Caffè Monoporzionato In Italia Ed. 2011

2,435 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,435
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Caffè Monoporzionato In Italia Ed. 2011

  1. 1. Giandomenico De Franco, Partner Cogent Milano, 29 luglio 2011 IL MERCATO DEL CAFFE’ MONOPORZIONATO IN ITALIA NEL 2010
  2. 2. Scenario competitivo Pag. 1 Le aziende che propongono un proprio sistema monoporzionato, sia cialde che capsule, sono aumentate, spesso con sistemi a capsule più o meno simili fra loro anche se legati a macchine brandizzate. Tuttavia la concentrazione è aumentata, e le prime tre aziende del settore, che detenevano il 74,4% del mercato a valore nel 2009, hanno accresciuto la loro quota complessiva al 74,8%, con la restante parte di torrefazioni che compete per lo più a livello localeregionale e una incidenza del business specifico non significativa sul fatturato aziendale. Le crescite maggiori sono fatte registrare dai grandi player impegnati nel segmento dei sistemi a capsule speciali. I modelli di business delle aziende leader sono sensibilmente diversi gli uni dalle altre, ma si sta rivelando un fattor comune la capacità distributiva e la capacità di stipulare grandi accordi, intesa come: • presenza capillare sul territorio nazionale attraverso il trade; • sviluppo di una forma societaria tale da garantire capillarità distributiva presso i gestori del vendingocs; • diffusione sul territorio nazionale con forme miste; • produzione prevalente in conto-terzismo e quindi sfruttamento della capacità distributiva delle torrefazioni partner.
  3. 3. Fattori critici di successo Pag. 2 Area fuori casa. E’ un dato di fatto che emerge direttamente dalle crescite aziendali, vince chi ha un supporto distributivo strutturato e radicato sul territorio. Le crescite maggiori sono fatte registrare dalle aziende che hanno una distribuzione capillare e che possono godere un elevato numero di gestori serviti. In quest’area di business gamma e packaging hanno un’importanza inferiore rispetto all’area famiglie. L’importanza del servizio è una diretta conseguenza della distribuzione, e un plus stesso dei sistemi monoporzionato che proprio sul concetto di servizio basano il loro valore aggiunto rispetto al macinato. Area famiglie. Sul canale famiglie servito tramite il trade moderno l’immagine del sistema proposto è il fattore critico di successo più importante alimentata da adeguati investimenti pubblicitari. La crescita più sostenuta è proprio di quei sistemi a capsule speciali oggetto di ingenti investimenti in comunicazione e che si sono dotati nel tempo di una riconoscibilità diffusa, o che erano già ben presenti nell’immaginario collettivo. Il mercato ha premiato le aziende che più hanno investito in innovazione creando un’ esperienza d’acquisto capsula-macchina mirata e coinvolgente, e che continuano a innovare con nuovi modelli di macchine e gamma di capsule.
  4. 4. Dimensioni e trend di produzione e consumo apparente dal 2007 al 2010 Pag. 3 <ul><li>La produzione (più import) di caffè monoporzionato continua a far registrare incrementi annui notevoli, +15,6% nel 2010, una variazione addirittura inferiore alla crescita media annua 2007-2010 che è stata del 16,1%. </li></ul><ul><li>Il consumo apparente cresce del 16,8% a valore nel 2010, e con una crescita media annua del 17,9% dal 2007 al 2010, non scalfita dal periodo di crisi e calo dei consumi dell’ultimo biennio, continua ad attirare le attenzioni di nuovi operatori. La crescita a volume è stata inferiore, +12,2%, ne consegue un incremento di prezzo medio che segue a un maggiore focus delle grandi torrefazioni sulle più costose capsule speciali. </li></ul>
  5. 5. I segmenti del mercato Pag. 4 <ul><li>Le cialde in carta subiscono nel 2010 un’accelerazione del trend di crescita, + 14,4% a valore, frutto di un incremento delle referenze a scaffale nel trade moderno e del costante aumento di torrefazioni minori che se ne dotano. Al loro interno prevalgono le cialde standard E.S.E. e le vendite realizzate attraverso il trade, mentre continua la sostituzione con le capsule nel canale OCS. </li></ul><ul><li>Un buon risultato di vendite, +4,5%, è ascrivibile alle capsule in plastica a standard semi aperto, segmento che continua a vedere la diffusione sul mercato di capsule cloni delle classiche Lavazza Espresso Point, e una commercializzazione crescente anche attraverso l’e-commerce. </li></ul><ul><li>L’interesse delle torrefazioni maggiori è però concentrato sulle capsule speciali a standard chiuso, che fanno segnare una crescita ben oltre la media complessiva del settore, attestandosi su una variazione positiva del 38,4%. </li></ul>
  6. 6. Dati di sintesi Pag. 5
  7. 7. Indice Pag. 6
  8. 8. <ul><ul><ul><li>Cogent S.r.l. </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>  </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Corso Sempione, 10 </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>20154 Milano </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Email: [email_address] </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>www.cogent.it </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>  </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Tel. 02 944 350 82 </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Fax. 02 454 981 94 </li></ul></ul></ul>

×