0
Intranet & community professionali
- La partecipazione come ingrediente di base -  L’utente in intranet non è un fruitore, ma un “partecipante”
- House organ e intranet -  Top-down nei contenuti Periodicità di pubblicazione Unidirezionalità nella comunicazione Redaz...
- Caratteristiche a confronto -  Conservativa  rispetto all’organigramma Separazione netta tra  produttori e consumatori  ...
Notizie Formazione  Gestione Conoscenza  Applicativi  Community  documenti Servizi e utility  Campagne al personale  - L’i...
- I contenuti strutturati -  Notizie Formazione  Forum e Bacheche  Applicativi  Community  Spazi documentali Servizi e uti...
Considerare la intranet solo come un’ulteriore  strumento broadcast  (TV) o come una vetrina autopromozionale Non tenere c...
Possibilità di  commentare  e integrare le notizie Possibilità di arricchire  i tool di formazione  con materiale autoprod...
“ E’ stata scarsamente pubblicizzata. L’idea era quella di qualcosa che stava nascendo e al quale si poteva contribuire, n...
Le informazioni provenienti da punti diversi dell’azienda vengono integrate. Lo  staff centralizzato  ha funzioni purament...
Top manager e dirigenti  Uomini delle Risorse Umane  Settori strategici come contenuto Colleghi specializzati Viste le car...
Relazioni esterne Organizzazione del lavoro Gestione Risorse Umane Formazione Marketing strategico Sistemi Informativi Are...
- Che cosa significa community distribuita? -  Il personale è continuamente stimolato a dare  feed-back  e a partecipare I...
ludiche utilitaristiche  Di discussione  Ricette, fotografia, recensioni musicali, recensioni cinematografiche e letterari...
Tempo  Quantità e qualità dei Contenuti  - E’ la comunità a generare contenuti -  La redazione La community
<ul><li>Le comunità di pratiche sono gruppi di persone che si caratterizzano, sia on line che off line, per </li></ul><ul>...
Settori e gruppi pro- fessionali Tutta l’organizzaizone impegno reciproco - repertorio condiviso - obiettivo comune - La m...
<ul><li>E’ certificata dal suo  successo pratico </li></ul><ul><li>E’ distribuita in  più punti </li></ul><ul><li>Si trasm...
<ul><li>Usare i  temi caldi  sul tappeto (innovazioni tecnologiche e organzzative, processi critici, nuovi prodotti, ecc) ...
Di solito le aziende  impongono l’intranet dall’alto , per distribuire documenti sulla politica del personale e altre info...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Intranet e community professionali

3,376

Published on

Una breve sintesi della mia lezione al Comune di Bologna sulle community profesisobnali in intranet

Published in: Technology
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
3,376
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
101
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Transcript of "Intranet e community professionali"

    1. 1. Intranet & community professionali
    2. 2. - La partecipazione come ingrediente di base - L’utente in intranet non è un fruitore, ma un “partecipante”
    3. 3. - House organ e intranet - Top-down nei contenuti Periodicità di pubblicazione Unidirezionalità nella comunicazione Redazione ristretta La redazione scrive Finalità solo comunicativa Bottom-up nei contenuti continuità di pubblicazione Bidirezionalità nella comunicazione Redazione allargata La redazione NON scrive Finalità comunicativa, di servizio e operativa House organ Intranet Slsjklsjsadalkdjalsd jasjsalò sàdsdsdsdjaasdkas ùdaslòdas òldsajd jasòdasd òàasjdas dàaslòdasd asàdasd sldasàdsa oòàdas òàdàd àasdlòasd klassjsdòlf sdàfsdfjs dfsdjklf sdfsdf sdfsdfsdfadkas ùdsapùd asùd aspè Àkdwsèap asdksaòdkasùdkaùsdkùasdk ask ùaskdasfj esjopdrtgu iojgsd fipèùwe rèùis f +’wetpuseràosdfsdgf dsf àg dfgjdfg jdflògjdfgjdfjàdffgòsldvcjsdfdsjgdjgsdgjsdòlsdjòsdjgsdjgòlsdgjsdgjsdlògjàsdgjlsàgsàdgòàdgsd sdòlksdòlgsdòlgkòsdgksdgeds slòfsdòlfsdfgsdf jsdàfs fsdfsldflsdfsàfàsàdl Slsjklsjsadalkdjalsd jasjsalò sàdsdsdsdjaasdkas ùdaslòdas òldsajd jasòdasd òàasjdas dàaslòdasd asàdasd sldasàdsa oòàdas òàdàd àasdlòasd klassjsdòlf sdàfsdfjs dfsdjklf sdfsdf sdfsdfsdfadkas ùdsapùd asùd aspè Àkdwsèap asdksaòdkasùdkaùsdkùasdk ask ùaskdasfj esjopdrtgu iojgsd fipèùwe rèùis f +’wetpuseràosdfsdgf dsf àg dfgjdfg jdflògjdfgjdfjàdffgòsldvcjsdfdsjgdjgsdgjsdòlsdjòsdjgsdjgòlsdgjsdgjsdlògjàsdgjlsàgsàdgòàdgsd sdòlksdòlgsdòlgkòsdgksdgeds slòfsdòlfsdfgsdf jsdàfs fsdfsldflsd Slsjklsjsadalkdjalsd jasjsalò sàdsdsdsdjaasdkas ùdaslòdas òldsajd jasòdasd òàasjdas dàaslòdasd asàdasd sldasàdsa oòàdas òàdàd àasdlòasd klassjsdòlf sdàfsdfjs dfsdjklf sdfsdf sdfsdfsdfadkas ùdsapùd asùd aspè Àkdwsèap asdksaòdkasùdkaùsdkùasdk ask ùaskdasfj esjopdrtgu iojgsd fipèùwe rèùis f +’wetpuseràosdfsdgf dsf àg dfgjdfg jdflògjdfgjdfjàdffgòsldvcjsdfdsjgdjgsdgjsdòlsdjòsdjgsdjgòlsdgjsdgjsdlògjàsdgjlsàgsàdgòàdgsd sdòlksdòlgsdòlgkòsdgksdgeds fsàfàsàdl Slsjklsjsadalkdjalsd jasjsalò sàdsdsdsdjaasdkas ùdaslòdas òldsajd jasòdasd òàasjdas dàaslòdasd asàdasd sldasàdsa oòàdas òàdàd àasdlòasd klassjsdòlf sdàfsdfjs dfsdjklf sdfsdf sdfsdfsdfadkas ùdsapùd asùd aspè Àkdwsèap asdksaòdkasùdkaùsdkùasdk ask ùaskdasfj esjopdrtgu iojgsd fipèùwe rèùis f +’wetpuseràosdfsdgf dsf àg dfgjdfg jdflògjdfgjdfjàdffgòsldvcjsdfdsjgdjgsdgjsdòlsdjòsdjgsdjgòlsdgjsdgjsdlògjàsdgjlsàgsàdgòàdgsd sdòlksdòlgsdòlgkòsdgksdgeds slòfsdòlfsdfgsdf jsdàfs fsdfsldflsd Slsjklsjsadalkdjalsd jasjsalò sàdsdsdsdjaasdkas ùdaslòdas òldsajd jasòdasd òàasjdas dàaslòdasd asàdasd sldasàdsa oòàdas òàdàd àasdlòasd klassjsdòlf sdàfsdfjs dfsdjklf sdfsdf sdfsdfsdfadkas ùdsapùd asùd aspè Àkdwsèap asdksaòdkasùdkaùsdkùasdk ask ùaskdasfj esjopdrtgu iojgsd fipèùwe rèùis f +’wetpuseràosdfsdgf dsf àg dfgjdfg jdflògjdfgjdfjàdffgòsldvcjsdfdsjgdjgsdgjsdòlsdjòsdjgsdjgòlsdgjsdgjsdlògjàsdgjlsàgsàdgòàdgsd sdòlksdòlgsdòlgkòsdgksdgeds fsàfàsàdl
    4. 4. - Caratteristiche a confronto - Conservativa rispetto all’organigramma Separazione netta tra produttori e consumatori di comunicazione Fonti limitate a pochi enti istituzionali interni (H.R, Comunicazione, IT) Una “ voce unica ” per un’azienda unica. Comunicazione broadcast Comunicazione impersonale e senza passione,slegata dai problemi “veri” Comunicazione istituzionale : comunicati stampa, lettere e comunicati formali Trasversale rispetto all’organigramma Mescolamento tra produttori e consumatori di comunicazione Le fonti sono in tutta l’organizzazione , nei diversi settori operativi Tante voci per tante comunità professionali diverse. Comunicazione narrowcast Passione, valorizzazione dell’individualità, scambio disinteressato Comunicazione più informale, con voce umana Comunicazione interna tradizionale Intranet
    5. 5. Notizie Formazione Gestione Conoscenza Applicativi Community documenti Servizi e utility Campagne al personale - L’insieme dei contenuti - Aepw s- asdlò Aepw s- asdlò Aepw s- asdlò
    6. 6. - I contenuti strutturati - Notizie Formazione Forum e Bacheche Applicativi Community Spazi documentali Servizi e utility Gestione della conoscenza
    7. 7. Considerare la intranet solo come un’ulteriore strumento broadcast (TV) o come una vetrina autopromozionale Non tenere conto delle esigenze operative, dei vissuti, delle pratiche preesistenti e delle diverse culture organizzative dell’azienda Affidarsi troppo al solo artefatto tecnologico e non al modello editoriale e di governance Limitare la produzione dei contenuti a pochi enti “certificati” e competenti (marketing, relazioni esterne, uffici stampa…) Controllare eccessivamente la produzione di contenuti e la libera discussione dei dipendenti sullo spazio del sito Errore del Vertice Errore dell’informatico Errore del giornalista Errore dell’uomo H.R. Errore del “teorico” dell’intranet - Intranet: errori tipici -
    8. 8. Possibilità di commentare e integrare le notizie Possibilità di arricchire i tool di formazione con materiale autoprodotto Segnalazioni e feed-back rispetto agli applicativi Form di feed-back in ogni parte del sito Possibilità di inviare documentazione e articoli Community distribuita Spazi ludici e di espressione Bacheche annunci Scambi nei forum di gestione della conoscenza Vertice in linea Community “classica” Community progettuale Lavoro di analisi collettivo Redazione allargata e publishing distribuito Referenti e sensori distribuiti Rete di “appassionati” da coinvolgere in primis Questionari e indagini di feed-back - Community: tre sensi possibili -
    9. 9. “ E’ stata scarsamente pubblicizzata. L’idea era quella di qualcosa che stava nascendo e al quale si poteva contribuire, non come qualcosa di già fatta, già pronto, già in linea. ” “ (…) Avevamo chiesto uno spazio nostro e non ci è stato dato perché dovevano gestirla loro (i sistemisti). Quindi che ci vai a fare? (…) ” “ Non vedo una grande partecipazione (…). Se l’obiettivo è quello di coinvolgere e far crescere le persone sulle nuove tecnologie ci vuole un coinvolgimento più diretto, le persone devono farle le cose. ” - Dalle interviste di Giuseppina Pellegrino -
    10. 10. Le informazioni provenienti da punti diversi dell’azienda vengono integrate. Lo staff centralizzato ha funzioni puramente di facilitazione, organizzazione e content management. Staff Tutto il personale - Publishing distribuito - Aepw s- asdlò Aepw s- asdlò Aepw s- asdlò Tra le linee e i dipartimenti Tra i Capi progetto Tra il personale in genere Redazione allargata
    11. 11. Top manager e dirigenti Uomini delle Risorse Umane Settori strategici come contenuto Colleghi specializzati Viste le caratteristiche particolare del progetto, vanno trovati alleati e sponsor interni all’organizzazione. Tipicamente: Visibilità Credibilità Rompere il ghiaccio Gestione aspetti relazionali Sitemi incentivanti Risposte gestionali ai problemi Arricchimento contenuti Creazione di “massa-critica” CO-gestione intranet Contenuti divergenti e insoliti Creazione community - Alleati -
    12. 12. Relazioni esterne Organizzazione del lavoro Gestione Risorse Umane Formazione Marketing strategico Sistemi Informativi Aree operative di coordinamento Reparti operativi - Fornitori strategici tipici -
    13. 13. - Che cosa significa community distribuita? - Il personale è continuamente stimolato a dare feed-back e a partecipare Il personale contribuisce al mantenimento di alcuni spazi Il personale collabora al miglioramento di alcuni applicativi Il personale può commentare e integrare le informazioni Il personale può proporre e scrivere articoli
    14. 14. ludiche utilitaristiche Di discussione Ricette, fotografia, recensioni musicali, recensioni cinematografiche e letterarie, concorsi interni… Bacheca annunci, scambio di case, segnalazione alberghi e ristoranti Forum di discussione “valoriale” sull’azienda, sulla carriera, sul volontariato… - La gamma degli oggetti di community - Scambio di conoscenze Tutorial autoprodotti, Forum tecnici, espero in linea, brainstorming
    15. 15. Tempo Quantità e qualità dei Contenuti - E’ la comunità a generare contenuti - La redazione La community
    16. 16. <ul><li>Le comunità di pratiche sono gruppi di persone che si caratterizzano, sia on line che off line, per </li></ul><ul><ul><li>Un impegno reciproco </li></ul></ul><ul><ul><li>Un repertorio condiviso </li></ul></ul><ul><ul><li>Un obiettivo comune (E. Wenger) </li></ul></ul><ul><li>Un’appartenenza professionale precisa </li></ul><ul><li>Una conoscenza omogenea </li></ul><ul><ul><li>Degli strumenti di comunicazione </li></ul></ul><ul><ul><li>Del linguaggio professionale utilizzato </li></ul></ul><ul><li>Problemi e temi professionali condivisi </li></ul>In intranet - Le comunità di pratiche -
    17. 17. Settori e gruppi pro- fessionali Tutta l’organizzaizone impegno reciproco - repertorio condiviso - obiettivo comune - La mappa delle conversazioni - Conversazioni tecniche ( knowledge ) Conversazioni su appartenenze e competenze extra-ruolo (es. informatica) Conversazioni su temi aziendali trasversali ( appartenenza- valori )
    18. 18. <ul><li>E’ certificata dal suo successo pratico </li></ul><ul><li>E’ distribuita in più punti </li></ul><ul><li>Si trasmette orizzontalmente </li></ul><ul><li>Serve a dare consigli pratici , trucchi, a mettere in comune le esperienze… </li></ul><ul><li>E’ certificata da un’autorità ufficiale </li></ul><ul><li>Risiede in un solo punto </li></ul><ul><li>Si trasmette top down </li></ul><ul><li>Serve a dare linee guida, strategie </li></ul>Tradizionale Knowledge - Dinamica del knowledge management - Giri a destra alla seconda…. Scusi, per arrivare a Piazza Irnerio…
    19. 19. <ul><li>Usare i temi caldi sul tappeto (innovazioni tecnologiche e organzzative, processi critici, nuovi prodotti, ecc) </li></ul><ul><li>Usare temi legati al lavoro concreto dei singoli ambiti iprofessionali </li></ul><ul><li>Individuare temi “cross” problematici che richiedano competenze non mappate (es. Office, comunciazione...) </li></ul><ul><li>Proporre temi di discussione valoriale </li></ul>Utilizzare i bisogni, le passioni, le aree critiche - Comunità di pratica: temi -
    20. 20. Di solito le aziende impongono l’intranet dall’alto , per distribuire documenti sulla politica del personale e altre informazioni aziendali che i dipendenti fanno del loro meglio per ignorare. Le intranet emanano noia . Le migliori sono quelle costruite dal basso da singole persone che si impegnano per dare vita a qualcosa di molto più valido: una conversazione aziendale in rete. “ Cluetrain manifesto”
    1. A particular slide catching your eye?

      Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

    ×