conoscenza e società digitale

946 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
946
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
10
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

conoscenza e società digitale

  1. 1. Costruzione collaborativa della conoscenza e didattica laboratoriale Corso di differenziazione didattica secondo il metodo Pizzigoni per insegnanti di scuola primaria Milano 28 novembre 2009
  2. 2. Scansione oraria <ul><li>9,00-9,10 arrivo dei partecipanti </li></ul><ul><li>Parte teorica </li></ul><ul><ul><li>9,10-9,35 costruzione della conoscenza nella società dell’informazione </li></ul></ul><ul><ul><li>9,35-10,00 l’apprendimento collaborativo </li></ul></ul><ul><li>Parte laboratoriale </li></ul><ul><ul><li>10,00-10,45 le mappe concettuali : un esempio cmap </li></ul></ul><ul><li>10,45-11,00 pausa </li></ul><ul><ul><li>11,00-12,00 </li></ul></ul><ul><li>12,00-12,45 conclusioni </li></ul>
  3. 3. Costruire la conoscenza cosa? <ul><li>Una definizione dizionario De Mauro : </li></ul><ul><li>il conoscere qualcosa, il possedere una nozione o un insieme di nozioni organizzate, l’avere una cognizione , …..facoltà di acquisire cognizioni propria della mente umana </li></ul><ul><li>La definizione rivela le caratteristiche della conoscenza , facoltà propria dell’uomo : </li></ul><ul><li>la reticolarità delle nozioni </li></ul><ul><li>la consapevolezza del sapere </li></ul><ul><li>la capacità di acquisire cognizioni </li></ul>
  4. 4. Costruire la conoscenza come? medium conoscenza
  5. 5. Nella società dell’informazione <ul><li>Presenza di new media ( mezzi di comunicazione di massa sviluppatesi dopo la nascita dell’informatica) </li></ul><ul><li>Società rapida e complessa </li></ul><ul><li>Reticolarità </li></ul><ul><li>Possibilità di scambio di comunicazioni e informazioni </li></ul><ul><li>Co-costruzione della conoscenza </li></ul>Costruire la conoscenza dove?
  6. 6. Scuola –società dell’informazione <ul><li>Rapporto UNESCO sull’educazione del ventunesimo secolo ( Delors 1996) </li></ul><ul><li>Il documento dell’Internazionale dell’Educazione e della Confederazione sindacale mondiale dell’insegnamento  (5 ottobre 2005) </li></ul><ul><li>Libro bianco della UE (Cresson) </li></ul><ul><li>Memorandum della UE del maggio 2002. </li></ul><ul><li>Raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio relativa a competenze chiave per l’apprendimento permanente ( 18 dicembre 2006) </li></ul>
  7. 7. punti chiave <ul><ul><li>Cambiare gli obiettivi dell’educazione </li></ul></ul><ul><ul><li>Compito dell’educazione è formare un individuo sociale </li></ul></ul><ul><ul><li>Nella società dell’informazione i docenti non sono più i depositari del sapere essi diventano per così dire dei partner in un fondo collettivo di conoscenze che spetta loro organizzare, ponendosi fermamente all’avanguardia del cambiamento . </li></ul></ul>
  8. 8. punti chiave <ul><li>Istruzione di qualità con docenti di qualità </li></ul><ul><li>Professionalità dei docenti basata su competenze anche digitali </li></ul><ul><li>La scuola deve certificare competenze </li></ul><ul><li>Investimenti nella formazione </li></ul>
  9. 9. Competenza digitale <ul><li>Consiste nel saper utilizzare con dimestichezza e spirito critico le tecnologie della società dell’informazione (TSI) per il lavoro, il tempo libero e la comunicazione. Essa è supportata da abilità di base nelle TIC. (Raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio relativa a competenze chiave per l’apprendimento permanente 18 dicembre 2006) </li></ul><ul><li>Il concetto è spesso inteso in modo banalizzato, come semplice conoscenza di un pacchetto software (ECDL) oppure come corpus di conoscenze informatiche puramente teoriche. La ricerca internazionale è fortemente orientata a valorizzare un diverso concetto, esaltando la dimensione delle forme di capacità di impiego critico e pertinente di informazione e comunicazione. (Calvani) </li></ul>
  10. 10. Docenti e competenze area information literacy 1- ecdl o altri percorsi di alfabetizzazione informatica 2- conoscenza degli strumenti software più comuni disponibili 3- conosce le capacità coinvolte nella ricerca di informazioni sul web 4- conosce siti web rilevanti per la propria area disciplinare e sa riutilizzarne le risorse per altri scopi didattico-formativi 5- produce materiali, risorse e documenti utilizzando appositi strumenti software 6- conosce i principali limiti delle informazioni disponibili sul web 7- sa usare strumenti per l’accesso remoto alle informazioni 8- usa i servizi di rete per condividere informazioni 9- sa utilizzare strumenti per la produzione e la gestione di ipertesti navigabili 10- comprende i meccanismi di comunicazione interpersonale mediante i media telematici <ul><li>Competenze tecniche di base </li></ul><ul><li>Conoscenza degli strumenti e applicazioni ICT </li></ul><ul><li>Utilizzo del web per accedere alle informazioni e condividerle </li></ul><ul><li>Conoscenza delle potenzialità della rete per la comunicazione interpersonale </li></ul>Indicatori Descrittori
  11. 11. Obiettivo finale <ul><li>Costruzione della conoscenza </li></ul>Etica della responsabilità
  12. 12. E allora? <ul><li>… agire secondo la massima dell’etica della responsabilità secondo la quale bisogna rispondere delle conseguenze, prevedibili, delle proprie azioni. </li></ul><ul><li>(Weber M., La politica e la scienza come professioni, 1919) </li></ul>
  13. 13. Bibliografia e webgrafia <ul><li>Castells M. (2006) Galassia Internet, Feltrinelli ,Milano </li></ul><ul><li>Castells M. (2004) La città delle reti, Marsilio ,Venezia </li></ul><ul><li>Isfol (1993) Competenze trasversali e comportamento organizzativo, Franco Angeli, Milano </li></ul><ul><li>Thompson J.B. (1998) Mezzi di comunicazione e modernità. Una teoria sociale dei media, Il Mulino, Bologna </li></ul><ul><li>Di Fraia G. (1997) I mass media e la costruzione sociale della conoscenza , Arcipelago Edizioni ,Milano </li></ul><ul><li>http://www.europeanphd.eu/public/ pdf /C/ Caste lls.pdf </li></ul><ul><li>http://www.indire.it/content/index.php?action=read&id=1145 </li></ul><ul><li>http://www.mediamente.rai.it/articoli/20020530b.asp </li></ul><ul><li>http://ecml.pc.unicatt.it/italian/services/content/search/index.php </li></ul><ul><li>http://www.lte-unifi.net/elgg/calvani/weblog/340.html </li></ul><ul><li>http://share.dschola.it/berti/Istruzione%20Formazione%20Educazione/Libro_Bianco_Insegnare-Apprendere_Verso_la_Societ%C3%A0_Conoscitiva.pdf </li></ul><ul><li>http://www.coe.int/T/I/Com/Dossier/Tematiche/CEDU/memorandum.asp </li></ul><ul><li>http://eur-lex.europa.eu </li></ul><ul><li>http://www.medialit.org/reading_room/article582.html </li></ul>

×