Your SlideShare is downloading. ×
Verbano 2002 regolazione
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Verbano 2002 regolazione

212

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
212
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Lago Maggiore Problemi Regolazione Obiettivi
  • 2. Problemi • I problemi che si riscontrano sul Verbano derivano da: • Un rapporto di 1 a 30 tra la superficie del bacino lacustre (212 kmq) e quella del bacino idrografico (6562 kmq). – 100 mm. di pioggia comportano un innalzamento del livello di m. 1.0 – 1,50 • Un‘occupazione molto spinta delle rive
  • 3. Regolazione • Il lago è regolato in base al Disciplinare firmato tra Italia e Svizzera nel 1938 ed entrato in vigore, con l‘atto di concessione, il 24 gennaio 1940
  • 4. Modalità di regolazione Periodo Livello minimo Livello massimo 1/1 – 1/3 -0.50 +1.50 15/3 – 15/11 -0.50 +1.00 1/12 – 31/12 -0.50 +1.50
  • 5. Effetti della regolazione
  • 6. Costo delle inondazioni • La curva comprende sia i danni alle strutture che ai contenuti in Italia ed in Svizzera
  • 7. Obiettivi • Minimizzare i danni delle esondazioni attraverso: – Sistema di allarme – Difese puntiformi – Aumento del deflusso all‘incile (riduzione livello .50 m.) • Massimizzare i benefici dell‘invaso per gli utenti irrigui ed idroelettrici di valle mediante: – Revisione disciplinare
  • 8. Vincoli • Garantire la regolazione durante la costruzione • escludere la responsabilità del Consorzio in caso di danni • non recare danni a Pavia • Non danneggiare gli argini a valle della Miorina
  • 9. Soluzione concettuale • Dragaggio • Limitazione del deflusso massimo • Rifacimento parziale dello sbarramento con realizzazione di un sistema di limitazione automatica dei massimi
  • 10. Aumento del deflusso (500 mc) • Scarifica del Ticino – Stabilità delle sponde – Costi (scarifica e rafforzamento argini) • Modifica sbarramento – Stato attuale – Adeguamento struttura di regolazione – costi
  • 11. Aumento del deflusso (600 mc) • Verifica degli argini tra Miorina e Pavia – Eventuali rafforzamenti – Costi
  • 12. Nuovo disciplinare (+1.50 annuo) • Verifica effetti sulle piene storiche • Anticipo apertura (24 – 48 h) in base alle previsioni meteorologiche – Determinazione del margine di errore – Valutazione dei costi conseguenti
  • 13. Inondazioni a valle • Non aumentare il rischio attuale – chiusura paratoie a 2100 mc/s per tornare sulla curva naturale • Evitare l‘incontro delle onde di piena di Po e Ticino – Determinare velocità onda di piena Ticino – Verificare le conseguenze sui rivieraschi di una ritensione temporanea del‘acqua

×