Your SlideShare is downloading. ×
Gufo2007 01
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Gufo2007 01

370
views

Published on

Il Gufo - Notiziario Gev - 2007

Il Gufo - Notiziario Gev - 2007

Published in: Education, Business

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
370
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. N. 1 Marzo 2007 IL GUFO NOTIZIARIO del CORPO PROVINCIALE ECOLOGICHE VOLONTARIE DI BOLOGNA Poste Italiane Spa Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L.27/02/2004 N.46) ART.1 comma 2 aut. 060023 del 18/10/06 DCB- Bo GEV con orgoglio Iniziamo il 2007 con tante attività in cantiere: nuove GEV, nuovi corsi, nuove esperienze, nuovi mezzi. Si è finalmente svolto lʼesame dellʼultimo corso di formazione, ciò significa che tra non molto avremo tra noi una sessantina di nuove GEV. Contemporaneamente ad alcune serate di aggiornamento è stato organizzato il corso per censitori di ungulati, ed è terminato il corso per lʼestensione del decreto prefettizio per la vigilanza venatoria. Imola si sta organizzativamente consolidando, a Villa Tamba stiamo lavorando alla ristrutturazione della “nuova” sede provinciale (nel salone grande), a San Lazzaro si mette in cantiere per Ottobre lʼesercitazione di Protezione Civile dei Comuni della Valle dellʼIdice e a San Giovanni hanno cominciato a lavorare in modo IL MINISTERO coordinato con il resto della pianura e con la DELL’AMBIENTE Zona Bologna. Con la Provincia di Bologna Il Ministero E DELLA TUTELA abbiamo concordato e sottoscritto il Programma dell’ambiente... Pag 1 e 2 DEL TERRITORIO di lavoro 2007 come previsto dalla L.R. 23/89. Nei giorni scorsi sono tornate le GEV di Bologna E DEL MARE e Modena che hanno partecipato alle missioni di (G.U. n. 70 del 24 Marzo 2007) cooperazione internazionale nei Parchi Nazionali del Costa Rica e di Cuba, ricchi per aver vissuto Gev con orgoglio Pag 1 Riconosce la una entusiasmante esperienza e realizzato un convegno sul volontariato ambientale con la 1 FEDERGEV ITALIA ! partecipazione dellʼAmbasciatore Italiano. Grazie al contributo che la Fondazione della Cassa di Risparmio in Bologna (CARISBO) ci ha riconosciuto Dal consiglio stiamo procedendo allʼacquisto di due veicoli pick- up 4x4 doppia cabina. Nel pieno di tutte queste direttivo Pag 2 e 3 attività ci è giunta la comunicazione che il Ministero dellʼAmbiente, con decreto ministeriale 1° marzo 2007 ha ufficialmente individuato ai sensi dellʼArt. 13 della Legge 349/1986 lʼassociazione denominata «Federgev Italia» con sede in Bologna Il valore del via della Selva di Pescarola tra le associazioni di protezione ambientale (al pari di Legambiente, 5x1000 Pag 4 WWF, Lipu, ecc.). www.federgev.it Siamo orgogliosi del riconoscimento che premia in particolare le GEV di Bologna per lʼimpegno profuso Con decreto ministeriale n. in tutti questi anni e siamo consapevoli di aver messo in campo una organizzazione provinciale – Rospi e rane.... Pag 4 DEC/RAS/224/2007 emesso il CPGEV Bologna - unica nel campo della vigilanza in data 1° marzo 2007 l’On. ecologica volontaria. La primavera e lʼestate Sig. Ministro ha individuato ci vedranno ancora più impegnati soprattutto GEV. Le sorgenti, l’Associazione denominata nel campo proprio della vigilanza ambientale e nellʼantincendio boschivo e dovremo essere i pozzi, ecc,.... Pag 5 e 6 «Federgev Italia - Federazione ancora più presenti e “professionali”, ricambiando Nazionale delle Guardie la fiducia che è stata riposta in noi, facendo onore alla nostra uniforme e allʼimmagine del servizio Volontarie Ecologiche ed di Vigilanza Ecologica Volontaria. Apprestiamoci Ambientali GEV-GAV» con ai nostri servizi con il massimo impegno, sempre Ricordi 2 Pag 7 sede in Bologna via della in divisa, muniti della tessera di riconoscimento e Selva di Pescarola n. 26, tra del blocco dei verbali. Con modestia, ma a testa alta, portiamo la nostra collaborazione agli enti le Associazioni di protezione territoriali come ai Carabinieri, al Corpo Forestale, ambientale ai sensi dell’Art. alle Polizie di stato, provinciale e municipale. Eventi Pag 8 13 della Legge 349/1986 e Siamo GEV e ne siamo orgogliosi. successive modificazioni... Valerio Minarelli 1
  • 2. IL GUFO costruzione dell’Associazione nazionale la figura della GEV e l’attività dei unitaria di tutte le Guardie Ecologiche Raggruppamenti e dei gruppi GEV o Ambientali Volontarie. Le GEV di e GAV. I nostri rappresentanti hanno Bologna continueranno ad essere inoltre consegnato il testo della Proposta in prima fila lungo questo percorso. di Legge Nazionale per l’istituzione del Segue dalla Il nostro ringraziamento va’ al Servizio Nazionale di Vigilanza Ecologica prima pagina. Ministro Pecoraro Scanio che ha firmato Volontaria che già fu licenziato dalla il Decreto, nonchè a tutte le GEV e GAV, Commissione Ambiente della Camera dei La FederGEV Italia è stata costituita ai Raggruppamenti Provinciali che in Deputati nel 2001 sollecitando il Governo nel 1994 quale Coordinamento Nazionale tutti questi anni hanno sostenuto questo a portare avanti quella Proposta di Legge. delle diverse esperienze di volontariato progetto. Un particolare ringraziamento della Vigilanza Ecologica ed Ambientale. per l’imegno economico e organizzativo Ottobre 2006: il Sottosegre- Vuole essere uno strumento per al Raggruppamento GEV di Bologna. tario, On. Paolo Cento, accompagnato socializzare le esperienze e valorizzare la Invitiamo tutti i gruppi e le singole GEV dall’Assessore Andrea Morisi, ha fatto figura della guardia volontaria in materia e GAV, che ancora non lo hanno fatto ad visita alla Sede Nazionale della FEDER- ambientale . aderire alla Federazione Nazionale. GEV ITALIA e ha partecipato ad una as- La FederGEV Italia si è fatta Il Presidente Valerio Minarelli semblea di soci. Nel corso dell’assemblea promotrice di una “proposta di Legge” sono stati affrontati i problemi relativi Nazionale per il servizio di Vigilanza ambientale Volontaria. Ha sottoscritto LE TAPPE alla tutela dell’ambiente e del territorio, agli impegni del Governo in relazione al un Protocollo di Intesa con l’UPI (Unione Province Italiane). E’ stata riconosciuta “protocollo di Kyoto” e al ruolo delle quale Associazione di protezione L’incontro Guardie ambientale ai sensi dell’art. 13 della Volontarie Legge 349/86. con il Ministro ecologiche Siamo particolarmente orgogliosi e ambientali. di far parte della Federgev Italia oggi L’On. Cento riconosciuta dal Ministero, dopo una ha apprezzato lunga “battaglia” che ha visto il nostro Febbraio 2007: una delegazio- l’attività dei Raggruppamento particolarmente attivo ne della FEDERGEV ITALIA, guidata dal volontari per ed impegnato fin dal 1995. Noi non Presidente Nazionale Valerio Minarelli consideriamo questo come un punto la vigilanza è stata ricevuta a Roma dal Ministro di arrivo, ma un punto di partenza che e per l’educazio- dell’Ambiente Pecoraro Scanio. deve vederci tutti impegnati per la La delegazione ha illustrato al Ministro ne ambientale. Dal consiglio direttivo l’aderenza allo scarpone. La decisione è stata definitivamente a disposizione dei futuri soci interessati all’ acquisto. SUNTO CONSIGLI DIRETTIVI assunta nel direttivo dell’11 La giacca, i pantaloni e OTTOBRE 2006 - MARZO 2007 dicembre, durante il quale si è anche l’accessorio sopra descritti non stabilito il prezzo di acquisto per sono da considerars i p a r t e Questo il riassunto delle le Gev: 30 euro per la giacca e 30 dell’ uniforme ufficiale, e potran- principali decisioni assunte euro per i pantaloni (l’associazione no essere acquistati solo in dal Consiglio Direttivo e degli sostiene il resto della spesa che è subordine alla divisa ufficiale argomenti affrontati durante le complessivamente di 83 euro). approvata dal Prefetto. ultime tre riunioni del 2006 e le Giuseppe Paioli ha invece Corsi di aggiornamento prime tre del 2007 presentato al Direttivo un origi- Diversi i corsi previsti per Regolamento generale nale accessorio: un cordino con l’inizio del 2007: Estensione E’ stato approvato defini- chiusura in argento a forma di caccia, 11 lezioni con inizio a tivamente nella riunione del C.D. gufo, da utilizzare attorno al dicembre 2006 e con oneri a del 9 ottobre, dopo la presentazione colletto della camicia della divisa. carico della Provincia; Ripasso all’ Assemblea Ordinaria dei Soci, Si tratta di un’ idea elaborata caccia, destinato a chi ha già con 8 voti a favore e 2 astenuti. dallo stesso Paioli, il cui prototipo l’estensione per questo tipo di Abbigliamento è stato realizzato a proprie spese, sorveglianza nell’atto di nomina, Su proposta di Lino Lombini, e il costo unitario per un ordine di i possibili partecipanti sono circa si è stabilito di introdurre un 100 pezzi è di 38 euro. 120 ma i posti sono limitati a 60 e nuovo capo di vestiario, idoneo a Il Direttivo ha stabilito di occorrerà pertanto, se necessario, svolgere servizi di vigilanza nelle pubblicizzare l’ idea attraverso il stilare una graduatoria; Censitori: aree boscate, costituito da una notiziario “Il Gufo”, il sito Web e 12 serate dal gennaio a marzo, due giacca in tessuto antistrappo, la posta elettronica, in modo da lezioni alla settimana, con esame adatta sia per la mezza stagione raccogliere almeno 50 richieste finale di abilitazione organizzato che per l’ inverno, e un paio di di acquisto certe: in tal caso l’ e gestito dalla Provincia, mentre pantaloni con tasche laterali e Associazione anticiperà la spesa il costo del corso è a carico del chiusura sul fondo che ne permette per i restanti 50 pezzi e li metterà CPGEV. ...................... segue 2
  • 3. IL GUFO l’ acquisto di materiali. Nel 2007 infine il nostro Raggruppamento è entrato a far parte di un progetto dal titolo Zona di San Giovanni il CD ha stabilito di accorparla temporaneamente a Bologna, da dove verranno stabiliti i turni di servizio secondo la ..... Segue dalla “La Rete Dinamica della Vita” metodologia già in uso presso la seconda pagina gestito da VolaBo, insieme ad sede, anche al fine di rispettare gli altre 5 associazioni di volontariato obblighi derivanti dalle convenzioni Si prevede anche l’organiz- provinciali, che si realizzerà sul con gli Enti del territorio zazione di un corso relativo alla territorio di Bologna (Quartiere interessato. normativa sui rifiuti. Sono infine Savena) e in alcuni Comuni della E’ previsto un incontro con le previsti alcuni corsi organizzati dal Valle del Reno. Gev di San Giovanni per concordare Centro Servizi cui il CPGEV potrà Saranno realizzati una serie tempi e metodi. partecipare con alcune guardie: corso di incontri rivolti ai cittadini di guida sicura per mezzi fuoristrada, Comunicazione per informare sulle normative Il Gufo ha ripreso ad uscire di gestione delle telecomunicazioni ambientali, sui comportamenti nei centri operativi di comando, regolar-mente e deve essere corretti da tenere e sulle materie opportunamente utilizzato per sui sistemi di telerilevamento, e un per le quali le Gev sono abilitate a corso per carrellisti. diffondere soprattutto le notizie irrogare sanzioni. e le informazioni che riguardano Progetti e finanziamenti Il progetto si svilupperà da aprile le zone, i settori di attività e le Si è concluso il progetto di 2007 a giugno 2008 e consentirà la decisioni importanti assunte dal educazione ambientale denominato produzione di materiale informativo Consiglio Direttivo. Altro strumento Primi Voli realizzato dal Raggrup- e divulgativo. agile e funzionale è Gev News, il pamento, in collaborazione con Pr ime valutazioni bilanc io foglio mensile inviato dalla zona di l’ Associazione Emilia Romagna- 2006 San Lazzaro per posta elettronica Costa Rica e coordinato da Paola Il bilancio si è chiuso con con notizie flash e informazioni Bertoni, nell’ ambito del progetto una certa liquidità di cassa. utili allo svolgimento dei servizi. VolaBo per l’anno 2005/2006. Situazione che difficilmente si potrà Il CD invita anche le altre zone a Il CD ha espresso grande ripresentare a chiusura dei prossimi servirsi di questo strumento per soddisfazione per la preziosa e quali- bilanci, pertanto non si possono arrivare direttamente e rapidamente ficante esperienza di educazione fare scelte che impegnino il futuro, ai soci dotati di posta elettronica, ambientale, che ha portato anche il CD, per rafforzare la nostra e a collaborare per l’aggiornamento ad una maggior diffusione in ambito sensibilità verso la salvaguardia costante del sito web. cittadino della conoscenza delle dell’ ambiente, ha fatto prorpia Il CD ha deciso inoltre di attività del Raggruppamento e del la proposta di un socio ed ha stampare un calendario quale gadget ruolo delle Gev. deliberato l’acquisto di un gadget dell’Associazione e di realizzare 2 La Fondazione Carisbo ha per tutti gli associati, un bicchiere poster in materiale plastificato da accordato al CPGEV un finanziamento di acciaio inox, personalizzato con utilizzare in occasione di mostre e per il progetto relativo ad attività il gufo e il numero di matricola, che iniziative pubbliche. di protezione civile presentato a dovrà essere sempre utilizzato dalle giugno 2006. GEV in sostituzione dei bicchieri di Acquisti Il contributo è vincolato all’ plastica o di carta. Il CD ha approvato l’acquisto di acquisto di un mezzo fuoristrada una Panda 4x4 nuova per la zona Riorganizzazione zona San Giovanni con modulo antincendio. Il CPGEV di Imola, e di due fotocopiatrici, Per dare maggiore impulso e anche quest’anno, ha ottenuto dalla una da destinare alla sede di Imola stimolare la riorganizzazione della Unicredit un finanziamento per e una alla sede di Bologna. Dai più valore al tuo 5x 1000 Ricordati che con la legge finanziaria di quest’anno puoi destinare il 5 x mille delle imposte dirette sulle persone fisiche alle Associazioni di Volontariato -Onlus come la nostra. Il Corpo Provinciale delle Guardie Ecologiche Volontarie di Bologna. 3
  • 4. IL GUFO IL VALORE DEL 5X100 Ti ricordo che con la legge finanziaria di quest’anno è possibile destinare il 5 x mille delle imposte dirette sulle persone fisiche alle Associazioni di Volontariato -Onlus come la nostra. Il Corpo Provinciale delle Guardie Ecologiche Volontarie di Bologna ha ottenuto l’inserimento tra gli enti e le associazioni beneficiarie della quota del 5 per mille sulla dichiarazioni dei redditi. Il contribuente può dunque destinare il 5 per mille dell’IRPEF, relativo alla dichiarazione dei redditi 2006, apponendo la firma in uno dei quattro appositi riquadri che figurano sui modelli di dichiarazione (CUD 2006; 730/1- bis redditi 2006; UNICO ROSPI & RANE volta li abbiamo trasferiti in una grande bacinella piena di acqua e poi persone fisiche 2006). E’ consentita una sola scelta di destinazione.La Finanziaria “figli di FAUNA MINORE” portati in una pozza più grande al 2006 prevede infatti che il contribuente Parco dei Gessi, dove sarebbero potuti possa scegliere e destinare la percentuale, Di Patrizia Tassinari crescere senza timore. pari al 5 per mille, dell’imposta sul Da questa strana esperienza è reddito a uno dei seguenti quattro Era un mercoledì come tanti…. settori: le associazioni no profit, la nata la mia grande passione per le rane, ad un tratto suona il telefono, e un ricerca scientifica, la ricerca sanitaria e che mi ha portato a documentarmi mio collega, Rino Piazzi, chiedendomi le iniziative di carattere sociale promosse sulla loro nascita e sulle leggende..... dal comune di residenza. se sono libera, mi propone di Si tratta di un atto che non aiutarlo perché in una costruzione (CONTINUA) comporta nessuna spesa aggiuntiva edile di fronte a casa sua, in zona ma serve a destinare una piccola parte 2 Madonne. Stavano costruendo un delle tasse che hai già pagato alla nuovo marciapiede, e se non fossimo Associazione di Volontariato con cui intervenuti, la grande pozza nella sei da tempo impegnata/o. Ti invito quindi ad aderire a tale possibilità e a quale alcune rane avevano deposto i farti promotore verso parenti, amici e loro girini, sarebbe stata soppressa, e i colleghi affinché anch’essi partecipino piccoli nascituri sarebbero tutti morti. all’iniziativa. Puoi inoltre estendere tale Senza por tempo in mezzo, Brini Eros invito a tutti i cittadini che conosci, agli ed io armati di stivali, secchi e colini ambientalisti, ai vicini di casa. Tieni presente che quest’anno, a da cucina per raccoglierli, siamo corsi seguito della riduzione degli stanziamenti ad operare…..e così raccogliendo i ministeriali nei confronti degli enti locali, piccoli girini con cura, un poco alla anche la nostra Associazione (Corpo Provinciale delle Guardie Ecologiche Volontarie) subirà una consistente diminuzione dei contributi da parte della Provincia e dei Comuni convenzionati. Tale situazione costituisce un motivo in più per impegnarsi direttamente in questa iniziativa e far sì che il maggior numero di persone/contribuenti ci dia un sostegno finanziario firmando nella propria dichiarazione dei redditi per noi. Sul retro della presente troverai l’invito e le istruzioni per poter fare questa operazione, fanne delle fotocopie e distribuiscile a coloro che tu riterrai opportuno estendere l’iniziativa. Ti ringrazio della collaborazione Cordiali Saluti Bologna, 16 Marzo 2007 Il Presidente - Valerio Minarelli 4
  • 5. IL GUFO per fare spazio all’aratro. Oppure fontane corta diciamo un piccolo rospo, ma rospo che non ricevevano più acqua, soltanto non è) e andando indietro nel tempo, perché avrebbero avuto bisogno di un ricollegò a memoria dove li vedeva e minimo di manutenzione, abbattute senza mi assicurò che quello era il “rospetto tanti scrupoli e così lungo le nostre strade delle sorgenti” e questa denominazione “sempliciotta” gli calza a pennello. se ne vedono i miseri compassionevoli E’ proprio così, quest’animaletto di rimasugli, fontane secche, inglobate Le sorgenti, i pozzi, nelle sponde come cadaveri. A questo preferenza stava nelle risorgive fresche, delle zone calanchive. E seguendo queste gli abbeveratoi, i fontanili proposito va segnalata la storica fontana tracce, che si confondono ormai fra realtà ed i loro abitanti. sulla strada che da Badolo porta a Brento, proprio sotto monte dei Frati, nel e fantasia, sono riuscito ad individuare una delle poche ultime tribù di ululoni Una parte di passato che scompare e territorio comunale di Sasso Marconi, che (però non nel nostro territorio, ma nella che non tornerà mai più! è ormai asciutta, ma che speriamo, venga valle del Senio), sul racconto fattomi da di Umberto Fusini risistemata e non “tombata” un cacciatore, che mi segnalo i “rospetti Ma questi manufatti che in passato velenosi” di Sommorio, li chiamava Per quelli che… (come in una ormai giustamente velenosi, perché dopo averli vecchia, originale e nostalgica canzone di venivano adeguati nel tempo, non erano presi in mano se con le dita ci si tocca Jannacci), vanno in giro per le campagne, soltanto insostituibili per l’uomo, lo erano la pelle del viso vicino agli occhi, che è boschi o altri luoghi rustici, oggi è sempre anche per molte specie animali, che col particolarmente delicata, subentra una più raro vedere abbeveratoi, fontane o tempo si erano “specializzati” nell’utilizzo forte infiammazione (cosa a lui capitata) fontanili che fino a qualche decennio di tali situazioni. Nel cercare (ad ogni che però la si può eliminare con una fa erano d’importanza vitale per quella occasione) di raccogliere informazioni semplice e abbondante lavata d’acqua che allora era l’economia predominante, sui nomi dialettali o volgari degli animali fresca. l’agricoltura. Spesso si parla dei tempi meno conosciuti, si trovano riscontri che Perciò sul repentino calo di passati, di civiltà contadina, ma purtroppo questa specie di anfibio anuro, ha avuto oltre all’immaginario collettivo, hanno è triste constatare che di questa “civiltà” sicuramente una forte incidenza, anche se anche dei risvolti di fantasia personale, non solo, il fatto della grande riduzione non solo non se ne vede che pochi resti, veramente azzeccati. delle sorgenti. Poco tempo fa nel parlare con un ex Siccome ogni animale ha la sua nicchia ma queste vestigia spesso vengono rase agricoltore, di particolare sensibilità, nel ecologica, nella sorgente con esposizione al suolo dai figli dei vecchi coloni. corso di una manifestazione dove la LIPU o altitudine diversa ci possono essere Più volte ho assistito, impietrito e di Pianoro aveva un piccolo spazio nel altri utilizzatori di tale habitat, perciò impotente, a scene di “barbarie” gratuite. quale mostrava gli “animaletti” più rari in certe sorgenti di montagna (nel Vedere abbeveratoi che, non più utilizzati, della valle del Savena, l’uomo mi additò nostro Appennino) possiamo trovare la venivano considerati d’intralcio e col l’Ululone (Bombina variegata, per tenerla Salamandra pezzata ............. segue trattore in pochi minuti, tolti di mezzo 5
  • 6. IL GUFO che vedeva e poi raccontava, non c’era la mi permetto di riportare affinché diventi pubblicità non esistevano le gigantografie un po’ meno ignoto. di Oliviero Toscani si cercava quindi di mostrare il proprio benessere con “fatti” “LA CARTA EUROPEA DELL’ACQUA” e l’acqua non era cosa di poco conto. ......Segue dalla Se vogliamo avere notizie 1- Non c’è vita senza acqua. L’acqua è pagina precedente sull’importanza delle fontane non abbiamo un bene prezioso, indispensabile a bisogno di spolverare enciclopedie o vecchi tutte le attività umane. ....(Salamandra salamandra) e pure tomi, basta pensare alla magnificenza delle 2- Le disponibilità d’acque dolci non questa, sempre per motivi abbastanza reggie dei re del seicento e settecento, sono inesauribili. E’ indispensabile simili, non se la passa molto meglio. per citarne una, la Versailles di Luigi preservarle, controllarle e se possibile Gli abbeveratoi invece, dove tutti XIV, dove con i soldi del re e la propria passione il “giardiniere” Jean- Baptiste accrescerle. più o meno, hanno un’architettura umana de la Quintinie, contribuì non poco, a 3- Alterare la qualità dell’acqua artificiosa, danno ospitalità ad ancora altre specie animali e in particolare ai realizzare un’opera magistrale, ancora significa nuocere alla vita dell’uomo tritoni. Come nel caso precedente, a oggi visibile e visitabile. Non è che nelle e degli esseri viventi che da essa seconda dell’altitudine o dell’esposizione, fontane dei “ricchi” gli animali stessero dipendono. ci si può trovare (“poteva” calza meglio) meglio o ce ne fossero di più, dal punto di 4- La qualità dell’acqua deve essere il tritone punteggiato (Triturus vulgaris) vista ecologico l’esteriorità non influisce, mantenuta in modo da poter più in basso, o il tritone alpestre importanti sono alcune regole semplici soddisfare le esigenze delle (Triturus alpestris) in alto. L’adattamento e fondamentali, anzi, una sola, che utilizzazioni previste, specialmente di questi animali all’opera dell’uomo era l’acqua non venga inquinata. Nell’acqua per i bisogni della salute pubblica. estremamente discreta, in pochi se ne quando ci sono gli “animaletti” non vuole assolutamente dire che è sporca, al limite 5- Quando l’acqua, dopo essere rendevano conto di tale convivenza e a non è potabile, molto peggio è quando stata utilizzata, viene restituita tale proposito proprio non molto tempo fa, ho avuto occasione di visitare un non si vedono animaletti e magari è anche all’ambiente naturale, deve essere vecchio mulino ad acqua della valle del bella trasparente, in quel caso con molte in condizione di non compromettere Savena, che può ancora funzionare ed è probabilità, potrebbero avere agito agenti i possibili usi dell’ambiente, sia la meraviglia delle scolaresche che vanno chimici molto pericolosi, ricordiamoci che pubblici che privati. a visitarlo, nel parlare con il “vecchio l’abito non fa il monaco. Nelle fontane 6- La conservazione di una copertura mugnaio” gli domandai se nella “botte” arrivavano in modo spontaneo oltre agli vegetale appropriata, di preferenza avesse mai visto degli animaletti, alla sua anfibi, rospi, rane e tritoni, anche le forestale, è essenziale per la risposta negativa mi recai ad ispezionare anguille, le anguille arrivavano, sembra conservazione delle risorse idriche. la “botte” che parlando da naturalista, incredibile, anche dentro ai pozzi. In Pian di Macina negli anni cinquanta, quando 7- Le risorse idriche devono essere la si può classificare come “zona umida” andavo a prendere l’acqua al pozzo vicino accuratamente inventariate. e dopo alcuni minuti tornai da lui e gli feci vedere alcune “bestiole” erano a casa (ora c’è una strada) capitava 8- La buona gestione dell’acqua deve tritoni alpestri, rane rosse e diverse spesso che nel tirare su il secchio vi essere materia di pianificazione da specie di larve di odonati! Certo il lavoro trovassi dentro piccole anguille (Anguilla parte delle autorità competenti. dei tempi antichi era molto faticoso e anguilla) e ogni volta che vedevo dentro 9- La tutela dell’acqua implica uno sforzo lasciava poco spazio alla contemplazione, al secchio quelle “biscioline” rimanevo importante di ricerca scientifica, perciò il più delle volte gli animali che lì stupito, allora nessuno mi aveva detto di formazione di specialisti e di vivevano, passavano inosservati e quindi (e in pochissimi lo sapevano) che le formazione pubblica. sono anche poche le informazioni che si anguille, nascono sì lontanissime da noi, 10- L’acqua è un patrimonio comune il possono avere. Poiad ogni modo, il fatto ma poi piano piano si avvicinano alle nostre coste, risalgono i fiumi e quando cui valore deve essere riconosciuto di “guardare” e l’azione del “vedere” ci sono ostacoli che gli impediscono la da tutti. Ciascuno ha il dovere di richiede un allenamento che non tutti hanno avuto occasione di sviluppare. risalita escono dal fiume e si muovono economizzarla e utilizzarla con cura. Altro fatto simile mi è capitato in di notte sull’erba umida e cercano ripari 11- La gestione delle risorse idriche Alto Adige, dove un’anziana contadina anche di fortuna, dove capita. Il “mio” dovrebbe essere inquadrata nel bacino stava raccogliendo il fieno vicino ad una pozzo era sul loro cammino, oggi questo naturale piuttosto che entro frontiere risorgiva, alla mia domanda se aveva ricordo m’inorgoglisce un po’. amministrative e pubbliche. in quel posto mai visto delle rane, mi Sappiamo tutti che l’acqua è di grande 12- L’acqua non ha frontiere. Essa è una rivolse uno sguardo di compatimento (le importanza, anzi indispensabile per la risorsa comune la cui tutela richiede sembravo più che strano) e mi rispose “le vita, per tutte le forme di vita, anche la cooperazione internazionale. rane stanno nelle paludi”, allora gliene per l’uomo, ma non sembra questa additai una in acqua a circa tre passi da consapevolezza sia poi adeguatamente Consiglio d’Europa (Maggio 1968) lei, la poveretta rimase sorpresa e anche praticata, i nostri fiumi sono sempre più un po’ impaurita. Insomma anche quando utilizzati come scarichi che non come beni naturali da tutelare, quando si fa Dopo aver letto questi “comandamenti”, ci sono per vederli, gli animali ci vuole un depuratore dove è sorto un nuovo molti e io fra questi, nel vedere come allenamento e chi lavora duramente non ha tempo da “perdere”. insediamento, per certi amministratori, sono trattate le nostre acque “interne Nelle fontane più belle (una volta sembra avere speso soldi “senza ritorno” di superficie” si chiederanno quanti erano veramente dei capolavori), quando che cioè non gli danno sufficiente dei nostri amministratori lo avranno non c’erano i pesci rossi e le tartarughine visibilità, che ingenui, il bravo politico letto, come dicevo è un documento non americane (entrambi animali importati di dovrebbe essere proiettato nel futuro molto noto e poco messo in evidenza, recente e che possono anche trasmettere rispetto al cittadino medio, di almeno un anche nelle occasioni che sarebbero malattie all’uomo), si trovavano diverse passo, non essere in ritardo di qualche appropriate, come quando si parla di specie animali (per non parlare poi delle anno….luce. dissesto idrogeologico. Ebbene un piccolo piante acquatiche) come se fossero degli In un lavoro dell’Assessorato Ambiente della Provincia di Bologna, contributo alla diffusione di questo acquari semi- naturali. Tutte le dimore dato alle stampe nel 19998, …SORELLA testo lo vogliamo dare pure attraverso delle famiglie più ricche delle nostre colline e montagne, facevano bello sfoggio ACQUA… (un buon lavoro) dove fra le pagine di questa rivista affinché la delle fontane, era come dimostrare di introduzioni, prefazioni e presentazioni, “superficialità” che alberga in molti, come avere un’economia florida e lungimirante, alcuni politici- amministratori dicono l’acqua, consapevole, scenda ed entri nei una presentazione di prestigio per chi la loro, vi è inserito un documento meandri di una conoscenza e di un sapere andava in viaggio per quelle contrade importantissimo e quasi sconosciuto, che più consono ai tempi in cui viviamo. 6
  • 7. IL GUFO nostra Associazione, non eravamo rimasti in molti, ma avevamo avuto gli strumenti e avevamo la voglia e la consapevolezza di iniziare un’avventura RICORDI - 2 - che, al momento attuale, si può dire abbia centrato l’obiettivo. Di Giordana Laurenti La forma organizzativa autonoma, una La lettura dell’articolo di Massimo Brini profusione di impegno organizzativo, programmatorio “Ricordi”, mi ha riportato indietro di vent’anni, la e finanziario, testimoniano che questo tipo di precisione della data che avevo dimenticato, perché volontariato è una presenza necessaria e fondante difficilmente conservo con ordine la documentazione della nostra società e la partecipazione di persone di quello che faccio, mi ha dato un piacere di buona volontà, ora divenute veri e propri particolare. professionisti, costituiscono il nerbo poderoso Ricordo però che eravamo divisi in due corsi e dell’Associazione. che mio marito frequentava il corso delle 18,00 e Siamo persone che hanno preso coscienza dei si precipitava in Via Zamboni da San Giovanni in danni che l’uomo causa all’ambiente e non credono Persicelo dove lavorava, mentre io seguivo il corso di vivere in un mondo senza limiti, che usciamo dal del primo pomeriggio. Mi sono chiesta per quale nostro microcosmo convinti che quanto avviene nel ragione avessi deciso di complicarmi la vita in un mondo ci riguardi e che abbiamo una visione aperta momento in cui avevo una bambina piccola, un dei problemi che viviamo in questa era tecnologica lavoro e una famiglia da gestire. dove tutto è speculazione intellettiva, ricerca, Da alcuni anni ero attivista del WWF di cui ero, informazione, elaborazione di dati e comprendiamo al tempo, responsabile della Sezione di san Lazzaro appieno quello che è veramente importante e cioè di Savena e Consigliere Regionale e mi sembrò trarre dalla natura e dagli animali una fonte di interessante e opportuno cogliere la possibilità benessere e serenità. offerta dalla Provincia in un momento in cui ci Festeggiare il nostro 20° anniversario ha un stavamo occupando del 1° censimento regionale grande senso culturale perché questa Associazione della Flora protetta. ha avuto la capacità di creare una grande forza di Non avevo chiare le idee sulla possibilità che volontariato civile che sta alla base di un continuo avremmo avuto in più per proteggere e conservare e civile dialogo tra cittadini e istituzioni ed è stata l’ambiente, ma spinta da interesse personale per gli la dimostrazione che è possibile creare dal nulla argomenti del corso, decisi che ne valeva la pena. un’organizzazione che è un vero e proprio miracolo di In quel periodo avevo conosciuto Sandro Pignatti, buona volontà, onestà e passione per l’ambiente. appassionato botanico, che mi aveva trasmesso il Sono stati vent’anni di cultura ecologica, di cittadini suo entusiasmo, ed ero preoccupata per il precario informati, un vero e proprio evento sociale che è atteggiamento culturale nei confronti di flora testimoniato dal numero degli iscritti ai corsi, dal e vegetazione, di alberi e foreste visti solo come numero dei sevizi effettuati e dalla competenza patrimonio da sfruttare e, un bosco, un allettante profusa: un dato questo sul quale val la pena di deposito di legname da valutare a metri cubi. riflettere. Frequentando il corso e valutando i miei Ho avuto l’opportunità di incontrare persone compagni di viaggio mi accorsi subito che che non hanno perso il gusto del contatto con eravamo persone molto diverse con storie diverse e la natura e sanno coltivare genuini e spontanei motivazioni diverse, ma un obiettivo certo per tutti rapporti interpersonali. era la salvaguardia dell’ambiente cominciando da I primi frutti di un lavoro paziente e spesso qualcosa di piccolo, una piccola legge la L. R. 2/77, poco appariscente non si sono fatti attendere. Un ma per questo non meno importante. lavoro incessante da oscura prima linea, che pure Di quel gruppo, quando alcuni di noi quella riesce a dare grandi soddisfazioni a coloro che vi si sera si recarono dal Notaio per formalizzare la sono dedicati in questi anni. 7
  • 8. IL GUFO Eventi - Appuntamenti per il prossimo periodo: Quando Dove Cosa 6 Maggio 2007 San Lazzaro Piazze e strade di San Lazzaro di Savena VERDE SAN LAZZARO 10 maggio 2007 S. Giorgio di Piano presso Incontro delle Gev col comandante Mauro Lombardi ore 21 saletta della Polizia Municipale sui servizi di vigilanza in coppia con la Polizia della Reno-Galliera Municipale nel Comune di Argelato 20 maggio Villa Torre - Settefonti Convegno aree protette e vigilanza ambientale 26 maggio Parco Regionale Abbazia Festa del Parco, siamo direttamente Monteveglio interessati alla gestione 10 giugno Parco Regionale Abbazia Monteveglio Festa da Medioevo Abbazia 1092 Puoi consegnare personalmente o inviare articoli, foto, ecc. a: Montagna Sauro Daldi Fax 0534 24123 348 0915133 San Lazzaro (Idice) Loretta Caramalli loretta.caramalli@fastwebnet.it 339 4848487 Imola Timoty Monducci timoty.monducci@gev.bologna.it 348 1407949 Casalecchio Massimo Brini massimo.brini@fastwebnet.it 051 573083 Bologna e San Giovanni Elisabetta Bongiovanni elisabetta.bongiovanni@gev.bologna.it 340 8689909 Visita il nostro sito: www.gev.bologna.it EDUCAZIONE AMBIENTALE VOLABO: IL GUFO nuova serie Anno decimo n° 1/2007 Per il 2007-2008 siamo entrati Notiziario periodico: (questa volta direttamente) nel Proprietà del CPGEV- Bologna progetto di VOLABO denominato “La rete dinamica della vita” con Responsabile Editoriale: Valerio Minarelli le associazioni: Legambiente, La giovane montagna, ER-CR, Responsabile: Mauro Maggiorani Il Macigno (WWF). Il progetto Coordinatori redazionali: ci dovrebbe consentire Elisabetta Bongiovanni - Massimo Brini la pubblicazione di un Sede operativa: Villa Tamba opuscolo cartaceo e di un cd via della Selva di Pescarola, 26 (o dvd) divulgativo sulle Leggi statali e re- Bologna Tel. Fax 051-6347464 gionali a tutela dell’ambiente e sui corretti Impaginazione: Massimo Brini comportamenti del cittadino... e realizzare Roberto Bugamelli incontri di presentazione con la popolazione (chi fosse interessato a collaborare a questo progetto Hanno Collaborato a questo numero: deve contattare Anna Tandura) -Carmalli Loretta- Fusini Umberto- Laurenti Giordana - Minarelli Valerio- Tandura Anna- Tassinari Patrizia E’ gradita la partecipazione di tutte le GEV Stampa: Tipografia Negri e degli allievi alla stesura della rivista con articoli, Tiratura: 500 copie Chiuso in fotocomposizione il 8/5/2007 segnalazioni, foto e quant’altro. Registrazione del Tribunale Foto e disegni: Pag. 4 Patrizia Tassinari.- Pag 5 Umberto Fusini. di Bologna n. 7693 del 18/08/2006 8