Your SlideShare is downloading. ×
Esserci o starci
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Esserci o starci

606
views

Published on

I social media a servizio della promozione turistica (Mattina del 15 Ottobre) …

I social media a servizio della promozione turistica (Mattina del 15 Ottobre)
Villa Umbra - Perugia

Published in: Technology

0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
606
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide
  • Per visualizzare altri modelli di esempio, fare clic sul menu File, quindi scegliere Nuovo modello. In Modelli fare clic su Presentazioni.
  • Aumentare il numero di lettori, rispetto a quelli che tradizionalmente usano la cartaOffrire un esperienza diversa nella fruizione dei contenuti attraverso i social media (blog, rss, video, facebook, twitter, aggregatori, ecc.)Entrare nel paradigma della conversazione permanente (vedi cluetrain manifesto)Predisporsi al cambiamento organizzativo, siamo tutti communiti manager
  • Presidiare tutti i canali socialmediali, ricordandosi che è un mondo beta e bisogna adattarsi
  • La politica di Obama insegna che bisogna presidiare tutti i social media
  • Il caso Alitalia
  • Il caso Alitalia
  • Il caso Alitalia
  • Il caso Alitalia
  • Transcript

    • 1. La comunicazione pubblica sul web sociale VILLA UMBRA 15/10/2012Gianluigi CogoESSERCI O STARCI?
    • 2. Opportunità indotte dai social media Il contesto Offrire un Interagire Di riferimento esperienza direttamente diversa conversando Un mondo nuovo, una presenza adeguata
    • 3. Il contesto di riferimento Presidio di molti canali sociali
    • 4. Presidiare la maggior parte dei social media “Go where your customers are”. Lo slogan di Obama, rappresenta un inversione di paradigma. Non sono più i clienti (utenti?) che devono accedere ai nostri servizi, siamo noi (fornitori di servizi) che dobbiamo spostarci sul palinsesto sociale. Il palinsesto sociale (social media e social network) vive e si sviluppa in beta perpetua. Nulla è per sempre e bisogna farsi trovare preparati quando è necessario, od opportuno, per aprire nuove ambasciate.
    • 5. Offrire un esperienza diversaAdeguare il linguaggio, predisporsi all’ascolto e alla conversazione, favorire la partecipazione
    • 6. Tesi n. 1 del Cluetrain manifesto: I mercati sono conversazioni!Non si tratta di restyling del sito, ma di un vero e proprio CAMBIAMENTO
    • 7. Tesi n. 19 del Cluetrain manifesto:Le aziende possono oracomunicare direttamente con iloro mercati. Se non lo capiscono,potrebbe essere la loro ultimaoccasione.
    • 8. Strumenti per conversaresono creo abito animo partecipo
    • 9. Far vivere un esperienza diversa L’Ente aggrega i contenuti prodotti dalla comunità e li mescola con i servizi e i contenuti propri. La nuova presenza in rete è un mashup di esperienze interne ed esterne all’Ente. Il cliente/utente partecipa alla produzione e alla conversazione e si sente parte del progetto. Il cliente/utente deve sentirsi protagonista, deve avere la sensazione di essere ascoltato. Deve avere la sensazione che le sue idee possano portare valore dentro e fuori l’azienda con cui si è fidelizzato.
    • 10. Se non ora quando?Alle aziende tradizionali le conversazioni online possono sembrareconfuse. Ma ci stiamo organizzando più rapidamente di loro.Abbiamo strumenti migliori, più idee nuove, nessuna regola che cirallenti. tesi 94 del Cluetrain manifesto
    • 11. Interagire conversando Chi è preposto a presidiare il web sociale nella PA?
    • 12. Chi?“…Social media can’t belong to one person; itneeds to be part of everyone’s job,” Prestonsaid. “It has to be integrated into the existingeditorial process and production process…”http://tinyurl.com/nysmeditor
    • 13. Il presidio del web sociale presuppone fatica» Adeguarsi alla mutazione dei linguaggi» Muoversi velocemente» Ridurre a zero il margine di errore» Difendere e bonificare la reputazione personale e del brand» Organizzare momenti analogici di incontro
    • 14. Errori da evitare» I social media non fanno per me, sono tecnologia.» Parlare solo tu! (Il cliente vuol essere ascoltato).» Presidiare il web sociale senza un media plan.» Pensare che tutti i social media e i social network siano adatti al tuo brand.» Ignorare le critiche. (Equivale a un suicidio).» Usare account fake per generare commenti positivi. (Vengono sgammati subito).
    • 15. Fatal error
    • 16. Fatal error
    • 17. gigi.cogo@gmail.comGianluigi Cogo