• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Partnership e Innovazione nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere
 

Partnership e Innovazione nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere

on

  • 3,001 views

La strategia di innovazione di un'Azienda Sanitaria e Ospedaliera può essere accelerata ed avere maggiore qualità se è aperta e partecipata. ...

La strategia di innovazione di un'Azienda Sanitaria e Ospedaliera può essere accelerata ed avere maggiore qualità se è aperta e partecipata.
Una grande Azienda Sanitaria Pubblica, quella di Firenze, intende posizionarsi come azienda innovativa di rilievo nazionale e internazionale attraverso il brand "LIS - Laboratorio di Innovazione per la Salute". Nel farlo vuole coinvolgere primari partner privati nell'ambito della tecnologia, industria e del commercio, dei servizi, della farmaceutica e della comunicazione che condividono il progetto strategico e che intendono contribuire a realizzarlo con risorse e conoscenze. dott. Mario Cecchi convegno "lean thinking in ospedale" Firenze 14-15 dicembre 2009" www.asf.toscana.it

Statistics

Views

Total Views
3,001
Views on SlideShare
2,995
Embed Views
6

Actions

Likes
0
Downloads
60
Comments
0

1 Embed 6

http://www.slideshare.net 6

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Partnership e Innovazione nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere Partnership e Innovazione nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere Presentation Transcript

    • LA SFIDA DEL 21° SECOLO: PIU’ RISPOSTE, MAGGIORE QUALITA’, MINORI COSTI Partnership e Innovazione Mario Cecchi Lean thinking in ospedale Firenze – Palazzo degli Affari – 14 e 15 dicembre 2009
    • “I problemi che abbiamo oggi non saranno mai risolti all’interno della stessa cultura che li ha generati”
    • Le sfide della sanità del 21° secolo • La prima Rivoluzione Sanitaria era basata sul senso comune (come la prima rivoluzione industriale): il buon senso aveva portato all’invenzione dei telai meccanici e alla separazione dell’acqua dai liquami molto prima che i microbiologi scoprissero i batteri responsabili del colera e del tifo. • La seconda Rivoluzione è stata guidata dalla Scienza. Biologi, chimici, ingegneri, fisici ecc. hanno inventato e sviluppato non solo automobili, aeroplani, plastica, ma anche farmaci, trapianti, protesi artificiali. • La terza Rivoluzione è in atto, sta trasformando il nostro Mondo e si basa sulla Conoscenza, il World Wide Web ed i Cittadini. Sir Muir Gray e Walter Ricciardi - “Per una sanità di valore” 2008
    • Le sfide della sanità del 21° secolo • La sanità del 20° secolo è stata dominata dai medici e dai concetti di efficacia ed efficienza. • Quella del 21° secolo sarà dominata dai Pazienti e dal concetto di Valore.
    • L’aumento dei bisogni Invecchiamento Nuove Malattie della Popolazione Aumento Volume 9% e Intensità di Cure 32% Nuove Tecnologie 17% Inflazione generale 42%
    • Le sfide della sanità del 21° secolo • Tutti i paesi ricchi stanno immettendo più risorse in sanità • Ma l’aumento degli investimenti finanziari risulta del tutto insufficiente a soddisfare l’aumento stabile nei bisogni e nella domanda.
    • Quello che sta succedendo oggi è che le inefficienze del sistema si stanno mangiando gran parte delle risorse disponibili. J.P. Womack & D.T. Jones – Lean thinking. 1996
    • All’Ospedale moderno si chiede di mettere al centro la persona e le sue necessità, di aprirsi al territorio e di integrarsi con la comunità sociale. Per rispondere a tale mandato la legge 40/2005, che disciplina l’assistenza ospedaliera in Toscana, prescrive un nuovo modello organizzativo
    • “Il Modello Toscano” L’ospedale per Intensità di Cura Nel Piano Sanitario della Regione Toscana è prevista la strutturazione delle attività ospedaliere in aree differenziate secondo: • le modalità assistenziali • la durata della degenza • il regime di ricovero • l’intensità delle cure superando gradualmente l’articolazione per reparti differenziati secondo la disciplina specialistica.
    • Ospedali : un cantiere sul futuro Congresso Nazionale SIAIS - 2009 • Nuovi modelli organizzativi, architettonici e tecnologici • La qualità che incide sulla realizzazione delle strutture sanitarie • L’intensità di cura, la sismica, l’ospedale come struttura strategica • L’etica : filo conduttore trasversale a tutto • Rispondere non solo alla competenza tecnica ma anche alla dignità delle persone Società Italiana dell’Architettura e dell’Ingegneria per la Sanità
    • Via un letto su quattro Ospedali solo per casi “gravi” • Ospedali piccoli e solo per acuti • Meno letti e tecnologia di avanguardia • Assistenza territoriale in primo piano • L’innovazione tecnologica permette diagnosi rapide e precise fuori dalle corsie • Gli anziani nel 2050 saranno il 30% della popolazione: la gestione delle loro patologie non può più essere affidata solo agli Ospedali Ferruccio Fazio – 23 ottobre 2009
    • D’altra parte ….. • Nel Piano Sanitario 2008-2010 della Regione Toscana si presenta un piano di salute “porta a porta”. • L’idea è eccezionale e potrebbe/dovrebbe portare alla diminuzione dei ricoveri • Allora …perché costruiamo Ospedali ? Saranno contenitori vuoti ? Un blog - 30 settembre 2008
    • L’Ospedale Digitale: sistema digitale integrato L’ospedale digitale è centrato sul paziente che viene registrato una sola volta in un sistema “anagrafico” composto da un gestore informatizzato di processo che lo accompagna in tutte le sue fasi dall’accettazione al ricovero e che si integra con eventuali altre cartelle digitali territoriali. Nell’ ospedale digitale si muove l’informazione che è unica ed è sempre la stessa
    • L’Ospedale e il Sistema I processi non si limitano ad un ospedale • interessano tutti gli ospedali dell'azienda; • si estendono ai presidi e alle altre organizzazioni dell'azienda; • si estendono al “territorio”; • si estendono alle altre Aziende all'interno e all'esterno della regione; • si estendono alle Organizzazioni Regionali competenti; • soprattutto ....appartengono al cittadino
    • strumento di impulso, coordinamento e sviluppo di progetti aziendali strategici motore di innovazione
    • Michael Faraday fisico e chimico del XIX secolo nel suo laboratorio Un laboratorio scientifico è un locale che fornisce condizioni controllate nelle quali possano essere eseguiti esperimenti scientifici, ricerca e misure
    • Innovazione • Innovazione è un’attività di pensiero che, elevando il livello di conoscenza attuale, perfeziona un processo migliorando quindi il tenore di vita dell’uomo. • Innovazione è cambiamento che genera progresso umano; porta con sé valori e risultati positivi, mai negativi. • Motore dell’innovazione è l’Etica, cioè il desiderio sincero e forte di servire l’uomo (produrre qualcosa di buono e di bello); • Il cambiamento che porta peggioramento delle condizioni non è innovazione: è regresso. Da Wikipedia
    • Innovazione • Governare l’innovazione in ambito sanitario equivale a dirigere ed armonizzare il sistema verso obiettivi di modernità e, nel contempo, di sostenibilità ed efficienza. • Il governo dell’innovazione costituisce il cuore e l’anima della programmazione regionale e della politica sanitari • Favorire il progresso evitando gli sprechi e le modernità inservibili dovrebbe rappresentare l’obiettivo di ogni Sistema Sanitario Regionale.
    • la Partnership • trasparenza: impegno, visibilità e diritti • condividere insieme alle aziende private il processo strategico e operativo del laboratorio; • apportare le risorse per il suo funzionamento; • supportare i progetti anche con risorse di diverso tipo, quantificabili e necessarie. • Processi trasversali che superano con la forza delle idee gli ambiti “specialistici”
    • la Partnership
    • L’Ospedale Digitale Sistema Informativo sanitario UTENZA CLINICA Dati identificativi del paziente Evoluzione cartella clinica Laboratori di analisi SALE OPERATORIE Infrastruttura di integrazione: sistemi e gestione processi DIPARTIMENTI Sistema di gestione della sala operatoria Dati analisi monitoraggio ambientale RIS PACS AMBULATORI Angiografia
    • L’Ospedale Digitale Componenti fisiche: il paziente termometro (rFid) Paziente ricevitore il medico (braccialetto l'infermiere elettronico) le medicine gli impianti le infrastrutture Letto (Rfid) le macchine gli strumenti il materiale di consumo le sale operatorie “percezione” digitale della situazione reale i laboratori i letti Termometro 5 Mario Rossi le camere gli ambienti Letto 123
    • PIANO SANITARIO REGIONALE 2008-2010 Il Cittadino : • Chiede accessibilità alle cure, trasparenza e tempestività di percorsi diagnostici terapeutici • Esige attenzione come persona ed un rinnovato rapporto professionista – paziente • Domanda una informazione maggiore sulle cause di fragilità e sulle qualità necessarie per mantenersi in salute • Richiede al sistema una sostanziale efficienza nei comportamenti organizzativi evitando gli sprechi e la frammentazione dei percorsi diagnostico terapeutici • Vuole, in sintesi, una nuova cultura delle responsabilità che, accanto ai tradizionali indicatori di efficacia, efficienza, economicità, ponga le dimensioni dell’equità, della trasparenza, della correttezza in tutti gli aspetti della relazione e della gestione della salute. Indagine Laboratorio “M&S”
    • Harry S. Truman (8/5/1884 – 26/12/1972) • 33° Presidente degli Stati Uniti d’America (12/4/1945 – 20/1/1953) • A Scuola fino a 17 aa; non accettato all’Accademia Militare per insufficienza di vista, continuò a lavorare nella fattoria paterna (Missouri) • Volontario nella I Guerra Mondiale divenne Capitano sul fronte (Argonne) • Al ritorno aprì un negozio di abbigliamento maschile a Kansas City in società con un commilitone, con scarso successo • Frequentò un corso serale di giurisprudenza • Nel 1934 fu eletto senatore per il Partito Democratico • Nel 1944 divenne vicepresidente di F.D. Roosvelt (quarto mandato) e divenne Presidente alla sua morte il 12 aprile 1945 • Il 6 agosto 1945 fu sganciata la prima bomba atomica su Hiroshima
    • “pass the buck” : passa la responsabilità ad un altro La responsabilità finale è la mia (di ciascuno di noi) : …oltre questo segno non si passa la mano