• Save
Forum Giovani Ais Vi Edizione Mascheroni e Sfardini
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
1,186
On Slideshare
1,186
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
1

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Forum Ais (Milano 15/10/08) “ Researching Mobile Audiences”: per un’analisi delle nuove territorialità mediali giovanna.mascheroni@unito.it [email_address]
  • 2. Il campo di studio: le audiences nello scenario della convergenza Researching Mobile Audiences
        • L’unità domestica, luogo privilegiato di analisi, è uno degli spazi possibili di contatto con le piattaforme e i loro contenuti
          • iper-specializzazione delle modalità di fruizione individuali, personalizzate, privatizzate, dislocate
      • rivalutazione di forme e pratiche fruitive votate alla simultaneità e alla condivisione di visione con altri
    • Gli spazi pubblici sono uno dei terreni privilegiati di diffusione, circolazione di prodotti audiovisivi
      • Negli spazi pubblici pratiche e usi consolidati si mescolano con elementi innovativi, competenze e pratiche di fruizione vengono condivise
      • I media e contenuti degli spazi pubblici collaborano a definire la costellazione mediale di riferimento che ogni soggetto seleziona, privilegia o porta con sé, a scapito di altre
    • Sul piano dell’offerta:
    • Trasformazione dei sistemi produttivi, distributivi e di ricezione
    • Trasformazione dei modelli istituzionali e dei modelli di business
    • Sul piano del consumo:
    • Passaggio da audience ‘attiva’ a audience ‘interattiva ’
    • Cambiamento delle forme dell’esperienza mediale (spazio, tempo, uso)
  • 3.
    •  Metodo: osservazione etnografica e interviste in profondità presso: Bicocca Village (sala giochi e palestra Virgin Active); Bar Città del gioco
    Researching Mobile Audiences La ricerca: percorsi di fruizione negli spazi extradomestici   PALESTRA SALA GIOCHI CITTA’ DEL GIOCO TIPOLOGIA SOGGETTI SOCI ISCRITTI (18-50ENNI) AVVENTORI (12-24ENNI) FAN DI SERIE AMERICANE (20-40ENNI) RELAZIONE TRA I SOGGETTI INDIVIDUALE/DI GRUPPO ESTEMPORANEO GRUPPO PREESISTENTE/ GRUPPO DEI PARI GRUPPO GENERATO DALLA FRUIZIONE MEDIALE RELAZIONE CON I MEDIA DEL LUOGO
    • AMBIENTE CARATTERIZZANTE
    • OGGETTO DI FRUIZIONE FOCALIZZATA
    • MERO ARREDO
    FUOCO DI ORIGINE E DI RIFERIMENTO DEL SENSO E DELLE PRATICHE DI FRUIZIONE VALENZA DEL LUOGO CONTENUTO DI RELAZIONI CONTENITORE DI RELAZIONI
    • CONTENITORE
    • CONTENUTO DI RELAZIONI
    DEFINIZIONE DEI PERCORSI FRUITIVI MOLTIPLICAZIONE DEI CONTENUTI CON ELEZIONE DI UNA PIATTAFORMA DI CONSUMO INDIFFERENZA TRA QUESTO LUOGO E PERCORSI FRUITIVI CONVERGENZA SU UN CONTENUTO SPECIFICO CON MOLTIPLICAZIONE DELLE PIATTAFORME DI CONSUMO
  • 4. Output della ricerca: Il paradigma della mobilità Researching Mobile Audiences
        • Lo spazio pubblico è personalizzato attraverso i media nomadi
          • Lo spazio privato si estende nel pubblico sul piano relazionale (il perpetual contact con le comunità personali) e simbolico (la “casa lontano da casa”) attraverso l’uso di device portatili
    • Gli spazi pubblici sono sempre meno “non - luoghi” e sempre più luoghi “fantasmagorici”
      • I media, anziché portare a una perdita del senso del luogo, sono “duplicatori di luoghi” (Moores 2003)
      • I luoghi sono definiti sempre più dai flussi di relazione (mobilità virtuali e imamginative ) che li attraversano.
    • mobilità virtuali:
    • L’esperienza di “prossimità virtuale” (Urry 2000) data dalle interazioni sincrone online e dalla connettività anywhere , anytime della telefonia mobile.
    • mobilità immaginative:
    • L’esperienza mediata di luoghi, persone,
    • ed eventi lontani (Thompson 1995 )
  • 5.
    • Le implicazioni per lo studio delle audiences diffuse e mobili:
      • La “connective ethnography” (Hine 2000) o “etnografia mobile” (Manzato e Soncini 2004), per lo studio delle “multimedia relations” (Baym et al 2004)
      • Etnografia mobile (Sheller e Urry 2006) dei luoghi di “inbetweenness” combinando osservazone in movimento, interviste non standard, registrazione audio-video, diari (narrativi o visuali) ecc.
      • La combinazione di tecniche assunte sotto l’etichetta di “etnografia mobile” rappresenta un tentativo di dare soluzioni concrete, di approntare una “cassetta degli attrezzi” per il ricercatore
    Riflessioni di metodo: Verso un’etnografia mobile Researching Mobile Audiences
  • 6. Researching Mobile Audiences Grazie.