Your SlideShare is downloading. ×
Martini, l'anestesia nella chirurgia della mammella pptx
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Martini, l'anestesia nella chirurgia della mammella pptx

53,807

Published on

Published in: Health & Medicine
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
53,807
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. L’anestesia nella chirurgia della mammella
    Alessandro Martini
    UOC Anestesia Perioperatoria
    Osp. S. Eugenio
    ASL RMC
  • 2. Problematiche generali
    ETA’
    Comorbidità
    DOLORE
    Comfort
    Sistema immunitario
    Outcome
  • 3. Tecniche anestesiologiche
    Anestesia Generale:
    -Bilanciata
    -Totalmente endovenosa
    Anestesia Locoregionale:
    -Blocco intercostale
    -Blocco paravertebrale
    -Peridurale toracica
    -Anestesia Locale
    -On-Q
    Anestesia combinata
  • 4. La metastatizzazione a distanza è la causa più importante di decesso nelle pazienti sottoposte a chirurgia radicale del tumore della mammella
  • 5. Can anesthetictechniqueforprimarybreastcancersurgeryaffectrecurrence or metastasis?
    Exadaktylos AK, Buggy DJ, Moriarty DC, Mascha E, SesslerDI
    Anesthesiology. 2006Oct;105(4):660-4.
  • 6. Metastasi e recidive
    VEGF
    PDGF β
    PIGF
    FGF
    MMPs
    Immunità
    cellulo-mediata
    Le capacità di un tumore di metastatizzare a distanza dipendono dal bilancio tra le sue potenzialità metastatiche intrinseche e le difese immunitarie del paziente.
    L’immunità cellulo-mediata rappresenta il sistema di difesa più importante contro i tumori
  • 7. Tumore primario
    Proliferazione/angiogenesi
    Invasione /distacco
    Embolizzazione
    Trasporto
    Arresto nell’organo
    Aderenza
    Stravaso
    Creazione del microambiente
    Proliferazione e angiogenesi
    Metastasi
  • 8. Immunità cellulo-mediata
    Le cellule natural killer (NK) sono la difesa primaria contro le cellule cancerose. Vengono attivate da numerose citochine , tra le quali l’interleukina-2, l’interleukina-12 e l’interferone-g
  • 9. Le cellule Natural Killer
    Non sono in grado di eradicare il tumore primario ma possono eliminare residui minimi di malattia (es. cellule tumorali ai margini di resezione, micrometastasi)
    Anche l’attività citotossica dei linfociti-T, dei monociti e delle cellule dendritiche si è dimostrata importante
  • 10. Quattro variabili perioperatorie sono in grado di far pendere l’ago della bilancia a favore delle recidive e la metastatizazzione a distanza
    Atto chirurgico
    Farmaci anestetici
    Oppioidi
    Dolore
  • 11. Atto chirurgico
    Produce una intensa risposta neuroendocrina da stress che riduce la produzione delle interleukine e dell’interferone-у ed aumenta la produzione di interleukina-10 che deprime l’immunità cellulo-mediata .
    Aumenta il rilascio di sostanze proangiogeniche come il fattore endoteliare di crescita vascolare (VEGF) ed il fattore di crescita epidermico (EGF)
    Il tumore primario può produrre sostanze, localmente e sistemicamente, che inibiscono la crescita tumorale stessa (es. angiostatina, endostatina).
  • 12. Farmaci anestetici
    Molti studi in vitro ed in vivo su modelli animali ed umani dimostrano che i farmaci anestetici riducono l’attività immunitaria di neutrofili, macrofagi, cellule dendritiche, cellule-T, cellule natural killer (NK)
  • 13. Farmaci anestetici e difese dell’ospite
    Drug Potential effect on anti-tumour host defences
    Ketamine Reduced NK cell activity and number in animalmodels
    Thiopental Reduced NK cell activity and number in animalmodels
    Propofol Reduced NK cell number in animal models
    Volatile agents inhibits interferon stimulation of NK cell cytotoxicity in animalmodelsReduces NK cell number in humans; associated with worse outcome when compared with local anaesthesia for melanoma excision
    Nitrous oxide Associated with acceleration in development of lung and liver metastases in animal models . No effect on cancer outcome after surgery for colorectal carcinoma in humans; inhibits formation of haematopoietic cells that may be important for tumour cells
    LocalanaestheticdrugLidocaine inhibits EGF receptor and tumourcellproliferation in vitro; ropivacaineinhibitsgrowthofcancercells
    Morphine Inhibits cellular immunity including NK cell activity in animalmodels; Inhibits NK cell activity in humans
    Fentanyl Inhibits NK cell activity in humans
    Tramadol Stimulates NK cell activity in animal models Stimulates NK cell activity in humans
    COX-2 inhibitors Display anti-angiogenesis and anti-tumoureffects in animalmodels
    G. L. Snyder
    BJA - 2010
  • 14. Oppioidi
    Gli oppioidi (es. morfina e fentanyl) inibiscono in maniera dose dipendente l’immunità cellulo-mediata nell’uomo.
    Aumentano la sopravvivenza ed accelerano il ciclo di mitosi cellulare del tumore.
    Aumentano l’angiogenesi e la neovascolarizzazione.
    AntjeGottschalk - Anesthesiology2010
    Singeton PA - Future Oncol. 2010
    PatriceForget - AnesthAnalg2010
  • 15. Dolore
    Il 40% delle donne che si sottopongono alla chirurgia per l’exeresi del tumore primario sperimenta un importante dolore acuto nel postoperatorio
    Il 50% di queste donne sviluppa in seguito un dolore cronico persistente
    A.Schnabel, BJA:2010
  • 16. Effetti del dolore
    - Deprime l’immunità cellulo-mediata ed amplifica gli effetti negativi della chirurgia sul tumore
    - La sostanza P è un neurotrasmettitore che mediante il legame con il suo recettore NK1 è responsabile della trasmissione del dolore e dell’infiammazione
  • 17. Ruolo della sostanza P
    E’ stato dimostrato che molti tumori, compreso il carcinoma mammario, esprimono il recettore NK1 sulla superficie cellulare.
    L’interazione della sostanza P con il recettore NK1 delle cellule tumorali è in grado di indurre angiogenesi, migrazione cellulare ed inibizione dell’apoptosi.
    Muñoz M, BCRT 2010
  • 18. “Può la tecnica anestesiologica modificare il rischio di recidive e metastasi?”
    Forse
  • 19. Studio retrospettivo su i benifici dell’anestesia locoregionale
    Exadaktylos AK, Buggy DJ,
    Anesthesiology 2006; 105: 660–4
    Biki B, Mascha E,
    Anesthesiology 2008; 109: 180–7
  • 20. L’anestesia locoregionale potrebbe essere associata ad una minore incidenza di eventi metastatici nelle pazienti sottoposte a chirurgia di exeresi del tumore primario della mammella in quanto…
  • 21. -Permette un controllo ottimale del dolore intra e postoperatorio
    -Permette di prolungare l’analgesia nelle successive 24/48 h postoperatorie mediante posizionamento di cateterino.
    -E’ in grado di prevenire la formazione di sostanza P ed il rischio di dolore cronico persistente.
  • 22. Dolore cronico persistente
    -Il dolore viene definito cronico o persistente quando è di lunga durata (almeno 3-6 mesi) e permane alla scomparsa dei fattori causali che lo hanno generato
    -Dolore locale in sede chirurgica, del cavo ascellare e del braccio omolaterali
    -Parestesie e disestesie
    -Più frequente nelle pazienti giovani
    -Più frequente in caso di dissezione linfonodale ascellare e di radioterapia adiuvante
    Gärtner R, 2009 Nov
  • 23. Anestesia Locoregionale
    Anestesia intraoperatoria Analgesia postoperatoria
    Dolore
    Stress chirurgico  Oppioidi Comfort  Giorni di degenza
    VEGF IL-2 IFN-γ Sostanza P Immunità cellulo-mediata
    Metastasi(?)
  • 24. Tecniche anestesiologiche
    Anestesia Generale:
    -Bilanciata
    -Totalmente endovenosa
    Anestesia Locoregionale:
    -Blocco intercostale
    -Blocco paravertebrale
    -Peridurale toracica
    -Anestesia Locale
    -On-Q
    Anestesia combinata
  • 25. 1. Nervo intercostale (ramo ventrale)
    2. Branca muscolare
    3. Branca cutanea laterale
    4. Branca del muscolo trasverso del torace
    5. Branca cutanea anteriore
    6. Fascia endotoracica
    7. Membrana intercostale interna
    8. Muscolo intercostale esterno
    9. Muscolo intercostale interno
    10. Muscolo intimo intercostale
    11. Membrana intercostale esterna
  • 26. On-Q
  • 27. L’ultrasonografia nei blocchi nervosi
    L’esecuzione dei blocchi nervosi ecoguidati è considerata “best practice”
    La possibilità di vedere i tronchi nervosi rende l’esecuzione dei blocchi più agevole, ne aumenta la percentuale di successo e ne diminuisce i rischi
  • 28. Blocco paravertebrale ecoguidato
    Il blocco paravertebrale è una tecnica anestesiogica che ha numerose indicazioni.
    Fino a pochi anni fa si eseguiva in base a reperi anatomici o tecniche che rilevano differenze di pressione tra lo spazio extra ed intra paravertebrale.
    L’ultrasonografia permette la precisa visione ed il raggiungimento dello spazio paravertebrale.
  • 29.
  • 30. Esecuzione del blocco paravertebrale ecoguidato.
    La paziente viene posizionata in decubito laterale con il lato da anestetizzare verso l’alto.
    La sonda ecografica viene posizionata lungo il margine della costa adiacente il livello scelto per il blocco e con la sua estremità mediale a contatto con il processo
    spinoso.
  • 31. Viene praticata praticata un’infiltrazione di anestetico locale per la cute ed il tragitto dell’ago.
  • 32. Si introduce un ago di Tuohy 17 G secondo un approccio cosiddetto “In plane” fino ad attraversare la membrana intercostale interna.
  • 33.
  • 34.
  • 35. Dopo l’iniezione di 20ml di Naropina 7,5mg/ml si introduce il cateterino per circa 5 cm nello spazio paravertebrale.
  • 36. Variante
    Paziente seduta, ago di Tuohy inserito secondo un appoccio “out ofplane”.
  • 37. ALR continua + AG
    Miglior comfort
    Minori complicanze
    Ricovero più breve
    Minor rischio di metastasi (?)
    Minori costi
  • 38. Grazie per l’attenzione
    www.anestesiaose.altervista.org

×