Your SlideShare is downloading. ×
0
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Regni medievali
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Regni medievali

2,104

Published on

Between 12th and 14th century, Hohenstaufen's Empire in Germany and Italy, Anjou's Kingdom in France and Plantagenets' Kingdom of England was the most important political structure, often in war …

Between 12th and 14th century, Hohenstaufen's Empire in Germany and Italy, Anjou's Kingdom in France and Plantagenets' Kingdom of England was the most important political structure, often in war amogst themselves

Published in: Education
0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
2,104
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
90
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. I regni medievali, secc. XII -XIV
  • 2. I normanni in Italia meridionale (XI secolo) I Normanni giunsero in Italia meridionale all’inizio dell’XI secolo, come mercenarial servizio dei signori bizantini e longobardi che erano in lotta tra loro. I signori territoriali concessero ai capi normanni una contea,Aversa, e un ducato, Melfi, come ricompensa dei servigi prestati a loro Alla metà dell’XI secolo, si affermò un condottiero normanno, Roberto il Guiscardo, signore di Altavilla. che sconfisse l’esercito mandato dal papa Leone IX per fermare i soldati normanni ritenuti pericolosi per gli interessi papali. Il papa Niccolò II preferì una politica di accordi con i normanni, anziché ricorrere ad azioni di forza, e Roberto ricevette i ducati di Puglia, Calabria e Sicilia, in cambio della sottomissione al papa Roberto il Guiscardo
  • 3. Il riconoscimento ufficiale del potere di Roberto Probabilmente Roberto era stato acclamato come duca dai suoi soldati. Tuttavia il papa, che voleva ostacolare l’imperatore, i bizantini e i musulmani, consacrando Roberto, riconosceva ufficialmente come legittimo il potere che i normanni avevano stabilito sull’Italia meridionale con la forza delle armi. Roberto il Guiscardo incoronatodal papa Niccolò II duca di Puglia Calabria e Sicilia
  • 4. Ruggero di Altavillaconquista la Sicilia La Sicilia, di cui gli Altavillaerano stati riconosciuti duchi, era ancora nelle mani dei musulmani Ruggero di Altavilla, fratello di Roberto, guidò la conquista dell’isola nel corso della seconda metà dell’XI secolo La popolazione siciliana non amava i normanni per la loro eccessiva violenza, e faceva resistenza, ma Ruggero sfruttò le lotte interne ai dominatori musulmani, per giungere alla conquista definitiva (fine dell’XI secolo) La struttura amministrativa dei musulmani fu mantenuta, compresi i funzionari Ruggero di Altavilla fu nominato dal papa suo legato in Sicilia. Questo gli permise di scegliere uomini di sua fiducia come vescovi
  • 5. Ruggero II di Altavillaunifica l’Italia meridionale Nei decenni successivi la Sicilia si divise dal resto del Mezzogiorno d’Italia. Gli Altavillacontrollavano la Sicilia, mentre in Italia meridionale ripresero le lotte di potere tra i signori territoriali A esse pose fine Ruggero II Altavilla, che riuscì per la prima volta a unificare il potere dei normanni su Sicilia, Puglia e Calabria e fu riconosciuto come duca dal papa (1128), e poi come re L’unzione regale che egli ricevette significava che il suo potere ducale era assolutamente superiore a ogni altro nel regno. Di fatto gli altri signori del regno dovevano il loro potere solo al re Ruggero II di Altavilla
  • 6. L’espansione normanna in Italia meridionale
  • 7. Costanza, ultima erede di Ruggero II Il re riuscì a mettere sotto controllo i signori feudali:divise gli incarichi a corte tra esperti (armi,finanza,ecc.) e realizzò un censimento dei feudatari e dei loro obblighi verso di lui. Quando morì RuggeroII(1154), la sua eredità politica fu ben gestita dai suoi successori, fino all’ultima di essi, la regina Costanza, che giunse sul trono in assenza di eredi maschi Costanza di Altavilla “dal secondo vento di Soave generò il terzo, e l’ultima possanza” (Dante, Paradiso, III)
  • 8. Federico, erede delle corone imperiale e siciliana Costanza sposò Enrico VI, figlio di Federico I Barbarossa (1186) Federico contava così di unire le corone imperiali e dell’Italia meridionale nelle mani della dinastia Sveva Il progetto si realizzò nel 1194.quando Enrico VI, già imperatore, fu incoronato re di Sicilia dopo una lotta difficile con altri pretendenti Enrico e Costanza ebbero un figlio, Federico, erede designato al trono Entrambi morirono prematuramente, e Federico, che aveva quattro anni, per volontà di Costanza, fu affidato alla tutela del papa Innocenzo III Il papa rispettò gli impegni, e nel 1208 Federico diventò re di Sicilia Enrico VI Papa Innocenzo III Federico
  • 9. L’impero di Federico II
  • 10. La lotta per l’impero: Ottone di Brunswick Innocenzo III era implicato nelle lotte tra Svevi e duchi di Baviera per la corona imperiale. Dopo avere favorito il guelfo Ottone di Brunswick, che divenne imperatore, Innocenzo lo combattèquando Ottone rivendicò a sé il possesso dei territori che il papa intendeva controllare, cioè l’Italia meridionale Innocenzo III decise allora di spingere sul trono il giovane Federico, che diventò re di Germania nel 1212 impegnandosi a rispettare alcuni patti con il pontefice Federico diventò re di Germania nel 1212, a patto che non riunisse mai i suoi due regni, che poteva mantenere solo a titolo personale e senza poter designare un unico erede per entrambi. Il papa Innocenzo III voleva così evitare che il dominio politico della Chiesa fosse schiacciato da un altro potere forte in Italia
  • 11. Battaglia di Bouvines(1214) Il potere di Federico diventò effettivo solo due anni dopo, quando riuscì a sconfiggere in battaglia Ottone di Brunswicka Bouvines(in Francia) Ottone aveva dalla sua parte il re d’Inghilterra John Lackland, suo zio. Federico era supportato dal re francese Filippo Augusto Dal 1220 Federico diventò imperatore con il nome di Federico II Ottone di Brunswick John Lackland Filippo Augusto
  • 12. Federico e i principi tedeschi Per otto anni, 1212 –1220, Federico rimase lontano dall’Italia per rafforzare il suo dominio sui territori germanici. Nel 1220, Federico raggiunse un accordocon i signori feudali tedeschi: essi gli avrebbero giurato fedeltàin cambio dell’esercizio delle prerogative regie: battere moneta, riscuotere dazi, costruire fortezze
  • 13. Federico incoronato imperatore Federico II fu incoronato come imperatore solennemente a Roma nel 1220, quindi si diresse in Sicilia per riappropriarsi del suo regno, che in otto anni di assenza era stato frazionato in molti potentati locali controllati da coloro che erano stati soldati di suo padre In Sicilia, Federico decise di porre direttamente sotto il suo controllo i territori del regno
  • 14. Federico II si riappropria dell’Italia meridionale Rivendicò a sé tutti i diritti regi usurpati dagli ex ufficiali di suo padre fece distruggere i castelli costruiti dai signori sulle loro terre e si appropriò di quelli edificati sul suolo pubblico volle mettere sotto controllo le città che avevano costituito domini urbani autonomi Negli anni 1222-1224, Federico condusse campagne militari vittoriose contro i musulmani, che furono sconfitti e deportati a Lucera (Puglia), dove vissero secondo la propria fede in una comunità separata Federico II sul trono imperiale circondato dai suoi cortigiani
  • 15. Il governo di Federico II in Italia meridionale L’imperatore fece sviluppare il commercioponendolo sotto il controllo della monarchia, per rimpinguare le casse del regno Controllò il territorio attraverso una rete di castelli presidiati da guarnigioni armate Costituì un’amministrazione pubblica efficiente, separata dall’esercito Fondò a Napoli uno studium(università) per formare giuristi, che avrebbero lavorato alle dipendenze dirette del re Castel del Monte, in Puglia, la residenza più famosa di Federico II
  • 16. Le ConstitutionesMelfitane, 1231 Nel 1231, Federico II emanò le ConstitutionesMelfitane (oLiberAugustalis), [dal nome della città di Melfi, in Basilicata] che riunivano tutti i provvedimenti da lui decisi nei primi dieci anni di governo l’imperatore con le Constitutionesaffermava di volersi riprendere le regalìe; di voler riorganizzare l’esercizio della giustizia in circoscrizioni presieduti da funzionari regi di costituire un apparato finanziario per gestire le terre del re (demanio) e riscuotere dazi e pedaggi
  • 17. Federico II, scrittore e patrono della cultura Federico II era un uomo di grande cultura e amante della cultura: scrisse un famoso trattato di caccia (De arte venandicumavibus), e a corte si circondò di uomini colti, di provenienza e religione diversa, musulmani,ebrei, cristiani, latini,greci Questo atteggiamento era già stato proprio dei normanni, di cui lui aveva ripreso la mentalità sincretistica Durante il suo regno e alla sua corte si sviluppò la “scuola siciliana”, primo movimento poetico in volgare italiano Due pagine del De arte venandi cum avibus
  • 18. Federico contro il figlio Enrico Negli anni dal 1237 al 1250, Federico fu impegnato in conflitti duri In Germania dovette fronteggiare la ribellione del figlio Enrico, che voleva usurpare il trono e aveva costruito un’alleanza con i principi tedeschi Enrico fu fermato dal padre e condotto prigioniero in Italia (si suicidò nel 1242) Con i principi tedeschi, Federico II continuò nella politica rivolta alla ricerca della convivenzasulla base di patti feudali di fedeltà
  • 19. La lotta di Federico II contro la nuova “lega lombarda” In Italia, Federico volle imporre la sua autoritàanche sui comuni dell’Italia settentrionale, ormai autonomi dal tempo della pace di Costanza Essi si ricostituirono in una nuova “lega lombarda” a Milano L’esercito imperiale, sostenuto da alcuni signori feudali come Ezzelinoda Romano, signore di Treviso, affrontò in una battaglia campale la nuova lega a Cortenuova, nella bassa pianura bergamasca, vincendo lo scontro (1238) Luoghi e fatti della battaglia di Cortenuova
  • 20. Lega lombarda e papa contro Federico II Federico riuscì a imporre la sua autorità sui comuni di Toscana, Marchee Romagna, ma non a sfruttare del tutto il successo militare di Cortenuova Dovette fronteggiare un’alleanza imprevista tra i comuni della lega lombarda e il papa Gregorio IX, che scomunicò l’imperatore e lo accusò di essere miscredentee di dedicarsi a pratiche occulte e demoniache Indebolito dalla situazione politica, Federico II fu sconfitto anche sul campo di battaglia per due volte, a Parma nel 1248 e a Fossalta(Mo) nel 1249 dalla lega, che ormai era guelfa. Qui i bolognesi riuscirono a catturare suo figlio Enzo, che era rettore della Romagna Re Enzo, figlio di Federico II, catturato a Fossalta
  • 21. La morte di Federico II e la sua difficile eredità Federico morì nel 1250, presso Lucera Dal 1250 al 1273, nessun principe divenne imperatore, e in sostanza terminò con lui l’idea di un impero che si estendesse dal Nord al Sud dell’Europa Continuò invece la lotta tra comuni guelfi, guidati da Milano, e città ghibelline, capitanate da Cremona Federico volle che gli succedesse in Germania e Italia il figlio Corrado, contravvenendo all’impegno assunto con papa Innocenzo III Corrado morì però molto presto (1254), e questo scatenò ulteriori lotte per il trono
  • 22. Fine della dinastia Sveva L’erede di Corrado, il figlio Corradino,aveva solo dieci anni, e di questa situazione approfittò Manfredi, figlio di Federico, per usurpare il trono Il papa approfittò di questi conflitti tra gli Svevi per chiamare in Italia Carlo d’Angiò, fratello del re di Francia, e offrirgli la corona del regno meridionale. Il papa voleva avere il sostegno di un sovrano guelfo per controllare l’Italia centro –meridionale Nel 1266, Carlo d’ Angiò a Benevento sconfisse Manfredi, che morì durante la battaglia Infine anche Corradino, ultimo degli Svevi, fu sconfitto in battaglia a Tagliacozzo, e questo fu l’epilogo della dinastia sveva in Italia Manfredi Carlo d’Angiò Battaglia di Benevento, 1266
  • 23. La monarchia francese, XI –XIII secolo Luigi IX, “il Santo”, parte per la crociata
  • 24. Capetingi e Plantageneti I Capetingi, prima dinastia reale francese (dalla fine del X secolo), ebbero un dominio territoriale limitato tra i fiumi Loira e Senna I loro territori erano circondati dai domini di altri signori territoriali dai quali i Capetingi non erano sostanzialmente differenti (XI secolo) Luigi VI fu il primo sovrano capetingio a lottare contro i signori di banno che tentarono di usurpare le terre del dominio regio (XII secolo) Nei territori confinanti con quelli dei Capetingi, si affermarono come grandi signori feudali i Plantageneti, che controllavano Maine e Normandia, e la cui famiglia fu anche dinastia regnante in Inghilterra dal 1154
  • 25. La lotta tra Capetingi e Plantageneti LelottetraCapetingiePlantageneticominciaronoquandoilducaGoffredoPlantagenetoinvestìilfiglioEnricodellasuacaricasenzailconsensodelsovranocapetingioLuigiVII(1150) IlconflittotraleduedinastiesifermòmomentaneamenteperchéEnricoprestòomaggiofeudaleaLuigiVII TuttavialamogliediLuigiVIIEleonora, duchessadiAquitania,divorziòdalsovranoesposòproprioEnrico,acuiportòindoteilsuoducato(1152) Enricodiventònel1154red’InghilterraeintalmodoeraunsovranodecisamentepiùpotentediLuigiVII,inquantodominavaunregnoeancheunaparteampiadellaFrancia Luigi VII Eleonora d’Aquitania Enrico, re d’Inghilterra
  • 26. Capetingi e Plantageneti nel 1880
  • 27. L’opera di Luigi VII e Filippo Augusto Luigi VII riuscì a imporre ai diversi signori territoriali la prestazione d’omaggio, grazie al quale il sovrano era riconosciuto come il signore superiore, al quale era dovuta una totale fedeltà Il re riuscì anche a affermare la sua superiorità giudiziaria, diventando il giudice supremo per le controversie tra signori Il suo successore fu Filippo Augusto (1180) che ampliò il regno e portò avanti un processo di centralizzazione politica e amministrativa Dopo la morte di Enrico II (1189), Filippo A. conquistò anche i domini dei Plantageneti in Francia, togliendoli ai re inglesi Richard Lionhearte John Lackland: Berry, Maine, Anjoue Normandia Vincendo a Bouvines, Filippo A. vincolò più strettamente questi territori alla corona francese La corona francese La corona inglese
  • 28. La riforma amministrativa di Filippo Augusto Filippo Augusto creò nuovi funzionari “balivi”, controllavano i beni della corona “prevosti”, funzionari itineranti che si occupavanodella riscossione delle imposte, degliomaggi vassallatici dovuti da signori e comunità, dell’amministrazione della giustizia Soprattutto con i “prevosti”, la monarchia francese cominciò a mutare il suo carattere di signoria feudale Dopo la morte di Filippo Augusto, i suoi successori, Luigi VIII, suo figlio, e Luigi IX “il Santo”, suo nipote, continuarono la sua opera di rafforzamento del potere pubblico
  • 29. L’opera di Luigi VIII LuigiVIIIampliòilregnopartecipandoallacrociatacontroicàtari,cheglipermisediestendereilsuopoterefinoallaLinguadoca(Provenza),nellapartemeridionaledelterritoriofrancese,destinataadiventarelabaseperulterioriconquiste LuigicercòconsuccessodiproporreufficialmenteiCapetingicomeerediecontinuatorideiCarolingi(anchesestoricamentetraleduedinastienonesistevanessunrapporto) TaleoperazionepermiseaiCapetingididareaipropridominisolidebasidilegittimitàdinastica Incoronazione di Luigi VIII e della moglie
  • 30. Luigi IX, “il Santo” Il figlio Luigi IXfu ancora più popolare del padre, grazie alla fama di santità che lo accompagnò per tutta la vita Promosse due crociate, entrambe poco fortunate, durante la seconda delle quali perse la vita (1270) Durante il suo regno, la monarchia si rafforzò dal punto di vista dei domini territoriali La pace di Parigi (1259), voluta da lui, sanciva il controllo dei territori che i Capetingi strapparono ai Plantageneti Carlo d’Angiò,fratello di Luigi, conquistò il regno di Sicilia, con l’aiuto decisivo del papa Incoronazione di Luigi IX
  • 31. Luigi IX: le “inchieste” e le riforme feudali La grande popolarità di cui godette Luigi IX fu dovuta anche alle “inchieste” Erano vere e proprie indagini condotte da funzionari inquirenti che verificavano gli abusi compiuti da altri funzionari pubblici e risarcivano le vittime di questi abusi per i danni subiti Esse assumevano il significato di “purificazione” dai peccati compiuti dal re attraverso i suoi funzionari, anche se lui in persona non li aveva voluti Il carattere religioso di queste “inchieste” e il significato di ristabilimento della giustizia che esse ebbero, contribuì a dare grande prestigio alla monarchia Luigi IX abolì anche il duello giudiziario e impose ai vassalli di giurare fedeltà al re, e non solo al loro signore territoriale La corte regia diventò il centro vero dell’amministrazione statale Luigi IX lava i piedi a un povero Luigi IX amministra la giustizia
  • 32. Monarchia vs. Chiesa, la Chiesa “gallicana” Tutti i re francesi del XIII secolo condussero una politica di rafforzamento della monarchia, cercando di limitare l’autonomia del potere della Chiesa,anche entrando il conflitto con i papi Luigi IX, per quanto molto religioso e proclamato santo nel 1290, contrastò i papi e i vescoviquando non rispettavano la giustizia e la sovranità regia Si formò in questo modo in Francia una chiesa nazionale francese, che fu poi chiamata “chiesa gallicana” Essa rispettava il primato del papa e il suo magistero sul piano della fede e della teologia, ma era considerata dai re uno dei “corpi” dello stato Filippo IV “il Bello” , re dal 1285 al 1314, ebbe un duro scontro con il papa Bonifacio VIII e, dopo la morte di questi, spostò la corte papale da Roma a Avignone (1305) Filippo IV, “il Bello” Papa Bonifacio VIII arrestato dai soldati di Filippo IV a Anagni (Rm)
  • 33. LL’Inghilterra da Hastingsalle ProvisionsofOxford
  • 34. L’Inghilterra dagli anglossassoniai normanni L’Inghilterra anglosassone era organizzata in tun(da cui la parola town), villaggi rurali gli abitanti dei villaggi partecipavano alle hundreds, corti giudiziarie locali in cui veniva amministrata la giustizia le hundredserano radunate in shires(contee), circoscrizioni regionali comandate militarmente da un earl, lo sherifera incaricato di riscuotere le imposte nelle shires Nel 1066, il duca di Normandia William “the Conqueror“alla guida del proprio esercito conquistò l’Inghilterra vincendo la battaglia di Hastingscontro gli anglosassoni Dopo questa vittoria, il sistema di governo anglosassone fu in parte riformato:gli earlfurono rimossi La battaglia di Hastings William “the Conqueror”
  • 35. Domesdaybook e sheriff I Normanni costituirono unità fondiarie i manorsprotetti da una rete di castelli,affidati a funzionariche governavano in cambio di un omaggio feudale Un inventario che registrava tutte le proprietà fondiarie del regno (con estensione, nome dei vassalli possessori dei beni regi e i capofamiglia residenti) fu realizzato nel 1086, con il nome di DomesdayBook Grazie al DomesdayBook era possibile al re imporre i tributi I Normanni conservarono hundreds, shirese sherifs Gli sherifsdovevano custodire i castelli del re e i manorse riscuotere le tasse, e erano assimilati ai visconti normanni Frontespizio del Domesday book
  • 36. Enrico II contro baroni e Chiesa Enrico II, primo re di stirpe plantageneta, (1154) agì per recuperare i diritti regi usurpati dalla grande nobiltà, che deteneva soprattutto le cariche di sherife fece distruggere molti castelli I grandi signori territoriali, i baroni, potevano pagare una somma di denaro e essere così esentati dall’obbligo di combattere in guerra a fianco del re I baroni persero in parte il loro ruolo militare, e parteciparono con maggiore frequenza ai tribunali locali e al tribunale regio, che giudicava i crimini più gravi: omicidi, delitti contro il sovrano e lesione di diritti feudali Enrico II aprì anche un grosso contenzioso con la Chiesa cattolica per ridurre le immunitàdi cui essa godeva e ampliare l’autorità della corona Ne nacque un conflitto con l’arcivescovo Thomas Beckett, che il re fece giustiziare L’uccisione di Thomas Beckett, arcivescovo di Canterbury, decisa da re Enrico II, provocò un’ondata di sdegno in tutta l’Inghilterra Il re fu costretto a fare penitenza sulla tomba di Beckett per placare le tensioni contro di sè
  • 37. Un sistema di potere ben organizzato Il conflitto che portò alla morte di Becketdiede più forza alla monarchia inglese Essa divenne il centro di tutte le giurisdizioni particolari (locali, ecclesiastiche, speciali), che dovevano trasferire le cause più importanti alla corte del re Enrico II aveva creato un sistema di potere forte e organizzatoguidato dal re, a cui obbedivano sia l’ambito feudale, sia quello amministrativo. Da ognuno dei due ambiti, il re otteneva grossi ricavi La macchina amministrativa ben costruita da Enrico II entrò in crisi dopo la morte del suo erede Richard Lionheart(1199) Richard “Lionheart”
  • 38. Baroni, Chiesa, città contro John Lackland: la Magna ChartaLibertatum, 1215 Durante il regno di John Lackland(1199-1216), la corona inglese perse gran parte dei territori francesi in conseguenza specialmente della battaglia di Bouvines John Lacklanddovette anche subire l’azione di rafforzamento della Chiesa e dei baroni, che volevano riappropriarsi dei diritti che Enrico II aveva loro sottratto Avversarie del re furono anche le città mercantili, tra cui Londra Per limitare l’autorità del re, baroni, Chiesa e città mercantili imposero a John di accettare un documento la Magna Chartalibertatum(1215), con il quale il re doveva tornare a riconoscere le prerogative di nobili, chiese e città Pagina della Magna Charta
  • 39. ProvisionsofOxford I sovrani inglesi dovettero affrontare conflitti sia con l’alta nobiltà,i baroni, sia con la nobiltà dei proprietari terrieri minori (poi chiamata gentry), sia con la borghesia cittadina Enrico III dovette concedere molto per tenere a bada questi conflitti, e in tal modo l’autorità regia subì decise diminuzioni In particolare furono importanti le ProvisionsofOxford, nate da contestazione della politica fiscale regia e dell’entourage della regina. con esse i baroni potevano controllare l’azione politica del re La gentry, esclusa da queste concessioni, cominciò una lotta costante contro il re, fino alla battaglia di Evershamvinta dall’esercito regio (1265) La contestazione da parte dei baroni della presenza di troppi “stranieri” legati alla regina Eleonora di Provenza in posti chiave della corte, fu una delle cause delle Provisions of Oxford Enrico III
  • 40. La sottomissione di Galles e Scozia Le ottime entrate fiscali garantite dal sistema amministrativo inglese diedero a Edoardo I, successore di Enrico III, la possibilità di condurre imprese militari decisive per sottomettere tutta l’isola britannica Il Galles fu annesso nel 1285 Il regno di Scozia fu conquistato intorno al 1290, quando il re inglese approfittò di contrasti dinastici in quel territorio per invaderlo Gli inglesi dovettero fronteggiare, prima della conquista definitiva, una resistenza dura da parte di alcuni aristocratici terrieri Successivamente, gli scozzesi elaborarono il mito di un eroe nazionale, William Wallace detto “Braveheart”, realmente esistito, che divenne simbolo della resistenza scozzese contro i nemici inglesi Edoardo I Il vero William Wallace (sopra) e quello di Mel Gibson nel film del 1995
  • 41. La Spagna dal dominio arabo alla «Reconquista»
  • 42. La penisola iberica tra VIII e IX secolo Nellaprimametàdell’VIIIsecologliarabicontrollavanogranpartedellapenisolaiberica,apartealcunezoneimperviedell’estremoNord(cordiglieracantabricaeAnde) CapimilitaricristianicrearonodelledinastiechefondaronoilregnodelleAsturie(capitaleOviedo) Aovestl’etnìabascaformòunpiccolonucleoterritoriale,concapitalePamplona:diventeràilregnodiNavarra DopolacampagnamilitarediCarlomagnooltreiPirenei,alcunipolidiinsediamentofrancocrearonolaMarcahispanicanelNordEst(Barcellonafusottrattaagliarabinell’801) NelcorsodelIXsecoloilregnodelleAsturiesiespanseinterritoripocoabitatiepresecomecapitaleLeon(856)
  • 43. La Spagna nella seconda metà del IX secolo
  • 44. Oporto, Coimbra, la contea di Castiglia. Cristiani e musulmani nel IX secolo Nella parte occidentale della penisola iberica furono prese dai cristiani le città di Oportoe Coimbra: queste conquiste si possono considerare le premesse della Reconquista Uninsiemedicomandantimilitariegrandiproprietariterrieri, chesidenominarono«conti»diederovitaallaConteadiCastiglia:nel931esistevaununicocontediCastiglia,cheegemonizzavaquestoterritorio,situatonellazonapiùorientaledell’areadiespansioneasturiana Irapportitracristianiemusulmanialternavanoascontrimilitarialleanzepiùomenoduratureerapportieconomiciecommercialipiuttostointensi
  • 45. La progressiva debolezza degli arabi Ildominioarabosullapenisolaibericacominciòaindebolirsiconlamortedial-Mansur,califfoomayyade(1002) Al-Andalus,denominazionedellazonagovernatadagliarabi,sidiviseindiversireinosdetaifaapartiredal1031 Iregnicristiani:Navarra,Asturie,Marcahispanicaapprofittaronodiquestoindebolimento:militarmentefortiedemograficamenteincrescita,imposeroaireinosdetaifa,cheinveceeranomilitarmenteinferiori,dinoncombattereincambiodelversamentodellaparìa,untributomoltopesante Irecristianicontrollavanocosìampiterritoriepossedevanoricchezzeingentigrazieallaparìa
  • 46. La situazione nell’XI secolo: regno di Castiglia, regno di Aragona, contea di Barcellona Nel medesimo periodo di tempo, prima metà dell’XI secolo, diventò sempre più importante la contea di Castiglia, che si costituì in regno con Ferdinando I Ferdinando I riuscì a annettere il regno di Leon (1037) e poi quello di Navarra. In quel periodo sorse un nuovo regno, quello di Aragona, intorno all’insediamento franco di Jaca, sui Pirenei Il regno di Castiglia-Leon e quello di Aragona guidarono il processo di reconquista Si rafforzò anche la contea di Barcellona, che conquistò i diversi principati franchi oltre i Pirenei. La contea di Barcellona elaborava al proprio interno l’identità catalana
  • 47. Almoravidi e almohadi (XII secolo) Verso la fine dell’XI secolo, i reinos de taifas cominciarono a resistere con maggiore successo all’espansione cristiana grazie agli aiuti che venivano dagli almoravidi, guerrieri eremiti della costa atlantica sahariana che avevano creato un regno in Marocco –capitale Marrakech –e in parte dell’Algeria Gli almoravidi conquistarono Al-Andalus e la resero una provincia del loro regno del Nord Africa Gli Almoravidi furono in seguito (dal 1146) sconfitti e sostituiti nel dominio sull’Africa nordoccidentale e su Al-Andalus dagli Almohadi, gruppo berbero proveniente dai monti dell’Atlante, in Marocco Nel 1095 la contea di Portogallo si staccò dal regno di Castiglia-Leon e condusse da sé il processo di reconquista nella penisola iberica occidentale Nel 1137 il conte di Barcellona divenne re di Aragona
  • 48. Las Navas de Tolosa, 1212, il culmine della reconquista Gli Almohadi erano poco tolleranti verso le popolazioni non islamiche che erano numerose all’interno di Al-Andalus Ciò determinò il deciso intervento di papa Innocenzo IIIche bandì una guerra santa per rafforzare il processo di reconquistadella penisola iberica da parte dei re cristiani Questo esplicito appoggio papale rafforzò le iniziative militari portate avanti ormai dai grandi proprietari terrieri, ricoshombres, che disponevano di risorse per armare cospicue forze militari Nel1212unesercitocomunedifrancesi,navarresi, castiglianiearagonesiaffrontòesconfissegliesercitialmohadiaLasNavasdeTolosa
  • 49. Evoluzione geopolitica della penisola iberica 1157 -1212
  • 50. La penisola iberica al termine della Reconquista
  • 51. Bibliografia Alessandro Barbero –Chiara Frugoni, Dizionario del Medioevo, Roma –Bari, Laterza, 1994 Pietro Corrao, “Regni e principati feudali”, in Aa.Vv., Storia medievale, Roma, Donzelli, 1998 Massimo Montanari, Storia medievale, Roma –Bari, Laterza, 2002

×