• Save
D'Alfonso Valerio. Diagnosi dello scompenso cardiaco. ASMaD 2010
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

D'Alfonso Valerio. Diagnosi dello scompenso cardiaco. ASMaD 2010

on

  • 2,776 views

 

Statistics

Views

Total Views
2,776
Views on SlideShare
2,664
Embed Views
112

Actions

Likes
4
Downloads
0
Comments
0

2 Embeds 112

http://eugenioprova.wordpress.com 109
http://www.santeugenioroma.it 3

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

D'Alfonso Valerio. Diagnosi dello scompenso cardiaco. ASMaD 2010 D'Alfonso Valerio. Diagnosi dello scompenso cardiaco. ASMaD 2010 Presentation Transcript

  • DIAGNOSI DELLO SCOMPENSO CARDIACO LATINA 2-10-2010 Dott. V. D’Alfonso
  • SCOMPENSO CARDIACO
    • Definizione : condizione fisiopatologica in cui il cuore non è in grado di pompare una quantità di sangue adeguata alle richieste metaboliche dell’organismo o può essere in grado di farlo solo a discapito di pressioni di riempimento ventricolare elevate (Braunwald)
  • SCOMPENSO CARDIACO
    • Incidenza: 0,4-2% nella popolazione europea
    • L’incidenza aumenta con l’età
    • Incidenza tra gli ultra 75 anni del 5-10%
    • Principale causa di ospedalizzazione e di disabilità
  • SCOMPENSO CARDIACO
    • ACUTO O CRONICO
    • SISTOLICO O DIASTOLICO
    • Destro o sinistro
    • Alta o bassa portata (si riferisce in realtà ad un gruppo di patologie che mimano il quadro clinico dello scompenso cardiaco)
  • Quando sospettare uno scompenso cardiaco?
    • Dispnea da sforzo ed a riposo;
    • ortopnea;
    • dispnea parossistica notturna;
    • edemi declivi;
    • oliguria
    • stanchezza
    • palpitazioni
    • Aumento della pressione venosa centrale;
    • rumori da stasi polmonare;
    • edemi declivi;
    • versamenti pleurici ed ascite;
    • pallore, cianosi fredda della cute, sudorazione;
    • tachicardia.
    Sintomi Segni clinici
  • Quando sospettare uno scompenso cardiaco? Fondamentale una precoce diagnosi clinica nell’ottica di una migliore prognosi per il paziente. Diagnosi difficile in pazienti anziani ed obesi.
  • EZIOLOGIA Non ci si dovrebbe limitare alla semplice diagnosi di scompenso cardiaco ma si dovrebbero ricercare le cause che lo hanno determinato. Difatti sebbene il trattamento della scompenso cardiaco è comune, alcune cause necessitano di una terapia specifica.
  • EZIOLOGIA Coronary heart disease Many manifestations Hypertension Often associated with left ventricular hypertrophy Cardiomyopathies Familial/genetic or non-familial/non-genetic Drugs b-Blockers, calcium antagonists, antiarrhythmics, cytotoxic agents Toxins Alcohol, medication, cocaine, trace elements Endocrine Diabetes mellitus, hypo/hyperthyroidism, Cushing syndrome, adrenal insufficiency, excessive growth hormone, phaeochromocytoma Nutritional Deficiency of thiamine, selenium, carnitine. Obesity, cachexia Infiltrative Sarcoidosis, amyloidosis, haemochromatosis, connective tissue disease ecc…..
  • EZIOLOGIA CI= cardiopatia ischemica IP= ipertensione polmonare CMD= cardiomiopatia dilatativa CV= cardiopatia valvolare (SEOSI)
  • ESAMI DIAGNOSTICI
    • ECG
    • Radiografia del torace
    • Analisi di laboratorio
    • Ecocardiografia
    • TAC cardiaca
    • RMN cardiaca
    • ECG da stress
    • Scintigrafia miocardica
    • Cateterismo cardiaco
  • ECG
    • Facile esecuzione
    • Basso costo
    • Alto valore predittivo negativo
    • Ampio spettro di alterazioni: bradicardia, FA, BAV, aritmie ventricolari….
  • RADIOGRAFIA TORACICA
    • Facile esecuzione
    • Basso costo
    • Valutazione iniziale di cardiomegalia e congestione del piccolo circolo
    • Valutazione delle eventuali comorbilità
  • RADIOGRAFIA TORACICA
  • ANALISI CLINICHE
    • Emocromo, valutazione elettroliti e funzione renale.
    • BNP e pro-BNP con importanza anche prognostica
    • Troponine: utili soprattutto nel sospetto di una sottostante cardiopatia ischemica.
  • UTILITA DE BNP
  • ECOCARDIOGRAFIA
    • Buona diffusione della metodica
    • Permette una valutazione del volume, della massa e dello spessore di parete del cuore
    • Rileva spesso la causa dello scompenso
    • Valuta la contrattilità globale e dei singoli segmenti del miocardio; riassumendo tali parametri nella Frazione di Eiezione (FE)
    • Valuta il rilasciamento diastolico del cuore
  • ECOCARDIOGRAFIA
  • ECOCARDIOGRAFIA F.E. Scompenso Sistolico Scompenso Diastolico <50 >50 Presenza di indici di disfunzione diastolica
  • ECOCARDIOGRAFIA
    • TRANSESOFAGEA: pazienti con scarsa finestra acustica, valutazione valvulopatie, valutazione endocarditi, anomalie congenite
    • Da Stress: indicata in cardiopatici ischemici, presenta bassa Se e Sp dovuta alla frequente presenza di dilatazione cardiaca e/o BBSn.
  • ECOCARDIOGRAFIA NEWS
  • ECOCARDIOGRAFIA NEWS
  • ECOCARDIOGRAFIA NEWS
  • RMN CARDIACA
    • Alto costo
    • Scarsa diffusione della metodica
    • Gold Standard per la valutazione del volume, della massa e degli spessori del cuore. Permette inoltre di visualizzare eventuali cicatrici post-ischemiche
  • RMN CARDIACA
  • TAC CARDIACA
    • Alto costo
    • Scarsa diffusione della metodica
    • Utile nello scompenso su base ischemica per la valutazione non-invasiva delle coronarie
  • TAC CARDIACA
  • ESAMI DIAGNOSTICI
    • SCINTIGRAFIA MIOCARDICA : Utile nello scompenso post-ischemico per valutare la funzionalità miocardica (Stunning, miocardio ibernato)
    • ECG da Sforzo : Utile se negativo per escludere la diagnosi di scompenso cardiaco
    • Cateterismo cardiaco : Esame di 2° livello, utile per definire l’eziologia della scompenso, valutarne la prognosi, e con finalità interventistiche nella forma post-ischemica
  • Classificazione secondo la New York Heart Association (NYHA)
    • Classe I nessuna limitazione; l’attività fisica abituale non provoca astenia, dispnea, palpitazioni
    • Classe II lieve limitazione dell’attività fisica. Benessere a riposo ma l’attività fisica abituale provoca affaticamento, dispnea, palpitazioni o angina
    • Classe III grave limitazione dell’attività fisica. Benessere a riposo, ma attività fisiche di entità inferiore a quelle abituali provocano sintomi
    • Classe IV incapacità a svolgere qualsiasi attività senza disturbi. Sintomi di scompenso anche a riposo
  • CONCLUSIONI
    • Centralità della semeiotica nella diagnosi
    • Importanza della diagnosi eziologica della patologia alla base della sindrome “scompenso cardiaco”
    • Giusto utilizzo dei più diffusi mezzi diagnostici
    • Razionalizzazione dell’ impiego di esami strumentali di secondo livello
  • GRAZIE