Prima E Dopo. 11 consigli per migliorare l'impatto delle vostre slide

59,980 views
60,350 views

Published on

Una rassegna di regole per migliorare le presentazioni illustrate da esempi reali di restyling effettuato su una presentazione del personale della ASL di Rieti.

Published in: Education
8 Comments
45 Likes
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total views
59,980
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
30
Actions
Shares
0
Downloads
486
Comments
8
Likes
45
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Prima E Dopo. 11 consigli per migliorare l'impatto delle vostre slide

  1. 1. Prima e dopo 11 consigli per migliorare l’impatto delle vostre slide Esempi di restyling basati su una presentazione reale
  2. 2. Dividete le informazioni in frammenti Usate delle buone immagini Non usate le Clip art Create copertine significative Create sequenze narrative Seguite la regola del 3 Riducete la quantità di testo Spaziate i testi e grassettate le parole Trasformate i punti elenco Trasformate i testi in schemi Fate parlare i numeri
  3. 3. Dividete le informazioni in frammenti 1
  4. 4. Prima
  5. 5. 1 2 Prima
  6. 6. 1 2 Dopo
  7. 7. Prima
  8. 8. 1 2 Prima
  9. 9. 1 2 Dopo
  10. 10. Prima
  11. 11. 1 2 Prima
  12. 12. 1 2 Dopo
  13. 13. Prima
  14. 14. 1 2 Prima
  15. 15. 1 2 Dopo
  16. 16. Prima
  17. 17. 1 2 3 Prima
  18. 18. 1 2 Dopo 3
  19. 19. Usate delle buone immagini 2
  20. 20. 6) S p a z i e i m m a g i n i Prima
  21. 21. 6) S p a z i e i m m a g i n i Dopo
  22. 22. 6) S p a z i e i m m a g i n i Prima
  23. 23. 6) S p a z i e i m m a g i n i Dopo
  24. 24. Prima
  25. 25. Molte persone malate non cercano aiuto e non si curano per mancanza di informazione, per paura e per la vergogna di essere stigmatizzati. Dopo
  26. 26. Non usate le Clip art 3
  27. 27. Prima
  28. 28. Dopo
  29. 29. 6) S p a z i e i m m a g i n i Prima
  30. 30. 6) S p a z i e i m m a g i n i Dopo
  31. 31. Create copertine significative 4
  32. 32. Prima
  33. 33. Dopo Asl cittadina – Dipartimento di salute mentale Direttore Dr. Rossi
  34. 34. Create sequenze narrative 5
  35. 35. Una possibile narrazione Prima
  36. 36. Dopo
  37. 37. Seguite la regola del 3 6
  38. 39. Prima
  39. 40. Dopo
  40. 41. Dopo
  41. 42. Prima
  42. 43. Dopo
  43. 44. Dopo
  44. 45. Riducete la quantità di testo 7
  45. 46. Nel particolare stato di coscienza che accompagna la vita di una persona schizofrenica , è raro che vi sia una totale mancanza di consapevolezza. La maggior parte dei pazienti ha infatti, per buona parte del tempo, un rapporto con la realtà e questo permette loro di avere uno scambio con le altre persone. Tuttavia, esistono nell’esperienza interna dello schizofrenico, delle caratteristiche peculiari della malattia che lo portano a provare: 445 caratteri Prima
  46. 47. Nel particolare stato di coscienza che accompagna la vita di una persona schizofrenica , è raro che vi sia una totale mancanza di consapevolezza. La maggior parte dei pazienti ha infatti, per buona parte del tempo, un rapporto con la realtà e questo permette loro di avere uno scambio con le altre persone. Tuttavia, esistono nell’esperienza interna dello schizofrenico, delle caratteristiche peculiari della malattia che lo portano a provare: Nella vita di una persona schizofrenica , è raro che vi sia totale inconsapevolezza. La maggior parte dei pazienti ha un rapporto con la realtà, e questo permette loro uno scambio con gli altri. Ma vi sono alcune caratteristiche peculiari della malattia che lo portano a provare: 445 caratteri 278 caratteri Prima Dopo
  47. 48. 6) S p a z i e i m m a g i n i Prima
  48. 49. 6) S p a z i e i m m a g i n i Dopo
  49. 50. Prima
  50. 51. Dopo
  51. 52. Spaziate i testi e grassettate le parole 8
  52. 53. Prima
  53. 54. Dopo
  54. 55. 6) S p a z i e i m m a g i n i Prima
  55. 56. Dopo
  56. 57. Trasformate i punti elenco 9
  57. 58. Prima
  58. 59. Atteggiamento asettico nei rapporti interpersonali 13/12/09 > Tratti di personalità >>> Disturbi comportamento alimentare Perfezionismo (pensiero “tutto o niente”) Ambizione e tenacia (ottimi risultati scolastici) Tratti di ossessività ansia e depressione Atteggiamento di dedizione e sacrificio (nasconde spesso bassa autostima) Timore di non essere accettati per quello che si è Atteggiamento ipercritico verso tutti Negazione della crescita (e di una identità sessuale) Tratti di personalità Dopo
  59. 60. Prima
  60. 61. Dopo
  61. 62. Trasformate i testi in schemi 10
  62. 63. Prima
  63. 64. Dopo
  64. 65. Prima
  65. 66. E’ indispensabile creare un ambiente favorevole, ad esempio attraverso colloqui con i familiari (hanno anch’essi bisogno di sostegno nell’affrontare la malattia). Paziente Equipe medica Famiglia Dopo
  66. 67. Fate parlare i numeri 11
  67. 68. Prima
  68. 69. 2 Milioni di ragazzi in Italia soffrono di Disturbi del Comportamento Alimentare. Per ogni 100 ragazze adolescenti, 10 soffrono di qualche disturbo alimentare 1 - 2 di Anoressia e/o Bulimia, le altre di manifestazioni cliniche transitorie. > Qualche dato sui DCA >>> Disturbi comportamento alimentare Dopo
  69. 70. Prima
  70. 71. Almeno 450 milioni di individui nel mondo soffrono di disturbi mentali. Spesso sono solo i familiari ad occuparsi della persona che soffre di un disturbo mentale. Una famiglia su quattro ha almeno un membro con un disturbo mentale. > La dimensione del problema >>> Cura e riabilitazione Dopo
  71. 72. Dividete le informazioni in frammenti Usate delle buone immagini Non usate le Clip art Create copertine significative Create sequenze narrative Seguite la regola del 3 Riducete la quantità di testo Spaziate i testi e grassettate le parole Trasformate i punti elenco Trasformate i testi in schemi Fate parlare i numeri
  72. 73. Un ringraziamento alla ASL di Rieti , al dr. Roberti , alla d.ssa Napoleoni e a tutto lo Staff del Dipartimento di salute mentale per la loro grande disponibilità ;- )
  73. 74. Giacomo Mason http://presentazioniefficaci.wordpress.com

×