il webforum nel blended-learning: il caso AulaForum

1,252 views
1,133 views

Published on

presentazione della tesi mia di laurea: il webforum nel blended learning: il caso AulaForum, Università di Ferrara, corso "tecnologo della comunicazione multimediale"

Published in: Education, Technology
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,252
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
8
Actions
Shares
0
Downloads
13
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

il webforum nel blended-learning: il caso AulaForum

  1. 1. Il web-forum nel blended-learning: il caso AulaForum “ Tecnologo della comunicazione audiovisiva e Multimediale” Università degli Studi di Ferrara
  2. 2. Il Problema: ICT e Istruzione Scolastica Modello Tradizionale incentrato sulla comunicazione in presenza e sulla lezione ex cathedra di tipo trasmissivo Politiche M.P.I e ICT MonForTic, Per la scuola, Scuola & Servizi > approccio erogativo, top/down, centralizzato e eterodiretto > privi di significative ricadute sul piano della didattica concreta Ricerca su e-learning Ha privilegiato il mondo universitario, corporate, dell’aggiornamento professionale focalizzando la sua attenzione sulle Piattaforme LMS/LCMS e sui Learning Object
  3. 3. Proposta operativa per l’utilizzo didattico delle tecnologie di rete nell’ambito dell’istruzione secondaria superiore Blended Learning Utilizzo di una formula “blended” che integri didattica in presenza e online Webforum Impiego Webforum e strumenti Web 2.0 in luogo delle piattaforme LMS/LCMS Comunità Distribuita creazione di una comunità ubiqua la cui attività collaborativa sia distribuita sia nella dimensione delle presenza fisica che in quella della presenza online
  4. 4. Proposta Tesi: scuola secondaria superiore contesto privilegiato per la realizzazione di una modalità formativa “Blended” Assunzione, quale punto di vista da cui condurre l’analisi, delle concrete esigenze che studenti e docenti della scuola secondaria superiore incontrano nel corso della loro quotidiana attività formativa Approccio Attività formativa e interazione comunicativa integrate sistematicamente e organicamente attraverso un sistema online incentrato su un webforum che funge da interfaccia tra presenza fisica e presenza online. Né VLC, né comunità reale, ma una comunità ubiqua, distribuita in entrambe le dimensioni WebForum Docente regista Coordinamento attività, servizi, interazione formativa e comunicativa, collaborazione, manutenzione e gestione del sistema
  5. 5. " Sistema Educativo e Servizi Scolastici Online ”: a sinistra lo “spazio reale” delle didattica in presenza rappresentato dalle classi, al centro il forum e il sito web, alla destra gli ambienti di apprendimento online, uno “comune” realizzato dal docente (VLE) e gli altri sviluppati individualmente dagli studenti (PLE) Ambiente di Apprendimento Integrato (Blended)
  6. 6. Primo Capitolo E-learning e Blended Learning - Che cos’è l’e-learning? - Che cos’è il blended learning? - Quali sono le rispettive caratte- ristiche, opportunità e criticità? Secondo capitolo <ul><li>Comunità e Apprendimento </li></ul><ul><li>Le comunità di Pratica </li></ul><ul><li>Le Virtual Learning Community </li></ul><ul><li>la comunità ubiqua o distribuita </li></ul>Terzo Capitolo Quarto Capitolo <ul><li>Formale e Informale </li></ul><ul><li>Dal VLE al PLE </li></ul><ul><li>Web 2.0 o Nuovo Web </li></ul><ul><li>- Tacito e Implicito </li></ul><ul><li>- Formal e Informal Learning </li></ul><ul><li>AulaForum: il Web in aula </li></ul><ul><li>Struttura del webforum </li></ul><ul><li>funzionamento di AulaForum </li></ul><ul><li>- Integrazione tra online e pre- senza </li></ul><ul><li>- Analisi quantitativa del traffico </li></ul>
  7. 7. P r i m o C a p i t o l o E-learning e Blended Learning La Babele dell’e-learning
  8. 8. P r i m o C a p i t o l o La “torre di Babele” e il “rasoio” di Ockham Attraversamento non lineare e multiprospettico del territorio Dell’e-elarning al fine di ottenere degli “schizzi paesistici” rasoio di Ockham : “Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem” Descartes : camminare sempre nella stessa direzione Wittgenstein : “walk criss-cross over the landscape”
  9. 9. P r i m o C a p i t o l o Le “generazioni” delle F.A.D. e le due Anime dell’e-learning Autori : Calvani, Galliani, Mason, Trentin, Ligorio, Cacciamani, Elia, Murgia, Le 3 generazioni delle FAD (pp. 16-18) E-learning come evoluzione delle FAD (pp. 16-17 ) Focus sulla distanza e 1° fraintendimento (pp. 18-21) Mason e le tipologie di e-learning (pp. 21-22) Modello Erogativo (pp. 26-32) percorso formativo: prestrutturato, estensivo (grandi numeri) teacher centered, a bassa interattività, autoistruzione comunicazione uno/molti (broadcast), uno/uno progettazione didattica: top/down, lineare, sequenziale piattaforma LMS/LCMS Modello Distribuito e Collaborativo percorso formativo: aperto, intensivo (piccoli numeri) peer to peer, ad alta interattività, apprendimento condiviso comunicazione molti/molti (rete), conduzione didattica: bottom/up, reticolare, cultivating
  10. 10. S e c o n d o C a p i t o l o Comunità e Apprendimento Opportunità e Criticità della Virtual Learning Community
  11. 11. S e c o n d o C a p i t o l o Comunità e Apprendimento Autori : Wenger, Elia, Trentin, Calvani, Rotta, Bruschi, Perissinotto, Rivoltella Comunità di Pratica (Wenger): dominio, comunità, pratica costruzione collaborativa e condivisione delle conoscenze è possibile la migrazione online delle CoP? (pp. 51-63) Virtual Learning Community (pp. 63-73) Interazione e costruttivismo criticità (team building, decision making, ecc.) La Comunità Ubiqua: didattica online sostitutiva o integrativa Superare il dualismo Reale/Virtuale (pp. 73-78) agire come essere in relazione Unità dell’esperienza e agire comunicativo
  12. 12. T e r z o C a p i t o l o Formale e Informale Liberare le potenzialità dell’informale senza rinunciare formale
  13. 13. T e r z o C a p i t o l o Il Paradosso dell’informale Autori : Piave, O'Reilly, Arina Teemu, Nonaka e Takeuchi, Buonaiuti. Web 1.0 – Web 2.0 - perpetual Beta - Web as a services - Interaction with Services - Prosumer - peer to peer - social networking - cloud computing - Folksonomia - Open Source - real time <ul><li>Virtual Learning </li></ul><ul><li>Environment </li></ul><ul><li>eterodiretto </li></ul><ul><li>piattaforma LMS </li></ul><ul><li>Web 1.0 </li></ul><ul><li>formal learning </li></ul><ul><li>centralizzato </li></ul><ul><li>Personal Learning </li></ul><ul><li>Environment </li></ul><ul><li>autodiretto </li></ul><ul><li>Web 2.0 </li></ul><ul><li>informal learning </li></ul><ul><li>spazio sociale - reticolare </li></ul><ul><li>Formal Learning - progettazione didat- tica - erogativo - chiuso </li></ul><ul><li>predeterminato </li></ul><ul><li>controllato </li></ul><ul><li>Informal Learning </li></ul><ul><li>interattivo </li></ul><ul><li>aperto </li></ul><ul><li>sociale </li></ul><ul><li>libero </li></ul><ul><li>autonomo </li></ul><ul><li>cultivating </li></ul>
  14. 14. Q u a r t o C a p i t o l o AulaForum, il web in aula sistema blended learning di tipo distribuito e collaborativo
  15. 15. Q u a r t o C a p i t o l o AulaForum, il web in aula S.E.S.S.O. Sistema Educativo Scolastico e Servizi Online - Realizzato in fase sperimentale nel corso dell’a.s. 2005/06 - Funzionante nel triennio F del liceo Scientifico “G. Brotzu” dall’a.s: 2006/07 ad oggi <ul><li>Composizione </li></ul><ul><li>AulaForum (http://aula.forumfree.net) </li></ul><ul><li>AulaWeb (http://www.gianfrancomarini.it) </li></ul><ul><li>strumenti e servizi web e web 2.0: </li></ul><ul><li>Google Calendar, Gmail, Picasa, Facebook, You Tube, Scribd, </li></ul><ul><li>Slide Share, Divshare, Creately, sito Liceo www.liceobrotzu.it, </li></ul><ul><li>giornalino online Liceo, registro online </li></ul>Presenza: aula scolastica Ambiente prevalentemente: formale, progettazione didattica, controllo, valutazione, sequenzialità, eterodiretto Online : Sistema Servizi Online Ambiente prevalentemente: informale, aperto, autodiretto, reticolare, collaborativo,
  16. 16. Q u a r t o C a p i t o l o e X T R e M e T r a c k i n g
  17. 17. Q u r t o C a p i t o l o Google Analytic
  18. 18. Q u a r t o C a p i t o l o Durata media delle visite riferita ai visitatori di ritorno fasce relative alla frequenza media delle visite, nei 162 giorni considerati, da cui si ricava che più della metà dei visitatori di ritorno sono studenti

×