Your SlideShare is downloading. ×
  • Like
Gufo2007 03
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Now you can save presentations on your phone or tablet

Available for both IPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply
Published

Il Gufo - Notiziario Gev - 2007

Il Gufo - Notiziario Gev - 2007

Published in Education , Technology , Business
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
477
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
2
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. N. 3 Dicembre 2007 NOTIZIARIO del CORPO PROVINCIALE ECOLOGICHE VOLONTARIE DI BOLOGNA Poste Italiane Spa Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L.27/02/2004 N.46) ART.1 comma 2 aut. 060023 del 18/10/06 DCB- Bo Dalla Redazione Di M.B. Refusi, errori e sondaggi Su GUFO settembre 2007 Iniziamo dagli ultimi. Da qualche tempo, non avendo mai avuto segnali in merito, pensavamo quale iniziativa adottare per testare l’interesse e l’attenzione dei Soci verso il nostro notiziario: i questionari? Roba anni ’70, nessuno ha mai preso una biro in mano, figuriamoci nell’era del computer; organizzare un call- center? E’ così di moda! Troppo costoso. Poi l’idea...... Ma, effettivamente, abbiamo esagerato con gli errori. Però il risultato è stato ottenuto, una va- langa di e-mail e di telefonate, chi con tono sdegnato, chi con note di biasimo, chi preoccupato della caduta di immagine. Dalla redazione Pag 1 Anticipando il verbale Chiediamo scusa a tutti, Foto pag. 1. e assicuriamo che la foto ritratta 1 dell’assemblea ordinaria è AMANITA MUSCARIA e non ammanite dal consiglio del 26 novembre 2007 falloide che inoltre è scritto AMANITA direttivo Pag 2 / 3 pubblichiamo l’elenco dei PHALLOIDES (Vaill.: Fr.) La foto è componenti il Consiglio di Giorgio Molinari, PROGETTO Direttivo eletti, per il estraneo al misfatto, al quale chiediamo CPGEV-VolaBO Pag 3 triennio 2008/2010, con doppiamente scusa per non averlo citato 46 voti favorevoli, 5 quale autore dello scatto. Errori: VIGILARE contrari e 6 astenuti: Pag. 6 prontuario Fauna Minore. SULLA NATURA Pag 3 Nelle notturne ore dedicate a pre- parare le bozze de Il Gufo è stato fatto un copia-incolla di un file “datato” per cui il Bettini Manuela, riferimento alla legge regionale è errato, Attività di Educazione Buongiovanni Elisabetta, quello esatto è: LEGGE REGIONALE 31 luglio 2006, Ambientale Brini Massimo, n. 15 DISPOSIZIONI PER LA TUTELA Buffagnotti Cesare, 2004-2007 Pag 4 Cocchi Armando, Daldi Sauro, DELLA FAUNA MINORE IN EMILIA- ROMAGNA BOLLETTINO UFFICIALE Ferrari Maurizio, n. 113 del 31 luglio 2006 Relazione Lapolla Francesco, Vogliate quindi considerare nullo il prontu- Mazzoni Mario, Merli Roberto, del presidente Pag 5 /6 Minarelli Valerio, ario pubblicato sul numero di Settembre de IL GUFO, al più presto sarà editata la nuova versione. Monducci Gianfranco, Infine a pag. 8 il numero telefonico La stagione degli Nucci Claudia, Ricci Roberto, corretto di Franco è 3401801254, amori del cervo Pag 7 Rossi Mauro, Suzzi Alfiero, anche in questo caso è stato fatto un copia-incolla e non capiamo come possa Tandura Anna. essere cresciuto un 1. Non abbiamo voluto trovare giusti- GEV & JUDO Pag 7 Al nuovo Consiglio Direttivo l’augurio ficazioni ma spiegare ciò che è accaduto, comunque, non assicuriamo che nei di un proficuo e sereno lavoro, che prossimi numeri non si celino refusi trovi le giuste risposte ai quesiti Un Progetto o errori o..... ed alle istanze formulate dai Soci per l’Energia durante l’assemblea ordinaria e Molti posti sono disponibili in redazione, attendiamo fiduciosi nelle assemblee di zona. sostenibile anche la Tua collaborazione. in Appennino Pag 7 1
  • 2. pubblicizzare l’inizio del progetto “La rete che al nostro interno vi sono stati e vi dinamica della vita” in collaborazione con sono tuttora comportamenti non consoni altre 5 associazioni di volontariato della alle regole che democraticamente ci provincia di Bologna, progetto di cui si è siamo dati, rinnovo l’invito già fatto già parlato nei precedenti direttivi. nel direttivo di gennaio e di marzo Dal Consiglio 2) Della lettera inviata da Arnaldo di convocare un CD specifico o una Direttivo Grandi era già stata data lettura durante il direttivo del 26 marzo, in quella sede il conferenza di organizzazione per studiare una nuova struttura.”. Presidente aveva già espresso le proprie Minarelli ritiene che il ruolo del Per ragioni di spazio in questa impressioni. La discussione odierna Presidente non sia solo quello di attendere rubrica è riportato un succinto riguarda la posizione del Consiglio le decisioni del Direttivo, a volte i tempi riassunto del verbale delle riunioni, Direttivo. per affrontare determinate questioni ricordiamo che il verbale completo Cesare Buffagnotti ritiene che i non sono compatibili con quelli delle è consultabile in Sede. contatti avuti con Grandi dai Consiglieri riunioni del Consiglio Direttivo; inoltre il Monducci e Bettini, e, la risposta inviata Presidente deve rappresentare tutti i Soci, nell’immediatezza dal Presidente, siano e di loro deve prendere, se del caso, le Riunione del C.D. del 14 MAGGIO 2007, sufficienti per ritenere la questione difese. In caso di una risposta sbagliata presenti: il Presidente Minarelli Valerio, conclusa. il CD esprimerà il proprio parere, ma in il Vicepresidente Buffagnotti Cesare, il certi casi occorre tempestività. Concorda Tesoriere Lapolla Francesco, la Segretaria Gianfranco Monducci chiede che sia messa a verbale interamente il suo con Monducci sulla necessità di risolvere Tandura Anna, i Consiglieri Bettini positivamente e costruttivamente le Manuela, Brini Massimo, Cocchi Armando, intervento: “Nella lettera del 07/03/2007 Arnaldo ha voluto esprimere il suo questioni, e propone di far coincidere Mazzoni Mario, Merli Roberto, Monducci la conferenza di organizzazione con Gianfranco e Parmeggiani Gabriella, malessere e una preoccupazione per il futuro delle Gev. Non essendo un fondatore l’assemblea per il rinnovo delle cariche invitato il Socio Daldi Sauro. sociali. delle Gev io posso dire che negli ultimi 10 anni sono stati fatti passi enormi. Siamo Mazzoni: sarebbe importante Ordine del Giorno: capire le ragioni che hanno spinto una 1. Impegni programmati. Indicazione diventati un’Associazione a cui vengono riconosciuti molti meriti e siamo diventati Gev storica e del valore di Arnaldo ad dei referenti; una critica così aspra; Daldi concorda con 2. Lettere e posizioni espresse dalla interlocutori privilegiati per tanti comuni e tante istituzioni. Questo è il frutto del Grandi sulla necessità di rendere sempre Gev Grandi Arnaldo. Eventuali più professionali gli interventi delle GEV lavoro continuo e costante fatto in tutti deliberazioni; andando a verificare e ottimizzare le questi anni e il merito va anche al gruppo 3. Chiusura bilancio 2006. Relazioni dirigente e quindi anche in gran parte al criticità di alcune situazioni. agli Enti e richieste di rimborso; Presidente. Oggi però siamo a un bivio. Al termine della discussione 4. Acquisti; Se fino ad oggi l’Associazione poteva il Consiglio Direttivo delibera, a 5. Varie ed eventuali. essere gestita come una piccola azienda maggioranza con un astenuto, di artigianale da oggi dobbiamo (visto fare propria la risposta formulata dal 1) Il Presidente informa che Presidente ed invita il medesimo a fissare domenica 20 maggio si terrà al Parco il numero che siamo diventati e per i sempre maggiori impegni che ci vengono un incontro con Grandi per approfondire dei Gessi un importante convegno gli argomenti esposti e verificare la Sua sul volontariato nei parchi al quale richiesti) prendere atto che è diventata un’azienda di medie dimensioni e quindi disponibilità a collaborare con gli organi hanno annunciato la partecipazione dell’Associazione. degli Assessori all’Ambiente: Zanichelli dobbiamo pensare ad una gestione di tipo (Regione Emilia Romagna) e Burgin manageriale. Come in una azienda vi è un 3) Il Tesoriere Lapolla comunica (Provincia di Bologna). Consiglio di Amministrazione nella nostra che il bilancio consuntivo 2006 è in via Il Convegno si terrà al Centro Associazione ci deve essere un Consiglio di revisione e che a breve sarà presentato Studi ex Ersa, da poco ceduto al Parco dei Direttivo che lavori in modo diverso. al Consiglio Direttivo. Segnala che è stato Gessi dalla Regione, spazio dalle notevoli E’ il Consiglio Direttivo che gestisce ultimato, e viene distribuito ai presenti, potenzialità che potrebbe diventare un l’Associazione, che studia le strategie il riparto delle spese per le convenzioni centro di formazione permanente dedicato future, che propone le cose da fare, che ai fini delle richieste di rimborso 2006; all’ambiente. E’ dotato di 35 posti letto e ascolta le proposte, i suggerimenti ed infine informa che il progetto presentato sarebbe adatto a seminari residenziali. anche le critiche che possono essere alla Fondazione Carisbo è stato accettato Minarelli propone di presentare al avanzate. Se ne deve discutere in modo e la Medesima ha erogato il contributo Ministero dell’Ambiente un progetto sereno e costruttivo. Al termine però si per l’acquisto di due mezzi fuoristrada da finalizzato all’utilizzo del Centro Studi deve fare la sintesi e decidere e da quel adibire all’anticendio boschivo. come centro di formazione di guardie momento quello che viene deciso deve Il Consiglio Direttivo ringrazia ecologiche volontarie con contenuti di essere la posizione del Direttivo e quindi sentitamente la Fondazione Carisbo per qualificata specializzazione. I Consiglieri di tutta l’Associazione. Il garante di tutto la sensibilità dimostrata a favore della presenti prendono atto ed approvano la questo deve essere il Presidente che deve salvaguardia dell’ambiente e i Soci che proposta del Presidente. avere la grande capacità di ascoltare hanno lavorato per la realizzazione del Merli informa della partecipazione tutti, mediare tra le varie posizioni e progetto stsso. del CPGEV alle iniziative di VolontAssociate smorzare le eventuali polemiche. Nel 4) Bettini avverte che non si può previste per Settembre in alcuni Comuni: caso specifico come in quelli precedenti più procrastinare l’acquisto di una nuova Bologna, Casalecchi di Reno, San Lazzaro devono essere discusse prima nel direttivo fotocopiatrice per la sede di San Lazzaro, di Savena per citarne alcuni, inoltre e successivamente il Presidente, ascoltato e che è già stato chiesto un preventivo ad segnala la collaborazione con Geovest il parere di tutti, deve dare la risposta un fornitore di fiducia, che assicurerebbe per informare i cittadini in alcuni comuni a nome di tutto il Direttivo e prendere assistenza senza aggravio di costi; della pianura dell’attivazione della i provvedimenti che eventualmente si il Direttivo delibera che, visionato e raccolta differenziata porta a porta. sono decisi. A mio parere non è corretto approvato il preventivo da parte del Anna Tandura comunica che quindi che il Presidente risponda al Socio Tesoriere, si può procedere all’acquisto. il 23 maggio si terrà la conferenza e che successivamente se ne discuta nel stampa organizzata presso VolaBo per Direttivo e poi chiedere al Direttivo stesso di fare sua la sua risposta. Considerato ............. segue 2
  • 3. ......Segue dalla che indicano i comportamenti leciti nei con- pagina precedente fronti della natura, e quelli vietati Trattandosi di norme che non hanno Brini, per la zona di Casalecchio, PROGETTO come riferimento immediato la tutela dei diritti dell’individuo, della sua salute o del suo patri- segnala la necessità di attivare una linea ADSL e l’acquisto di un nuovo pc; CPGEV-VolaBO monio, a volte non viene riconosciuta loro la dovuta importanza e più o meno consapevol- Il CD stabilisce che verrà dato mandato a mente vengono disattese. Difesa della biodiver- Gabriele Gatti o a Elisabetta Bongiovanni Di Anna Tandura sità e conservazione delle risorse naturali sono di valutare il tipo di computer da concetti che tutti conoscono, ma non sempre ad acquistare mentre per la linea ADSL viene Il desiderio e la necessità di distribuire materiale nostro, cioè prodotto da noi per essi si ispirano i comportamenti: anche un ges- dato l’incarico a Roberto Merli. to come raccogliere un fiore in un’area protetta Merli chiede l’autorizzazione puntualizzare la nostra attività, in occasione o andare a funghi in un giorno non consentito, dei proseliti che facciamo durante le fiere e all’acquisto di 2 macchine fotografiche, una pur non essendo paragonabili ad altri illeciti per la sede di Imola e una per Bologna, già le feste, ci ha indotto a presentare al Centro ambientali di ben maggiore gravità, segnalano Servizi per il Volontariato di Bologna un una sottovalutazione o la non consapevolezza viste in offerta a 99 euro; chiede inoltre di progetto e, VolaBO, sosterrà le spese per la dell’impatto che anche piccole trasgressioni poter acquistare un GPS di facile utilizzo, realizzazione di materiale informativo da possono avere sull’ambiente. in quanto un apparecchio della dotazione distribuire ai cittadini (cartaceo e in cd), e per è stato temporaneamente assegnato alla l’organizzazione di alcuni incontri informativi L’OBIETTIVO Gev incaricata al censimento dei maceri rivolti alla popolazione. Il laboratorio, rivolto a tutti i cit- a Castello d’Argile. Propone inoltre di La proposta presentata e illustrata tadini, ha quindi come scopo quello di favorire nell’altra pagina é stata inserita in un progetto la conoscenza delle motivazioni che stanno alla acquistare alcune bandiere personalizzate “di rete” che vede il coinvolgimento di altre base di alcune delle leggi promulgate a tutela con il logo del CPGEV, da utilizzare nelle associazioni, e che prende il nome di “La rete dell’ambiente, in particolare delle norme sulle manifestazioni, fiere e feste ecc. Il C.D. dinamica della vita”. quali le Guardie Ecologiche Volontarie eserci- approva gli acquisti. In estrema sintesi dobbiamo realizzare tano la loro attività di controllo e vigilanza. un opuscolo a carattere informativo (semplice, Si vuole cioè mettere in relazione la singola 5) Bettini, in deroga al regolamento chiaro, e graficamente accattivante) dove disposizione di legge o di regolamento con la d’uso dei capi d’abbigliamento, suggerisce si spiegano le ragioni per cui sono state ragione che sottende la sua formulazione e, di autorizzare ad indossare le magliette individuate e tradotte in legge determinate conseguentemente, con l’effetto che determina Gev anche agli aspiranti, in particolare regole finalizzate alla tutela ambientale sull’ambiente la trasgressione o la non osser- (quelle su cui abbiamo competenza, comprese vanza. Ci si propone in questo modo di con- occasione ad esempio in occasione le ordinanze sindacali), dove si riassumono durre il maggior numero possibile di persone dell’esercitazione di protezione civile sinteticamente le leggi, le relative sanzioni e ad una sensibilità comportamentale - nei con- che si terrà a San Lazzaro in ottobre. di conseguenza i comportamenti corretti. fronti della natura - consapevole e non subita. Il Presidente precisa che la scritta Gev Per quanto riguarda gli incontri dovremo presume che chi la indossa sia già realizzarne 6 (3 a Bologna e 3 a Marzabotto) gli I MODI una Guardia, e pertanto le magliette Si intendono realizzare due tipi di in- argomenti sono descritti nella bozza. iziative. Incontri con i cittadini residenti nelle indossate dagli Allievi dovranno riportare Non potremo inserire tutte le la parola “allievo”, come già stabilito leggi, occorrerà fare una scelta ragionata, zone interessate dal progetto, tre nel quartiere Savena per quanto riguarda la zona di Bologna, per le pettorine. Pertanto il C.D. delibera infatti, l’opuscolo non potrà essere troppo e tre a Marzabotto per l’Alta e Media Valle del l’acquisto di magliette con la scritta “ “voluminoso”. E’ quindi giunto il momento di creare un Reno. Gli argomenti previsti per i 6 incontri sa- Allievo “, le magliette saranno di colore gruppo di lavoro fantasioso, creativo e magari ranno i seguenti: verde scuro con la scritta bianca, come con capacità grafiche, che entro la prossima Perché una legge sulla conservazione della fau- quelle già in uso. primavera realizzi un elaborato vincente. na minore: la Legge Regionale n. 25/2006 Merli riferisce di un Socio sorpreso, In questa prima fase potete fare Fiori, prodotti del sottobosco, funghi: le ra- da un guardiaparco, al Parco dei Gessi in riferimento al vostro coordinatore di zona gioni di una raccolta regolamentata (solo a “zona A” con degli asparagi appena raccolti. Marzabotto) oppure ad Anna Tandura all’indirizzo lanma. Potature: come non possono essere L’accaduto e Il comportamento tenuto t@alice.it fiduciosi attendiamo numerosi dal Socio stesso anche successivamente contatti. trattate le piante Differenziare i rifiuti, un dovere e una necessità viene ritenuto NON consono all’etica ed ai (solo a Bologna). regolamenti che ci siamo dati, pertanto, VIGILARE SULLA NATURA Gli incontri saranno condotti da un esperto con l’affiancamento di una Guardia Ecologica Volo- in attesa di ricevere le dimissioni già preannunciate dal Socio, il CD stabilisce Laboratorio condotto dal Corpo Provinciale Guardie Ecologiche ntaria. di sospenderlo temporaneamente dal Produzione di materiale informativo, servizio e da ogni attività. Volontarie di Bologna consistente realizzazione di un opuscolo e di Monducci propone infine di un CD multimediale a carattere pratico-divul- mettere all’odg del prossimo direttivo LE MOTIVAZIONI gativo in cui siano sinteticamente descritte l’approvazione del nuovo organigramma Siamo convinti che l’atteggiamento di ognuno di noi nei confronti della natura sia le principali norme ambientali sulle quali le della zona di Imola. determinante per la sua conservazione. Anche Guardie Ecologiche Volontarie hanno poteri di Esauriti tutti i punti all’odg, e non se i problemi ambientali sono di una tale ri- accertamento e sanzione (aree protette, confer- essendovi altre richieste di intervento, levanza da eccedere la sfera di influenza del imento rifiuti, raccolta prodotti del sottobosco, il Presidente dichiara chiusa la riunione singolo individuo, la coscienza di ciascuno regolamenti comunali, ecc.), con l’indicazione alle ore 24.30. deve essere e rimanere sensibile al valore de- degli effetti sull’ambiente (e sulle tasche dei gli ecosistemi, il che significa che tutti dob- cittadini) conseguenti al loro mancato risp- biamo avere la consapevolezza della necessità etto. Questo materiale sarà distribuito durante e dell’imperativo morale di concorrere insieme i servizi di vigilanza, in occasione di iniziative alla loro salvaguardia, perché la peggiore pubbliche, e naturalmente nel corso degli in- minaccia alla biodiversità è rappresentata pro- contri previsti dal progetto “La rete dinamica prio dall’uomo. L’esigenza di rispettare l’ambiente è stabilita e della vita”. E’ prevista anche la creazione di una tutelata da norme di legge e da regolamenti apposita pagina internet sul sito del CPGEV. 3
  • 4. Parco Regionale Gessi Bolognesi e conoscenze, i valori e i comportamenti, Calanchi dell’Abbadessa - allestimento e richiedendo spesso al Gruppo grande dell’aula didattica; elasticità. Parco Regionale Gessi Bolognesi e Le conoscenze sono state Calanchi dell’Abbadessa - Passeggiate in trasmesse assieme ai valori fondamentali Attività bicicletta riservate ai cittadini; del rispetto dell’ambiente per giungere a Centro visite Villa Torre, Parco Regionale di Educazione Gessi Bolognesi e Calanchi dell’Abbadessa costruire la consapevolezza della coerenza tra agire e sapere, favorendo anche l’uso Ambientale 2004-2007 – Laboratori di educazione ambientale di sensazioni ed emozioni come fattore di rivolti alla cittadinanza; apprendimento. Di Paola Bertoni Centro visite Villa Torre, Parco Regionale Gessi Bolognesi e Calanchi dell’Abbadessa, Durante gli incontri sono stati Quale referente del settore distribuiti: agli insegnati questionari – Prima rappresentazione di “Favola di educazione ambientale dell’Associazione, di gradimento, mentre ai bambini ed Ruscopoli” ; anche a nome di chi ha collaborato, ai genitori questionari-informativi, Scuole elementari Donini di San riassumo brevemente le attività che ci attraverso i quali abbiamo ricavato Lazzaro, Giardino del Baraccano presso il hanno impegnato negli anni 2004-2007. nel primo caso riscontri e indicatori, Quartiere Santo Stefano – repliche della Il gruppo di lavoro è cresciuto che ci hanno aiutato ad analizzare i rappresentazione di “Favola di Ruscopoli” gradualmente, alle prime GEV, che quasi nostri percorsi, mentre nel secondo (n.d.r. vedi Gufo dicembre 2006); “autonomamente” svolgevano sporadiche abbiamo tratto un quadro d’insieme sulle Festa del Quartiere Savena – Ecogioco; attività nelle scuole, si sono aggiunti altri conoscenze degli alunni e dei cittadini. In occasione di Feste, ne citiamo Soci che condividono lo stesso interesse, alcune: Festa della Madonna E’ stata molto importante la consulenza e collaborazione del Sig. Nicola Zanini, che ci ha permesso di approfondire alcune tematiche ambientali, di allestire l’aula didattica presso Villa Torre, scoprire insieme il Parco e progettare le “Pagine Verdi” valutando problematiche ed esigenze scolastiche. Il gruppo: Paola Bertoni, Adelfina Franceschi, Andrea Ropa, Anna Dalla, Cinzia Pavani, Gaetano Ungarelli, Giuseppina Cevenini, Maria Cristina Cuppini, Maria Cristina Legnani, Mario Faccioli, Nino Lontani, Renato Morelli, Rino Piazzi e gli allievi: Marica Macchiavelli e Gabriele Dovadoli, sollecitano altri Soci a collaborare a questo emozionante e gratificante impegno, i bambini riservano sempre imprevedibili momenti, auspicano che questo argomento trovi sempre maggiore visibilità all’interno e all’esterno, trovi appoggio e promozione da parte dall’Associazione necessarie per consolidare la collaborazione tra le singole GEV e soprattutto per continuare il percorso formativo intrapreso di grande della Cintura–Farneto, Fondo Comini- importanza e interesse culturale. la stessa passione. Propone,quindi: di continuare nella Corticella – abbiamo allestito laboratori L’educazione ambientale in ambito programmazione dei laboratori di di Educazione Ambientale; scolastico è, per noi, di fondamentale Educazione Ambientale presso Villa importanza per creare i presupposti 2006: Progetto Volabo, sono state Torre anche con una cadenza mensile, culturali atti a radicare nei bambini, e coinvolte 14 classi del Quartiere Savena; di partecipare ad attività di Educazione di riflesso negli adulti, le basi per una Pagine Verdi, in collaborazione con il Parco Ambientale in occasione di Feste crescita sociale rispettosa dell’Ambiente, dei Gessi sono stati proposti percorsi, organizzate dal Parco e di collaborare alla il giusto approccio, la grande valenza, ovviamente, di educazione ambientale; manutenzione degli ambienti acquatici l’indispensabile necessità per la vita di 2007: scuole elementari di Bologna presso le scuole Fortuzzi e Carducci di tutti, di tutto; quindi per dare il meglio e Medicina, ben 10 classi ha richiesto il Bologna. di noi stessi abbiamo fatto “gruppo” per nostro intervento; acquisire competenza e trasmettere le Quartiere Savena – nel “Progetto Rifiuti” informazioni nel modo più professionale sono state coinvolte 7 classi. possibili, colmando le eventuali lacune Le varie attività hanno favorito con la grande passione che ci sprona. relazioni di lavoro molto pregnanti e Di seguito ricordo le più importanti progetti che hanno dato vita a momenti attività attuate nel periodo: di lavoro continuativo, favorendo 2004 - Villa Tamba - Festa ludica l’esperienza, il metodo di ricerca e socio-educativa dedicata ai bambini e l’azione. Le GEV sono state impegnate genitori; su molti fronti: organizzativo, culturale, 2005: Centro visite Villa Torre, collaborativo, coinvolgendo le loro 4
  • 5. • un sensibile incremento dei mezzi e delle finiti i tesserini per Guardia Particolare Giurata attrezzature in dotazione e sono in attesa che ne giungano di nuovi da (nuova Panda4x4, due Mazda BT50 4x4 doppia Roma. cabina e cassone, oltre a fotocopiatrici, computers, stampanti, gps, macchine COMUNICAZIONE INTERNA fotografiche, cannocchiali). Rispetto alla circolazione delle PROVINCIA • un’aumentata capacità operativa nei settori della Protezione Civile e nell’Educazione informazioni interne all’associazione dobbiamo migliorare ancora, rendere più frequente e DI BOLOGNA ambientale, • tanto altro ancora. regolare la pubblicazione del “Gufo”. Dovrà diventare uno strumento più Corpo Provinciale delle Nel fare il bilancio complessivo della puntuale, tempestivo e mirato anch’esso alla formazione e all’aggiornamento delle guardie. Guardie Ecologiche Volontarie nostra attività, dobbiamo essere orgogliosi delle tante cose positive che abbiamo Analogo discorso per il sito WEB insieme ad un miglior utilizzo della posta elettronica. ASSEMBLEA ORDINARIA 2007 fatto, ma anche riflettere Comunicazione vuole anche dire più contatti sui limiti che abbiamo registrato. dei responsabili di zona con la sede provinciale 26 Novembre 2007 Con l’Assemblea provinciale Ordinaria e più coerente applicazione di quanto abbiamo concludiamo la fase della discussione interna scritto nello Statuto e nei Regolamenti interni: Relazione del Presidente iniziata con le Assemblee delle Zone. le corrette procedure e la collaborazione sta alla Le Assemblee delle zone hanno evidenziato base del buon funzionamento dell’ingranaggio Il Consiglio Direttivo uscente alcuni punti critici della nostra Associazione e della organizzazione. ritiene, pur riconoscendo anche limiti ed errori, del nostro agire. Su queste questioni dobbiamo che gli ultimi tre anni di questa Associazione concentrare la nostra attenzione e quindi il COLLEGIALITA’ E UNITARIETA’ DELLA siano stati proficui ed abbiano contribuito al nostro impegno per migliorare e se possibile DIREZIONE un consistente salto qualitativo e quantitativo risolvere le criticità. Statuto, Regolamenti, regole di dell’organizzazione. comportamento e rapporto tra i soci fanno Continua e costante è stata la FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO riferimento ad una unica Associazione e le crescita numerica, delle ore di servizio, dei Alcune assemblee, come d’altronde le deliberazioni in materia competono chilometri percorsi, dei verbali, del bilancio discussioni nell’ambito del Consiglio solo all’Assemblea generale e al Consiglio economico. Direttivo, hanno ancora una volta sottolineato Direttivo Provinciale. Alle Zone ed ai Settori la necessità di porre maggiore attenzione spetta il compito di svolgere e gestire al I NUMERI e tempestività all’aggiornamento ed alla meglio, anche in modo creativo, le attività di Oggi, il CPGEV Bologna, a meno di 20 formazione. Rifiuti, potature, aree protette, propria competenza nel rispetto delle regole anni dalla nostra costituzione, conta 270 caccia sono gli ambiti in cui appare più e degli indirizzi unitari dell’Associazione nella volontari con decreto prefettizio di Guardia necessario e richiesto l’intervento del Corpo. sua dimensione Provinciale. Giurata (Ecologica), 61 allievi idonei in attesa Come avete visto abbiamo già iniziato a dare In questo contesto le Zone dovranno del rilascio del decreto prefettizio e circa 65 risposta a questa esigenza essere più integrate nella direzione unitaria allievi in attesa di frequentare il prossimo corso organizzando un primo incontro a Villa Tamba dell’Associazione, meno “campaniliste” e di formazione. Una realtà in crescita costante sulla normativa relativa ai rifiuti separate di quanto, in alcuni momenti, sembrano e capace di dare un sensibile contributo alla con il Dott. Dall’Olio della Polizia Provinciale. essere. L’attività di formazione deve essere vigilanza ambiente – nel 2006: 63.162 ore di Replicheremo questo incontro anche a San pianificata a livello provinciale, riservando a servizio, 359.894 Km percorsi, 338 verbali di Lazzaro e a Casalecchio. Entro la prima metà tutte le Zone pari opportunità, senza costituire accertata del 2008 sarà inoltre realizzato il Corso una sorta di “sotto-Raggruppamenti di zona”. violazione e 409 segnalazioni agli enti Regionale organizzato con FederGEV Emilia- Ogni Zona pianifica i servizi della propria area competenti. (Per il dettaglio delle attività si Romagna “Produzione, smaltimento, riciclaggio territoriale, la pianificazione provinciale deve veda lo specifico foglio dei dati allegato alla e vigilanza nel ciclo dei rifiuti”. essere fatta o presente relazione. All.1 disponibile sul sito) (All’incontro nazionale delle Associazioni di concordata nell’ambito del COP GEV ovvero nel L’Associazione, anche sotto il punto protezione ambientale con il Ministro Pecoraio Coordinamento Operativo Provinciale sotto la di vista economico e finanziario, continua a Scanio siamo stati informati dell’intenzione del responsabilità del suo Coordinatore. “godere di buona salute”. Governo di varare la nuova Legge 152/06 entro Tutti i principali indici contabili Aprile 2008) SOCIALIZZAZIONE DELLE CONOSCENZE evidenziano dei conti solidi e, come già Abbiamo messo in cantiere anche E INDIVIDUAZIONE DEI RUOLI E DELLE verificatosi da alcuni anni a questa parte, l’organizzazione di seminari di aggiornamento RESPONSABILITA’ in continuo incremento: infatti, a fronte di sui Regolamenti del verde pubblico e privato La direzione provinciale di Villa Tamba deve aumenti complessivi dei costi e delle uscite (quindi anche essere capace di socializzare le proprie (più soci, più servizi, più spese operative e “potature”), sulla normativa relativa ai Parchi conoscenze e di conseguenza favorire una generali), ci sono stati corrispondenti aumenti ed aree protette (Rete Natura 2000) e sulla maggiore distribuzione dei ruoli e delle dei ricavi/contributi (più convenzioni e/o vigilanza venatoria. responsabilità. L’eccessiva concentrazione degli soprattutto più convenzioni qualificate), Organizzare i corsi di aggiornamento incarichi su poche persone, sul medio e lungo questo ha sempre consentito di chiudere gli non è di per se’ risolutivo del problema periodo, non è efficace, stressa il volontario ultimi bilanci con differenze positive. della qualificazione individuale come della “sovraccaricato” ed impedisce l’ampliamento A riguardo è da sottolineare che il continuo partecipazione attiva di tutte le delle risorse umane qualificate e competenti aumento dei contributi, erogatici dagli enti guardie, dovremo quindi legare la partecipazione in grado di irrobustire l’organizzazione e di pubblici sottoscrittori delle a questi momenti formativi al monte ore dei garantire ad essa la sua espansione e la sua convenzioni, si è realizzato in una situazione servizi minimi obbligatori che determinano efficacia. Ognuno di noi deve scegliere il generale di difficoltà, che ha visto la l’inoltro dell’istanza di rinnovo del decreto di proprio ambito di lavoro cercando di farlo bene, diminuzione dei compensi corrisposti al Guardia Ecologica. La partecipazione a questi evitando di fare un po’ di tutto e niente in Volontariato sia a livello nazionale che a livello incontri particolare. A partire dal Presidente, passando locale. Tale situazione sta a dimostrare che dovrebbe quindi essere “obbligatoria”, in per i responsabili di Zona e di settore dobbiamo la nostra attività di volontariato, nonostante ogni caso segnata nel curriculum della essere capaci di delegare e responsabilizzare alcune disfunzioni organizzative (convenzioni singola guardia per concorrere a determinare altri soci non rinnovate in tempo e/o rivelatesi non il punteggio nelle graduatorie interne (per la trasferendo loro il massimo di conoscenze e remunerative) continua ad essere partecipazione a corsi, delegazioni, attività rendendo possibile anche la propria sostituzione apprezzata dai citati enti pubblici e, contingentate, ecc.). quando dovesse essere necessario. Ricordo a conseguentemente, dalla cittadinanza. Per quanto riguarda i Corsi di Formazione tutti che siamo volontari. per nuove Guardie devo registrare con rammarico LE REGOLE E I MEZZI che non sono ancora stati rilasciati i decreti SENSO DI RESPONSABILITA’ E In questi tre anni abbiamo prodotto: prefettizi degli allievi risultati idonei all’ultimo CORRETTEZA, nei confronti dell’Associazione, da • un nuovo Statuto, corso. Le nostre sollecitazioni in Provincia ed parte delle GEV ed in particolare dei soci che • nuovi Regolamenti interni, in Prefettura hanno potuto solo prendere atto ricoprono ruoli di direzione e di coordinamento • nuove Convenzioni con Enti e Comuni, della motivazione fornita dalla Prefettura: sono Ai soci è richiesta lealtà, correttezza, un 5
  • 6. equilibrato “spirito di corpo”, il rispetto dei rifiuti causando inquinamento, per chi viene distribuire a scolaresche e cittadini. Finalizzato ruoli sociali e di una corretta dialettica interna. meno alle regole per l’esercizio venatorio, per a questo obiettivo si è costituito un gruppo di Sono fuori dalla correttezza i comportamenti di la raccolta dei tartufi e dei funghi, per chi lavoro coordinato da Anna Tandura, chi fosse quelle guardie che si muovono individualmente, abbatte o deturpa gli alberi, per chi si appresta disponibile a collaborare è invitato a mettersi senza deleghe ed investiture da parte del Corpo a commettere un abuso edilizio a scapito in contatto. Provinciale. dell’ambiente naturale.. ecc. Sempre in tema di educazione La Legge Regionale 23/89 e le sue La società in cui viviamo è complessa ambientale va’ segnalata l’approvazione, da direttive sono estremamente chiare: non esiste e noi non siamo il soggetto risolutore di tutti i parte del Comune di San Lazzaro, di un Progetto la figura della guardia individuale, la GEV esiste problemi, saremo importanti se lavoreremo con di educazione alla biodiversità, presentato solo all’interno del contesto organizzativo gli altri, collaborando con tutti i Corpi di Polizia dal nostro Corpo insieme all’Associazione obbligatorio costituito dal Raggruppamento come con gli Enti Locali, i Parchi, le Comunità di amicizia Emilia Romagna – Costa Rica, Provinciale.... Il Raggruppamento Provinciale montane e le Agenzie per l’Ambiente. Saremo che prevede un rapporto di scambio delle (nel nostro caso il CPGEV) è l’unico soggetto forti se sapremo essere (come scrivevo l’anno esperienze tra una classe di scuola media del legittimato a rapportarsi con gli Enti, le scorso sul Gufo) “le sentinelle dell’ambiente Comune ed una corrispondente classe della Pubbliche amministrazioni, i Corpi di Polizia e ben volute dalla gente”. comunità di Cahuita, una cittadina posta ai ogni altro soggetto giuridico. Questo significa margini dell’omonimo Parco Nazionale del che ogni convenzione, accordo, impegno, PROTEZIONE CIVILE Costa Rica con il quale abbiamo da tempo una gestione di convenzione è competenza del Il consistente numero di volontari, Convenzione di cooperazione internazionale. Corpo Provinciale delle Guardie Ecologiche l’alto livello di preparazione delle nostre Per quanto riguarda quest’ultimo tema Volontarie rappresentato dai suoi Organi guardie e la buona organizzazione ci consentono ricordo a tutti i soci che anche quest’anno sono Sociali (Presidente, vice-Presidente, Tesoriere, una elevata capacità operativa anche in fase di organizzazione due viaggi-lavoro: uno Segretario) e dai responsabili nominati nell’ambito delle emergenze di protezione civile. in alcuni Parchi Nazionali del Costa Rica e l’altro dal Consiglio Direttivo ai diversi livelli di Questa nostra realtà ci è stata ufficialmente nelle aree protette della provincia di Camaguey responsabilità dell’organizzazione, dalle Zone riconosciuta con l’iscrizione nell’elenco del nell’isola di Cuba. Chi fosse interessato può ai Settori. Dipartimento Nazionale della Protezione Civile mettersi in contatto con Franco Presti o con Il chiacchiericcio da bar come il (protocollo N. DPC/VRE/0049217 del 3-10- Katia Sacchi. pettegolezzo da rotocalco non ci appartiene. 2005). Disponibilità numerica dei volontari e E’ ora di diventare seri e adulti, la nostra capacità organizzativa ampiamente dimostrata FEDERGEV ITALIA e FEDERGEV EMILIA- Associazione deve fare un salto di qualità anche nel corso dell’ultima esercitazione di Protezione ROMAGNA Con decreto ministeriale n. DEC/ sotto questo aspetto. E’ inaccettabile che Civile denominata “Forno Rosso” svolta il 26- RAS/224/2007 emesso in data 1° marzo 2007 l’On. Sig. Ministro ha individuato l’Associazione qualcuno, isolato e minoritario, possa spargere 27-28 Ottobre 2007 nell’area dell’Associazione denominata «Federgev Italia voci prive di fondamento e basate, il più delle dei Comuni della Valle dell’Idice (con campo - Federazione Nazionale delle Guardie Volontarie volte, su antipatie personali, frustrazioni o base a San Lazzaro di Savena).. di cui si allega, Ecologiche ed Ambientali GEV-GAV» con sede in necessità di sfoghi da stadio. in coda alla relazione, il grafico delle presenze Bologna via della Selva di Pescarola n. 26, tra le Telefonate trasversali, utilizzo illecito dei volontari per Associazione. All.3 Associazioni di protezione ambientale ai sensi dell’Art. 13 della Legge 349/1986 e successive di dati sensibili e personali da parte di chi non Questa ultima esercitazione, che modificazioni. Il merito del raggiungimento di risulta autorizzato ai sensi di legge, rapporti ci ha visto presenti in tutti i livelli della questo risultato spetta in buona misura al nostro diretti con dirigenti di Enti Parco o di altre organizzazione dell’emergenza, è servita a Raggruppamento che, più di tutti, ci ha creduto e si Associazioni di Volontariato per fatti relativi testare le competenze dei nostri soci e quindi è impegnato con risorse umane ed economiche. alla vita interna della nostra Associazione sono anche ad evidenziare gli aspetti di criticità. FEDERGEV ITALIA ha presentato - insieme alla comportamenti scorretti che non si devono più Sulla base delle informazioni emerse il gruppo Regione, alla Provincia e al Parco dei Gessi - un progetto per la realizzazione di un CENTRO STUDI verificare. di lavoro della Protezione Civile pianificherà FEDERGEV per la vigilanza ambientale una serie di specifiche esercitazioni pratiche Situazione regionale: dopo due anni di crisi ed SERIETA’ E CORRETTEZZA NEI CONFRONTI finalizzate al superamento delle lacune. immobilismo di FEDERGEV EMILIA-ROMAGNA DEL CITTADINO Nell’ambito dei nostri interventi di P.C. prendiamo atto con piacere che la situazione sembra Dobbiamo essere onorati ed orgogliosi va ricordato, oltre al consolidato servizio essersi sbloccata. Finalmente il Consiglio Regionale di FederGEV ER ha verificato e preso atto delle di essere GEV, consapevoli di essere volontari antincendio boschivo nella stagione estiva, gravi inadempienze amministrative e contabili della istituzionali, agenti di Polizia Amministrativa la partecipazione alle attività di antincendio Presidente regionale e sta cercando una soluzione ed e Pubblici Ufficiali nell’ambito delle nostre svolte dalla Protezione Civile della Regione un rilancio condiviso con tutti i competenze. Dobbiamo di conseguenza tenere Emilia- Romagna in Sardegna nel 2006 e in Raggruppamenti Provinciali. Possiamo dirlo forte, sempre un comportamento di alto profilo, Sicilia nel 2007. avevamo ragione. Noi denunciammo per primi ed in contrasto con la maggioranza dei Raggruppamenti corretto ed imparziale, gentile e disponibile Provinciali della regione le questioni oggi emerse. Ci nei confronti dei cittadini, anche di quelli che INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE auguriamo che quanto successo sia di insegnamento vediamo commettere un illecito. Siamo Guardie AMBIENTALE e che produca una rinnovata unità per rilanciare la Ecologiche Volontarie non la “squadra omicidi” Appare quindi evidente come sia federazione regionale. o “l’antiterrorismo”... e neppure la “buon importante il nostro ruolo nel settore Domenica 2 Dicembre alle ore 9,30 è costume” o “l’ufficio immigrazione”. dell’informazione e della educazione convocata a Parma l’Assemblea Regionale per l’approvazione del Bilancio Consuntivo Il nostro campo d’intervento è limitato ambientale. Va dato merito al gruppo di soci, 2006: il CPGEV Bologna ha diritto a 6 delegati alle problematiche di tutela ambientale, della coordinato da Paola Bertoni, che ha operato effettivi e due supplenti, è importante la nostra biodiversità e del paesaggio, non abbiamo bene in questo ambito collaborando con il presenza attiva e propositiva. titolarità per intervenire in materia di ordine Parco Regionale dei Gessi presso il Centro di IL NOSTRO FUTURO CHE VIENE DAL PASSATO: pubblico, vagabondaggio, immigrazione educazione ambientale di Villa Torre. Ma il 2008 L’ANNO DEL VENTENNALE DEL CORPO 2009 L’ANNO DEL VENTENNALE DELLA LEGGE 23/89 clandestina, ecc. Dobbiamo avere il senso della nostro intervento nell’educazione ambientale Il 1 Marzo 1988 è il giorno in cui è moderazione e valutare ogni singola situazione si è espresso anche nelle Zone, da Imola stato costituito il Corpo Provinciale delle Guardie che ci troviamo ad affrontare nel proprio alla Montagna. Il settore della educazione Ecologiche Volontarie di Bologna e il 3 Luglio 1989 particolare contesto. ambientale deve continuare ad avere la nostra è la data di approvazione della L.R. 23/89, la legge Dobbiamo essere fermi nel compito di attenzione e quindi la disponibilità a mettere che ha istituito il Servizio Regionale di Vigilanza Ecologica Volontaria in Emilia Romagna. prevenzione e repressione degli illeciti, stando a disposizione le risorse umane ed economiche A tutti “Noi” chiedo la massima attenti a non diventare degli inutili persecutori necessarie al suo sviluppo, sviluppo che deve collaborazione per contribuire alla progettazione delle persone più deboli e dei piccoli illeciti, avvenire in modo coordinato con le nostre ed alla realizzazione delle iniziative straordinarie in stiamo attenti a non diventare ridicoli con organizzazioni di Zone. occasione di questi anniversari: verbali a chi conduce in un parco semideserto In questi giorni siamo chiamati a • conclusione dei lavori e inaugurazione della nuova un piccolo cagnetto senza il guinzaglio o mettere in pratica il Progetto di informazione sede provinciale di Villa Tamba; • potenziamento delle sedi periferiche e dei mezzi; l’anziana signora che ha raccolto uno o due che ci ha approvato e finanziato il Centro • incontri e convegni sul tema della vigilanza fiorellini in primavera. Servizi del Volontariato bolognese VOLABO: una ecologica, dell’educazione ambientale e della Cerchiamo sempre di colpire più in serie di conferenze pubbliche e la produzione protezione civile; alto possibile, cerchiamo di individuare la di materiale divulgativo (CD ed opuscolo) • esercitazioni e dimostrazioni della operatività volontarietà di chi commette un illecito, la sulle ragioni delle Leggi esistenti per la tutela raggiunta dai Raggruppamenti. Al nuovo Consiglio Direttivo consegno questo onore e questo impegno recidività e/o la continuità nel commetterlo. dell’ambiente. Una importante occasione per con l’augurio di ritrovarci ancora tutti noi, insieme Più fermezza e intransigenza dobbiamo avere la nostra Associazione per farci conoscere, a tanti altri, in occasione del trentennale. invece negli ambiti in cui il trasgressore non per far conoscere quello che dicono le Leggi San Lazzaro, 26 Novembre 2007 può “non sapere”, quindi: per chi si disfa di esistenti e per produrre del materiale da Valerio Minarelli 6
  • 7. GEV & JUDO Un Progetto per l’Energia Di Guglielmo Ognibene sostenibile in Appennino Di Federica Ragazzi Dopo alcuni anni d’informale at- tività il gruppo che pratica il Judo, per Da più di un anno lavoro come La stagione poter valutare e la propria preparazione collaboratrice presso la Comunità Mon- e quindi misurarsi con altri gruppi, ha degli amori del cervo dovuto costituire un associazione sporti- tana Unione dei Comuni Valle del Samog- gia all’interno di Risorsa Europa, centro Di Claudia Nucci va dilettantistica che ha assunto l’ acron- di progettazione e di informazione per imo di “A.S.D.GEV”, con l’obiettivo di fare promuovere e sviluppare le opportunità una attività socializzante senza lo stress di finanziamenti europei per lo sviluppo dell’agonismo. A partire già dalla fine di agos- locale delle aree rurali e dei territori mon- Nell’A.S.D.GEV si pratica questa to la stagione degli amori del cervo, nel tani bolognesi. disciplina seguendo i principi del fonda- crinale di Monte Calvi sull’Appennino Bo- Ho potuto, in questo modo, tore del JUDO: Jigoro Kano. lognese, è caratterizzata dal vocalizzo seguire le azioni progettuali che si stanno I principi base sono: emanato dai maschi definito Bramito, sviluppando sul nostro territorio appen- Insieme per progredire che necessita a persuadere gli avversari e ninico e che vorrei condividere con voi Amicizia e mutua prosperità conquistare un ricco harem di femmine. perché anche le GEV siano a conoscenza ma soprattutto, Jogoro Kano, ha promos- Se la dissuasione sonora non basta i cervi di quello che si sta facendo e delle oppor- so il suo metodo su basi scientifiche af- arrivano a scontrarsi in pericolosi combat- tunità che ci sono. A settembre è stato finchè si potesse praticare il JUDO a qual- timenti. I duellanti, posti l’uno di fronte presentato un progetto ambizioso dal siasi età, poiché lo riteneva importante all’altro, lottano in una serie di cariche, i budget di 1.400.000 �, sul bando europeo per la salute fisica e mentale. palchi ramificati si incrociano nei violenti Il CONI, attraverso la federazione EIE (energia intelligente per l’Europa). Il colpi. del settore “arti marziali” FIJLKAM, ha re- progetto ENESCOM (European Network of E’ un momento molto delicato anche se i cepito questi “principi” insiti nel metodo front office for energy sustainability of lo- palchi non sono armi e la loro conformazi- Kodokan Judo e già da alcuni anni ha pro- cal communities), vuole creare tra i paesi one a “coppa” non permette di colpire il mosso, oltre alle gare di combattimento, europei partecipanti, una rete di sport- corpo dello sfidante durante lo scontro. La competizioni di dimostrazioni di tecniche elli per la sostenibilità energetica delle vincita dell’uno o dell’altro è determinata fondamentali per lo studio e la pratica di comunità locali attraverso una metodolo- nella forza che si evidenzia nella spinta; questa disciplina nel suo insieme. gia comune per sviluppare e promuovere il cervo più debole si ritira consapevole Nel gergo delle cosidette “arti l’utilizzo delle energie rinnovabili, par- della sconfitta. marziali” queste dimostrazioni si chia- tendo dalla considerazione che per ren- Nessun ferito a meno che nel momento mano “forme” o kata. del ritiro il cervo mostri il fianco con i dere una città, una porzione di territorio Anche noi abbiamo partecipato punti vitali e lo sfidante stia già carican- o aree, più sostenibili dal punto di vista ad alcune di queste competizioni, che do; troppo tardi per fermarsi, una spinta a energetico è necessario intervenire sui esprimono il meglio delle tecniche e dei volte di un corpo che arriva e può super- soggetti che hanno competenze in pia- principi del JUDO. I risultati sono stati are i 300 kg. di peso. nificazione (Province, Comuni, Comunità buoni e abbiamo avuto molte soddisfazi- Il cervo viene ferito sovente mortalmente Montane, Enti Parco). oni fra cui un I° posto al trofeo “Città del dalle stanghe appuntite del rivale. Il Progetto mira a sviluppare Tricolore” a Reggio Emilia nel Kata della Alle GEV della zona, al termine del periodo proprio le capacità di tali soggetti nel difesa personale. degli amori del cervo, sovente capita di creare piani, regolamenti, progetti, ecc. Per chi è interessato all’attività rinvenire carcasse di cervi maschi adulti più mirati alle tematiche energetiche e o vuole avere informazioni può rivolgersi che riportano evidenti segni del combat- più contestualizzati al sistema territoriale alle GEV Giancarla Stagni o Guglielmo timento. in cui si applicano. Gli obiettivi prefissati Ognibene. potranno essere raggiunti coinvolgendo attivamente i portatori di interessi e i Festa dell’educazione Nel pomeriggio sono stati premiati i lavori realizzati dalle scuole cittadini, che verranno informati e sen- ambientale che hanno partecipato alle attività sibilizzati sull’applicazione dei principi e P.R. Gessi Bolognesi e di Educazione Ambientale proposte degli obiettivi di sostenibilità energetica e sull’applicazione di stili di vita sos- Calanche dell’Abbadessa dal Parco, la premiazione è stata il tenibili. momento finale di un percorso che ha ENESCOM ha riscontrato un Sabato 22 settembre presso il centro visto i lavori oggetto di una mostra enorme interesse a livello europeo al visita Villa Torre del P.R. Gessi Bolognesi itinerante che ha toccato tutti i Comuni punto che il partenariato formato è com- e Calanche dell’Abbadessa si è svolta la consorziati (Pianoro, Ozzano, San posto da ben 9 paesi, tra cui l’Italia come “Festa dell’Educazione Ambientale”. Lazzaro, Bologna), in quelle occasioni ente capofila con la Comunità Montana E’ intervenuto alla manifestazione Cinque Valli Bolognesi e con il Parco Re- i visitatori ha votato creando così la l’Assessore Regionale all’ambiente e allo gionale dell’Abbazia di Monteveglio come graduatoria. partner. Sono convinta che, una volta ot- sviluppo sostenibile Lino Zanichelli, il Grazie alla collaborazione di Conapi/ tenuta la valutazione dalla Commissione quale con la Sua presenza ha sottolineato Milizia e di alcuni apicultori locali è Europea, si potrà attivare sul territorio un l’importanza che l’educazione ambientale stata offerta la degustazione di olio di progetto importante che avrà l’ambizione riveste nella corretta formazione oliva, la “smielatura” e una merenda a di diffondere e sviluppare, nelle coscienze culturale dei bambini, dei ragazzi ed base di miele del Parco. dei cittadini e delle amministrazioni, uno anche dei genitori. stile di vita sostenibile! 7
  • 8. IL GUFO nuova serie Puoi consegnare personalmente Anno decimo n° 3/2007 Notiziario periodico: o inviare articoli, foto, ecc. a: Proprietà del CPGEV- Bologna Montagna- Sauro Daldi - Fax 0534 24123 Responsabile Editoriale: 348 0915133 Valerio Minarelli San Lazzaro (Idice) -Loretta Caramalli Responsabile: Mauro Maggiorani loretta.caramalli@fastwebnet.it Coordinatori redazionali: 339 4848487 Elisabetta Bongiovanni - Massimo Brini Imola - Timoty Monducci Sede operativa: Villa Tamba timoty.monducci@gev.bologna.it via della Selva di Pescarola, 26 348 1407949 Bologna Tel. Fax 051-6347464 Casalecchio Massimo Brini Impaginazione: Massimo Brini Roberto Bugamelli massimo.brini@fastwebnet.it - 051 573083 Bologna e San GiovanniElisabetta Bongiovanni Hanno Collaborato a questo numero: -Carmalli Loretta- Fusini Umberto- elisabetta.bongiovanni@gev.bologna.it -340 8689909 Laurenti Giordana - Tandura Anna - Tassinari Patrizia E’ gradita la partecipazione di tutte le GEV Stampa: Grafica ??? e degli allievi alla stesura della rivista con articoli, Tiratura: 500 copie segnalazioni, foto e quant’altro. Chiuso in fotocomposizione il 27/10/2006 Registrazione del Tribunale di Bologna n. 7693 del 18/08/2006 8