Ungari, normanni e saraceni, tra alto e basso Medioevo

8,501 views
7,872 views

Published on

Le tre popolazioni che determinarono il passaggio dall'alto al basso Medioevo

Published in: Education
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
8,501
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
33
Actions
Shares
0
Downloads
81
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Ungari, normanni e saraceni, tra alto e basso Medioevo

  1. 1. L’Europa dopo i carolingi: dalle ultime invasioni a Ottone I
  2. 2. Le ultime invasioni dell’Europa occidentale
  3. 3. Origini degli Ungari    Gli ungari erano probabilmente originari della regione degli Urali settentrionali (odierna Russia europea) Dal VI secolo d.C. si spostarono a sud nella medesima regione, in cui diedero vita a un’unità sociale e economica seminomade Alla metà del secolo VIII emigrarono verso Occidente verso il basso corso del fiume Don e alla metà del IX secolo giunsero nel territorio di quella che i romani chiamarono Pannonia.
  4. 4. Strategie militari e prime vittorie degli Ungari Gli ungari cominciarono a scontrarsi in questa zona con eserciti occidentali attraverso tattiche di guerra che disorientarono i loro avversari.  Gli ungari basavano le loro strategie sulla cavalleria, e su spostamenti rapidi che permettevano loro di compiere improvvise imboscate.  Arpad, capo della tribù dei Magiari, venne eletto capo delle sette tribù "magiare" o, meglio, ungare, dal 895 al 907. È considerato il capostipite della prima dinastia d'Ungheria, gli Arpadi. Árpád portò i magiari ad attraversare definitivamente i Carpazi.
  5. 5. Gli Ungari in Italia L’imperatore Arnolfo di Carinzia, uno degli ultimi eredi della dinastia carolingia, si servì dell’aiuto ungarico contro coloro che gli contesero il trono imperiale e quello italiano (fine del IX secolo)  Aiutando Arnolfo, gli Ungari approfittarono della situazione per compiere scorrerie in Italia settentrionale, fino all’assedio e all’incendio di Pavia (924)  Arnolfo di Carinzia
  6. 6. Sconfitta presso Lechfeld (955) Le tecniche di combattimento degli ungari dimostrano la loro abilità, che venne poi utilizzata come modello anche dagli eserciti occidentali.  Questi ultimi li contrastarono efficacemente quando riuscirono a organizzare una cavalleria leggera capace di reggere il confronto con i magiari  Nel 955 Ottone I, re di Germania, ottenne presso il fiume Lechfeld una vittoria decisiva contro gli ungari.  Essi, dopo questa sconfitta, frenarono la loro aggressività e cercarono accordi con i sovrani occidentali  La battaglia di Lechfeld, presso Augusta, pose termine all’avanzata ungara in occidente e diede inizio a un diverso rapporto tra Ungari e sovrani occidentali
  7. 7. Il battesimo di Stefano I   Incoronazione di Stefano I  Re Stefano I Il nuovo atteggiamento degli Ungari verso gli ex nemici occidentali culminò con il battesimo ricevuto dal loro re Stefano I poco prima del Mille. Dopo tale battesimo, Stefano cominciò un’opera di profonda cristianizzazione del suo popolo, e gli Ungari entrarono nell’orbita di influenza della Chiesa cristiana di Roma. Gli Ungari si trasformarono da popolo seminomade e guerriero in popolo sedentario, dedito soprattutto all’agricoltura
  8. 8. I Saraceni conquistano la Sicilia     S.Giovanni degli Eremiti   La zona della Kalsa a Palermo Durante il califfato degli abasidi, si verificarono numerose azioni di pirateria e incursioni fatte da singoli gruppi. I primi insediamenti furono fondati in Sardegna e Corsica, nelle Baleari e per qualche tempo anche in Provenza, a Frassineto Nell’846 i saraceni saccheggiarono Roma Tra di essi furono particolarmente agguerriti quelli che riuscirono a conquistare la Sicilia, all’epoca ancora territorio bizantino. Dall’827 e il 902 gli emiri di una dinastia aglabita riuscirono a mettere sotto il loro controllo l’intera isola, scegliendo come capitale Palermo La Sicilia diventò allora la base per ulteriori incursioni saracene finalizzate a prendere bottini o conquistare territori.
  9. 9. Fondazione di basi saracene in Italia meridionale Dalla Sicilia i saraceni partirono per incursioni ulteriori lungo le coste dell’Italia meridionale.  In genere qui crearono degli avamposti per poi avviare azioni piratesche anche verso l’Italia centrale e settentrionale e la Francia meridionale.  Fondarono un emirato a Bari (durato trent’anni) e uno a Taranto 
  10. 10. Scorrerie saracene tra Italia e Svizzera   Abbazia di Farfa  Biblioteca dell’abbazia di S. Gallo  Lotario I dopo il saccheggio di Roma promosse una spedizione lunga, ma inutile contro i Saraceni dell’Italia meridionale. Essi anzi riuscirono a compiere saccheggi in alcune importanti abbazie come Montecassino, Farfa (Italia centrale), Novalesa (Piemonte), San Gallo (Svizzera) La forza dei saraceni stava nel non avere un centro di coordinamento territoriale contro il quale condurre una guerra vera e propria. Le incursioni erano opera di gruppi autonomi e questo rendeva impossibile organizzare una difesa
  11. 11. Origini dei normanni I normanni (da nortmann=uomini del nord) erano popolazioni provenienti dalla penisola scandinava (Norvegia, Svezia, Danimarca) che nelle fonti di area inglese furono definiti vichinghi (da vik=baia).  A partire dal IX secolo queste popolazioni attuarono incursioni sulle coste delle zone limitrofe, poi procedettero a vere e proprie conquiste territoriali.  L’espansione normanna si diffuse a raggiera lungo direzioni diverse 
  12. 12. LE DIRETTRICI DELL’ESPANSIONE NORMANNA
  13. 13. Cause delle conquiste normanne e direttrici di espansione  Le zone di espansione seguirono queste direttrici  1. Dalla Norvegia verso Scozia, Irlanda, Francia settentrionale, Islanda, Groenlandia  II. Dalla Danimarca verso le coste meridionali del Mare del Nord e quelle orientali dell’Inghilterra  III. Dalla Svezia, lungo i fiumi russi (Volga, Dniepr) fino quasi a Bisanzio  I drakkar vichinghi Sia l’ubicazione delle regioni di partenza, sia l’uso di imbarcazioni veloci e agili, i drakkar,che riuscivano a risalire dal mare lungo il corso dei fiumi, permettevano ai normanni di attaccare con successo località apparentemente protette dalla loro posizione geografica.
  14. 14. Il ducato di Normandia  Dopo lotte violente con i Franchi, i Normanni ottennero il riconoscimento del loro insediamento nel 911.  Nel 911 fu siglato un accordo tra il capo normanno Rollone e il re Carlo il Semplice, in base al quale i Normanni occupavano le terre della bassa valle della Senna (equivalente all'Alta Normandia) in cambio di un giuramento di vassallaggio (che fu pronunciato nel 940) e di un impegno a ricevere il battesimo.  Rollone doveva inoltre difendere l'estuario della Senna e Rouen dalle incursioni di altri normanni  Carlo il Semplice Territorio del ducato di Normandia I normanni si stanziarono in alcune zone della Gallia settentrionale, che con il tempo assunsero il nome di Normandia.
  15. 15. I normanni in Sicilia La Normandia fu la base dalla quale i normanni partirono per effettuare nuove conquiste territoriali non più con incursioni piratesche, bensì attraverso la partecipazione ai contrasti politici locali.  In Italia meridionale alcuni soldati provenienti dalla Normandia furono ingaggiati da signori bizantini e longobardi in lotta reciproca.  Uno dei condottieri, Roberto il Guiscardo d’Altavilla, sottomise gli altri capi normanni, quindi riuscì a conquistare buona parte dell’Italia meridionale e della Sicilia, cacciando da qui gli arabi, e da Salerno i longobardi (1050 – 1080)  Roberto il Guiscardo d’Altavilla
  16. 16. Nuove monarchie europee alla fine dell’Alto Medioevo Ugo Capeto Ottone I di Sassonia
  17. 17. La Francia occidentalis intorno all’anno Mille
  18. 18. La situazione nella Francia occidentalis   Ugo Capeto, capostipite della sua dinastia  Nella Francia occidentalis, il potere del re era limitato a una zona ristretta presso Parigi. I lontani eredi di Carlo Magno e i conti di Parigi (dinastia dei Robertingi) si contesero il titolo di re fino alla vittoria di Ugo Capeto (987) I discendenti di Ugo Capeto mantennero il trono francese per quattro secoli (fino all’inizio del XIV secolo)
  19. 19. Il sistema di potere nella Francia occidentalis     Il regno di Francia era un’entità dai confini incerti. Il re governava solo sui territori che riusciva a controllare e sui territori del suo patrimonio personale Esistevano diversi domini sostanzialmente autonomi : contea di Bretagna, contea di Tolosa, ducato di Normandia, ducato di Aquitania. Due regni regionali completavano questo quadro frammentato: Provenza e Borgogna, che assorbì il primo.
  20. 20. La situazione dell’Italia intorno al 1000 L’Italia alla fine dell’alto Medioevo era divisa in diversi domini.  In Italia settentrionale, escluse le zone costiere ancora bizantine, esisteva il “Regno italico” (erede del Regnum langobardorum),esteso anche a zone dell’Italia centrale.  Nell’attuale Lazio e in parte di Umbria e Toscana si estendeva il “patrimonio di Pietro”   L’Italia centro – meridionale era divisa tra domini diversi: longobardo in parte della Campania, arabo in Sicilia, bizantino tra Puglia, Calabria e Basilicata, con una presenza saracena in alcune zone
  21. 21. Le lotte per il “Regno italico” Le grandi famiglie che erano riuscite rendere dinastiche le cariche pubbliche ricoperte in età carolingia (contee e ducati) e avevano costruito una base solida di patrimoni fondiari e di clientele vassallatico-beneficiarie nei territori da loro governati erano in lotta per avere la guida del “Regno italico”. La mancanza di una discendenza diretta da parte dei carolingi e il fatto che non esistesse un principio di successione codificato determinò queste lotte tra famiglie italiche.
  22. 22. Le quattro famiglie in lotta La lotta coinvolgeva quattro grandi famiglie: ducato di Spoleto marchesato di Toscana marchesato di Ivrea marchesato del Friuli Tra la fine dell’800 e l’inizio del 900 si contesero il regno Berengario I, marchese del Friuli e diversi esponenti della casata di Spoleto, senza che nessuno prevalesse.
  23. 23. Re non italici  • • • I contendenti decisero di cercare appoggi esterni per la loro lotta, e li trovarono in signori esteri che assunsero il titolo di “re d’Italia”. Prima toccò a Rodolfo re di Borgogna, quindi a Ugo re di Provenza. Ugo governò con violenza per vent’anni (926-946), eliminando buona parte dell’aristocrazia italica di origine carolingia. Sotto Ugo furono invece favoriti uomini di famiglie aristocratiche longobarde, che garantirono al re con la forza delle loro armi e la loro fedeltà personale un controllo più sicuro del regno
  24. 24. La fine delle lotte famigliari Le vicende dell’Italia si incrociarono con quelle del regno “teutonico” (germanico) quando Ugo si ritirò e lasciò il trono al figlio Lotario, morto precocemente.  Berengario II, marchese d’Ivrea, diventò re, eliminando i suoi avversari e favorendo i suoi fedeli.  Quando Berengario imprigionò Adelaide,vedova di Lotario, un vassallo del re defunto chiamò in aiuto contro Berengario II il re germanico Ottone I, che giunse a Pavia e sposò Adelaide.  Berengario non fu detronizzato, ma venne costretto a giurare fedeltà al Ottone e a rimanere sottomesso a lui. 
  25. 25. Francia orientalis e Italia intorno all’anno Mille
  26. 26. La situazione del regno germanico Nei territori germanici esistevano diversi e ampi ducati regionali, in cui le famiglie erano riuscite a rendere dinastiche le loro cariche un tempo pubbliche.  Questi ducati erano in realtà dei regni autonomi.  Il re vero e proprio era eletto dai grandi del regno, era sempre un membro delle stirpi ducali, e aveva un ruolo simbolico di giudice supremo e guida militare. 
  27. 27. Enrico I di Sassonia     Corrado I di Franconia fu il primo re, secondo la tradizione, a unire tutte le “stirpi” germaniche (911) Maggiore importanza ebbe l’opera di Enrico I di Sassonia, suo successore, eletto nel 919 Egli fu il primo che riuscì a bloccare le avanzate degli Ungari e fondò una propria dinastia L’operato di Enrico fu giudicata molto positivamente dai suoi contemporanei tanto che nel 936, alla sua morte, suo figlio Ottone fu scelto come nuovo re, e salì al trono con il nome di Ottone I (poi chiamato “il Grande”)
  28. 28. L’ incoronazione di Ottone I a Aquisgrana Ottone I si fece incoronare re a Aquisgrana, la capitale di Carlo Magno, per dare l’idea di esserne l’erede e cercò sempre di dare sacralità al suo potere attraverso formule e riti ripresi dalla tradizione carolingia.  Egli cercò una collaborazione con i diversi poteri del territorio, sia laici, sia ecclesiastici.  Il re lasciava l’amministrazione, la legiferazione scritta, l’esercizio della giustizia a duchi e conti, cercando di scegliere tra di essi i più fedeli come alleati che gli permettessero di mantenere il trono.  Incoronazione di Ottone I
  29. 29. Politica estera di Ottone: Ungari e Regno Italico L’impero  Abile in politica estera, Ottone ottenne grande fama sconfiggendo gli Ungari presso il fiume Lech (955) Ottone I si inserì nelle lotte per la conquista del trono italico, sposando Adelaide.  Nel 961, alla morte di Berengario II, divenne re d’Italia e nel 962 conseguì il titolo di imperatore 
  30. 30. Ottone protettore della cristianità    Ottone I, raffigurato come imperatore cristiano con i simboli del potere L’incoronazione imperiale del 962 fu fondamentale Ottone si fece incoronare imperatore con il rito della sacra unzione, con cui diventò il protettore della cristianità e della chiesa di Roma. La simbologia del potere fu completata con l’abito, lo scettro, la corona, che sottolineavano il legame tra le idee di regno e sacerdozio, unite nella figura dell’imperatore.
  31. 31. Il Privilegium Othonis Ottone sulla base del suo ruolo di protettore della cristianità promulgò il Privilegium Othonis.  Con questo documento ufficiale l’imperatore riconobbe le proprietà e i diritti della Chiesa, ma contemporaneamente affermò il principio della Constitutio romana di Ludovico il Pio:  Il papa, dopo essere stato eletto dal clero e dal popolo di Roma, doveva prestare giuramento di fedeltà all’imperatore  In questo modo Ottone poneva le basi di un conflitto tra potere temporale e potere spirituale che durante il suo regno non si manifestò perché il papa era in quel momento troppo debole.  Ottone I (sn) incontra il papa Giovanni XII
  32. 32. Ottone acquisisce l’Italia meridionale Ottone cercò di rendere più ampio il suo potere controllando l’Italia meridionale ai danni dei bizantini.  Dopo aver fallito con la conquista militare,Ottone portò avanti un’azione diplomatica verso l’ Impero d’oriente.  La sua iniziativa ebbe successo in quanto si concluse con un matrimonio tra Teofano, nipote dell’imperatore d’Oriente Giovanni Zimisce, e il suo primogenito, di nome Ottone come il padre.  Alla sua morte nel 973, Ottone poteva pensare di avere in mano la penisola italiana.  Teofano
  33. 33. Ottone I estende il suo dominio
  34. 34. Bibliografia  Aa.Vv., Storia medievale, Roma, Donzelli, 1998  M. Montanari, Storia medievale,Roma – Bari, Laterza, 2002

×