Gufo2003 03
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
502
On Slideshare
502
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. il Gufo 3 agosto 2003 notiziario del CPGEV di Bologna Dal Direttivo Dai Gruppi A Dai gruppi Anna Tandura ll’interno delle Guardie Ecologiche Volontarie di I n apertura del direttivo del 9 giugno Minarelli ha informa- to i soci che, in seguito alle indi- Casalecchio di Reno, ci sono un paio di istruttori di nuoto, che svolgono il loro operato cazioni emerse nel c.d. del 17 presso la Polisportiva Masi aprile, diversi gruppi di lavoro (una delle società sportive più si sono attivati con lo scopo di grandi in regione). Ma, migliorare la loro organizzazio- ”stanchi” di insegnare ai bam- ne interna. Il gruppo Protezione bini solo nuoto, hanno ben pen- Civile ha ridefinito le figure di sato di creare insieme con altri riferimento (vedi Gufo n. 2), il colleghi di piscina, un piccolo gruppo Caccia ha individuato le gruppo che si occupa di am- priorità nelle attività da seguire biente, alimentazione e altre e intende avvalersi della colla- tematiche. Sono già state pro- borazione costante di referenti mosse alcune gite/escursioni in specifici in ogni zona; il gruppo passato che hanno riscosso un Educazione Ambientale si è piccolo, ma grande successo! riunito contando nuovi soci di- Piccolo, perché il gruppo era Racconti dal fiume Verso Camaldoli sposti a collaborare per dare composto di quattro bambini e Monica Diamanti Federica Rossi maggiore impulso a questa atti- alcuni genitori…. Grande per- C iabatte infradito, costume, borsone, chiavi dell’auto in mano: eccomi pronta per I deale per i viandanti, che non cercano forti emozioni e grandi fatiche, ma scelgono una vità; il gruppo Informazione si sta impegnando per rendere più efficace la comunicazione inter- ché è riuscito a scaturire l’entusiasmo tra noi e i bambini che ci hanno riempito di do- l’agognato weekend tutto riposo. meta suggestiva e la via più na ed esterna. Importante mande e di curiosità. Eravamo Cucù, cucù cucù. Che cos’è que- ‘verde’ per raggiungerla, è que- l’accordo raggiunto con la Pro- forniti d’alcune schede con sto rumore molesto? Oddio, è il sto bel percorso tra i faggi ro- vincia per la distribuzione del l’impronta degli ungulati per il suono del cellulare di servizio magnoli e gli abeti toscani, “Gufo”, che sarà prossimamente riconoscimento, libri di fiori ed delle GEV che chiama. lungo il sentiero CAI 00, una inviato a 500 indirizzi (Gev, alberi per aiutarli all’identi- “Emergenza! Soccorso immedia- vera ‘autostrada’ forestale. Non Enti e istituzioni) unitamente al ficazione. Il Parco di Monteve- to! C’e’ un piccolo di daino che e’ serve nemmeno una documen- periodico “Portici”. Riguardo glio è stato il palcoscenico di caduto nel fiume Reno! Si e’ rifu- tazione troppo dettagliata (la alle procedure, sono state pre- questa bell’escursione. Abbia- giato su un isolotto perché è stato carta escursionistica, però, la si sentate le nuove schede sul rile- mo risalito Rio Ramato facen- spaventato dai cani lasciati liberi porta sempre volentieri) vista vamento rifiuti studiate in colla- do notare: impronte, bucaneve la notte nel parco Talon! E’ quag- l’ottima segnaletica che impe- borazione con il Nucleo Am- e anemoni e il rio dalla sua giù da stamattina e sicuramente se disce anche al più sprovveduto bientale della Provincia (NAP); acqua proprio “ramata”. Sia- lo lasciano lì morirà come è già di perdersi e il percorso, sebbe- è stato inoltre distribuito ai refe- mo arrivati nei pressi del la- successo prima agli altri due!” ne ci siano tratti di salita e di- renti delle convenzioni uno ghetto artificiale dove rane ita- Incredulità: chi mi racconta tutto scesa, è adatto a qualunque schema esemplificativo finaliz- liche avevano deposto le uova e questo è il signor Bruzzi di Casa- ‘gamba’ anche alle giovanissi- zato alla richiesta di copia – abbiamo intravisto alcuni trito- lecchio, un attento cittadino aman- me, e alle montain-bike, sebbe- possibilmente informatizzata – ni. Avevamo con noi il binoco- te del parco fluviale e di tutti gli ne qualche pezzo si debba, te- dei regolamenti e delle ordinan- lo, così abbiamo mostrato come animali selvatici che lo abitano. E mo, risalire a piedi. Partiamo ze in vigore presso gli enti con- segue a pag. 2 chi l’ha mai visto prima un picco- da Passo della Calla, un venzionati con il CPGEV, allo lo di daino, e da queste parti poi! ‘parcheggione’ con tanto di scopo di procedere alla stesura Ok, lasciamo perdere del tutto furgone ‘bibite e panini’, che dei prontuari di zona. Il Tesorie- l’idea della vacanza e andiamo a toglie un po’ il gusto dell’av- SOMMARIO re ha poi distribuito i rendiconti vedere di persona! Facciamo subi- ventura, ma appena oltrepassa- per la richiesta di rimborso agli to una precisazione: come i fatti ta la sbarra che indica l’inizio enti (spese sostenute, km effet- confermeranno poi, si trattava in del sentiero, si è confortati dal tuati, ecc.), unitamente alle sta- Dal Direttivo 1 realtà di un giovane capriolo di 26 letto di farfalle e di api che tistiche delle ore di servizio Dai Gruppi 1 mesi, non di un daino! Vabbè, ricopre la radura e, ben presto, (elaborate da Roberto Merli), torniamo a noi: come mi sento: dall’immersione completa nel necessari per il completamento Racconti dal fiume 1 panico totale! Cosa faccio? Chi bosco di faggi, costante del delle relazioni annuali che i re- Verso Camaldoli 1 chiamo? Aiuto mamma!! Idea: versante nord. Tutto ombreg- ferenti delle convenzioni devo- Botulismo 3 mamma! Chiamo la mamma, che giato, il sentiero offre subito no consegnare ai fini del rim- oltre ad essere qui vicino è anche qualche bello scorcio presso borso. Nel direttivo di giugno si Gran Bosco di Salbertrand 3 un’aspirante Gev. Infatti, le leggo Pian Tombesi, da cui è possibi- è poi discusso parecchio sui segue a pag. 2 segue a pag. 4 segue a pag. 4 1
  • 2. lo: “ Abbiamo un piano? E se segue da pag. 1 - Dai Gruppi sì, qual’è?” Ok, osserviamo più si adopera. Siamo arrivati in cima da vicino la situazione: ma per al borgo, un giro intorno e dentro vedere meglio l’animale e la l’Abbazia (merita sempre!). I sua posizione siamo forse an- bambini sono rimasti contenti, il dati troppo vicino e così il dai- più piccolo appena sei anni, il più no-capriolo (detto Polly) è grande tredici, hanno camminato, scappato lungo il fiume… Sen- domandato senza mai sbuffare timenti misti: rabbia, odio, de- dalla noia o dalla stanchezza. Per lusione, sconcerto, paura…..e il prossimo Settembre c’è in pro- adesso? Che si fa? Torniamo a gramma l’escursione al Centro fare un nuovo piano: stendiamo Recupero Animali Esotici (da la rete che era nel mezzo della Rudy Berti) a Brento, per il pros- P.P. in zona strategica e…. simo Ottobre gita/escursione al evviva, l’abbiamo preso! No, parco. Se avete voglia di unirvi a lepre in attesa di indagini più segue da pagina 1 - Racconti non Polly purtroppo, bensì un noi nelle prossime uscite, contat- precise. l’espressione di felicità dipin- signore anziano con vista molto tateci!! Gabriele Bergonzoni e ta sul viso mentre accetta corta, che è rimasto impigliato Dalyla Sottani Idice sede della Polizia Provin- spontaneamente e con grande nella rete non prevista lungo il ciale Domenica 22 Giugno, ore 7 entusiasmo di accompagnar- percorso della sua abituale pas- S. Giorgio di Piano è come dire ritrovo per una uscita di vigilanza mi in questa strana avventu- seggiata. Disincagliato il signo- Enrico Fiorentini: la carta “gev- pesca. All’arrivo troviamo due ra. Ma la mamma non basta. re anziano attuiamo il piano B: ografica” andrebbe modificata persone su un fuoristrada con E poi chi chiamo? Ripasso cerchiamo volontari per fare con il toponimo “Fiorentini”. l’aria preoccupata: “c’è un cin- mentalmente le istruzioni e i una vera e propria battuta. Fi- Alle 6 e 35 è già caldo, ho visto ghiale che è stato investito nel corsi di aggiornamento appe- nalmente arrivano i rinforzi: sorgere il sole mentre ero in viag- ca mp o d i u n c o n t ad i n o na conclusi ma il panico mi 10/12 selecontrollori si mettono gio verso la bassa. Il nostro giro all’incrocio con la Via Emilia e il assale e non mi sovviene nul- in postazione: e comincia la comincia in località Rizza, pas- bivio di Monterenzio”. Dopo la! Bene: allora chiamo tutti. battuta. Polly capisce subito sando da Cinquanta, dove la zona qualche tentativo, contattiamo Il Pronto Gev? Noooo, Merli qual’è la maglia debole della umida è un brulicare di vita: Ca- Centro di Recupero Fauna Selva- non c’e’! ma come? Crolla nostra catena umana: infatti, valieri d’Italia, Aironi, Svassi, tica di Brento. Ci risponde Berti, un mito! Gatti. Chiamo Gatti. con un balzo netto salta a piè Folaghe, Anatre coi loro anatroc- con una voce comprensibilmente Lui di certo sa tutto di proce- pari un grasso selecontrollore e coli, si alimentano e si scaldano, addormentata, ma in due e due dure. Ok: mi dice di chiamare si lancia verso la libertà…… fino a quando il sole diventerà quattro si attiva per il recupero. Merli. Allora riprovo: niente per fortuna le vie d’asfalto e le troppo caldo e li costringerà a Imparando che il guardapesca, da fare. Allora Balbo: no lui macchine parcheggiate nel cen- cercare l’ombra. L’altra presenza causa impegni, non sarebbe potu- risponde solo al suo cellula- tro commerciale hanno com- animale è un leprotto che fugge a to uscire, raggiungiamo il punto re! Fiorentini: è troppo lonta- piuto il miracolo: con un rapido gambe levate. Ci avviamo verso dove l’animale ci è stato segnala- no dalla mia zona. Riprovo dietrofront, Polly è ritornato sui S. Giorgio, ai margini di un cam- to. Il cinghiale è disteso in un Merli: evviva c’è! “Cerca nel suoi passi e di sua spontanea po di grano osserviamo una lepre campo di insalata; mi avvicino, prontuario il numero della volontà è andato a porsi da solo adulta: faccio cenno a Enrico di lui cerca di alzarsi ma le gambe Polizia Provinciale e chiama nella rete……Io mi sono fion- andare piano per fotografarla, ma posteriori sono incapaci di reg- quelli della tua zona!” Dice il data di corsa verso la rete e, quella non si muove; anche quan- gerlo e si trascina penosamente. saggio. Allora: prontuario, fresca del corso caccia, mi sono do scendiamo, rimane ferma im- A questo punto attendiamo, dopo Polizia Provinciale di Casa- sfilata di dosso il mio maglione mobile, quindi decidiamo di ac- avere tranquillizzato il proprieta- lecchio, zona 4. Chiamo, nuovo delle Gev per bendare calappiarla, cosa che ci riesce con rio del fondo, che in breve a- spiego e ci diamo appunta- Polly: come d’incanto, non grande facilità. La lepre ha del vremmo liberato la sua proprietà mento direttamente nella zo- vedendo più nulla si è tranquil- muco sugli occhi. Telefoniamo da quell’intruso. L’operazione di na dell’avvistamento che per lizzato e ha smesso di agitar- al veterinario e alle 8 siamo lì. recupero procede senza problemi. fortuna conosco bene e rag- si…..Ma allora i corsi servono La diagnosi è una vistosa con- L’animale viene anestetizzato e giungo subito. I miei timori davvero a qualcosa! Peccato giuntivite provocata da cosa? caricato sul furgone attrezzato sono scomparsi appena avvi- per il mio maglione nuovo pe- Pesticidi? Lasciamo quindi la per il recupero animali. Ci verrà stato l’animale, che stava rò. Saliamo insieme sulla Jeep co mu ni ca t a tranquillamente “pasteggian- della P.P. e pensiamo a dove dal veterina- do” sull’isolotto: ero certa portarlo: il parco Talon era rio la diagno- che saremmo riusciti a cattu- troppo lontano e non ci è sem- si: fratture rarlo facilmente in poco tem- brato il posto più adatto; così delle zampe po perché l’isolotto era pic- selecontrollori, guardie provin- posteriori e colo e sapevo in arrivo mezzi ciali, Polly e io, ci siamo diretti lesione alla e uomini adeguati alla situa- verso l’oasi di ripopolamento colonna ver- zione! Metafora naturalistica: zona 4 soli, dove l’abbiamo tebrale. Il “come le tenebre vengono finalmente liberato! Che sollie- cinghiale si fugate dalla luce” o anche vo dopo essere stato bendato e aggiunge alle “come il ghiaccio sublima al tenuto stretto per le gambe; che altre vittime sole” ovvero “come la teoria gioia vederlo correre libero e in delle stragi insegna e la pratica smenti- buona salute! Era già calata la provocate sce” così le mie illusioni sva- sera quando la radio della Poli- dall’uomo. nirono davanti alla realtà: 2 zia Provinciale suona ancora: A. Ropa uomini soli, a piedi e a mani una chiamata urgente! Ma que- nude! Vediamo la situazione sta è un’altra storia del fiume. insieme e chiedo a bruciape- 2
  • 3. APPROFONDIMENTI di altri? La gravità dell’in- Uccelli colpiti appaiono de- tentativi per incrementare la con- tossicazione dipende dall’ori- boli e flaccidi. Inizialmente centrazione di ossigeno disciolto gine e dalla quantità di tossi- la paralisi impedisce agli direttamente attraverso na ingerita, dalle dimensioni uccelli di volare; successiva- l’aerazione o indirettamente ridu- corporee dell’individuo, dalla mente colpisce le zampe. A cendo la domanda di ossigeno da età, dal sesso e dall’entità di questo stadio, l’uccello è parte del benthos nella colonna altri fenomeni di stress che ancora in grado di muoversi d’acqua o nel substrato per creare agiscono sull’uccello. È noto attraverso l’uso delle ali. La un ambiente sfavorevole per la che alcune specie di avvoltoi progressione dell’intossica- riproduzione del Clostridium sono immuni alla tossina; il zione fino al punto in cui botulinum. Non sono ancora state livello al quale altri Uccelli l’uccello non è più in grado fatte esperienze mirate a mante- predatori sono immuni alla di sostenere la sua testa in nere o incrementare gli antagoni- tossina non è stato ben docu- America ha dato alla sindro- sti naturali del Clostridium botu- mentato. Comunque è noto me il nome di “limberneck”. linum(altre specie di batteri, prin- che alcuni rapaci come il Infine, la paralisi causata cipalmente del genere Bacillus). Falco pellegrino, sono invece dall’avvelenamento porta alla Rimane da verificare la capacità colpiti dalle tossine ingerite morte per asfissia. delle macrofite nel processo di dalle loro prede. 9. Quanto è importante il degradazione della tossina. 5. Gli uccelli possono acqui- botulismo aviare? Riduzio- 11. Quali condizioni ambientali BOTULISMO sire l’immunità alla tossi- ne delle popolazioni, perdite sono antagoniste per il Clostri- Documentazione fornita da na? A parte alcuni avvoltoi, economiche (settore zootec- dium botulinum? basse tempera- Enrico Fiorentini non vi sono altri Uccelli im- nico e aree con gestione fau- ture; condizioni aerobiche; basso 1. Cos’è il botulismo aviare? muni al botulismo; possono nistico-venatoria), effetti potenziale redox; elevata alcalini- Il botulismo aviare è una forma comunque riprendersi in con- antiestetici, costi per la rimo- tà; elevata salinità; battericidi; di avvelenamento degli uccelli dizioni ambientali favorevoli; zione delle carcasse. antibiotici derivati da altri batteri; selvatici e domestici causata da gli uccelli che sono stati re- 10. Cosa si può fare per vegetazione (emergente). una tossina prodotta dal batte- cuperati da dosi sub-letali prevenirlo? Le strategie per 12. L’avvelenamento è sempre rio Clostridium botulinum. Due della tossina non hanno mo- prevenire la diffusione del fatale? No. La malattia è gene- tipi del batterio producono il strato un incremento della botulismo aviare (o, almeno, ralmente considerata una intossi- veleno che colpisce gli Uccelli, tolleranza verso di essa. per ridurne la virulenza) sono cazione pura – non una infezione il tipo C ed il tipo E. 6. Quando si verifica il bo- basate principalmente sulla tossica. Perciò gli effetti sugli 2. Dove colpisce il botulismo tulismo aviare? Il meccani- rimozione del substrato di Uccelli sono dipendenti diretta- aviare? I primi casi delle mag- smo scatenante di una epide- proteine che il Clostridium mente dalla quantità di tossina giori morie di anatre selvatiche mia di botulismo rimane ma- botulinum richiede per la ingerita. In condizioni ambientali furono riscontrati negli Stati teria di congetture; un caso di crescita. Ciò include la rimo- favorevoli (accesso ad acqua pu- Uniti occidentali e si verifica- botulismo è solitamente asso- zione del materiale vegetale lita, assenza di condizioni clima- vano solitamente in corpi idrici ciato a: innalzamento dei accumulato dal vento lungo tiche sfavorevoli e mancanza di con acque alcaline. Queste as- livelli dell’acqua con conse- le rive dei corpi d’acqua e predazione), gli Uccelli possono sociazioni fecero in modo che guente sommersione di terre- degli uccelli acquatici morti riprendersi da basse dosi di tossi- il fenomeno fosse definito co- ni precedentemente inondati; prima della manifestazione na. Gli Uccelli che guariscono me avvelenamento alcalino o innalzamento della tempera- della tossina. Un’altra strate- dal botulismo aviare non mostra- malattia delle anatre occidenta- tura dell’acqua a circa 25 °C; gia frequentemente utilizzata no alcun incremento nella tolle- li. Mentre la maggior parte potenziale redox nell’inter- è quella di incrementare il ranza alla tossina. delle morie di anatre selvatiche faccia acqua-sedimento; fe- livello dell’acqua. L’effetto e di altri uccelli acquatici è an- nomeni conseguenti a fioritu- positivo apparentemente ri- cora principalmente ristretta re algali. Questi eventi gene- sulta correlato da un lato con Gran Bosco di Salbertrand all’America nord-occidentale, ralmente si verificano nel l’abbassa-mento della tempe- Paola Bertoni e Andrea Ropa I il botulismo aviare si verifica tardo luglio fino a tutto ago- ratura nel corpo d’acqua e n compagnia del guardaparco nel nord America ed è stato sto. Si ritiene che i casi ri- dall’altro con la riduzione del Giuseppe abbiamo partecipato riscontrato anche in Europa, scontrati in altri periodi contatto tra gli Uccelli che si in agosto a un’escursione nel Africa e Australasia. dell’anno siano il risultato nutrono sulla superficie Parco naturale del Gran Bosco di 3. Quali Uccelli sono colpiti dell’ingestione di tossina già dell’acqua e subito al di sotto Salbertrand (Piemente), con par- dal botulismo aviare? I primi preformata. di essa ed il sottostante sub- tenza dal paese di Frais. Abbia- casi di botulismo aviare colpi- 7. Come sapere che un uc- strato anaerobico nel quale il mo percorso una strada sterrata, e rono le anatre che sono anche i cello è morto per il botuli- Clostridium botulinum presu- in 20 minuti siamo arrivati alla soggetti più frequentemente smo aviare e non per altre mibilmente prolifera. Il lieve malga Arguel con un spettacolare colpiti ma sono noti casi anche ragioni? Non ci sono indizi movimento dell’acqua deter- colpo d’occhio sulle montagne per tutte le altre specie di Uc- di danni istologici associati minato dalla variazione dei circostanti. Abbiamo seguito le celli acquatici, come oche, pel- alla mortalità per intossica- livelli ha effetti positivi nel indicazioni del sentiero 14; siamo licani, cigni. Sono colpiti anche zione dovuta al botulismo contrastare il botulismo avia- stati subito colpiti dal bosco di gabbiani, limicoli, fagiani e aviare. La conferma del botu- re. Un punto debole di questo cembri, larici e ontani, ma altri Uccelli terrestri. L’avvele- lismo aviare è basata sulla approccio è la possibilità di l’emozione che ci ha accompa- namento non è solo ristretto ricerca della presenza della determinare un incremento gnato è di essere al cospetto di un alle popolazioni di uccelli sel- tossina nel sangue. di aree sommerse con acqua bosco vivo, non solo di alberi e vatici; non sono infrequenti 8. Quali sono i sintomi del bassa.. Il riflusso di aree pre- piante ma anche di animali. La casi di botulismo aviare che botulismo aviare? La tossi- cedentemente inondate è in- pioggia del giorno precedente, colpiscono gli allevamenti di na che causa il botulismo fatti associato con epidemie permette al passaggio degli ani- polli e tacchini domestici. aviare è una neurotossina che di botulismo aviare. Fino ad mali di lasciare tracce evidenti 4. Vi sono Uccelli più colpiti porta ad una paralisi in cui gli oggi sono stati fatti alcuni segue a pag. 4 3
  • 4. segue da pag. 3 - Gran Bosco segue da pag. 1 - Camaldoli gli abeti bianchi porta al muro di no: la scelta se procedere o e stampata sul sentiero troviamo le scorgere la diga di Ridra- cinta dell’Eremo di Camaldoli, meno alla realizzazione del un’impronta. Canide dice il coli e il lago artificiale. Si fondato nel 1025 da Romualdo, corso è stata posticipata a un Guardaparco, sarà… Incontriamo passa dalla Scodella, ampia luogo di grande suggestione spi- prossimo c.d., essendo necessa- anche tracce di cervi, e sempre conca tra grossi massi rico- rituale. Qui ci si può concedere ria una verifica delle condizioni quell’impronta. Il bosco emana perti di muschio, sui quali i una visita al complesso monasti- e dei tempi proposti un odore fresco e resinoso, ma faggi svettano altissimi, e co (attenzione agli orari delle dall’Amministrazione locale. Il arriva alle nostre narici una fru- macchie di felci, tra le quali, visite, che sono tassativi) oppure direttivo del 21 luglio ha avuto stata di odore di marcio, che atti- per gli intenditori (noi, in “parcamente” rifocillarsi per ri- come principali argomenti la ra la nostra attenzione: stavolta è realtà l’abbiamo letto sulla prendere poi, a ritroso, la strada verifica dello stato delle con- certo, questo odore proviene dal- guida, ma non siamo riusciti verso Passo delle Calle. Il tutto in venzioni, soprattutto quello dei le fatte fresche di lupo, accompa- ad individuarla!) spicca la circa 6 ore di cammino e una di rimborsi da parte degli enti gnate da altre fatte più vecchie ‘lingua cervina’, flora protet- pausa! Ulteriori informazioni su: (mancano ancora - per il 2001 - nelle quali si distinguono i resti ta. Poco prima di raggiungere www.parks.it/parco.nazionale. il rimborso del Comune di S. dei pasti. Le fatte ci dicono con Poggio Scali, cocuzzolo dal for.carentinesi/ Giovanni in Persiceto, quello certezza che il lupo vuol far sape- quale si dominano entrambi i del Parco dell’Abbazia di Mon- re a tutti che è ben presente. Mai versanti appenninici, si trova segue da pag. 1 - Direttivo teveglio, del Parco dei Due avevamo avvertito in maniera una dolina profonda (che nuovi acquisti. Per completare Laghi e della Comunità Monta- così incisiva la presenza di que- subito rievoca gli inghiottitoi l’attrezzatura necessaria a portare na Valle del Santerno), e sto predatore, è un emozione di Parco dei Gessi) imbutifor- a compimento nei tempi richiesti l’organizzazione dello stand grandissima in questo grandioso me che drena le acque piova- il censimento dei maceri ad Ar- alla Festa Nazionale dell’Unità. scenario naturale. Incontriamo ne, data la sua composizione gelato (l’incarico è stato accettato Si è valutato che ci sono le for- alcuni segni dell’uomo in un al- di arenarie, e quindi non sog- dopo averne verificato le condi- ze per la gestione dello spazio; peggio abbandonato; arriviamo getta al fenomeno carsico. A zioni, come stabilito nel direttivo lo stand sarà essenziale e pun- alla Grange Ruine sotto il colle Poggio Scali, circa ad un’ora del 17 aprile, n.d.r.), è stato pro- terà sull’attrazione dei colori e Assietta. Ci appostiamo di cammino, qualcuno già posto l’acquisto di altri 2 gps e di delle figure su tematiche am- all’ombra di alcuni larici, lungo prepara la merenda, visto che 3 nuove macchine fotografiche bientali che le nostre gev dalle un pendio. Le marmotte si fanno il piano erboso assolato invo- digitali. Per i censimenti faunisti- capacità artistiche dipingeranno vedere e sentire un po’ sospetto- glia alla sosta, ma noi prose- ci il gruppo Caccia ha chiesto di sulle pareti . E’ necessario re- se. Improvvisamente un rapace guiamo concedendoci solo un poter disporre di 1 o meglio an- perire materiale e depliants da diurno scende in picchiata sul sorso d’acqua e una foto ri- cora 2 cannocchiali professionali distribuire nel corso della ma- pianoro sottostante: un astore cordo sotto il cartello CAI, a forte ingrandimento. La spesa nifestazione, che inizierà il 28 dice Giuseppe, ma cosa preda? per immortalare il momento. per questi ultimi strumenti non è agosto. Si è fatto inoltre il pun- Una marmotta? Mai visto! Dice Agli appassionati di botanica indifferente, e il direttivo ha sta- to sugli incontri di aggiorna- Giuseppe. Comunque la preda- si segnala che Pietro Zanghe- bilito di procedere per il momen- mento finalizzati alla vigilanza zione fallisce e il rapace batte in ri studiò, proprio in questo to al solo acquisto dei gps e delle caccia e rifiuti, che saranno ritirata con tutta la sua dignità di luogo, la fioritura del Botton macchine fotografiche (il cui organizzati sia a Villa Tamba perfetta macchina per volare, si d’Oro e di altre piante carat- costo viene compensato dal rim- che presso le zone, concordan- appoggia su un alto ramo, dà un teristiche della prateria alpi- borso concordato con il Comune do sulla necessità di stabilire un ultimo sguardo e se ne và. Anche na, particolarmente apprezza- di Argelato), e di verificare nel calendario articolato, funziona- in una giornata così serena ed bile in primavera, natural- frattempo qualche preventivo per le all’apertura della caccia e idilliaca, la natura gioca la sua mente. Di qui inizia la disce- i cannocchiali. Rimanendo in senza sovrapposizioni con le partita di sopravvivenza. Dopo la sa, lunga ma non impegnati- tema di censimenti faunistici, serate di ripasso per la prepara- pausa, ripartiamo per tornare va, all’interno del bosco e, a Balbo ha informato che il Parco zione degli allievi gev indietro aggirando un po’ più in tratti, in ampie radure assola- dell’Abbazia di Monteveglio ha all’esame. alto il costone e puntando in di- te, nelle quali nonostante proposto al raggruppamento di scesa verso la Malga Arguel dove l’ora tarda abbiamo potuto proseguire nell’attività censitoria incontriamo le mucche al pasco- intravedere un capriolo, pro- con un monitoraggio periodico il Gufo lo: è evidente la drammatica ca- babilmente una giovane fem- del capriolo e la gestione comple- Nuova Serie renza d’acqua, le sorgenti sono al mina (l’occhio dei censitori!). ta del censimento al cinghiale. Il Anno quinto, numero 3/2003 minimo, e la terra è polverosa. La Inequivocabili anche i segni c.d. ha deciso di vincolare notiziario del CPGEV di Bologna doverosa sosta alla malga si con- del passaggio degli ungulati l’accettazione della proposta alla clude con l’acquisto di formag- sugli arbusti, scortecciati in condizione che il contenimento gio. Salutiamo il Guardaparco molti punti, ma non ci siamo del numero di esemplari venga Giuseppe con la prospettiva di potuto inoltrare in quella par- realizzato esclusivamente tramite partecipare al censimento dei te di bosco in cerca di qual- cattura con gabbie (a basso im- cervi, dei camosci e dei forcelli. che palco caduto, dato che il patto) e non tramite abbattimenti sentiero si snoda al confine di cacciatori in “braccata”, in con la Riserva integrale di conformità alle finalità di tutela Sasso Frattino. Oltrepassato ambientale previste dal nostro Sede legale il Giogo Secchieta, si posso- Statuto. Nel corso del direttivo si Strada Maggiore, 80 - Bologna no scegliere due vie per scen- è parlato anche della partecipa- Sede Operativa dere all’Eremo: il primo, più zione alla Festa Nazionale Villa Tamba ripido per Battilocchio, il dell’Unità di settembre, che sarà Via della Selva di Pescarola 26 secondo, più avanti, oltre subordinata alle forze disponibili 40131 Bologna per l’organizzazione. Infine è Tel. e Fax 051-6347464 Prato al Soglio e Prato Berto- ne, in corrispondenza del stata illustrata la richiesta di un Questo numero è stato chiuso cartello CAI che segnala la corso di formazione per Gev pre- il 14 agosto 2003 quota 1325 m. La discesa tra sentata dal Comune di Crespella- 4