Your SlideShare is downloading. ×

Focus e info PTI Gestione Sostenibile Rifiuti, 10.10.2011

396

Published on

Focus e info della Piattaforma Tecnologica Italiana Gestione Sostenibile Rifiuti - Roma, 10 ottobre 2011

Focus e info della Piattaforma Tecnologica Italiana Gestione Sostenibile Rifiuti - Roma, 10 ottobre 2011

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
396
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Piattaforma Tecnologica Italiana Gestione Sostenibile Rifiuti Roma, giornata di lavoro del 10 ottobre 2011A cura di: Coordinatore scientifico, Montana s.r.l. , Andrea Bavestrelli
  • 2. AGENDA DELLA GIORNATA Piattaforma Tecnologica Italiana Gestione Sostenibile Rifiuti Roma, 10 ottobre 2011Articolazione della Giornata di Lavoro:10.00 Welcome Registration10.15 Chairman: Apertura lavori10.30 Coordinatore Scientifico: Obiettivi della Giornata10.45 Coordinatore Comunità Industriale: Risultati Indagine11.00 Coordinatore Comunità Scientifica: Risultati Indagine11.15 Coordinatore Scientifico: Conclusioni dell’attività ricognitiva11.30 Inizio Discussione (tot. 1,5 ore)13.00 Lunch break14.00 Ripresa Discussione (tot. 1,5 ore)15.30 Approvazione Focus del Piano Strategico di Ricerca sulla Gestione Sostenibile Rifiuti16.00 Conclusione
  • 3. LA PTI – GSR in numeriIstituita il 21 giugno 2011 a Roma (presso MIUR)Numero invitati = 218 Numero aderenti al 21 giugno = 43 Numero adesioni dal 21 giugno alla data odierna = 32Adesioni totali = 75Questionari: spediti a settembre = circa 50 restituiti = 28 (+2)Presenti alla Riunione del 10.10.2011 = circa 30Dati forniti dalla segreteria organizzativa
  • 4. COSA E’ LA PTI GSRIn Italia le PTI in tema di ricerca sono promosse dalla Direzione Generale perl’Internazionalizzazione della Ricerca del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca(MIUR), che si adopererà, in sede europea, con scopo di indirizzare i fondi Europei per laRicerca e lo Sviluppo verso argomenti di interesse industriale, purché supportati da una chiara"Visione" e da una solida Agenda attuativa.Le PTI sono delle assemblee aperte, bottom up, costituite da tutti gli operatori italiani: industriali,scientifici, e istituzionali (Imprese, Università, centri di Ricerca, Istituzioni Pubbliche, Fondazioni etc.),interessati a contribuire, in modo democratico, alla definizione degli obiettivi del “Sistema Italia” inspecifici ambiti delle Nuove Tecnologie e della Ricerca. (es: “Il Sistema Italia delle Nanotecnologie”; “IlSistema Italia della Mobilità Elettrica”; “Il Sistema Italia della Biometria”; “Il Sistema Italiadell’Infomobilità”; etc.).E’ stata costituita il 21 giugno 2011 a Roma, presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e dellaRicerca - MIUR, la Piattaforma Tecnologica Italiana "Gestione Sostenibile Rifiuti“: ha lo scopo di armonizzare e rendere più efficace la rappresentanza degli interessi italiani in Europa nell’ambito della Ricerca sui sistemi e le tecnologie Sostenibili per gestione dei rifiuti è un organismo costituito dalle Imprese e dai Centri di ricerca/Università che si occupano del settore della gestione dei rifiuti..
  • 5. COMUNICAZIONEL’assemblea degli aderenti:Ha un chairman, presso Assoknowledge:a.sciolari@assoknowledge.itHa una segreteria generale, presso Anida:gestionesostenibilerifiuti@gmail.comHa un coordinamento, svolto da Montana S.p.A., Ecologica Naviglio S.p.A., IRC CNR, rispettivamenteraggiungibili alle seguenti email: coordinatore@gestionesostenibilerifiuti.org industriale@gestionesostenibilerifiuti.org scientifica@gestionesostenibilerifiuti.orgLa PTI GSR ha anche un sito!Abbiamo registrato il dominio www.gestionesostenibilerifiuti.org, con redirect automatico ad unservizio wordpress.La PTI GSR sarà presente ai seguenti convegni: Università La Sapienza Roma, 21.10.2011 – Ingegneria Chimica Ecomondo Rimini, 11.11.2011 (presentazione in un convegno sui rifiuti di UNIBO) Altre opportunità? pensiamoci!
  • 6. SERVIZI WEB per la PTIwww.gestionesostenibilerifiuti.org Strumenti di condivisione: il sito, twitter, altri servizi di condivisione ed informazione, …
  • 7. SERVIZI WEB per la PTIwww.gestionesostenibilerifiuti.org Strumenti di condivisione: google, facebook, email, ….
  • 8. BOZZA del volantino – il logo
  • 9. BOZZA del volantino – il logo
  • 10. Questionario Tecnologie - Criteri generali Il questionario è stato: elaborato dal Coordinamento della PTI (Coordinatore Scientifico, Coordinatori Comunità Scientifica e Industriale), sentiti anche i rispettivi gruppi di coordinamento. completato tra agosto e il 14 settembre. inviato a metà settembre a tutti gli aderenti. i risultati sono pervenuti tra la fine di settembre e fino al 6 ottobre. Sono stati restituiti : 15 Questionari da parte della Comunità Industriale 13 Questionari da parte della Comunità Scientifica Il questionario è composto da quattro sezioni: I. Motivazione per la Gestione Sostenibile dei Rifiuti – revisione della versione del Luglio 2011 II. Tipologia dei rifiuti – propone le principali tipologie di rifiuti sui quali focalizzare la ricerca III. Tecnologie di trattamento dei RIFIUTI SOLIDI - propone le principali tecnologie di trattamento sulle quali focalizzare la ricerca IV. Tecnologie di trattamento dei RIFIUTI LIQUIDI - propone le principali tecnologie di trattamento sulle quali focalizzare la ricerca Agli aderenti alla PTI per ognuna delle sezioni viene richiesto di individuare la priorità dei temi elencati/indicati attraverso l’assegnazione di un punteggio da 1 a 5 (1=priorità alta ; 5=priorità bassa). Per ognuna delle sezioni viene lasciato lo spazio (Altro) per proporre ulteriori focus rispetto a quelli elencati.
  • 11. PTI GSR - Motivazione per la Gestione Sostenibile dei Rifiuti INDICARE NOME DELLA SOCIETA / ENTE ADERENTE: INDUSTRIALE SCIENTIFICA PTI SGRParte "soft" Condividii punti esposti nelseguito? Quale livellodi importanza e priorità Motivazione per la Gestione Sostenibile dei Rifiuti TOT VOTI (su15) VOTI (su15) TOT VOTI VOTI Voto 1 Voto 2 Voto 3relativa attribuisci? Haialtri punti da indicare? selezionare solo le cinque voci ritenute prioritarie e individuare la gerarchia NR NR % NR NR % 0 0 0 dando un punteggio da 5 a 1 (dove 5 è PIU importante di 1) Gestione dei rifiuti sostenibile e integrata: centralità di una visione strategica di insieme, rispetto al dettaglio, e dell’analisi delle correlazioni per quanto riguarda le 1 componenti: a) stakeholders; b) gerarchia e fasi del sistema (da prevenzione a 36 13 87% 41 13 100% 77 26 93% destino finale); c) aspetti tecnico-operativi, ambientali, finanziari, socio-economici, istituzionali-amministrativi, politici, giuridici. Primo Focus Secondo Focus Ridurre la produzione di rifiuti: favorire ladei rifiuti nei cicli di produzione (ampliare packaging, ampliare i mercati commerciali raccolta differenziata, minimizzare il Terzo Focus 2 la tipologia di rifiuti, anche provenienti dal trattamento dei rifiuti stessi, che 39 15 100% 41 13 100% 80 28 100% Quarto Focus possono rientrare nella qualifica di sottoprodotti) Studiare nuove forme di recupero di materia sotto forma di energia, individuando metodologie di approccio integrato con tecnologie ad elevato grado di 3 affidabilità ed a basso impatto ambientale (impianti di trattamento, combustione, 54 15 100% 47 13 100% 101 28 100% biogas,TMB,Bioreattori, altro..). Studiare nuove forme di recupero di materia in cicli produttivi per opere/articoli 4 dellindustria (costruzioni, manifatturiera) 45 15 100% 36 13 100% 81 28 100% Studiare nuova normativa per una razionalizzazione del sistema, approfondire sistemi di controllo e monitoraggio, con valutazione delle performances e degli impatti nel tempo e individuare nuove strategie di comunicazione fra gli 5 stakeholders: omogeneità territoriale di pratiche, semplificazione 47 15 100% 28 13 100% 75 28 100% amministrativa e corretta comunicazione/informazione di tutte le parti sociali interessate NOTA: elaborazione con punteggio crescente con importanza
  • 12. PTI GSR – Tipologia dei materiali (rifiuti/frazioni di rifiuti) Comunità Comunità Industriale+ Industriale Scientifica ScientificaParte "hard" I rifiuti Tipologia dei materiali (rifiuti/frazioni di rifiuti) TOT VOTI (su 15) VOTI (su 15) TOT VOTI VOTI TOT VOTI VOTI selezionare solo le cinque voci ritenute prioritarie e individuare la gerarchia NR NR % NR NR % NR NR % dando un punteggio da 5 a 1 (dove 5 è PIU importante di 1) 1 Rifiuti Urbani (escluso riciclabili) 59 13 87% 37 12 92% 96 25 89% 2 Rifiuti Industriali P e NP 44 12 80% 46 12 92% 90 24 86% 3 Rifiuti minerari 4 2 13% 2 1 8% 6 3 11%TIPOLOGIA DI RIFIUTI SOLIDI E 4 Rifiuti costruzione/demolizione 17 8 53% 4 2 15% 21 10 36%LIQUIDI 5 RAEE (rifiuti apparecch. elettriche elettroniche) 17 8 53% 28 11 85% 45 19 68% 6 Rifiuti da operazioni di bonifica 34 13 87% 12 5 38% 46 18 64% 7 Rifiuti sanitari 15 6 40% 24 8 62% 39 14 50% Frazione riciclabile dei rifiuti: materiali ferrosi, vetro, carta, alluminio, plastica, 8 imballaggi, ….. 17 6 40% 36 11 85% 53 17 61%Altro: descrizione 9 Fanghi da depurazione acque 5 1 7% 13 3 23% 18 4 14% Rifiuti con presenza di radioattivita naturale tecnologicamente incrementataAltro: descrizione 10 (tenorm) 5 1 7% 4 1 8% 9 2 7% Primo Focus Secondo Focus Focus su rifiuti / frazioni: Terzo Focus 1. Rifiuti urbani Quarto Focus 2. Rifiuti industriali 3. Frazione Riciclabile NOTA: elaborazione con punteggio crescente con importanza
  • 13. PTI GSR – Tipologia dei materiali (rifiuti/frazioni di rifiuti) Focus su rifiuti / frazioni: 1. Rifiuti urbani 2. Rifiuti industriali 3. Frazione RiciclabileNOTA: elaborazione con punteggio crescente con importanza
  • 14. PTI GSR - Tecnologie di trattamento dei materiali solidi e liquidi INDUSTRIALE SCIENTIFICA PTI GSRParte "hard" le Tecnologie di trattamento dei materiali solidi e liquidi Totale VOTI (su15) VOTI (su15) Totale VOTI VOTI Totale VOTI VOTItecnologie selezionare solo le cinque voci ritenute prioritarie e individuare la gerarchia NR NR % NR NR % NR NR % dando un punteggio da 5 a 1 (dove 5 è PIU importante di 1) 1 compattazione (pressatura, estrusione, addensamento in balle, pellettizzazione) 1 1 7% 5 3 23% 6 4 14%TRATTAMENTI DI TIPO triturazione, vagliatura (di tipo dimensionale, gravimetrico o densimetrico) -MECCANICO 2 produzione di combustibile da rifiuti (CDR) 24 7 47% 17 7 54% 41 14 50% 3 separazione magnetica ed elettrostatica; separazione gravimetrica 10 3 20% 17 5 38% 27 8 29% 4 digestione anaerobica 28 8 53% 21 6 46% 49 14 50%TRATTAMENTI DI TIPOMECCANICO-BIOLOGICO 5 compostaggio/digestione anaerobica 16 6 40% 30 9 69% 46 15 54% 6 biostabilizzazione/bioessiccazione 3 2 13% - - 0% 3 2 7% 7 termoconversione con o senza recupero di energia con processo di combustione 38 9 60% 19 6 46% 57 15 54%TRATTAMENTI DI TIPO TERMO- 8 termoconversione con produzione di syngas con processo di gassificazione 24 7 47% 24 7 54% 48 14 50%CHIMICO 9 pirolisi 10 3 20% 21 6 46% 31 9 32% 10 trattamento di rifiuti con torcia al plasma 5 2 13% 3 1 8% 8 3 11% 11 inertizzazione 13 6 40% 4 2 15% 17 8 29%TRATTAMENTI DI TIPO FISICO- 12 trattamenti con nanomateriali 17 5 33% 9 3 23% 26 8 29%CHIMICO 13 processi di ossidazione totali 14 5 33% 2 1 8% 16 6 21% 14 lavaggio 9 4 27% - - 0% 9 4 14%TRATTAMENTI RESIDUALI 15 Smaltimento controllato in superficie 9 5 33% 6 3 23% 15 8 29% 16 Smaltimento controllato in sotterraneo 1 1 7% 7 2 15% 8 3 11%Altro : descrivere 17 rimozione dellazoto dai residui dei trattamenti di digestione anaerobica 3 1 7% 3 1 8% 6 2 7% Focus tecnologie sui solidi: Primo Focus 1. Termoconversione Secondo Focus 2. Digestione anaerobica Terzo Focus 3. Pirolisi e gassificazione Quarto Focus 4. Trattamenti meccanici NOTA: elaborazione con punteggio crescente con importanza
  • 15. PTI GSR - Tecnologie di trattamento dei materiali solidi e liquidiFocus tecnologie sui solidi:1. Termoconversione2. Digestione anaerobica3. Pirolisi e gassificazioneNOTA: elaborazione con punteggio crescente con importanza
  • 16. PTI GSR - Tecnologie di trattamento dei materiali specifiche per i liquidi INDUSTRIALE SCIENTIFICA PTI GSRParte "hard" le Tecnologie di trattamento dei materiali specifiche per i liquidi Totale VOTI(su15) VOTI(su15) Totale VOTI VOTI Totale VOTI VOTItecnologie selezionare solo le cinque voci ritenute prioritarie e individuare la gerarchia NR NR % NR NR % NR NR % dando un punteggio da 5 a 1 (dove 5 è PIU importante di 1)TRATTAMENTI DI TIPO FISICO- 1 sedimentazione/flocculazione; flottazione 16 5 33% 7 2 15% 23 7 25%CHIMICO (separazione meccanica 2 filtrazione, microfiltrazione ed ultrafiltrazione 35 9 60% 15 6 46% 50 15 54%dei componenti non solubili) 3 separazione delle emulsioni oleose 8 3 20% 5 2 15% 13 5 18% 4 osmosi inversa e nanofiltrazione 24 7 47% 17 6 46% 41 13 46%TRATTAMENTI DI TIPO FISICO- 5 elettrodialisi, adsorbimento, scambio ionico 7 5 33% 12 3 23% 19 8 29%CHIMICO (separazione chimico-fisica di composti solubili non 6 ossidazione chimica, ossidazione ad umido (wet air oxidation), riduzione chimica 37 11 73% 20 7 54% 57 18 64%biodegradabili) 7 strippaggio con aria, distillazione/rettifica 8 3 20% 8 2 15% 16 5 18% 8 evaporazione, estrazione con solvente 20 8 53% 6 2 15% 26 10 36%TRATTAMENTI DI TIPO BIOLOGICO 9 convenzionali, a due fasi 10 3 20% 24 7 54% 34 10 36%(anaerobici) 10 a biomassa adesa 8 3 20% 14 3 23% 22 6 21% 11 a plug flow - - 0% - - 0% - - 0%TRATTAMENTI DI TIPO BIOLOGICO 12 a miscelazione completa, ad aerazione prolungata 6 2 13% 12 3 23% 18 5 18%(aerobici) 13 ad aerazione e decantazione intermittenti/SBR 6 3 20% 8 4 31% 14 7 25% 14 a fanghi attivi con ossigeno puro 17 5 33% 3 3 23% 20 8 29% Evapoconcentrazione con ossidazione termica della componente organicaAltro : descrivere 15 di scarto 5 1 7% 5 1 8% 10 2 7%Altro : descrivere 16 trattamenti biologici aerobici a biomassa adesa e granulare 5 1 7% - - 0% 5 1 4% Focus tecnologie sui liquidi: 1. Ossidazione chimica; 2. filtrazione microfiltrazione/ultrafiltrazione – 3. osmosi inversa/nanofiltrazione NOTA: elaborazione con punteggio crescente con importanza
  • 17. PTI GSR - Tecnologie di trattamento dei materiali specifiche per i liquidi Focus tecnologie sui liquidi: 1. Ossidazione chimica 2. filtrazione microfiltrazione ed ultrafiltrazione 3. osmosi inversa/nanofiltrazione NOTA: elaborazione con punteggio crescente con importanza
  • 18. CONCLUSIONI E CONFRONTO QUESTIONARI LUGLIO/OTTOBREFocus del luglio 2011 Focus del ottobre 2011Sezione 1- Motivazione : Sezione 1- Motivazione :Studiare nuove forme di recupero di materia Studiare nuove forme di recupero di materiaanche sotto forma di energia individuando sotto forma di energia, individuandometodologie di approccio integrato con metodologie di approccio integrato contecnologie ad elevato grado di affidabilità ed a tecnologie ad elevato grado di affidabilità ed abasso impatto ambientale (impianti di basso impatto ambientale (impianti ditrattamento, combustione, trattamento, combustione,biogas,TMB,Bioreattori, altro..). biogas,TMB,Bioreattori, altro..).Sezione 2 – Tipologia dei rifiuti: Sezione 2 – Tipologia dei rifiuti1. Rifiuti urbani 1. Rifiuti urbani2. Rifiuti Industriali 2. Rifiuti industriali 3. Frazione RiciclabileSezione 3 – Tecnologie di trattamento rifiuti : Sezione 3 –tecnologie sui solidi:1.Tecnologie per il trattamento termico dei rifiuti 1. Termoconversione con o senza recupero(Combustione, Pirolisi, Gassificazione) (62) di energia con processo di combustione2.Tecnologie di pretrattamento dei rifiuti (61) 2. Digestione anaerobica 3. Pirolisi e gassificazione Sezione 4 –tecnologie sui rifiuti liquidi: 1. Ossidazione chimica 2. filtrazione microfiltrazione ed ultrafiltrazione 3. osmosi inversa/nanofiltrazione
  • 19. LA VISIONE STRATEGICA DEL MERCATO E DELLE OPPORTUNITA’LA PTI GSRIl Focus (tematiche di ricerca) viene posto,rispetto alla gerarchia indicata nella direttiva 2008/98/CE,su: preparazione per il riutilizzo dei rifiuti/materia;riciclaggio dei rifiuti/materia; recupero di altro tipo di rifiuti/materia. Gerarchia dei rifiuti: stabilisce un ordine di priorità di ciò che costituisce la migliore opzione ambientale nella normativa e politica dei rifiuti. La priorità principale è la prevenzione. Il riutilizzo e il riciclaggio dei materiali dovrebbero preferirsi alla valorizzazione energetica dei rifiuti nella misura in cui essi rappresentino le migliori alternative dal punto di vista ecologico.Approccio “geografico” al mercato: Italia >> Europa >> MondoQuale interpretazione del “mercato del futuro”,in un contesto di una effettiva ed efficace Gestione Sostenibile dei Rifiuti?
  • 20. DOVE ANDRA’ L’EUROPA : INDIRIZZI DELLA COMMISSIONE EUROPEA
  • 21. DOVE ANDRA’ L’EUROPA : INDIRIZZI DELLA COMMISSIONE EUROPEA
  • 22. FOCUS STRATEGICOUna cornice, tratta dalla Vision 21.07.2011- Morselli
  • 23. Interventi di alcuni esponenti sull’attuale posizionamento (Riunione della PTI, Roma, 21.07.2011)
  • 24. ELEMENTI E SPUNTI DI DISCUSSIONE FRA GLI ADERENTI - ROMA, 10.10.2011 Il percorso già fatto: Prerequisiti auto-assegnati al lavoro della PTI (21 giugno e 21 luglio 2011) Questionari di luglio e di ottobre 2011, compilati dagli aderenti Vision del luglio 2011, presentate dagli aderenti OGGI, 10 ottobre 2011: Focus del Piano Strategico di Ricerca sulla Gestione Sostenibile Rifiuti Il resto della strada, alcuni SPUNTI: definire una “roadmap della pti” e delle linee di priorità predisporre audit tecnologici e ricognizione delle idee analisi del posizionamento della pti: cosa manca - quali obiettivi (gap analisys) azioni coordinate, mantenendo la linea strategica definita il nostro è un settore con potenzialità eccezionale, può crescere in modo elevato
  • 25. DISCUSSIONE SUL FOCUS – ROMA, 10.10.2011Elementi emersi negli interventi dei presenti, in parte inseriti nei focus:Rifiuti/materie Flussi di materiali derivanti da trattamento rifiuti (fluff…, etc.) Flusso integrato RSU / Plastiche Bonifiche / minerari RAEE Fanghi , superamento del compostaggioTecnologie Trattamenti meccano chimico (Recupero Materia, tecnologie separazione/lavorazione) Trattamenti meccanico biologici/termici Tecnologia per «bonifiche verdi» Recupero di minerali critici da matrici complesse Desorbimento termico per mercato bonifiche oil & gas Interferenti endocrini nelle acque reflue civiliObiettivi / peculiarità Recupero di risorse Tecnologie a basso costo Processi integrati per classi tipologiche di rifiuti Migliorare le performance ambientali (sostenibilità)FocusStrumenti di misura della performance MFA, LCA, RATecnologie termiche di piccole dimensioni per ambiti ristretti
  • 26. CONCLUSIONI – ROMA, 10.10.2011La vision emersa a Roma il 10.10.2011 coniugale risultanze del questionario (motivazione,tipologia dei rifiuti/tecnologie qualificanti) ,con una visione di BUSINESS della gestione deirifiuti nel futuro, a livello Italia >> Europa >> Mondo.I driver motivazionali: la centralità del mondo e dell’ambiente (planet) delle persone (people) e del profitto (profit) roadmap europa 2020 (Commissione Europea) riduzione, recupero di rifiuti, riutilizzo delle risorse come materie prime Miglioramento delle performances ambientali (riduzione di costi e impatti)Sono 2 i focus (idee di business) che sono emersi a livello della PTI:1°focus - punta su sistemi di gestione integrati efficaci - di taglia ridotta - perapplicazioni in ambiti territoriali ristretti (gestione rifiuti tendente al km 0). Accessibilialle PMI.2°focus – punta sui sistemi di bonifica dei brownfield (industriali, petroliferi, bellici,urbani) con impiego di tecnologie a basso costo. Valorizzare e recuperare territorio,risorsa esauribile.
  • 27. PRIMO FOCUS – ROMA, 10.10.2011:Mini piattaforme per il ciclo integrato dei rifiutiScala dimensionale :Mini piattaforme integrate - Ciclo integrato Rifiuti (verso il km 0)Scala territoriale:Mettiamo al centro il territorio (vocazione territoriale) e su questocostruiamo delle soluzioni per Ambiti Territoriali Ristretti (ATR)TecnologicheScala di valore nelle scelte tecnologiche: Sostenibilità sociale > economica > ambientaleObiettivo delle tecnologie (Commissione Europea – roadmap 2020) Favorire tecnologie di recupero materiali, riciclaggio e produzione materie prime secondarie per il mercato con valorizzazione energetica del fine linea.Tecnologie Trattamenti termici (alta/bassa temperatura) (termovalorizzazione/desorbimento termico) con recupero di energia Trattamenti di ossidazione chimica Digestione anaerobica Recupero di minerali critici da matrici complesseAttenzione su:Formazione, logistica, tecnologia
  • 28. SECONDO FOCUS – ROMA, 10.10.2011:Le Tecnologie per le BonificheObiettivo studiare nuove tecnologie per il trattamento dei rifiutiderivanti dalle bonifiche e per i trattamenti in sitoFavorire tecnologie di recupero materiali, e produzione materie prime secondarie per ilmercatoTecnologicheScala di valore nelle scelte tecnologiche:Sostenibilità sociale (prerequisito) > economica > ambientale (conseguenza necessaria)Tecnologie Trattamenti termici (bassa temperatura/ desorbimento termico) Landfill mining per il recupero dei materiali dalla vecchie discariche Recupero di minerali da scarti minerariAttenzione su:Recupero e riuso del territorio (risorsa limitata ed esauribile), tecnologia
  • 29. GRAZIE! prossimo incontro previsto a Roma, giovedì 3 novembre 2011: la PTI dovrà focalizzarsi sulle proposte da “mandare avanti” edapprovare un FOCUS per la ricerca, espressione del “sistema Italia”. (in attesa di convocazione)

×