Your SlideShare is downloading. ×
La casta padana 2010 a treviso venezia roma
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

La casta padana 2010 a treviso venezia roma

507
views

Published on


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
507
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. La Casta Padana 2010 a Treviso, a Venezia e… a Roma!Tutto quello che Zaia conserverà se diventerà Presidente della Regione.Quella della “occupazione militare” dei consigli d’amministrazione di ex-municipalizzate, enti edaffini da parte della Casta Padana non è certo una novità, ma con il passare del tempo la Casta dicasa nostra ha visto l’ingresso di numerosi esponenti del PDL (in virtù delle alleanze in Comune eProvincia con la Lega) e l’estendersi della sua area di influenza a Venezia e… a Roma.Una parte del documento, infatti, è riservata a Nicola Cecconato che ha collezionato numerosiincarichi di rilievo non solo a Treviso e a Venezia ma proprio a “Roma ladrona”.1. I compensi.Per quanto riguarda le indennità ed i compensi dei ‘nominati’ in ex-municipalizzate ed enti vari,riportiamo solo i più significativi, sulla base dei dati più recenti forniti da Comune, Provincia,Regione, società. Mancano i compensi per i componenti di alcuni collegi sindacali e i gettoni dipresenza nei consigli d’amministrazione, ma siamo già di fronte ad un quadro piuttosto interessante.E’ chiaro che a noi non interessa quanto “viene in tasca” ai nominati, ma quanto le loro prebendecostano ai contribuenti.Nicola Cecconato € 90.000,00 Presidente Istituto Sviluppo Agroalimentare (*)Mario Piovesan € 51.500,00 Presidente La Marca SpAStefano Busolin € 50.027,00 Presidente Ascotrade Spa (1)Liviana Scattolon € 42.636,24 Presidente ATER di TrevisoRoberto Loschi € 39.000,00 Presidente Treviso Mercati SpAGiacomo Archiutti € 30.000,00 Presidente AertreLucio Pasqualetto € 22.822,08 componente Comitato regionale per le ComunicazioniRoberto Zava € 21.318,12 Vicepresidente ATER di TrevisoMirco Visentin € 20.000,00 Presidente Trevisoservizi SrlFrancesco Pietrobon € 16.500,00 consigliere d’amministrazione Veneto Strade SpaAnnalisa Basso € 16.500,00 consigliere d’amministrazione La Marca SpaStefano Busolin € 16.500,00 consigliere d’amministrazione La Marca SpaFulvio Zugno € 10.400,00 componente Collegio dei Sindaci Ascotrade SpaAndrea Zanchetta € 10.328,00 Presidente Farmacie Trevigiane SpALoreta Baggio € 10.000,00 consigliere d’amministrazione Finest SpAMaurizio Demma € 10.000,00 consigliere d’amministrazione ACTT SpAStefano Cerniato € 10.000,00 consigliere d’amministrazione ACTT SpAErich Zanata € 10.000,00 consigliere d’amministrazione ACTT SpAFulvio Zugno € 10.000,00 consigliere Consorzio Energia VenetoSerena Lorenzon € 7.500,00 consigliere d’amministrazione La Marca SpaMassimo Stoccco € 7.500,00 consigliere d’amministrazione La Marca SpaAlberto Magaton € 7.410,48 Presidente Parco del SileAndrea Dalle Feste € 6.000,00 consigliere d’amministrazione Trevisoservizi SrlRoberto Merlin € 5.000,00 consigliere d’amministrazione AertreErich Zanata € 3.705,24 Vicepresidente Parco del Sile(*) compenso riferito al 2008 quando Cecconato era amministratore ma non presidente(1) compenso riferito al 2008 quando Busolin non era presidenteIl totale annuo è di totale € 524.647,20 (oltre un miliardo in lire) che società pubbliche ed entipagano alla Casta Padana con i soldi dei contribuenti.
  • 2. 2. I conflitti di interesse, inefficienze e sprechi.La confusione tra politica e gestione dei servizi. Rimossi, prevalentemente per via legislativa, idoppi incarichi dei consiglieri comunali leghisti che erano anche presidenti o amministratori delleex-municipalizzate, continuano a non mancare i conflitti di interesse causati dalle nomine politichenelle società partecipate dal Comune.Un caso emblematico è quello dell’ACTT e delle sue partecipate.ACTT fa parte della cordata di aziende aggiudicataria del project financing per la realizzazione e lagestione del park interrato di piazza Vittoria ed ora fa parte della società che ha sostituitol’associazione temporanea di imprese nella gestione dell’appalto. Ma le partecipazioni societarie diACTT nel settore dei parcheggi non si fermano qui. La società presieduta da Erich Zanata èproprietaria al 100% di Park Dal Negro Srl e Miani Park Srl che gestiscono gli omonimi(fallimentari) parcheggi multipiano. ACTT, infine, fa parte di Trevisosta Srl, la società che ha ingestione il nuovo sistema di parcheggi “a sensori”.Questa pluralità di partecipazioni e la dipendenza dal Comune la pongono al centro di un grovigliodi conflitti di interesse.Il primo conflitto si manifesterà quando inizieranno i lavori per la realizzazione del park interrato. Ilcantiere della Parcheggio Piazza della Vittoria Srl (partecipata da ACTT) renderà inutilizzabili uncentinaio di stalli nella piazza sottraendo per almeno due anni profitti a Trevisosta Srl, ugualmentepartecipata da ACTT. Il conflitto di interessi è evidente.Una volta che sarà realizzato, il park interrato inevitabilmente sottrarrà utenti al Dal Negro e alMiani che già versano in una situazione economica tutt’altro che florida. Per ACTT ogni auto cheparcheggerà nel park sotterraneo invece che in uno dei due silos significherà un calo del 95% delprofitto, visto che ACTT è proprietaria al 100% di Dal Negro e Miani, ma solo al 5% del park dipiazza della Vittoria.Nel caso, ancora ipotizzabile, in cui il Comune decidesse di bloccare la realizzazione del parkinterrato ACTT (che l’amministrazione cittadina controlla al 70%) si troverebbe nella scomodaposizione di avere un ‘proprietario’ che non vuole il parcheggio e di essere a sua voltacomproprietaria di una società nata per realizzarlo. Per non parlare poi del contenzioso giuridicoche potrebbe nascere tra il Comune e la società partecipata dall’ACTT e della penale che il Comunepotrebbe essere costretto a pagare sempre alla Parcheggio Piazza della Vittoria Srl presieduta dallostesso Erich Zanata che il Sindaco ha scelto come presidente di ACTT.Ovviamente non si tratta di una situazione venutasi a creare in modo casuale ma del frutto di scelte(o meglio di non scelte) politiche e della militarizzazione leghista degli incarichi nelle ex-municipalizzate che nella maggior parte dei casi non vengono affidati a tecnici competenti nei varisettori ma a leghisti e, se resta posto, agli alleati del PDL.Gli incarichi che creano conflitti di interesse, in fondo, sono il frutto della Casta Padana e,contemporaneamente, la alimentano con il potere e le prebende che assicurano.Nel frattempo i problemi, siano essi quelli dei parcheggi o della raccolta dei rifiuti, rimangonoquelli di sempre.Inefficienze e sprechi: il conto lo pagano i cittadini. Se la gestione di una ex-municipalizzata èaffidata ad esponenti politici si rischia che sia incentrata più sulle logiche di appartenenza politicache su quelle del miglioramento della qualità dei servizi e della riduzione dei costi per i cittadini.Quando queste inefficienze si traducono in sprechi di risorse, cattiva qualità e alto costo delservizio, il conto lo pagano i cittadini-utenti! Lo pagano perché hanno a disposizione servizi inquantità e qualità inadeguati rispetto alle necessità e lo pagano nelle bollette salate che ricevono!Un esempio classico di inefficienza nelle ex-municipalizzate? Quello di Trevisoservizi il cui bacinodi utenza è troppo piccolo per rendere ottimale l’utilizzo degli impianti e dei macchinari necessarialla raccolta ed al primo trattamento dei rifiuti.Ma Trevisoservizi si ostina anche a non utilizzare il servizio di raccolta “porta a porta” (l’unico checonsente di migliorare quantità e qualità della raccolta differenziata) perché i leghisti temono che
  • 3. ciò comporterebbe problemi di consenso elettorale: le esigenze di una maggiore differenziazione deirifiuti e della conseguente riduzione della bolletta per i cittadini e della minore necessità didiscariche cedono il passo rispetto alle necessità elettoralistiche.Purtroppo non ci si può aspettare altro da una ex-municipalizzata i cui amministratori sono statiscelti sulla base della fedeltà politica e non della competenza gestionale, manageriale, finanziaria.I collegi sindacali delle Ulss. La Corte dei Conti ha rilevato che la politicizzazione dei collegisindacali delle Ulss rischia pesantemente di inficiare il ruolo di garanzia di questi organismi.Secondo la Corte dei Conti, quindi, sarebbe necessario slegare il collegio sindacale delle Ulss dallanomina politico-territoriale di tre su cinque membri (due della Regione e uno dei sindaci), perché èchiaro che i membri si sentono condizionati da chi affida loro lincarico.Si tratta di un problema che non riguarda la nostra Provincia?Tutt’altro visto che ci sono vari casi nelle Ulss della Marca in cui è evidente la commistione trapolitica ed appartenenza al collegio sindacale di una Ulss. 1) Nel collegio della Ulss 7 il componente nominato dalla Regione è Nicola Cecconato, assessore leghista al Bilancio e Finanze del Comune di San Vendemiano e noto per una collezione di incarichi professional-politici. 2) All’Ulss 8 il componente del collegio di nomina regionale è l’assessore leghista al Comune di Treviso Fulvio Zugno. 3) All’Ulss 9 è la volta di Pietro Basciano assessore di area PDL al Comune di Conegliano e di Lorena Andretta (PD) in rappresentanza dei Comuni: a loro, in particolare, andrebbe rivolta qualche domanda sul buco milionario di cui l’Ulss è stata vittima. 4) Nel collegio sindacale della Immobiliare Ca’ Foncello (di completa proprietà dell’Ulss 9) siede Liviana Scattolon che è anche Presidente dell’assemblea dei Sindaci dei Comuni della stessa Ulss: anche qui un doppio incarico che puzza di conflitto di interesse.Prima che sia la Corte dei Conti ad imporlo o che qualche modifica legislativa costringa a farlo nonsarebbe il momento di far uscire la politica dagli organismi di controllo delle Ulss? Sono altri,infatti, i luoghi in cui la politica può e deve esprimere la propria capacità di indirizzo della sanitàpubblica, non certo il collegio dei sindaci in cui è bene che seggano professionisti che non hannonulla a che vedere proprio con i politici che, dalla Regione e dai Comuni concorrono alla gestionedelle Ulss. Luigi Calesso, Anna Mirra, Marcello Stampacchiahttp://unaltratreviso.splinder.com unaltratreviso@hotmail.it
  • 4. Lega Nord (con qualche aggiunta del Popolo della Libertà) La mappa della Casta Padana Amministrazione Gruppo consiliare Giunta Municipale Comunale di leghista Città di Treviso di Treviso VillorbaACTT SPA Treviso Servizi SRL Treviso-Mercati SPA Conferenza Sindaci Ulss 9Presidente C.d’A. Presidente C.d’A. Presidente C.d’A.Erich Zanata (LN) Mirco Visentin (LN) Roberto Loschi (LN) Presidente Liviana Scattolon (LN)Consiglio d’A. Consiglio d’A.Stefano Cerniato (Pdl) Andrea Dalle Feste Farmacia Trevigiana SPAMaurizio Demma (Pdl)(Pdl) Presidente C. d’A. Gestione Immobiliare Andrea Zanchetta(LN) Ca’ Foncello SPA (al 100% dell’Ulss 9)Parcheggio Dal Ente Provinciale della Collegio dei SindaciNegro SRL Parcheggio Piazza Liberazione della Marca Liviana Scattolon (LN) della Vittoria SRL TrevigianaAmministratore UnicoErich Zanata (LN) Presidente C. d’A. Consiglio d’A. Erich Zanata (LN) Pamela Prizzon (LN) Fondazione CassamarcaConsorzio VenetoManutenzione Strade Miani Park SRL I.P.A.B. APPIANI Consiglio di IndirizzoPresidente C. d’A. Amministratore Unico Consiglio d’A. e ProgrammazioneSandro Zampese (LN) Maurizio Demma (Pdl) Adriano Dotto (LN) Marco Serena (LN)
  • 5. AERTRE SPA ASCO TLC ASCOTRADE SPA ATER Treviso Vicepresidente C. d’A. Presidente C.d’A. Presidente C. d’A.Presidente C.d’A.Giacomo Archiutti (Pdl) Leonardo Muraro(LN) Stefano Busolin (LN) Liviana Scattolon (LN) Collegio Sindacale Consiglio d’A.Consiglio d’A. Nicola Cecconato (LN) Consiglio d’A. Roberto Zava (Vicep) (Pdl)Roberto Merlin (LN) Loris Colmaor (LN) Alberto Maniero (Pdl)Collegio dei Sindaci Veneto Acque SPA Pierantonio Fanton (LN)Liviana Scattolon (LN) Collegio dei Sindaci Collegio Sindacale Collegio Sindacale Fulvio Zugno (LN) Nicola Cecconato (LN) Nicola Cecconato (LN)Ente Parco del Sile Veneto Strade SPA Finest SPA Progetto Casa SPAPresidente Vicepresidente C.d’A. Consiglio d’A.Alberto Magaton (Pdl) Leonardo Muraro(LN) Loreta Baggio (Pdl) Presidente C. d’A.Vicepresidente Pierantonio Fanton (LN)Erich Zanata (LN) Consiglio d’A. Francesco Pietrobon (LN)Consiglio d’A. Comitato Regionale La Marca SPAStefano Bastianetto (Pdl) per le Comunicazioni Ulss 7 Consiglio d’A.Mirco Visentin (LN) Lucio Pasqualetto Mario Piovesan (Pres.) Collegio dei Sindaci (Pdl) Annalisa Basso (Pdl) Nicola Cecconato (LN) Stefano Busolin (LN)Fondazione Scuola Serena Lorenzon (Pdl)Enologica di Conegliano Consorzio Energia Veneto Massimo Stocco (LN) Ulss 8presidente Consiglio Direttivo Collegio SindacaleLeonardo Muraro (LN) Collegio dei Sindaci Fulvio Zugno (LN) Nicola Cecconato (LN) Fulvio Zugno (LN) Centro Regionale diSocietà per l’Autostrada Ricerca e Fromazione nel Istituto Regionale Ulss 9 Settore Vitivinicolo Scarl Ville Venetedi Alemagna SPA Consiglio d’A.presidente C.d’A. Collegio dei Sindaci Consiglio d’A. Fabio Gazzabin (LN)Leonardo Muraro (LN) Pietro Basciano (Pdl) Cristiano Paro (LN) Mario Piovesan (LN)
  • 6. Il recordman Nicola CecconatoA Roma Istituto Sviluppo RAI Trade SPA CONI Servizi SPA Agroalimentare SPA Componente del Componente Supplente Presidente del Consiglio d’Amministrazione Collegio Sindacale del Collegio SindacaleIn Veneto Veneto Infrastrutture Veneto Acque SPA STI Servizi Trasporti Servizi SRL Interregionali SPA Componente del Revisore dei Conti Collegio Sindacale Revisore dei ContiA Treviso Comune di San ULSS 7 ATER Treviso SPA Vendemiano Componente del Componente del Assessore al Bilancio Collegio dei Sindaci Collegio Sindacale ASCO TLC SPA Edigas Due SPA Edigas Esercizio (gruppo ASCO) Presidente del Collegio Distribuzione Gas (gruppo ASCO) Sindacale Presidente del Collegio Componente del Collegio Sindacale Sindacale La Marca SPA CIT Consorzio per i servizi di igiene del territorio Componente supplente Presidente del Collegio del Collegio Sindacale Sindacale

×