• Save
Dalla ricerca in rete all'organizzazione delle risorse
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Dalla ricerca in rete all'organizzazione delle risorse

on

  • 260 views

Slide dell'intervento svolto al Master "Le nuove competenze digitali: open education, social e mobile learning", Firenze, 1 giugno 2013

Slide dell'intervento svolto al Master "Le nuove competenze digitali: open education, social e mobile learning", Firenze, 1 giugno 2013

Statistics

Views

Total Views
260
Views on SlideShare
260
Embed Views
0

Actions

Likes
4
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial LicenseCC Attribution-NonCommercial License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Dalla ricerca in rete all'organizzazione delle risorse Dalla ricerca in rete all'organizzazione delle risorse Presentation Transcript

  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheprof. Giovanni Bonaiuti01 giugno 2013Dalla ricerca in reteallorganizzazione delle risorseUniversità di Cagliari
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheLa ricercain reteOltreGoogleLa gestionedelle risorseDi cosa parleremo
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosofiche1) La ricerca in rete
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosofiche"Cercare" è una delle principali attività in rete
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheStatCounter Global Stats ReportsI 5 principali motori di ricerca a livello mondiale:Google indirizza il 90.62% delle ricercheYahoo! 3.78%Bing 3.72%Ask Jeeves 36%Baidu 0.35%
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosofichePercezione della qualità delle informazioni• La ricerca sulluso dei motori di ricerca svolta nel 2012 da Pew Internetriporta che la grande maggioranza degli utenti dei motori di ricerca:– esprimono fiducia in questi strumenti e nei risultati che generano.– crede che i risultati dei motori di ricerca siano equi e imparziali,– credono che i risultati siano accurati e affidabili.– ritengono che la qualità e la pertinenza dei risultati stia migliorando nel tempoFonte: http://www.pewinternet.org
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheAumenta la fiducia nelle proprie capacitàFonte: http://www.pewinternet.org
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheEsperienze solitamente positiveFonte: http://www.pewinternet.org
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheMaggiore spirito critico tra chi ha studiatoFonte: http://www.pewinternet.org
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheUna tendenzaLe persone stanno cambiando il modo di porre le domande di ricerca (si diceanche a causa dellaumento delle ricerche fatte con gli iPhone e i Galaxy)• Cresce il numero dei termini (key words) utilizzati nelle ricerche;• Aumentano le domande fatte con delle frasi colloquiali tipo:– "Wheres the nearest Italian restaurant?"– "How do I get rid of back acne fast?"– "Foods that are good for your skin?"• Conseguentemente gli esperti delmarketing discutono su comeottimizzare il posizionamento anche sufrasi di uso comune (long-tail words)piuttosto che solo su singole parole chiave(head terms).
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheDiversi tipi di ricercheAndrei Broder, ricercatore IBM e autore di una nota "Taxonomy of Web Search"(2002) indicava che la maggior parte delle ricerche ricade in una delle seguenti trecategorie:• Informational. Ricerca di informazioni statiche relative ad un argomento;• Transactional. Volte ad ottenere una interazione con i risultati come, adesempio, scaricarli (downloading), fare acquisti, entrare in relazione con…• Navigational. Indirizzati ad individuare uno specifico sito (indirizzo URL)
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheIl ciclo di vita di una ricercaEsigenza conoscitiva (soluzione, informazione, ecc.).Trasformazione in una stringa di paroleLe parole sono digitate nel motore di ricercaSi sfogliano rapidamente le risposteSi sceglie un risultato (apertura e consultazione)Se insoddisfatti si torna al motore di ricerca
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheCome "funzionano" i motori di ricerca321Tre momenti dietro ogni risultato:1) Scansione della rete (web crawling)2) Indicizzazione3) Restituzione dati
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheI problemi nella "Scansione della rete" (1)Quanto materiale riescono a raggiungere gli "spider" dei motori di ricerca?Michael Bergman nel 2001 dedicava un articolo al cosiddetto “deep web”…Gulli e Signorini (2005) stimano che solo il 76% delle pagine presentiin rete siano indicizzate da GoogleGulli, A., & Signorini, A. (2005). The indexable web is more than 11.5 billion pages.Proceeding of WWW 2005, May 10–14, 2005, Chiba, Japan. (pp. 5–6). Chiba, Japan:ACM. http://dl.acm.org/citation.cfm?id=1062789
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheCriticità nella "indicizzazione" (2)• Per ogni query di ricerca effettuata su Googleci sono migliaia (a volte milioni) di pagine web con informazioni utili.• La sfida dei motori di ricerca è quella di restituire i risultati più rilevanti nellaparte superiore della pagina, risparmiando alle persone la fatica di scorrere tra.• Oggi gli algoritmi di Google si basanosu oltre 200 elementi quali ad esempio:– la frequenza con cui ricorronoi termini di ricerca nella pagina;– dove appare il termine (es. nel titolo);– la presenza di sinonimi del termine;– il numero e la qualità dei collegamentiprovenienti da altri siti (il "PageRank");– altri indicatori di qualità…Fonte: http://www.google.it/competition/howgooglesearchworks.html
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheLimpazienza del "cercatore" (3)• Ogni query di ricerca restituisce migliaia di risultati.• Le persone non possono controllare tutto, sarebbe proprio impossibile!• La triste verità, però, è che:– quasi tutti guardano solo alla prima pagina;– la maggior parte delle persone trovare ciòche cerca nei primi tre risultati,oppure fa una nuova ricercaIl problema, però, è:"cosa cè in vetta alla classifica"?
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosofichePubblicitàEnciclopedie edizionariMateriale divulgativoNotizie e curiositàIn alto ci sono le risorse più popolari(linkate/frequentate/accreditate)
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheMigliorare le ricercheLa gran parte degli strumenti di ricerca permette di utilizzare gli operatori logici(AND, OR, NOT) più unaltra serie di comandi volti a migliorare lesito delle ricerche.Sicuramente il primo passo è quello di individuarepiù di un termine (parole chiave) per circoscrivere e definire larea di ricerca
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheLimita la ricercaRestituisce pagine che contengonoentrambi i terminiLoperatore logico "AND"AND
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheRestituisce il risultato di pagine che contengonoalmeno uno dei due termini (o entrambi)Loperatore logico "OR"Estende la ricercaOR
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheRestituisce solo le pagine che contengono uno,ma non entrambi i terminiLoperatore logico "NOT"Limita la ricercaNOT
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosofiche2) Oltre Google
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheEsigenza di guardare oltre i motori di ricercaQuali strumenti utilizzare?Quali sono le differenze?
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheQuali sono le risorse disponibili?Libri A pagamentoBlogSaggi(Riviste)GratuiteAltro(grigia)Paper(Congressi)OpenArchive
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheLibrihttp://www.loc.gov/http://www.sbn.it/http://www.amazon.com/http://books.google.it/
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheGoogle Scholarhttp://scholar.google.it/5.970 risultati vs. 1.380.000 di GoogleAccesso ai fileFiltriInformazionispecializzate
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheRiviste scientificheFonte: http://jasonbairdjackson.com/2011/10/28/know-your-publisher-annual-reports-edition-oaweek-oa/Distribuzione delle riviste, tra quellepresenti nellindice Impact factor(elaborato da Thompson Reuters),nel settore dellantropologia- 64% sono pubblicate da editori"profit" (aziende private),- 36 % sono pubblicate senza ilcoinvolgimento di editori "profit"
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheRiviste scientifiche "commerciali"SAGEhttp://online.sagepub.com/Springerhttp://link.springer.com/Routledge – Taylor and Francishttp://www.tandfonline.com/Wileyhttp://onlinelibrary.wiley.com/
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheRiviste scientifiche. Un "caso" particolareElsevierhttp://www.sciencedirect.com/
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheRiviste scientifiche (open access)http://www.doaj.org/
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheERIChttp://www.eric.ed.gov/Il più completo archivio sulla ricercaeducativa curato dal Dipartimentodell’Educazione statunitense.Contiene oltre un milione di riferimentibibliografici con abstract relativi allaletteratura internazionale, in linguainglese, nel campo dell’educazione edell’insegnamento a partire dal 1966.
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheNuovi e "efficienti" sistemi di ricercahttp://www.mendeley.com/ https://www.zotero.org/
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosofichePrincipali banche dati specializzate in riviste scientificheCatalogo Indirizzo internet Contenutoed/itlib http://www.editlib.org/Archivio di risorse digitali nel settore dell’educazione e dell’informationtechnology.EMERALD http://www.emeraldinsight.com/Catalogo commerciale che permette l’accesso ai contenuti di migliaia dipubblicazioniIngenta Connect http://www.ingentaconnect.com/Catalogo commerciale che permette l’accesso ai contenuti di migliaia dipubblicazioniScirus http://www.scirus.comStrumento per la ricerca scientifica sul web indicizza oltre 575 milioni diarticoli scientifici permette ai ricercatori di cercare non solo il contenutoufficiale, ma anche homepages scienziati, materiale didattico, materiale diserver di pre-print, brevetti e repository istituzionale e informazioni Sito webJSTOR http://www.jstor.org/Banca dati bibliografica contenente spogli e articoli a testo intero di periodicia cura di Journal Storage Project, iniziativa senza fini di lucro dellafondazione americana Andrew W. Mellon con lo scopo di costituire unarchivio elettronico digitale comprendente intere serie pregresse di periodicia partire dalle prime edizioni, molte di esse del secolo scorso.OJOSE http://www.ojose.com/Online JOurnal Search Engine è un potente motore di ricerca scientificache permette una “meta-ricerca” su database diversi con un solo campo diricerca.WorldCat http://www.worldcat.org/Uno dei più ampi cataloghi globali collega alle collezioni e ai servizi di più di10.000 biblioteche in tutto il mondo
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheAltre "knowledge base"http://searchworks.stanford.edu/
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheArchivi di risorse aperteSistemi aperti per raccogliere opere scientifiche eterogenee: pre-print,saggi non pubblicati, manoscritti, resoconti, appunti per gli studenti, ecc.Diversamente dalla forma di pubblicazione su rivista (Journals), questaforma di pubblicazione non è vincolata ad alcun procedimento di “peer-review” (valutazione tra pari, revisione dei pari, o revisione paritaria), madipende esclusivamente dal carattere scientifico dei contributi.http://www.dspace.org/
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheArchivi di risorse apertehttp://www.opendoar.org/find.phpUn repository di repository
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheUn esempio di "archivio aperto"http://www.ssrn.com/Tipicamente abstact di articoli incorso di stampa (il motto èTomorrows research today)Altri esempi sono “arXiv.org”, “SSRN”…
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosofiche3) La gestione delle risorse
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheCitare, salvare, organizzare…
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheLa categoria dei "reference manager software"Oltre 35 prodottirecensiti daWikipediaInteressedegli editoriStrumenti spessoopen sourceDimensione "social"e spirito web 2.0Cicli di vita breviwork-in-progress
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheLa comparazione delle principali funzioni
  • Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento di scienze pedagogiche e filosoficheMendeleyProviamo a scoprirne le funzionalità