slot per scheda di memoria.
    • Attenzione anche alle batterie.
    Dino Recchi - AE 11/15/11
  • 207. Galileo
    • Galileo è la risposta dell'Unione europea al dominio americano dei sistemi GPS.
    • Questo sistema prevede anche una rete criptata e di massima sicurezza (il PRS ) che verrà utilizzata da polizia, vigili del fuoco e servizi di controllo.
    Dino Recchi - AE 11/15/11
  • 208. Galileo: il servizio PRS
    • Il PRS è uno dei cinque servizi forniti da Galileo. Sarà riservato esclusivamente alle persone autorizzate dai governi per la difesa, la sicurezza e i servizi d'emergenza . Ma qual è la differenza tra il PRS e il servizio che invece sarà disponibile gratuitamente a tutti?
    • Il segnale PRS è criptato e in gran parte sicuro contro le interferenze. Per esempio i vigili del fuoco potranno ricevere informazioni di vitale importanza anche nel caso di un guasto al sistema di navigazione dell'auto o di un attacco terroristico.
    Dino Recchi - AE 11/15/11
  • 209. Galileo: stato di avanzamento
    • Attivazione prevista per il 2014 .
    • Aiuterà l'Europa a fare la sua entrata in nuovi mercati e a stabilire degli standard nel settore della navigazione satellitare .
    Dino Recchi - AE 11/15/11
  • 210. Dino Recchi - AE 11/15/11 Grazie per l’attenzione. E se dopo questa lezione ancora non siete in grado di orientarvi, pazienza… potete sempre chiamare il Soccorso Alpino! http://dinorecchi.blogspot.com

×