Your SlideShare is downloading. ×
Cianfrocca Cecilia. Gestione dello scompenso cardiaco: Chronic Care Model. ASMaD 2010
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Cianfrocca Cecilia. Gestione dello scompenso cardiaco: Chronic Care Model. ASMaD 2010

844
views

Published on

Published in: Health & Medicine

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
844
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Vantaggi della gestione dello scompenso cardiaco cronico secondo il Chronic Care Model ASL LATINA P.O. NORD OSPEDALE CIVILE “S. MARIA GORETTI” U.O.C. MEDICINA INTERNA G.Campagna, C. Cianfrocca, F. Marrocco, F. Paoletti, T. Ricci
  • 2.
    • Prevalenza 2-3%, nei pz tra 70-80 anni 10-20%
    • Nelle fasce d’età più giovani prevale il sesso maschile, tra gli anziani non si riscontrano significative differenze di sesso
    • US oltre 3 milioni di visite ambulatoriali o presso DEA annualmente
    • In Italia rappresenta il primo DRG
    Lo scompenso cardiaco (HF) è una sindrome clinica caratterizzata da segni e sintomi di insufficienza cardiaca ed evidenza di alterazioni cardiache a riposo, strutturali o funzionali. ESC Guidelines for the diagnosis and treatment of acute heart failure 2008 ESC Guidelines for the diagnosis and treatment of acute heart failure 2008 E. Arcangeli Internal and Emergency Medicine2009
  • 3. STUDIO TEMISTOCLE
    • Pazienti più anziani (età media 77 + 10 vs 70 + 12)
    • Soggetti di età >70 anni 68,8%
    • Prevalenza donne (52% vs 38%)
    • Frazione d’eiezione conservata (40.8% vs 28.4%)
    • Frequenti comorbidità 70% (73.6% vs 64.5%)
    • Successivo ricovero (45.4% vs 43.7% p NS)
    HFPEF American Heart Journal 2003
  • 4. 27 donne e 23 uomini ricoverati presso la nostra UOC di Medicina Interna da gennaio 2009 a maggio 2009
    • popolazione femminile: età media di 77,4 anni; il 55,5%>80 anni di età
    • popolazione maschile: età media di 74,09 anni; il 78,2%>70 anni di età
    • (52% tra 70 ed 80 anni)
    • Comorbidità donne
    • Ipertensione arteriosa 70%
    • Diabete Mellito 51.8%
    • (HbA1C >7% 42.8%)
    • FA 48.1%
    • CHD 37%
    • BPCO 29.6%
    • Pregresso scompenso 29.6%
    • Dislipidemia 14.8%
    • Stroke 7.4%
    • IRC 18.5%
    • Anemia 55.5%
    • Comorbidità uomini
    • Ipertensione arteriosa 56.5%
    • Diabete Mellito 39.1%
    • FA 30.4%
    • CHD 69.5%
    • BPCO 56.5%
    • Pregresso scompenso 21.7%
    • Dislipidemia 56.5%
    • Stroke 0%
    • IRC 17.3%
    • Anemia 34.7%
  • 5. La presentazione clinica più frequente (70,3% nelle donne e 65,2% negli uomini) corrisponde alla classe IV NYHA Furosemide Spironolattone . Ace-i/ARBs Betabloccanti Nitroderivati Antiaggreganti TAO Terapia domiciliare Ca antag Statina Digitale donne uomini
  • 6. Furosemide Antialdosteronico ACEi/ARBs Beta bloccanti Nitroderivati Antiaggreganti TAO Digitale TERAPIA ALLA DIMISSIONE
  • 7.
    • Successivo ricovero (45.5% vs 42.8% p NS)
    • Oltre il 40% dei pazienti era stato ospedalizzato nell’anno
    • precedente per scompenso cardiaco
    • Nel 40% dei soggetti ricoverati, nuovo ricovero o decesso
    • a 12 mesi
    6 donne, visite mensili,follow up medio 3 mesi Valutazione dei sintomi e dello stato obiettivo 4 sono rimaste in classe NYHA tra II e III e comunque inferiore a quella osservata durante il ricovero e hanno riferito miglioramento della qualità di vita. American Heart Journal 2003 ESC Guidelines for the diagnosis and treatment of acute heart failure 2008
  • 8.
    • Ritardo nel riconoscimento delle complicanze o del declino dello stato di salute dovuto ad inadeguato follow up
    • Fallimento del “self management” a causa della passività del paziente o della mancanza di informazione
    • Riduzione della qualità di vita conseguente a interventi non efficaci
    • Problematiche psicosociali non rilevate o non gestite adeguatamente
    CHRONIC CARE MODEL Epilepsy and Behavior 2000
  • 9. COMUNITA’ Risorse e Politiche SERVIZIO SANITARIO Supporto per SELF CARE Processo decisionale nella scelta dei comportamenti per il mantenimento della stabilità fisiologica o in risposta ai sintomi Scarsa aderenza alla terapia farmacologica Monitoraggio routinario dei sintomi o Incapacità nel riconoscerli ed interpretarli
    • Aderenza alle prescrizioni farmacologiche e dietetiche
    • Adozione di comportamenti preventivi
    • Monitoraggio attivo dei segni e sintomi con implementazione della
    • terapia e valutazione dell’efficacia
    Managed Care Q 1999 AHA Scientific Statement Circulation 2009
  • 10. COMUNITA’ Risorse e Politiche SERVIZIO SANITARIO Solido ed Efficace SISTEMA di ASSISTENZA Ruoli definiti all’interno dell’equipe Mansioni delegate al personale paramedico
    • Mantenere regolare follow up
    • Collezionare dati sullo stato di salute o di patologia
    • Rispondere ad esigenze cliniche
    • Andare incontro a necessità sociali o di informazione
  • 11. COMUNITA’ Risorse e Politiche SERVIZIO SANITARIO Supporto Decisionale EVIDENCE BASED MEDICINE Supporto alla medicina primaria Managed Care Q 1999
  • 12. COMUNITA’ Risorse e Politiche SERVIZIO SANITARIO Sistema di Informazione clinica Creazione di registri Managed Care Q 1999
  • 13. COMUNITA’ Risorse e Politiche SERVIZIO SANITARIO Supporto per SELF CARE Solido ed Efficace SISTEMA di ASSISTENZA Sistema di Informazione clinica Supporto Decisionale PAZIENTE INFORMATO ED ATTIVO EQUIPE PREPARATA ED ATTIVA OUTCOME CLINICI E FUNZIONALI EBM Patient centered Managed Care Q 1999
  • 14. Applicabilità del Chronic Care Model
    • 48% modifica dell’atteggiamento terapeutico
    • maggiore informazione, maggiore aderenza alle prescrizioni,
    • minore frequenza di accessi al DEA, durata degenza ridotta
    • del 35%
    • 6-22 USD per paziente nel primo anno
    • costi futuri ridotti
    “ Evidence on the CCM in the new millenium” Healt Affairs 2009
  • 15. PROGETTO SCOMPENSO
    • scheda raccolta dati
    • criteri di Framingham
    • counselling al paziente e all’entourage familiare
  • 16. Una cattiva comunicazione costituisce la causa della maggior parte dei problemi che si generano in ambito sanitario comunicazione risposta Comunicazione La comunicazione si differenzia dall’informazione perché il suo messaggio è bidirezionale
  • 17. L’abitudine ad operare in un’ottica culturale ci fa privilegiare, nella comunicazione, gli aspetti tecnico-professionali IL RISULTATO DELLA COMUNICAZIONE STA NELLA RISPOSTA CHE SI OTTIENE INDIPENDENTEMENTE DALL’INTENZIONE comunicazione risposta
  • 18. PROGETTO SCOMPENSO
    • informazione del medico di base
    • follow up
  • 19. GRAZIE PER L’ATTENZIONE